Vai al contenuto


Foto
* * * * * 1 Voti

Registi Da Grandi/medie/piccole Speranze Dei Moribondi 10S


  • Please log in to reply
179 replies to this topic

#161 Pancakes

Pancakes

    Frankly, my dear, I don’t give a damn

  • Members
  • StellettaStellettaStellettaStellettaStelletta
  • 1883 Messaggi:
  • LocationWhere the Iron Crosses Grow

Inviato 14 marzo 2020 - 19:14

non credo di essere la persona adatta perché molti di questi film non li ho apprezzati o neanche li ho visti (i film di eggers)

se non ti piace - come mi pare di capire - l'horror "tradizionale", probabilmente ti piaceranno molti di questi

I miei horror preferiti sono The Wicker Man, In The Mouth of Madness, Witchfinder General e The Fly. In generale non amo i jumpscare, il gore non fumettoso e dettagliato [Midsommar no, Scanners si], i film con eliminazione stile grande fratello e quelli con minacce mostruose appena accennate visivamente per giustificare con il social commentary [spesso spicciolo] la mancanza di spettacolarità. Mi piacciono invece le atmosfere mistiche, pagane, sovrannaturali e oniriche.


  • 0

The core principle of freedom
Is the only notion to obey


#162 cinemaniaco

cinemaniaco

    FЯEAK ON A LEASH

  • Members
  • StellettaStellettaStellettaStellettaStellettaStelletta
  • 3916 Messaggi:

Inviato 15 marzo 2020 - 11:17

messa giù così ti consiglierei hereditary sempre di aster, secondo me veramente un grande film del filone demoniaco (il gore non è leggerino, però difficile trovare un horror "tranquillo") e kill list visto che ti piace the wicker man

prova anche le streghe di salem
  • 1

#163 kristofferson

kristofferson

    Giù la testa, coglioni

  • Members
  • StellettaStellettaStellettaStelletta
  • 854 Messaggi:

Inviato 16 marzo 2020 - 14:22

Hereditary è l'horror più sopravvalutato del nuovo millennio insieme a Get Out.


  • 1

#164 woody

woody

    mainstream Star

  • Members
  • StellettaStellettaStellettaStellettaStelletta
  • 2391 Messaggi:

Inviato 17 marzo 2020 - 16:58

Hereditary è l'horror più sopravvalutato del nuovo millennio insieme a Get Out.

Anche a me non aveva colpito troppo Hereditary, poi ho sentito Scorsese che ne parlava e mi è venuta voglia di rivederlo nell'ottica delle sue osservazioni


  • 0

#165 Tom

Tom

  • Members
  • StellettaStellettaStellettaStellettaStellettaStellettaStellettaStelletta
  • 14250 Messaggi:

Inviato 14 aprile 2020 - 13:40

image.jpg

 

The Mo Brothers
2018 May the Devil Take You (boh, non l'ho visto ma deve essere un horririno un po' del cazzo)

 
E invece no, vatti a fidare anche qui degli "esperti". Horroraccio col dimonio, efficace, simpatico e molto divertente, pur fatto evidentemente con mezzi limitatissimi. Dalle parti del Raimi di Evil Dead.
Due mesi fa in Indonesia e' anche uscito il sequel, che spero di riuscire a recuperare.


  • 0

#166 Tom

Tom

  • Members
  • StellettaStellettaStellettaStellettaStellettaStellettaStellettaStelletta
  • 14250 Messaggi:

Inviato 27 aprile 2020 - 12:34

4fb83907a8c4d12999e7732ea35d32d2.jpg

 

Oz Perkins

2015 February - L'innocenza del male (The Blackcoat's Daughter)
2016 Sono la bella creatura che vive in questa casa (I Am the Pretty Thing That Lives in the House)

2020 Gretel & Hansel

 

Figlio di tanto padre Anthony (e di Berry Berenson, sorella della barrylyndon-iana Marisa Berenson, morta su uno degli aerei dell'11 settembre) e fratello del non trascurabile cantautore Elvis. Con tre titoli si e' "imposto" come autore di horror gelidi, reticenti e iper-formali. Il tipo di film che possono essere considerati delle opere fascinosamente ipnotiche, quanto delle gran rotture di palle. Io chiaramente sposo la prima opzione. Il psyco-demoniaco "The Blackcoat's Daughter" e' il piu' de paura e cupo, il fantasmoso "I Am the Pretty..." il piu' minimale e d'atmosfera, mentre il recentissimo e streghesco "Gretel e Hansel" e' il piu' visionario, 'na specie di The VVitch sotto acido, con un trionfo del color grading per far contento Solaris. Sconsigliato a chi piacciono i finali dove tutto torna.  


  • 2

#167 gwoemul

gwoemul

    #2020VISION

  • Members
  • StellettaStellettaStellettaStelletta
  • 975 Messaggi:

Inviato 27 aprile 2020 - 14:46

opere fascinosamente ipnotiche, quanto delle gran rotture di palle

 

Ho visto solo The Blackcoat's Daughter e devo dire che il mio giudizio sul film è rimasto decisamente in bilico tra questi due poli asd. Nel dubbio recupererò gli altri


  • 0

#168 Pancakes

Pancakes

    Frankly, my dear, I don’t give a damn

  • Members
  • StellettaStellettaStellettaStellettaStelletta
  • 1883 Messaggi:
  • LocationWhere the Iron Crosses Grow

Inviato 10 maggio 2020 - 10:23

Difficlmente è veramente in topic vista l'età e i risultati, ma avendo fatto un solo film [al cinema; un altro per la tv] nei duemila e ben due nei 10's, si potrebbe menzionare Zach Braff

 

Garden State all'epoca fu un discreto caso di film "indie" mainstream, spacciato in italia come un puntatone di Scrubs fin dal titolo, di fatto molto diverso, nel bene e nel male, ma lo ricordo con piacere [e ricordo la visione con amici miei fan della serie ma ancora non avvezzi a quel cinema che ne uscirono parecchio annoiati e delusi asd ]

 

ZZ71DB48CE-550x550.jpg

 

 

going-in-style-2017-1-spry-film.png

 

Wish I Was Here [2014] vorrebbe continuare su quella strada, ma lo fa decisamente senza lo stesso smalto, troppo Sundance in senso negativo forse, nonostante sia percepibile lo stesso umanesimo, praticamente un Linklater dei poveri. Un pò meglio Going in Style [2017], heist movie coi senior citizens Caine - Freeman - Arkin [e un Christopher Lloyd in secondo piano].


  • 0

The core principle of freedom
Is the only notion to obey


#169 micrubo

micrubo

    utente a tratti

  • Members
  • StellettaStelletta
  • 76 Messaggi:

Inviato 10 maggio 2020 - 13:52

Oriol Paulo
 

Appartenente al filone del nuovo cinema spagnolo contemporaneo che tante soddisfazioni ci sta regalando negli ultimi anni, già sceneggiatore in Con gli occhi dell'assassino, debutta nel 2012 con il thriller (/horror?) El cuerpo, per poi rincarare la dose con Contratiempo (2016) e Durante la tormenta (2018).

Mi manca il terzo, i primi due sono degli ottimi thriller caratterizzati da un ritmo serrato e da una sceneggiatura machiavellica e molto curata che, volendo, trovare un difetto, presenta dei passaggi un po' tirati per i capelli

Entrambi sono accomunati da il continuo capovolgersi della verità dei fatti, da protagonisti maschili ambigui e da un colpo di scena finale che stravolge completamente la prospettiva dei fatti.

45119850_21619912.jpg

 

Contrattempo_%282016%29.jpg


 


  • 1

#170 corrigan

corrigan

    気持ち悪い

  • Members
  • StellettaStellettaStellettaStellettaStellettaStellettaStellettaStelletta
  • 10688 Messaggi:
  • LocationHK

Inviato 11 maggio 2020 - 09:22

 Contratiempo (2016) 

 

questo l'ho visto e' mi parse proprio robetta, confezione da tipico thriller Netflix messo in catalogo giusto per fare volume.


  • 0

I distrust orthodoxies, especially orthodoxies of dissent
「その時僕はミサト さんから逃げる事しかできなかった。 他には何もできない、 他も云えない… 子供なんだと ... 僕はわかった

 


#171 gwoemul

gwoemul

    #2020VISION

  • Members
  • StellettaStellettaStellettaStelletta
  • 975 Messaggi:

Inviato 11 maggio 2020 - 09:39

Sarò che ormai sopporto poco i film costruiti solo per il colpo di scena finale, ma anche a me Contratiempo aveva detto poco


  • 0

#172 micrubo

micrubo

    utente a tratti

  • Members
  • StellettaStelletta
  • 76 Messaggi:

Inviato 11 maggio 2020 - 11:17

Sarò che ormai sopporto poco i film costruiti solo per il colpo di scena finale, ma anche a me Contratiempo aveva detto poco

Di certo non stiamo parlando di capolavori, concordo sulla sceneggiatura un po' forzata in vista del colpo di scena (caratteristica condivisa con El cuerpo) e naturalmente si nota subito quell'alone patinato da "prodotto Netflix".
Potremmo definirlo un regista da grandi, medie, piccole speranze, mi pareva comunque interessante metterlo sulla mappa della generazione recente di registi spagnoli, assieme ai vari Arevalo e Rodriguez. Altri che meritano?


  • 1

#173 gwoemul

gwoemul

    #2020VISION

  • Members
  • StellettaStellettaStellettaStelletta
  • 975 Messaggi:

Inviato 11 maggio 2020 - 11:24

Beh, anche se ha fatto un solo film, potremmo aggiungere Galder Gaztelu-Urrutia. The Platform mi è piaciuto e non poco

 

El-Hoyo-2019-Galder-Gaztelu-Urrutia-Muni


  • 0

#174 gwoemul

gwoemul

    #2020VISION

  • Members
  • StellettaStellettaStellettaStelletta
  • 975 Messaggi:

Inviato 28 maggio 2020 - 10:25

Joel Potrykus
 
JoelPotrykus_2_03082018.jpg
 
Con quattro film all'attivo, sicuramente uno degli autori indie più interessanti degli ultimi anni. Le sue sono storie di loser senza speranza, allo stesso tempo raggelanti e esilaranti nella loro assurdità, che cannibalizzano un immaginario pop fatto di videogiochi e cinema horror (ma mai in maniera fastidiosa/paracula). L'ultima fatica - Relaxer - è il suo film più compiuto e radicale, con un bel frullato di generi e un'idea tutta personale di cinema che lo rende simile a niente di già visto.
 
Relaxer_023.jpg?bwg=1569595438
 
Ape (2012)
Buzzard (2014) ★★★☆
The Alchemist Cookbook (2016) ★★★☆
Relaxer (2018) ★★★★

  • 3

#175 pooneil

pooneil

    Classic Rocker

  • Members
  • StellettaStellettaStellettaStellettaStellettaStelletta
  • 5865 Messaggi:

Inviato 14 giugno 2020 - 11:19

Concordo con i voti qui sopra, anche se Buzzard mi piacque di più del film del 2016.

Due film in cui cambia l'ambientazione ma è costante il tema di persone che provano a vivere al di fuori delle regole della società ma vengono punite per l'incapacità nell'affrontarne le conseguenze quando si confrontano con cose più grandi di loro.

 

Relaxer poi capolavoro vero, in cui l'ambientazione si riduce ad una stanza ma rimanendo sempre molto cinematografico, insomma non sembra uno di quei filmacci che assomigliano più a una piece teatrale.

Ed alla staticità dell'ambientazione corrisponde la staticità del protagonista ma questo non preclude all'inventiva del regista di inanellare una serie di avvenimenti, presentati con efficacia e una grande cura delle interconnessioni fra gli stessi, uno più assurdo dell'altro, fino al finale che per la prima volta assomiglia ad un lieto fine, invertendo quindi le usuali traiettorie dei film precedenti.


  • 1

#176 gwoemul

gwoemul

    #2020VISION

  • Members
  • StellettaStellettaStellettaStelletta
  • 975 Messaggi:

Inviato 19 giugno 2020 - 10:45

 

Oz Perkins

...mentre il recentissimo e streghesco "Gretel e Hansel" e' il piu' visionario, 'na specie di The VVitch sotto acido, con un trionfo del color grading per far contento Solaris.

 

Non che ci sia molto da aggiungere a "The VVitch sotto acido", comunque molto bello visivamente e davvero notevole l'atmosfera di orrore controllato che si respira per tutto il film. Certo di The VVitch manca la chiusa perfetta, ma avercene...

 

gretel-hansel.png


  • 1

#177 pooneil

pooneil

    Classic Rocker

  • Members
  • StellettaStellettaStellettaStellettaStellettaStelletta
  • 5865 Messaggi:

Inviato 28 agosto 2020 - 12:18

Brady Corbet

The Childhood of a Leader (2015)

 

Attore che ha esordito con un magnifico film (nel cast Robert Pattinson) molto curato formalmente e con un piano sequenza finale da brividi.

 

COAL52_T_000012690032_Agatha-A.-Nitecka.

 

 

 

Dopo Vox Lux, ho visto anche l'esordio di Corbet e direi che condivido la rece (http://www.ondacinem...di-un-capo.html) ed il post qui sopra.

Film impressionante per l'impianto visivo e con colonna sonora di Scott Walker da urlo, ma forse poco interessante e coinvolgente al di là dell'aspetto formale, dato che non viene presentato uno sviluppo della personalità del protagonista ma solamente una (meccanicistica?) presa d'atto della situazione.


  • 0

#178 Pancakes

Pancakes

    Frankly, my dear, I don’t give a damn

  • Members
  • StellettaStellettaStellettaStellettaStelletta
  • 1883 Messaggi:
  • LocationWhere the Iron Crosses Grow

Inviato 31 dicembre 2020 - 12:20

Sul crinale col documentario direi Bart Layton

 

indiefilms-imposter-school-1920x1080.jpg

 

The Imposter [2012], il suo esordio, è forse quello con la storia più catchy, quella dell'impersonatore seriale Frédéric Bourdin, francese specializzatosi nel fingersi persone scomparse; nel caso seguito nel film, un ragazzino texano. Vicenda incredibile, ma come film in sè forse è il meno bello da vedere, perlopiù un documentario con interviste, immagini di repertorio e poche sequenze di finzione girate ex novo.

 

American-Animals.jpg

 

Con American Animals [2018] per me si supera; nonostante il fatto sia meno eclatante [una rapina "d'arte" andata male di un gruppo di teenager] la vicenda è raccontata con uno stile meno documentaristico, più affine invece a film come The Big Short o soprattutto Tonya, con i personaggi veri della storia che raccontano e a volte interagiscono con quelli "finti" [un buon quartetto di attori giovani, fra i quali un sempre bravo Blake Jenner] , mentre come toni e mood siamo spesso dalle parti di certi ritratti di gioventù viziata e sbagliata alla The Bling Ring e Project X. Un film su quanto certe scelte prese in assoluta leggerezza possano avere conseguenze devastanti e durature.


  • 1

The core principle of freedom
Is the only notion to obey


#179 Ganzfeld

Ganzfeld

    Scaricatore di porno

  • Members
  • StellettaStellettaStellettaStellettaStellettaStelletta
  • 5360 Messaggi:

Inviato 31 dicembre 2020 - 12:22

The Imposter [2012], il suo esordio, è forse quello con la storia più catchy, quella dell'impersonatore seriale Frédéric Bourdin, francese specializzatosi nel fingersi persone scomparse; nel caso seguito nel film, un ragazzino texano. Vicenda incredibile, ma come film in sè forse è il meno bello da vedere, perlopiù un documentario con interviste, immagini di repertorio e poche sequenze di finzione girate ex novo.

Bellissimo questo, una storia effettivamente oltre l'allucinante.


  • 0

Tuttavia nella mia vita non ho mai smesso di masturbarmi


#180 Papa Francesco

Papa Francesco

    pivello

  • Members
  • Stelletta
  • 42 Messaggi:

Inviato 06 gennaio 2021 - 22:13

Ottimo topic, mi era sfuggito. Non conosco quasi nessuno, un sacco di ottimi consigli.
  • 0




0 utente(i) stanno leggendo questa discussione

0 utenti, 0 ospiti, 0 utenti anonimi

IPB Skin By Virteq