Vai al contenuto


Foto
* * * * - 4 Voti

Bruce Springsteen


  • Please log in to reply
272 replies to this topic

#261 floods

floods

    l'utente main$tream

  • Redattore OndaRock
  • StellettaStellettaStellettaStellettaStellettaStellettaStellettaStelletta
  • 17725 Messaggi:

Inviato 21 giugno 2019 - 16:06

Achille :wub:


  • 0
RYM enafffffffiiiiooooooooolllll

#262 Billie

Billie

    mainstream Star

  • Members
  • StellettaStellettaStellettaStellettaStelletta
  • 1342 Messaggi:

Inviato 23 luglio 2019 - 18:20

Achille :wub:

Hai già sentito queste cose? 

 

Pam pam pam pam pam..

 

https://www.youtube....h?v=2F5FjD1XiWU

 

 

No Face Forever,  disco collettivo in cui ci sono alcuni pezzi suoi e altri no, molto particolare, non  sono tanti quelli che possono permettersi  di spaziare così..

 

https://www.youtube....NoieE-mlXEP2LFj


  • 0

#263 Dottor Brewster

Dottor Brewster

    se ci dice bene finiamo nella merda

  • Members
  • StellettaStellettaStellettaStellettaStellettaStellettaStelletta
  • 8712 Messaggi:

Inviato 23 agosto 2019 - 14:53

Mamma mia che ballatona fenomenale  :ossequi: :ossequi:

 


  • 1

#264 Billie

Billie

    mainstream Star

  • Members
  • StellettaStellettaStellettaStellettaStelletta
  • 1342 Messaggi:

Inviato 28 ottobre 2019 - 18:36

l'ultima del disco nuovo è molto bella, moonlight motel.

 

Il disco più bello degli ultimi decenni, a livello di Tom Joad e delle Seeger Sessions.  :wub:


  • 0

#265 pasquale

pasquale

    mainstream Star

  • Members
  • StellettaStellettaStellettaStellettaStelletta
  • 2734 Messaggi:

Inviato 29 febbraio 2020 - 04:11

Bruce Springsteen cominciò a diventare una celebrità nel lontano 1975, quando la sua figura apparve contemporaneamente sulle copertine di Time e di Newsweek. Born To Run era l'album nazionalpopolare dell'anno, e lui sembrava potesse diventare l'artista che avrebbe rifondato il rock'n'roll. Ma accaddero due eventi. Il primo, una causa con il suo manager Mike Appel che gli impedì di uscire col nuovo disco per almeno tre anni, un'eternità per quei tempi. Il secondo, l'esplosione del punk. La domanda che il mondo della musica rock allora si poneva fu: ma che fine ha fatto Bruce Springsteen, quello che doveva essere la next big thing del rock'n'roll? E ancora: che musica tirerà fuori il futuro del rock'n'roll nell'epoca dei Pistols? La risposta ad entrambi i quesiti fu Darkness On The Edge Of Town. Ovvero un album asciutto, tagliente, tematicamente più maturo del precedente, sempre in bilico fra depressione e resistenza, eppure inferiore a Born To Run dal punto di vista delle esecuzioni. Le schitarrate della Telecaster richiamavano alcune sfumature della wave dell'epoca, le atmosfere erano per lo più cupe e oscure, le critiche entusiastiche, ma le vendite stentavano. Cosa fare per rimediare un po' di soldini e recuperare terreno rispetto ad altri artisti, per provare a se stesso e al mondo che Bruce Springsteen non era stato solo una meteora? Quel che fece fu partire per il PIU' GRANDE TOUR DELLA STORIA DEL ROCK'N'ROLL. Non grande in termini di dimensioni, ma grande, anzi grandissimo, in termini di qualità. Insieme alla fidata E-Street Band, Bruce Springsteen creò a poco a poco, mattone dopo mattone, un'epopea leggendaria di concerti nei teatri di tutto il Paese, perfezionando giorno dopo giorno, esibizione dopo esibizione, tutte le canzoni del suo repertorio, legandole tra di loro, aggiungendo nuove sezioni musicali, e inframezzandole talvolta di pregnanti momenti aneddotici. Non solo i pezzi del suo album più recente sembravano più vivi e risoluti, ma anche quelli dei dischi precedenti suonavano definitivi. E poi c'erano le canzoni nuove, quelle che nessuno aveva mai ascoltato. Independence Day, Point Blank, The Ties That Bind, più i cosiddetti scarti di Darkness. Per raggiungere un pubblico più ampio, fu deciso che in alcune tappe strategiche, alcuni dei suoi concerti sarebbero stati trasmessi in diretta radiofonica. Ognuna di queste dirette venne registrata. E dopo un po' diventò un bootleg. Furono quei bootlegs che resero Bruce Springsteen una leggenda. Già circolavano bootlegs degli show degli anni passati, alcuni di essi veramente pregevoli. Ma quelli del 1978 furono la testimonianza di una vera e propria cavalcata.

A luglio ci fu il Roxy Theatre di Los Angeles, che fece da base per molte delle tracce del Live 1975-85. A inizio agosto l'Agora di Cleveland, il cui concerto fu ascoltato in diretta da 3 milioni di persone (e che venne ritrasmesso anche negli anni successivi). E poi il Capitol Theatre di Passaic, 19 settembre 1978. E il Winterland di San Francisco del 15 dicembre 1978. Due date scolpite nella pietra, due eventi leggendari. I bootlegs di questi due show sarebbero diventati fra i più famosi della storia della musica. Non si può conoscere Bruce Springsteen, pur sommando tutti i suoi dischi in studio, senza avere ascoltato queste due registrazioni. "Piece de Resistance" era il bootleg del primo. "Live in the Promised Land" il bootleg del secondo. Negli anni giunsero altre versioni. Addirittura due versioni video su VHS del concerto di Passaic, da anni presenti su youtube. E una miracolosa rimasterizzazione audio del concerto di San Francisco intitolata "Prodigal Son In Winterland". Ebbene, dopo oltre 40 anni, Bruce Springsteen ha fatto una cosa epocale, ha rilasciato le versioni UFFICIALI di questi due concerti!!! Sia Passaic che San Francisco!!! Una dietro l'altra.

Ora, io ho sempre preferito Winterland al Capitol Theatre. Nel concerto di San Francisco si possono ascoltare delle sezioni strumentali un po' più elaborate rispetto a quelle di Passaic. E poi il finale, in cui Bruce interrompe le canzoni per dialogare idealmente con gli spettatori che lo stanno ascoltando in diretta alla radio, è senza prezzo. Però la versione ufficiale rilasciata di recente ad un primo ascolto risulta superiore all'ultima versione del bootleg, quel Prodigal Son In Winterland di cui vi parlavo in precedenza, soltanto di poco. Ma se parliamo della versione ufficiale del concerto di Passaic ... che dire, riponete pure il vostro vecchio Piece De Resistance nel cassetto, quantunque sia uno dei bootlegs più famosi della storia della musica rock, perché l'unico valore che può ormai rivestire è quello affettivo, o al limite quello storico. La nuova registrazione del concerto di Passaic che Bruce ha rilasciato è semplicemente IL PIU' GRANDE DISCO LIVE DI TUTTI I TEMPI insieme a quello degli Who. La qualità sonora è commovente, dico sul serio. Si sentono tutti gli strumenti, e soprattutto, si sente la voce di Bruce (e di Steve), chiara e limpida, non più sotterrata dal mix come avveniva nelle registrazioni storiche che tutti noi eravamo abituati ad ascoltare.

 

La canzone simbolo

 


  • 8
Concerto di Bruce Springsteen a Roma, Ippodromo Capannelle - 11.07.2013, in audio e video, il link alla playlist apposita è questo

http://www.youtube.c...feature=mh_lolz

#266 Frank Pisciobbomba

Frank Pisciobbomba

    utente blasonato

  • Members
  • StellettaStellettaStellettaStelletta
  • 676 Messaggi:

Inviato 29 febbraio 2020 - 10:09

Quello di Passaic è un concerto leggendario. Avevo delle vecchie cassette sulle quali mi avevano registrato il bootleg, qualità audio così così, poi col tempo è pure peggiorata. Un po' di tempo fa ho trovato l'intera serata su youtube.

 

Non sapevo avesse fatto uscire una versione ufficiale.

 

Nel video che hai postato tra l'altro dimostra anche di saperci fare con la chitarra

 

Credo che negli anni 70 fosse l'unico a fare concerti più lunghi di quelli dei Led Zeppelin :)


  • 0

Mi chiamo Ash, reparto ferramenta


#267 pasquale

pasquale

    mainstream Star

  • Members
  • StellettaStellettaStellettaStellettaStelletta
  • 2734 Messaggi:

Inviato 29 febbraio 2020 - 19:46

Quello di Passaic è un concerto leggendario. Avevo delle vecchie cassette sulle quali mi avevano registrato il bootleg, qualità audio così così, poi col tempo è pure peggiorata. Un po' di tempo fa ho trovato l'intera serata su youtube.
 
Non sapevo avesse fatto uscire una versione ufficiale.

È un progetto che ha lanciato qualche anno fa. In pratica ha reso disponibile sul suo sito le registrazioni di tutti i suoi concerti recenti dal 2014 in poi (ovviamente a pagamento), più una lista dei suoi concerti storici, lista che viene costantemente aggiornata. I risultati a livello qualitativo sono alterni. All'inizio ha avuto difficoltà. Lo show che vedi citato nella mia firma è stato caricato due volte per via del missaggio insoddisfacente, e ancora non presenta una qualità accettabile. Il live ufficiale di Cleveland del 1978 secondo me è addirittura inferiore all'ultima versione rimasterizzata del bootleg di quella serata lì (il motivo c'è, alla fine degli anni 70 lo staff di Bruce rimasterizzò quel concerto prima di riconsegnarlo alle radio, quindi quel bootleg era già basato su una traccia semi-ufficiale). Con questo di Passaic invece la differenza coi dischi pirata si sente tanto
  • 0
Concerto di Bruce Springsteen a Roma, Ippodromo Capannelle - 11.07.2013, in audio e video, il link alla playlist apposita è questo

http://www.youtube.c...feature=mh_lolz

#268 eugenio_barba

eugenio_barba

    Groupie

  • Members
  • StellettaStellettaStelletta
  • 410 Messaggi:

Inviato 24 ottobre 2020 - 21:51

Letter to you: qualche pezzone (quelli vecchi), qualche pezzo inutile di troppo, c' il boss acustico, quello rockettaro, quello dei lunghi poemi epici di provincia, quello country pop, ma anche quello dei pezzi radiofonici inutili. cmq non male, dai, per ora.

Pezzi miglior ad ora per me: Burnin' Train, Janie needs a shooter, if I was the Priest.

Pezzi peggiori: la sequenza: Last man standing, Rainmaker.


  • 0

#269 Dottor Brewster

Dottor Brewster

    se ci dice bene finiamo nella merda

  • Members
  • StellettaStellettaStellettaStellettaStellettaStellettaStelletta
  • 8712 Messaggi:

Inviato 29 gennaio 2022 - 10:27

I 9 film preferiti da Springsteen, piuttosto singolari bisogna dire:

Thunder Road (Arthur Ripley, 1958)
Two-Lane Blacktop (Monte Hellman, 1971)
The Grapes of Wrath (John Ford, 1940)
The Postman Always Rings Twice (Tay Garnett, 1946)
Double Indemnity (Billy Wilder, 1944)
Rolling Thunder (John Flynn, 1977)
Jackson County Jail (Michael Miller, 1976)
Cockfighter (Monte Hellman, 1974)
Blinded by the Light (Gurinder Chadha, 2019)
  • 1

#270 Kerzhakov91

Kerzhakov91

    Born too late

  • Redattore OndaRock
  • StellettaStellettaStellettaStellettaStellettaStelletta
  • 5003 Messaggi:
  • LocationSan Pietroburgo, Russia

Inviato 29 gennaio 2022 - 11:00

Un paio mi mancano, ma mi sembrano ottime scelte, anche abbastanza originali. Bravo. 


  • 0
xi5kmZq.gif
 

OR

 

 


#271 Dottor Brewster

Dottor Brewster

    se ci dice bene finiamo nella merda

  • Members
  • StellettaStellettaStellettaStellettaStellettaStellettaStelletta
  • 8712 Messaggi:

Inviato 29 gennaio 2022 - 11:20

Monte Helmann e un sacco di noir classici “La mia vita all'epoca era una specie di grande film noir, quindi li ho visti tutti"
  • 0

#272 Dottor Brewster

Dottor Brewster

    se ci dice bene finiamo nella merda

  • Members
  • StellettaStellettaStellettaStellettaStellettaStellettaStelletta
  • 8712 Messaggi:

Inviato 29 gennaio 2022 - 11:46

Una piccola concessione al suo ego, che nonostante le apparenze lo stesso Bruce ammette essere spropositato.
  • 0

#273 Tom

Tom

  • Members
  • StellettaStellettaStellettaStellettaStellettaStellettaStellettaStelletta
  • 15031 Messaggi:

Inviato 29 gennaio 2022 - 12:20

La doppietta di glaciale exploitation di Rolling Thunder e Jackson County Jail e' (senza ironia) roba da fini intenditori.

E bravo zio Bruce.


  • 0




0 utente(i) stanno leggendo questa discussione

0 utenti, 0 ospiti, 0 utenti anonimi

IPB Skin By Virteq