Vai al contenuto


Foto
- - - - -

Tony Williams ,drums..


  • Please log in to reply
45 replies to this topic

#41 fabiodrummy

fabiodrummy

    pivello

  • Members
  • Stelletta
  • 43 Messaggi:

Inviato 19 febbraio 2020 - 16:19

.. Grazie caro ,Vit Vit, per i tuoi interventi che sono (*sempre)
validi ed interessanti. Ora da quanto ho potuto vedere e capire il drummer..:Steve Lyman,
parla e dà delle spiegazioni sul ''SUO'' modo di suonare, inventare, improvvisare,.!!.

 

Si, è vero fa molto uso di pause(*musicali tipo 'solfeggio') infatti
aspetta il motivetto-musicale dove ''sopra'' ci mette il suo drumming.
In altri momenti o situazioni musicali fa uso di ''respiri'' , quindi NON pause, ma come avesse

bisogno di riflette/pensare ..cosa.. suonare(*drumming) in quel punto.

 

Sempre con riferimento a quanto ho potuto ,,vedere e capire,, lo Steve
Lyman nel suo modo di suonare la batteria si avvale di..: pause e
'respiri' che in effetti sono..: NECESSARI ,PER ,IL ,SUO ,STILE ,E
,PER ,QUEL ,MODO ,DI ,SUONARE ,LA ,BATTERIA (* mi sembra uno stile..:
free-fusion suonato molto bene.,!!).

 

Trovo  difficile poter fare un confronto/paragone con il solo di
batteria di..: Tony Williams ,1967,.!!. Lo Steve Lyman, parla, spiega,
esprime il 'suo' modo di suonare e dopo si mette a ''suonare''..

Come ripeto esegue..: pause e respiri che però..: NON ,SONO ,*PAUSE e
RESPIRI* , COME ,QUELLI , FATTI ,DA ,TONY WILLIAMS., nel video. Nelle
due situazioni dove Tony 'alza le braccia' non è per fare ''pause-e-respiri'' ma

perché si è perso dentro a ciò che stava man-mano suonando.,!!.-

 

-  ,,  -

 


  • 0

#42 vit vit

vit vit

    Groupie

  • Members
  • StellettaStellettaStelletta
  • 125 Messaggi:

Inviato 19 febbraio 2020 - 17:01

Per l'ennesima volta cito:1964 out to lunch con Tony alla batteria.Noterai sicuramente il modo di interpretare il timing e dialogare con gli altri musicisti,ben lontano dallo swing.
Ovviamente Lyman era un esempio di questo modo di intendere il tempo musicale,attualizzato e direttamente discendente da Williams.

https://youtu.be/gzBpK1GcwdQ
Ascoltalo tutto,verso la fine c'è anche una sorta di "four"scambi di batteria con gli altri musicisti:riconoscerai li,lampante,la *filosofia"ritmica che c'è anche in quel solo con Davis
  • 0

#43 fabiodrummy

fabiodrummy

    pivello

  • Members
  • Stelletta
  • 43 Messaggi:

Inviato 23 settembre 2020 - 13:33

Caro Vitt , Vitt  confesso che ascolto adesso(*23 ,S ettembre 2020)!! questo particolare disco a nome di..: Eric Dolphy.  L' inizio del brano un po' alla..: Blue March , segue poi un' accompagnamento di stile 'hard-bop' con riferimenti al drumming di..: Roy Haynes,.

 

In effetti il brano è ben suddiviso in diverse situazioni ''musicali'' con ognuna una 'adeguata' soluzione/esecuzione ..batteristica.. che il Tony Williams suona con la dovuta ''bravura''(*considerando la sua giovane esperienza nel Jazz..)..-

 

Caro Vitt , Vitt , per meglio capirci ..QUI'.. il drumming di Tony Williams  è (*come ripeto) adeguato alle situazioni-musicali..: c' è il  Free ,, c' è il  Be-Bop-swing ,, c' è la  libera improvvisazione ,, e ci sono i 'dialoghi' in duo batteria + strumenti,.- 

 

Molto bello il finale con un breve solo di batteria che 'riprende' brevemente il ''Blue March''  e poi  tutto il gruppo finisce con il tema,.-

-  ,,  ,,  -

 

 

 


  • 0

#44 vit vit

vit vit

    Groupie

  • Members
  • StellettaStellettaStelletta
  • 125 Messaggi:

Inviato 23 settembre 2020 - 23:49

Ciao Fábio, sicuramente si sente tanto Roy Haynes nel giovane Williams,che tra l'altro è fra i miei preferiti per la sua capacità di suonare con pochi pattern fissi e ripetitivi
  • 0

#45 fabiodrummy

fabiodrummy

    pivello

  • Members
  • Stelletta
  • 43 Messaggi:

Inviato 24 settembre 2020 - 22:31

Grazie ,Grazie  caro Vitt ,Vitt , per il tuo commento sul ,drumming di Tony Williams che  ''contiene'' un po' di..:Roy Haynes.

Vorrei soltanto aprire una breve parentesi su..: Roy Haynes,,.

 

-Kenny Clarke è il ''padre del Be-bop.,!!. Introduce una nuova indipendenza tra mani e piedi e rinnova/adegua l' uso dei piatti per l' accompagnamento,,-

 

-Max Roach e Art Blakey ..portano.. un po' più avanti questa indipendenza come pure i piatti nel' Hard-Bop..-

 

-Elvin Jones ..ancora più avanti con la 'poliritmia' di piatti e tamburi che consentirà al Quartetto di..: John Coltrane di suonare nel modo che sappiamo,,-

 

-Roy Haynes , è un ,,Hard-Bopper,, come Roach e Blakey., ma si modernizza, ed il suo 'drumming'  si ''distanzia'' dai ,due,!!(Roach-Blakey) tant ' è che sostituisce spesso..: Elvin Jones,. Troveremo poi Roy Haynes suonare con le ''nuove-generazioni'' del Jazz come…: Chick Corea ,,Trio Music  ,,Gary Burton ,,Pat Metheny .,vincendo anche  'premi discografici'.. Come abbiamo detto influenzerà sia Tony Williams, ed  anche l' emergente..,: Jack De Johnette..!!,,-

 

- ,, ,, -    

-


  • 0

#46 vit vit

vit vit

    Groupie

  • Members
  • StellettaStellettaStelletta
  • 125 Messaggi:

Inviato 25 settembre 2020 - 20:45

Concordo al 100% quello che mi piace inoltre di Haynes sono i giochi di "colore" e certi passaggi inusuali.
Amo tantissimo anche Roach,che però ha un vocabolario un po' più ristretto rispetto a Roy

https://youtu.be/TYsg-LaLd8E
  • 0




0 utente(i) stanno leggendo questa discussione

0 utenti, 0 ospiti, 0 utenti anonimi

IPB Skin By Virteq