Vai al contenuto


Foto
- - - - -

[Pietra Miliare] Hüsker Dü - Warehouse : Songs And Stories (1987, Warner Bros.)


  • Please log in to reply
12 replies to this topic

#1 M83

M83

    we own the sky

  • Members
  • StellettaStellettaStellettaStellettaStellettaStellettaStelletta
  • 6783 Messaggi:
  • LocationOn a White Lake, Near a Green Mountain

Inviato 04 febbraio 2019 - 12:26

http://www.ondarock....sandstories.htm

 

Per me un tassello fondamentale per il power pop anni '80.  E' stato anche il primo disco degli Hüsker Dü che ho ascoltato (noleggiato in biblioteca quando non avevo un soldo in tasca).  Devo ammettere che i miei pezzi preferiti del disco sono firmati da Mould ( Ice Cold Ice , It's Not Peculiar in particolare), ma Hart  piazza un gioiellino che  risponde al nome di She Floated Away.


  • 5

*lastfm*

 

 Hi-Fi System

 

- Pioneer Sa-510

- Sony PS-212

- Kenwood  KX-3080

- Akai CS-M02

- Pioneer CT 737 Mark II

- Technics  Sl-Pj28A

 


#2 Reynard

Reynard

    poligraf poligrafovic pallinov

  • Members
  • StellettaStellettaStellettaStellettaStellettaStellettaStelletta
  • 9508 Messaggi:
  • LocationComo

Inviato 04 febbraio 2019 - 12:34

SI SI SI SI SI SI SI SI SI CAZZO SI!

 

Pietra miliare doverosa quant'altre mai. Appena mi ricompongo cerco di scrivere qualcosa di più elaborato.


  • 3
La firma perfetta dev'essere interessante, divertente, caustica, profonda, personale, di un personaggio famoso, di un personaggio che significa qualcosa per noi, riconoscibile, non scontata, condivisibile, politicamente corretta, controcorrente, ironica, mostrare fragilità, mostrare durezza, di Woody Allen, di chiunque tranne Woody Allen, corposa, agile, ambiziosa, esperienzata, fluente in inglese tedesco e spagnolo, dotata di attitudini imprenditoriali, orientata alla crescita professionale, militassolta, automunita, astenersi perditempo.

#3 Bara dei pupi

Bara dei pupi

    Pietra MIliare

  • Members
  • StellettaStellettaStellettaStellettaStellettaStellettaStellettaStellettaStelletta
  • 80568 Messaggi:

Inviato 04 febbraio 2019 - 12:38

 

 

il power pop anni '80. 

 

cerchiamo di dire cose serie eh!!!!

https://en.wikipedia.../wiki/Power_pop


  • 1

#4 Cyclo

Cyclo

    AutoRetrocesso al ruolo di lurker

  • Members
  • StellettaStellettaStellettaStellettaStellettaStelletta
  • 5901 Messaggi:

Inviato 04 febbraio 2019 - 13:03

Per quanto mi riguarda, album fra i 10 o 20 da portare nella solita retorica e fatidica isola deserta (sperando che ci sia un giradischi da quelle parti).

 

Sinceramente non conoscevo o comunque avevo dimenticato tutta la storia che sta alle spalle della pubblicazione dell'album; cioè, lo sapevo che il trio aveva pubblicato l'album sul momento quasi di sciogliersi, ma ignoravo il fatto che -in definitiva- Hart e Mould si odiavano proprio e non collaborarono minimamente nella sua lavorazione.

Considerando anche le situazioni personali complicate (eufemismo) dei due, il fatto che Warehouse S.A.S. sia uscito fuori quasi come un capolavoro è un piccolo miracolo (e dimostrazione che almeno qualche volta per davvero dal letame nascono i fior). 

 

Per quanto riguarda la definizione di power pop, è il recensore stesso che la usa: mi lascia un po' perplesso, a dirla tutta, però chissene.


  • 0

ma che te ne frega dei meno o dei più sei grande ormai, è ora di pensare a una moto di grossa cilindrata.

 

#5 Suxxx

Suxxx

    Pietra MIliare

  • Members
  • StellettaStellettaStellettaStellettaStellettaStellettaStellettaStellettaStelletta
  • 21203 Messaggi:

Inviato 04 febbraio 2019 - 18:57

Up in the Air!
  • 1

#6 corrigan

corrigan

    気持ち悪い

  • Members
  • StellettaStellettaStellettaStellettaStellettaStellettaStelletta
  • 9794 Messaggi:
  • LocationHK

Inviato 04 febbraio 2019 - 19:02

capolavoro assoluto et immortale et fantascientifico 


  • 1

I distrust orthodoxies, especially orthodoxies of dissent
「その時僕はミサト さんから逃げる事しかできなかった。 他には何もできない、 他も云えない… 子供なんだと……僕はわかった

 


#7 Kerzhakov91

Kerzhakov91

    X Offender

  • Redattore OndaRock
  • StellettaStellettaStellettaStellettaStellettaStelletta
  • 4265 Messaggi:
  • LocationAnarene, Texas

Inviato 04 febbraio 2019 - 19:21

Il loro massimo capolavoro. 

 

Li conobbi da ragazzino in una compilation "Grunge" (la spacciavano come tale, ma in realtà era un contenitore di un po' tutto l'alternative rock americano di fine anni 80-primi anni 90) che trovai nella fonoteca del mio paese - che possedeva un solo disco degli Huskers, e cioè "Everything Falls Apart" (il mio primo contatto con l'hardcore punk asd). La canzone inserita era questa: 
 
 
Fu subito amore. 

  • 1
It's like I'm having the most beautiful dream and the most terrible nightmare all at once

Бил, бью и буду бить / Умом Россию не понять, в Россию можно только верить

OR

#8 Reynard

Reynard

    poligraf poligrafovic pallinov

  • Members
  • StellettaStellettaStellettaStellettaStellettaStellettaStelletta
  • 9508 Messaggi:
  • LocationComo

Inviato 04 febbraio 2019 - 19:40

Up in the Air!


forse la mia preferita.
  • 0
La firma perfetta dev'essere interessante, divertente, caustica, profonda, personale, di un personaggio famoso, di un personaggio che significa qualcosa per noi, riconoscibile, non scontata, condivisibile, politicamente corretta, controcorrente, ironica, mostrare fragilità, mostrare durezza, di Woody Allen, di chiunque tranne Woody Allen, corposa, agile, ambiziosa, esperienzata, fluente in inglese tedesco e spagnolo, dotata di attitudini imprenditoriali, orientata alla crescita professionale, militassolta, automunita, astenersi perditempo.

#9 Guest_Resp Into_*

Guest_Resp Into_*

    Maledettooo! Maledetooo! Maledettooo!

  • Members
  • StellettaStellettaStellettaStellettaStelletta
  • 2460 Messaggi:
  • LocationNo-go Zone

Inviato 04 febbraio 2019 - 22:05

(devo ancora leggere la pietra)

Mah, da mega fan di Zen Arcade e estimatore di New Day Rising, non sono mai riuscito ad apprezzarlo molto. Mi sembra che abbia dei suoni orribili per un disco così melodico. Ovvio la qualità delle canzoni è spesso superba, però me lo ricordo veramente troppo piatto a livello sonoro.
Nello stesso anno e nella stessa città esce Pleased to Meet me dei Replacements che trovo molto più riuscito come disco Power-Pop.
  • 0

OBIETTIVO MEDIA DI ALMENO UN + A POST RAGGIUNTO ;)

 

 

raramente ho visto un'immagine più autenticamente devastante dell'inermis dell'uomo contemporaneo occidentale


#10 masperigaut

masperigaut

    Massimiliano Speri

  • Redattore OndaRock
  • StellettaStellettaStellettaStelletta
  • 605 Messaggi:
  • LocationLaida Bologna/Monselice

Inviato 05 febbraio 2019 - 19:01

Sono stracontento che abbiate apprezzato! Per me è il disco della vita (e proprio per questo nell'articolo ho cercato di farmi da parte e lasciar parlare la Storia)


  • 4

#11 Reynard

Reynard

    poligraf poligrafovic pallinov

  • Members
  • StellettaStellettaStellettaStellettaStellettaStellettaStelletta
  • 9508 Messaggi:
  • LocationComo

Inviato 05 febbraio 2019 - 20:48

Sono stracontento che abbiate apprezzato! Per me è il disco della vita 

 

Ecco, già abbiamo un problema; non può essere il disco della tua vita perché è già il disco della mia. Sono geloso, sai. ashd

 

Un filo rosso che accomuna tutti i brani, secondo me, è la presenza di quello che in mancanza di una definizione più adeguata chiamerò il momento 'sì, cazzo, sì'. Quell'istante particolare, che può essere anche l'ennesima ripetizione del riff che in un determinato momento sembra più se stesso che in tutti i momenti precedenti, quel passaggio insomma che aspetti per tutto il brano. Che vorresti venisse ripetuto ma d'altra parte è così magico perché è unico. Ed è per questo che per ripeterlo ti riascolti tutto l'album da capo.

I momenti più magici, forse (e sottolineo forse), le schitarrate taglienti che si aprono in un canto a cuore aperto in "She Floated Away", o l'improvviso alzarsi di tono di "Up in the air". Poi c'è la conclusiva "You can live at home" che sembra il tentativo di avere un momento 'sì, cazzo, sì' praticamente lungo tutto il brano. Come a volere solo catarsi senza costruzione, e poi mandare tutto in vacca con una coda che a sua volta insegue l'epico, lo bracca, e lo scalcia più avanti.


  • 2
La firma perfetta dev'essere interessante, divertente, caustica, profonda, personale, di un personaggio famoso, di un personaggio che significa qualcosa per noi, riconoscibile, non scontata, condivisibile, politicamente corretta, controcorrente, ironica, mostrare fragilità, mostrare durezza, di Woody Allen, di chiunque tranne Woody Allen, corposa, agile, ambiziosa, esperienzata, fluente in inglese tedesco e spagnolo, dotata di attitudini imprenditoriali, orientata alla crescita professionale, militassolta, automunita, astenersi perditempo.

#12 M83

M83

    we own the sky

  • Members
  • StellettaStellettaStellettaStellettaStellettaStellettaStelletta
  • 6783 Messaggi:
  • LocationOn a White Lake, Near a Green Mountain

Inviato 05 febbraio 2019 - 21:00

 

Sono stracontento che abbiate apprezzato! Per me è il disco della vita 

 

Ecco, già abbiamo un problema; non può essere il disco della tua vita perché è già il disco della mia. Sono geloso, sai. ashd

 

Un filo rosso che accomuna tutti i brani, secondo me, è la presenza di quello che in mancanza di una definizione più adeguata chiamerò il momento 'sì, cazzo, sì'. Quell'istante particolare, che può essere anche l'ennesima ripetizione del riff che in un determinato momento sembra più se stesso che in tutti i momenti precedenti, quel passaggio insomma che aspetti per tutto il brano. Che vorresti venisse ripetuto ma d'altra parte è così magico perché è unico. Ed è per questo che per ripeterlo ti riascolti tutto l'album da capo.

I momenti più magici, forse (e sottolineo forse), le schitarrate taglienti che si aprono in un canto a cuore aperto in "She Floated Away", o l'improvviso alzarsi di tono di "Up in the air". Poi c'è la conclusiva "You can live at home" che sembra il tentativo di avere un momento 'sì, cazzo, sì' praticamente lungo tutto il brano. Come a volere solo catarsi senza costruzione, e poi mandare tutto in vacca con una coda che a sua volta insegue l'epico, lo bracca, e lo scalcia più avanti.

 

 

Questa cosa  a me accade   con "It's Not Peculiar" : c'è un punto esatto verso la fine della canzone in cui la chitarra di Mould sembra decollare , quello è per me un momento "sì cazzo sì"


  • 1

*lastfm*

 

 Hi-Fi System

 

- Pioneer Sa-510

- Sony PS-212

- Kenwood  KX-3080

- Akai CS-M02

- Pioneer CT 737 Mark II

- Technics  Sl-Pj28A

 


#13 masperigaut

masperigaut

    Massimiliano Speri

  • Redattore OndaRock
  • StellettaStellettaStellettaStelletta
  • 605 Messaggi:
  • LocationLaida Bologna/Monselice

Inviato 05 febbraio 2019 - 21:20

 

 

Questa cosa  a me accade   con "It's Not Peculiar"

 

 

Credo sia anche la mia preferita  :wub:


  • 0




0 utente(i) stanno leggendo questa discussione

0 utenti, 0 ospiti, 0 utenti anonimi

IPB Skin By Virteq