Vai al contenuto


Foto
- - - - -

Very fetish vinyl thread: ovvero meglio un vinile domani che un mp3 oggi


  • Please log in to reply
593 replies to this topic

#581 suche

suche

    Strunz

  • Members
  • StellettaStellettaStellettaStellettaStellettaStellettaStellettaStellettaStelletta
  • 23012 Messaggi:

Inviato 21 giugno 2018 - 15:28

http://www.saluzzish...ermini-tecnici/


  • 0

Caro sig. Bernardus...

Scontro tra Titanic


#582 Bara dei pupi

Bara dei pupi

    Dungeon Synth nei giorni pari e Vaporwave in quelli dispari

  • Members
  • StellettaStellettaStellettaStellettaStellettaStellettaStellettaStellettaStelletta
  • 84082 Messaggi:

Inviato 07 novembre 2018 - 15:40

interessante articolo di Guglielmi su come è trattato oggi il vinile; al di là della sua opinione eh, anche perché è un po' uno specchio del momento storico --- comunque approfondisce poco, solo uno spunto

 

https://lultimathule...C_DSw3C63bwf2Tg

 

Lo dico? Lo dico. Il modo in cui il cosiddetto mercato sta gestendo il “ritorno del vinile” (con tutte le virgolette del caso, dato che in realtà non se n’era mai andato) mi fa ribrezzo. Stampe sempre limitate, a volte numerate, a volte differenziate da piccoli dettagli, rimasterizzate bene, rimasterizzate male, più leggere, più pesanti, più lussuose, più al risparmio, vendute in edicola, vendute solo sui siti e ai concerti, studiate per il Record Store Day, raccolte in cofanetti dai prezzi disumani e chi più ne ha più ne metta. Sono contento per gli amici che posseggono negozi vecchio stile, che grazie a queste follie stanno respirando un po’ di ossigeno, ma per il resto lo spettacolo di questo circo grottesco basato su due cose che odio da sempre, ovvero la moda e la speculazione sulle passioni, mi interessa meno di nulla. Me ne sono reso pienamente conto l’altro ieri, quando sono andato in un bellissimo negozio con un congruo buono che avevo in tasca da mesi e nonostante l’assortimento enorme e quasi due ore di tempo ho faticato a scegliere qualcosa (parlo di novità in vinile, eh) da portarmi a casa.
 Stai a vedere che, dopo averlo non troppo amato se non quasi schifato per trent’anni, finisco per innamorarmi del CD ora che si sta estinguendo.


  • 0
 

#583 GetTheF###OuttaDodge

GetTheF###OuttaDodge

    Roadie

  • Members
  • StellettaStellettaStellettaStelletta
  • 602 Messaggi:

Inviato 13 novembre 2018 - 14:27

è arrivato esimo.

tutta roba che magari ha recensito in quantità industriale (su audioreview che cazzo gli vuoi propinare a quella gente interessata ad ampli che sembrano caldaie che devono suonare diana krall alla perfezione...).

ma credo che la domanda da porsi sia: chi compra questa roba? perchè se c'è un mercato significa che la gente compra.

ancora per poco credo, ormai i dischi vengono comprati mica per ascoltarli. e tutti quelli che si comprano i dischi del record store dopo 10 minuti li mettono su ebay a prezzo doppio. ma parecchia roba lì rimane.

ormai il mercato del vinile è roba da collezionisti non da ascoltatori di musica. ho letto, e mi spiace di non ricordare la fonte, che quasi la metà degli acquirenti non ha manco il giradischi.

qualcuno è andato recentemente ad una fiera del disco? una manica di vecchi vestiti da straccioni con scarsa cura dell'igiene personale a tirarsi la pippa sulla prima edizione. del contenuto pare freghi unca a nessuno. giovani? il 3% degli astanti, e sai che cercano? the dark side, gli zeppelina, la solita sbobba.

prevedo un futuro con i negozi di dischi come i negozi di libri rari. ambienti muffosi dove la luce è soffusa per non rovinare i dischini, lavati con speciali lavastoviglie.

e i libri/dischi  "normali" ad marcire sulle bancarelle dei mercatini.


  • 0

#584 Bara dei pupi

Bara dei pupi

    Dungeon Synth nei giorni pari e Vaporwave in quelli dispari

  • Members
  • StellettaStellettaStellettaStellettaStellettaStellettaStellettaStellettaStelletta
  • 84082 Messaggi:

Inviato 13 novembre 2018 - 14:36

che non abbiano un giradischi mi pare strano, c'è un grafico come per le baggianate di Vota la Trippa? Tra conoscenti noto invece il contrario: tanti hanno dei giradischi stupendi e pochi vinili, spesso di merda asd

 

comunque per il vinile c'è il segno +, e è pure ovvio, quando tocchi il fondo fai per forza +, bisogna capire nel tempo cosa succederà; c'è anche tutto un aspetto modaiolo che farà pure schifo (a me) ma oggi è l'unica via per il rilancio, mercatini di tendenza e cagate simili, il turbocapi del vinile


  • 0
 

#585 lelebi

lelebi

    Roadie

  • Members
  • StellettaStellettaStellettaStelletta
  • 978 Messaggi:

Inviato 13 novembre 2018 - 15:15

intanto sabato e domenica c'è la cinquantesima edizione della fiera di Utrecht, la più grande del mondo (non solo vinile però):

 

https://www.recordplanet.nl/en/ 

 

con più di 500 venditori

 

[a latere aggiungo che non penso sia così malvagio collezionare dischi, o almeno è da mettere allo stesso livello di altre ossessioni, è un modo per passare il tempo; ma non voglio far polemica, se vi fanno schifo quelli che comprano i dischi, schifateli pure]


  • 0

#586 Life Is Insignificant

Life Is Insignificant

    Deadman

  • Members
  • StellettaStellettaStellettaStellettaStellettaStelletta
  • 3003 Messaggi:

Inviato 13 novembre 2018 - 16:28

è arrivato esimo.

tutta roba che magari ha recensito in quantità industriale (su audioreview che cazzo gli vuoi propinare a quella gente interessata ad ampli che sembrano caldaie che devono suonare diana krall alla perfezione...).

ma credo che la domanda da porsi sia: chi compra questa roba? perchè se c'è un mercato significa che la gente compra.

ancora per poco credo, ormai i dischi vengono comprati mica per ascoltarli. e tutti quelli che si comprano i dischi del record store dopo 10 minuti li mettono su ebay a prezzo doppio. ma parecchia roba lì rimane.

ormai il mercato del vinile è roba da collezionisti non da ascoltatori di musica. ho letto, e mi spiace di non ricordare la fonte, che quasi la metà degli acquirenti non ha manco il giradischi.

qualcuno è andato recentemente ad una fiera del disco? una manica di vecchi vestiti da straccioni con scarsa cura dell'igiene personale a tirarsi la pippa sulla prima edizione. del contenuto pare freghi unca a nessuno. giovani? il 3% degli astanti, e sai che cercano? the dark side, gli zeppelina, la solita sbobba.

prevedo un futuro con i negozi di dischi come i negozi di libri rari. ambienti muffosi dove la luce è soffusa per non rovinare i dischini, lavati con speciali lavastoviglie.

e i libri/dischi  "normali" ad marcire sulle bancarelle dei mercatini.

Mah, nei posti che frequento io vedo esattamente il contrario; principalmente clientela giovane, che compra per ascoltare e non per rivendere ed è genuinamente appassionata alla musica, non al feticcio fisico.


  • 0

#587 Life Is Insignificant

Life Is Insignificant

    Deadman

  • Members
  • StellettaStellettaStellettaStellettaStellettaStelletta
  • 3003 Messaggi:

Inviato 13 novembre 2018 - 16:29

intanto sabato e domenica c'è la cinquantesima edizione della fiera di Utrecht, la più grande del mondo (non solo vinile però):

 

https://www.recordplanet.nl/en/ 

 

con più di 500 venditori

 

[a latere aggiungo che non penso sia così malvagio collezionare dischi, o almeno è da mettere allo stesso livello di altre ossessioni, è un modo per passare il tempo; ma non voglio far polemica, se vi fanno schifo quelli che comprano i dischi, schifateli pure]

Grazie per la segnalazione, c'ero stato l'anno scorso ma non sapevo fosse questo weekend quest'anno, ci torno sicuramente!


  • 0

#588 GetTheF###OuttaDodge

GetTheF###OuttaDodge

    Roadie

  • Members
  • StellettaStellettaStellettaStelletta
  • 602 Messaggi:

Inviato 13 novembre 2018 - 17:45

 

è arrivato esimo.

tutta roba che magari ha recensito in quantità industriale (su audioreview che cazzo gli vuoi propinare a quella gente interessata ad ampli che sembrano caldaie che devono suonare diana krall alla perfezione...).

ma credo che la domanda da porsi sia: chi compra questa roba? perchè se c'è un mercato significa che la gente compra.

ancora per poco credo, ormai i dischi vengono comprati mica per ascoltarli. e tutti quelli che si comprano i dischi del record store dopo 10 minuti li mettono su ebay a prezzo doppio. ma parecchia roba lì rimane.

ormai il mercato del vinile è roba da collezionisti non da ascoltatori di musica. ho letto, e mi spiace di non ricordare la fonte, che quasi la metà degli acquirenti non ha manco il giradischi.

qualcuno è andato recentemente ad una fiera del disco? una manica di vecchi vestiti da straccioni con scarsa cura dell'igiene personale a tirarsi la pippa sulla prima edizione. del contenuto pare freghi unca a nessuno. giovani? il 3% degli astanti, e sai che cercano? the dark side, gli zeppelina, la solita sbobba.

prevedo un futuro con i negozi di dischi come i negozi di libri rari. ambienti muffosi dove la luce è soffusa per non rovinare i dischini, lavati con speciali lavastoviglie.

e i libri/dischi  "normali" ad marcire sulle bancarelle dei mercatini.

Mah, nei posti che frequento io vedo esattamente il contrario; principalmente clientela giovane, che compra per ascoltare e non per rivendere ed è genuinamente appassionata alla musica, non al feticcio fisico.

 

link a caso trovato con "people who buys record but don't have a record player"

 

https://www.bbc.com/...a-record-player

 

sarà che frequento postacci o abbiamo orari diversi. ma giovani ne vedo tanto pochi. sto a firenze, i negozi di dischi/cd della città li frequento abbastanza e quando sono  in viaggio per lavoro cerco di andare in un negozio della città dove sono (metropolis a Milano e Planet Music a Reggio Emilia sono gli ultimi in cui sono stato).

lungi da me criticare chi compra i dischi, io ne compro una quindicina al mese...


  • 0

#589 pooneil

pooneil

    Classic Rocker

  • Members
  • StellettaStellettaStellettaStellettaStellettaStelletta
  • 5617 Messaggi:

Inviato 13 novembre 2018 - 17:49

in Italia ormai mancano i giovani tout court, non solo i giovani ascoltatori di vinili


  • 0

#590 Life Is Insignificant

Life Is Insignificant

    Deadman

  • Members
  • StellettaStellettaStellettaStellettaStellettaStelletta
  • 3003 Messaggi:

Inviato 13 novembre 2018 - 17:54

 

 

è arrivato esimo.

tutta roba che magari ha recensito in quantità industriale (su audioreview che cazzo gli vuoi propinare a quella gente interessata ad ampli che sembrano caldaie che devono suonare diana krall alla perfezione...).

ma credo che la domanda da porsi sia: chi compra questa roba? perchè se c'è un mercato significa che la gente compra.

ancora per poco credo, ormai i dischi vengono comprati mica per ascoltarli. e tutti quelli che si comprano i dischi del record store dopo 10 minuti li mettono su ebay a prezzo doppio. ma parecchia roba lì rimane.

ormai il mercato del vinile è roba da collezionisti non da ascoltatori di musica. ho letto, e mi spiace di non ricordare la fonte, che quasi la metà degli acquirenti non ha manco il giradischi.

qualcuno è andato recentemente ad una fiera del disco? una manica di vecchi vestiti da straccioni con scarsa cura dell'igiene personale a tirarsi la pippa sulla prima edizione. del contenuto pare freghi unca a nessuno. giovani? il 3% degli astanti, e sai che cercano? the dark side, gli zeppelina, la solita sbobba.

prevedo un futuro con i negozi di dischi come i negozi di libri rari. ambienti muffosi dove la luce è soffusa per non rovinare i dischini, lavati con speciali lavastoviglie.

e i libri/dischi  "normali" ad marcire sulle bancarelle dei mercatini.

Mah, nei posti che frequento io vedo esattamente il contrario; principalmente clientela giovane, che compra per ascoltare e non per rivendere ed è genuinamente appassionata alla musica, non al feticcio fisico.

 

link a caso trovato con "people who buys record but don't have a record player"

 

https://www.bbc.com/...a-record-player

 

sarà che frequento postacci o abbiamo orari diversi. ma giovani ne vedo tanto pochi. sto a firenze, i negozi di dischi/cd della città li frequento abbastanza e quando sono  in viaggio per lavoro cerco di andare in un negozio della città dove sono (metropolis a Milano e Planet Music a Reggio Emilia sono gli ultimi in cui sono stato).

lungi da me criticare chi compra i dischi, io ne compro una quindicina al mese...

 

Ah ok, come sia la situazione in Italia non ne ho idea (quando ci vivevo ero uno di quelli che comprava vinili senza possedere un giradischi  :) ), però io vivo ad Amsterdam e la situazione che descrivi mi è completamente aliena. I negozi che frequento sono Rush Hour, Red Light Records, Vintage Voudou, Bordello a Parigi, e fiere varie ovviamente.

Di recente sono stato a Tokyo e Kyoto un paio di volte e anche lì la situazione mi è sembrata ottima, ma vabbé, il Giappone non fa molto testo perché è il posto migliore al mondo in cui fare shopping di vinili, i negozi sono spettacolari e i dischi sono tenuti in condizioni perfette.


  • 0

#591 avatar blackwolf

avatar blackwolf

    Central Reservation

  • Members
  • StellettaStellettaStellettaStellettaStellettaStellettaStelletta
  • 7475 Messaggi:

Inviato 13 novembre 2018 - 18:32

io invece trovo prezzacci sui cd ( 2-3 euro  alle bancarelle/mercatini 5-7 euro in librerie / negozi di dischi). Me li posso spulciare quasi sempre in santa pace  , mentre c'è la ressa  sui vinili.


  • 0

*lastfm*

 

 

Delia, queen of the fairies.was presiding over the feast of plenty,celebrating 3,000 years of peace. In the midst of the celebration Delia felt a pull from the skies.She looked up and saw dark clouds forming on the horizon in every direction. She fell into a trance and left the party
heading for her home on a high hill. At first, the fairies were puzzled. But then they too felt a force drawing them to follow.Delia was alone inside. The storm grew until it was a raging cyclone hovering over the dwelling. One of the older fairies ventured inside the house. There lay Delia on her bed holding a pair of twins in her arms. The older fairy instantly knew that these were not ordinary twins, but magical wizards. The baby wizards were polarized like magnets: one attracting with a magnetic draw., the other repelling and impossible to get near. Avatar, the kind and good wizard. spent much of his boyhood entertaining his mother with beautiful visions. Blackwolf, the mutant wizard would never visit his mother and spent his time torturing small animals.

 


#592 Marillico

Marillico

    Groupie

  • Members
  • StellettaStellettaStelletta
  • 434 Messaggi:
  • LocationTurin

Inviato 14 novembre 2018 - 00:58

Io intanto continuo ad acquistare cd, straconvinto che nel giro di qualche anno avrà completato lo stesso percorso del vinile, sputazzato in tutti i '90 e primo decennio '00, finché non lo si riscoprirà e diventerà roba da risse.
  • 0

#593 The Silent Corner

The Silent Corner

    mainstream Star

  • Members
  • StellettaStellettaStellettaStellettaStelletta
  • 2386 Messaggi:

Inviato 24 maggio 2020 - 01:09

interessante articolo di Guglielmi su come è trattato oggi il vinile; al di là della sua opinione eh, anche perché è un po' uno specchio del momento storico --- comunque approfondisce poco, solo uno spunto

 

https://lultimathule...C_DSw3C63bwf2Tg

 

Lo dico? Lo dico. Il modo in cui il cosiddetto mercato sta gestendo il “ritorno del vinile” (con tutte le virgolette del caso, dato che in realtà non se n’era mai andato) mi fa ribrezzo. Stampe sempre limitate, a volte numerate, a volte differenziate da piccoli dettagli, rimasterizzate bene, rimasterizzate male, più leggere, più pesanti, più lussuose, più al risparmio, vendute in edicola, vendute solo sui siti e ai concerti, studiate per il Record Store Day, raccolte in cofanetti dai prezzi disumani e chi più ne ha più ne metta. Sono contento per gli amici che posseggono negozi vecchio stile, che grazie a queste follie stanno respirando un po’ di ossigeno, ma per il resto lo spettacolo di questo circo grottesco basato su due cose che odio da sempre, ovvero la moda e la speculazione sulle passioni, mi interessa meno di nulla. Me ne sono reso pienamente conto l’altro ieri, quando sono andato in un bellissimo negozio con un congruo buono che avevo in tasca da mesi e nonostante l’assortimento enorme e quasi due ore di tempo ho faticato a scegliere qualcosa (parlo di novità in vinile, eh) da portarmi a casa.
 Stai a vedere che, dopo averlo non troppo amato se non quasi schifato per trent’anni, finisco per innamorarmi del CD ora che si sta estinguendo.

 

 

Guglielmi dovrebbe frequentare il forum di Steve Hoffman e le recensioni di discogs, per scremare senza perdere tempo o andare alla cieca...si acquista per avere una fonte superiore, non per moda, visto che i soldi non si trovano per terra.

 

A proposito, la recente reissue vinilica di Spirito dei Litfiba (tanto amati da Guglielmi) è davvero eccellente.

Il cd ne esce a pezzi, oltre che come tutto (ariosità, separazione, definizione degli strumenti...non c'è storia, chi va a fare un cd pensa alle autoradio e agli impiantini, e deve pasticciare per alzare i volumi a discapito della qualità) anche perché su vinile i brani presentano piccole sorprese aggiuntive (es. Diavolo illuso dura di più).


  • 0

#594 The Silent Corner

The Silent Corner

    mainstream Star

  • Members
  • StellettaStellettaStellettaStellettaStelletta
  • 2386 Messaggi:

Inviato 24 maggio 2020 - 01:15

Giacché ci sono segnalo l'eccellenza delle ristampe viniliche degli U2, risalenti al 2008...su amazon si trovano a meno di 20 euro (su amazon.de ho pagato October solo 15,99 e War 17,99).

 

https://www.amazon.d...0?ie=UTF8&psc=1

 

https://www.amazon.d...0?ie=UTF8&psc=1

 

 

Vedremo 17 seconds dei Cure, ma pare che sia straordinaria anche questa reissue vinilica, anche questa a soli 17 euro.


  • 0




0 utente(i) stanno leggendo questa discussione

0 utenti, 0 ospiti, 0 utenti anonimi

IPB Skin By Virteq