Vai al contenuto


Foto
- - - - -

AMM


  • Please log in to reply
30 replies to this topic

#21 Guest_The Magnetron Society_*

Guest_The Magnetron Society_*
  • Guests

Inviato 25 febbraio 2010 - 12:42

OtomoYoshihide(o meglio il progetto presentato all'Area)è stato
abbastanza penoso.Siamo nel 2010 e certe cose più o meno tutti
le abbiamo digerite e già passate.

Se abiti non troppo lontano fai l'abbonamento..il costo di ogni
singolo biglietto dovrebbe rimanere,a meno di clamorosi ripensamenti,
sempre di 20 euri.


#22 slothrop

slothrop

    Enciclopedista

  • Redattore OndaRock
  • StellettaStellettaStellettaStellettaStellettaStellettaStelletta
  • 7349 Messaggi:

Inviato 25 febbraio 2010 - 12:49

OtomoYoshihide(o meglio il progetto presentato all'Area)è stato
abbastanza penoso.Siamo nel 2010 e certe cose più o meno tutti
le abbiamo digerite e già passate.


Sul fatto che quel tipo di eai sia ormai vecchio sono d'accordo, ma per me ha avuto anche momenti buoni.
Più che altro mi ha stupito la clamorosa affluenza.


Se abiti non troppo lontano fai l'abbonamento..il costo di ogni
singolo biglietto dovrebbe rimanere,a meno di clamorosi ripensamenti,
sempre di 20 euri.


Sto a mezzoretta ma mica ci posso andare tutti i sabati.
  • 0

#23 Guest_The Magnetron Society_*

Guest_The Magnetron Society_*
  • Guests

Inviato 25 febbraio 2010 - 13:21

Pensa che io faccio più 150 km..per essere lì.
La Romagna mi gusta un casino..si mangia bene e c'è
ogni sabato l'imbarazzo della scelta.
L'Emilia non è più paranoica è morta.

Il 28 marzo a Castel San Pietro (Bologna) c'è uno dei
quartetti più belli visti recentemente:
Brötzmann/Kondo/Pupillo/Nilssen-Love - Hairy Bones
L'anno scorso(Artacts 09,Musik Kultur St. Johann)
è stato una favola.Nilssen-Love è ormai da anni l'unico musicista
ad impostare a proprio piacimento il soundcheck..prima di Brotzmann.
Epocale come lo fu Max Roach o Kenny Clarke.


 






#24 crocus behemoth

crocus behemoth

    Roadie

  • Members
  • StellettaStellettaStellettaStelletta
  • 555 Messaggi:

Inviato 25 febbraio 2010 - 18:18


L'Emilia non è più paranoica è morta.


Verissimo! >:(

Vale la pena Hairy Bones? E' in lista di attesa....
  • 0
Le merendine di quand'ero bambino non torneranno più! I pomeriggi di Maggio!

#25 Guest_The Magnetron Society_*

Guest_The Magnetron Society_*
  • Guests

Inviato 26 febbraio 2010 - 10:10

Il concerto si..nel cd c'è un Kondo che sembra Miles Davis
elettrico ancora più acido e con più effetti..mentre nel live
che ho visto io era l'anello debole della catena.
Sovrastato da tutti gli altri manco si sentiva tanto da
aumentare continuamente il volume del suo ampli.
Devastanti perchè il free-jazz sviluppato esce dai soliti
canoni e dallo sferragliamento d'ottoni gratuito.
Perchè Enrico Bettinello ha recensito,sulle pagine di
Blow Up,Hairy Bones due volte nel giro di un anno?



#26 Bara dei pupi

Bara dei pupi

    Pietra MIliare

  • Members
  • StellettaStellettaStellettaStellettaStellettaStellettaStellettaStellettaStelletta
  • 80823 Messaggi:

Inviato 26 febbraio 2010 - 16:32


L'Emilia non è più paranoica è morta.


dio!
  • 0

#27 kebab

kebab

  • Members
  • StellettaStellettaStellettaStellettaStellettaStelletta
  • 3631 Messaggi:

Inviato 27 febbraio 2010 - 18:28

Esco molto frastornato da un primo ascolto attento.
Devo dire che non sono molto a mio agio con il caos e il free, così come non mi piace molto il rumore "a cazzo" (so che non è questo il caso). Eppure "AMMMusic 1966" mi ha affascinato: un continuo scomporsi e ricomporsi della materia musicale; mai come in questo caso mi sento di parlare di caos ordinato. O, perlomeno, di caos "pensato" (nel senso cerebrale) e meditato, nei limiti in cui può esserlo (visto che parliamo di impro). Certo un disco non facile, ma me lo ascolterò molto volentieri anche più avanti.
  • 0

#28 paloz

paloz

    Poo-tee-weet?

  • Redattore OndaRock
  • StellettaStellettaStellettaStellettaStellettaStellettaStellettaStellettaStelletta
  • 23030 Messaggi:

Inviato 05 giugno 2017 - 10:42

Ieri a Forlì hanno suonato in trio Eddie Prévost, John Tilbury e Giancarlo Schiaffini (trombone).

Molti ppp, pochissimi ff. Interplay educato e paziente, da compagni di vecchia data. Tilbury che pigia tasti con la destra e tamburella la superficie del legno con la sinistra è uno di quei momenti totali che non dimenticherò.

 

Un concerto al quale sarò sempre fiero e grato di aver assistito.

 

 

18814257_1536764999721621_29548876049649


  • 3

I have spoken softly, gone my ways softly, all my days, as behoves one who has nothing to say, nowhere to go, and so nothing to gain by being seen or heard.

 

(Samuel Beckett, Malone Dies)


#29 woody

woody

    mainstream Star

  • Members
  • StellettaStellettaStellettaStellettaStelletta
  • 2152 Messaggi:

Inviato 05 giugno 2017 - 15:21

Ti volevo mettere un meno perchè te l'hai visto e io no...
Comunque ppp e ff stanno per?


  • 0

#30 paloz

paloz

    Poo-tee-weet?

  • Redattore OndaRock
  • StellettaStellettaStellettaStellettaStellettaStellettaStellettaStellettaStelletta
  • 23030 Messaggi:

Inviato 05 giugno 2017 - 15:44

Negli spartiti e nel gergo compositivo

p = piano

f = forte

 

A seconda delle ripetizioni, più o meno intensi (pp = pianissimo; fff = fortissimissimo)

 

 

ps: non è bellissima l'associazione col mio avatar? (gawd, I love this music)


  • 0

I have spoken softly, gone my ways softly, all my days, as behoves one who has nothing to say, nowhere to go, and so nothing to gain by being seen or heard.

 

(Samuel Beckett, Malone Dies)


#31 woody

woody

    mainstream Star

  • Members
  • StellettaStellettaStellettaStellettaStelletta
  • 2152 Messaggi:

Inviato 05 giugno 2017 - 17:05

Grazie! Probabilmente l'avevo già sentita sta cosa ma non me la ricordavo assolutamente


  • 0




0 utente(i) stanno leggendo questa discussione

0 utenti, 0 ospiti, 0 utenti anonimi

IPB Skin By Virteq