Vai al contenuto


Foto
- - - - -

Set completo dei quartetti d Shostakovich


  • Please log in to reply
13 replies to this topic

#1 Paz

Paz

    Roadie

  • Members
  • StellettaStellettaStellettaStelletta
  • 869 Messaggi:
  • LocationBologna

Inviato 07 luglio 2006 - 11:50

devo comprarlo, ma quale esecuzione?

io conosco soprattutto quella del Borodin quartet, che mi piace molto e preferisco decisamente a quella del Fitzwilliam; ma c'è n'è anche una dell'Emerson quartet...


help!
  • 0
« Ohne Musik wäre das Leben ein Irrtum » (F. Nietzsche, Götzen-Dämmerung, 1888, cap. I, af. 33).

#2 kingink

kingink

    mainstream Star

  • Members
  • StellettaStellettaStellettaStellettaStelletta
  • 1405 Messaggi:

Inviato 07 luglio 2006 - 12:23

da quello che so io, ma potrei sbagliarmi, la versione del Borodin Quartet è incompleta (arriva solo al 13, manca il 14 e il 15)

quella che io possiedo è quella del Fitzwilliam string quartet, che mi sento di consigliare

L'avevo comprata sotto Natale e non l'avevo pagata neanche tanto. Di solito su Shostakovich sono propenso a consigliare interpreti russi (riescono a cogliere bene lo spirito del maestro), ma nonostante ciò la versione di questo quartetto inglese è ottima tenendo presente che per alcuni quartetti è stato lo stesso Shostakovich a commissiopnare il Fitzwilliam la prima esecuzione.....

C'è ne è anche una dell?emerson String Quartet, ma ahimè non la conosco
  • 0

#3 kingink

kingink

    mainstream Star

  • Members
  • StellettaStellettaStellettaStellettaStelletta
  • 1405 Messaggi:

Inviato 07 luglio 2006 - 12:27

per ritornaresull'argomento....

parere personale: l'ottavo è il più bel quartetto del 900...Scritto dal maestro a dresda nel 1960 (in soli 3 giorni), è uno squarcio drammatico sule atrocità del nazi-fascismo e una delle grandi riflessioni sulla fugacità della vita messe in musica da Shostakovich
  • 0

#4 Paz

Paz

    Roadie

  • Members
  • StellettaStellettaStellettaStelletta
  • 869 Messaggi:
  • LocationBologna

Inviato 07 luglio 2006 - 12:46

sì l'8° è davvero stupendo e terribile... io ci sento anche dell'ironia, come fosse uno sguardo distaccato, amaro e disilluso sulla morte...

ho ascoltato anche il 4° eseguito dal Fitzwilliam ma non mi ha convinto del tutto, non so esattamente perchè: il suono mi è parso più amalgamato e confuso, mentre quello delle registrazioni del borodin è pulito e chiaro, pur senza difettare nelle dinamiche, cosa che io solitamente apprezzo (difatti preferisco far riverberare naturalmente l'ambiente d'ascolto piuttosto che avere una sorgente già riverberata...).
  • 0
« Ohne Musik wäre das Leben ein Irrtum » (F. Nietzsche, Götzen-Dämmerung, 1888, cap. I, af. 33).

#5 Jazzer

Jazzer

    Utente anziano

  • Members
  • StellettaStellettaStelletta
  • 383 Messaggi:
  • LocationVenezia

Inviato 07 luglio 2006 - 13:01

Le esecuzioni del Borodin quartet rappresentano una sorta di "riferimento" per qualsiasi altra esecuzione.
Ne esistono due versioni: la più <a href="http://www.chandos.n...64">recente</a> - edita dalla Chandos - è un cofanetto da 4 CD che contiene i primi 13 quartetti. Ora non ricordo la data di incisione. Ma l'edizione più importante è quella uscita con l'etichetta russa Melodiya con incisioni dei primi anni '80. Sono 6 Cd singoli con tutti i quartetti e soprattutto con lo splendido quintetto con pianoforte al quale per l'occasione si è seduto sua maesta Sviatoslav Richter. Sono da tempo fuori catalogo e piuttosto difficili da trovare: a suo tempo sono riuscito ad averne solo 3 (tra cui quello con quintetto) e sto cercando i mancanti.
  • 0

non sono asociale...sono socialmente selettivo


#6 kingink

kingink

    mainstream Star

  • Members
  • StellettaStellettaStellettaStellettaStelletta
  • 1405 Messaggi:

Inviato 07 luglio 2006 - 13:31

in parte è vero nell'ottavo si può trovare una velata ironia.....

se si vuole scoprire il shostakovich satirico-ironico imprescindibile è l'ascolto delle Jazz Suite 1 & 2
in questi pezzi, ingiustamente dimenticati, c'è tutta la vena satirica del maestro e la sua grande maestria nel riscoprire il folklore della sua terra.

Scitte negli anni 30, il periodo più sperimentale (piano concero 1 docet) sono una velata, ma neanche tanto critica al regime sovietico reo di avere accusato il compositore di formalismo e reo di avere censurato gran parte delle opere scritte in quel periodo.
  • 0

#7 Jazzer

Jazzer

    Utente anziano

  • Members
  • StellettaStellettaStelletta
  • 383 Messaggi:
  • LocationVenezia

Inviato 08 luglio 2006 - 08:47

Una piccola precisazione relativa al mio post precedente.
L'edizione Chandos è sì la più recente, ma raccoglie delle registrazioni del Borodin quartet precedenti a quelle della Melodyia. Infatti nel disco Chandos suonano i componenti originali del quartetto, quindi devono essere registrazioni comprese tra l'anno 1953 e il 1974. Putroppo l'assenza di date di registrazione del CD non aiuta.
  • 0

non sono asociale...sono socialmente selettivo


#8 Bateman

Bateman

    Detrattore

  • Members
  • StellettaStellettaStellettaStelletta
  • 899 Messaggi:
  • LocationPoggiomarino (Na)

Inviato 08 luglio 2006 - 09:30

Ho acquistato la versione del Fitzwilliam dopo essermi rassegnato alla difficoltà di reperire l'edizione completa della Melodyia del Borodin: anch'io posseggo solo 3 dei 6 cd di quelle stupende e imprescindibili esecuzioni. Ho sentito parlare molto bene dell'esecuzione dell'Emerson.

P.s.: jazzer, se riesci a trovare gli altri cd del Borodin, mi sai sapere dove?
  • 0
“La poesia del lirico non può dire nulla che nella sua più immensa universalità e validità assoluta non sia stato già nella musica che costringe il lirico a parlare per immagini. Appunto perciò il simbolismo cosmico della musica non può essere in nessun modo esaurientemente realizzato dal linguaggio, perché si riferisce simbolicamente alla contraddizione e al dolore originari nel cuore dell’uomo primordiale, e pertanto simboleggia una sfera che è al di sopra di ogni apparenza e anteriore a ogni apparenza. Rispetto a tale sfera ogni apparenza è piuttosto soltanto un simbolo: quindi il linguaggio, come organo e simbolo delle apparenze, non potrà mai e in nessun luogo tradurre all’esterno la più profonda interiorità della musica, ma rimarrà sempre, non appena si accinga ad imitare la musica, solo in un contatto esteriore con la musica, mentre neanche con tutta l’eloquenza lirica potremo avvicinarci di un solo passo al senso più profondo di essa.”
F.Nietzsche, La nascita della tragedia

#9 Jazzer

Jazzer

    Utente anziano

  • Members
  • StellettaStellettaStelletta
  • 383 Messaggi:
  • LocationVenezia

Inviato 08 luglio 2006 - 10:06

P.s.: jazzer, se riesci a trovare gli altri cd del Borodin, mi sai sapere dove?


Io, oltre al cofanetto Chandos, posseggo quelli con:

1) quartetto n.3 / Due pezzi per ottetto d'archi / Quintetto per piano

2) quartetti n.8 - 9 - 10

3) quartetti n.11 - 12 - 13

E' da un po' che ho smesso di cercare gli altri, ma non si sa mai...
  • 0

non sono asociale...sono socialmente selettivo


#10 Bateman

Bateman

    Detrattore

  • Members
  • StellettaStellettaStellettaStelletta
  • 899 Messaggi:
  • LocationPoggiomarino (Na)

Inviato 08 luglio 2006 - 10:47


P.s.: jazzer, se riesci a trovare gli altri cd del Borodin, mi sai sapere dove?


Io, oltre al cofanetto Chandos, posseggo quelli con:

1) quartetto n.3 / Due pezzi per ottetto d'archi / Quintetto per piano

2) quartetti n.8 - 9 - 10

3) quartetti n.11 - 12 - 13

E' da un po' che ho smesso di cercare gli altri, ma non si sa mai...

Io posseggo il primo ed il terzo da te citati e quello con i quartetti n. 5 - 6 - 7, e pensare che il negozio dove li ho comprati li aveva tutti. Mi dissi: me li compro un po' alla volta! Che errore. La quarta volta i restanti erano scomparsi e da allora non sono più riuscito a reperirli.
Teniamoci aggiornati su questa ricerca!
  • 0
“La poesia del lirico non può dire nulla che nella sua più immensa universalità e validità assoluta non sia stato già nella musica che costringe il lirico a parlare per immagini. Appunto perciò il simbolismo cosmico della musica non può essere in nessun modo esaurientemente realizzato dal linguaggio, perché si riferisce simbolicamente alla contraddizione e al dolore originari nel cuore dell’uomo primordiale, e pertanto simboleggia una sfera che è al di sopra di ogni apparenza e anteriore a ogni apparenza. Rispetto a tale sfera ogni apparenza è piuttosto soltanto un simbolo: quindi il linguaggio, come organo e simbolo delle apparenze, non potrà mai e in nessun luogo tradurre all’esterno la più profonda interiorità della musica, ma rimarrà sempre, non appena si accinga ad imitare la musica, solo in un contatto esteriore con la musica, mentre neanche con tutta l’eloquenza lirica potremo avvicinarci di un solo passo al senso più profondo di essa.”
F.Nietzsche, La nascita della tragedia

#11 Jazzer

Jazzer

    Utente anziano

  • Members
  • StellettaStellettaStelletta
  • 383 Messaggi:
  • LocationVenezia

Inviato 08 luglio 2006 - 12:26

pensare che il negozio dove li ho comprati li aveva tutti. Mi dissi: me li compro un po' alla volta! Che errore.


Idem per me!  :(
  • 0

non sono asociale...sono socialmente selettivo


#12 Paz

Paz

    Roadie

  • Members
  • StellettaStellettaStellettaStelletta
  • 869 Messaggi:
  • LocationBologna

Inviato 08 luglio 2006 - 12:33

se parlate di questo ce n'è uno a 100 $!

il disco della Chandos mi pare di capire sia

the Borodin's first stereo go-round of the quartets, recorded for Melodiya in the late 60s and early 70s. It is not the same as the well-known EMI box set which was recorded in the 80s and keeps bouncing in and out of circulation. These performances have never been available on CD before.
Of course the last two quartets didn't exist at the time of these recordings, but they were set down by the slightly reconfigured Borodins soon thereafter and it is too bad those documents have been orphaned as they would have made the most logical compliment to this not quite complete set.


qualcuno di voi conosce quelle registrazioni e mi dà un parere?
  • 0
« Ohne Musik wäre das Leben ein Irrtum » (F. Nietzsche, Götzen-Dämmerung, 1888, cap. I, af. 33).

#13 Paz

Paz

    Roadie

  • Members
  • StellettaStellettaStellettaStelletta
  • 869 Messaggi:
  • LocationBologna

Inviato 08 luglio 2006 - 12:35

ah, una cosa curiosa: ieri curiosando un po' in negozio ho scoperto che esistono anche dei quartetti di Borodin eseguiti dallo Shostakovich Quartet....  !
  • 0
« Ohne Musik wäre das Leben ein Irrtum » (F. Nietzsche, Götzen-Dämmerung, 1888, cap. I, af. 33).

#14 Bateman

Bateman

    Detrattore

  • Members
  • StellettaStellettaStellettaStelletta
  • 899 Messaggi:
  • LocationPoggiomarino (Na)

Inviato 08 luglio 2006 - 15:31

se parlate di questo ce n'è uno a 100 $!


Esattamente! E' proprio quello. Beh, chi lo vende a quel prezzo lo fa conoscendone la rarità. Il rammarico per me è ancora più grande se ricordo che all'epoca trovai il cofanetto in offerta (se non ricordo male a 90.000 lire) da Iperdue e non lo acquistai immediatamente per dare precedenza ad altre opere.
Comunque l'edizione Melodiya in questione è, in realtà, una riedizione del 1997 a cura della BMG Classics che ha acquistato l'intero catalogo della gloriosa etichetta di stato russa. Per questo le speranze di vederne una nuova pubblicazione non dovrebbero essere svanite.
  • 0
“La poesia del lirico non può dire nulla che nella sua più immensa universalità e validità assoluta non sia stato già nella musica che costringe il lirico a parlare per immagini. Appunto perciò il simbolismo cosmico della musica non può essere in nessun modo esaurientemente realizzato dal linguaggio, perché si riferisce simbolicamente alla contraddizione e al dolore originari nel cuore dell’uomo primordiale, e pertanto simboleggia una sfera che è al di sopra di ogni apparenza e anteriore a ogni apparenza. Rispetto a tale sfera ogni apparenza è piuttosto soltanto un simbolo: quindi il linguaggio, come organo e simbolo delle apparenze, non potrà mai e in nessun luogo tradurre all’esterno la più profonda interiorità della musica, ma rimarrà sempre, non appena si accinga ad imitare la musica, solo in un contatto esteriore con la musica, mentre neanche con tutta l’eloquenza lirica potremo avvicinarci di un solo passo al senso più profondo di essa.”
F.Nietzsche, La nascita della tragedia




0 utente(i) stanno leggendo questa discussione

0 utenti, 0 ospiti, 0 utenti anonimi

IPB Skin By Virteq