Vai al contenuto


Foto
* * * * * 2 Voti

The Irishman (Scorsese, 2019)


  • Please log in to reply
98 replies to this topic

#41 unkle

unkle

    you fucking people make me sick

  • Members
  • StellettaStellettaStellettaStellettaStelletta
  • 2715 Messaggi:
  • Locationfrom the hill

Inviato 28 novembre 2019 - 11:10

Visto ieri su Netflix, per me una delle opere più importanti di Scorzese, un requiem nero come la pece, di una malinconia opprimente, densa, perchè tutto è quello che è


  • 0

#42 blackwater

blackwater

    Scaruffiano

  • Redattore OndaRock
  • StellettaStellettaStellettaStellettaStellettaStellettaStellettaStelletta
  • 14696 Messaggi:

Inviato 28 novembre 2019 - 13:14

In giro si sente e si legge di gangster movie parodistico e patetico per via dello scorrere dell'età reso posticcio. Sembra quasi che molti vogliano rifiutarsi di andare oltre, anche inconsciamente, di guardare dentro il film, di ragionare sulla fine, della vita e delle relazioni. Collettivamente magari ci si arriverà fra una decina di anni, capita con alcune opere gigantesche per durata e scenografie e ambizioni, tipo C'era una volta in America, all'epoca denigrato e pure tagliuzzato.


  • 0

... sei solo chiacchiere e Baraghini 

 


#43 Harry Caul

Harry Caul

    se ci dice bene finiamo nella merda

  • Members
  • StellettaStellettaStellettaStellettaStellettaStellettaStelletta
  • 7426 Messaggi:

Inviato 28 novembre 2019 - 14:37

C'era una volta in America fu tagliato dal produttore americano spaventato dalla durata e dalla violenza ma fu salutato da subito come un capolavoro, "Farà la storia del cinema" fu la famosa sentenza di Positif, e mi sembra che Irishman abbia goduto più o meno della stessa considerazione critica.


  • 1

#44 Fidelio

Fidelio

    Roadie

  • Members
  • StellettaStellettaStellettaStelletta
  • 999 Messaggi:

Inviato 28 novembre 2019 - 16:17

Bisogna vedere con gli anni questo film che spazio si ritaglierà tanto nella filmografia di Scorsese quanto, ahinoi, nella storia del Cinema. La fine sa davvero di chiusura, il tempo ci dirà chiusura di che cosa.


  • 0

#45 blackwater

blackwater

    Scaruffiano

  • Redattore OndaRock
  • StellettaStellettaStellettaStellettaStellettaStellettaStellettaStelletta
  • 14696 Messaggi:

Inviato 28 novembre 2019 - 16:44

C'era una volta in America fu tagliato dal produttore americano spaventato dalla durata e dalla violenza ma fu salutato da subito come un capolavoro, "Farà la storia del cinema" fu la famosa sentenza di Positif, e mi sembra che Irishman abbia goduto più o meno della stessa considerazione critica.

 

Non è così: possiedo una decina di riviste dell'epoca, custodite con il mio solito fare maniacale quando c'è di mezzo l'editoria, e l'apprezzamento non fu così unanime, tutt'altro. Riguardo i giudizi su "Irishman" intendevo le chiacchiere del pubblico


  • 0

... sei solo chiacchiere e Baraghini 

 


#46 Tom

Tom

  • Members
  • StellettaStellettaStellettaStellettaStellettaStellettaStellettaStelletta
  • 14139 Messaggi:

Inviato 28 novembre 2019 - 17:43

Anch'io ho beccato parecchi discorsi di gente che parlava di un film fallito e addirittura "inguardabile" per via del ringiovanimento posticcio di De Niro & co.

 

Per me che si percepisca l'anzianita' dei personaggi anche quando dovrebbero apparire piu' giovani e' una cosa non solo perfettamente in linea con la poetica del film, ma e' persino coerente all'interno della narrazione, trattandosi di una storia narrata da un personaggio anziano, che proietta il se stesso del presente nei suoi ricordi.


  • 2

#47 lazlotoz

lazlotoz

    Classic Rocker

  • Moderators
  • 5927 Messaggi:

Inviato 28 novembre 2019 - 17:47

Posso dirlo? Lamentarsi del ringiovimento digitale degli attori per non vedere il film nel suo complesso significa semplicemente non capire un cazzo di cinema. 


  • 3

#48 William Blake

William Blake

    Titolista ufficiale

  • Redattore OndaCinema
  • StellettaStellettaStellettaStellettaStellettaStellettaStellettaStelletta
  • 16465 Messaggi:

Inviato 28 novembre 2019 - 17:52

Posso dirlo? Lamentarsi del ringiovimento digitale degli attori per non vedere il film nel suo complesso significa semplicemente non capire un cazzo di cinema. 

 

ma poi secondo me è straniante giusto nella prima scena (quando De Niro guida il camion e poi incontra Pesci), dopodiché ci si abitua e non è che sia molto diverso dai personaggi truccati in maniera posticcia di altri film del passato più remoto o più prossimo (penso anche a "J. Edgar" di Eastwood). e poi il fatto che i vecchi abbiano interpretato se stessi anche da giovani è centrale per la poetica del film, come dice Tom: se no appunto sarebbe stato come "C'era una volta in America" e Scorsese voleva evitare proprio questa fase di innocenza o di ebbrezza giovanile.


  • 3
Ho un aspetto tremendo, e non bado a vestirmi bene o a essere attraente, perché non voglio che mi capiti di piacere a qualcuno. Minimizzo le mie qualità e metto in risalto i miei difetti. Eppure c'è lo stesso qualcuno a cui interesso: ne faccio tesoro e mi chiedo: "Che cosa avrò sbagliato?"

#49 Harry Caul

Harry Caul

    se ci dice bene finiamo nella merda

  • Members
  • StellettaStellettaStellettaStellettaStellettaStellettaStelletta
  • 7426 Messaggi:

Inviato 28 novembre 2019 - 17:54

E' un film di zombi e fantasmi, l'età è solo un dettaglio.


  • 4

#50 Tom

Tom

  • Members
  • StellettaStellettaStellettaStellettaStellettaStellettaStellettaStelletta
  • 14139 Messaggi:

Inviato 28 novembre 2019 - 18:32

dai, si rifà al giovane Stewart che è sempre vecchio in Liberty Valance. Là finiva il west, qua il gangster

 

Beh, qui i "finti giovani" sono per lo meno ultra-quarantenni o cinquantenni, li' dovevamo far finta di credere che un attore di 54 anni che ne dimostrava dieci di piu' fosse un "giovanotto" di 25, massimo 30 anni. asd Comunque si', e' un po' la stessa cosa, e' vero.


  • 0

#51 piersa

piersa

    Megalo-Man

  • Redattore OndaCinema
  • StellettaStellettaStellettaStellettaStellettaStellettaStellettaStellettaStelletta
  • 20412 Messaggi:
  • Location14-16 Fabrizi Nicola e Aldo

Inviato 28 novembre 2019 - 19:04

Beh era già molto strano per il pubblico di sessant'anni fa? Boh, a me ha fatto più impressione su irishman proprio perché è un film contemporaneo (ma è giusto così, è chiaramente voluto). Al massimo c'era qualcosa di strano nella scena quando De Niro pesta il panettiere davanti la figlia, no?
Comunque ieri l'ho rivisto su Netflix, ma nella versione doppiata (c'è Gullotta).

asd, vero, sembrava impossibile potesse farcela.
  • 0

#52 William Blake

William Blake

    Titolista ufficiale

  • Redattore OndaCinema
  • StellettaStellettaStellettaStellettaStellettaStellettaStellettaStelletta
  • 16465 Messaggi:

Inviato 28 novembre 2019 - 19:27

Anche quando butta la pistola si vede che aveva paura che gli partisse il femore... asd


  • 0
Ho un aspetto tremendo, e non bado a vestirmi bene o a essere attraente, perché non voglio che mi capiti di piacere a qualcuno. Minimizzo le mie qualità e metto in risalto i miei difetti. Eppure c'è lo stesso qualcuno a cui interesso: ne faccio tesoro e mi chiedo: "Che cosa avrò sbagliato?"

#53 lazlotoz

lazlotoz

    Classic Rocker

  • Moderators
  • 5927 Messaggi:

Inviato 28 novembre 2019 - 20:43

Non è un cinema per giovani asd
  • 0

#54 Pancakes

Pancakes

    Frankly, my dear, I don’t give a damn

  • Members
  • StellettaStellettaStellettaStellettaStelletta
  • 1814 Messaggi:
  • LocationWhere the Iron Crosses Grow

Inviato 28 novembre 2019 - 20:51

In giro si sente e si legge di gangster movie parodistico e patetico per via dello scorrere dell'età reso posticcio. Sembra quasi che molti vogliano rifiutarsi di andare oltre, anche inconsciamente, di guardare dentro il film, di ragionare sulla fine, della vita e delle relazioni. Collettivamente magari ci si arriverà fra una decina di anni, capita con alcune opere gigantesche per durata e scenografie e ambizioni, tipo C'era una volta in America, all'epoca denigrato e pure tagliuzzato.

 

Ma dove le leggete queste belle opinioni? Su siti o in home di facebook? Che io fuori dalla sala ho sentito solo cose entusiaste. Mi viene da pensare che siano i pensieri di chi si è ritrovato The Irishman da vedere tra una puntata di The End of The Fucking World e una di Daybreak e ha chiuso prima dell'ora e mezza.


  • 0

The core principle of freedom
Is the only notion to obey


#55 lazlotoz

lazlotoz

    Classic Rocker

  • Moderators
  • 5927 Messaggi:

Inviato 28 novembre 2019 - 21:11

 Al massimo c'era qualcosa di strano nella scena quando De Niro pesta il panettiere davanti la figlia, no?

 

Sì, quella* è la prima inquadratura di DeNiro che guida il camion. Lì per lì ti fa pensare, ma come dicevo sopra è talmente una roba marginale rispetto al tutto che è come lamentarsi di un quadro perché la targhetta con la descrizione dello stesso è scritto con un font che non ci piace.

 

 

 

*è molto strano come prende a calci il tipo. 


  • 0

#56 blackwater

blackwater

    Scaruffiano

  • Redattore OndaRock
  • StellettaStellettaStellettaStellettaStellettaStellettaStellettaStelletta
  • 14696 Messaggi:

Inviato 28 novembre 2019 - 21:32

 

In giro si sente e si legge di gangster movie parodistico e patetico per via dello scorrere dell'età reso posticcio. Sembra quasi che molti vogliano rifiutarsi di andare oltre, anche inconsciamente, di guardare dentro il film, di ragionare sulla fine, della vita e delle relazioni. Collettivamente magari ci si arriverà fra una decina di anni, capita con alcune opere gigantesche per durata e scenografie e ambizioni, tipo C'era una volta in America, all'epoca denigrato e pure tagliuzzato.

 

Ma dove le leggete queste belle opinioni? Su siti o in home di facebook? Che io fuori dalla sala ho sentito solo cose entusiaste. Mi viene da pensare che siano i pensieri di chi si è ritrovato The Irishman da vedere tra una puntata di The End of The Fucking World e una di Daybreak e ha chiuso prima dell'ora e mezza.

 

 

Io in sala non ho sentito volare una mosca e fuori dal cinema erano tutti inebetiti. I primi commenti negativi ho cominciato a leggerli sui social, e da qualche  giorno. Negli ultimi due si sono intensificati. Lode a Netflix per aver finanziato un simile progetto, ma i film si vedono la prima volta in sala, e non quella di casa, altrimenti fai dell'altro e il giudizio ne viene distorto. Soprattutto in questo caso, con 4 ore davanti, a un certo punto ti alzi e ti fai du spaghi.

 

Non si tratta comunque di minoranze, la recensione qui presente non ha colto il senso, per fare un esempio prestigioso


  • 0

... sei solo chiacchiere e Baraghini 

 


#57 blackwater

blackwater

    Scaruffiano

  • Redattore OndaRock
  • StellettaStellettaStellettaStellettaStellettaStellettaStellettaStelletta
  • 14696 Messaggi:

Inviato 28 novembre 2019 - 21:35

"... sembra un film della Marvel. Ma chi cazzo hanno chiamato per il trucco? Perché? C’è una scena in cui (scena marginale, quindi niente spoiler) De Niro diventa giovane, mentre i soldati tedeschi si scavano la fossa e si muove come se avesse il nervo sciatico infiammato. Ripeto, perché?... "

 

"... Infatti caricaturale tutto. Anche il concetto è caricaturale. E la sera prima mi ero rivisto Quei Bravi Ragazzi... "

 

 

Due esempi, freschissimi


  • 0

... sei solo chiacchiere e Baraghini 

 


#58 geeno

geeno

    Scaruffiano

  • Members
  • StellettaStellettaStellettaStellettaStellettaStellettaStellettaStelletta
  • 11679 Messaggi:

Inviato 29 novembre 2019 - 10:34

Al massimo c'era qualcosa di strano nella scena quando De Niro pesta il panettiere davanti la figlia, no?
 

 

Oh a me quella scena ha messo addosso un disagio difficile da descrivere. Ma forse, come dite voi, e' giusto cosi' e di sicuro io sono uno che di cinema capisce molto poco, di piu', mi interessa proprio pochino. Ciao, sono nuovo!


  • 0

#59 Pancakes

Pancakes

    Frankly, my dear, I don’t give a damn

  • Members
  • StellettaStellettaStellettaStellettaStelletta
  • 1814 Messaggi:
  • LocationWhere the Iron Crosses Grow

Inviato 29 novembre 2019 - 11:42

 

 

In giro si sente e si legge di gangster movie parodistico e patetico per via dello scorrere dell'età reso posticcio. Sembra quasi che molti vogliano rifiutarsi di andare oltre, anche inconsciamente, di guardare dentro il film, di ragionare sulla fine, della vita e delle relazioni. Collettivamente magari ci si arriverà fra una decina di anni, capita con alcune opere gigantesche per durata e scenografie e ambizioni, tipo C'era una volta in America, all'epoca denigrato e pure tagliuzzato.

 

Ma dove le leggete queste belle opinioni? Su siti o in home di facebook? Che io fuori dalla sala ho sentito solo cose entusiaste. Mi viene da pensare che siano i pensieri di chi si è ritrovato The Irishman da vedere tra una puntata di The End of The Fucking World e una di Daybreak e ha chiuso prima dell'ora e mezza.

 

 

Io in sala non ho sentito volare una mosca e fuori dal cinema erano tutti inebetiti. I primi commenti negativi ho cominciato a leggerli sui social, e da qualche  giorno. Negli ultimi due si sono intensificati. Lode a Netflix per aver finanziato un simile progetto, ma i film si vedono la prima volta in sala, e non quella di casa, altrimenti fai dell'altro e il giudizio ne viene distorto. Soprattutto in questo caso, con 4 ore davanti, a un certo punto ti alzi e ti fai du spaghi.

 

Non si tratta comunque di minoranze, la recensione qui presente non ha colto il senso, per fare un esempio prestigioso

 

 

Da me inebetiti si, ma di quel tipo che hai appena cominciato a metabolizzare la grande opera vista e non sai dove partire. E in sale si son fatti più volte tutti belle risate sui vari momenti comici del film. Che, rivisti ieri, devo dire son proprio ben congegnati. Rimango dell'idea che siano feedback di persone che tengono la notifica sulle nuove uscite di netflix e ne parlano dal giorno successivo fino a massimo una settimana dopo.

 

 

Al massimo c'era qualcosa di strano nella scena quando De Niro pesta il panettiere davanti la figlia, no?
 

 

Oh a me quella scena ha messo addosso un disagio difficile da descrivere. Ma forse, come dite voi, e' giusto cosi' e di sicuro io sono uno che di cinema capisce molto poco, di piu', mi interessa proprio pochino. Ciao, sono nuovo!

 

 

Comunque il personaggio di De Niro di base era un pò obesotto, ciò giustificherebbe delle movenze goffe simili a quelle di De Niro vecchio secondo me.


  • 0

The core principle of freedom
Is the only notion to obey


#60 Roy Earle

Roy Earle

    Roadie

  • Members
  • StellettaStellettaStellettaStelletta
  • 572 Messaggi:

Inviato 29 novembre 2019 - 18:52

 

 

 

In giro si sente e si legge di gangster movie parodistico e patetico per via dello scorrere dell'età reso posticcio. Sembra quasi che molti vogliano rifiutarsi di andare oltre, anche inconsciamente, di guardare dentro il film, di ragionare sulla fine, della vita e delle relazioni. Collettivamente magari ci si arriverà fra una decina di anni, capita con alcune opere gigantesche per durata e scenografie e ambizioni, tipo C'era una volta in America, all'epoca denigrato e pure tagliuzzato.

 

Ma dove le leggete queste belle opinioni? Su siti o in home di facebook? Che io fuori dalla sala ho sentito solo cose entusiaste. Mi viene da pensare che siano i pensieri di chi si è ritrovato The Irishman da vedere tra una puntata di The End of The Fucking World e una di Daybreak e ha chiuso prima dell'ora e mezza.

 

 

Io in sala non ho sentito volare una mosca e fuori dal cinema erano tutti inebetiti. I primi commenti negativi ho cominciato a leggerli sui social, e da qualche  giorno. Negli ultimi due si sono intensificati. Lode a Netflix per aver finanziato un simile progetto, ma i film si vedono la prima volta in sala, e non quella di casa, altrimenti fai dell'altro e il giudizio ne viene distorto. Soprattutto in questo caso, con 4 ore davanti, a un certo punto ti alzi e ti fai du spaghi.

 

Non si tratta comunque di minoranze, la recensione qui presente non ha colto il senso, per fare un esempio prestigioso

 

 

Da me inebetiti si, ma di quel tipo che hai appena cominciato a metabolizzare la grande opera vista e non sai dove partire. E in sale si son fatti più volte tutti belle risate sui vari momenti comici del film. Che, rivisti ieri, devo dire son proprio ben congegnati. Rimango dell'idea che siano feedback di persone che tengono la notifica sulle nuove uscite di netflix e ne parlano dal giorno successivo fino a massimo una settimana dopo.

 

 

Al massimo c'era qualcosa di strano nella scena quando De Niro pesta il panettiere davanti la figlia, no?
 

 

Oh a me quella scena ha messo addosso un disagio difficile da descrivere. Ma forse, come dite voi, e' giusto cosi' e di sicuro io sono uno che di cinema capisce molto poco, di piu', mi interessa proprio pochino. Ciao, sono nuovo!

 

 

Comunque il personaggio di De Niro di base era un pò obesotto, ciò giustificherebbe delle movenze goffe simili a quelle di De Niro vecchio secondo me.

 

 

Frank dice più volte nel corso del film che soffre di artrite sin dallo sbarco di Anzio, questo dovrebbe spiegare le sue movenze sempre più goffe con il passare degli anni. Per curiosità ho cercato un po' di vecchie foto di Sheeran e sono stati formidabili, era uno che pareva vecchio anche da giovane e De Niro ha fatto un lavoro strepitoso nonostante fosse in difetto di 20 cm e probabilmente 30/40 kg con l'originale. Se i rivali per la statuetta dorata saranno Pitt e Banderas come ho letto credo non ci sarà nemmeno discussione.


  • 0

Запрещено разговаривать с незнакомцами





0 utente(i) stanno leggendo questa discussione

0 utenti, 0 ospiti, 0 utenti anonimi

IPB Skin By Virteq