Vai al contenuto


Foto
* * * * * 2 Voti

Miike Takashi


  • Please log in to reply
308 replies to this topic

#301 William Blake

William Blake

    Titolista ufficiale

  • Redattore OndaCinema
  • StellettaStellettaStellettaStellettaStellettaStellettaStellettaStelletta
  • 13835 Messaggi:

Inviato 14 May 2017 - 07:57 AM

non l'ho con me. comunque se non sbaglio l'avevo registrato su fuori orario, quando ancora mi funzionava il registratore dvd


  • 0
Ho un aspetto tremendo, e non bado a vestirmi bene o a essere attraente, perché non voglio che mi capiti di piacere a qualcuno. Minimizzo le mie qualità e metto in risalto i miei difetti. Eppure c'è lo stesso qualcuno a cui interesso: ne faccio tesoro e mi chiedo: "Che cosa avrò sbagliato?"

#302 Dudley

Dudley

    mainstream Star

  • Members
  • StellettaStellettaStellettaStellettaStelletta
  • 1737 Messaggi:

Inviato 03 August 2017 - 21:01 PM

Premessa: non nutro una particolare venerazione per MT, non ho mai cercato ad ogni costo di guardare ogni suo film (qualcuno c'è mai riuscito?). Di tanto in tanto sono capitato su sue opere, qualcosa mi è piaciuto (il rifacimento de "13 assassins", "Ichi the killer"), qualcosa meno (il pompatissimo "Audition", tanto per dirne uno - ma ammetto che non lo vedo da anni).

Ad ogni modo, in questi giorni ho visto la trilogia "Black society": si parte fortissimo con "Shinjuku triad society": grande, cazzutissimo film. Uno yakuza-movie fuori dagli schemi, con personaggi sgradevoli ma tratteggiati benissimo, con una marcissima Tokyo ripresa "ad alzo zero", un'accozzaglia disordinata di stradine, di sotterranei, di stamberghe che, davvero, inghiotte la luce ... Impareggiabile la galleria di tossici, furfanti, debosciati e malati di mente messa in scena, lunga la lista di scene e situazioni azzeccatissime, bene anche la trama (insomma non ci sono troppe sbrodolature), con sullo sfondo l'interessante questione razziale dei sino-giapponesi, non così ben visti a quanto pare ...

Si prosegue con "Rainy Dog", e per me qui si fa un passo indietro. Film discreto, ma dal ritmo un po' zoppicante, con un filo di maniera nel dipingere certe atmosfere noir/malinconiche. Si chiude con "Ley Lines", e si riprende quota. Al centro della storia, di nuovo, tre disadattati sino-giapponesi, che se ne vanno a Tokyo e finiranno per fare amicizia con una prostituta, fare affari con un produttore di droga e ... fare la guerra con un boss di Shinjuku. Il film è un po' una via di mezzo tra i primi due della trilogia ... non così indiavolato come il primo, non così lento come il secondo. Il tocco è inoltre un filo più leggero, nonostante non manchino le tragedie ... Grandi attori grandi facce, personaggi geniali, tanta libertà nel portare avanti la storia, insomma mi è piaciuto.

Gran finale con i voti: 8.5 al primo, 6 al secondo, 7.5 al terzo (mezzo punto in più grazie all'attore Kazuki Kitamura).

Segnalo che i film sono finalmente disponibili in una buona edizione homevideo pubblicata dalla ARROW, i sottotitoli (in inglese) sono fatti in modo da permettere di capire quando si parla giapponese e quando in mandarino, e questo (della lingua, dell'origine, dello sradicamento) è uno dei punti chiave di tutta la trilogia.

BLACK_SOCIETY_2D_BD-228x228.jpg


  • 2

#303 xone89

xone89

    Roadie

  • Members
  • StellettaStellettaStellettaStelletta
  • 984 Messaggi:

Inviato 06 November 2017 - 20:00 PM

Finalmente sono riuscito nell'eroica impresa di iniziarmi alla maratona miikiana che mi ha portato a visionare un numero sufficiente di pellicole (ne recupererò altre sicuramente, almeno The bird people, DOA 2 e Katakuris) volte a farmi una panoramica su questo grande e imprescindibile (non)autore che vado qui ad elencare in ordine -più o meno - di gradimento:
 
Izo (2004): E qui siamo dalle parti del capolavoro, 2 ore di nichilismo puro, seppur con una (forse) speranza alla fine del circolo, cinema totalmente libero e che non fa sconti a nessuno
Ichi the killer (2001): manifesto per eccellenza del suo cinema o del suo momento clou (anche se ovviamente sarebbe oltraggioso fermarsi solo qui), che dire di più
13 assassini / Hara-kiri (2010-2011): qui va fatta una piccola puntualizzazione: di sicuro questi non sono i film più rappresentativi di Miike, nè pertanto quelli che consiglierei a un neofita o comunque uno che volesse comprendere l'estetica/cifra dell'autore, ma proprio per questo formano un dittico che in maniera proprio opposta rispetto all'altro filone rivelano tutta l'ecletticità di Miike e il suo sapersi adattare a qualsiasi pelle; poi si, sono dei remake, io non ho visto gli originali, quello di Kobayashi so che è unanimamente considerato un capo, siccome non faccio eccezzioni per nessuno su tale questione, sono pronto a declassare i suddetti nel caso, resta il fatto che sono due film bellissimi e che forse finiscono per piacermi anche un filo in più rispetto al altri suoi lavori capitali
Audition (1999): con Ichi il suo più famoso e "spendibile", almeno fra quelli della prima fase, una prova maiuscola e di maturità, nonchè un punto di svolta nella sua carriera, e lei non si dimentica, anche se alcune cose sul finale mi hanno lasciato perplesso, e l'averlo visto tempo dopo Imprint (al cui confronto questo sembra quasi una passeggiata di salute) me lo ha inevitabilmente un pò depotenziato
Big bang love, juvenile A (2006): visivamente probabilmente rappresenta il suo apice, non mi è arrivato del tutto ma è forse il suo film più complesso, difatti dovrei rivederlo, comunque un unicum nella sua filmografia e un altra dimostrazione dell'eclettismo del nostro che lascia spiazzati, c'è poi un lavoro di montaggio sopraffino che scompone e ricompone gli eventi a piacimento e una regia e scenografia che annulla il tempo e lo spazio 
Visitor Q (2001): lucida follia, altro must e punto focale dell'irruenza e libertà artistica del regista, che qui sperimenta anche con il formato video, forse il grottesco a tratti sovrasta un pò tutta l'impalcatura "teoretica" che a dispetto di ciò che è messo in scena qui è quadratissima, ma avercene, paradossalmente poi si ride di gusto come nessun altra sua opera
Graveyard of honor (2002): vale un pò lo stesso discorso fatto per il dittico samurai, con la differenza che qui si cambia un pò di più rispetto alla fonte, a cominciare dal piano temporale in cui si svole la vicenda
Fudoh: The new generation (1996): suo primo in cui emerge la cifra folle, pop, freak e fumettosa per cui è maggiormente famoso, ed è fra i suoi migliori in quel senso e uno di quelli con la miglior gestione del ritmo
Lesson of the evil (2012): questo appartiene alla cosidetta svolta "mainstream" (d'uopo il virgolettato), e difatti si nota la messa in scena più classicheggiante e il budget più alto credo, resta un altro gran bel film, quasi una sorta di versione terrena di Izo volendo, lungo ed eccessivamente lento a tratti (una sua consuetudine), ma con una seconda parte che in occidente semplicemente non potrebbe esistere se non forse relegata all'interno di circuiti veramente underground
Gozu (2003): da molti ritenuto il suo capolavoro, per me no, anzi li per li non m'era piaciuto, poi pensandoci su e leggendo un pò di roba in giro ho corretto il tiro, la creatività secondo me è un pò derivativa stavolta, sia nei confronti di altri autori che di sè stesso per alcune trovate, noiosetto a tratti e  che un pò mi ha lasciato il dubbio di essere un tantino pretestuoso, ma è anche un altra opera totalmente fuori dagli schemi, disturbata e al suo interno custodisce schegge di straordinaria inquietudine e weirdismo. Anche e sopratutto qui mi tengo in serbo una revisione
Black society trilogy (1995-1999): ​qui Miike a tratti sembra un po' voler appropriarsi e riadattare certi stilemi da cinéma vérité europeo, si tratta però dei suoi film con cui ho avuto più problemi. Il primo (Shinjuku triad society) è per me il migliore ed è anche un film importante in quanto il primo pensato per il cinema e in cui la sua poetica e le sue ossessioni sono già ben distinguibili, gli altri due mi hanno convinto meno, non fosse altro perchè ho avuto proprio difficoltà ad entrare nelle storie e nei personaggi, anche a causa di un ritmo e una narrazione zoppicante e di troppi tempi morti. Dei due Ley lines forse è più interessante, ha degli splendidi scorci visivi virati su rossi e blu pienissimi. In ogni caso, è incredibile come a seconda di cosa deve filmare Miike riesca ad adottare uno stile registico sempre diversissimo e specifico per l'occasione, difatti questa - come anche quella di DOA - è una trilogia antologica, che condivide solo temi e stile registico impiegato, eppure si identificano bene come un corpus unitario
Dead or alive (1999): questo è l'altro suo classicone che non ho propriamente amato, essenzialmente si costituisce di un incipit e un finale geniali (roba che quando lo vedi non ci credi asd), il problema è che tutto ciò che sta nel mezzo mi ha convinto e interessato assai meno e in maniera un pò simile a quanto detto sopra, resta comunque un paradigma delle infinite possibilità dell'autore all'interno del genere e non
Yakuza apocalypse (2015): altra follia totale, anche parecchio di maniera stavolta, certo, ma è anche nella maniera di un film come questo (qui alla sua 100 produzione tipo ndr) che vedi la genialità di Miike, quel guizzo che ti fa svoltare, vedere per credere
Sukyiaki western django (2007): il suo minore fra quelli visti, simpatico l'omaggio, le citazioni, lo humor e tutto il resto, ma stavolta il risultato è un pout-purri fiacco, stanco, e nemmeno così pop come potrebbe sembrare a prima vista, poi anche il solito intreccio "aka Kurosawa"  capisco che è un topoi, ma avrebbe anche un pò rotto...poi tecnicamente è ottimo e come DOA gode di un gran bell' incipit (con la scenografie finte) e un buon finale, e i tocchi miikeani - comunque presenti - sparsi all'interno del genere gli danno comunque senso d'esistere

  • 1

#304 slothrop

slothrop

    Enciclopedista

  • Redattore OndaRock
  • StellettaStellettaStellettaStellettaStellettaStellettaStelletta
  • 7046 Messaggi:

Inviato 14 November 2017 - 12:59 PM

raramente sono stato così d'accordo con qualcuno su così tanti film di Miike. Se guardo al microscopio qualche pensierino diverso dai tuoi lo posso trovare, ma devo dire che la convergenza di giudizio è sorprendente, specie se parliamo di un regista del genere.

 

A proposito, qualcuno ha visto "Blade of the Immorta!"?

E soprattutto, ma dove diavolo "si reperiscono", nel 2017, questi film?


  • 1

#305 kristofferson

kristofferson

    Giù la testa, coglioni

  • Members
  • StellettaStellettaStelletta
  • 445 Messaggi:

Inviato 14 November 2017 - 13:50 PM

D'accordo quasi su tutto, ma non su Gozu: capolavoro assoluto secondo me.
  • 1

#306 xone89

xone89

    Roadie

  • Members
  • StellettaStellettaStellettaStelletta
  • 984 Messaggi:

Inviato 14 November 2017 - 19:02 PM

A proposito, qualcuno ha visto "Blade of the Immorta!"?

E soprattutto, ma dove diavolo "si reperiscono", nel 2017, questi film?

 

Sta diventando sempre più dura, giusto qualche giorno fa hanno fatto fuori Cinesuggestions, che era il miglior blog in circolazione per queste cose (sto ancora bestemmiando)...


  • 0

#307 William Blake

William Blake

    Titolista ufficiale

  • Redattore OndaCinema
  • StellettaStellettaStellettaStellettaStellettaStellettaStellettaStelletta
  • 13835 Messaggi:

Inviato 14 November 2017 - 19:03 PM

vabè ciclicamente poi lo rimettono in piedi. spero lo facciano ancora una volta...


  • 0
Ho un aspetto tremendo, e non bado a vestirmi bene o a essere attraente, perché non voglio che mi capiti di piacere a qualcuno. Minimizzo le mie qualità e metto in risalto i miei difetti. Eppure c'è lo stesso qualcuno a cui interesso: ne faccio tesoro e mi chiedo: "Che cosa avrò sbagliato?"

#308 xone89

xone89

    Roadie

  • Members
  • StellettaStellettaStellettaStelletta
  • 984 Messaggi:

Inviato 14 November 2017 - 19:56 PM

Speriamo, peró sono stati abbastanza emblematici stavolta, e poi hanno buttato giú anche la pagina Fb...
  • 0

#309 slothrop

slothrop

    Enciclopedista

  • Redattore OndaRock
  • StellettaStellettaStellettaStellettaStellettaStellettaStelletta
  • 7046 Messaggi:

Inviato 15 November 2017 - 10:17 AM

capitano cose simili anche sulla musica, che tradizionalmente in Giappone ha un mercato molto protezionistico ma negli ultimi 2/3 anni qualcosina era cambiato. Solo che sono arrivate la mannaie anche lì.

Più in generale, credo che ormai si sia affermato l'internet a pagamento, che è anche una bella cosa, sia chiaro, e so che esiste ad esempio un sito che mette a pagamento gli streaming o i divx dei film che circolano nei festival ma non in sala, e non sempre neanche nel circuito dei dvd.


  • 0




0 utente(i) stanno leggendo questa discussione

0 utenti, 0 ospiti, 0 utenti anonimi

IPB Skin By Virteq