Vai al contenuto


Foto
* * * * - 1 Voti

Film Onirici


  • Please log in to reply
86 replies to this topic

#81 Matthew30

Matthew30

    Classic Rocker

  • Members
  • StellettaStellettaStellettaStellettaStellettaStelletta
  • 3899 Messaggi:

Inviato 18 settembre 2019 - 07:54

A me verrebbe da chiedere un'altra cosa: quand'è che un film si può definire "grottesco"?

 

Dalla definizione letterale della Treccani:

 

grottésco agg. e s. m. [der. di grottesca] (pl. m. -chi). – 1. agg. Stranamente e bizzarramente deforme, riferito in origine alle pitture parietali dette grottesche (v. la voce prec.), e poi in genere a tutto ciò che, per essere goffo, paradossale, innaturale, muove il riso pur senza rallegrare: figura g.; aspetto g.; una situazione g.; un tipoun personaggio g.; talvolta con valore spreg.: un’architettura grottesca2. Con uso sostantivato: a. La particolare situazione, e insieme la sensazione, prodotta da ciò che è paradossale, sproporzionato, strano: dare nel g.; cadere nel g.; una descrizione che rasenta il g.; c’è del gin tutto questo! b. In letteratura, è uno degli aspetti del comico, che nasce da uno squilibrio, da una sproporzione voluta fra gli elementi rappresentativi (per es., la morte di Morgante nel poema del Pulci), o dal contrasto fra la drammaticità, la grandiosità della rappresentazione obiettiva di un personaggio e lo spirito parodistico o satirico nel quale lo scrittore lo immerge o con cui risolve inaspettatamente una situazione non comica (come, per es., in taluni episodî del Don Chisciotte, o dei poemi cavallereschi italiani). c. Teatro del grottesco, genere di rappresentazioni teatrali che, nel primo dopoguerra, erano intese a ironizzare certi aspetti o situazioni della vita borghese e del teatro che ad essa fino allora si era ispirato; la denominazione è un’estensione del sottotitolo – Grottesco in 3 atti – della commedia di L. Chiarelli La maschera e il volto (1916). 3. Come vero e proprio s. m.: a. Variante ant. di grottescab. Commedia appartenente al «teatro del grottesco». c. In tipografia, tipo di ornato con figure, animali, foglie, fiori, frutti intrecciati in forme capricciose e bizzarre. Anche, nome di un carattere tipografico di fantasia, con asta di spessore uniforme, derivato dal carattere etrusco. ◆ Avv. grottescaménte, in modo grottesco, cioè ridicolo e paradossale: si mise a ballare zoppicando grottescamentes’era grottescamente paludato da imperatore romanole sue declamazioni risuonavano grottescamente in quell’atmosfera di baldoria.

 

Il grottesco però non necessariamente coincide con l'onirico, anche se in certi casi può esserci tale corrispondenza. Come Possession di Zulawski, giusto per fare un esempio.


  • 0

#82 verdoux

verdoux

    mainstream Star

  • Members
  • StellettaStellettaStellettaStellettaStelletta
  • 2805 Messaggi:

Inviato 18 settembre 2019 - 12:26

Cinema onirico.

Volendo tutti film potrebbero essere considerati onirici perché a noi piace sognare ed il cinema è il luogo dove possono realizzarsi cose altrimenti impossibili nella realtà, cose che non ci sogneremmo nemmeno di pensare, appunto. Però non esageriamo, se no arriviamo ai paradossi di ladri di biciclette o taxi driver, arriviamo a far diventare sogno qualsiasi cosa ci suggestioni o che non riusciamo a spiegare. Insuperabili in questo i Vitoti per i quali l'universo stesso è la materializzazione di un sogno. Io mi sono dato una regola, per essere definito onirico un film, o parte di esso, il sogno deve essere in chiaro, per esempio “la palla n. 13” e non una mia suggestione o una supposizione. Con questo metodo la schiera degli onirici o presunti tali verrebbe decimata ed anche Fellini e Lynch andrebbero messi in discussione.

 


  • 1

#83 pooneil

pooneil

    Classic Rocker

  • Members
  • StellettaStellettaStellettaStellettaStellettaStelletta
  • 5877 Messaggi:

Inviato 18 settembre 2019 - 12:28

Sono completamente d'accordo a metà con te.


  • 0

#84 Tom

Tom

  • Members
  • StellettaStellettaStellettaStellettaStellettaStellettaStellettaStelletta
  • 14268 Messaggi:

Inviato 18 settembre 2019 - 12:29

A me verrebbe da chiedere un'altra cosa: quand'è che un film si può definire "grottesco"?

 

"Muove il riso senza rallegrare" mi pare perfetta come definizione.


  • 0

#85 avatar blackwolf

avatar blackwolf

    It's Morning In Oslo

  • Members
  • StellettaStellettaStellettaStellettaStellettaStellettaStelletta
  • 7649 Messaggi:
  • LocationSilver Bridge, 1967

Inviato 22 settembre 2019 - 18:50

"Paperhouse" è stato citato? L'ho visto oggi e mi è piaciuto molto. 


  • 1

#86 dick laurent

dick laurent

    ...

  • Members
  • StellettaStellettaStellettaStellettaStellettaStellettaStellettaStelletta
  • 12487 Messaggi:

Inviato 22 settembre 2019 - 19:08

"Paperhouse" è stato citato? L'ho visto oggi e mi è piaciuto molto. 

 

non lo conosco


  • 0

dai manichei che ti urlano o con noi o traditore libera nos domine


#87 avatar blackwolf

avatar blackwolf

    It's Morning In Oslo

  • Members
  • StellettaStellettaStellettaStellettaStellettaStellettaStelletta
  • 7649 Messaggi:
  • LocationSilver Bridge, 1967

Inviato 22 settembre 2019 - 19:25

 

"Paperhouse" è stato citato? L'ho visto oggi e mi è piaciuto molto. 

 

non lo conosco

 

 

 il titolo in italiano è "La casa ai confini della realtà".   


  • 0




0 utente(i) stanno leggendo questa discussione

0 utenti, 0 ospiti, 0 utenti anonimi

IPB Skin By Virteq