Vai al contenuto


Foto
* * * * - 23 Voti

cosa state leggendo


  • Please log in to reply
18640 replies to this topic

#16761 frankie teardrop

frankie teardrop

    That's right, The Mascara Snake, fast and bulbous

  • Redattore OndaRock
  • StellettaStellettaStellettaStellettaStellettaStellettaStellettaStellettaStelletta
  • 21231 Messaggi:
  • LocationPalma Campania (Napoli)

Inviato 13 novembre 2017 - 16:14

ho ripreso anche questo:

lettere-luterane-foto.jpg


  • 0

#16762 Stefanogi

Stefanogi

    Groupie

  • Members
  • StellettaStellettaStelletta
  • 361 Messaggi:
  • LocationBologna

Inviato 14 novembre 2017 - 17:22

9788845911743_0_0_1808_75.jpg

 

Ho da poco finito questa esperienza densissima e stordente nel suo profluvio di scelleratezze ed esistenzialismo grottesco, un parossimo di atrocità e pazzia che ammalia ed imprigiona grazie alla scrittura ossessiva e compulsiva, sovrastrutturata ed imponente, che non lascia adito ad una fuga, nessuno spiraglio nel foltissimo groviglio di rovi e spine che sono le parole,i pensieri e le riflessioni di un'esistenza perturbata ed angosciosa.

Un medico e suo figlio attraversano lande desolate, plumbee ed oscure, incontrando vite devastate e soggiogate dallo sforzo insopprimibile di un'esistenza scialacquata in un turbinio di disperazione e disillusione, coscienze spazzate via da un gelido vento sordido, anime disincantate in un'astrazione verso l'ignoto che ha le sembianze di un gigantesco delitto perpetrato nei confronti di persone aggrovigliate in un tangibile e bruciante dolore fisico e psichico.

Il rapporto atavico tra padre e figlio guida questo cammino impetuoso ed imperterrito nel suo dipanarsi in vie fangose e brumose, in putrescenti stanze claustrofobiche in cui tutto è imprigionato e soggiogato da una condizione di indigenza esasperante.

Il culmine del percorso si raggiunge nel monologo fiume che vomita un turbinio di insensatezze sulla condizione umana, un oceano di irragionevolezze lucidissime che fanno da megafono e contraltare ad una follia che si libra avviluppandosi su se stessa in un concentrato di filosofia, politica, natura, rapporti umani. Una dissertazione che si chiude a riccio, indeglutibile ed indigeribile, che spiazza e porta a riflessioni sempre più profonde.

Impegnativo ma gratificante dopo lo sforzo compiuto.

 

Lo avevo iniziato a leggere anch'io ma poi l'ho riposto in un cassetto in occasioni di tempi migliori e di altro spirito.


  • 0

#16763 Duck

Duck

    Categnaccio

  • Members
  • StellettaStellettaStellettaStellettaStellettaStellettaStellettaStellettaStelletta
  • 20378 Messaggi:

Inviato 14 novembre 2017 - 17:43

Altro giro, altro Adelphi: La Famiglia Karnowski, di Israel Joshua Singer (fratello maggiore di un premio Nobel, io non li avevo mai sentiti nè l'uno nè l'altro).

 

46c542ff46c756a602493d9d9a38e22a_w600_h_

 

Mi aspettavo un mattonazzo come non mai, e invece lettura fin troppo comoda.

A parte quello, è la storia di una famiglia ebraica in Germania per tre generazioni, da fine '800 agli anni '30, con le divergenze nella comunità, i contrasti tra le aspettative dei padri e la realtà dei figli, gli studi della Bibbia e le passioni, tutto nel contesto storico che solo alla fine arriva al regime nazista in tutta la sua crudezza. Nei personaggi minori e nelle fatiche della gente comune ci si può ritrovare qualcosa di Steinbeck e di Malamud, ma al centro rimane la saga familiare.


  • 1

«Mister, possiamo lavorare sulle diagonali?», la richiesta di qualche giocatore. No, la risposta del tecnico. 

 

 


#16764 Dark Mavis

Dark Mavis

    mainstream Star

  • Members
  • StellettaStellettaStellettaStellettaStelletta
  • 1089 Messaggi:

Inviato 14 novembre 2017 - 18:56

 

9788845911743_0_0_1808_75.jpg

 

Ho da poco finito questa esperienza densissima e stordente nel suo profluvio di scelleratezze ed esistenzialismo grottesco, un parossimo di atrocità e pazzia che ammalia ed imprigiona grazie alla scrittura ossessiva e compulsiva, sovrastrutturata ed imponente, che non lascia adito ad una fuga, nessuno spiraglio nel foltissimo groviglio di rovi e spine che sono le parole,i pensieri e le riflessioni di un'esistenza perturbata ed angosciosa.

Un medico e suo figlio attraversano lande desolate, plumbee ed oscure, incontrando vite devastate e soggiogate dallo sforzo insopprimibile di un'esistenza scialacquata in un turbinio di disperazione e disillusione, coscienze spazzate via da un gelido vento sordido, anime disincantate in un'astrazione verso l'ignoto che ha le sembianze di un gigantesco delitto perpetrato nei confronti di persone aggrovigliate in un tangibile e bruciante dolore fisico e psichico.

Il rapporto atavico tra padre e figlio guida questo cammino impetuoso ed imperterrito nel suo dipanarsi in vie fangose e brumose, in putrescenti stanze claustrofobiche in cui tutto è imprigionato e soggiogato da una condizione di indigenza esasperante.

Il culmine del percorso si raggiunge nel monologo fiume che vomita un turbinio di insensatezze sulla condizione umana, un oceano di irragionevolezze lucidissime che fanno da megafono e contraltare ad una follia che si libra avviluppandosi su se stessa in un concentrato di filosofia, politica, natura, rapporti umani. Una dissertazione che si chiude a riccio, indeglutibile ed indigeribile, che spiazza e porta a riflessioni sempre più profonde.

Impegnativo ma gratificante dopo lo sforzo compiuto.

 

Lo avevo iniziato a leggere anch'io ma poi l'ho riposto in un cassetto in occasioni di tempi migliori e di altro spirito.

 

stessa cosa che è capitata a me con Correzione (era la prima volta che provavo a leggere Bernhard). Prima o poi lo riprendo in mano.


  • 1

#16765 Bugskull

Bugskull

    Been going to bed early

  • Members
  • StellettaStellettaStelletta
  • 357 Messaggi:

Inviato 15 novembre 2017 - 19:12

Finito Grandi speranze di Dickens. Triste e ironico come mi piace lui. Stranamente mi mancano alcuni fra i più famosi in cui magari questa atmosfera si sente meno (Oliver Twist e Copperfield, per dire) ma gli altri due estesi che ho letto, Hard times e A tale of two cities, magnifici entrambi quanto questo (e A tale of two cities credo sia uno dei libri più tristi che abbia mai letto, di certo quello con il personaggio più triste)


  • 0

#16766 Spiritchaser

Spiritchaser

    underground nebulosa

  • Members
  • StellettaStellettaStellettaStellettaStelletta
  • 2214 Messaggi:

Inviato 16 novembre 2017 - 11:11

Io sto leggendo proprio David Copperfield, il primo di Dickens che leggo. Bello corposo. In effetti qui di tristezza non c'è moltissimo; l'ironia sì, più che altro riservata ai personaggi e ai loro dialoghi e mai nella voce narrante di Copperfield.


  • 0

#16767 dUST

dUST

    dolente o nolente

  • Members
  • StellettaStellettaStellettaStellettaStellettaStellettaStellettaStellettaStelletta
  • 27464 Messaggi:
  • LocationKagoshima

Inviato 16 novembre 2017 - 11:36

Altro giro, altro Adelphi: La Famiglia Karnowski, di Israel Joshua Singer (fratello maggiore di un premio Nobel, io non li avevo mai sentiti nè l'uno nè l'altro).

 

46c542ff46c756a602493d9d9a38e22a_w600_h_

 

Mi aspettavo un mattonazzo come non mai, e invece lettura fin troppo comoda.

A parte quello, è la storia di una famiglia ebraica in Germania per tre generazioni, da fine '800 agli anni '30, con le divergenze nella comunità, i contrasti tra le aspettative dei padri e la realtà dei figli, gli studi della Bibbia e le passioni, tutto nel contesto storico che solo alla fine arriva al regime nazista in tutta la sua crudezza. Nei personaggi minori e nelle fatiche della gente comune ci si può ritrovare qualcosa di Steinbeck e di Malamud, ma al centro rimane la saga familiare.

 

Meriteresti un meno per non conoscere almeno il blasonato tra i due. Ma io ti voglio bene e ti dico che secondo me Ombre sull'Hudson è nelle tue corde, provalo


  • 0

 mi ricorda un po' Moro.

 

 

 

 

Con trepidazione vivo solo le partite dell'Inter.

 

 

 

Io non rispondo a fondo perchè non voglio farmi bannare, però una cosa voglio dirla: voi grillini siete il punto più basso mai raggiunto dal genere umano. Di stupidi ne abbiamo avuti, non siete i primi. Di criminali anche. Voi siete la più bassa sintesi tra violenza e stupidità. Dovete semplicemente cessare di esistere, come partito (e qui non ci si metterà molto) e come topi di fogna (e qui sarà un po' più lunga, ma cristo se la pagherete cara).

 

 


#16768 Duck

Duck

    Categnaccio

  • Members
  • StellettaStellettaStellettaStellettaStellettaStellettaStellettaStellettaStelletta
  • 20378 Messaggi:

Inviato 16 novembre 2017 - 11:58

Eh Dest, io non ho mai detto di non essere ignorante asd 

Rimedio con quello.


  • 0

«Mister, possiamo lavorare sulle diagonali?», la richiesta di qualche giocatore. No, la risposta del tecnico. 

 

 


#16769 Trickster017

Trickster017

    Rocker statale

  • Members
  • StellettaStellettaStellettaStellettaStellettaStelletta
  • 4339 Messaggi:
  • LocationRoma

Inviato 16 novembre 2017 - 16:28

oggi mi concedo una lettura "più leggera" 
 
http%3A%2F%2Fmedia.booksblog.it%2F5%2F58

Com'è? Voglio leggerlo più o meno da quando è uscito (Springsteen è il mio idolo di infanzia, adolescenza e probabilmente vecchiaia e post-mortem)

volevo sapere anch'io com'è!
Penso di comprarlo e mi servirebbe un'opinione. Non che Springsteen musicalmente mi faccia impazzire ma sono sicuro che abbia molto da raccontare di interessante. Voglio anche capire meglio il suo background, i suoi testi, le sue esperienze.
  • 0

Keine Gegenstaende aus dem Fenster werfen


#16770 frankie teardrop

frankie teardrop

    That's right, The Mascara Snake, fast and bulbous

  • Redattore OndaRock
  • StellettaStellettaStellettaStellettaStellettaStellettaStellettaStellettaStelletta
  • 21231 Messaggi:
  • LocationPalma Campania (Napoli)

Inviato 17 novembre 2017 - 11:30

 

 

oggi mi concedo una lettura "più leggera" 
 
http%3A%2F%2Fmedia.booksblog.it%2F5%2F58

Com'è? Voglio leggerlo più o meno da quando è uscito (Springsteen è il mio idolo di infanzia, adolescenza e probabilmente vecchiaia e post-mortem)

volevo sapere anch'io com'è!
Penso di comprarlo e mi servirebbe un'opinione. Non che Springsteen musicalmente mi faccia impazzire ma sono sicuro che abbia molto da raccontare di interessante. Voglio anche capire meglio il suo background, i suoi testi, le sue esperienze.

 

 

vai sicuro: compralo!
 


  • 0

#16771 Dudley

Dudley

    mainstream Star

  • Members
  • StellettaStellettaStellettaStellettaStelletta
  • 1793 Messaggi:

Inviato 17 novembre 2017 - 22:31

Appena terminato "La gloria" di Giuseppe Berto. Bel romanzo, basato su di un immaginario monologo interiore di Giuda Iscariota, che per certi versi riscrive il Vangelo dal suo punto di vista ... Il tradimento come tacito accordo preso con Gesù, come atto necessario - di più: richiesto - affinché la Storia giungesse a compimento ... Una scrittura fuori dal comune, un uomo che andava morendo di cancro (il Berto si spense qualche mese dopo la pubblicazione del romanzo), per me l'ennesima prova che vi sono ancora troppi scrittori italiani oggi poco conosciuti e meritevoli di riscoperta ... A breve recupero anche il suo capolavoro, "Il male oscuro".

Qui un'interessante articolo apparso sul sito de "Il Giornale" in occasione della recente ripubblicazione da parte di Neri Pozza del romanzo:

http://www.ilgiornal...to-1448469.html

 

8cfb02418fbaf95396a90e1be567b145.jpg


  • 2

#16772 piersa

piersa

    Megalo-Man

  • Redattore OndaCinema
  • StellettaStellettaStellettaStellettaStellettaStellettaStellettaStellettaStelletta
  • 20043 Messaggi:
  • Location14-16 Fabrizi Nicola e Aldo

Inviato 17 novembre 2017 - 23:46

Il male oscuro è una disamina del rapporto padre-figlio molto bella, bellissima proprio
  • 0

#16773 Greed

Greed

    passive attack

  • Members
  • StellettaStellettaStellettaStellettaStellettaStellettaStellettaStelletta
  • 11548 Messaggi:

Inviato 18 novembre 2017 - 13:48

Piersa volevo i tuoi due cent dollari su Moresco perché per qualche motivo vi vedo affini (non chiedermi in cosa).

Nel frattempo mi è capitato in mano, sempre di M., Il vulcano, con """saggi"""" e "pamphlet" e sto leggendo con piacere il suo attacco frontale a Calvino.

 

"Solo nella sorprendente Giornata di uno scrutatore, contrapponendo teatro sociale a mostruosità "naturale", Calvino sembra avvicinarsi al nocciolo magmatico della vita. Poi scappa di nuovo via, scappa come una lepre!"

 

"Come un topolino accorto e potente, che fa di necessità virtù, dei propri limiti potere, forza. Stabilisce coordinate e precettistiche, regolarmente tagliate sulla propria misura, che poi sarebbero rimaste quelle della "maniera colta" italiana fino ad oggi, fin quasi ad oggi, perché ormai sono travolte anch'esse da ben altre ondate azzeranti e virtuali [...]"

 

___

Poi inizio i Pitard di Simenon, consigliatomi caldamente da un amico. Avevo da poco finito La neve era sporca. Miseria e crudeltà e una donna alla finestra.


  • 1

#16774 Stephen

Stephen

    Gatto disidratato

  • Members
  • StellettaStellettaStellettaStellettaStellettaStelletta
  • 3287 Messaggi:
  • LocationAmong these dark Satanic Mills

Inviato 18 novembre 2017 - 16:15

Se non l'hai letto di consiglio anche Pasolini contro Calvino della Benedetti, cui sono molto affezionato. Diciamo che è il "prequel" - tant'è che forse il saggio di Moresco è più un attacco alla concezione della letteratura di Pasolini, o no? Se ricordo bene c'era tutto il discorso sulla "forma" e la "morte", che avevo letto come un "recupero" di Calvino.

 

C'era quell'episodio di auto-fiction in cui a cena parla dei russi e la resurrezione dei morti che è particolarmente attuale visto il ritorno della tematica dei transumanisti libertari. ashd


  • 0

"Proprio luiii... Piątek, il pistoleeerooo!!!"

Uno show crossover con Montalbano e Don Matteo.


#16775 Fast_Forward

Fast_Forward

    >>

  • Members
  • StellettaStelletta
  • 84 Messaggi:

Inviato 18 novembre 2017 - 17:53

Il mio status attuale (in tesi) impone letture di evasione. Sto leggendo quindi "Perdido Street Station" di China Mieville (è il primo di una trilogia detta "del Bas Lag" dal nome del mondo in cui è ambientato - non ho capito tuttavia se i libri condividano anche storia e personaggi o solo l'ambientazione).

 

E' un fantasy, che trovo molto originale, ben scritto e non troppo barocco nelle descrizioni. Trattasi per chi non lo conoscesse di un romanzo facente parte del "genere" New Weird (ovvero fantasy/fantascienza che si discosta programmaticamente dai canoni tolkieniani), ambientato in un mondo (nella fattispecie, in una città) abitato da diverse razze e caratterizzato da un generalizzato squallore industrialeggiante di ispirazione steam punk.

 

Abbondano i particolari "scientifici" e magici, organizzati in modo originale e mai troppo pedante. I protagonisti sono una coppia "intespecie" formata da uno scienziato e da un'artista alle prese con i rispettivi lavori e con le nefandezze causate da una ingiustizia sociale dovuta ad uno stato molto poco democratico e dalle tendenze fascio-capitalistiche (l'autore è iscritto al partito socialista inglese ed è esperto di marxismo).

 

Lo trovo un libro appassionante, dalle atmosfere intese e avvolgenti, dalla trama molto coinvolgente. Vivamente consigliato a chi si trovi in uno status simile al mio, con necessità di evasione e letture poco impegnative.


  • 0

#16776 häxan

häxan

    ▣║█║░██░

  • Moderators
  • 975 Messaggi:

Inviato 18 novembre 2017 - 18:30

 (è il primo di una trilogia detta "del Bas Lag" dal nome del mondo in cui è ambientato - non ho capito tuttavia se i libri condividano anche storia e personaggi o solo l'ambientazione).

 

la seconda che hai detto, anche se qualche personaggio ricorrente c'è se non erro.


  • 0

Quando ero giovane e leggevo Deleuze pendendo dalle sue labbra come una puttanella

 

Non la buttiamo sempre sulla campagna e sulle colline per favore.


#16777 Duck

Duck

    Categnaccio

  • Members
  • StellettaStellettaStellettaStellettaStellettaStellettaStellettaStellettaStelletta
  • 20378 Messaggi:

Inviato 18 novembre 2017 - 19:46

Sto quasi finendo la scorta, per cui mi gioco la carta del libro lungo:

 

3072364-9788845274060.png


  • 1

«Mister, possiamo lavorare sulle diagonali?», la richiesta di qualche giocatore. No, la risposta del tecnico. 

 

 


#16778 Greed

Greed

    passive attack

  • Members
  • StellettaStellettaStellettaStellettaStellettaStellettaStellettaStelletta
  • 11548 Messaggi:

Inviato 18 novembre 2017 - 23:01

Ho comprato una bella edizione delle fiabe di Perrault, della bur, con le incisioni di Dorè.
Prima frase del testo.

Un mugnaio ai tre figli altro che il suo mulino, il suo asino, il suo gatto.

I miei studi di filologia e linguistica mi portano a dedurre che si sono dimenticati di trascrivere un verbo. Ora io non vi dico di riguardare tutta la pagina, prima di mandare in stampa: ma almeno la prima frase sì dai.
  • 3

#16779 Bugskull

Bugskull

    Been going to bed early

  • Members
  • StellettaStellettaStelletta
  • 357 Messaggi:

Inviato 20 novembre 2017 - 17:58

Paradise Lost di Milton


  • 2

#16780 Stephen

Stephen

    Gatto disidratato

  • Members
  • StellettaStellettaStellettaStellettaStellettaStelletta
  • 3287 Messaggi:
  • LocationAmong these dark Satanic Mills

Inviato 21 novembre 2017 - 13:54

Lo trovo un libro appassionante, dalle atmosfere intese e avvolgenti, dalla trama molto coinvolgente. Vivamente consigliato a chi si trovi in uno status simile al mio, con necessità di evasione e letture poco impegnative.


Io pure sono in tesi ma me ne importa talmente che sto leggendo Pavese. ashd
  • 0

"Proprio luiii... Piątek, il pistoleeerooo!!!"

Uno show crossover con Montalbano e Don Matteo.





0 utente(i) stanno leggendo questa discussione

0 utenti, 0 ospiti, 0 utenti anonimi

IPB Skin By Virteq