Vai al contenuto


Foto
- - - - -

Troye Sivan - Bloom (2018)


  • Please log in to reply
19 replies to this topic

#1 Seattle Sound

Seattle Sound

    Non sono pigro,è che non me ne frega un cazzo.

  • Members
  • StellettaStellettaStellettaStellettaStellettaStellettaStellettaStellettaStelletta
  • 36290 Messaggi:
  • LocationTiny little green

Inviato 06 ottobre 2018 - 13:56

troye_sivan_1537073329.jpg

 

 

Premettendo che probabilmente non sono il più indicato per parlare di un disco di un ex youtuber diventato icona musicale lgbt che assomiglia ad un Unison prima di aver scoperto il mondo BDSM (floods,damy dove siete!?) ma proviamoci lo stesso perchè questo bloom è un gran bel dischetto tra pop mainstream e ricercatezza più indie. Prima di tutto ci sono le canzoni scritte bene con i ritornelli giusti ecc.. affiancante ad arrangiamenti ora acustici ora electro che si intrecciano rendono sempre vario l'ascolto. Altro punto a favore l'atmosfera scazzo post sbornia. Testi dove si celebra la libertà individuale e sessuale che sono sempre ben graditi.

 

bombazze per l'abballo: 

 

-Bloom 

- Dance to this 

- Plum

 

 

bombazze rimaniamo abbracciati tutta la notte e sarà bellissimo lo stesso: 

 

- The Good Side 

- Postcard

- Animal 

 

 

Cuccatevi la rece di gozzy 

 

http://www.ondarock....sivan-bloom.htm


  • 6

Alfonso Signorini: "Hai mai aperto una cozza?"
Emanuele Filiberto: "Sì, guarda, tante. Ma tante..."
(La Notte degli Chef, Canale 5)

 

"simpatico comunque eh" (Fily, Forum Ondarock)

 

"passere lynchane che finiscono scopate dai rammstein"

"Io ho sofferto moltissimo per questo tipo di dipendenza e credo di poterlo aiutare. Se qualcuno lo conosce e sente questo appello mi faccia fare una telefonata da lui, io posso aiutarlo"
(Rocco Siffredi, videomessaggio sul web)


"Ah, dei campi da tennis. Come diceva Battiato nella sua canzone La Cura"


#2 floods

floods

    l'utente main$tream

  • Redattore OndaRock
  • StellettaStellettaStellettaStellettaStellettaStellettaStellettaStelletta
  • 15534 Messaggi:

Inviato 06 ottobre 2018 - 14:06

assomiglia ad un Unison prima di aver scoperto il mondo BDSM

 

Eh!? Seattle quando mi chiami in causa parlami come se ti rivolgessi a un sessantenne che non sa cosa sia un tablet asd

 

Venendo a Bloom, davvero un bel disco... delicato, equilibrato e molto melodioso. E soprattutto elegante, ha raggiunto quello i One Republic su coordinate simili non riescono a fare.


  • 1
RYM enafffffffiiiiooooooooolllll

#3 floods

floods

    l'utente main$tream

  • Redattore OndaRock
  • StellettaStellettaStellettaStellettaStellettaStellettaStellettaStelletta
  • 15534 Messaggi:

Inviato 06 ottobre 2018 - 18:32

Ahhhhhhhhhhhhhhhhhhhhhhhhhhhh dio mio l'ho capita adesso, quanto sono rincoglionito... l'utente Unison! :facepalm: :facepalm: :facepalm: :facepalm: :facepalm:


  • 1
RYM enafffffffiiiiooooooooolllll

#4 Damy

Damy

    pophead

  • Redattore OndaRock
  • StellettaStellettaStellettaStellettaStellettaStellettaStellettaStelletta
  • 10926 Messaggi:

Inviato 08 ottobre 2018 - 17:00

E' davvero un disco piacevole, scritto con la dovuta ispirazione e messo in piedi con buon gusto. Dal punto di vista produttivo ci sono qua e là un paio di momenti un po' "generici" tipici di questa nuova generazione di ascoltatori streaming che viaggia per playlist e algoritmi, ma nel complesso aleggia un'atmosfera personale e delicatamente indie, abbastanza inedita per un album del genere - il che penso sia proprio da attribuire a Sivan, visto che tra le co-firme figurano quasi tutti i ghostwriter più gettonati del giro di Max Martin (gente insomma tanto formalmente brava quanto emotivamente dozzinale).

 

Good Side rimane il mio pezzo preferito proprio per la scrittura, ma anche i suoni sono altra roba (c'è pure la manina di Jam City, uno che di solito lavora con Kelela). Stessa cosa dicasi per Animal, che in bocca ad altri avrebbe un andazzo epico insostenibile, invece Sivan lo rende intimo e toccante.


  • 0
OR

#5 signora di una certa

signora di una certa

    old signorona

  • Members
  • StellettaStellettaStellettaStellettaStellettaStellettaStellettaStelletta
  • 18187 Messaggi:

Inviato 18 ottobre 2018 - 15:38

6.5
  • 0

In realtà secondo me John Lurie non aveva tante cose da dire... ma molto belle


#6 Bara dei pupi

Bara dei pupi

    Pietra MIliare

  • Members
  • StellettaStellettaStellettaStellettaStellettaStellettaStellettaStellettaStelletta
  • 81466 Messaggi:

Inviato 18 ottobre 2018 - 15:38

sigRa lo calcoli senza nome maschilista


  • 0

#7 signora di una certa

signora di una certa

    old signorona

  • Members
  • StellettaStellettaStellettaStellettaStellettaStellettaStellettaStelletta
  • 18187 Messaggi:

Inviato 18 ottobre 2018 - 15:41

Sciocco
  • 0

In realtà secondo me John Lurie non aveva tante cose da dire... ma molto belle


#8 username

username

    gender fluid

  • Members
  • StellettaStellettaStellettaStellettaStellettaStelletta
  • 5693 Messaggi:
  • LocationLocation

Inviato 18 ottobre 2018 - 15:42

5.5


  • 0

La tua firma può contenere:

  • • Fino a 1 immagini
  • • Immagini fino a 350 x 150 pixels
  • • Qualsiasi numero di URLs
  • • Fino a 12 linee

#9 signora di una certa

signora di una certa

    old signorona

  • Members
  • StellettaStellettaStellettaStellettaStellettaStellettaStellettaStelletta
  • 18187 Messaggi:

Inviato 18 ottobre 2018 - 15:43

Boh, mi sembra un justin bieber qualsiasi
  • -5

In realtà secondo me John Lurie non aveva tante cose da dire... ma molto belle


#10 floods

floods

    l'utente main$tream

  • Redattore OndaRock
  • StellettaStellettaStellettaStellettaStellettaStellettaStellettaStelletta
  • 15534 Messaggi:

Inviato 18 ottobre 2018 - 16:10

Dai è un Justin Bieber un po' più elegante e colto asd


  • 0
RYM enafffffffiiiiooooooooolllll

#11 Feynman

Feynman

    Homeless

  • Members
  • StellettaStellettaStellettaStellettaStelletta
  • 1977 Messaggi:
  • LocationBrissie

Inviato 19 ottobre 2018 - 08:10

Mi viene naturale paragonarlo a Communion degli years and years e onestamente mi sembra non bellissimo al confronto...

Non e' un brutto disco in realta', mi piaciucchia ma mi non sembra originalissimo...


  • 0
Without examples, without models, I began to believe voices in my head – that I was a freak, that I am broken, that there is something wrong with me, that I will never be lovable… Years later I find the courage to admit that I am transgender and this doesn’t mean that I am unlovable… So that this world that we imagine in this room might be used to gain access to other rooms, to other worlds previously unimaginable.”

#12 Scripti Politti

Scripti Politti

    サカナクション

  • Members
  • StellettaStellettaStellettaStellettaStelletta
  • 2499 Messaggi:

Inviato 20 ottobre 2018 - 02:54

Justin Bieber. Ok.
  • 0

#13 Trespy Sledge

Trespy Sledge

    Strawberry Switchblade

  • Members
  • StellettaStellettaStellettaStellettaStellettaStellettaStellettaStelletta
  • 15773 Messaggi:

Inviato 20 ottobre 2018 - 08:48

Mi viene naturale paragonarlo a Communion degli years and years e onestamente mi sembra non bellissimo al confronto...
Non e' un brutto disco in realta', mi piaciucchia ma mi non sembra originalissimo...


Forse solo per la vocalità (ma non in tutte le tracce, solamente alcune). E direi che, se proprio dobbiamo paragonarli, direi più gli ultimi Years & Years, non quelli di "Communion" (che erano più danzerecci, secondo me).

Al di là di tutto, comunque, non capisco perché Troye sia (stato) così poco passato dalle radio italiane. Sicuramente non è mainstream al 100%, la sua componente indie è marcata, però certe canzoni hanno melodie e ritornelli che avrebbero potuto far breccia in radio anche qua d noi.
Immagino dietro ci siano logiche di mercato o scelte di marketing che io non capisco.
(Sì lo so che i passaggi in radio ormai non sono più termometro del successo o dell'importanza di un artista, solo che alcuni suoi brani li trovo radiofonici più di altra roba che passa).
  • 0

#14 Feynman

Feynman

    Homeless

  • Members
  • StellettaStellettaStellettaStellettaStelletta
  • 1977 Messaggi:
  • LocationBrissie

Inviato 20 ottobre 2018 - 09:05

Se questo disco e' indie non so piu' cosa sia il mainstream....


  • -1
Without examples, without models, I began to believe voices in my head – that I was a freak, that I am broken, that there is something wrong with me, that I will never be lovable… Years later I find the courage to admit that I am transgender and this doesn’t mean that I am unlovable… So that this world that we imagine in this room might be used to gain access to other rooms, to other worlds previously unimaginable.”

#15 mr_tankian

mr_tankian

    Prossimamente nuovo avatar

  • Members
  • StellettaStellettaStellettaStellettaStellettaStelletta
  • 3173 Messaggi:

Inviato 20 ottobre 2018 - 09:20

Sinceramente il paragone Troye Sivan-Justin Bieber mi sembra improvvido come pochi. Non ho ancora ascoltato l'album per intero e spero di farlo al più presto, data l'incredibile bellezza dei 4 pezzi caricati su Youtube in anteprima (My My My!, The Good Side, Dance to This e Bloom). A mio avviso sono tutti brani che colpiscono per la loro dolcezza (e ce n'è dannatamente bisogno in una scena musicale come quella attuale, dove su Youtube dominano quasi solo canzoni insulse con videoclip volgari pieni zeppi di donnacce), per la loro personalità e per il fatto che riescono a spaziare tra svariati stili:

r n' b nel caso di My My My!

folk nel caso di The Good Side

dream-pop ---> Dance to This (il pezzo con Ariana Grande)

glam ---> Bloom.

 

Voglio dire, ho ascoltato svariate volte i suddetti brani e manco per l'anticamera del cervello mi è venuto in mente il biberon canadese. Il paragone con gli Years & Years di Communion già lo trovo più azzeccato (sebbene nelle canzoni di Sivan la componente ballabile sia decisamente meno accentuata rispetto al terzetto britannico),  visto che tra le canzoni dei 2 artisti c'è sicuramente in comune quel candore, quelle melodie che vanno dritte al cuore e soprattutto il fatto di utilizzare la propria omosessualità come parte integrante della propria musica.

 

Quando Justin Bieber sarà in grado di fare una canzone così, fatemi un fischio!

 


  • 1

 


#16 LukakuFakeTroll

LukakuFakeTroll

    TOPAZIO

  • Members
  • StellettaStellettaStellettaStellettaStellettaStellettaStellettaStelletta
  • 10726 Messaggi:
  • Location...riverrun

Inviato 20 ottobre 2018 - 09:41

Sì però basta menare la signora per 'sto paragone e rintuzzare nel sacrilegio, finisce che oltre a difendere la signy mi tocca difendere anche la musica di Justin Bieber, che da solo è un pupazzo e non vede Sivan manco col binocolo (probabilmente proprio a livello intellettuale&intellettivo), ma ben accompagnato ha cantato pure buoni pezzi.

È tardi per essere snob (era 2 o 3 anni fa che regalavo a mia sorella Blue Neighborhood?)


  • -3

Stamani sono stato al fucking gazebo della Lega.

ma secondo te ti credo?


There is a duality between thought and language reminiscent of that which I have described between dreaming and play

Man the sum of his climatic experiences Father said. Man the sum of what have you

#17 signora di una certa

signora di una certa

    old signorona

  • Members
  • StellettaStellettaStellettaStellettaStellettaStellettaStellettaStelletta
  • 18187 Messaggi:

Inviato 20 ottobre 2018 - 10:04

Molto bello il video
  • -1

In realtà secondo me John Lurie non aveva tante cose da dire... ma molto belle


#18 floods

floods

    l'utente main$tream

  • Redattore OndaRock
  • StellettaStellettaStellettaStellettaStellettaStellettaStellettaStelletta
  • 15534 Messaggi:

Inviato 20 ottobre 2018 - 10:29

Molti dei nomi coinvolti nella produzione e nel songwriting di questo album fanno parte della cricca americano/svedse di Max Martin, ovvero il 90% del mainstream odierno, è quindi normale che a un orecchio poco allenato verso il genere in questione saltino subito in mente più le similitudini che le differenze. Echi di Justin Biber e, soprattutto, degli ultimi One Direction ci sono innegabilmente a livello di sound (soprattutto in Seventeen, Plum, Lucky Strikes e nel primo singolo) e non potrebbe essere altrimenti visto che il contesto in cui il disco è stato prodotto è quello.

Le differenze invece, non da poco, stanno nel songwriting molto più maturo ed elegante di Sivan, nella sua attitudine folk e nella delicatezza interpretativa che riescono a tenere a freno le pressioni dei nomi coinvolti e rimanere sospesi in un un limbo che non è più indie ma non è nemmeno così sfacciatamente mainstream (il che potrebbe tradursi in una specie di suicidio commerciale, ecco il perchè del basso riscontro radiofonico ottenuto un po' ovunque).

Gli Years And Years invece non li chiamerei in causa, per me restano un tipico prodotto made in UK.


  • 4
RYM enafffffffiiiiooooooooolllll

#19 Feynman

Feynman

    Homeless

  • Members
  • StellettaStellettaStellettaStellettaStelletta
  • 1977 Messaggi:
  • LocationBrissie

Inviato 21 ottobre 2018 - 03:43

Ma a qualcuno sembra super originale? A me sembra abbastanza gia' sentita come musica...

Fatto bene eh, forse e' il miglior disco mainstream dell'anno, pero' rispetto ad un Communion mi sembra meno particolare.


  • -1
Without examples, without models, I began to believe voices in my head – that I was a freak, that I am broken, that there is something wrong with me, that I will never be lovable… Years later I find the courage to admit that I am transgender and this doesn’t mean that I am unlovable… So that this world that we imagine in this room might be used to gain access to other rooms, to other worlds previously unimaginable.”

#20 Feynman

Feynman

    Homeless

  • Members
  • StellettaStellettaStellettaStellettaStelletta
  • 1977 Messaggi:
  • LocationBrissie

Inviato 23 ottobre 2018 - 06:23

Voila'

 

 

 

Sigur Rós’ Jónsi and Troye Sivan Drop New Song “Revelation”


  • 0
Without examples, without models, I began to believe voices in my head – that I was a freak, that I am broken, that there is something wrong with me, that I will never be lovable… Years later I find the courage to admit that I am transgender and this doesn’t mean that I am unlovable… So that this world that we imagine in this room might be used to gain access to other rooms, to other worlds previously unimaginable.”




0 utente(i) stanno leggendo questa discussione

0 utenti, 0 ospiti, 0 utenti anonimi

IPB Skin By Virteq