Vai al contenuto


- - - - -

pietre miliari jazz consigli


  • Please log in to reply
22 replies to this topic

#1 Guest_spacemen_*

Guest_spacemen_*
  • Guests

Inviato 08 luglio 2006 - 11:17

Ho intenzione di iniziare ad ascoltare seriamente e a capire qualcosa di Jazz.
Fino ad ora ho ascoltato poche cose: ‚??Kind of blue‚?Ě di Miles Davis; ‚??A love supreme‚?Ě e ‚??Giant steps‚?Ě di J. Coltrane ;‚?ĚSaxophone colossus‚?Ě di Sonny Rollins.

Desidererei una vostra lista,non recensioni,di pietre miliari jazz o quantomeno di dischi imprescindibili del genere. Insomma un‚??approccio discografico per un inesperto.

#2 kingink

kingink

    mainstream Star

  • Members
  • StellettaStellettaStellettaStellettaStelletta
  • 1405 Messaggi:

Inviato 08 luglio 2006 - 11:31

non per reiterare il solito Scaruffi, ma il suo listone sui capolavori Jazz è ben fatto

A te il link:

http://www.scaruffi....zz/best100.html

L'ascolto di almeno i primi 20 citati è essenziale!!!!!!!!
  • 0

#3 Jazzer

Jazzer

    Utente anziano

  • Members
  • StellettaStellettaStelletta
  • 383 Messaggi:
  • LocationVenezia

Inviato 08 luglio 2006 - 12:07

Cosa pericolosa, caro Spacemen, quella delle liste "best of..." perché su 100 persone a cui la chiedi avrai 100 liste diverse. Troppo soggettiva la cosa... anzi penso proprio che non ci possa essere oggettività in questo.
Tanto per dire, ho visto la lista indicata da kingink e - come al solito - non sono d'accordo con Piero.
Scusami ma mi astengo vivamente dal postartene una mia, perch√© non ne esiste una o comunque √® sempre in continua evoluzione. Una cosa, per√≤: si tende troppo spesso a fare delle liste dimenticando i nomi storici del jazz, considerando il "vero" jazz il free anni '60! Tanto per dire nella lista di Scaruffi di cui sopra, nei primi (secondo lui) 164 dischi di jazz non c'√® un solo disco di Louis Armstrong, ce n'√® uno solo di Monk, nemmeno uno di Charlie Parker (!!!) o di Dizzy Gillespie o di Chet Baker, o di Stan Getz,  o di Michel Petrucciani... e vale proprio poco l'avvertenza che alcuni non sono rappresentati perch√© attivi nell'epoca pre-album (che tra l'altro non √® neppure molto corretta). Ma lungi da me far nascere una discussione su Scaruffi, proprio io che l'ho sempre bellamente ignorato.
  • 0

non sono asociale...sono socialmente selettivo


#4 Guest_spacemen_*

Guest_spacemen_*
  • Guests

Inviato 09 luglio 2006 - 09:26

Jazzer capisco la tua riflessione ma lo stesso vale per il Rock,gli altri generi musicali e per le altre forme d‚??arte come il Cinema.Non proprio un‚??ovviet√† ma quasi.Tuttavia intuisco che sei un‚??appassionato Jazz.Il mio obbiettivo non era richiedere un ‚??best of‚?¶‚?Ě ma alcuni consigli di grandi album.Se mi chiedessero ‚??quali capolavori rock mi consigli,spacemen?‚?Ě non avrei difficolt√† a rispondere i vari: ‚??In the court‚?¶‚?Ě; ‚??The piper at the‚?¶‚?Ě; ‚??The velvet underground‚?¶‚?Ě;e avanti di questo passo per pochi altri titoli.Anche perch√© non credo che qualcuno sia disposto a fare(e a scrivere)una lista di 100 titoli appositamente per me.
Grazie comunque Jazzer (ovviamente anche a Kinging).

#5 madadayo

madadayo

    Groupie

  • Members
  • StellettaStellettaStelletta
  • 257 Messaggi:

Inviato 09 luglio 2006 - 09:41

Io un'idea ce l'avrei: con questo caldo non si ha voglia di fare listoni,anche perchè sarebbero gusti del tutto personali, e allora perchè non vai su questo sito:
http/www.allmusic.com
alla sezione jazz ti dà suggerimenti veramente buoni,ti spiega i vari stili e per ognuno di essi cita i dischi di riferimento da ascoltare: veramente completo!
Io ti consiglio di cominciare da lì....... :D
  • 0

#6 quattrocentocolpi

quattrocentocolpi

    pivello

  • Members
  • Stelletta
  • 17 Messaggi:

Inviato 09 luglio 2006 - 09:57

http://www.ondarock....php?topic=334.0
c'è questo thread che tratta grosso modo lo stesso argomento ed è pure ben fatto...
  • 0

#7 Jazzer

Jazzer

    Utente anziano

  • Members
  • StellettaStellettaStelletta
  • 383 Messaggi:
  • LocationVenezia

Inviato 09 luglio 2006 - 10:18

Jazzer capisco la tua riflessione ma lo stesso vale per il Rock,gli altri generi musicali e per le altre forme d‚??arte come il Cinema.


Assolutamente d'accordo.

Guarda, 'stamattina ho voglia di impegnarmi e faccio una sorta di brain-storming. Eccoti i primi 20 dischi "importanti", anzi "fondamentali" che mi vengono in mente, ben consapevole che se ci provassi tra un'ora la lista sarebbe piuttosto diversa. In ordine sparso e con un'unica regola: un disco per autore.

- Miles Davis: Kind of blue
- John Coltrane: A love supreme
- Thelonious Monk: Brilliant corners
- Louis Armstrong: registrazioni con gli Hot Five e Hot Seven (c'è un ottimo cofanetto della JSP a buon prezzo)
- Charles Mingus: The black saint and the sinner lady
- Ornette Coleman: The shape of jazz to come
- Keith Jarrett quartet: Belonging
- Charlie Parker: The complete Dial masters
- Chet Baker: Chet in Tokyo
- Dizzy Gillespie: Dizzy's big 4
- Lee Morgan: The sidewinder
- Art Ensemble of Chicago: Nice guys
- Joe Henderson: Page one
- Herbie Hancock: Maiden voyage
- Duke Ellington: ... and his mother called him Bill
- Eric Dolphy: Out to lunch
- Lennie Tristano: Lennie Tristano / the new Tristano (riuniti nello stesso CD dall'Atlantic)
- Stan Getz / Kenny Barron: People time
- Albert Ayler: Spiritual unity
- Bill Evans: Sunday at the Village Vanguard

Ecco qui. Senza pensarci su dopo, ben sapendo che non ho citato centinaia di cose...
Ed ora via alle critiche  :D
  • 0

non sono asociale...sono socialmente selettivo


#8 Guest_spacemen_*

Guest_spacemen_*
  • Guests

Inviato 09 luglio 2006 - 11:18

Grazie jazzer e anche agli altri.Provvederò ad ascoltarli tutti.Poi ti farò sapere.

#9 woody

woody

    mainstream Star

  • Members
  • StellettaStellettaStellettaStellettaStelletta
  • 2114 Messaggi:

Inviato 09 luglio 2006 - 13:38

In effetti la lista di Scaruffi segnala ottimi dischi ma ne lascia fuori (almeno fra le prime posizioni) altri molto belli e poi non considera il jazz pre anni 50, quindi mi sembrerebbe da evitare.
Visto che jazzer ha già iniziato una lista, cerco di citare altri artisti.

Duke Ellington - The Blanton Webster Band

John Coltrane - My Favourite Things

Charles Mingus - Pithecathropus Erectus e Live at Antibes (oltre a quello citato da jazzer che è obbligatorio)

Sarah Vaughan - with Clifford Brown

Pharoah Sanders - Izhipo Zam

Max Roach - We Insist! Freedom Now Suite

Jeanne Lee & Ran Blake - The Newest Sound Around

Sun Ra - Space Is the Place e Magic City

Jimmy Giuffre - Free Fall

Roland Kirk - I Eye Aye Live in Montreux e Rip Rig and Panic

Miles Davis - Bitches Brew e Sketches of Spain

Charlie Haden - Liberation Music Orchestra

Sonny Sharrock - Black Woman e Ask the Ages (Sharrock è un "minore" e forse non andrebbe incluso nella lista dei big, ma per me non è affatto minore, anzi sono due grandi dischi e Ask the Ages è uno dei migliori cd di jazz moderno che abbia mai sentito)

Mal Waldron - Free at Last

Bud Powell - The Amazing Bud Powell Vol 1 e 2

Don Cherry - Eternal Rhythm

Dave Brubeck - Time Out

George Russell - Ezz Thetics

Non sono i migliori dischi jazz, alcuni non sono nemmeno i mei preferiti (altri si), sono dischi che reputo belli e/o importanti tra quelli che mi sono venuti in mente adesso.
  • 0

#10 woody

woody

    mainstream Star

  • Members
  • StellettaStellettaStellettaStellettaStelletta
  • 2114 Messaggi:

Inviato 09 luglio 2006 - 13:55

Qualcosa di pi√Ļ moderno:

Otomo Yoshihide New Jazz Orchestra Plays Eric Dolphy' s Out to Lunch

Atomic - Boom Boom

Steve Coleman - Black Science

Tim Berne - Science Fiction

Lawrence "Butch" Morris - Dust to Dust

Satoko Fujii - Vulcan

Dave Douglas - Constellations

john Zorn & Naked City - Naked City

Questi non so se sono pietre miliari, se lo diventeranno, se non gliene frega un cazzo di diventarlo, però mi sembrava giusto includere qualcosa suonato negli ultimi 20 anni, così per farsi un idea di dove sia andato a parare sto benedetto jazz, che non si sa se è morto, se è vivo ma puzza, se non è mai nato etc, io di infilarci Wynton Marsalis non me la sentivo, l' ho sentito poco e mi sta sul cazzo il suo "fascismo ideologico" al punto che difficilmente potrò mai apprezzare questo musicista.
  • 0

#11 Notker

Notker

    Scaruffiano

  • Redattore OndaRock
  • StellettaStellettaStellettaStellettaStellettaStellettaStellettaStelletta
  • 18302 Messaggi:

Inviato 09 luglio 2006 - 14:07

Steve Coleman - Black Science


mi ha sempre incuriosito questo disco dellal W&W ma ho sempre pensato che dietro si nascondesse la sòla... di che si tratta?
  • 0
¬ę La schiena si piega solo quando l'anima √® gi√† piegata ¬Ľ
(Arturo Toscanini)

molti si chiedono se il pop/rock possa essere una forma d'arte musicale o meno; ebbene, lo è sicuramente... ma solo quando risponde al requisito esposto da Don Van Vliet:
¬ę Non voglio vendere la mia musica. Vorrei regalarla, perch√© da dove l'ho presa non bisogna pagare per averla ¬Ľ

#12 Jazzer

Jazzer

    Utente anziano

  • Members
  • StellettaStellettaStelletta
  • 383 Messaggi:
  • LocationVenezia

Inviato 09 luglio 2006 - 14:12

Questi non so se sono pietre miliari, se lo diventeranno, se non gliene frega un cazzo di diventarlo, però mi sembrava giusto includere qualcosa suonato negli ultimi 20 anni, così per farsi un idea di dove sia andato a parare sto benedetto jazz, che non si sa se è morto, se è vivo ma puzza, se non è mai nato etc, io di infilarci Wynton Marsalis non me la sentivo, l' ho sentito poco e mi sta sul cazzo il suo "fascismo ideologico" al punto che difficilmente potrò mai apprezzare questo musicista.


Buona cosa, questa. Dove stiano andando il jazz √® argomento scottante al quale magari dedicheremo un apposito thread (dove potremmo scannarci a dovere!  ;D).
Quanto a Wynton Marsalis sono fondamentalmente d'accordo con te, mi sta sulle palle pure a me, ma non posso negare che qualche cosa di "mr. perfettini" √® da ascoltare: penso al cofanetto "Wynton Marsalis Septet: Live at the Village Vanguard", sette dischi (pi√Ļ uno in omaggio!) davvero notevoli per intensit√† e espressivit√†. Sar√† la dimensione live, saranno gli ottimi musicisti, qui Marsalis mi pare si sia lasciato un po' andare. Belle registrazioni davvero.
Sto aspettando un altro suo disco "Live at the House of Tribes" che mi è stato consigliato da Enrico Rava: anche lui poco amante di Wynton, dice che questo s'ha da avere!
  • 0

non sono asociale...sono socialmente selettivo


#13 woody

woody

    mainstream Star

  • Members
  • StellettaStellettaStellettaStellettaStelletta
  • 2114 Messaggi:

Inviato 09 luglio 2006 - 15:03

La musica di Steve Coleman può essere descritta come un mix di jazz free e meno free con ritmiche funk. Su allmusic mi ricordo lessi che poteva assomigliare alla fase freefunk di Ornette Coleman, però io non ho mai ascoltato i dischi funk di Ornette, solo il primo di James Blood Ulmer in cui suona appunto anche Ornette e quello non mi sembra poi molto simile.
Qui Steve Coleman dà una spiegazione dlla sua filosofia musicale:
http://www.m-base.com/mbase.html

Per quanto riguarda Marsalis darò un occhiata, anzi un orecchiata ai consigli di jazzer e di Rava. Io avevo sentito il suo rifacimento di A Love Supreme, disco abbastanza inutile, sembra che Marsalis non abbia proprio capito un cazzo del cd di Coltrane.
  • 0

#14 charley_ellroy

charley_ellroy

    pivello

  • Members
  • Stelletta
  • 31 Messaggi:

Inviato 09 luglio 2006 - 15:31

Ehm... se vuoi un consiglio da un quasi neofita come te non cominciare con l'avventurarti con cose tipo "Bitches brew", meglio lasciarle per tempi migliori...
Trovo indicata la lista di jazzer, dalla quale prendo spunto volentieri
  • 0

#15 Jazzer

Jazzer

    Utente anziano

  • Members
  • StellettaStellettaStelletta
  • 383 Messaggi:
  • LocationVenezia

Inviato 09 luglio 2006 - 15:36

Io avevo sentito il suo rifacimento di A Love Supreme, disco abbastanza inutile, sembra che Marsalis non abbia proprio capito un cazzo del cd di Coltrane.


vangelo!  ;)
  • 0

non sono asociale...sono socialmente selettivo


#16 woody

woody

    mainstream Star

  • Members
  • StellettaStellettaStellettaStellettaStelletta
  • 2114 Messaggi:

Inviato 09 luglio 2006 - 16:20

Ehm... se vuoi un consiglio da un quasi neofita come te non cominciare con l'avventurarti con cose tipo "Bitches brew", meglio lasciarle per tempi migliori...


Io invece eviterei questo tipo di consigli.
Ti faccio un esempio, molti considerano Kind of Blue uno dei migliori dischi per iniziare col jazz, a me ci sono voluti secoli per apprezzarlo. Invece da neofita qual ero, mi bast√≤ l' ascolto del primo cd di Bitches Brew per apprezzare il cuore nero pulsante di questo disco. Insomma quali dischi siano pi√Ļ indirizzati per iniziare l' ascolto dipende dal background dell' ascoltatore stesso e da molti altri fattori.
Il consiglio mio √® di ascoltarsi un p√≤ di dischi di periodi, generi e artisti diversi, quindi partire con ci√≤ che si trova pi√Ļ affine ai propri gusti e non accantonare per sempre un disco se all' inizio non ci piace, perch√® √® possibile che l' ascoto di altri dischi ci faciliti in seguito l' ascolto di altri che all' inizio ci erano risultati ostici.
  • 0

#17 Fudoshin

Fudoshin

    Groupie

  • Members
  • StellettaStellettaStelletta
  • 134 Messaggi:

Inviato 09 luglio 2006 - 16:39

Jimmy Giuffre - Free Fall






Questo è un disco interessantissimo di cui si parla molto poco...considerando che Giuffre aveva sempre suonato jazz di genere completamente diverso un disco del genere rappresenta una svolta incredibile...
Detto ciò, data la sua atipicità non lo vedo molto bene come eventuale primo approccio alla musica jazz...
  • 0

#18 out of the cool

out of the cool

    Roadie

  • Members
  • StellettaStellettaStellettaStelletta
  • 608 Messaggi:

Inviato 09 luglio 2006 - 17:07

Per quanto riguarda Marsalis darò un occhiata, anzi un orecchiata ai consigli di jazzer e di Rava. Io avevo sentito il suo rifacimento di A Love Supreme, disco abbastanza inutile, sembra che Marsalis non abbia proprio capito un cazzo del cd di Coltrane.

Beh, quello però è fatto da Branford, il fratello sassofonista di Wynton...che è anche molto meno "conservatore" di quel che si crede (vedi il progetto "Buckshot le fonque", dove ci sono reggae, rap, e funk a manetta).
Su Wynton: sta molto sul cazzo pure a me con le sue menate sul "vero e puro jazz" ecc. ecc., però l'unico disco suo che ho sentito, "Black codes from the underground", devo ammettere che è davvero bello. Prende tanto tanto (ma anche tantissimo) dal quintetto di Miles e Shorter, che io adoro alla follia, dunque mi piace. Mi è parso cmq inferiore ma se si vuole altra roba su quello stile è perfetto.
  • 0

#19 charley_ellroy

charley_ellroy

    pivello

  • Members
  • Stelletta
  • 31 Messaggi:

Inviato 09 luglio 2006 - 22:23

Io invece eviterei questo tipo di consigli.
Ti faccio un esempio, molti considerano Kind of Blue uno dei migliori dischi per iniziare col jazz, a me ci sono voluti secoli per apprezzarlo.


Appunto, molti, parlo in generale: tu,probabilmente, sei l'eccezione che conferma la regola.
  • 0

#20 charley_ellroy

charley_ellroy

    pivello

  • Members
  • Stelletta
  • 31 Messaggi:

Inviato 09 luglio 2006 - 22:36


Ehm... se vuoi un consiglio da un quasi neofita come te non cominciare con l'avventurarti con cose tipo "Bitches brew", meglio lasciarle per tempi migliori...


Il consiglio mio √® di ascoltarsi un p√≤ di dischi di periodi, generi e artisti diversi, quindi partire con ci√≤ che si trova pi√Ļ affine ai propri gusti e non accantonare per sempre un disco se all' inizio non ci piace, perch√® √® possibile che l' ascoto di altri dischi ci faciliti in seguito l' ascolto di altri che all' inizio ci erano risultati ostici.


Beh, siamo adirittura d'accordo mi sembra: non ho detto di lasciar perdere cose tipo Bitches Brew (MEDIAMENTE non immediate), ma di provare a risentirle pi√Ļ avanti con un maggiore bagaglio jazz alle spalle...
  • 0




0 utente(i) stanno leggendo questa discussione

0 utenti, 0 ospiti, 0 utenti anonimi

IPB Skin By Virteq