Vai al contenuto


Foto
* * * * * 2 Voti

Suspiria (Guadagnino, 2018)


  • Please log in to reply
200 replies to this topic

#101 Harry Caul

Harry Caul

    se ci dice bene finiamo nella merda

  • Members
  • StellettaStellettaStellettaStellettaStellettaStellettaStelletta
  • 7135 Messaggi:

Inviato 11 gennaio 2019 - 21:30

Io da destra no dai, magari il contrario asd


Di sicuro il contrario, però dai due post sembrava veramente piersa quello de sinistra, comincio a preoccuparmi asd
Cinematograficamente parlando sono assolutamente agnostico però.
Ormai anche nella vita, quasi inavvertitamente ho smesso di coltivare quell'edificante senso della responsabilità e della tragedia necessari per appassionarsi di politica.
  • 0

#102 Twin アメ

Twin アメ

    pendolare pre post attilio lombardo

  • Members
  • StellettaStellettaStellettaStellettaStellettaStellettaStelletta
  • 9617 Messaggi:
  • Location1991

Inviato 11 gennaio 2019 - 21:34

 

 

Io da destra no dai, magari il contrario asd

 
Di sicuro il contrario, però dai due post sembrava veramente piersa quello de sinistra, comincio a preoccuparmi asd

Cinematograficamente parlando sono assolutamente agnostico però.
Ormai anche nella vita, quasi inavvertitamente ho smesso di coltivare quell'edificante senso della responsabilità e della tragedia necessario per appassionarsi di politica.

 

 

No, dai. Tu, Ravel e Stephen siete gli unici baluardi contro il liberismo illuminato di questi lidi asd


  • 1

“Era un animale difficile da decifrare, il gigante di Makarska, con quella faccia da serial killer e i piedi in grado di inventare un calcio troppo tecnico per essere stato partorito da un corpo così arrogante." (Marco Gaetani  - UU)

 


#103 Monzaemon

Monzaemon

    mainstream Star

  • Members
  • StellettaStellettaStellettaStellettaStelletta
  • 2786 Messaggi:

Inviato 13 gennaio 2019 - 00:14

Buon intrattenimento alla fine! Solo due cose non mi son piaciute: 

 

- il collegamento forzoso con la RAF: perchè? si sentiva il bisogno? Le streghe fin da principio rappresentano una forza spirituale/ soprannaturale assoluta, qualcosa che van ben oltre al terrorismo da strada. Se io vado fare un film su un mahasiddha ambientato negli anni 70' mica ci butto dentro un collegamento con qualche stronzo pakistano che si fa esplodicchiare. Il distacco naturale/sovrannaturale in questi casi mi sembra evidente.

 

- la scena della sabba finale con l'evocazione della morte e della conseguente strage, più che kitsch mi è sembrato fin troppo da videogioco. Forse si poteva fare qualcosa in più con degli effetti più azzeccati. 

 

Poi ripeto, il film è durato parecchio ma personalmente non mi è pesato, a livello psicologico non lo sopravaluterei però, mi sembra una buona continuazione cinematografica della serie Streghe anche se l'ambientazione di quest'ultima resta superiore. 

 

streghe-3-maxw-654.jpg


  • 3

#104 xone89

xone89

    mainstream Star

  • Members
  • StellettaStellettaStellettaStellettaStelletta
  • 1115 Messaggi:

Inviato 14 gennaio 2019 - 15:52

Innanzitutto ho trovato stupefacente il lavoro di aderenza fotografico-estetico, magari era la sala in cui ero ad amplificare l'effetto, non so, ma raramente mi è capitato di vedere un qualcosa che, non l'avessi saputo, avrei forse potuto veramente scambiare per un opera restaurata direttamente da quegli anni, e mi riferisco tanto all'uso dei colori quanto alla morbidezza dell'immagine. Detto ciò, e restando sempre nei dintorni del visibile, debbo dire che il film l'ho ricevuto proprio in tal senso, trattasi di magma filmico fortemente estetizzante - seppur, cosa bella questa, dal taglio formalmente austero e pertanto di segno opposto rispetto all'originale - e dalla smaccata fisicità (in questo vi è un evidente fil rouge col suo predecessore), financo quasi tattile in alcuni punti, un opera fatta di corpi, corpi che seducono (almeno io da buon maiale, ho trovato sottilmente [ma neanche tanto] erotici i momenti in cui la Johnson si esercita), ma che al contempo inquietano, si contorcono, scricchiolano, esondano, per un film che vive di pulsioni, sensazioni, rumori (bell'utilizzo del suono) piccoli dettagli e che può contare almeno di 2/3 momenti da mandare a memoria...Dunque, da questo punto di vista mi ha pienamente soddisfatto e già solo per questo a parer mio merita la visione, inoltre, dico ciò che hanno già detto tutti ma che è impossibile omettere, cioè che va dato atto a Guadagino di aver davvero cacciato fuori un qualcosa di personale e che è letteralmente un altra cosa (che poi era del resto l'unica opzione possibile), e questo nonostante a visione compiuta ritengo plausibile l'aver mantenuto il nome originale, poi certo, la questione di opportunità resta aperta e capisco anche gli oltranzisti, ma tant'è...Dove ahimè arrivano le note dolenti è sul versante sceneggiatura e giù di lì, ora sicuramente le condizioni precarie in cui l'ho dovuto guardare avranno influito, ma al netto - come detto - del merito oggettivo di aver cavato fuori da un materiale di partenza che era puro lavoro teorico sull'immagine e sulla messa in scena una propria cifra anche dialettica, mi duole dire che su questo versante il tutto m'è risultato confusionario, traballante, forzosamente autoriale e con alcuni momenti in cui letteralmente si schianta.
Colpa mia sicuramente, ma si è trattato del classico esempio, in cui a partire circa dai 2/3 della durata mi si è stampato in fronte un bel "WTF?" (purtroppo non nella percezione "lynchiana" del termine) che non mi ha più abbandonato fino ai titoli di coda ed oltre, vuoi per la quantità di temi e spunti buttati nel calderone, vuoi per come vengono dispiegati in un film dalla durata peraltro considerevole.
Si potrebbe poi anche discutere di quella macro-sequenza sul pre-finale che personalmente me l'ha abbastanza affossato anche dal punto di vista della tensione, con punte di kitsch che francamente ho trovato davvero fuori luogo (ad esempio la vecchia megera con gli occhiali che m'è parsa un oggetto uscito fuori tempo massimo dal Society di Yuzna), seppure anche lì ci siano alcune soluzioni estetiche (anche in omaggio allo stesso Argento credo) e di regia decisamente notevoli...
Insomma, tirando le fila m'è parsa una scommessa vinta dal punto di vista del coraggio (o anche follia in un certo senso) e dell'idea di messa in scena, debole e irrisolta nella sostanza in sè (con le dovute enormi differenze, un pò l'impressione che mi fece il BR:2049) , comunque certamente da rivedere almeno un altra volta a distaza di tempo dopo averci pensato un pò su e in condizioni migliori.


  • 0

#105 paloz

paloz

    Poo-tee-weet?

  • Redattore OndaRock
  • StellettaStellettaStellettaStellettaStellettaStellettaStellettaStellettaStelletta
  • 23622 Messaggi:

Inviato 15 gennaio 2019 - 10:31

Se vi serve per statistica - sintetizzando e senza sbilanciarmi troppo - a me non è piaciuto.  :ciao:


  • 0

esoteros

 

I have spoken softly, gone my ways softly, all my days, as behoves one who has nothing to say, nowhere to go, and so nothing to gain by being seen or heard.

 

(Samuel Beckett, Malone Dies)


#106 kristofferson

kristofferson

    Giù la testa, coglioni

  • Members
  • StellettaStellettaStellettaStelletta
  • 839 Messaggi:

Inviato 17 gennaio 2019 - 11:32

Per me il 'remake eretico' ci può anche stare.
Quella di Argento è una fiaba gotica elegante e stilosa, Guadagnino ne fa uno pseudo-dramma storico cupo e realistico.
Argento 'dipinge' le inquadrature con una tavolozza in technicolor fino ad allora senza eguali, Guadagnino appiattisce tutto con toni tetri e plumbei.
Argento va di sottrazione sfrondando i dialoghi e lasciando parlare il mix immagini-musica con risultati di grande potenza visuale, Guadagnino fa il contrario riempiendo il film di chiacchiericcio e delle lagne di Thom Yorke.
E fin qui tutto ok, il suo remake mi fa due balle come angurie però accetto la scelta stilistica.
Quello che non ci sta proprio sono le scene horror, che sono tutte invariabilmente ridicole.
Cioè, vogliamo parlare di Helena Markos in versione Jabba-the-hutt con gli occhiali da sole?  :facepalm: 
Concordo con quanto ha scritto Roy Menarini su FilmTv:
un remake dalle ambizioni imperscrutabili, debitore dei fashion film che il cineasta frequenta con dubbi risultati, dove la maniacale cura dei dettagli non compone mai un puzzle culturalmente rilevante e persino il “viscontismo” dei primi film è svanito. Ma fosse solo un luna park per intellettuali, sarebbe uno dei tanti. Il peggio è la cornice storica, dove la ferita del terrorismo tedesco e una complicata storia sulla Shoah si intrecciano irresponsabilmente con la vicenda stregonesca 


  • 1

#107 Bustrofedico

Bustrofedico

    Schiavo Dell'Hype

  • Members
  • Stelletta
  • 42 Messaggi:

Inviato 17 gennaio 2019 - 23:48

rivisto in versione originale sottotitolata:
capolavoro


Quanto influisce il multilinguismo? Era una delle cose che mi sono più piaciute di Call Me my Your Name, ma questo l'ho visto doppiato
  • 0

#108 solaris

solaris

    Simmetriade.

  • Members
  • StellettaStellettaStellettaStellettaStellettaStellettaStelletta
  • 6261 Messaggi:

Inviato 17 gennaio 2019 - 23:50

Roy Menarini su FilmTv:
un remake dalle ambizioni imperscrutabili, debitore dei fashion film che il cineasta frequenta con dubbi risultati, dove la maniacale cura dei dettagli non compone mai un puzzle culturalmente rilevante e persino il “viscontismo” dei primi film è svanito. Ma fosse solo un luna park per intellettuali, sarebbe uno dei tanti. Il peggio è la cornice storica, dove la ferita del terrorismo tedesco e una complicata storia sulla Shoah si intrecciano irresponsabilmente con la vicenda stregonesca 


A me è piaciuto come s'è evinto finora, ma questa critica tocca cose vere, o perlomeno io ho avuto i medesimi dubbi e impressioni di leggerezza eccessiva sui collegamenti storici accennati.


  • 0

#109 Giuseppe Bergman

Giuseppe Bergman

    Masturbatore

  • Members
  • StellettaStellettaStelletta
  • 454 Messaggi:

Inviato 19 gennaio 2019 - 02:47

Per me il 'remake eretico' ci può anche stare.
Quella di Argento è una fiaba gotica elegante e stilosa, Guadagnino ne fa uno pseudo-dramma storico cupo e realistico.
Argento 'dipinge' le inquadrature con una tavolozza in technicolor fino ad allora senza eguali, Guadagnino appiattisce tutto con toni tetri e plumbei.
Argento va di sottrazione sfrondando i dialoghi e lasciando parlare il mix immagini-musica con risultati di grande potenza visuale, Guadagnino fa il contrario riempiendo il film di chiacchiericcio e delle lagne di Thom Yorke.
E fin qui tutto ok, il suo remake mi fa due balle come angurie però accetto la scelta stilistica.
Quello che non ci sta proprio sono le scene horror, che sono tutte invariabilmente ridicole.
Cioè, vogliamo parlare di Helena Markos in versione Jabba-the-hutt con gli occhiali da sole?  :facepalm: 
Concordo con quanto ha scritto Roy Menarini su FilmTv:
un remake dalle ambizioni imperscrutabili, debitore dei fashion film che il cineasta frequenta con dubbi risultati, dove la maniacale cura dei dettagli non compone mai un puzzle culturalmente rilevante e persino il “viscontismo” dei primi film è svanito. Ma fosse solo un luna park per intellettuali, sarebbe uno dei tanti. Il peggio è la cornice storica, dove la ferita del terrorismo tedesco e una complicata storia sulla Shoah si intrecciano irresponsabilmente con la vicenda stregonesca 

 

Si vabe, ma anche l'originale, vada certamente per il valore storico, non è che sia chissà quale opera di raffinatezza. Bello però fondamentalmente è un B-movie stiloso.


  • 0

" Chi lo sa veramente? Chi può qui dichiarare

da dove è stata prodotta, da dove viene la creazione?

Dalla creazione di questo universo gli Dei vennero successivamente:
chi allora sa da dove ciò è sorto? "


#110 dick laurent

dick laurent

    ...

  • Members
  • StellettaStellettaStellettaStellettaStellettaStellettaStellettaStelletta
  • 12336 Messaggi:

Inviato 24 gennaio 2019 - 20:35

Ero partito prevenutissimo, ma invece mi è piaciuto. Al netto delle critiche che ho letto qui sull'averci voluto inserire una chiave politica che anche a me risulta confusa (o forse non l'ho capita) e di cui il film poteva forse fare a meno, è girato molto bene, non annoia nonostante la lunghezza e fa l'unica cosa sensata che può fare un remake, e cioè prendere ispirazione e fare un film diverso. La critica di Dario Argento sul fatto che non faccia paura mi sembra un po' una cavolata, visto che  manco l'originale ne faceva granchè, inoltre con questo metro un sacco di filmetti sarebbero meglio di tanti grandi horror non particolarmente spaventosi.

Non so se la scena clou del film mi abbia totalmente convinto, uno strana via di mezzo tra le affascinanti coreagrafie alla Eyes wide  shut e la splatterata stile Hostel di roth. Dopo due ore di film piuttosto stiloso (molto bella anche la scena del ballo) non mi aspettavo si virasse su una cosa del genere, tutto sommato anche un po' cafona. Che vabbè, ho capito che il cambio di registro è voluto, ma non sono sicuro sia stato gestito perfettamente (anche la madre suspiriorum/richard benson... vabbè). Ma finale per finale certamente meglio di quello davvero tirato via dell'originale.

 

Tilda Swinton enorme per davvero comunque.


  • 3

dai manichei che ti urlano o con noi o traditore libera nos domine


#111 bELLE ELLEish

bELLE ELLEish

    TOPAZIO

  • Members
  • StellettaStellettaStellettaStellettaStellettaStellettaStellettaStelletta
  • 10792 Messaggi:
  • Location...riverrun

Inviato 26 gennaio 2019 - 23:11

Io non partivo né pre- né post-venuto, ed è il primo Guadagnino che vedo.
In poche parole: meno bello e più interessante dell'originale.
In un po' più parole: questi film ed i generale moltissime opere ricche di simboli dipendono molto dalla disposizione del fruitore. Mi sono trovato più e più volte a riflettere e bearmi delle riflessioni istigate dal film, delle letture che dipendono ovviamente da ciò che ho fruito e letto in passato, mettendomi nella posizione dello zimbello di The Man. Finito il film però, anche sul piano simbolico mi pare che le cose non quadrino fino in fondo. Non succede praticamente mai e non baserei il giudizio su questo.
A livello visivo però mi aspettavo di più. Il tai qi violento che tortura Olga sembrava l'inizio di qualcosa di grande, ma poi nel complesso i movimenti non hanno compensato la delusione nelle luci e nei colori.
Non ho capito il riferimento al terrorismo e alla RAF (spero di non aver capito!), mentre la tensione fra forzature famigliari, religioni, delitti magici e delitti di guerra mi affascina sempre.
Non ho capito il multiruolo di Tilda e devo ancora vedere una donna che mi convinca nell'interpretare un uomo; non ho capito perché mi sono quasi commosso per la moglie del vecchio (nel vedere l'interprete, dico).
Il finale è una cafonata con qualche perla, ma non si può chiamare plot twist gratuito (gratuita mi è sembrata la scena finale sulla casetta sotto le rotaie <\3).
Comunque per ora mi vergogno a citare le "citazioni" che mi ha evocato.
Ah penso che anche varie brutture visive fossero citazioni, ma purtroppo tali restano.
Assai deludente CG Moretz.
Volevo dire un'altra cosa ma me la sono dimenticata perché era una bugia
  • 0

A proposito del Maurizio Costanzo show, a me l'ospitata del Joker al programma del personaggio di De Niro ha ricordato una di Aldo Busi, ma proprio uguale, compreso il balletto con cui si presenta al pubblico. Dubito che Phoenix si sia ispirato a quella, ma in certe parti, quando si mette a checcheggiare, la somiglianza era impressionante.

il primo maggiorenne che vedrò vestito da joker a carnevale, halloween o similia lo prendo per il culo di brutto
minimo un A STRONZOOOO, ANCORA STU JOKER? STRONZOOOO, vieni a casa mia che ho bisogno di una mano a sgomberare la mansarda, STRONZOOOO

There is a duality between thought and language reminiscent of that which I have described between dreaming and play

Man the sum of his climatic experiences Father said. Man the sum of what have you


#112 dick laurent

dick laurent

    ...

  • Members
  • StellettaStellettaStellettaStellettaStellettaStellettaStellettaStelletta
  • 12336 Messaggi:

Inviato 26 gennaio 2019 - 23:37

Non ho capito il multiruolo di Tilda e devo ancora vedere una donna che mi convinca nell'interpretare un uomo;

 

vabbè, immagino che il senso fosse semplicemente che avendo un'attrice di quel calibro Guadagnino l'abbia voluta mettere in mostra. Personalmente nella parte del dottore l'ho trovata estremamente convincente, nel senso che l'ho scoperto solo dopo che era lei e guardando il film mi sembrava un uomo in tutto e per tutto. Certo è che in quel caso non si sa bene se i meriti siano da attribuire più a lei o alle ore di trucco.

Come Madame Blanc invece eccezionale e basta. 

Come Markos non giudicabile francamente, sotto tutta quella roba (tra l'altro a proposito di citazioni, gli occhialini a me sono sembrati uguali a quelli del pianista cieco dell'originale).

Tra l'altro ero convinto fosse sempre lei a fare la parte di miss Griffith (quella che si suicida) e invece è un'altra attrice.

 

A parte questo, dopo aver visto Suspiria mi sono rivisto i tre film sulle madri di Argento. Anzi la terza madre l'ho visto per la prima volta e porca miseria, Dario Argento ha avuto un crollo che al confronto Fabris di Compagni di scuola ne esce bene. Gia Inferno è... decente ma decisamente peggio, ma La terza madre ma che merda immonda è, mamma mia.*

E il bello che Asia Argento protagonista di quella roba è riuscita pure a criticare Guadagnino.

 

 

*E a parte questo, ma che pippe sono ste tre madri,  le si uccide con una facilità assoluta 


  • 0

dai manichei che ti urlano o con noi o traditore libera nos domine


#113 bELLE ELLEish

bELLE ELLEish

    TOPAZIO

  • Members
  • StellettaStellettaStellettaStellettaStellettaStellettaStellettaStelletta
  • 10792 Messaggi:
  • Location...riverrun

Inviato 26 gennaio 2019 - 23:41

asd rido per la chiusura prima della nota asteriscata

Boh, io ho "capito" subito, veramente subito, che fosse una attrice ma ho dovuto leggere qua che era la Swinton. Ho pure avuto un momento di falsa illuminazione sulla trama legata all'evenuale transizione sessuale del doc ashd

Ah ecco che volevo dire, SPOILERINO, che ho pensato a Hereditary e non si può tenere in conto quello come capolavoro (di twist) e Suspiria ciofeca.
  • -1

A proposito del Maurizio Costanzo show, a me l'ospitata del Joker al programma del personaggio di De Niro ha ricordato una di Aldo Busi, ma proprio uguale, compreso il balletto con cui si presenta al pubblico. Dubito che Phoenix si sia ispirato a quella, ma in certe parti, quando si mette a checcheggiare, la somiglianza era impressionante.

il primo maggiorenne che vedrò vestito da joker a carnevale, halloween o similia lo prendo per il culo di brutto
minimo un A STRONZOOOO, ANCORA STU JOKER? STRONZOOOO, vieni a casa mia che ho bisogno di una mano a sgomberare la mansarda, STRONZOOOO

There is a duality between thought and language reminiscent of that which I have described between dreaming and play

Man the sum of his climatic experiences Father said. Man the sum of what have you


#114 cinemaniaco

cinemaniaco

    FЯEAK ON A LEASH

  • Members
  • StellettaStellettaStellettaStellettaStellettaStelletta
  • 3916 Messaggi:

Inviato 27 gennaio 2019 - 15:28

massima solidarietà a the man e kristofferson che hanno resistito 2 ore e mezza a questo strazio. dopo 20 incomprensibili minuti avevo già le convulsioni

2019 demmerda
  • 1

#115 dick laurent

dick laurent

    ...

  • Members
  • StellettaStellettaStellettaStellettaStellettaStellettaStellettaStelletta
  • 12336 Messaggi:

Inviato 27 gennaio 2019 - 16:05

massima solidarietà a the man e kristofferson che hanno resistito 2 ore e mezza a questo strazio. dopo 20 incomprensibili minuti avevo già le convulsioni

2019 demmerda

 

che esagerato, ma almeno hai finito di vederlo?


  • 0

dai manichei che ti urlano o con noi o traditore libera nos domine


#116 cinemaniaco

cinemaniaco

    FЯEAK ON A LEASH

  • Members
  • StellettaStellettaStellettaStellettaStellettaStelletta
  • 3916 Messaggi:

Inviato 27 gennaio 2019 - 16:14

che esagerato, ma almeno hai finito di vederlo?


ma figurati
  • 1

#117 Harry Caul

Harry Caul

    se ci dice bene finiamo nella merda

  • Members
  • StellettaStellettaStellettaStellettaStellettaStellettaStelletta
  • 7135 Messaggi:

Inviato 30 gennaio 2019 - 15:05

massima solidarietà a the man e kristofferson che hanno resistito 2 ore e mezza a questo strazio. dopo 20 incomprensibili minuti avevo già le convulsioni

2019 demmerda

 

asd


 

che esagerato, ma almeno hai finito di vederlo?


ma figurati

 

 

Peccato, ti sei perso un finale memorabile, anche se ovviamente non in senso buono.


  • 0

#118 solaris

solaris

    Simmetriade.

  • Members
  • StellettaStellettaStellettaStellettaStellettaStellettaStelletta
  • 6261 Messaggi:

Inviato 30 gennaio 2019 - 15:15

brao elle

dick no, non penso affatto che sia casuale. Lo fa lei perché il film doveva essere tutto al femminile nei ruoli chiave (e altro)

al finale finale (<3) guadagnone ci crede tanto.
  • 0

#119 pooneil

pooneil

    Classic Rocker

  • Members
  • StellettaStellettaStellettaStellettaStellettaStelletta
  • 5672 Messaggi:

Inviato 30 gennaio 2019 - 16:50

cine ti sei perso la mega orgia lesbo allora


  • 0

#120 cinemaniaco

cinemaniaco

    FЯEAK ON A LEASH

  • Members
  • StellettaStellettaStellettaStellettaStellettaStelletta
  • 3916 Messaggi:

Inviato 30 gennaio 2019 - 17:01

cine ti sei perso la mega orgia lesbo allora


fake news
  • 0




0 utente(i) stanno leggendo questa discussione

0 utenti, 0 ospiti, 0 utenti anonimi

IPB Skin By Virteq