Vai al contenuto


Foto
- - - - -

Thelma (Trier, 2018)


  • Please log in to reply
4 replies to this topic

#1 Conato

Conato

    Roadie

  • Redattore OndaCinema
  • StellettaStellettaStellettaStelletta
  • 748 Messaggi:

Inviato 08 luglio 2018 - 15:54

Già accolto come opera di culto negli Stati Uniti (“Immaginate Carrie girato da Ingmar Bergman” ha scritto il New York Magazine) e osannato nei festival di tutto il mondo, Thelma è un thriller d’autore di grande impatto, che conferma Joachim Trier come uno dei maggiori registi scandinavi di oggi. Protagonista del film è Thelma, una timida ragazza di provincia cresciuta in una famiglia molto religiosa e appena arrivata a Oslo per frequentare l’università. Qui conosce Anja e presto l’amicizia tra le due si trasforma in un sentimento più profondo: proprio allora, però, Thelma scopre di avere dei poteri inquietanti e incontrollabili, legati a un terribile segreto del suo passato...

 

thelma_locandina.jpg

 

http://www.ondacinem...elma-trier.html


  • 0
Ogni uomo nella culla
succia e sbava il suo dito
ogni uomo seppellito
è il cane del suo nulla

#2 ucca

ucca

    CRM

  • Members
  • StellettaStellettaStellettaStellettaStellettaStellettaStellettaStelletta
  • 14927 Messaggi:
  • LocationRome

Inviato 09 luglio 2018 - 14:50

Mi è piaciuto, più del Sacro cervo devo dire. Simile nella freddezza della messa in scena. Molto brava lei, alcune scene (il papone in barca alla fine) molto belle.


  • 0

https://www.facebook...sychomusicband/

 

Mettere su un gruppo psichedelico a 40 anni.


#3 Tom

Tom

  • Members
  • StellettaStellettaStellettaStellettaStellettaStellettaStellettaStelletta
  • 12521 Messaggi:

Inviato 17 gennaio 2019 - 13:17

Piaciuto parecchio.
Non proprio un horror, anche se ne usa i segni e i suoni (questi ultimi anche troppo in certi punti - unico vero difetto), ne' un vero thriller, anche se inquieta parecchio. "Carrie diretto da Bergman" ho letto in giro, se proprio direi piu' un "Phenomena diretto da Bergman", ma in realta' la vera ispirazione mi sembra un certo horror da disagio sociale orientale. Inserito nel panorama scandinavo direi un "Lasciami entrare" con protagonisti degli universitari. Una favola nera che racconta di sesso, religione e crescita senza voler sembrare un manifesto politico sociale, ma un racconto sensibile a tratti anche toccante.

 

Non ho ancora visto 'sto bendetto Suspiria di Guadagnino, ma da quel che ne ho letto mi stupisce di non aver beccato da nessuna parte paragoni con questo film.


  • 1

#4 user <4

user <4

    Failed to set a new photo

  • Members
  • StellettaStellettaStellettaStellettaStellettaStelletta
  • 5125 Messaggi:
  • LocationLocation

Inviato 17 gennaio 2019 - 23:24

carino


  • 0

La tua firma può contenere:

  • • Fino a 1 immagini
  • • Immagini fino a 350 x 150 pixels
  • • Qualsiasi numero di URLs
  • • Fino a 12 linee

#5 tiresia

tiresia

    Sue Ellen

  • Members
  • StellettaStellettaStellettaStellettaStellettaStelletta
  • 4155 Messaggi:

Inviato 31 gennaio 2019 - 10:46

a me è piaciuto, bello stilisticamente, l' inquadratura iniziale e finale, il segmento in ospedale, ma anche tutto quanto riguarda i ricordi sulla morte del fratello sono bellissime e molto potenti.
Io però Carrie ce l'ho visto molto, un po' nelle dinamiche con gli amici, molto con la pressante oppressione del passato, molto nelle reazioni involontarie delle sue pulsioni.
Certo è un mondo diverso, è un gradiente diverso anche quella della formazione religiosa, ma questo film racconta davvero bene il tumulto emotivo dell'inizio della'età adulta, la rottura dei legami famigliari e la costruzione della propria identità autonoma, la solitudine e la paura che deriva dall'allontanarsi dalla protezione della famiglia.
  • 0




0 utente(i) stanno leggendo questa discussione

0 utenti, 0 ospiti, 0 utenti anonimi

IPB Skin By Virteq