Vai al contenuto


Foto
* * * * - 4 Voti

Hip hop italiano


  • Please log in to reply
732 replies to this topic

#681 Pancakes

Pancakes

    Frankly, my dear, I don’t give a damn

  • Members
  • StellettaStellettaStellettaStellettaStelletta
  • 2259 Messaggi:
  • LocationWhere the Iron Crosses Grow

Inviato 26 luglio 2020 - 08:58

I primi 10 minuti Trashbin Vol.3 di Radical, ovvero il punk oggi in Italia 

 

 

 

:metal:

 

Visto il genere [e visto anche l'italiano, va] speravo di un pò più di morte e distruzione nei testi invece delle solite racks da contare. Però buono dai.


  • 0

The core principle of freedom
Is the only notion to obey


#682 Phenagen

Phenagen

    Groupie

  • Members
  • StellettaStellettaStelletta
  • 345 Messaggi:
  • LocationEmilia paranoica

Inviato 31 luglio 2020 - 17:44

Qualcuno ha ascoltato "Infernum", l'album uscito a fine marzo che vede la collaborazione tra Murubutu e Claver Gold?

Io ho ascoltato solamente il singolo "Paolo e Francesca" (con la partecipazione di Giuliano Palma) e, per la prima volta nella discografia di Murubutu, non mi ha colpito particolarmente.

 


  • 0

#683 cool as kim deal

cool as kim deal

    Utente contro le bonus track

  • Members
  • StellettaStellettaStellettaStellettaStellettaStellettaStellettaStelletta
  • 13830 Messaggi:
  • LocationLooking Corsica, Feeling Corsico

Inviato 31 luglio 2020 - 22:46

Mi sa che qui dentro Murubutu non è visto benissimo. A me piace, anche se l'ho perso di vista dopo i primi 3, e questa con Claver Gold è una bomba:


  • 0
Adescatore equino dal 2005

#684 cool as kim deal

cool as kim deal

    Utente contro le bonus track

  • Members
  • StellettaStellettaStellettaStellettaStellettaStellettaStellettaStelletta
  • 13830 Messaggi:
  • LocationLooking Corsica, Feeling Corsico

Inviato 11 ottobre 2020 - 22:29



AK74
  • 0
Adescatore equino dal 2005

#685 markmus

markmus

    cui prodi

  • Members
  • StellettaStellettaStellettaStellettaStellettaStellettaStelletta
  • 8852 Messaggi:

Inviato 12 ottobre 2020 - 08:26

AK47

 


  • 1

#686 atlas

atlas

    perinde ac cadaver

  • Members
  • StellettaStellettaStellettaStellettaStellettaStellettaStelletta
  • 8886 Messaggi:

Inviato 16 ottobre 2020 - 00:38

uscito il disco di speranza, capolavoro franco-terrone-gitano del decennio.

 

 

 

speriamo sia degno dell'attenzione dei fan dell'hip-hop non anglofono : )


  • 0

il faut se radicaliser. 


#687 Sleepyhead

Sleepyhead

    Classic Rocker

  • Members
  • StellettaStellettaStellettaStellettaStellettaStelletta
  • 5945 Messaggi:

Inviato 23 novembre 2020 - 13:31

https://www.ondarock...ngsignorino.htm

 

Spero sia stata segnalata sulla pagina Facebook.  asd

 

Se proprio dovessi indicare una scena musicale, mi sento molto più parte di quella neomelodica.

 

 

:wub:


  • 0

"Dovete vedere noi, perché la televisione non vi fo' far crescere quando fa le sue trasmissioni, ve vo' tene boni; la televisione non ve vo' fa capire, ve vo' addormentà. Questa trasmissione discute e vi fa discutere dei vostri problemi, perché vedete - guardate che bell'abito che c'ho, ho una casa al mare - HO mi guardate o io me ne vado, ma me dovete guardà in tanti e vi dovete sentire il dovere IL DOVERE, perchè io a causa VOSTRA c'ho rimesso MILIARDI per divve aaverità."


#688 atlas

atlas

    perinde ac cadaver

  • Members
  • StellettaStellettaStellettaStellettaStellettaStellettaStelletta
  • 8886 Messaggi:

Inviato 16 dicembre 2020 - 19:17

single-handedly la strofa migliore del 2020

 

 

forse si può sperare in fast life 4


  • 0

il faut se radicaliser. 


#689 Pancakes

Pancakes

    Frankly, my dear, I don’t give a damn

  • Members
  • StellettaStellettaStellettaStellettaStelletta
  • 2259 Messaggi:
  • LocationWhere the Iron Crosses Grow

Inviato 19 gennaio 2021 - 08:45

 

bella energica e per adesso abbastanza originale nella penisola


  • 0

The core principle of freedom
Is the only notion to obey


#690 Mr. Atomic

Mr. Atomic

    Classic Rocker

  • Members
  • StellettaStellettaStellettaStellettaStellettaStelletta
  • 3584 Messaggi:

Inviato 20 febbraio 2021 - 22:03

grandissima scoperta dovuta a seeyousound

 

 


  • 1

#691 gwoemul

gwoemul

    Us/Them

  • Members
  • StellettaStellettaStellettaStellettaStelletta
  • 1162 Messaggi:

Inviato 21 febbraio 2021 - 11:03

J Lord ha tutte le carte in regola per essere la next big thing di Napoli 

 

 

Meanwhile molto bello il nuovo singolo di Massimo Pericolo.. l'album esce il 26 marzo

 


  • 0

#692 atlas

atlas

    perinde ac cadaver

  • Members
  • StellettaStellettaStellettaStellettaStellettaStellettaStelletta
  • 8886 Messaggi:

Inviato 22 febbraio 2021 - 21:06

riascoltato un po' di dogo e marra periodo 2003-2010ish, e mi convinco sempre di più di come sia stato un periodo incredibile (e incredibilmente poco riconosciuto).

non intendo soffermarmi su marracash (2008), sui mixtape e sulla trilogia mi fist-pena capitale-vile denaro (2003-2009), che sono ovviamente dei capolavori che andrebbero insegnati nelle scuole--possibilmente come tracce della prima prova di maturità--quanto spendere due parole su un disco bistrattato come dogocrazia (2008). la credenza comune è che a partire da questo disco inizi la decadenza dei dogo, essendo diventati più commerciali. il problema che ho con questa visione è che, oltre al fatto che jake e guè in questo periodo erano ancora in ottima forma, i club dogo fecero il loro primo disco d'oro con noi siamo il club (2012), il loro penultimo disco. il disco d'oro è il minimo che mi aspetterei da un disco commerciale, e la soglia di sbarramento in italia è davvero ridicola (30K copie su 60M di abitanti): è una certificazione che un qualsiasi scappato di casa con un buon seguito su instagram oggi si porta a casa tranquillamente.

questo per dire che questo riscontro commerciale io non lo vedo, ma per contro questa musica aveva un seguito enorme fuori dal circuito mainstream. non so se vi ricordate com'era la musica mainstream in italia all'epoca, faccio qualche esempio che parla più di mille parole: 1, 2, 3. e questi sono esempi di musica che arrivava ai giovani, la classifica 2008 era puntualmente dominata dalle cariatidi. ad ogni modo, che comunicava questa musica? liricamente, assolutamente nulla: vi sfido a prendere in mano questi testi e trovare qualcosa che vada oltre agli stereotipi e alla formulaicità del pezzo pop-rock/punk. un gruppo che avesse una proposta figa su queste sonorità (tipo i mcr) potevamo solo sognarcelo. era musica che offriva una visione rassicurante della realtà perché vaghissima, vuota, senza elementi drammatici, tragici o di inquietudine che potessero minimamente smuovere l'ascoltatore. per contro, il suono della musica mainstream di oggi è l'esatto opposto: è il suono di un mondo inquieto, costantemente sull'orlo del caos--vedasi il cazzotto in faccia che è wap (c'è uno spirito punk che arde in cardi b).

ma sto divagando, possibile che all'epoca l'industria propinasse solo questa musica inoffensiva? e soprattutto a chi era rivolta? a un pubblico giovanissimo, prevalentemente composto di ragazzine, possibilmente del mondo bene (ché altrimenti non si va in radio, in italia)? ok, e il resto del pubblico giovanile e i loro bisogni? quelli che vivevano in realtà meno stabili e, per così dire, serene? beh, per loro c'erano i dogo. il grande merito di quella generazione è aver parlato schiettamente a quello che veniva considerato un pubblico di bruti, di subumani, intendo le periferie che non erano rappresentate e di cui l'industria mainstream non si curava minimamente ché quelli mica avevano i soldi per comprarsi i dischi. quelle poche volte in cui la critica si è soffermata sui dogo ha preso la via più semplice, preferendo liquidare come cliché del genere gli argomenti di vita di strada, droga, soldi; questo perché non hanno saputo mai leggerli, forse perché non ne avevano i mezzi o l'interesse. chi conosce un minimo la storia dei nostri sa bene che l'ispirazione non è mai banale ed è ben lontana dalla celebrazione o glorificazione: mi sembra. per contro, una modalità di scrittura che domanda di essere ascoltata e compresa, prima di essere giudicata. se non altro, hanno parlato di qualcosa di cui nessuno parlava.

tornando a dogocrazia, sicuramente non è un disco perfetto. ma visto lo scarso successo di vendite, non lo definirei un disco commerciale. c'è sicuramente una ricerca nei suoni che guarda alle cose più fighe che uscivano in america, ma questo significa essere commerciali? significa semmai essere correnti. cosa dovevano fare, il rap alla maniera dei centri sociali? quel tempo era bello che tramontato. le capacità musicali di guè, jake e joe qui non mi sembrano in discussione, vedi mine come droga rap (questa tirava giù il posto nei live), il mio mondo, le mie regole (uno dei migliori anthem dell'universo dogo). ci sono tanti pezzi che sono fighi ma che vengono rovinati da piccoli dettagli: sgrilla!! e boing (due singoli estratti) hanno strofe fighe ma i ritornelli sono un po' fastidiosi (bel modo di andare in tv, bois); altri pezzi invece sono, ahimè compromessi dai ritornelli cantati da joe, al quale vogliamo un sacco di bene però in questo caso purtroppo palesa limiti grossi. gli vogliamo bene però perché ci ha donato il pezzo qui in calce:



l'apice dell'ethos dei dogo, per quanto mi riguarda. la traccia del video ufficiale è editata diversamente, e mi sembra molto più bassa di volume; qui invece quando il beat cambia di volume dopo i primi secondi è goduria, da ascoltare e riascoltare a volume sempre più alto. il tema del pezzo mi sembra sviluppato in maniera interessante. j ax fa il suo (e bene), guè diretto e agile come sempre. ma è jake che è al suo meglio. solenne. pachidermico. sembra di percepire fisicamente il suo essere pesante sulla traccia. perfetta anche la sua apertura e chiusura con i riferimenti ai concerti dal vivo. il disco continua con qualche alto e basso, ma resta divertente e l’attitudine non è in discussione. se non altro finisce così:



cioè col pezzo/video più zarro di sempre asd gli si vuole bene, da riscoprire.
  • 2

il faut se radicaliser. 


#693 Pancakes

Pancakes

    Frankly, my dear, I don’t give a damn

  • Members
  • StellettaStellettaStellettaStellettaStelletta
  • 2259 Messaggi:
  • LocationWhere the Iron Crosses Grow

Inviato 23 febbraio 2021 - 08:32

 

 

d'accordo su tutto, ma sullo spirito punk di cardi b mi devi argomentare  asd [anche nel topic internazionale]


  • 0

The core principle of freedom
Is the only notion to obey


#694 atlas

atlas

    perinde ac cadaver

  • Members
  • StellettaStellettaStellettaStellettaStellettaStellettaStelletta
  • 8886 Messaggi:

Inviato 23 febbraio 2021 - 16:28


d'accordo su tutto, ma sullo spirito punk di cardi b mi devi argomentare  asd [anche nel topic internazionale]

mi sembra una questione di attitudine. questo non per dire che cardi si ispiri direttamente ai punk, ma l'impatto del suo pezzo, soprattutto per quanto riguarda la sfida alla pubblica morale, mi sembra paragonabile. hai presente quando gente come iggy pop cambiava i testi delle canzoni sostituendoli con un mucchio di oscenità? ecco, wap è una cosa del genere moltiplicata per cento.

 

non c'è cosa che spieghi il tempo che stiamo vivendo meglio di quel basso cupo e saturo e l'ossessiva ripetizione di "whores in this house, there's some whores in this house". fa pensare all'estetica degli strip club notturni, ma anche a immagini di caos e perdizioni più antiche, tipo la meretrice di babilonia o, in tempi più recenti, alla riadattazione di quella tematica biblica in metropolis, dove la sensualità disinibita della ballerina è un affronto e una intollerabile provocazione per il pubblico pettinato. 

 

ecco, quando mai si è avuto un pezzo hip-hop mainstream così radicale, con da capo a coda oscenità prima ritenute inconcepibili? full credits to cardi, ben fatto.


  • 0

il faut se radicaliser. 


#695 Pancakes

Pancakes

    Frankly, my dear, I don’t give a damn

  • Members
  • StellettaStellettaStellettaStellettaStelletta
  • 2259 Messaggi:
  • LocationWhere the Iron Crosses Grow

Inviato 24 febbraio 2021 - 09:11

 


d'accordo su tutto, ma sullo spirito punk di cardi b mi devi argomentare  asd [anche nel topic internazionale]

mi sembra una questione di attitudine. questo non per dire che cardi si ispiri direttamente ai punk, ma l'impatto del suo pezzo, soprattutto per quanto riguarda la sfida alla pubblica morale, mi sembra paragonabile. hai presente quando gente come iggy pop cambiava i testi delle canzoni sostituendoli con un mucchio di oscenità? ecco, wap è una cosa del genere moltiplicata per cento.

 

non c'è cosa che spieghi il tempo che stiamo vivendo meglio di quel basso cupo e saturo e l'ossessiva ripetizione di "whores in this house, there's some whores in this house". fa pensare all'estetica degli strip club notturni, ma anche a immagini di caos e perdizioni più antiche, tipo la meretrice di babilonia o, in tempi più recenti, alla riadattazione di quella tematica biblica in metropolis, dove la sensualità disinibita della ballerina è un affronto e una intollerabile provocazione per il pubblico pettinato. 

 

ecco, quando mai si è avuto un pezzo hip-hop mainstream così radicale, con da capo a coda oscenità prima ritenute inconcepibili? full credits to cardi, ben fatto.

 

 

i suoi beat spesso mi piacciono molto, anche le metriche tutto sommato. il mio problema sono la delivery e appunto i testi, il pezzo è radicale si, ma secondo me non tanto più o meno radicale di n altri esempi che potremmo fare, e che magari sono passati o in secondo piano oppure non acclamati allo stesso modo

 

poi vabbè, la stampa indie/mainstream che la incensa dai tempi di Bodak Yellow* ha passato anni a postare meme a sfregio dei nickelback per gli stessi motivi per i quali appunto applaude lei, ma è un discorso che si potrebbe fare anche con suoi colleghi stretti, ad esempio Hopsin col pezzo sul centro massaggi

 

*peraltro, lì sbancava "scopiazzando" Kodak Black e nessuno battè ciglio, adesso in Up ha praticamente lo stesso beat di Godzilla di Eminem e Juice WRLD e idem

 

[e non entriamo nel merito del fatto che ha candidamente ammesso di drogare e rapinare gli avventori dello strip club dove lavorava senza ripercussione alcuna, anzi i suddetti se la sono cercata e basta]


  • 0

The core principle of freedom
Is the only notion to obey


#696 atlas

atlas

    perinde ac cadaver

  • Members
  • StellettaStellettaStellettaStellettaStellettaStellettaStelletta
  • 8886 Messaggi:

Inviato 24 febbraio 2021 - 15:50

 
i suoi beat spesso mi piacciono molto, anche le metriche tutto sommato. il mio problema sono la delivery e appunto i testi, il pezzo è radicale si, ma secondo me non tanto più o meno radicale di n altri esempi che potremmo fare, e che magari sono passati o in secondo piano oppure non acclamati allo stesso modo
 
poi vabbè, la stampa indie/mainstream che la incensa dai tempi di Bodak Yellow* ha passato anni a postare meme a sfregio dei nickelback per gli stessi motivi per i quali appunto applaude lei, ma è un discorso che si potrebbe fare anche con suoi colleghi stretti, ad esempio Hopsin col pezzo sul centro massaggi
 
*peraltro, lì sbancava "scopiazzando" Kodak Black e nessuno battè ciglio, adesso in Up ha praticamente lo stesso beat di Godzilla di Eminem e Juice WRLD e idem
 
[e non entriamo nel merito del fatto che ha candidamente ammesso di drogare e rapinare gli avventori dello strip club dove lavorava senza ripercussione alcuna, anzi i suddetti se la sono cercata e basta]


beh però il pezzo che ha fatto incazzare tutti è questo e non i tanti altri passati in secondo piano, e credo per colpa/merito di cardi.

su bodak yellow: chiaramente il flow era copiato da no flockin di kodak black (fortissimo ma purtroppo per lui completamente pazzo), però la delivery spaccava.

poi va beh, alla stampa che da contro a una donna di colore immigrata ci crederò solamente quando lo vedrò.
  • 1

il faut se radicaliser. 


#697 atlas

atlas

    perinde ac cadaver

  • Members
  • StellettaStellettaStellettaStellettaStellettaStellettaStelletta
  • 8886 Messaggi:

Inviato 09 aprile 2021 - 18:22

forse si può sperare in fast life 4

 

eccoci qui, una mezz'ora abbondante di rap cafone, citazioni, punchline fighe. il rap classico sta tornando.

 

 


  • 1

il faut se radicaliser. 


#698 gwoemul

gwoemul

    Us/Them

  • Members
  • StellettaStellettaStellettaStellettaStelletta
  • 1162 Messaggi:

Inviato 01 giugno 2021 - 12:57

Atlas che mi dici di 'sta drillata? Primo estratto dal nuovo album di Noyz

 


  • 0

#699 atlas

atlas

    perinde ac cadaver

  • Members
  • StellettaStellettaStellettaStellettaStellettaStellettaStelletta
  • 8886 Messaggi:

Inviato 01 giugno 2021 - 16:37

non mi è piaciuta granché. noyz secondo me non sta molto bene su questo tipo di beat, ma speriamo bene per l'album. l'altro giorno tra l'altro riascoltavo il disco col fritzone, non c'è proprio paragone con le cose che può fare il noyz su beat più classici e lenti.

 


  • 1

il faut se radicaliser. 


#700 atlas

atlas

    perinde ac cadaver

  • Members
  • StellettaStellettaStellettaStellettaStellettaStellettaStelletta
  • 8886 Messaggi:

Inviato 02 luglio 2021 - 12:47

sempre per quanto riguarda er noyz, oggi è tornato su spotify la calda notte (culto).



produzioncina di sine.
  • 0

il faut se radicaliser. 





0 utente(i) stanno leggendo questa discussione

0 utenti, 0 ospiti, 0 utenti anonimi

IPB Skin By Virteq