Vai al contenuto


Foto
- - - - -

A Bocce Ferme: Post-Grunge


  • Please log in to reply
30 replies to this topic

#1 Pancakes

Pancakes

    Roadie

  • Members
  • StellettaStellettaStellettaStelletta
  • 646 Messaggi:

Inviato 19 febbraio 2019 - 16:36

Rispetto a qualche anno fa, in quanto a riabilitazioni illustri e non abbiamo fatto passi da gigante: qualche canzone pop punk piace anche a chi va avanti solo a Fugazi e Minor Threat, il nu metal sta proprio tornando e anche per i detrattori storici qualche esponente più colto lo si trova sempre [Deftones, SOAD e via dicendo], persino una delle no-go-zones musicali assolute ha qui ora un suo [bel] thread di riferimento. Chi è quindi l'endgame boss, almeno nella musica rock, di questo tortuoso percorso? Secondo me il post-grunge

 

 

 

Come altre bestie nere del periodo [principalmente nu metal e pop punk] ha un antenato "nobile" i cui esponenti vengono spesso usati per dire "questi si che sono fighi, mica i x", ma. Non solo non esiste un vero e proprio movimento identitario come con gli altri generi presi in esame, ma gli artisti considerati post grunge rifiutano il termine tanto quanto gli artisti grunge che adorano rifiuta[va]no il corrispettivo. E se la definizione stessa di grunge è cangiante e nebulosa, quella di post grunge non è da meno, da qualsiasi angolazione la si prenda:

 

- sono Post-Grunge tutti i gruppi che cominciano sistematicamente a guardare in maniera non velata ai Big Four [Nirvana, Pearl Jam, Soundgarden e Alice In Chains]? In questo caso i capostipiti sarebbero indubbiamente gli Stone Temple Pilots, che però rispetto ai Creed sono considerati i Nirvana praticamente

 

- sono Post-Grunge tutte le bands uscite dopo la morte di Cobain? Senza contare che questo spartiacque conferma il presupposto paradossale che sia impossibile suonare Grunge in qualche modo "genuino" dopo quella data, è forse questa la definizione / divisione che finisce per accorpare gruppi in maniera tale da rendere tutto un pout-pourri molto vago, al netto delle legittime differenze e progressioni nel corso di una decade e passa [tra i Local H e i Breaking Benjamin qualche divergenza cè insomma]

 

- sono Post-Grunge tutti gruppi cresciuti con il Grunge e il cui successo in un determinato periodo ha finito per superare ed eclissare quello degli originali? Sicuramente, ma oltre ad avere in sè una faziosità un pò invidiosa, è lo schema che dà un'idea negativa del genere anche perchè da come riferimenti immediati pochi nomi e target facili: Creed, Staind, Puddle of Mudd, i Nickelback sono persino diventati il meme preferito della nuova critica quando si tratta di delineare il peggior gruppo rock di sempre / emblema del rockism o del red state rock [almeno fino al live dei Maroon 5 al Superbowl]

 

[senza contare quanto essere o no americani conti per essere considerati facenti parte di questo genere]

 

 

A quasi 20 anni da Human Clay, che bilancio si può trarre di tutto ciò? Senza voler fare a tutti i costi l'avvocato del diavolo, credo che il "è tutta merda, W i Soundgarden" sia un opinione come minimo faziosa e relegata a / figlia di un periodo di forte sovraesposizione degli anticristi Post-Grunge. E soprassedendo al fatto che chi adora i Creed come minimo rispetta i Nirvana [mentre il contrario è praticamente impossibile], credo anche il non-movimento fosse fatto da persone che, amando alla follia il grunge originale e stilizzandone alcuni tratti, sia finite, soprattutto col passare del tempo, a creare istantanee di quel periodo assolutamente non disprezzabili. Anche e soprattutto lontano dai grossi riflettori / soliti nomi.

 


  • 3

"If you ain’t got sauce then ya lost! But you can also get lost in the sauce"


#2 paloz

paloz

    Poo-tee-weet?

  • Redattore OndaRock
  • StellettaStellettaStellettaStellettaStellettaStellettaStellettaStellettaStelletta
  • 22989 Messaggi:

Inviato 19 febbraio 2019 - 16:40

Ma come vi vengono certi titoli? ashd


  • 1

I have spoken softly, gone my ways softly, all my days, as behoves one who has nothing to say, nowhere to go, and so nothing to gain by being seen or heard.

 

(Samuel Beckett, Malone Dies)


#3 Cliff

Cliff

    utente con la pattumiera nel cuore

  • Members
  • StellettaStellettaStellettaStellettaStellettaStellettaStelletta
  • 9515 Messaggi:
  • LocationRoma

Inviato 19 febbraio 2019 - 16:53

Ma come vi vengono certi titoli? ashd


clickbait per gli utenti della zona rossa
  • 0
Ha detto bene il presidente del coni, che il mondo dei dilettanti...chapeau. On duà parler français monsieur, mettenan nous parlon français, tout suit, ma la question n’est parer, n’est pas, comme ça [Carlo Tavecchio]

Caro Sig.'Cliff' di Roma le confesso che non capito..


#4 Pancakes

Pancakes

    Roadie

  • Members
  • StellettaStellettaStellettaStelletta
  • 646 Messaggi:

Inviato 19 febbraio 2019 - 17:00

 

Ma come vi vengono certi titoli? ashd


clickbait per gli utenti della zona rossa

 

 

È oggettivamente un modo di dire però asd


  • 0

"If you ain’t got sauce then ya lost! But you can also get lost in the sauce"


#5 ArchieFisher

ArchieFisher

    pacato come il vecchio che ho in avatar da 50 anni

  • Moderators
  • 6319 Messaggi:

Inviato 19 febbraio 2019 - 17:58

Gli Staind secondo me non erano malaccio. Fra l'altro il cantante non mi dispiaceva.
I Creed già peggio. Meglio nella loro successiva incarnazione (Alter Bridge).
I Puddle of Mudd fecero un paio di canzoni gradevoli - forse.

I Nickelback. Aiuto.
  • 0
Life was never better than
in nineteen sixty-three

Ogni vita ha peso e dimenticanza calcolabili

"What kind of music do you usually have here?"
"Oh, we got both kinds. We got Country, and Western."

#6 Tom

Tom

  • Members
  • StellettaStellettaStellettaStellettaStellettaStellettaStellettaStelletta
  • 12524 Messaggi:

Inviato 19 febbraio 2019 - 18:10

Boh. Io non ho nessun pregiudizio ideologico o generazionale tanto contro il post-grunge che il nu-metal, anzi mi sono spesso messo li' ad ascoltare della roba sperando di trovare qualcosa di buono. E invece mi ha sempre fatto tutto cacare a spruzzo, compresi i gruppi nu-metal ormai forse "sdoganati". E' che sembrano essersi tutti impegnati a prendere dal grunge tutti i difetti e nessuno dei pregi (che c'erano ed erano enormi caro il mio ondarockino che stavi per fare per la milionesima volta la solita battuta). Dietro i chitarroni mi sembra di scorgere sempre una patina piaciona e leccaculo che emerge nella banalita' delle melodie, credo che siano i due generi che hanno collezionato i ritornelli piu' lagnosi e ammosciacazzi di sempre. Ecco, forse e' quello, dietro al miglior grunge c'era ancora una vena blues e folk genuina, quelli venuti dopo sono tutti dei mediocri poppettari.


  • 2

#7 paloz

paloz

    Poo-tee-weet?

  • Redattore OndaRock
  • StellettaStellettaStellettaStellettaStellettaStellettaStellettaStellettaStelletta
  • 22989 Messaggi:

Inviato 19 febbraio 2019 - 18:20

Fino ai 14 anni circa ascoltavo convintamente gli Staind. Da allora non ho più osato riavvicinarli.

Persino certe cose dei tardi System of a Down, allora gruppo della vita all'incirca, oggi le risentirei con un leggero disprezzo per alcune soluzioni facili: i primi due album invece spaccano ancora, benché non siano nella mia playlist.


  • 0

I have spoken softly, gone my ways softly, all my days, as behoves one who has nothing to say, nowhere to go, and so nothing to gain by being seen or heard.

 

(Samuel Beckett, Malone Dies)


#8 Trespy Sledge

Trespy Sledge

    Strawberry Switchblade

  • Members
  • StellettaStellettaStellettaStellettaStellettaStellettaStellettaStelletta
  • 15388 Messaggi:

Inviato 19 febbraio 2019 - 18:42

Tette vs Post-Grunge

Io comunque ho sempre accorpato Nu-Metal e Post-Grunge, nonostante le ovvie differenze.
Nel "periodo d'oro" ascoltavo, volontariamente o meno, varie cose legate a questi generi. Molte di esse passavano spesso in radio e MTV.
  • 0

#9 Matthew30

Matthew30

    Classic Rocker

  • Members
  • StellettaStellettaStellettaStellettaStellettaStelletta
  • 3091 Messaggi:

Inviato 19 febbraio 2019 - 20:18

Ricordo bene che sovente i PPV della WWE nel periodo 2000/2005 avevano come theme proprio delle canzoni post-grunge.

 

 

Mi ero completamente dimenticato di Hulk Hogan ed Edge campioni di coppia.  asd

 


  • 0

#10 Connacht

Connacht

    :.::

  • Redattore OndaRock
  • StellettaStellettaStellettaStellettaStelletta
  • 1122 Messaggi:
  • LocationWhere I end and you begin

Inviato 19 febbraio 2019 - 21:57

nu metal > post grunge

 

Comunque i primi Staind erano migliori dei Creed, e i primi Chevelle erano migliori degli Staind. In caso da rivalutare può essere un album come Wonder What's Next, ma con loro già si inizia a uscire dal selciato dei gruppi del topic.


  • 0

Last.fm

 

aretha-2.jpg 

 

There is no theory. You have only to listen. Pleasure is the law. I love music passionately. And because l love it, I try to free it from barren traditions that stifle it. It is a free art gushing forth — an open-air art, boundless as the elements, the wind, the sky, the sea. It must never be shut in and become an academic art.

  • Claude Debussy
    quoted in An Encyclopedia of Quotations About Music (1981) by Nat Shapiro, p. 268

#11 neuro

neuro

    king (beyond the wall)

  • Redattore OndaCinema
  • StellettaStellettaStellettaStellettaStellettaStelletta
  • 3559 Messaggi:
  • Locationqua

Inviato 19 febbraio 2019 - 23:05

è tutta merda W i soundgarden

mai capito poi perché tutto questo odio per gli Stone temple pilots. Interstate Love Song la adoravo quando uscì e la adoro ancora. ma si parla di grunge senza post, e la differenza, al solito, l'ha bem spiegata Tom
  • 3
apri apri, apri tutto!

#12 M83

M83

    we own the sky

  • Members
  • StellettaStellettaStellettaStellettaStellettaStellettaStelletta
  • 6785 Messaggi:
  • LocationOn a White Lake, Near a Green Mountain

Inviato 20 febbraio 2019 - 07:27

 

 

segnalo anche loro , 1993 , breve periodo di notorietà  per via del film  Il Corvo , poi piombati di nuovo nell'anonimato

 

 

anche loro meritano una menzione , 1993 , più vicini al metal che al grunge.

 

Nudeswirl  - Disappear

 

https://www.youtube....h?v=u9kyJ3wWlA0


  • 0

*lastfm*

 

 Hi-Fi System

 

- Pioneer Sa-510

- Sony PS-212

- Kenwood  KX-3080

- Akai CS-M02

- Pioneer CT 737 Mark II

- Technics  Sl-Pj28A

 


#13 unkle

unkle

    \[T]/

  • Members
  • StellettaStellettaStellettaStellettaStelletta
  • 2391 Messaggi:
  • Locationfrom the hill

Inviato 20 febbraio 2019 - 11:24

Boh. Io non ho nessun pregiudizio ideologico o generazionale tanto contro il post-grunge che il nu-metal, anzi mi sono spesso messo li' ad ascoltare della roba sperando di trovare qualcosa di buono. E invece mi ha sempre fatto tutto cacare a spruzzo, compresi i gruppi nu-metal ormai forse "sdoganati". E' che sembrano essersi tutti impegnati a prendere dal grunge tutti i difetti e nessuno dei pregi (che c'erano ed erano enormi caro il mio ondarockino che stavi per fare per la milionesima volta la solita battuta). Dietro i chitarroni mi sembra di scorgere sempre una patina piaciona e leccaculo che emerge nella banalita' delle melodie, credo che siano i due generi che hanno collezionato i ritornelli piu' lagnosi e ammosciacazzi di sempre. Ecco, forse e' quello, dietro al miglior grunge c'era ancora una vena blues e folk genuina, quelli venuti dopo sono tutti dei mediocri poppettari.

 

viva i Meat Puppet che hanno ispirato molti gruppi grunge e che poi per assurdo quando anche loro si sono avvicinati al grunge allontanandosi dalla miscela primigenia di psich-folk-country-punk sono entrati nel mediocre...


  • 0

#14 Tom

Tom

  • Members
  • StellettaStellettaStellettaStellettaStellettaStellettaStellettaStelletta
  • 12524 Messaggi:

Inviato 20 febbraio 2019 - 11:35

System of a Down

 
Loro sicuramente i piu' dignitosi. E infatti erano un po' fuori dagli schemi rispetto ai due filoni, erano piu' figli del crossover alla Rage Against the Machine, mi sembra. Ma pure loro avevano di fondo un non so che di "scontato" (soprattutto nelle parti cantate) che mi ha sempre frenato. Ma dovrei riascoltarli per essere piu' preciso. Magari li riscoprirei. O li affosserei come mi e' successo riascoltando gli Skunk Anansie.
 

Ecco, forse e' quello, dietro al miglior grunge c'era ancora una vena blues e folk genuina, quelli venuti dopo sono tutti dei mediocri poppettari.


viva i Meat Puppet che hanno ispirato molti gruppi grunge e che poi per assurdo quando anche loro si sono avvicinati al grunge allontanandosi dalla miscela primigenia di psich-folk-country-punk sono entrati nel mediocre...

 
Rileggendomi pero' non vorrei mi si fraintendesse. Non intendo contrapporre la genuinita' "folk - blues" del grunge con l'animo "poppetaro" della roba post. No no, il grunge conteneva anche tantissimo pop, per dire, un Cobain era prima di tutto un poppetaro dall'istinto killer. Quindi, anzi, ribalto la questione: il post-grunge voleva riproporre un certo mood e un certo sound del grunge doc, ma senza la sapienza melodica che tanti di quella scena evidentemente avevano (pure casinisti come Melvins e Tad le loro melodie assassine le hanno tirate fuori) si limitavano a riproporre la stessa formula su brani assolutamente generici e il tutto diventava solo pose finte e il mood solo vuota lagna.
  • 0

#15 Pancakes

Pancakes

    Roadie

  • Members
  • StellettaStellettaStellettaStelletta
  • 646 Messaggi:

Inviato 20 febbraio 2019 - 14:56

Ricordo bene che sovente i PPV della WWE nel periodo 2000/2005 avevano come theme proprio delle canzoni post-grunge.

 

 

Mi ero completamente dimenticato di Hulk Hogan ed Edge campioni di coppia.  asd

 

 

Si era sicuramente una prassi assai comune, ed è anzi rimasta una costante anche in seguito

 

Tette vs Post-Grunge

Io comunque ho sempre accorpato Nu-Metal e Post-Grunge, nonostante le ovvie differenze.
Nel "periodo d'oro" ascoltavo, volontariamente o meno, varie cose legate a questi generi. Molte di esse passavano spesso in radio e MTV.

 

Tipo? E cosa ti è rimasto / salveresti oggi? Un bacino d'utenza comune lo avevano, ed anche alcune intersezioni primarie [Godsmack] o secondarie [la "svolta" post-grunge dei Limp Bizkit nel 2003, il background di alternative novantiano comune a gruppi di entrambi i generi]. Nonostante ciò comunque cercherei di mantenere la gittata del topic più sul post-grunge tout-court

 

è tutta merda W i soundgarden

mai capito poi perché tutto questo odio per gli Stone temple pilots. Interstate Love Song la adoravo quando uscì e la adoro ancora. ma si parla di grunge senza post, e la differenza, al solito, l'ha bem spiegata Tom

 

Quindi tu tra le tre scuole di pensiero che ho provato ad illustrare all'inizio saresti per la terza? In tal caso Silverchair e Bush con chi condividerebbero il posto? Con STP o Creed?

 

 

System of a Down

 
Loro sicuramente i piu' dignitosi. E infatti erano un po' fuori dagli schemi rispetto ai due filoni, erano piu' figli del crossover alla Rage Against the Machine, mi sembra. Ma pure loro avevano di fondo un non so che di "scontato" (soprattutto nelle parti cantate) che mi ha sempre frenato. Ma dovrei riascoltarli per essere piu' preciso. Magari li riscoprirei. O li affosserei come mi e' successo riascoltando gli Skunk Anansie.
 

 

Ecco, forse e' quello, dietro al miglior grunge c'era ancora una vena blues e folk genuina, quelli venuti dopo sono tutti dei mediocri poppettari.


viva i Meat Puppet che hanno ispirato molti gruppi grunge e che poi per assurdo quando anche loro si sono avvicinati al grunge allontanandosi dalla miscela primigenia di psich-folk-country-punk sono entrati nel mediocre...

 

 
Rileggendomi pero' non vorrei mi si fraintendesse. Non intendo contrapporre la genuinita' "folk - blues" del grunge con l'animo "poppetaro" della roba post. No no, il grunge conteneva anche tantissimo pop, per dire, un Cobain era prima di tutto un poppetaro dall'istinto killer. Quindi, anzi, ribalto la questione: il post-grunge voleva riproporre un certo mood e un certo sound del grunge doc, ma senza la sapienza melodica che tanti di quella scena evidentemente avevano (pure casinisti come Melvins e Tad le loro melodie assassine le hanno tirate fuori) si limitavano a riproporre la stessa formula su brani assolutamente generici e il tutto diventava solo pose finte e il mood solo vuota lagna.

 

 

Quindi tu ritieni sia questo il vero e proprio spartiacque? E in caso da che gruppi partirebbe effettivamente?

 

nu metal > post grunge

 

Comunque i primi Staind erano migliori dei Creed, e i primi Chevelle erano migliori degli Staind. In caso da rivalutare può essere un album come Wonder What's Next, ma con loro già si inizia a uscire dal selciato dei gruppi del topic.

 

I Chevelle rientrano assolutamente tra le chicche alle quali accennavo nel mio primo post.  Oppure cose come questa

 

 

oppure questa, veramente sontuosa e assolutamente degna dei padri novantiani

 


  • 0

"If you ain’t got sauce then ya lost! But you can also get lost in the sauce"


#16 Connacht

Connacht

    :.::

  • Redattore OndaRock
  • StellettaStellettaStellettaStellettaStelletta
  • 1122 Messaggi:
  • LocationWhere I end and you begin

Inviato 23 febbraio 2019 - 18:16

Prova questi:

 


  • 0

Last.fm

 

aretha-2.jpg 

 

There is no theory. You have only to listen. Pleasure is the law. I love music passionately. And because l love it, I try to free it from barren traditions that stifle it. It is a free art gushing forth — an open-air art, boundless as the elements, the wind, the sky, the sea. It must never be shut in and become an academic art.

  • Claude Debussy
    quoted in An Encyclopedia of Quotations About Music (1981) by Nat Shapiro, p. 268

#17 Tom

Tom

  • Members
  • StellettaStellettaStellettaStellettaStellettaStellettaStellettaStelletta
  • 12524 Messaggi:

Inviato 23 febbraio 2019 - 18:34

Quindi tu ritieni sia questo il vero e proprio spartiacque? E in caso da che gruppi partirebbe effettivamente?


Ah boh, non ho quel tipo di approccio cosi' storicistico.
A buon senso direi che gruppi come Silverchair o Bush (ma pure Candelbox) non erano "post-" ma solo gruppi scarsi della scena originale. I Creed sicuramente lo erano. Che io ricordi la prima volta che ho sentito parlare di post-grunge e' stato in un articolo di Musica! che parlava dell'esordio dei Creed dei Puddle of Mudd, quindi '97 o '98, l'articolo poneva l'accento sul fatto che il disco facesse sfaceli in USA mentre da noi non li conosceva nessuno.

 

Poco fa al supermercato ho fatto caso a un paio di pezzi trasmessi dalla radio, a breve distanza sono stati trasmessi due brani rock a me del tutto ignoti, ma immagino recenti, ed erano del tutto simili alla roba dei tre video qui sopra (roba urenda, perdonatemi). Mi e' venuto da pensare che tutto sommato a livello mainstream l'idea generale piu' basica che sia ha del ruock e' in un certo senso tutta post-grunge o comunque discendente dall'indie 90s.   
 


  • 0

#18 Lou_Cherry

Lou_Cherry

    aspirante indie

  • Members
  • StellettaStelletta
  • 97 Messaggi:
  • LocationRoma

Inviato 24 febbraio 2019 - 08:25

credo che si possa parlare di una delle più ignobili repliche neanche di genere ma di un solo pugno di gruppi.

ma neanche di gruppi, di singoli artisti: in ordine di influenza: cobain (forse più immagine che voce), staley, cantrell, vedder. 

credo si possa chiudere la questione con "è tutto una merda". se qualcosa che rientra nel calderone è considerabile decente:errore, l'hai buttato nel calderone sbagliato.

e oh, attenzione: gli stone temple pilots non c'entrano una mazza in tutto questo. porèlli, ogni volta mi devo trovare a difenderli.

trovarsi in mare e venire travolti dall'onda del successo per poi cavalcarla non è come vedere l'onda da lontano, comodamente seduti col drink in mano e avere il tempo di andare in cabina a prendere la tavola da surf.


  • 0

#19 Pancakes

Pancakes

    Roadie

  • Members
  • StellettaStellettaStellettaStelletta
  • 646 Messaggi:

Inviato 26 febbraio 2019 - 11:25

Che io ricordi la prima volta che ho sentito parlare di post-grunge e' stato in un articolo di Musica! che parlava dell'esordio dei Puddle of Mudd, quindi '97 o '98, l'articolo poneva l'accento sul fatto che il disco facesse sfaceli in USA mentre da noi non li conosceva nessuno.

 

 

Per carità, tu all'epoca leggevi riviste di musica e io a malapena avevo imparato a leggere, ma sei sicuro che se ne parlasse in questi toni? Alla fine un autoproduzione indipendente di 21 anni fa difficile che facesse sfaceli, a meno che non si intendesse un grosso tam tam fra appassionati. Discorso diverso per Come Clean di qualche anno dopo, secondo me leggermente più blastato della media dei dischi grossi delle band grosse per avere "l'aggravante" di Fred Durst come exec. A prescindere dalla mia venerazione per i Limp Bizkit [che sicuramente mi aggiunge gusto nel fare l'avvocato del diavolo] credo sia comunque uno dei migliori dischi di quel giro di band, e non solo per Blurry.

 

 

 

Poco fa al supermercato ho fatto caso a un paio di pezzi trasmessi dalla radio, a breve distanza sono stati trasmessi due brani rock a me del tutto ignoti, ma immagino recenti, ed erano del tutto simili alla roba dei tre video qui sopra (roba urenda, perdonatemi). Mi e' venuto da pensare che tutto sommato a livello mainstream l'idea generale piu' basica che sia ha del ruock e' in un certo senso tutta post-grunge o comunque discendente dall'indie 90s. 

 

Questa l'ho beccata pure io su Virgin in palestra, vedi se era lei [loro poi, consigliati poco sopra, girano da parecchio in verità]

 

 

Su un'idea generale di post-grunge sedimentata e persistente ancora oggi sono d'accordo, anche se certamente più su gruppi vagamente red state a malapena grossi in America [Shinedown, Five Finger Death Punch, e perlopiù nelle ballad] che in senso ampio e condiviso. Un altro filone spesso ibridato nell'amalgama di generi e termini poi secondo me è quello dell'alternative di stampo vagamente toolebano / apc, che in versione radio friendly secondo me delle chicche le regalava pure

 

 

 

tutto simili alla roba dei tre video qui sopra (roba urenda, perdonatemi)

 

Dai che se Lanona o Lucy Dacus facevano Watching You Disappear era una delle canzoni dell'anno asd

 

 

ma neanche di gruppi, di singoli artisti: in ordine di influenza: cobain (forse più immagine che voce), staley, cantrell, vedder.

 

 

Niente Cornell? Comunque invertirei proprio l'ordine: Vedder in primis [e non solo per i Creed], Stayley / Cantrell per le doppie voci e le melodie un pò orientaleggianti venerate inconsapevolmente da molti, Cobain come patrono in generale

 

 

credo si possa chiudere la questione con "è tutto una merda". se qualcosa che rientra nel calderone è considerabile decente:errore, l'hai buttato nel calderone sbagliato.

 

Lasciando stare che questo tipo di giudizio categorico era proprio quello che cercavo di evitare col tempo, quindi per esempio i dischi di Rival Schools, TRUSTcompany, Filter o Fuel sarebbero fuori luogo sotto quell'egida?

 

 

trovarsi in mare e venire travolti dall'onda del successo per poi cavalcarla non è come vedere l'onda da lontano, comodamente seduti col drink in mano e avere il tempo di andare in cabina a prendere la tavola da surf.

 

Non sono sicuro di aver capito la metafora:

 

- se ti riferisci al giudicare comodamente a posteriori [come all'inizio avevo interpretato], non è un processo messo in atto in ogni tipo di musica / arte?

- se ti riferisci allo stare sulle spalle dei giganti [cit.] vs essere proprio un gigante, beh sicuramente i gruppi dai Creed in poi ci hanno messo, nel bene e nel male, un contributo molto più personale dei gruppi scarsi ma nell'immediato rispetto alla prima fase [non volendoci mettere gli STP, appunto i vari Bush / Silverchair / Candlebox]


  • 0

"If you ain’t got sauce then ya lost! But you can also get lost in the sauce"


#20 Tom

Tom

  • Members
  • StellettaStellettaStellettaStellettaStellettaStellettaStellettaStelletta
  • 12524 Messaggi:

Inviato 26 febbraio 2019 - 12:54

 

Che io ricordi la prima volta che ho sentito parlare di post-grunge e' stato in un articolo di Musica! che parlava dell'esordio dei Puddle of Mudd, quindi '97 o '98, l'articolo poneva l'accento sul fatto che il disco facesse sfaceli in USA mentre da noi non li conosceva nessuno.

 
Per carità, tu all'epoca leggevi riviste di musica e io a malapena avevo imparato a leggere, ma sei sicuro che se ne parlasse in questi toni? Alla fine un autoproduzione indipendente di 21 anni fa difficile che facesse sfaceli, a meno che non si intendesse un grosso tam tam fra appassionati.

 


Hai ragione, mi sono confuso con l'esordio dei Creed, mi ricordo la copertina col tipo accucciato.


  • 0




0 utente(i) stanno leggendo questa discussione

0 utenti, 0 ospiti, 0 utenti anonimi

IPB Skin By Virteq