Vai al contenuto


Foto
- - - - -

"Sulla strada" di Jack Kerouac


  • Please log in to reply
36 replies to this topic

#21 kastle

kastle

    pivello

  • Members
  • Stelletta
  • 42 Messaggi:

Inviato 07 novembre 2006 - 18:52

E' forse il libro più noioso che abbia mai letto. Una palla colossale, finirlo è stata un'impresa.


mio dio...i pareri sono pareri ma credo che di ON the road si possa dire tanto...ma nn che sia noioso...

se devo fare una classifica di gradimento di quento ho letto del Kerouac faccio una discreta fatica...On the road mi ha tenuto incollato al libro ma anche Big sur non è afatto male...meglio ancora i Vagabondi del Dahrma e meglio ancora Angeli della desolazione...non so proprio fare una classifica...mi son piaciuti tutti un sacco...
  • 0

#22 rubbish

rubbish

    Not living, just killing time

  • Members
  • StellettaStellettaStelletta
  • 335 Messaggi:

Inviato 08 novembre 2006 - 13:50


E' forse il libro più noioso che abbia mai letto. Una palla colossale, finirlo è stata un'impresa.


mio dio...i pareri sono pareri ma credo che di ON the road si possa dire tanto...ma nn che sia noioso...

PREMESSA: de gustibus non est disputandum

anche io l'ho trovato noiosetto. :P
  • 0

#23 Guest_Stipe_*

Guest_Stipe_*
  • Guests

Inviato 08 novembre 2006 - 14:16

Pure io l'ho trovato un mattone, cominciato almeno 2-3 volte e mai arrivato fino in fondo. E poi scusa, perchè non si può accostare la parola noia a questo libro, me lo potresti spiegare?

#24 kastle

kastle

    pivello

  • Members
  • Stelletta
  • 42 Messaggi:

Inviato 10 novembre 2006 - 18:40


perchè se ti cali nel libro ti trovi ad essere in continuo viaggio..perchè in quel libri si percepiscono sensazioni stati d'animo ed inquietudini che di la a poco avrebbero traghettato la società USA e quella di mezzo globo negli anni sessanta...
cmq, signori miei...i sono di parte

cordialmente

  • 0

#25 mr.paradise

mr.paradise

    Roadie

  • Members
  • StellettaStellettaStellettaStelletta
  • 808 Messaggi:

Inviato 11 novembre 2006 - 12:45

non credo riuscirei a sorbirmelo oggi ma non rinnego l'interesse provocatomi dal romanzo un milione di anni fa, quando anch'io inseguivo viaggi (appunto) "on the road"  e pazzoidi con cui far baldoria e sesso libero ad ogni angolo etc etc.
un'opera che vivrà di rendita per un sacco di anni a venire, almeno finchè esisterà una generazione compresa fra i tredici e i diccianove anni.
  • 0
soldato witt: lei non si sente mai solo?
sergente welsh: solo in mezzo alla gente

mi sono innamorato di un'attrice hard

Non morite come me

#26 kastle

kastle

    pivello

  • Members
  • Stelletta
  • 42 Messaggi:

Inviato 11 novembre 2006 - 13:21

mah...
son perplesso..ma del resto come qualcuno sopra a fatto notare i gusti son gusti
cmq sia declassare Jack Kerouac ad un fenomeno buono per i teen ager mi sembra una bestemmia, un infamia.
spesso ho l'impressione che questo forum, letteratura o rock che sia sia popolato da gente un po troppo...che so..caspita non mi viene la parola giusta..
gente un po troppo intellettualloide che sputa sentenze su tutto e basti vedere il forum sul rock, in cui è abbastanza che qualcuno sussurri il nome Beatles per sollevare un vespaio di polemiche.
ho come l'impressione che questo forum sia, al contrario di ciò che dovrebbe essere, un modo per canalizzare le idee, indirizzandole verso punti precisi. Tipo, uno dice: I king crimson sono delle fighe che se la tirano e pensano di saperla lunga....e tutti gli altri qualcuno che gli vanno dietro..
vabbè, non vado avanti perchè se no richio la lapidazione.
cordialmente e buone letture

ciao
  • 0

#27 Debord

Debord

    Everyday people

  • Members
  • StellettaStellettaStelletta
  • 243 Messaggi:
  • LocationMarche

Inviato 11 novembre 2006 - 14:34

mah...
son perplesso..ma del resto come qualcuno sopra a fatto notare i gusti son gusti
cmq sia declassare Jack Kerouac ad un fenomeno buono per i teen ager mi sembra una bestemmia, un infamia.
spesso ho l'impressione che questo forum, letteratura o rock che sia sia popolato da gente un po troppo...che so..caspita non mi viene la parola giusta..
gente un po troppo intellettualloide che sputa sentenze su tutto e basti vedere il forum sul rock, in cui è abbastanza che qualcuno sussurri il nome Beatles per sollevare un vespaio di polemiche.
ho come l'impressione che questo forum sia, al contrario di ciò che dovrebbe essere, un modo per canalizzare le idee, indirizzandole verso punti precisi. Tipo, uno dice: I king crimson sono delle fighe che se la tirano e pensano di saperla lunga....e tutti gli altri qualcuno che gli vanno dietro..
vabbè, non vado avanti perchè se no richio la lapidazione.
cordialmente e buone letture

ciao


Kastle, ma di che ti preoccupi?
Qui ognuno dice la sua, e per molte persone qua dentro "Sulla Strada" non è quel romanzo definitivo di cui molti parlano (mentre a diversi altri è piaciuto assai).
Io ad esempio inizia a leggerlo mi pare a 20 anni o giù di lì, e dopo sforzi immani lo mollai, niente da fare, non mi prendeva, e dire che c'è l'ho messa tutta, pensavo "caz, sto romanzo ha fatto epoca! possibile che sono l'unico ignorante che non riesce a finirlo?". Chiesi in giro e non ero l'unico, la maggior parte dei miei amici non ebbe la forza di finirlo.
Dopo anni scopro che anche qua, sul forum di Ondarock, "Sulla Strada" non ha riscosso tutto sto gran successo, per me è consolante, per te un pò meno, ma tant'è...  ;)

  • 0

#28 Jules

Jules

    Pietra MIliare

  • Redattore OndaCinema
  • StellettaStellettaStellettaStellettaStellettaStellettaStellettaStellettaStelletta
  • 21676 Messaggi:

Inviato 11 novembre 2006 - 14:40

kastle credo di poter dire che questo forum non è affatto zeppo di intelletualoidi pieni di pregiudizi su certi nomi...la tua passione per Kerouac è apprezzabile, ma mi schiero pure io tra i lettori che hanno faticato e non poco a finire il suo romanzo più celebre...per carità, la forza delle idee dell'autore è innegabile, ma un romanzo per colpirmi deve anche farlo tramite la scrittura stessa e non ci posso far niente se lo stile di Kerouac spesso risente della vita ingarbugliata e caotica che conduceva...

E poi, insomma, non è che si bestemmia se si critica Kerouac: allora si dovrebbe bestemmiare pure quando si critica Burroughs o Bukowski etc....penso che sia un filone assolutamente non considerabile intoccabile dalle critiche dei lettori..

  • 0

#29 kastle

kastle

    pivello

  • Members
  • Stelletta
  • 42 Messaggi:

Inviato 12 novembre 2006 - 13:43

entrambi i vostri interventi sono pienamente sostenibili.
Io però non ho detto che è una bestemmia criticare Kerouac; io stesso trovo insopportabili alcuni suoi scritti. Però la critica deve essere fondata come in effetti potrebbe essere il sollevare perplessità circa lo stile del tutto personale dell'autore in oggetto. Però dire che "on the road" riscuoterà successi finchè esisteranno teen ager mi sembra anche più che blasfemo.

cordialmente
  • 0

#30 mr.paradise

mr.paradise

    Roadie

  • Members
  • StellettaStellettaStellettaStelletta
  • 808 Messaggi:

Inviato 12 novembre 2006 - 18:43

Però dire che "on the road" riscuoterà successi finchè esisteranno teen ager mi sembra anche più che blasfemo.



non so se ti riferisci a me, in tal caso penso tu abbia frainteso il mio post, o forse mi sono solo spiegato male.

non ho parlato di teenagers, ho parlato di una fascia d'età (che per comodità ho inserito fra i tredici e i diccianove anni) in cui i temi trattati dal romanzo in questione possono rappresentare uno stile di vita, una fonte d'ispirazione, un modello da inseguire. difficile collocarla in un contesto tipo "lavoro" o "famiglia" o "responsabilità in generale".

quand'avevo sedici anni per me dean moriarty era un eroe, oggi è solo un coglione. capisci?
  • 0
soldato witt: lei non si sente mai solo?
sergente welsh: solo in mezzo alla gente

mi sono innamorato di un'attrice hard

Non morite come me

#31 kastle

kastle

    pivello

  • Members
  • Stelletta
  • 42 Messaggi:

Inviato 13 novembre 2006 - 19:32

Però dire che "on the road" riscuoterà successi finchè esisteranno teen ager mi sembra anche più che blasfemo.



non so se ti riferisci a me, in tal caso penso tu abbia frainteso il mio post, o forse mi sono solo spiegato male.

non ho parlato di teenagers, ho parlato di una fascia d'età (che per comodità ho inserito fra i tredici e i diccianove anni) in cui i temi trattati dal romanzo in questione possono rappresentare uno stile di vita, una fonte d'ispirazione, un modello da inseguire. difficile collocarla in un contesto tipo "lavoro" o "famiglia" o "responsabilità in generale".

quand'avevo sedici anni per me dean moriarty era un eroe, oggi è solo un coglione. capisci?


ma quel romanzo non parla solo di moiarty...
e cmq sia definire lui un coglione significa dare del coglione ad un sacco di gente che si rifiuta di vivere negli schemi canonici Lavoro-famiglia-casa ecc..., significa dare del coglione a tantissima gente...più di quelllo che si possa pensare...
cmq sia non voglio che questa discussione vada fuori dai suoi binari..per quanto mi riguarda la chiudo qua.

cordialmente
  • 0

#32 mr.paradise

mr.paradise

    Roadie

  • Members
  • StellettaStellettaStellettaStelletta
  • 808 Messaggi:

Inviato 14 novembre 2006 - 12:31

definire lui un coglione significa dare del coglione ad un sacco di gente


secondo me ti sbagli, forse anche di grosso.
allora se io reputassi i cradle of filth dei pagliacci, ad esempio, lo stesso aggettivo andrebbe attribuito a chi li ascolta?
allora se per me buona domenica , ad esempio, fosse un programma stupidissimo lo dovrebbero essere anche quelli che lo guardano?
non ti sembra che come ragionamento sia un pò troppo generalizzato?

se ho sbagliato ho sbagliato quando non ho reso evidente il fatto che la mia sia una considerazione totalmente personale, e mi dispiace. poi non ti volevo mica offendere sai offendendo uno dei personaggi del libro, l'ho scritto senza nemmeno pensarci.
fingi che io non sia mai intervenuto, allora.
ciao
  • 0
soldato witt: lei non si sente mai solo?
sergente welsh: solo in mezzo alla gente

mi sono innamorato di un'attrice hard

Non morite come me

#33 leoel

leoel

    pivello

  • Members
  • Stelletta
  • 9 Messaggi:

Inviato 15 marzo 2007 - 18:01

Semplicemente stupendo...sono rimasto affascinato anche da"i vagabondi del dharma"...
Mi piace il modo di scrivere e il modo di pensare di Kerouac perchè spontaneo e rispecchia in grandi linee la sua concezione di questo mondo
  • 0

#34 Guest_Eleanor Rigby_*

Guest_Eleanor Rigby_*
  • Guests

Inviato 16 marzo 2007 - 10:30

Mi schiero tra i (de)trattori.
Ho iniziato a leggere "On the road" intorno ai 17 anni, in preda a trip da sogno americano e amenità del genere.
Al di la' di queste, ogni anno più o meno provo a riprenderlo e a rileggerlo, ma inesorabile, mollo dopo neanche 100 pagine (e giuro che è davvero uno sforzo fisico).Non riesco, è il classico libro di cui arrivo a fine rigo, rileggo lo stesso e neanche me ne accorgo, in loop di lettura interminabili.
Non riesce a farmici concentrare, è inutile.
E altri con cui ho parlato mi han detto più o meno lo stesso.
In genere trovo comunque difficile la Beat Generation,  mi pare ci voglia una certa predisposizione mentale, soprattutto per la tematica del "viaggio" inteso come "conoscenza" e non del viaggio come "vacanza" (un po ' come si diceva a proposito di Bruce Chatwin e in Patagonia nell'altro thread)
Ho provato a leggere altro di Kerouac, di Miller, di Saroyan, Ginsberg, ma nulla. Gli unici libri non terminati della mia vita. ;)


#35 henrychinaski

henrychinaski

    pivello

  • Members
  • Stelletta
  • 43 Messaggi:

Inviato 16 marzo 2007 - 12:48

adoro kerouac, ha profondamente segnato la mia adolescenza. on the road mi ha fatto scoprire un mondo letterario che tuttora amo...tuttavia sebbene abbia avuto il merito di far conoscere kerouac lo trovo un libro sopravvalutato se paragonato ai suoi scritti successivi...opere come big sur,vagabondi del dharma, i sotterranei e angeli di desolazione sono senza dubbio superiori...molto più profondi e a parer mio meno interessati a ottenere un riscontro di pubblico
  • 0

#36 William Blake

William Blake

    Titolista ufficiale

  • Redattore OndaCinema
  • StellettaStellettaStellettaStellettaStellettaStellettaStellettaStelletta
  • 15568 Messaggi:

Inviato 01 novembre 2012 - 13:29

posto qui il mio commento anobiiano sul romanzo di Kerouac che avevo oculatamente evitato di leggere durante l'adolescenza. e ho fatto bene: non è un romanzo per ragazzini, per quanto abbiano fatto di tutto per farlo passare per questo. sottolineo che ho però letto la versione de Il rotolo del 1951 edito da Mondadori nel 2010.


Fuggire la linea retta: non morire, ma andare.

Si potrebbe esordire dicendo che l’on the road più che un genere sia uno stile, uno stile di vita. E non si avrebbe torto. Quando Jack Kerouac cominciò a viaggiare su e giù per il continente americano, insieme all’amico Neil Cassady, sentiva forte la fascinazione per il West, la magica frontiera da valicare, l'occasione per trovare un equilibrio e forse, finalmente, se stessi. Il viaggio, lungo, estenuante, dove ci si perde e ci si ritrova, è connaturato alla storia americana: com’è stato scoperto il Nuovo Mondo, se non così?

Sebbene le sue speranze furono frustrate, Kerouac continuava in cuor suo a credere in quel sogno e in una visione metafisica che conferiva al viaggio una dimensione spirituale e, pertanto, intima e universale al tempo stesso. La contrastata genesi di "On the Road", romanzo cardine della letteratura americana del secondo Novecento, inizia da qui, dalla personale percezione delle strade d’America del suo autore, dalla speranza, sotterranea, di rientrare in contatto col padre morto, cercando il padre di Neil Cassady, perso chissà dove, sulla strada. E nello stesso Neil Kerouac vedeva la proiezione del fratello morto quando lui era ancora bambino e, al contempo, la sua guida (un padre, insomma) per le strade che gli erano ancora ignote. Al contrario Neil, in strada, c'era nato.

Quando descrive il suo primo viaggio che da New York l'avrebbe dovuto portare a Los Angeles, seguendo la linea retta della Route 6, che avrebbe poi continuato nella Route 66, quasi a navigare un affluente che si getta poi nel suo amato Mississippi, Kerouac ammette il proprio fallimento. Il fallimento di un intellettuale borghese che, trasgredendo alle regole, va subito in panne: "Era il mio sogno che andava a farsi fottere, la stupida idea da pantofolaio che sarebbe stato meraviglioso seguire una grande linea rossa da una parte all'altra dell'America invece di provare varie strade e percorsi". Sarà a sue spese e viaggiando con Cassady che Jack capirà come si va: deviando, cambiando percorso, improvvisando, come un sax tenore in una folle esibizione bop. "Perché noi conosciamo il TEMPO" è uno dei mantra di Cassady, il tempo quello dei incasellato dei maledetti e amati padri che non ci sono più. Spettri di un'America dalla forza primigenia che Kerouac è alla disperata ricerca per poter trovare un modello di identificazione, non riconoscendosi nella sua società se non coi “folli della vita” che ha sempre seguito.

Il racconto dei suoi viaggi tra il 1947 e il 1950 mappano una nuova carta geografica degli Stati Uniti, quelli vissuti davvero, finché era possibile andare, loro andavano: fino alla terra del sogno dopo la fine della strada, cioè il Messico. “On the Road” è un romanzo di frontiera, non solo per la letteratura americana, ma anche per il modo di narrare gli uomini, le cose, il sesso, la musica. Per la stessa esistenza del suo autore, che non sarà più la stessa: la popolarità che avrà dopo il 1957 sarà infelice, piano piano la sua vena creativa si spegne e nel giro di pochi anni diventa schiavo del suo personaggio e muore in una stanza piena di bottiglie vuote nel 1969.

Kerouac era molto consapevole di quello che stava facendo e della nobiltà della sua letteratura; trovo ingenuo credere ancora allo stereotipo dell’artista sregolato e impulsivo nel 2012: parliamo di uno scrittore che prima di arrivare alla fluviale versione del “rotolo” aveva iniziato questo romanzo innumerevoli volte a partire dal 1947, prendendo appunti su decine e decine di quaderni (si parla di un novecento pagine…). Kerouac voleva solo scrivere ma doveva trovare voce, intonazione e registro da dare all’opera che diventerà “Sulla strada”: un poema mitopoietico dalla prosa libera e imprevedibile. Poco levigato nella sua versione originaria, anche grezzo e sciatto, con fortissime ischemie ritmiche, che però si trascinano senza posa verso quel “qualcosa” che li spinge ancora avanti, perché si può sempre andare oltre. L’idea di fuga dal Tempo è connessa all’allontanamento dalla morte, di cui già a 25 anni Jack sentiva l’alito sul collo, probabilmente per la precoce scomparsa del padre. Questo senso di sradicamento infetterà indubbiamente il suo modo di concepire il romanzo che, dopo la linearità “La città e la metropoli”, diventerà una narrazione frantumata e jazzistica, perché solo così si può stare dentro e fuori la pagina scritta. Spingendo un po’ più in là l’orizzonte e la fine della strada, in un corso episodico che potrebbe non avere mai fine. Anche se quella fine c’è eccome, ed è l’evidenza della mancanza di un centro condiviso, la differenza insanabile tra lui e Neil Cassady. Il suo “santo della strada” dopo alcune pause tornerà da dove è venuto, seguendo il richiamo istintivo della strada (e nel romanzo quasi londoniano), vedendo scorrere la sua vita davanti, senza opporre resistenza, perché il Tempo non lo si può fermare davvero, lo si può solo ripartire meglio (il metodo per andare a letto con due donne più fare le sue esperienze con Allen Ginsberg), vivere più intensamente rischiando di bruciarsi; al contrario Kerouac dopo le parentesi sulla strada, tornerà a casa, dalla madre. Perché è quella la sua casa e perché potrà trovare la sua estasi spirituale solo con la pratica scrittoria, battendo a macchina più velocemente di un fulmine, raccontando tutta la vita, la strada, la fratellanza, prima che arrivi la morte e il tempo si fermi davvero.

La differenza preminente tra la versione di ”On the Road” del 1951 e quello pubblicato dalla Viking nel 1957 è lo stile. Da una parte un rotolo di 36 metri battuto a macchina ininterrottamente, dall'altra un romanzo dalle dimensioni "normali", diviso comunemente in capitoli, edulcorato nel linguaggio e in alcuni episodi. Spinto dalla mia mania filologica ho pure fatto un po’ di collazione - una variante per tutte: “leccafica” del rotolo diventa “sporcaccione” nel 1957 – e sono probabilmente le innumerevoli varianti formali quelle che incidono maggiormente, normalizzando davvero il ritmo, già di per sé ben poco omogeneo: Kerouac difatti procede per scarti, passando da sintetizzando molti eventi, a descriverne minuziosamente uno che magari si svolge in una sola notte; e sono i secondi quelli migliori, letterariamente più a fuoco e narrativamente potenti. Kerouac aveva tirato fuori tutte le viscere che aveva dentro, tutte le esperienze che aveva accumulato e poi scrisse a Cassady: "Ho raccontato tutta la strada". Il rotolo, appunto, carta bianca asfaltata di parole. Non bisogna però credere che il romanzo pubblicato ufficialmente sia una versione spuria, visto che la revisione fu inizia immediatamente dopo la conclusione del “rotolo”: Kerouac sapeva che così com’era “On the Road” non sarebbe mai stato pubblicato, anche se la versione poi edita dalla casa editrice si allontana abbastanza dal furioso flusso di coscienza che ne fa quasi l’anello di congiunzione tra il “Sulla strada” che tutti conoscono e il successivo “Visioni di Cody”. Ginsberg, che non amò mai la versione ufficiale, profetizzò correttamente che un giorno, quando sarebbero tutti morti, il folle “rotolo” originario sarebbe stato tirato fuori e sarebbe stato finalmente possibile pubblicarlo.
  • 0
Ho un aspetto tremendo, e non bado a vestirmi bene o a essere attraente, perché non voglio che mi capiti di piacere a qualcuno. Minimizzo le mie qualità e metto in risalto i miei difetti. Eppure c'è lo stesso qualcuno a cui interesso: ne faccio tesoro e mi chiedo: "Che cosa avrò sbagliato?"

#37 dragonfairy

dragonfairy

    Avalon Goddess

  • Members
  • Stelletta
  • 40 Messaggi:
  • LocationNorden

Inviato 07 marzo 2013 - 21:04

l'ho letto un paio di anni fa e l'ho trovato molto interessante e piacevole!
Consiglio a tutti, soprattutto ai giovincelli!
  • 0

Immagine inserita





0 utente(i) stanno leggendo questa discussione

0 utenti, 0 ospiti, 0 utenti anonimi

IPB Skin By Virteq