Vai al contenuto


Foto

Ondarock E Il Suo Forum: Te La Do Io La Community


  • Please log in to reply
273 replies to this topic

#221 frankie teardrop

frankie teardrop

    That's right, The Mascara Snake, fast and bulbous

  • Redattore OndaRock
  • StellettaStellettaStellettaStellettaStellettaStellettaStellettaStellettaStelletta
  • 22028 Messaggi:
  • LocationPalma Campania (Napoli)

Inviato 29 giugno 2021 - 15:37


 

 

Queste osservazioni mi fanno capire che anche qui sul forum di Ondarock non c'è molta consapevolezza di cosa sia e come funzioni questo sito.
L'idea che "Ondarock si sia affidata al sedicente youtuber Tizio anziché ai suoi redattori o a chissà quale altro marchio blasonato" è una lettura delle dinamiche poco fedele al loro effettivo sviluppo. Non è che ci sia stato un Gran Consiglio Direttivo di Ondarock che abbia sancito che il sito debba puntare sul versante video e che l'incarico di questa espansione debba essere appaltata non ai valorosi Sgrignoli e Romagnoli, da tempo dettisi interessati alla cosa, bensì all'esterno e semisconosciuto Claudio Dosa. Come con tutte le cose sviluppatesi su Ondarock, l'iniziativa è stata personale: Francesco Nunziata, redattore di Ondarock da tempo immemore, ha avviato una collaborazione con uno youtuber (non credo serva il patentino per dichiararsi tale — e per inciso ad averlo indicato così siamo stati noialtri su Facebook, non lui stesso) proponendo al direttore e a chi gestisce gli account social di condividerne i prodotti, esattamente come già avviene per le trasmissioni radiofoniche di Claudio o del duo Sechi/Bercella.
Avere avviato una rubrica grossomodo settimanale, dedicata a contenuti strettamente associati al sito, non esclude alcun tipo di altra mossa futura, in proprio o di nuovo in collaborazione con altri. È semplicemente la prima a essere partita e può essere un buon modo per raccogliere esperienza sul campo, sondare le impressioni dei lettori (nonché dei forumisti) e orientare eventuali altri progetti futuri.

 

Grazie della precisazione, pensavo fosse tutto straordinariamente scontato da non doverlo ribadire, ma a quanto pare non è affatto così, quindi hai fatto benissimo a precisarlo.

 

 

 

Ecco, appunto. Forse l'unica colpa che abbiamo, io e Claudio Dosa, è quella di aver fatto qualcosa che qualcun altro avrebbe voluto fare senza mai "quagliare" davvero... Che, poi: se non siete interessati, nessuno vi mette il coltello alla gola. Poi, è ovvio: tutti quelli che criticano, hanno visto tutti i nostri video, dal primo all'ultimo minuto. Sì, sì. 


  • 0

C A P T A I N    M A S K    R E P L I C A. Vita e arte di Don Van Vliet, CAPTAIN BEEFHEART

                                            

MEET AROUND THE ROCK - BEST OF ROCK (con Claudio Dosa & Federico Frusciante)

 

三生石


#222 Trespassive-aggressive

Trespassive-aggressive

    Strawberry Switchblade

  • Members
  • StellettaStellettaStellettaStellettaStellettaStellettaStellettaStelletta
  • 16938 Messaggi:

Inviato 29 giugno 2021 - 15:55

Che, poi: se non siete interessati, nessuno vi mette il coltello alla gola. Poi, è ovvio: tutti quelli che criticano, hanno visto tutti i nostri video, dal primo all'ultimo minuto. Sì, sì.


Dio santo che permaloso...
A sto punto vi prego solo di una cosa: è inutile che apriate thread dicendo "siamo aperti a consigli, critiche, opinioni, ecc..", se poi alla prima mezza critica (costruttiva e senza offese) sollevate polveroni e rispondete piccati come se vi toccassero sul personale. Come detto ieri: io sono solo contento per Ondarock se quello (e altri) format funzionano. Se no non sarei qui.

Tra l'altro ho sottolineato dodici volte che si vede che quel ragazzo è umile, appassionato, si sbatte, ecc..

Niente, d'ora in poi ti scriverò solo per dirti che sei bello e bravo, va bene?
  • 1

#223 frankie teardrop

frankie teardrop

    That's right, The Mascara Snake, fast and bulbous

  • Redattore OndaRock
  • StellettaStellettaStellettaStellettaStellettaStellettaStellettaStellettaStelletta
  • 22028 Messaggi:
  • LocationPalma Campania (Napoli)

Inviato 29 giugno 2021 - 16:00

ma no: critica pure, se ti va - tranquillo
l'importante è che ora sapete bene "come sono andate le cose" (e sapete pure che Dosa non è in vacanza alle Maldive con i soldi di OR)


  • 0

C A P T A I N    M A S K    R E P L I C A. Vita e arte di Don Van Vliet, CAPTAIN BEEFHEART

                                            

MEET AROUND THE ROCK - BEST OF ROCK (con Claudio Dosa & Federico Frusciante)

 

三生石


#224 Trespassive-aggressive

Trespassive-aggressive

    Strawberry Switchblade

  • Members
  • StellettaStellettaStellettaStellettaStellettaStellettaStellettaStelletta
  • 16938 Messaggi:

Inviato 29 giugno 2021 - 16:09

(e sapete pure che Dosa non è in vacanza alle Maldive con i soldi di OR)


Vedi, prosegui nell'interpretare come ti pare, perché l'hai presa sul personale.
Mio stralcio di ieri:

...fatta da un ragazzo che si vede che ha tutta la buona volontà e buona fede che lo fa per un suo legittimo tornaconto (non intendo monetario)


Ho specificato che non c'entrano i soldi. E ci mancherebbe.
  • 0

#225 frankie teardrop

frankie teardrop

    That's right, The Mascara Snake, fast and bulbous

  • Redattore OndaRock
  • StellettaStellettaStellettaStellettaStellettaStellettaStellettaStellettaStelletta
  • 22028 Messaggi:
  • LocationPalma Campania (Napoli)

Inviato 29 giugno 2021 - 16:13

ok, chiarito  :)


  • 0

C A P T A I N    M A S K    R E P L I C A. Vita e arte di Don Van Vliet, CAPTAIN BEEFHEART

                                            

MEET AROUND THE ROCK - BEST OF ROCK (con Claudio Dosa & Federico Frusciante)

 

三生石


#226 Владимир Гозерин

Владимир Гозерин

    Grande eletto non anglofonista Kadosch

  • Members
  • StellettaStellettaStellettaStellettaStellettaStellettaStellettaStellettaStelletta
  • 24014 Messaggi:

Inviato 29 giugno 2021 - 18:31

Oh, io con tutto che sapete bene il rapporto di simpatia reciproca che mi lega a Frankie ashd ho trovato apprezzabile la sua iniziativa, se non altro perché mentre qui stiamo ancora a chiacchierare, lui è passato all'azione. 


  • 1
RYM ___ i contenuti

"SOVIET SAM" un blog billizzimo

#227 frankie teardrop

frankie teardrop

    That's right, The Mascara Snake, fast and bulbous

  • Redattore OndaRock
  • StellettaStellettaStellettaStellettaStellettaStellettaStellettaStellettaStelletta
  • 22028 Messaggi:
  • LocationPalma Campania (Napoli)

Inviato 29 giugno 2021 - 18:38

appunto: molti parlano, altri provano a fare qualcosa, magari con dei limiti, ma ci provano...

Fede, mi stai sul cazzo, ma ti voglio bene.  asd


  • 0

C A P T A I N    M A S K    R E P L I C A. Vita e arte di Don Van Vliet, CAPTAIN BEEFHEART

                                            

MEET AROUND THE ROCK - BEST OF ROCK (con Claudio Dosa & Federico Frusciante)

 

三生石


#228 White Duke

White Duke

    facente parte dell'élite

  • Redattore OndaRock
  • StellettaStellettaStellettaStellettaStellettaStellettaStellettaStelletta
  • 16332 Messaggi:

Inviato 30 giugno 2021 - 08:38

 

Ok, ritaglio l'ultimo intervento qui allora.

 

 

 

La trasmissione del duca e di blackwater é molto più dinamica proprio per lo scambio che c'é tra i due conduttori

 

 

Che però per me ha il difetto di essere ormai una trasmissione indipendente che di Ondarock mantiene solo il nome. Si parla poco dei contenuti del sito (e in quel poco, talvolta male) e i due autori del resto si spendono ormai quasi zero per scrivere articoli.

 

L'impressione - personalmente piuttosto negativa - è che ormai utilizzino lo spazio su Ondarock per pubblicizzare la trasmissione: invece a rigor di logica dovrebbe essere la trasmissione a pubblicizzare Ondarock.

 

Quanto a Claudio, anche senza un co-conduttore potrebbe facilmente ovviare al problema del dinamismo invitando un redattore diverso a puntata (magari con cui curare la scaletta insieme).

 

Ahinoi, ultimamente dei contenuti di ondarock spesso manco l'ombra. Ascoltai la puntata su Lana Del Rey e nessun riferimento a tutto quello che abbiamo scritto negli anni, nulla sulla monografia, zero: solo una serie infinita di sospiri e apprezzamenti all'ospite presente, che evidentemente è talmente più brava di me e Gianfranco e tutti quelli che hanno scritto qualcosa su Lana Del Rey da metterci nell'angolo per tutta la puntata. Eppure, tutto è stato ampiamente promosso sul sito. Una delusione enorme. Ma ormai sono anni che dei contenuti del sito non si parla quasi più. A me frega zero, sia chiaro: ognuno è libero di gestire la propria trasmissione come meglio crede, ma nel momento in cui ti appoggi la faccenda è un po' diversa. Giusto un po'. Non dico di fare puntante intere su quello che scriviamo ma da qui a non considerarci proprio, soprattutto quando abbiamo contenuti ben nutriti, ce ne passa.

 

Ben diversa quella di Claudio, dove forse manca giusto l'ospite.  

 

 

Domanda: per non essere "indipendente" dal sito il programma dovrebbe citare a ogni piè sospinto i contenuti di chi scrive qui? Nel 2021 - anno domini in cui i siti ospitano contenuti multimediali i più disparati, davvero pensiamo che un programma radiofonico, per potersi dire "conforme", deve replicare o diffondere in via esclusiva, o quasi, i contenuti del sito che lo pubblica?  Quando leggo articoli di Ondarock, essi sviluppano delle proprie argomentazioni, non mi pare che siano il risultato di virgolettati o di citazioni in serie di articoli altrui...sbaglio?

L'unica differenza è il media utilizzato, per il resto entrambi diffondono contenuti e cultura musicale.  L'intervista ai tanti ospiti (che sono sicuro conoscerete benissimo da assidui ascoltatori quali siete) se fatta per iscritto è un contenuto di Ondarock, mentre se la si fa davanti a un microfono non lo è più? Nel 2021 pensate davvero questo? 

Detto ciò, e nonostante la premessa che considero una pietra miliare del ragionamento,  chi ascolta le nostre trasmissioni (pochi qui dentro, soprattutto in redazione, ma fortunatamente tantissimi fuori) sa bene che tanto i redattori di Ondarock che gli articoli vengono citati eccome, e non certo per "parlarne male", ma in questo caso basterebbe ascoltare, cosa che non viene - come ripeto - fatta, se non per formulare appunti pretestuosi come quelli che mi tocca leggere (ancora una volta). Il postulato per cui è successo una volta (Lana del Rey), quindi succede sempre denota o malafede, oppure il non ascolto assiduo del programma (propendo per la seconda). Ma su questo tema si può sempre fare un sondaggio fra gli ascoltatori, chiedendo loro se hanno percezione che il contenuto sia proposto da Ondarock e non da Sentireascoltare o Rockol...

Io credo che, per come funziona la comunicazione nel web, i podcast - se ben fatti e se non si riducono al cazzeggio degli amici al bar - siano assolutamente un valore aggiunto a prescindere se il taglio sia "citazionista" (Claudio) o "a ruota libera" (il nostro) e che valgano tanto quanto un articolo scritto, ma forse essendo anziano ha una visione vetusta della faccenda.


  • 2
"No matter how high are one's estimates of human stupidity, one is repeatedly and recurrently startled by the fact that: a) people whom one had once judged rational and intelligent turn out to be unashamedly stupid b) day after day, with unceasing monotony, one is harassed in one's activities by stupid individuals who appear suddenly and unespectedly in the most inconvenient places and at the most improbable moments" (Carlo M. Cipolla)

#229 Claudio

Claudio

    I am what I play

  • Administrators
  • 36562 Messaggi:
  • LocationRoma

Inviato 30 giugno 2021 - 08:52

mentre qui stiamo ancora a chiacchierare, lui è passato all'azione. 

 

Penso di non essere mai stato così d'accordo con te  ;D

 

Sembra che qui chi si fa il mazzo per proporre qualcosa di diverso - che sia un format radiofonico più tradizionale o un contenuto video su YouTube - debba essere anzitutto messo alla sbarra preventivamente e poi forse anche ascoltato più attentamente. Per me sono tutte iniziative utili e apprezzabili, anche quelle che eventualmente ci citano meno o poco, perché comunque promuovono il sito e lo spostano un po' dalle coordinate cui era rimasto inchiodato per anni. Poi va benissimo criticare, ci mancherebbe, però almeno sarebbe giusto concedere qualche attenuante in più, stiamo tutti sperimentando, ma almeno ci proviamo e sempre senza altre finalità.


  • 1

#230 White Duke

White Duke

    facente parte dell'élite

  • Redattore OndaRock
  • StellettaStellettaStellettaStellettaStellettaStellettaStellettaStelletta
  • 16332 Messaggi:

Inviato 30 giugno 2021 - 09:55

 

mentre qui stiamo ancora a chiacchierare, lui è passato all'azione. 

 

Penso di non essere mai stato così d'accordo con te  ;D

 

Sembra che qui chi si fa il mazzo per proporre qualcosa di diverso - che sia un format radiofonico più tradizionale o un contenuto video su YouTube - debba essere anzitutto messo alla sbarra preventivamente e poi forse anche ascoltato più attentamente. Per me sono tutte iniziative utili e apprezzabili, anche quelle che eventualmente ci citano meno o poco, perché comunque promuovono il sito e lo spostano un po' dalle coordinate cui era rimasto inchiodato per anni. Poi va benissimo criticare, ci mancherebbe, però almeno sarebbe giusto concedere qualche attenuante in più, stiamo tutti sperimentando, ma almeno ci proviamo e sempre senza altre finalità.

 

Già. E' davvero buffa l'idea che si proponga qualcosa esclusivamente per la visibilità propria e non per quella del sito, o quantomeno che la propria visibilità non vada a vantaggio di Ondarock ma solo a chi ci mette la voce (o la faccia, o la firma). Anche se io grazie al podcast che vengono pubblicati in homepage ci ho comprato la casa al mare, ma questo è un altro discorso.

Se davvero qualcuno è in grado di spiegarmi la differenza tra un contenuto divulgato per iscritto e uno in voce, mi farà felice. Con tutto che si possono scrivere delle cazzate tanto quanto dirle.


  • 1
"No matter how high are one's estimates of human stupidity, one is repeatedly and recurrently startled by the fact that: a) people whom one had once judged rational and intelligent turn out to be unashamedly stupid b) day after day, with unceasing monotony, one is harassed in one's activities by stupid individuals who appear suddenly and unespectedly in the most inconvenient places and at the most improbable moments" (Carlo M. Cipolla)

#231 Claudio

Claudio

    I am what I play

  • Administrators
  • 36562 Messaggi:
  • LocationRoma

Inviato 30 giugno 2021 - 11:54

Ma poi anche solo l'idea di portare in studio qualche ospite di rilievo e fargli conoscere l'esistenza di OndaRock, mi sembra già solo questo un successo. Poi se questo ospite successivamente si spende in qualche modo per noi meglio ancora (e forse su questo fronte potremmo fare di più, siamo sempre molto restii a chiedere marchette - io per primo - ma di sicuro aiuterebbe).


  • 0

#232 vuvu

vuvu

    الرجل المكرسة لقضية المرأة ويقع في

  • Redattore OndaRock
  • StellettaStellettaStellettaStellettaStellettaStellettaStellettaStelletta
  • 17219 Messaggi:

Inviato 30 giugno 2021 - 11:56

 

 

Ok, ritaglio l'ultimo intervento qui allora.

 

 

 

La trasmissione del duca e di blackwater é molto più dinamica proprio per lo scambio che c'é tra i due conduttori

 

 

Che però per me ha il difetto di essere ormai una trasmissione indipendente che di Ondarock mantiene solo il nome. Si parla poco dei contenuti del sito (e in quel poco, talvolta male) e i due autori del resto si spendono ormai quasi zero per scrivere articoli.

 

L'impressione - personalmente piuttosto negativa - è che ormai utilizzino lo spazio su Ondarock per pubblicizzare la trasmissione: invece a rigor di logica dovrebbe essere la trasmissione a pubblicizzare Ondarock.

 

Quanto a Claudio, anche senza un co-conduttore potrebbe facilmente ovviare al problema del dinamismo invitando un redattore diverso a puntata (magari con cui curare la scaletta insieme).

 

Ahinoi, ultimamente dei contenuti di ondarock spesso manco l'ombra. Ascoltai la puntata su Lana Del Rey e nessun riferimento a tutto quello che abbiamo scritto negli anni, nulla sulla monografia, zero: solo una serie infinita di sospiri e apprezzamenti all'ospite presente, che evidentemente è talmente più brava di me e Gianfranco e tutti quelli che hanno scritto qualcosa su Lana Del Rey da metterci nell'angolo per tutta la puntata. Eppure, tutto è stato ampiamente promosso sul sito. Una delusione enorme. Ma ormai sono anni che dei contenuti del sito non si parla quasi più. A me frega zero, sia chiaro: ognuno è libero di gestire la propria trasmissione come meglio crede, ma nel momento in cui ti appoggi la faccenda è un po' diversa. Giusto un po'. Non dico di fare puntante intere su quello che scriviamo ma da qui a non considerarci proprio, soprattutto quando abbiamo contenuti ben nutriti, ce ne passa.

 

Ben diversa quella di Claudio, dove forse manca giusto l'ospite.  

 

 

Domanda: per non essere "indipendente" dal sito il programma dovrebbe citare a ogni piè sospinto i contenuti di chi scrive qui? Nel 2021 - anno domini in cui i siti ospitano contenuti multimediali i più disparati, davvero pensiamo che un programma radiofonico, per potersi dire "conforme", deve replicare o diffondere in via esclusiva, o quasi, i contenuti del sito che lo pubblica?  Quando leggo articoli di Ondarock, essi sviluppano delle proprie argomentazioni, non mi pare che siano il risultato di virgolettati o di citazioni in serie di articoli altrui...sbaglio?

L'unica differenza è il media utilizzato, per il resto entrambi diffondono contenuti e cultura musicale.  L'intervista ai tanti ospiti (che sono sicuro conoscerete benissimo da assidui ascoltatori quali siete) se fatta per iscritto è un contenuto di Ondarock, mentre se la si fa davanti a un microfono non lo è più? Nel 2021 pensate davvero questo? 

Detto ciò, e nonostante la premessa che considero una pietra miliare del ragionamento,  chi ascolta le nostre trasmissioni (pochi qui dentro, soprattutto in redazione, ma fortunatamente tantissimi fuori) sa bene che tanto i redattori di Ondarock che gli articoli vengono citati eccome, e non certo per "parlarne male", ma in questo caso basterebbe ascoltare, cosa che non viene - come ripeto - fatta, se non per formulare appunti pretestuosi come quelli che mi tocca leggere (ancora una volta). Il postulato per cui è successo una volta (Lana del Rey), quindi succede sempre denota o malafede, oppure il non ascolto assiduo del programma (propendo per la seconda). Ma su questo tema si può sempre fare un sondaggio fra gli ascoltatori, chiedendo loro se hanno percezione che il contenuto sia proposto da Ondarock e non da Sentireascoltare o Rockol...

Io credo che, per come funziona la comunicazione nel web, i podcast - se ben fatti e se non si riducono al cazzeggio degli amici al bar - siano assolutamente un valore aggiunto a prescindere se il taglio sia "citazionista" (Claudio) o "a ruota libera" (il nostro) e che valgano tanto quanto un articolo scritto, ma forse essendo anziano ha una visione vetusta della faccenda.

 

 

Innanzitutto ho scritto "ultimamente", proprio perché seguivo molto la trasmissione agli inizi e avendola riascoltata molte volte nell'ultimo anno ho notato questo cambio di passo editoriale, meno legato al sito per i collegamenti ai contenuti. Si tratta semplicemente di collegarsi e ascoltare per due ore un programma su una cantante di cui abbiamo scritto di tutto e non trovare manco una mezza citazione, ma anche solo per dire "cari ascoltatori, detto questo c'è anche qualche cazzata scritta su Ondarock, se vi va andate a spulciarla". Niente di niente. Questo per me va benissimo, sia chiaro. E come ampiamente sottolineato siete assolutamente liberi e indipendenti di citare quello che vi pare. Mi pare però un attimino ambiguo appoggiarsi al sito in una finestra comunque importante, chiamarsi blah blah blah ondarock on air, ma lasciare molte volte il sito ashore più che on air. Di citare le cose a piè spinto, inoltre, non l'ho mai scritto. Quindi non giriamo la frittata. Grazie. Comunque, la mia è una critica senza alcuna pretestuosità, e interessa veramente poco tutto questo. Fate quello che vi pare. Ma non cadiamo dal pero in maniera stizzita quando qualcuno fa notare queste discrepanze (chiamiamole) "deontologiche". Tutto qui. 


  • 4

"L'intensità del rumore provoca ostilità, sfinimento, narcisismo, panico e una strana narcosi." (Adam Knieste, cit.)

 

"Deve rimanere solo l'amore per l'arte, questo aprire le gambe e farsi immergere dal soffio celeste dello Spirito." (Simon, cit.)

 

La vita è bella solo a Ibiza (quando non c'è nessuno).


#233 Владимир Гозерин

Владимир Гозерин

    Grande eletto non anglofonista Kadosch

  • Members
  • StellettaStellettaStellettaStellettaStellettaStellettaStellettaStellettaStelletta
  • 24014 Messaggi:

Inviato 30 giugno 2021 - 12:35

sa bene che tanto i redattori di Ondarock che gli articoli vengono citati eccome, e non certo per "parlarne male"

 

'Nsomma eh, potrei citare più casi in cui siete stati tutt'altro che lusinghieri con i redattori che avete citato, per usare un eufemismo. Poi sì, con quelli che vi stanno simpatici rose e fiori.


  • 0
RYM ___ i contenuti

"SOVIET SAM" un blog billizzimo

#234 White Duke

White Duke

    facente parte dell'élite

  • Redattore OndaRock
  • StellettaStellettaStellettaStellettaStellettaStellettaStellettaStelletta
  • 16332 Messaggi:

Inviato 30 giugno 2021 - 13:58

 

 

 

Ok, ritaglio l'ultimo intervento qui allora.

 

 

 

La trasmissione del duca e di blackwater é molto più dinamica proprio per lo scambio che c'é tra i due conduttori

 

 

Che però per me ha il difetto di essere ormai una trasmissione indipendente che di Ondarock mantiene solo il nome. Si parla poco dei contenuti del sito (e in quel poco, talvolta male) e i due autori del resto si spendono ormai quasi zero per scrivere articoli.

 

L'impressione - personalmente piuttosto negativa - è che ormai utilizzino lo spazio su Ondarock per pubblicizzare la trasmissione: invece a rigor di logica dovrebbe essere la trasmissione a pubblicizzare Ondarock.

 

Quanto a Claudio, anche senza un co-conduttore potrebbe facilmente ovviare al problema del dinamismo invitando un redattore diverso a puntata (magari con cui curare la scaletta insieme).

 

Ahinoi, ultimamente dei contenuti di ondarock spesso manco l'ombra. Ascoltai la puntata su Lana Del Rey e nessun riferimento a tutto quello che abbiamo scritto negli anni, nulla sulla monografia, zero: solo una serie infinita di sospiri e apprezzamenti all'ospite presente, che evidentemente è talmente più brava di me e Gianfranco e tutti quelli che hanno scritto qualcosa su Lana Del Rey da metterci nell'angolo per tutta la puntata. Eppure, tutto è stato ampiamente promosso sul sito. Una delusione enorme. Ma ormai sono anni che dei contenuti del sito non si parla quasi più. A me frega zero, sia chiaro: ognuno è libero di gestire la propria trasmissione come meglio crede, ma nel momento in cui ti appoggi la faccenda è un po' diversa. Giusto un po'. Non dico di fare puntante intere su quello che scriviamo ma da qui a non considerarci proprio, soprattutto quando abbiamo contenuti ben nutriti, ce ne passa.

 

Ben diversa quella di Claudio, dove forse manca giusto l'ospite.  

 

 

Domanda: per non essere "indipendente" dal sito il programma dovrebbe citare a ogni piè sospinto i contenuti di chi scrive qui? Nel 2021 - anno domini in cui i siti ospitano contenuti multimediali i più disparati, davvero pensiamo che un programma radiofonico, per potersi dire "conforme", deve replicare o diffondere in via esclusiva, o quasi, i contenuti del sito che lo pubblica?  Quando leggo articoli di Ondarock, essi sviluppano delle proprie argomentazioni, non mi pare che siano il risultato di virgolettati o di citazioni in serie di articoli altrui...sbaglio?

L'unica differenza è il media utilizzato, per il resto entrambi diffondono contenuti e cultura musicale.  L'intervista ai tanti ospiti (che sono sicuro conoscerete benissimo da assidui ascoltatori quali siete) se fatta per iscritto è un contenuto di Ondarock, mentre se la si fa davanti a un microfono non lo è più? Nel 2021 pensate davvero questo? 

Detto ciò, e nonostante la premessa che considero una pietra miliare del ragionamento,  chi ascolta le nostre trasmissioni (pochi qui dentro, soprattutto in redazione, ma fortunatamente tantissimi fuori) sa bene che tanto i redattori di Ondarock che gli articoli vengono citati eccome, e non certo per "parlarne male", ma in questo caso basterebbe ascoltare, cosa che non viene - come ripeto - fatta, se non per formulare appunti pretestuosi come quelli che mi tocca leggere (ancora una volta). Il postulato per cui è successo una volta (Lana del Rey), quindi succede sempre denota o malafede, oppure il non ascolto assiduo del programma (propendo per la seconda). Ma su questo tema si può sempre fare un sondaggio fra gli ascoltatori, chiedendo loro se hanno percezione che il contenuto sia proposto da Ondarock e non da Sentireascoltare o Rockol...

Io credo che, per come funziona la comunicazione nel web, i podcast - se ben fatti e se non si riducono al cazzeggio degli amici al bar - siano assolutamente un valore aggiunto a prescindere se il taglio sia "citazionista" (Claudio) o "a ruota libera" (il nostro) e che valgano tanto quanto un articolo scritto, ma forse essendo anziano ha una visione vetusta della faccenda.

 

 

Innanzitutto ho scritto "ultimamente", proprio perché seguivo molto la trasmissione agli inizi e avendola riascoltata molte volte nell'ultimo anno ho notato questo cambio di passo editoriale, meno legato al sito per i collegamenti ai contenuti. Si tratta semplicemente di collegarsi e ascoltare per due ore un programma su una cantante di cui abbiamo scritto di tutto e non trovare manco una mezza citazione, ma anche solo per dire "cari ascoltatori, detto questo c'è anche qualche cazzata scritta su Ondarock, se vi va andate a spulciarla". Niente di niente. Questo per me va benissimo, sia chiaro. E come ampiamente sottolineato siete assolutamente liberi e indipendenti di citare quello che vi pare. Mi pare però un attimino ambiguo appoggiarsi al sito in una finestra comunque importante, chiamarsi blah blah blah ondarock on air, ma lasciare molte volte il sito ashore più che on air. Di citare le cose a piè spinto, inoltre, non l'ho mai scritto. Quindi non giriamo la frittata. Grazie. Comunque, la mia è una critica senza alcuna pretestuosità, e interessa veramente poco tutto questo. Fate quello che vi pare. Ma non cadiamo dal pero in maniera stizzita quando qualcuno fa notare queste discrepanze (chiamiamole) "deontologiche". Tutto qui. 

 

Ma guarda che io non sono affatto stizzito. Continuo a non capire perchè Giuliano Delli Paoli (o chicchessia) che firma un pezzo e lo pubblica sul sito non fa pubblicità a se stesso e dà visibilità al sito, mentre al contrario Marco Bercella che fa le sue considerazioni a voce si appoggia a una finestra importante e si comporta in maniera ambigua e in discrepanza deontologica, che è quanto si evince dalla tua risposta. Se tu o altri me lo riuscite a spiegare, accetto la spiegazione. Forse ci sono anche dei contenuti che il sito non ha trattato per iscritto, e invece lo fa con un podcast...

 

 

edit con esempio pratico: https://www.ondarock...stereonotte.htm questo è lo speciale dedicato a RaiStereoNotte in cui intervistiamo due padri storici del programma (fra cui Enrico Sisti che avrà rilasciato una intervista in 40 anni)

 

https://www.ondarock.it/speciali/vigorito-raistereonotte.htm questa è la recensione al libro.

 

Perchè nel primo caso asseconderei il mio ego e mi appoggio alla rivista, e nel secondo svolgo un servizio alla rivista?

 

Capito questo, mi taccio per altri sei anni...


  • 1
"No matter how high are one's estimates of human stupidity, one is repeatedly and recurrently startled by the fact that: a) people whom one had once judged rational and intelligent turn out to be unashamedly stupid b) day after day, with unceasing monotony, one is harassed in one's activities by stupid individuals who appear suddenly and unespectedly in the most inconvenient places and at the most improbable moments" (Carlo M. Cipolla)

#235 White Duke

White Duke

    facente parte dell'élite

  • Redattore OndaRock
  • StellettaStellettaStellettaStellettaStellettaStellettaStellettaStelletta
  • 16332 Messaggi:

Inviato 30 giugno 2021 - 14:08

 

sa bene che tanto i redattori di Ondarock che gli articoli vengono citati eccome, e non certo per "parlarne male"

 

'Nsomma eh, potrei citare più casi in cui siete stati tutt'altro che lusinghieri con i redattori che avete citato, per usare un eufemismo. Poi sì, con quelli che vi stanno simpatici rose e fiori.

 

Chi ci ascolta sa benissimo che noi non personalizziamo mai nulla, infatti lo ripetiamo in modo persino ossessivo: i giudizi sono sempre personali e sui dischi, MAI su chi scrive e ci mancherebbe altro. E quindi spiegami: quando tu in una recensione scrivi che il tal disco è brutto, e magari c'è una scheda che afferma il contrario, sei tutt'altro che lusinghiero nei confronti di un collega, oppure stai semplicemente esprimendo la tua libertà di critica? Perché se Pravda deve essere, che lo sia almeno 360 gradi: tutti monolitici in una direzione. E qui torniamo sempre al punto: qualcuno mi spieghi la differenza tra uno scritto e un parlato, sul perchè lo scritto può andare a briglia sciolta sul tema che sta trattando, mentre il parlato deve citare in maniera continuativa Ondarock e chi ci scrive, e soprattutto stare attento che il suo personale giudizio non vada in conflitto con un contenuto della rivista. Detto che comunque citazioni eccellenti a OndaRock ce ne sono tantissime e superano di gran lunga quelle in disaccordo, mi sfugge davvero la discriminante.


  • 1
"No matter how high are one's estimates of human stupidity, one is repeatedly and recurrently startled by the fact that: a) people whom one had once judged rational and intelligent turn out to be unashamedly stupid b) day after day, with unceasing monotony, one is harassed in one's activities by stupid individuals who appear suddenly and unespectedly in the most inconvenient places and at the most improbable moments" (Carlo M. Cipolla)

#236 vuvu

vuvu

    الرجل المكرسة لقضية المرأة ويقع في

  • Redattore OndaRock
  • StellettaStellettaStellettaStellettaStellettaStellettaStellettaStelletta
  • 17219 Messaggi:

Inviato 30 giugno 2021 - 14:45

 

 

 

 

Ok, ritaglio l'ultimo intervento qui allora.

 

 

 

La trasmissione del duca e di blackwater é molto più dinamica proprio per lo scambio che c'é tra i due conduttori

 

 

Che però per me ha il difetto di essere ormai una trasmissione indipendente che di Ondarock mantiene solo il nome. Si parla poco dei contenuti del sito (e in quel poco, talvolta male) e i due autori del resto si spendono ormai quasi zero per scrivere articoli.

 

L'impressione - personalmente piuttosto negativa - è che ormai utilizzino lo spazio su Ondarock per pubblicizzare la trasmissione: invece a rigor di logica dovrebbe essere la trasmissione a pubblicizzare Ondarock.

 

Quanto a Claudio, anche senza un co-conduttore potrebbe facilmente ovviare al problema del dinamismo invitando un redattore diverso a puntata (magari con cui curare la scaletta insieme).

 

Ahinoi, ultimamente dei contenuti di ondarock spesso manco l'ombra. Ascoltai la puntata su Lana Del Rey e nessun riferimento a tutto quello che abbiamo scritto negli anni, nulla sulla monografia, zero: solo una serie infinita di sospiri e apprezzamenti all'ospite presente, che evidentemente è talmente più brava di me e Gianfranco e tutti quelli che hanno scritto qualcosa su Lana Del Rey da metterci nell'angolo per tutta la puntata. Eppure, tutto è stato ampiamente promosso sul sito. Una delusione enorme. Ma ormai sono anni che dei contenuti del sito non si parla quasi più. A me frega zero, sia chiaro: ognuno è libero di gestire la propria trasmissione come meglio crede, ma nel momento in cui ti appoggi la faccenda è un po' diversa. Giusto un po'. Non dico di fare puntante intere su quello che scriviamo ma da qui a non considerarci proprio, soprattutto quando abbiamo contenuti ben nutriti, ce ne passa.

 

Ben diversa quella di Claudio, dove forse manca giusto l'ospite.  

 

 

Domanda: per non essere "indipendente" dal sito il programma dovrebbe citare a ogni piè sospinto i contenuti di chi scrive qui? Nel 2021 - anno domini in cui i siti ospitano contenuti multimediali i più disparati, davvero pensiamo che un programma radiofonico, per potersi dire "conforme", deve replicare o diffondere in via esclusiva, o quasi, i contenuti del sito che lo pubblica?  Quando leggo articoli di Ondarock, essi sviluppano delle proprie argomentazioni, non mi pare che siano il risultato di virgolettati o di citazioni in serie di articoli altrui...sbaglio?

L'unica differenza è il media utilizzato, per il resto entrambi diffondono contenuti e cultura musicale.  L'intervista ai tanti ospiti (che sono sicuro conoscerete benissimo da assidui ascoltatori quali siete) se fatta per iscritto è un contenuto di Ondarock, mentre se la si fa davanti a un microfono non lo è più? Nel 2021 pensate davvero questo? 

Detto ciò, e nonostante la premessa che considero una pietra miliare del ragionamento,  chi ascolta le nostre trasmissioni (pochi qui dentro, soprattutto in redazione, ma fortunatamente tantissimi fuori) sa bene che tanto i redattori di Ondarock che gli articoli vengono citati eccome, e non certo per "parlarne male", ma in questo caso basterebbe ascoltare, cosa che non viene - come ripeto - fatta, se non per formulare appunti pretestuosi come quelli che mi tocca leggere (ancora una volta). Il postulato per cui è successo una volta (Lana del Rey), quindi succede sempre denota o malafede, oppure il non ascolto assiduo del programma (propendo per la seconda). Ma su questo tema si può sempre fare un sondaggio fra gli ascoltatori, chiedendo loro se hanno percezione che il contenuto sia proposto da Ondarock e non da Sentireascoltare o Rockol...

Io credo che, per come funziona la comunicazione nel web, i podcast - se ben fatti e se non si riducono al cazzeggio degli amici al bar - siano assolutamente un valore aggiunto a prescindere se il taglio sia "citazionista" (Claudio) o "a ruota libera" (il nostro) e che valgano tanto quanto un articolo scritto, ma forse essendo anziano ha una visione vetusta della faccenda.

 

 

Innanzitutto ho scritto "ultimamente", proprio perché seguivo molto la trasmissione agli inizi e avendola riascoltata molte volte nell'ultimo anno ho notato questo cambio di passo editoriale, meno legato al sito per i collegamenti ai contenuti. Si tratta semplicemente di collegarsi e ascoltare per due ore un programma su una cantante di cui abbiamo scritto di tutto e non trovare manco una mezza citazione, ma anche solo per dire "cari ascoltatori, detto questo c'è anche qualche cazzata scritta su Ondarock, se vi va andate a spulciarla". Niente di niente. Questo per me va benissimo, sia chiaro. E come ampiamente sottolineato siete assolutamente liberi e indipendenti di citare quello che vi pare. Mi pare però un attimino ambiguo appoggiarsi al sito in una finestra comunque importante, chiamarsi blah blah blah ondarock on air, ma lasciare molte volte il sito ashore più che on air. Di citare le cose a piè spinto, inoltre, non l'ho mai scritto. Quindi non giriamo la frittata. Grazie. Comunque, la mia è una critica senza alcuna pretestuosità, e interessa veramente poco tutto questo. Fate quello che vi pare. Ma non cadiamo dal pero in maniera stizzita quando qualcuno fa notare queste discrepanze (chiamiamole) "deontologiche". Tutto qui. 

 

Ma guarda che io non sono affatto stizzito. Continuo a non capire perchè Giuliano Delli Paoli (o chicchessia) che firma un pezzo e lo pubblica sul sito non fa pubblicità a se stesso e dà visibilità al sito, mentre al contrario Marco Bercella che fa le sue considerazioni a voce si appoggia a una finestra importante e si comporta in maniera ambigua e in discrepanza deontologica, che è quanto si evince dalla tua risposta. Se tu o altri me lo riuscite a spiegare, accetto la spiegazione. Forse ci sono anche dei contenuti che il sito non ha trattato per iscritto, e invece lo fa con un podcast...

 

 

edit con esempio pratico: https://www.ondarock...stereonotte.htm questo è lo speciale dedicato a RaiStereoNotte in cui intervistiamo due padri storici del programma (fra cui Enrico Sisti che avrà rilasciato una intervista in 40 anni)

 

https://www.ondarock.it/speciali/vigorito-raistereonotte.htm questa è la recensione al libro.

 

Perchè nel primo caso asseconderei il mio ego e mi appoggio alla rivista, e nel secondo svolgo un servizio alla rivista?

 

Capito questo, mi taccio per altri sei anni...

 

 

Sei fuori pista. Non critico i contenuti, ma la deriva rispetto agli inizi, dove si citavano, che non vuol dire per forza leggere stralci o altro, le recensioni. Poi ripeto: se in uno speciale di due ore su Lana Del Rey di un programma radiofonico che si chiama Blah Blah Blah Ondarock On Air si parla di tutto ma non viene manco citata l'esistenza di una monografia esistente sul sito, che dire? E' un paradosso talmente evidente che anche solo metterlo in luce fa abbastanza specie. Ma non è la fine del mondo, eh. Per me il programma è ottimo. Mi sono solo permesso di muovere una critica a questo atteggiamento. Ma come al solito ci si arrocca anche dinanzi all'evidenza. E allora arrivederci e grazie per altri sei anni lo dico io. Tanto a me in valore assoluto non frega nulla. E sono tre. Potete anche chiamarlo Blah Blah Blah caccia e pesca e parlare soltanto di golf. O non citare mai niente del sito da qui alla fine dei tempi. Non sono queste cose che fanno la differenza. Si tratterebbe di giusta creanza, come dicono da queste parti. Che effettivamente un po' è mancata in alcune occasioni. Ma sarà sicuramente un'allucinazione mia. Meglio chiuderla così.


  • 0

"L'intensità del rumore provoca ostilità, sfinimento, narcisismo, panico e una strana narcosi." (Adam Knieste, cit.)

 

"Deve rimanere solo l'amore per l'arte, questo aprire le gambe e farsi immergere dal soffio celeste dello Spirito." (Simon, cit.)

 

La vita è bella solo a Ibiza (quando non c'è nessuno).


#237 Владимир Гозерин

Владимир Гозерин

    Grande eletto non anglofonista Kadosch

  • Members
  • StellettaStellettaStellettaStellettaStellettaStellettaStellettaStellettaStelletta
  • 24014 Messaggi:

Inviato 30 giugno 2021 - 15:51

Chi ci ascolta sa benissimo che noi non personalizziamo mai nulla, infatti lo ripetiamo in modo persino ossessivo: i giudizi sono sempre personali e sui dischi, MAI su chi scrive e ci mancherebbe altro. E quindi spiegami: quando tu in una recensione scrivi che il tal disco è brutto, e magari c'è una scheda che afferma il contrario, sei tutt'altro che lusinghiero nei confronti di un collega, oppure stai semplicemente esprimendo la tua libertà di critica? 

 

Non sto parlando di opinioni sui dischi, ma appunto sui colleghi.

 

Puntata in cui passate i Suchmos, con Sechi che mentre sta andando il pezzo nella diretta di Facebook sbotta "ma come si fa a dare 8.5 a 'sta roba", prendendosela evidentemente non col disco ma con chi ha messo il voto (in quel caso, Rivoira).

Oppure, sempre Sechi, che mi introduce parlando di "gusti strani" (in quanto parlo spesso di musica non anglofona, quando invece lo fa un redattore suo amico diventa "il Salgari di Ondarock" e non ha più "gusti strani"). 

 

O ancora tu che tieni a precisare, sempre parlando del sottoscritto, che "se ne intende di stroncature", il che non è minimamente vero (ci scrivo da sette anni e ho messo tre insufficienze. Non tre per modo di dire, proprio tre, due delle quali sono 5.5 peraltro). Quest'ultimo caso non è offensivo a differenza dei due di cui sopra, ma è comunque fastidioso perché hai dimostrato di non avere sostanzialmente la più pallida idea di cosa scrivo: hai semplicemente proiettato l'immagine che hai del mio personaggio, che però non corrisponde al mio operato come autore per il sito.

 

Ecco, questo tipo di cose non è esattamente corretto. Dopodiché di Sechi che ogni volta che viene recensito un disco giapponese piagnucola che "sembrano sigle dei cartoni animati" non può fregarmene di meno, è una sua opinione, sbagliata come grosso delle sue, ma legittima. Quelle sopra però non sono opinioni su dischi. 


  • 1
RYM ___ i contenuti

"SOVIET SAM" un blog billizzimo

#238 White Duke

White Duke

    facente parte dell'élite

  • Redattore OndaRock
  • StellettaStellettaStellettaStellettaStellettaStellettaStellettaStelletta
  • 16332 Messaggi:

Inviato 30 giugno 2021 - 15:52

 

 

 

 

 

Ok, ritaglio l'ultimo intervento qui allora.

 

 

 

La trasmissione del duca e di blackwater é molto più dinamica proprio per lo scambio che c'é tra i due conduttori

 

 

Che però per me ha il difetto di essere ormai una trasmissione indipendente che di Ondarock mantiene solo il nome. Si parla poco dei contenuti del sito (e in quel poco, talvolta male) e i due autori del resto si spendono ormai quasi zero per scrivere articoli.

 

L'impressione - personalmente piuttosto negativa - è che ormai utilizzino lo spazio su Ondarock per pubblicizzare la trasmissione: invece a rigor di logica dovrebbe essere la trasmissione a pubblicizzare Ondarock.

 

Quanto a Claudio, anche senza un co-conduttore potrebbe facilmente ovviare al problema del dinamismo invitando un redattore diverso a puntata (magari con cui curare la scaletta insieme).

 

Ahinoi, ultimamente dei contenuti di ondarock spesso manco l'ombra. Ascoltai la puntata su Lana Del Rey e nessun riferimento a tutto quello che abbiamo scritto negli anni, nulla sulla monografia, zero: solo una serie infinita di sospiri e apprezzamenti all'ospite presente, che evidentemente è talmente più brava di me e Gianfranco e tutti quelli che hanno scritto qualcosa su Lana Del Rey da metterci nell'angolo per tutta la puntata. Eppure, tutto è stato ampiamente promosso sul sito. Una delusione enorme. Ma ormai sono anni che dei contenuti del sito non si parla quasi più. A me frega zero, sia chiaro: ognuno è libero di gestire la propria trasmissione come meglio crede, ma nel momento in cui ti appoggi la faccenda è un po' diversa. Giusto un po'. Non dico di fare puntante intere su quello che scriviamo ma da qui a non considerarci proprio, soprattutto quando abbiamo contenuti ben nutriti, ce ne passa.

 

Ben diversa quella di Claudio, dove forse manca giusto l'ospite.  

 

 

Domanda: per non essere "indipendente" dal sito il programma dovrebbe citare a ogni piè sospinto i contenuti di chi scrive qui? Nel 2021 - anno domini in cui i siti ospitano contenuti multimediali i più disparati, davvero pensiamo che un programma radiofonico, per potersi dire "conforme", deve replicare o diffondere in via esclusiva, o quasi, i contenuti del sito che lo pubblica?  Quando leggo articoli di Ondarock, essi sviluppano delle proprie argomentazioni, non mi pare che siano il risultato di virgolettati o di citazioni in serie di articoli altrui...sbaglio?

L'unica differenza è il media utilizzato, per il resto entrambi diffondono contenuti e cultura musicale.  L'intervista ai tanti ospiti (che sono sicuro conoscerete benissimo da assidui ascoltatori quali siete) se fatta per iscritto è un contenuto di Ondarock, mentre se la si fa davanti a un microfono non lo è più? Nel 2021 pensate davvero questo? 

Detto ciò, e nonostante la premessa che considero una pietra miliare del ragionamento,  chi ascolta le nostre trasmissioni (pochi qui dentro, soprattutto in redazione, ma fortunatamente tantissimi fuori) sa bene che tanto i redattori di Ondarock che gli articoli vengono citati eccome, e non certo per "parlarne male", ma in questo caso basterebbe ascoltare, cosa che non viene - come ripeto - fatta, se non per formulare appunti pretestuosi come quelli che mi tocca leggere (ancora una volta). Il postulato per cui è successo una volta (Lana del Rey), quindi succede sempre denota o malafede, oppure il non ascolto assiduo del programma (propendo per la seconda). Ma su questo tema si può sempre fare un sondaggio fra gli ascoltatori, chiedendo loro se hanno percezione che il contenuto sia proposto da Ondarock e non da Sentireascoltare o Rockol...

Io credo che, per come funziona la comunicazione nel web, i podcast - se ben fatti e se non si riducono al cazzeggio degli amici al bar - siano assolutamente un valore aggiunto a prescindere se il taglio sia "citazionista" (Claudio) o "a ruota libera" (il nostro) e che valgano tanto quanto un articolo scritto, ma forse essendo anziano ha una visione vetusta della faccenda.

 

 

Innanzitutto ho scritto "ultimamente", proprio perché seguivo molto la trasmissione agli inizi e avendola riascoltata molte volte nell'ultimo anno ho notato questo cambio di passo editoriale, meno legato al sito per i collegamenti ai contenuti. Si tratta semplicemente di collegarsi e ascoltare per due ore un programma su una cantante di cui abbiamo scritto di tutto e non trovare manco una mezza citazione, ma anche solo per dire "cari ascoltatori, detto questo c'è anche qualche cazzata scritta su Ondarock, se vi va andate a spulciarla". Niente di niente. Questo per me va benissimo, sia chiaro. E come ampiamente sottolineato siete assolutamente liberi e indipendenti di citare quello che vi pare. Mi pare però un attimino ambiguo appoggiarsi al sito in una finestra comunque importante, chiamarsi blah blah blah ondarock on air, ma lasciare molte volte il sito ashore più che on air. Di citare le cose a piè spinto, inoltre, non l'ho mai scritto. Quindi non giriamo la frittata. Grazie. Comunque, la mia è una critica senza alcuna pretestuosità, e interessa veramente poco tutto questo. Fate quello che vi pare. Ma non cadiamo dal pero in maniera stizzita quando qualcuno fa notare queste discrepanze (chiamiamole) "deontologiche". Tutto qui. 

 

Ma guarda che io non sono affatto stizzito. Continuo a non capire perchè Giuliano Delli Paoli (o chicchessia) che firma un pezzo e lo pubblica sul sito non fa pubblicità a se stesso e dà visibilità al sito, mentre al contrario Marco Bercella che fa le sue considerazioni a voce si appoggia a una finestra importante e si comporta in maniera ambigua e in discrepanza deontologica, che è quanto si evince dalla tua risposta. Se tu o altri me lo riuscite a spiegare, accetto la spiegazione. Forse ci sono anche dei contenuti che il sito non ha trattato per iscritto, e invece lo fa con un podcast...

 

 

edit con esempio pratico: https://www.ondarock...stereonotte.htm questo è lo speciale dedicato a RaiStereoNotte in cui intervistiamo due padri storici del programma (fra cui Enrico Sisti che avrà rilasciato una intervista in 40 anni)

 

https://www.ondarock.it/speciali/vigorito-raistereonotte.htm questa è la recensione al libro.

 

Perchè nel primo caso asseconderei il mio ego e mi appoggio alla rivista, e nel secondo svolgo un servizio alla rivista?

 

Capito questo, mi taccio per altri sei anni...

 

 

Sei fuori pista. Non critico i contenuti, ma la deriva rispetto agli inizi, dove si citavano, che non vuol dire per forza leggere stralci o altro, le recensioni. Poi ripeto: se in uno speciale di due ore su Lana Del Rey di un programma radiofonico che si chiama Blah Blah Blah Ondarock On Air si parla di tutto ma non viene manco citata l'esistenza di una monografia esistente sul sito, che dire? E' un paradosso talmente evidente che anche solo metterlo in luce fa abbastanza specie. Ma non è la fine del mondo, eh. Per me il programma è ottimo. Mi sono solo permesso di muovere una critica a questo atteggiamento. Ma come al solito ci si arrocca anche dinanzi all'evidenza. E allora arrivederci e grazie per altri sei anni lo dico io. Tanto a me in valore assoluto non frega nulla. E sono tre. Potete anche chiamarlo Blah Blah Blah caccia e pesca e parlare soltanto di golf. O non citare mai niente del sito da qui alla fine dei tempi. Non sono queste cose che fanno la differenza. Si tratterebbe di giusta creanza, come dicono da queste parti. Che effettivamente un po' è mancata in alcune occasioni. Ma sarà sicuramente un'allucinazione mia. Meglio chiuderla così.

 

Più che una allucinazione, è uno dei pochissimi e residuali casi in cui questo accade. Quello che tu chiami "atteggiamento" è un caso isolato che peraltro ho già spiegato a Claudio nel caso di specie (in quanto era già emersa a suo tempo questa critica): l'evidenza è che al contrario i contenuti vengono spesso citati, quando ci sono, e permettimi però di dire che continuo a non vedere il paradosso anche nei rari casi in cui non questo accade, proprio perchè quelli del podcast vanno a integrare eventualmente ciò che già è presente. In ogni tuo articolo tu inserisci sempre e io ogni caso dei riferimenti ad altri contenuti di Ondarock? Lo escludo, e ci mancherebbe se ciò dovesse accadere. Nel "contenuto" della puntata a cui ti riferisci e pubblicato qui, c'è un link che rimanda alla monografia, e tanto dovrebbe bastare: a meno di non pensare che il pubblico sia composto da una somma di minus habens...https://www.ondarock..._lanadelrey.htm

Poi abbiamo Rock In Onda che svolge in modo eccellente il suo ruolo di "vetrina" del sito, ma il taglio diverso dei due programmi trovo semmai che sia una risorsa, non un motivo di perplessità che periodicamente tornano in auge.

E tengo precisare che non sono né astioso, né piccato, né desideroso di fare polemica: ho solo proposto un diverso punto di vista che non è per nulla  obbligatorio sposare.


  • 1
"No matter how high are one's estimates of human stupidity, one is repeatedly and recurrently startled by the fact that: a) people whom one had once judged rational and intelligent turn out to be unashamedly stupid b) day after day, with unceasing monotony, one is harassed in one's activities by stupid individuals who appear suddenly and unespectedly in the most inconvenient places and at the most improbable moments" (Carlo M. Cipolla)

#239 White Duke

White Duke

    facente parte dell'élite

  • Redattore OndaRock
  • StellettaStellettaStellettaStellettaStellettaStellettaStellettaStelletta
  • 16332 Messaggi:

Inviato 30 giugno 2021 - 16:01

 

Chi ci ascolta sa benissimo che noi non personalizziamo mai nulla, infatti lo ripetiamo in modo persino ossessivo: i giudizi sono sempre personali e sui dischi, MAI su chi scrive e ci mancherebbe altro. E quindi spiegami: quando tu in una recensione scrivi che il tal disco è brutto, e magari c'è una scheda che afferma il contrario, sei tutt'altro che lusinghiero nei confronti di un collega, oppure stai semplicemente esprimendo la tua libertà di critica? 

 

Non sto parlando di opinioni sui dischi, ma appunto sui colleghi.

 

Puntata in cui passate i Suchmos, con Sechi che mentre sta andando il pezzo nella diretta di Facebook sbotta "ma come si fa a dare 8.5 a 'sta roba", prendendosela evidentemente non col disco ma con chi ha messo il voto (in quel caso, Rivoira).

Oppure, sempre Sechi, che mi introduce parlando di "gusti strani" (in quanto parlo spesso di musica non anglofona, quando invece lo fa un redattore suo amico diventa "il Salgari di Ondarock" e non ha più "gusti strani"). 

 

O ancora tu che tieni a precisare, sempre parlando del sottoscritto, che "se ne intende di stroncature", il che non è minimamente vero (ci scrivo da sette anni e ho messo tre insufficienze. Non tre per modo di dire, proprio tre, due delle quali sono 5.5 peraltro). Quest'ultimo caso non è offensivo a differenza dei due di cui sopra, ma è comunque fastidioso perché hai dimostrato di non avere sostanzialmente la più pallida idea di cosa scrivo: hai semplicemente proiettato l'immagine che hai del mio personaggio, che però non corrisponde al mio operato come autore per il sito.

 

Ecco, questo tipo di cose non è esattamente corretto. Dopodiché di Sechi che ogni volta che viene recensito un disco giapponese piagnucola che "sembrano sigle dei cartoni animati" non può fregarmene di meno, è una sua opinione, sbagliata come grosso delle sue, ma legittima. Quelle sopra però non sono opinioni su dischi. 

 

Beh, se siamo all'intercettazione del fuori onda, allora alzo davvero le mani Federico. Quanto poi ai "gusti strani", mi riesce davvero difficile trovare una accezione negativa che, se esistente, sta nelle orecchie di chi ascolta né più né meno che negli occhi di chi legge gli articoli. Se la condotta è quella che evidenzi, un programma che si chiama Blah Blah Blah OndaRock On Air che trascorre il suo tempo a "nascondere" o ignorare i contenuti del sito, e a buttare cacca su quelli che tratta, deve essere condotto davvero da due geniacci, ne converrai.


  • 0
"No matter how high are one's estimates of human stupidity, one is repeatedly and recurrently startled by the fact that: a) people whom one had once judged rational and intelligent turn out to be unashamedly stupid b) day after day, with unceasing monotony, one is harassed in one's activities by stupid individuals who appear suddenly and unespectedly in the most inconvenient places and at the most improbable moments" (Carlo M. Cipolla)

#240 Владимир Гозерин

Владимир Гозерин

    Grande eletto non anglofonista Kadosch

  • Members
  • StellettaStellettaStellettaStellettaStellettaStellettaStellettaStellettaStelletta
  • 24014 Messaggi:

Inviato 30 giugno 2021 - 16:04

Beh, se siamo all'intercettazione del fuori onda, allora alzo davvero le mani Federico. Quanto poi ai "gusti strani", mi riesce davvero difficile trovare una accezione negativa che, se esistente, sta nelle orecchie di chi ascolta né più né meno che negli occhi di chi legge gli articoli. Se la condotta è quella che evidenzi, un programma che si chiama Blah Blah Blah OndaRock On Air che trascorre il suo tempo a "nascondere" o ignorare i contenuti del sito, e a buttare cacca su quelli che tratta, deve essere condotto davvero da due geniacci, ne converrai.

 

Ma stai scherzando? La diretta Facebook è fatta in quel modo, chi vi segue da lì quello sente. Se non volete che si senta, mandate l'audio della canzone anziché lasciarlo in sottofondo. Io stavo seguendo la puntata da lì e ho semplicemente sentito Sechi sbottare in quel modo, in un canale pubblico da voi pubblicizzato, non in un'intercettazione.

 

 

Quanto poi ai "gusti strani", mi riesce davvero difficile trovare una accezione negativa

 

Non è esattamente una descrizione che userei per complimentarmi con qualcuno in tutta onestà, non nascondiamoci dietro a un dito. "Il Salgari di Ondarock" è un complimento, non "ha gusti strani".


  • 0
RYM ___ i contenuti

"SOVIET SAM" un blog billizzimo




0 utente(i) stanno leggendo questa discussione

0 utenti, 0 ospiti, 0 utenti anonimi

IPB Skin By Virteq