Vai al contenuto


Foto
- - - - -

California Noise (10 LP Box)


  • Please log in to reply
38 replies to this topic

#1 slothrop

slothrop

    Enciclopedista

  • Redattore OndaRock
  • StellettaStellettaStellettaStellettaStellettaStellettaStelletta
  • 7405 Messaggi:

Inviato 10 luglio 2006 - 19:05

http://www.californianoise.com/

Lo riposto anche in questo forum, anche perchè l'idea dell'etichetta è quella di fare box simili, magari più piccoli, su altri stati americani (di sicuro c'è il Michigan dei Wolf Eyes).

Linko anche un paio di recensioni:

http://outerspacegamelan.blogspot.com/

http://www.ocweekly....d-review/25397/


I gruppi coinvolti sono 20 in 10 LP con una band per lato:


Quelli che conosco io (di fatto, di nome ce n'è qualcuno in più) sono:


Solid Eye - Band nata negli anni '90 in cui milita il founding member della LAFMS Rick Potts, e dedita ad una fresca mistura impro-controllata di campionamenti "meccanici" e rumorismi stilizzati con l'orecchio sempre presente al cervello, il che evita brutalità gratuite e insulsaggini eccessive. Certamente tra le cose più orecchiabili uscite dalla LAFMS anche se non esattamente musica pop (come invece appaiono certi materiali solisti di Potts).

The Skaters - Di questi ne ho parlato fino alla nausea e si trovano informazioni su di loro anche nel nuovo forum. Vi basti sapere che in una delle due recensioni vengono indicati come i migliori del lotto e io la leggo come una conferma del loro valore.

Amps for Christ - Ho sentito un album molto eclettico, giocato tra divagazioni acustiche non troppo libere e pulite (dunque non autoindulgenti ma nemmeno brillanti purtroppo) e qualche sprazzo elettronico non particolarmente significativo. Interlocutori ma non troppo promettenti direi.

Yellow Swans - Indicati da Blow Up come capiscena del nuovo noise californiano (ma non ne sarei così sicuro) sono, credo, praticamente i boss dell'etichetta-collettivo Jyrk (frequentato anche dagli Xiu Xiu). Anche loro afflitti da iperprolificità congenita rispetto agli amici Skaters propongono una materia più aggressiva e meno sciamanica, con più di un punto in comune con la musica industriale.

Rubber O Cement - Progetto solista in chiave space-elettronica-free di Grux dei Caro0liner Rainbow. Ho un loro disco che al di là della confezione all'interno di un autentico fumetto (direi abbastanza trash) di un supereroe americano non è assolutamente nulla di memorabile. La solita confusione noise di bleeps sparati a caso e caos freakkettone.
  • 0

#2 starmelt

starmelt

  • Members
  • StellettaStellettaStellettaStellettaStellettaStelletta
  • 4566 Messaggi:

Inviato 12 luglio 2006 - 00:05

Purtroppo è difficile parlare di un qualcosa (in questo caso un monolite, pure nero) che non ho ascoltato e purtroppo neanche posso aiutare coi singoli artisti visto che ne conosco tre, di cui i Solid Eye solo di nome... Non sono neanche abbastanza fuori da comprare il box (100 $) avendo pure il giradischi rotto. Cerco spesso su slsk, magari qualche anima pia o qualche maniaco ha riversato tutto in mp3 ma per il momento ancora niente.

Quello che posso dire è che fanno bene a raccogliere materiale disparato in questa maniera, più volte si è detto che in questo ambiente conta il suono più che le composizioni, e più volte si è discusso il nodo cruciale dell'iperprolificità, quindi un box simile credo sia la soluzione ideale. Purtroppo hanno deciso per il vinile, certamente più affascinate ma al solito meno pratico (almeno non sono cd-r!!) e per un numero di copie limitate, anche se prima di finire quelle 1000 passerà un bel po' di tempo.
Vedremo per gli altri, ma mi sembra che la direzione decisa sia la stessa, sul forum I Hate Music, il tipo che presenta il box dice anche:

i believe there are a few upcoming boxsets:

michigan - chondritic/hanson/rrr 5lp
new york - hospital/rrr ??
portland - rrr 3lp
texas - rrr 3lp
tulare - rrr 3lp

vedremo, chissà, magari tra qualche anno uscirà un cofanone tipo LAFMS, c'è sempre la RRR di mezzo...
Con calma mi leggerò le recensioni.
  • 0

#3 Guest_Mattia_*

Guest_Mattia_*
  • Guests

Inviato 18 luglio 2006 - 11:41

Visto il successo riscontrato nel forum, ho deciso di dedicarmi all'ascolto di uno degli ultimi lavori degli Skaters.

Non avevo mai ascoltato nulla di loro, prima d'ora, nè li ho mai visti dal vivo; il mio giudizio è pertanto basato sugli ascolti di Pavilionous Miracles Of Circular Facet Dice (cd-r Chocolate Monk, 2005): un'accozzaglia di suoni degna delle più oscure escursioni nei meandri del rumore ad opera di un qualsiasi collettivo californiano degli anni Settanta (o anche anni Duemila: cambia ben poco). Gli Skaters, però, aggiungono alla solita solfa sinistre (e possenti) eco che conferiscono ad ogni traccia un'aura sepolcrale. Mi chiedo cosa ci sia di interessante nella loro proposta e ritengo sia più divertente parlare di loro che ascoltare il loro materiale.

P.s.: qualcuno sarebbe in grado di fornirmi la tracklist di Pavilionous Miracles Of Circular Facet Dice? Grazie anticipatamente!

#4 starmelt

starmelt

  • Members
  • StellettaStellettaStellettaStellettaStellettaStelletta
  • 4566 Messaggi:

Inviato 19 luglio 2006 - 17:04

Io quello l'ho scaricato, ho sei tracce senza titolo, per un totale di un'ora e un minuto, altro non so.


  • 0

#5 slothrop

slothrop

    Enciclopedista

  • Redattore OndaRock
  • StellettaStellettaStellettaStellettaStellettaStellettaStelletta
  • 7405 Messaggi:

Inviato 19 luglio 2006 - 19:03

Non ci sono titoli Mat. Confermo le sei tracce.
Però mi interesserebbe capire quali gruppi degli anni '70 suonavano davvero così (immagino diverse robe sul thread di gigiriva).
Cioè, degli echi da quel periodo se ne sentono però a me sembra che alla fine il loro sound sia comunque abbastanza unico, e sono il primo a stupirmi di apprezzarli data la stanca che nutro nei confronti della drone music, specie quella meno accademica (infatti l'altra sera dopo anni riascoltavo Phil Niblock e lui me lo sono goduto).


Quel disco in particolare poi per me rappresenta a un tempo la migliore incarnazione del loro sound (specie quello live come li vidi a Ravenna) e al tempo stesso un unicum della loro produzione (a forza di ascoltarli comincio a sentire differenze autentiche tra un album e l'altro).
In particolare questo mi pare in assoluto il più vocale e soprattutto ha un suono molto diretto e "vicino" tanto che qua e la sembra quasi che le voci siano poco effettate (di solito lo sono di più insomma, e la qualità audio è talmente miserrima che paiono registrati nella stanza accanto vedi le peggio sortite di Jandek).

Sul fatto che parlare di una band simile sia parecchio divertente (non so se più dell'ascolto ma è plausbile) sono d'accordo ma non credo che questo gli tolga valore pregiudizialmente.

  • 0

#6 Guest_Mattia_*

Guest_Mattia_*
  • Guests

Inviato 19 luglio 2006 - 19:13

Attenzione, sono ad altissimo rischio figura di merda: reduce da una sessione d'ascolto-violento a casa mia (in compagnia di Nico, che vi saluta), ho ascoltato e riascoltato l'album degli Skaters e... Mi piace un sacco!!! Ci ho ritrovato un sacco di elementi di cui manco mi ero accorto durante i primi ascolti. E, comunque, l'hi-fi batte l'iPod cento a zero (ovviamente). Sembrava di avere ascoltato roba diversa!

Ah, il cofano a cui è dedicata la presente discussione è "disco del mese" di The Wire (numero di agosto 2006)!

#7 slothrop

slothrop

    Enciclopedista

  • Redattore OndaRock
  • StellettaStellettaStellettaStellettaStellettaStellettaStelletta
  • 7405 Messaggi:

Inviato 19 luglio 2006 - 21:13

E' Nico che ti rinsavisce, e questo la dice lunga...
  • 0

#8 Peel Slowly And See

Peel Slowly And See

    Roadie

  • Members
  • StellettaStellettaStellettaStelletta
  • 825 Messaggi:

Inviato 20 luglio 2006 - 16:34

Oggi mi sono riascoltato "Pavilionous Miracles Of Circular Facet Dice" degli Skaters, disco che ad un primo ascolto mi aveva incuriosito. In pratica riescono a tirare fuori un'idea interessante, quella di utilizzare quelle voci filtrate andando a creare atmosfere inquietanti, e questo sound mi ha ricordato un pochino i Residents, quantomeno penso che li abbiano tenuti inconsciamente in considerazione. Il limite enorme di questa operazione è che, per almeno le prime 4 tracce, le variazioni sono quasi impercettibili, sembra di ascoltare sempre la stessa solfa, e quindi c'è una varietà inesistente ed una fantasia veramente limitata. Negli ultimi due brani qualche variazione c'è, ma troppo poco per non fare annoiare a morte l'ascoltatore. E' grave che un disco di un'ora si presenti così ripetitivo, ed in definitiva quella che poteva essere una buona trovata, si trasforma in un esperimento abbastanza noioso.
  • 0

#9 slothrop

slothrop

    Enciclopedista

  • Redattore OndaRock
  • StellettaStellettaStellettaStellettaStellettaStellettaStelletta
  • 7405 Messaggi:

Inviato 21 luglio 2006 - 18:52


Ah, il cofano a cui è dedicata la presente discussione è "disco del mese" di The Wire (numero di agosto 2006)!



Merda, ma non s se avete visto chi c'è in copertina su The Wire!

http://www.thewire.co.uk/
  • 0

#10 Guest_Pablito_*

Guest_Pablito_*
  • Guests

Inviato 21 luglio 2006 - 19:28


Merda, ma non s se avete visto chi c'è in copertina su The Wire!

http://www.thewire.co.uk/

E adesso? Cosa provi a stare dalla parte della ragione ufficiale, della storia scritta e approvata?


#11 slothrop

slothrop

    Enciclopedista

  • Redattore OndaRock
  • StellettaStellettaStellettaStellettaStellettaStellettaStelletta
  • 7405 Messaggi:

Inviato 21 luglio 2006 - 19:44

E adesso? Cosa provi a stare dalla parte della ragione ufficiale, della storia scritta e approvata?



Dici a me?

Immagine inserita
  • 0

#12 astrodomini

astrodomini

    ...

  • Members
  • StellettaStellettaStellettaStellettaStellettaStellettaStelletta
  • 9181 Messaggi:
  • LocationUdine, Padova

Inviato 22 luglio 2006 - 10:42

Sono entrato in possesso di questo cofanetto, se qualcuno che non lo possiede lo vuole sa dove trovarlo.

:P
  • 0

the music that forced the world into future


#13 starmelt

starmelt

  • Members
  • StellettaStellettaStellettaStellettaStellettaStelletta
  • 4566 Messaggi:

Inviato 23 luglio 2006 - 20:03

Come da avatar, ho iniziato ad ascoltare stamattina, ora sono al metà della terza ora su cinque e mezza, è dura, vacca boia se è dura.

Skaters mai così vari, il pezzo termina con la registrazione di qualche canzone di chissà cosa, in mezzo al pezzo pure qualche giro melodico e poi di nuovo giù di ululati e tutto il resto.

Tra gli altri spicca R. H.Y. Yau, harsh-noise massimalista veramente brutale con contorno di ululati, colpi di tosse, vomiti, e tutto il corollario che potete immaginare e anche quello che non potete (roba degna dei peggiori Hanatarash), e poi verso la fine rumorismi concreti, fluidi che gocciolano, battiti di chissà cosa. Un disastro.

Aggiorno: presenti gli Yellow Swans più feroci di sempre.

Qualità media elevatissima.




E intanto: http://www.michigannoise.com/
  • 0

#14 slothrop

slothrop

    Enciclopedista

  • Redattore OndaRock
  • StellettaStellettaStellettaStellettaStellettaStellettaStelletta
  • 7405 Messaggi:

Inviato 24 luglio 2006 - 06:42

Skaters mai così vari, il pezzo termina con la registrazione di qualche canzone di chissà cosa, in mezzo al pezzo pure qualche giro melodico e poi di nuovo giù di ululati e tutto il resto.



Non vedo l'ora di sentirlo, ma del resto già nell'ultimo split LP (Catsup Plate) con gli Axolotl nella loro facciata gli Skaters usavano addirittura un pianoforte, senza contare che i solo-projects degli ultimi meni sono mediamente più "leggeri" e "raffinati", in particolare poi Pan Als Allgott Saturnia 1977 di James Ferraro contiene sporadiche parti musicali poco meno che convenzionali.

Intanto è uscito anche Michigan che mi pare contenga una buona fetta di nomi realmente noti del settore, vedi Wolf Eyes, Sick Llama, Hive Mind e cose soliste di Dilloway e Tovah O'Rourke.
  • 0

#15 gigiriva

gigiriva

    ï͂͑̉͆ͧͮͩ̓ͧ̒͒̉̎̂̊͆͑͐̊̓̊̅ͭ͗̐̄̏̾̄͊

  • Members
  • StellettaStellettaStellettaStellettaStellettaStellettaStellettaStelletta
  • 17635 Messaggi:

Inviato 24 luglio 2006 - 19:49

Vado un po' Off Topic, ma devo segnalarvi che gli Yellow Swans hanno toccato il fondo pubblicando un album con tiratura di ben 5 copie.

Immagine inserita

http://www.jyrk.com/releases/




(giusto un po' più a nord, segnalo anche il Portland Bike Ensemble: http://cosmicjoke.co...keEnsemble.html)






  • 0

rym |


#16 slothrop

slothrop

    Enciclopedista

  • Redattore OndaRock
  • StellettaStellettaStellettaStellettaStellettaStellettaStelletta
  • 7405 Messaggi:

Inviato 24 luglio 2006 - 21:55


(giusto un po' più a nord, segnalo anche il Portland Bike Ensemble: http://cosmicjoke.co...keEnsemble.html)



Bene, non ero riuscito ad ascoltarli l'ultima volta. E poi questa merda mi piace.
  • 0

#17 Il corvo screebo

Il corvo screebo

    pivello

  • Members
  • Stelletta
  • 27 Messaggi:

Inviato 25 luglio 2006 - 10:25


I gruppi coinvolti sono 20 in 10 LP con una band per lato:


Quelli che conosco io (di fatto, di nome ce n'è qualcuno in più) sono:


Solid Eye - Band nata negli anni '90 in cui milita il founding member della LAFMS Rick Potts, e dedita ad una fresca mistura impro-controllata di campionamenti "meccanici" e rumorismi stilizzati con l'orecchio sempre presente al cervello, il che evita brutalità gratuite e insulsaggini eccessive. Certamente tra le cose più orecchiabili uscite dalla LAFMS anche se non esattamente musica pop (come invece appaiono certi materiali solisti di Potts).

The Skaters - Di questi ne ho parlato fino alla nausea e si trovano informazioni su di loro anche nel nuovo forum. Vi basti sapere che in una delle due recensioni vengono indicati come i migliori del lotto e io la leggo come una conferma del loro valore.

Amps for Christ - Ho sentito un album molto eclettico, giocato tra divagazioni acustiche non troppo libere e pulite (dunque non autoindulgenti ma nemmeno brillanti purtroppo) e qualche sprazzo elettronico non particolarmente significativo. Interlocutori ma non troppo promettenti direi.

Yellow Swans - Indicati da Blow Up come capiscena del nuovo noise californiano (ma non ne sarei così sicuro) sono, credo, praticamente i boss dell'etichetta-collettivo Jyrk (frequentato anche dagli Xiu Xiu). Anche loro afflitti da iperprolificità congenita rispetto agli amici Skaters propongono una materia più aggressiva e meno sciamanica, con più di un punto in comune con la musica industriale.

Rubber O Cement - Progetto solista in chiave space-elettronica-free di Grux dei Caro0liner Rainbow. Ho un loro disco che al di là della confezione all'interno di un autentico fumetto (direi abbastanza trash) di un supereroe americano non è assolutamente nulla di memorabile. La solita confusione noise di bleeps sparati a caso e caos freakkettone.







Come dire, una merda...
  • 0

#18 Guest_Mattia_*

Guest_Mattia_*
  • Guests

Inviato 25 luglio 2006 - 10:40

(...)


Sei un po' arrogantello, uomo. Ti tengo d'occhio: falla fuori dal vaso e sei kaput.

Ad majora,

#19 Il corvo screebo

Il corvo screebo

    pivello

  • Members
  • Stelletta
  • 27 Messaggi:

Inviato 25 luglio 2006 - 14:11

(...)


Sei un po' arrogantello, uomo. Ti tengo d'occhio: falla fuori dal vaso e sei kaput.

Ad majora,


Quale onore! dopo solo sei post! Serba l'uzzolo inquisitore per evenienze più succulente, bello. Mi riferivo solamente a quanto quotato, ovvero un elenco di 5 gruppi additati perlopù come superflui, prolissi e non memorabili (giudizio che mi vede d'accordo, eccetto che per i solid Eye - che non conosco abbastanza - e per Skaters - che faccio finta di non conoscere...)
  • 0

#20 Guest_Mattia_*

Guest_Mattia_*
  • Guests

Inviato 25 luglio 2006 - 14:46

(...)


Invece di contestare l'"uzzolo inquisitore" (bella, questa: ne farò una maglietta!) altrui, prova a far seguire i tuoi giudizi da qualche commento. Visto che ne sei capace, continua così!




0 utente(i) stanno leggendo questa discussione

0 utenti, 0 ospiti, 0 utenti anonimi

IPB Skin By Virteq