Vai al contenuto


Foto
* * * * - 23 Voti

cosa state leggendo


  • Please log in to reply
18565 replies to this topic

#15961 piersa

piersa

    Megalo-Man

  • Redattore OndaCinema
  • StellettaStellettaStellettaStellettaStellettaStellettaStellettaStellettaStelletta
  • 20012 Messaggi:
  • Location14-16 Fabrizi Nicola e Aldo

Inviato 19 maggio 2017 - 15:22

semmai i pasoliniani. Lui non ne ha colpa


  • 4

#15962 lazlotoz

lazlotoz

    Classic Rocker

  • Moderators
  • 5159 Messaggi:

Inviato 19 maggio 2017 - 21:42

beh, Bianciardi è stato licenziato per "scarsa produttività" eh.

 

Motivo in più per amarlo.  asd


  • 2

lazlotoz, [...]: sei un gigantesco coglione. Ma proprio un cretino senza pari, [...] Sparati, che fai un favore al mondo.


#15963 Greed

Greed

    passive attack

  • Members
  • StellettaStellettaStellettaStellettaStellettaStellettaStellettaStelletta
  • 11503 Messaggi:

Inviato 20 maggio 2017 - 21:16

Joao Guimaraes Rosa - Una storia d'amore (93 pag)

 

41a4FQn5mrL._AC_US218_.jpg

 

C'è un uomo, Manuelzone, che ha una proprietà all'interno del Brasile. Lavora da sempre per non essere povero, o stare sotto altri. Fa erigere una cappella vicino alla sua casa, in ricordo della madre, e per l'occasione si ferma, e dà una gigantesca festa. Comincia a sentirsi estraneo alla festa (e forse alla vita) che ha creato, e alla fine si ritrova con la persona a lui più diversa: Camillo, l'unico a dire "Io non mi diverto, no", un poveraccio, un vecchio che Manuelzone ospita e mantiene.

Il finale è una cantata di Camillo, su "Un bove e un cavallo" indomabili, e traghetta la festa all'alba che l'avrebbe terminata. Questa cantata è l'unica cosa che ho letto e mi abbia ricordato l'incedere della Chanson de Roland, o quelle altre cose del Cento-Dugento francese. E forse i buoi divini-mitici del Tain Bo Cuailnge dell'epica irlandese: ma è solo per dire che se lo stile di Guimaraes è quello di un modernista, il suo mondo e la sua natura conservano una radice sacrale e arcaica.

Giunto alla quarta lettura di Guimaraes, ho capito che sarà difficile attraversare i suoi mondi senza inghippi. Si è sempre alle prese con qualcosa che sfugge. Ma non è questa incertezza che ci rende lettori?

___________________

 

Absent Friend, ho trovato questo in biblio, sto leggendo il saggio del mio professore. C'è qualcosa che mi consigli in particolare? Mi ispira il primo romanzo, "Essi pensano ad altro", e anche quelli per bambini, Penny Wirton o il pinguino.

 

2015738.jpg


  • 0

#15964 Greed

Greed

    passive attack

  • Members
  • StellettaStellettaStellettaStellettaStellettaStellettaStellettaStelletta
  • 11503 Messaggi:

Inviato 20 maggio 2017 - 21:32

Ps. Qualcuno ha letto questo?

https://www.ibs.it/s...e/9788845281259

 

Pps. Non lo leggo da una vita e mezzo, ma sì, sono un tolkeniano.


  • 0

#15965 ravel

ravel

    mon cœur est rouge

  • Members
  • StellettaStellettaStellettaStellettaStelletta
  • 2067 Messaggi:

Inviato 21 maggio 2017 - 15:02

Joao Guimaraes Rosa - Una storia d'amore (93 pag)

 

41a4FQn5mrL._AC_US218_.jpg

 

C'è un uomo, Manuelzone, che ha una proprietà all'interno del Brasile. Lavora da sempre per non essere povero, o stare sotto altri. Fa erigere una cappella vicino alla sua casa, in ricordo della madre, e per l'occasione si ferma, e dà una gigantesca festa. Comincia a sentirsi estraneo alla festa (e forse alla vita) che ha creato, e alla fine si ritrova con la persona a lui più diversa: Camillo, l'unico a dire "Io non mi diverto, no", un poveraccio, un vecchio che Manuelzone ospita e mantiene.

Il finale è una cantata di Camillo, su "Un bove e un cavallo" indomabili, e traghetta la festa all'alba che l'avrebbe terminata. Questa cantata è l'unica cosa che ho letto e mi abbia ricordato l'incedere della Chanson de Roland, o quelle altre cose del Cento-Dugento francese. E forse i buoi divini-mitici del Tain Bo Cuailnge dell'epica irlandese: ma è solo per dire che se lo stile di Guimaraes è quello di un modernista, il suo mondo e la sua natura conservano una radice sacrale e arcaica.

Giunto alla quarta lettura di Guimaraes, ho capito che sarà difficile attraversare i suoi mondi senza inghippi. Si è sempre alle prese con qualcosa che sfugge. Ma non è questa incertezza che ci rende lettori?

___________________

 

Absent Friend, ho trovato questo in biblio, sto leggendo il saggio del mio professore. C'è qualcosa che mi consigli in particolare? Mi ispira il primo romanzo, "Essi pensano ad altro", e anche quelli per bambini, Penny Wirton o il pinguino.

 

2015738.jpg

 

Be', veramente di Silvio D'Arzo la prima (e assoluta) cosa da leggere è Casa d'altri, il racconto perfetto, come diceva - mi pare - Montale...


  • 0

"Ciò che l'uomo può essere per l'uomo non si esaurisce in forme comprensibili".
(k. jaspers)

 

Moriremotuttista


#15966 Greed

Greed

    passive attack

  • Members
  • StellettaStellettaStellettaStellettaStellettaStellettaStellettaStelletta
  • 11503 Messaggi:

Inviato 21 maggio 2017 - 15:55

L'ho già letto infatti, insieme agli altri racconti di "Casa d'altri e altri racconti" che pubblica Einaudi.
Sì era Montale, e si capisce il perché.
  • 0

#15967 Greed

Greed

    passive attack

  • Members
  • StellettaStellettaStellettaStellettaStellettaStellettaStellettaStelletta
  • 11503 Messaggi:

Inviato 23 maggio 2017 - 17:08

Io penso che i dialetti vadano insegnati nelle scuole:

 

 

"Dico infatti che quello dei Romani non è un volgare ma un turpiloquio, certo la lingua più brutta tra tutte quelle d'Italia."

 

"Passiamo poi ai Toscani, che, rimbecilliti dalla loro demenza, arrogano a sé il titolo del volgare illustre [...] I fiorentini aprono bocca e dicono Manichiamo, introcque che noi non facciamo altro [...] I senesi: Onche renegata avess'io Siena. Ch'ee chesto?"

 

"Mettiamo fuori anche i Sardi, che non sono Italiani ma agli Italiani vanno uniti, perché sono gli unici che non paiono avere un volgare proprio e imitano il latino come le scimmie l'uomo: dicono infatti domus nova e dominus meus"

 

Spoiler


  • 5

#15968 piersa

piersa

    Megalo-Man

  • Redattore OndaCinema
  • StellettaStellettaStellettaStellettaStellettaStellettaStellettaStellettaStelletta
  • 20012 Messaggi:
  • Location14-16 Fabrizi Nicola e Aldo

Inviato 23 maggio 2017 - 17:36

livre de chevet (ne ho una versione semi-preziosa) schiatta asd


  • 0

#15969 Greed

Greed

    passive attack

  • Members
  • StellettaStellettaStellettaStellettaStellettaStellettaStellettaStelletta
  • 11503 Messaggi:

Inviato 23 maggio 2017 - 17:38

Faccela vedè.

(Non sapevo scrivessi canzoni)

 

 

Ah, Nijinsky, dato che mi pare che lo stessi leggendo e che sei nordico, ti volevo dire che I Promessi Sposi sono molto più belli nella ventisettana (me la sono letta tutta dal cap. 10), che elude molti toscanismi che avrebbero fatto rabbrividire lo stesso Dante asd


  • 1

#15970 piersa

piersa

    Megalo-Man

  • Redattore OndaCinema
  • StellettaStellettaStellettaStellettaStellettaStellettaStellettaStellettaStelletta
  • 20012 Messaggi:
  • Location14-16 Fabrizi Nicola e Aldo

Inviato 23 maggio 2017 - 17:40

dài, è quella di Trissino (se mi ricordo la filmo)


  • 0

#15971 Greed

Greed

    passive attack

  • Members
  • StellettaStellettaStellettaStellettaStellettaStellettaStellettaStelletta
  • 11503 Messaggi:

Inviato 23 maggio 2017 - 17:43

Una ristampa immagino, non la cinquecentina, no?  ?_?


  • 0

#15972 piersa

piersa

    Megalo-Man

  • Redattore OndaCinema
  • StellettaStellettaStellettaStellettaStellettaStellettaStellettaStellettaStelletta
  • 20012 Messaggi:
  • Location14-16 Fabrizi Nicola e Aldo

Inviato 23 maggio 2017 - 17:44

credo, comunque me l'hanno quotata 25mila dollari


  • 0

#15973 Greed

Greed

    passive attack

  • Members
  • StellettaStellettaStellettaStellettaStellettaStellettaStellettaStelletta
  • 11503 Messaggi:

Inviato 23 maggio 2017 - 19:14

asd


  • 0

#15974 lazlotoz

lazlotoz

    Classic Rocker

  • Moderators
  • 5159 Messaggi:

Inviato 23 maggio 2017 - 21:14

2979_Lavitaagra_1227811515.jpg

 

La vita agra di Bianciardi.

Son a circa metà e ho come l'impressione si tratti di un vero capolavoro al di là del tempo. Bianciardi riesce a raccontare con una lingua viva e multiforme il suo tempo e, in realtà, il nostro tempo. Incredibile.

Finito.

Capolavoro.

Finale che fa venire un groppo alla gola. 

 

 

Consigli su altre cose di Bianciardi? Ha scritto altre cose così belle?


  • 0

lazlotoz, [...]: sei un gigantesco coglione. Ma proprio un cretino senza pari, [...] Sparati, che fai un favore al mondo.


#15975 piersa

piersa

    Megalo-Man

  • Redattore OndaCinema
  • StellettaStellettaStellettaStellettaStellettaStellettaStellettaStellettaStelletta
  • 20012 Messaggi:
  • Location14-16 Fabrizi Nicola e Aldo

Inviato 23 maggio 2017 - 22:01

Purtroppo no. Il film l'hai visto? Tognazzi steatosferico
  • 0

#15976 Scripti Politti

Scripti Politti

    サカナクション

  • Members
  • StellettaStellettaStellettaStellettaStelletta
  • 2490 Messaggi:

Inviato 23 maggio 2017 - 22:02

 

2979_Lavitaagra_1227811515.jpg

 

La vita agra di Bianciardi.

Son a circa metà e ho come l'impressione si tratti di un vero capolavoro al di là del tempo. Bianciardi riesce a raccontare con una lingua viva e multiforme il suo tempo e, in realtà, il nostro tempo. Incredibile.

Finito.

Capolavoro.

Finale che fa venire un groppo alla gola. 

 

 

Consigli su altre cose di Bianciardi? Ha scritto altre cose così belle?

 

 

Il Lavoro Culturale, te lo consiglio.


  • 1

#15977 lazlotoz

lazlotoz

    Classic Rocker

  • Moderators
  • 5159 Messaggi:

Inviato 23 maggio 2017 - 22:09

Purtroppo no. Il film l'hai visto? Tognazzi steatosferico

Non l'ho visto, ma lo vedrò a breve.

Anche se mi sembra un libro abbastanza infilmabile, tanto è potente formalmente.

 

"Ma per intanto il coito si è ridotto, per la stragrande maggioranza degli utenti, a pura rappresentazione mimica, a ripetizione pedissequa e meccanica di positure, gesti, atti, trabalzamenti, in vista dell'evacuazione seminale, unico fine ormai riconoscibile e legalmente esigibile. Il resto non conta, il resto è puro simbolo che serve a spingerti all'attivismo vacuo. Questo vuole la classe dirigente, questo vogliono sindaco, vescovo e padrone, questurino, sociologo e onorevole, vogliono non già una vita sessuale vissuta, ma il continuo stimolo del simbolo sessuale che induca a muoversi all'infinito." 


  • 0

lazlotoz, [...]: sei un gigantesco coglione. Ma proprio un cretino senza pari, [...] Sparati, che fai un favore al mondo.


#15978 Gonzalo Pirobutirro

Gonzalo Pirobutirro

    Tony Nelli

  • Members
  • StellettaStellettaStellettaStellettaStelletta
  • 1266 Messaggi:
  • LocationMaledetta Toscana

Inviato 23 maggio 2017 - 22:09

Anche "L'intergrazione" è da leggere assolutamente; non ai livelli della "Vita agra", del quale però rappresenta un ottimo preludio. Tra l'altro, nel film di Lizzani - che non mi ha convinto del tutto ma vale la pena, anche solo per l'interpretazione di Tognazzi - alcuni elementi sono ripresi, appunto, proprio da "L'integrazione".


  • 0

#15979 lazlotoz

lazlotoz

    Classic Rocker

  • Moderators
  • 5159 Messaggi:

Inviato 24 maggio 2017 - 14:31

E intanto a proposito di dimenticati, parlando con un'amica a cui citavo Bianciardi... esce fuori il nome di Mastronardi. 

Me lo consigliate pure voi?


  • 0

lazlotoz, [...]: sei un gigantesco coglione. Ma proprio un cretino senza pari, [...] Sparati, che fai un favore al mondo.


#15980 ravel

ravel

    mon cœur est rouge

  • Members
  • StellettaStellettaStellettaStellettaStelletta
  • 2067 Messaggi:

Inviato 24 maggio 2017 - 14:43

E intanto a proposito di dimenticati, parlando con un'amica a cui citavo Bianciardi... esce fuori il nome di Mastronardi. 

Me lo consigliate pure voi?

 

Sì, anche se probabilmente è più datato di Bianciardi (il quale non lo è per niente... ).

Diciamo che da un punto di vista strettamente letterario (e di innovazione linguistica) il primo della trilogia (Il calzolaio di Vigevano) è il più espressionistico e interessante.
Il secondo, il più famoso, Il maestro di Vigevano è struggente e di sensibilità esistenzialistica, vicino alla infelice vicenda biografica dell'autore, e a me piace ancora molto, però immagino sia un po' più convenzionale (dimenticare il film con Sordi... :facepalm: ).

 

Più di maniera e non molto ispirato il terzo (Il meridionale di Vigevano).
Oh... , pareri strettamente personali, sia chiaro, qui i teologi della letteratura sono altri. ;)

 

Visto che sei interessato a questo tipo di scrittori, perché non provi una volta o l'altra I superflui, di Dante Arfelli?


  • 0

"Ciò che l'uomo può essere per l'uomo non si esaurisce in forme comprensibili".
(k. jaspers)

 

Moriremotuttista





1 utente(i) stanno leggendo questa discussione

0 utenti, 0 ospiti, 0 utenti anonimi


    Bing (1)
IPB Skin By Virteq