Vai al contenuto


Foto
- - - - -

M. Night Shyamalan


  • Please log in to reply
120 replies to this topic

#41 Guest_eustache_*

Guest_eustache_*
  • Guests

Inviato 01 agosto 2006 - 14:42

[
Da te non me l'aspettavo proprio..


per quanto riguarda tim burton?
se è così ti assicuro che lo continuo a seguire assiduamente. ma l'ultimo suo film che mi ha veramente entusiasmato è stato mars attacks (che è un capolavoro senza mezzi termini). poi non mi sono dispiaciuti big fish (che è secondo me la negazione totale dell'estetica burtoniana per una rilettura hollywoodiana di fellini).
men tre la sposa cadavere mi ha lasciato molto perplesso. (frettoloso e in digitale)

#42 Jules

Jules

    Pietra MIliare

  • Redattore OndaCinema
  • StellettaStellettaStellettaStellettaStellettaStellettaStellettaStellettaStelletta
  • 21456 Messaggi:

Inviato 01 agosto 2006 - 14:45

Non mi aspettavo sia che preferissi Shyamalan a Burton, sia che dicessi che "Unbreakable" è un capolavoro...soprattutto quest'affermazione, da un tizio che difende il tanto bistrattato "29 Palms" e che elogia Gilmore Girls per il suo spirito spiccatamente citazionista, suona male..
  • 0

#43 Guest_eustache_*

Guest_eustache_*
  • Guests

Inviato 01 agosto 2006 - 14:50

continuo a non capire cosa intendi.
ti sembra che tutte queste cose non si allineino tra di loro?

non sei d'accordo su unbreakable?
sono convintissimo di questo. lo difenderò a spada tratta.
ma forse perchè sono un lettore di fumetti (non solo supereroi).
ma penso che sia anche cinematograficamente impeccabile il film.
ci sono dei giochi di sguardi e  riflessioni metacinematografiche e metafumettistiche molto sottili.
un'atmosfera dolente, cupa.
molto suggestiva l'idea di utilizzare il medium fumetto (la nona arte) per trovare il proprio posto nel mondo, il senso.
ho qualche rimprovero ma al film ma poco.
tu perchè non lo hai apprezzato?

(gran film ichi the killer)

#44 Jules

Jules

    Pietra MIliare

  • Redattore OndaCinema
  • StellettaStellettaStellettaStellettaStellettaStellettaStellettaStellettaStelletta
  • 21456 Messaggi:

Inviato 01 agosto 2006 - 15:01

Volevo dire che siccome apprezzo i tuoi gusti in generale da quando leggo i tuoi post, sottolineavo ironicamente che la defenizione di capolavoro per "Unbreakable" non me l'aspettavo...

A me non è che non sia piaciuto, come d'altronde non è dispiaciuto "Il sesto senso" e "The Village"...semplicemente sono opere prescindibilissime, dove il gioco sugli stereotipi del meccanismo tensione-ergo-colpo di scena finale che tanto piace al nostro caro regista è troppo palese...e a differenza di "Signs" nel suo rapporto con il genere fantascientifico, negli altri film non ci vedo nessuno spunto particolare di una lettura originale dei suddetti generi di riferimento...

Mentre capolavoro, per me, è un appellativo da scomodare solo per i film che per l'appunto sono imprescindibili per chiunque voglia avere una certa conoscenza completa della nostra amata settima arte (come per esempio "Ichi the killer")..
  • 0

#45 Guest_eustache_*

Guest_eustache_*
  • Guests

Inviato 01 agosto 2006 - 15:05

beh grazie per i complimenti. sei il primo che me li fa dopo la serie di insulti. soprattutto per lo "scomodo" e a quanto pare offensivo gilmore girls

#46 strangelove

strangelove

    Scaruffiano

  • Redattore OndaCinema
  • StellettaStellettaStellettaStellettaStellettaStellettaStellettaStelletta
  • 12067 Messaggi:

Inviato 01 agosto 2006 - 15:25

beh grazie per i complimenti. sei il primo che me li fa dopo la serie di insulti. soprattutto per lo "scomodo" e a quanto pare offensivo gilmore girls


Perdonami eustache, sicuramente mi sono perso qualche puntata precedente, ma volevo chiederti se eri già iscritto al vecchio forum (ed in tal caso il tuo precedente nickname).
  • 0

#47 Guest_eustache_*

Guest_eustache_*
  • Guests

Inviato 01 agosto 2006 - 15:27


beh grazie per i complimenti. sei il primo che me li fa dopo la serie di insulti. soprattutto per lo "scomodo" e a quanto pare offensivo gilmore girls


Perdonami eustache, sicuramente mi sono perso qualche puntata precedente, ma volevo chiederti se eri già iscritto al vecchio forum (ed in tal caso il tuo precedente nickname).


no. solo iscritto al nuovo forum.
come mai?
un censimento generale?

#48 strangelove

strangelove

    Scaruffiano

  • Redattore OndaCinema
  • StellettaStellettaStellettaStellettaStellettaStellettaStellettaStelletta
  • 12067 Messaggi:

Inviato 01 agosto 2006 - 15:29



beh grazie per i complimenti. sei il primo che me li fa dopo la serie di insulti. soprattutto per lo "scomodo" e a quanto pare offensivo gilmore girls


Perdonami eustache, sicuramente mi sono perso qualche puntata precedente, ma volevo chiederti se eri già iscritto al vecchio forum (ed in tal caso il tuo precedente nickname).


no. solo iscritto al nuovo forum.
come mai?
un censimento generale?


Ti assicuro che era soltanto pura curiosità, anche se dopo i commenti riguardanti gli ultimi Burton ti avevo scambiato per Cooper (ormai scomparso?).
  • 0

#49 Guest_eustache_*

Guest_eustache_*
  • Guests

Inviato 01 agosto 2006 - 15:33

no. ti assicuro. avevo tentato di iscrivermi al vecchio forum quando è saltato. quindo mi sono iscritto a quello nuovo.

#50 strangelove

strangelove

    Scaruffiano

  • Redattore OndaCinema
  • StellettaStellettaStellettaStellettaStellettaStellettaStellettaStelletta
  • 12067 Messaggi:

Inviato 01 agosto 2006 - 15:34

no. ti assicuro. avevo tentato di sicrivermi al vecchio forum quando è saltato. quindo mi sono iscritto a qullo nuovo.


Ti credo, ti credo. Ci sta tutto, quindi, un "benvenuto", pur se ampiamente ritardatario.

(Fine OT)
  • 0

#51 Jules

Jules

    Pietra MIliare

  • Redattore OndaCinema
  • StellettaStellettaStellettaStellettaStellettaStellettaStellettaStellettaStelletta
  • 21456 Messaggi:

Inviato 02 agosto 2006 - 10:36

beh grazie per i complimenti. sei il primo che me li fa dopo la serie di insulti. soprattutto per lo "scomodo" e a quanto pare offensivo gilmore girls


Non è nè scomodo nè offensivo...solo che bisogna ammettere che una serie tv viene vista dal maggior pubblico più per godersi i personaggi e i loro intrecci piuttosto che per trovare magari un qualche spunto critico interessante...

Lo so perchè molti mi prendono per pazzo quando esalto le doti nascoste di un apparentemente banale teen serial come "Dawson's creek"..
  • 0

#52 Guest_eustache_*

Guest_eustache_*
  • Guests

Inviato 02 agosto 2006 - 10:39

molti mi prendono per pazzo quando esalto le doti nascoste di un apparentemente banale teen serial come "Dawson's creek"..


mmm. di questo ho parecchie riserve. ma dovremmo parlarne in altra discussione

#53 Guest_vegeta_*

Guest_vegeta_*
  • Guests

Inviato 30 settembre 2006 - 09:09

qualche SPOILER sulla trama


M. Night Shyamalan stupisce ancora con la sua nuova pellicola "Lady In The Water".
Se in "The Village" il mito e la leggenda erano l'espediente narrativo per parlare d'altro, qui la "storia", intesa come il racconto, diventa allegoria.

In una pellicola che potrebbe sconcertare tutti quelli che si aspettano un film convenzionale, Shyamalan si rifiuta di rispettare ogni logica e mette in scena una parabola affascinante e che fa riflettere.

Forse per apprezzare appieno questa pellicola bisogna aprire la mente, abbandonarsi al puro piacere della "storia" (e non è un caso che la ninfa delle acque si chiami proprio "Story") e lasciarsi trasportare dall'irrazionale. Shyamalan non risparmia una nemmeno tanto sottile stoccata a certa critica USA che vede i film come meccanismi consolidati e che rispettano norme convenzionali: l'unico personaggio "negativo" della vicenda è infatti uno spocchioso critico cinematografico (interpretato da Bob Balaban) troppo sicuro delle proprie idee (e che guarda te è l'unico a finire male).

Mentre invece nel condominio multietnico (altra metafora degli USA) gestito da Cleveland Heep niente è come sembra.
L'arrivo di Story cambia le carte in tavola per tutti: ed è qui, nella parte centrale, che la pellicola riserva le sorprese maggiori. Tutti devono trovare il proprio scopo nella vicenda, ognuno ha un ruolo importantissimo, è il messaggio un po' zen di cui Shyamalan (che si ritaglia, forse con un po' di presunzione, uno dei ruoli chiavi, quello di un "profeta") si fa portatore.

E' così il ritorno a casa della ninfa, la Narf, porta con sè, come "The Village", anche molte riflessioni.
Forse troppo materiale in ballo (il rapporto con la religione, il sogno di un mondo migliore, la coesistenza tra diverse etnie, paranoie oscurantiste post 11/9...) ma esposto con sincerità e calore. E' questo che distingue le opere del regista, anche le meno riuscite, da qualsiasi prodotto medio hollywoodiano (e che fa sorvolare su alcuni diffettucci, come in questo caso, una certa macchinosità dell'intreccio).

Ben poche le concessioni al facile spettacolo: anche le scene finali, con la comparsa delle creature del mondo di Story, sono riprese con molta eleganza (fotografia di Christopher Doyle, fedele collaboratore di Kar Wai), basti pensare all'inquadratura da sotto la superficie dell'acqua, della partenza della Ninfa.

Bryce Dallas Howard è perfetta, ma a stupire (di nuovo!) è Paul Giamatti, davvero un attore sublime.

Voto: 7,5

#54 Notker

Notker

    Scaruffiano

  • Redattore OndaRock
  • StellettaStellettaStellettaStellettaStellettaStellettaStellettaStelletta
  • 18302 Messaggi:

Inviato 30 settembre 2006 - 09:18

andrò a vederlo stasera, forse...
ma è vero che Bryce Dallas Howard, la Lady, è la figlia del regista Ron?
  • 0
« La schiena si piega solo quando l'anima è già piegata »
(Arturo Toscanini)

molti si chiedono se il pop/rock possa essere una forma d'arte musicale o meno; ebbene, lo è sicuramente... ma solo quando risponde al requisito esposto da Don Van Vliet:
« Non voglio vendere la mia musica. Vorrei regalarla, perché da dove l'ho presa non bisogna pagare per averla »

#55 Guest_Oyuki_*

Guest_Oyuki_*
  • Guests

Inviato 30 settembre 2006 - 09:22

ma è vero che Bryce Dallas Howard, la Lady, è la figlia del regista Ron?


Sì, è proprio la figlia di Ron Howard.

#56 Guest_vegeta_*

Guest_vegeta_*
  • Guests

Inviato 30 settembre 2006 - 09:45

andrò a vederlo stasera, forse...
ma è vero che Bryce Dallas Howard, la Lady, è la figlia del regista Ron?


esatto, e a mio parere, ha un futuro davvero roseo davanti.

In tutti i film in cui l'ho vista (The Village, Manderlay, As You Like It, Lady In The Water) ha interpretato ruoli diversissimi tra loro, ed è sempre risultata brava e credibile.

Il prossimo anno la vedremo in "Spider Man 3" dove scatenerà la gelosia della collega Kirsten Dunst.

#57 BlackiceLORDofSILENCE

BlackiceLORDofSILENCE

    Classic Rocker

  • Members
  • StellettaStellettaStellettaStellettaStellettaStelletta
  • 3036 Messaggi:

Inviato 30 settembre 2006 - 19:01

vado a vederlo anche io.
in francia il film si chiamava con la bellissima traduzione di "la giovane figlia dell'acqua"
qui in italia mettiamo ai titoli sempre delle gran pacchianate.....
  • 0
<a href="http://rateyourmusic...ofSILENCE"><img border=0 src="http://rateyourmusic...DofSILENCE.png" width=250 height=72></a>

http://rateyourmusic...ceLORDofSILENCE
http://www.anobii.com/people/moro/
http://www.lastfm.it...r/BlackiceLORD/

la mamma dei sottogeneri del metal è sempre incinta

Che poi Hitler è un personaggio così black metal... esteticamente impossibile non restarne colpiti. Stalin è più death-grindcore. Mussolini garage-punk, Mao invece è doom.


#58 botty

botty

    mi chiamo nenzi

  • Members
  • StellettaStellettaStellettaStellettaStellettaStelletta
  • 5474 Messaggi:

Inviato 30 settembre 2006 - 19:15

OT:

...come il magnifico titolo Eternal sunshine of the spotless mind, orrendamente trasformato in Se mi lasci ti cancello. ;D

O meglio: La jeune fille de l'eau cosa vorrà mai dire se non "Lady in the water"?
  • 0

I aim to misbehave


#59 Guest_eustache_*

Guest_eustache_*
  • Guests

Inviato 30 settembre 2006 - 23:37

visto l'??ultimo film di shyamalan.

è sicuramente il più estremo e il più faticoso. Ma di sicuro è il più personale (non perché parli delle problematiche dell??autore ma nell??estetica cinematografica)
Si avvicina ad unbreackable e signs.

Questi tre film partono da una prospettiva reale (sia nella narrazione che nel punto di vista della cinepresa) per sviluppare una tematica di genere. Se in unbreackable si affrontava il fumetto supereroistico (marvel e dc) e in signs il film di fantascienza anni 50??, il genere rivisto, reinterpretato e stravolto è la fiaba di cui shyamalan ce ne da una personale Morfologia.

Lo sguardo è ancora più estremamente iconoclasta e dilatato. I nonluoghi dei film precedenti sono ancora più squallidi anonimi e per questo ancor più allegorici.
Costante è il tema esistenziale dei film precedenti (la ricerca di un proprio scopo) 


#60 Dead Man

Dead Man

    pivello

  • Members
  • Stelletta
  • 31 Messaggi:

Inviato 05 ottobre 2006 - 01:12

premesso che mi piace molto shyamalan e che ho visto il film in lingua originale,
ho trovato il film di una bruttezza imbarazzante, sembra fatto apposta per un saggio di semiotica, il che vuol dire che ce ne sarebbero di spunti ma vengono tutti canalizzati in una sceneggiatura che vorrebbe essere al limite tra il ridicolo, l'ironico e il paradossale (tutti aggettivi rigorosamente anticipati dal prefisso "meta") ma alla fine è rigida  e non morde.
nessun guizzo, stesso discorso per la regia.
lo definirei un fantasy promiscuo con poco senso.
  • 0




0 utente(i) stanno leggendo questa discussione

0 utenti, 0 ospiti, 0 utenti anonimi

IPB Skin By Virteq