Vai al contenuto


Foto
- - - - -

Cecil Taylor


  • Please log in to reply
14 replies to this topic

#1 Mark Lanegan

Mark Lanegan

    mainstream Star

  • Redattore OndaRock
  • StellettaStellettaStellettaStellettaStelletta
  • 1021 Messaggi:

Inviato 22 March 2007 - 07:41 AM

Immagine inserita

ho ascoltato Conquistador e vorrei approfondire la conoscenza di questo straordinario pianista.

che dischi mi consigliate?
  • 0

#2 kingink

kingink

    mainstream Star

  • Members
  • StellettaStellettaStellettaStellettaStelletta
  • 1405 Messaggi:

Inviato 22 March 2007 - 08:38 AM

ti consiglio questo:

http://kewsax.tripod.com/free2.01
  • 0

#3 Guest_Mattia_*

Guest_Mattia_*
  • Guests

Inviato 22 March 2007 - 09:47 AM

Taylor, servendosi del pianoforte, ridusse il bop a poltiglia, decontestualizzandolo e contaminandolo con il proprio tormento interiore. Nello stesso modo in cui Ayler (più che Ornette Coleman, al quale è spesso accomunato) stravolse le convenzioni per mezzo del saxofono e, in ambito puramente rock, Captain Beefheart con la propria voce. Quella di Taylor è una vera e propria "Discesa Nel Maelstrom" che prosegue dal punto in cui fu costretto a fermarsi Tristano. Avete citato due lavori strepitosi, ma sento di annoverare tra gl'"imprescindibili" anche il mio preferito [Nefertiti: The Beautiful One Has Come (2xCD Revenant, 1997) - incisione dal vivo che sanguina passione, disperazione e furore. L'esecuzione sembra lancinata dal dolore e raggiunge vette espressive che è più unico che raro riscontrare su un supporto, non vivendole di persona. Uno dei dischi della vita, di quelli che te la cambiano per sempre] e una manciata di altri: Trance (Black Lion, 1962), Silent Tongues (Freedom, 1975), For Olim (Soul Note, 1987), tre testimonianze di Cecil dal vivo (con tutta probabilità, la dimensione che gli rende più giustizia). Vidi Taylor (assieme a Max Roach) dal vivo a Milano (un "Aperitivo In Concerto" di qualche anno fa), ma mi ruppi le balle. E non poco. Riuscì a frantumarmi gli zebedei come nemmeno l'ultimo album dei Fall. La sua musica, infatti, è tremendamente ostica e per comprenderla ogni sforzo è vano: è lei e soltanto lei a decidere le proprie epifanie. E anche questo accade di rado, in musica.

#4 slothrop

slothrop

    Enciclopedista

  • Redattore OndaRock
  • StellettaStellettaStellettaStellettaStellettaStellettaStelletta
  • 7141 Messaggi:

Inviato 22 March 2007 - 10:00 AM

For Olim è un solo?

Il Taylor solo mi manca e volevo approfondire.
Posseggo diversi suoi album in gruppo dei primi '60 ma nessuno è buono come "Conquistador" e "Unit Structures", può valer la pena ascoltare "The world of Cecil Taylor" per trovare un performer più morigerato e molto espressivo anche sui brani melodici (in particolare la seconda traccia, un pezzo di Hammerstein/Rodgers).
L'ascolto di "Nefertiti" invece lo rimando da una vita, forse è la volta buona...


PS: tra i discepoli non posso non consigliare Don Pullen, abbastanza noto per l'album "Nommo" (nei fantastici 10, anzi 14, di Thurston Moore) in coppia con l'immensurabile Milford Graves, ma i due secondo me han dato il meglio nel quartetto di Giuseppi Logan (il primo album) in cui c'è anche uno strepitoso Eddie Gomez al basso.
  • 0

#5 Guest_Mattia_*

Guest_Mattia_*
  • Guests

Inviato 22 March 2007 - 10:16 AM

Sì, For Olim è eseguito dal solo Taylor (e dedicato al suo "compagno-gregario" Jimmy Lyons - da non sottovalutare lo strepitoso, ineguagliabile cofanetto a lui dedicato, pubblicato qualche anno fa dalla benemerita Ayler). Nommo, invece, non credo esista in cd. Non l'ho mai ascoltato, tra l'altro...

#6 slothrop

slothrop

    Enciclopedista

  • Redattore OndaRock
  • StellettaStellettaStellettaStellettaStellettaStellettaStelletta
  • 7141 Messaggi:

Inviato 22 March 2007 - 10:20 AM

No, Nommo non è mai stato ristampato.

A proposito del fedelissimo gregario di lusso, Lyons, mi piace ricordare l'acutezza del Taylor talent-scout che nei suoi dischi ha battezzato parecchi nomi irrinunciabili del free, a cominciare da Archie Shepp (che pure io non amo tantissimo) fino a Henry Grimes, Alan Silva, Andrew Cyrille almeno, per non dire di gente un pò più slegata come Bill Dixon, Roswell Rudd, Buell Neidlinger...
  • 0

#7 Notker

Notker

    Scaruffiano

  • Redattore OndaRock
  • StellettaStellettaStellettaStellettaStellettaStellettaStellettaStelletta
  • 18302 Messaggi:

Inviato 22 March 2007 - 10:28 AM

il free jazz è spesso associato, e a ragione, ai fiati e alle percussioni, poiché sono quelli gli strumenti maggiormente legati alle tradizioni ancestrali africane e divennero, nelle mani dei Coleman e dei Roach, simboli di protesta civile oltre che anti-accademica.
in quel contesto appare sinceramnete bizzarro che, invece, gli elementi di grande novità portati dal jazz si coagulassero poi in un personaggio come Cecil Taylor, pianista nato sotto l'influenza di Brubeck e cresciuto con Hodges e gli Hot Lips Page e repentinamente approdato all'avanguardia più radicale del jazz.
Taylor è un musicista fondamentale per capire il free, forse anche più di Coleman, in quanto il suo pianismo, rude, percussivo ed evocativo, ha costituito certamente l'apice musicale di quel movimento.
di lui consiglierei, oltre al meraviglioso Unit Structures citato sopra, anche:
Immagine inserita
Lookin' ahead caplavoro del primo periodo
Immagine inserita
Nefertiti immenso
Immagine inserita
Silent tongues visionario
Immagine inserita
Air above mountains epico, gran capolavoro d'improvvisazione

Taylor è da digerire piano piano, quindi non scoraggiatevi; alla fine i frutti arrivano e sono buonissimi! :)
  • 1
« La schiena si piega solo quando l'anima è già piegata »
(Arturo Toscanini)

molti si chiedono se il pop/rock possa essere una forma d'arte musicale o meno; ebbene, lo è sicuramente... ma solo quando risponde al requisito esposto da Don Van Vliet:
« Non voglio vendere la mia musica. Vorrei regalarla, perché da dove l'ho presa non bisogna pagare per averla »

#8 slothrop

slothrop

    Enciclopedista

  • Redattore OndaRock
  • StellettaStellettaStellettaStellettaStellettaStellettaStelletta
  • 7141 Messaggi:

Inviato 22 March 2007 - 10:48 AM

un personaggio come Cecil Taylor, pianista nato sotto l'influenza di Brubeck e cresciuto con Hodges e gli Hot Lips Page e repentinamente approdato all'avanguardia più radicale del jazz.


Vero, era uno dei pochi a non ripugnare Brubeck e il motivo stava nell'ascnedenza vagamente classica di quest'ultimo. Va ricordato che Taylor studiò al conservatorio e subì la fortissima influenza di gente come Stravinsky e Bartok. Questo naturalmente può spiegare l'originalità e la "difficoltà" della sua musica. Credo di poter dire che tra i musicisti free sia stato il primo (potremme però metterci dentro anche il divino Eric Dolphy, anche se qui il discorso si complica ulteriormente) a portare una ventata di "contemporanea bianca" all'interno della black music (che più black non si può, vista la vicinanza del movimento free al black power di quegli anni), un tipo di contaminazione che mieterà vittime soprattutto a Chicago durante la "seconda fase".
  • 0

#9 Notker

Notker

    Scaruffiano

  • Redattore OndaRock
  • StellettaStellettaStellettaStellettaStellettaStellettaStellettaStelletta
  • 18302 Messaggi:

Inviato 22 March 2007 - 11:32 AM


un personaggio come Cecil Taylor, pianista nato sotto l'influenza di Brubeck e cresciuto con Hodges e gli Hot Lips Page e repentinamente approdato all'avanguardia più radicale del jazz.


Vero, era uno dei pochi a non ripugnare Brubeck e il motivo stava nell'ascnedenza vagamente classica di quest'ultimo. Va ricordato che Taylor studiò al conservatorio e subì la fortissima influenza di gente come Stravinsky e Bartok. Questo naturalmente può spiegare l'originalità e la "difficoltà" della sua musica. Credo di poter dire che tra i musicisti free sia stato il primo (potremme però metterci dentro anche il divino Eric Dolphy, anche se qui il discorso si complica ulteriormente) a portare una ventata di "contemporanea bianca" all'interno della black music (che più black non si può, vista la vicinanza del movimento free al black power di quegli anni), un tipo di contaminazione che mieterà vittime soprattutto a Chicago durante la "seconda fase".


la ricercatezza poliritmica portata avanti da Taylor, chiaramente di matrice stravinskiana, credo sia stato il suo apporto più impressionante allo sviluppo del pianismo jazz contemporaneo. anzi, diavolo, una vera e propria rivoluzione!
del resto le sue doti erano e sono incredibili e, ahinoi, rendono la sua esperienza difficilmente ripetibile.
un esempio della "mostruosità" della sua ritmica è riportato proprio nella prima parte di Air above mountains, nella quale l'intreccio di linee melodiche contemporanee in tempo differente raggiunge un effetto parossistico che nemmeno 100 Jarrett riuscirebbero a replicare. e senza considerare che quelle linee melodiche rimangono addirittura distinguibili.
sono convinto, oggi più di ieri, ieri più di ieri l'altro, che Taylor sia, insieme a Morton, Tatum, Powell e Monk, la figura pianistica più importante della storia del jazz.

un'altra considerazione la farei in merito alla "seconda fase" del free richiamata da slothrop; infatti, è singolare come anche in quella stagione, coagulatasi intorno all'AACM di Chicago, se si escludono Muhal Richard Abrams, Jodie Christian e Amina Claudine Myers, è scarso il numero di pianisti importanti. Tra questi, inoltre, sicuramente il solo Abrams (altro mostro da approfondire) è in grado di stare su un piano analogo a quello di Taylor.
  • 1
« La schiena si piega solo quando l'anima è già piegata »
(Arturo Toscanini)

molti si chiedono se il pop/rock possa essere una forma d'arte musicale o meno; ebbene, lo è sicuramente... ma solo quando risponde al requisito esposto da Don Van Vliet:
« Non voglio vendere la mia musica. Vorrei regalarla, perché da dove l'ho presa non bisogna pagare per averla »

#10 Fudoshin

Fudoshin

    Groupie

  • Members
  • StellettaStellettaStelletta
  • 134 Messaggi:

Inviato 22 March 2007 - 14:23 PM

Immagine inserita

Nessuno cita il grandissimo Jazz Advance?
Di sicuro meno ostico e compiuto dei lavori più celebri del grande pianista, ma secondo me ascolto obbligato per comprendere l'evoluzione del free jazz. In alcuni brani suona anche il mai abbastanza lodato Steve Lacy...
  • 0

#11 frankie teardrop

frankie teardrop

    That's right, The Mascara Snake, fast and bulbous

  • Redattore OndaRock
  • StellettaStellettaStellettaStellettaStellettaStellettaStellettaStellettaStelletta
  • 20715 Messaggi:
  • LocationPalma Campania (Napoli)

Inviato 22 March 2007 - 18:38 PM

Sì, For Olim è eseguito dal solo Taylor (e dedicato al suo "compagno-gregario" Jimmy Lyons - da non sottovalutare lo strepitoso, ineguagliabile cofanetto a lui dedicato, pubblicato qualche anno fa dalla benemerita Ayler). Nommo, invece, non credo esista in cd. Non l'ho mai ascoltato, tra l'altro...


Trovo che Nommo sia un gran bel disco, anche se non così "definitivo" come me lo aspettavo.
Quanto a Taylor, Conquistador, Unit Structures, Nefertiti: The Beautiful One Has Comee Silent Tongues i miei preferiti.
  • 0

                                                      CAPTAIN  MASK REPLICA
 

CAPTAIN  MASK REPLICA (1/2)                                              CAPTAIN  MASK REPLICA  (2/2)

                                         

PIERO SCARUFFI su Captain Beefheart &...

 

STORIA DEL ROCK

 

三生石


#12 Jazzer

Jazzer

    Utente anziano

  • Members
  • StellettaStellettaStelletta
  • 383 Messaggi:
  • LocationVenezia

Inviato 22 March 2007 - 19:49 PM

Immagine inserita
Air above mountains epico, gran capolavoro d'improvvisazione


Questo piace anche a mio figlio seienne!!! (che vorrà dire?)

Nefertiti è strepitoso.
  • 0

non sono asociale...sono socialmente selettivo


#13 Peel Slowly And See

Peel Slowly And See

    Roadie

  • Members
  • StellettaStellettaStellettaStelletta
  • 825 Messaggi:

Inviato 24 March 2007 - 14:49 PM

Grandissimo Cecil Taylor, un vero gigante del jazz. Penso anche io che il suo pianismo free sia stato rivoluzionario, ed abbia rappresentato una novità clamorosa per la musica di quegli anni. Nefertiti, The Beautiful One Has Come (1962), Unit Structures (1966) e Conquistador (1966) sono i dischi che ho ascoltato, tutti bellissimi e consigliati. Il primo secondo me è un capolavoro assoluto, ed è il disco di Taylor che più mi ha impressionato, degno di figurare tra le pietre miliari del jazz. 
  • 0

#14 Guest_Julian_*

Guest_Julian_*
  • Guests

Inviato 24 March 2007 - 16:20 PM

Il mio preferito è "Unit Structures". E quel che mi stupisce di Taylor è l'incredibile fascino della sua musica...o meglio è una musica che va scoperta lentamente, ascolto dopo ascolto, districandosi in quel marasma sonoro che ad un primo impatto pare celestiale caos. Un pò rimane tale anche dopo numerosi ascolti, però piano piano quella incredibile stratificazione caotica assume forma compiuta....ripeto: questa per me è una musica che va scoperta per gradi, e finisce per catturarti.
Ah, bellissimi anche "Nefertiti" e soprattutto "Conquistador".

#15 vit vit

vit vit

    pivello

  • Members
  • Stelletta
  • 21 Messaggi:

Inviato 06 April 2018 - 20:21 PM

Eh sì se ne è andato anche lui.

Ciao Cecil,prima o poi ci si vede.
  • 1




0 utente(i) stanno leggendo questa discussione

0 utenti, 0 ospiti, 0 utenti anonimi

IPB Skin By Virteq