Vai al contenuto


Foto
- - - - -

Dischi Del 2018: Parliamone


  • Please log in to reply
161 replies to this topic

#1 DEVo

DEVo

    mainstream Star

  • Members
  • StellettaStellettaStellettaStellettaStelletta
  • 1897 Messaggi:

Inviato 26 January 2018 - 17:53 PM

;)


  • 0

La società italiana nel suo frenetico dinamismo, spesso contorto, dà l'impressione, a volte, di mal sopportare una qualsiasi struttura che tenda ad ordinare, a garantire questo stesso dinamismo nel rispetto della libertà dei singoli ma anche nel rispetto delle libertà e del bene di tutti.

 

#2 good vibrations

good vibrations

    Utente in cerca di nuovi stampi per il rock

  • Members
  • StellettaStellettaStellettaStellettaStellettaStellettaStelletta
  • 7335 Messaggi:
  • LocationRoma

Inviato 26 January 2018 - 17:54 PM

Devo proprio?
  • 1
Immagine inserita

#3 AxolotLFT

AxolotLFT

    Non ci sono évolués italiani

  • Members
  • StellettaStellettaStellettaStellettaStellettaStellettaStelletta
  • 8023 Messaggi:
  • LocationNota a piè di pagina nel tuo tomo del cazzo

Inviato 26 January 2018 - 17:54 PM

>:(
  • 0

Stamani sono stato al fucking gazebo della Lega.

ma secondo te ti credo?


There is a duality between thought and language reminiscent of that which I have described between dreaming and play

#4 Duck

Duck

    Categnaccio

  • Members
  • StellettaStellettaStellettaStellettaStellettaStellettaStellettaStelletta
  • 18067 Messaggi:

Inviato 26 January 2018 - 19:58 PM

Hai aperto giusto in tempo, Devo. Sto ascoltando il mio primo disco del 2018 proprio adesso (Golden island dei Club 8)


  • 0

«Mister, possiamo lavorare sulle diagonali?», la richiesta di qualche giocatore. No, la risposta del tecnico. 

 

 


#5 pooneil

pooneil

    Classic Rocker

  • Members
  • StellettaStellettaStellettaStellettaStellettaStelletta
  • 4205 Messaggi:

Inviato 27 January 2018 - 08:21 AM

per ora ancora niente per me, mi sono preso un periodo sabbatico


  • 1

#6 Vatar

Vatar

    Narigiatt

  • Members
  • StellettaStelletta
  • 52 Messaggi:
  • LocationDomodossola

Inviato 27 January 2018 - 09:52 AM

Mi sembra che al momento ci sia ben poco da parlare, gli unici dischi interessanti recensiti quest'anno appartengono al 2017 (Bicep, Lino Capra Vaccina, Punctum, John Maus), direi che l'unico ascoltabile sia Fragmented Lives dei Zenjungle (disco del mese).

Certo che la recensione di Francesca Michielin ce la potevano risparmiare... :ossequi:

 


  • -1

#7 signora di una certa età

signora di una certa età

    chansonetteuse

  • Members
  • StellettaStellettaStellettaStellettaStellettaStellettaStellettaStelletta
  • 16584 Messaggi:

Inviato 27 January 2018 - 09:59 AM

Senti che bello
https://m.soundcloud...mphonicensemble
  • 0

In realtà secondo me John Lurie non aveva tante cose da dire... ma molto belle


#8 Tom

Tom

  • Members
  • StellettaStellettaStellettaStellettaStellettaStellettaStellettaStelletta
  • 11129 Messaggi:

Inviato 27 January 2018 - 11:45 AM

*
POPOLARE

Io ho gia' pronto lo schema della mia top ten di fine anno:

 

1. Grande Vecchio / Non Piu' Giovane / Artista Controverso

2. nome o disco inaspettato per fare l'originale

3. disco che mi e' piaciuto molto ma privo delle caratteristiche succitate

4. un qualche mio idolo musicale che devo mettere per forza

5. disco di buon vecchio ruock psichedelico come non ne fanno piu' - semi-conosciuto

6. disco di buon vecchio ruock psichedelico come non ne fanno piu' - sconosciutissimo

7. disco di buon vecchio ruock psichedelico come non ne fanno piu' - piuttosto noto

8. disco ben accolto sul forum messo in posizione bassa tanto per far capire che "si' carino, ma vedete che non lo considero piu' di tanto e lo metto dietro a dichi di buon vecchio ruock psichedelico come non ne fanno piu' che sicuramente odiate'"

9. disco che tempo un paio d'anni di mesi e mi chiedero' perche' l'ho messo in top ten

10. gnocca indie ascoltata principalmente per la copertina o i video


  • 17

#9 user

user

    Titolo utente

  • Members
  • StellettaStellettaStellettaStellettaStellettaStelletta
  • 4252 Messaggi:
  • LocationLocation

Inviato 27 January 2018 - 12:48 PM

ancora zero ascolti e va bene così

aspetto manic street preachers, field music (appena scoperti) e grace jones...

smetto di fare la classi di fine anno
  • 0

La tua firma può contenere:

  • • Fino a 1 immagini
  • • Immagini fino a 350 x 150 pixels
  • • Qualsiasi numero di URLs
  • • Fino a 12 linee

#10 DEVo

DEVo

    mainstream Star

  • Members
  • StellettaStellettaStellettaStellettaStelletta
  • 1897 Messaggi:

Inviato 27 January 2018 - 15:52 PM

Ho già ascoltato il nuovo du Tune Yards (lo sapevo già che non mi avrebbe detto niente ma era tanto per cominciare subito il 2018), poi l'esordio delle Dream Wife

0009726417_10.jpg

sono stato incuriosito da un 10 su NME e dalla dicitura "indie pop" letta su un altro sito, invece fanno una sorta di punk rock che mi ricorda molto gli Yeah Yeah Yeahs di It's Blitz, quindi un bene

potrebbe pure essere il primo gruppo femminile recente che non detesto, solo ripensare alle Haim mi fa rabbrividire

per ora sono ok, vediamo se reggono con gli ascolti

 

https://www.youtube....h?v=XYFVcw1Pfzkquesta è Let's Make Out che apre il disco

 

https://www.youtube....h?v=1zK4hiimn9U


  • 1

La società italiana nel suo frenetico dinamismo, spesso contorto, dà l'impressione, a volte, di mal sopportare una qualsiasi struttura che tenda ad ordinare, a garantire questo stesso dinamismo nel rispetto della libertà dei singoli ma anche nel rispetto delle libertà e del bene di tutti.

 

#11 Fast_Forward

Fast_Forward

    >>

  • Members
  • StellettaStelletta
  • 81 Messaggi:

Inviato 27 January 2018 - 17:26 PM

Ho ascoltato per curiosità CupkakKe. Una tamarrata vertiginosa, che mi ha sorpreso e in definitiva non mi dispiace affatto. Per ora è l'unica roba del '18 che ho sentito.


  • 0

#12 xtc

xtc

    Gianfranco Marmoro

  • Redattore OndaRock
  • StellettaStellettaStellettaStellettaStellettaStellettaStellettaStelletta
  • 10220 Messaggi:

Inviato 28 January 2018 - 12:25 PM

try these

http://www.ondarock....hadowpeople.htm


  • 4

#13 MilleLire

MilleLire

    IL MORALIZZATORE

  • Members
  • StellettaStellettaStellettaStellettaStellettaStelletta
  • 3591 Messaggi:
  • LocationFirenze

Inviato 28 January 2018 - 13:09 PM

Per adesso consiglio il nuovo di Glen Hansard. L'ho ascoltato solo un paio di volte, poche per farmi un'idea degna di essere scritta in questa sede, comunque la sensazione è che si sia emancipato da etichette che lo legavano, pur non in maniera invadente, alla tradizione folk irlandese.


  • 1
Immagine inserita

#14 Incidente

Incidente

    Feudo

  • Redattore OndaRock
  • StellettaStellettaStellettaStellettaStellettaStelletta
  • 5182 Messaggi:
  • LocationLondon

Inviato 28 January 2018 - 17:13 PM

Liminanas - Shadow People

 

'Shadow People' è per la coppia (anche nella vita) psichedelica francese il quinto disco. Il loro approccio alla psichedelia è qui gioioso ma anche rivoluzionario, come quando fa incontrare le scorribande chitarristiche di Roky Erickson al pop alla francese della famiglia Gainsbourg. Consta anche di partecipazioni importanti, su tutte Peter Hook e Anton Newcombe. 8

 

Starcrawler - Starcrawler

 

L'appeal un po' marcio un po' strafigo di questa nuova band targata Rough Trade è micidiale, così come micidiali sono i singoli che hanno anticipato questo loro primo LP. Il potenziale del loro garage rock scatenato, imbottito di fuzz e cantato alla Joan Jet più punk si riduce però a qualche brano, gli altri sembrano repertorio da B-sides di band poco riuscite del finire dei 70s. Un peccato. 5,5

 

Shame - Songs Of Praise

 

Chitarroni dopati e belligeranti, due voci che duellano e non le mandano a dire (come quelle dei punk di una volta), ma anche qualche sgolata apertura melodica alla maniera dei primi Oasis. Così i giovani Shame da Londra hanno confezionato uno degli esordi più convincenti e spregiudicati, un toccasana per chi sentiva la mancanza di chitarre ruggenti e inni da urlare a squarciagola. 7,5

 

Typhoon - Offerings

 

Il quarto LP dei Typhoon, numeroso collettivo indie-folk di Portland, è un ambizioso concept su un uomo che perde la memoria. La sua storia è molto lunga (1h 10') e procede tra colori acquerello e tenui bagliori, tonalità che fanno venire in mente Bon Iver come i Fleet Foxes, gli Alt-J come i Sigur Ros. 'Offerings' ammalia ed emoziona spesso, ma qualche volta scoccia un po'. 6,5

 

Dream Wife - Dream Wife

 
Non brillano certo di originalità queste tre riot grrrl di Brighton, ma la mezzora abbondante di durata di questo loro primo LP serba colpi alternative rock da KO ('Fire', 'F.U.U.'). Data l'uniformità media di gran parte dei lavori di questo genere, l'esordio delle Dream Wife ci sembra anche piuttosto variegato, sia in fatto di tempi utilizzati che di umori. Alice, Bella e Rakel sono infatti incazzate e grintose come da copione, ma si lasciano qualche momento per scherzare e ballare. 6,5

  • 0

#15 kebab

kebab

  • Members
  • StellettaStellettaStellettaStellettaStellettaStelletta
  • 3631 Messaggi:

Inviato 28 January 2018 - 17:20 PM

Per adesso consiglio il nuovo di Glen Hansard. L'ho ascoltato solo un paio di volte, poche per farmi un'idea degna di essere scritta in questa sede, comunque la sensazione è che si sia emancipato da etichette che lo legavano, pur non in maniera invadente, alla tradizione folk irlandese.

 

Lo aspetto da un po', le varie anticipazione uscite nel corso del '17 e la simpatia che provo nei suoi confronti mi hanno convinto ad aspettare.

 

Io sto ascoltando proprio adesso quello che vorrei tantissimo fosse il mio disco dell'anno, cioè Nils Frahm (da qua in poi se ne parla). Un disco che mi ha sorpreso molto è stato "Cosmotronic", ovviamente la prima parte (quella cantata).

 

Tra un po' di giorni, invece, vi parlerò dei Khruangbin - ho ascoltato solo un paio di pezzi: buoni.


  • 0

#16 Tipo Garp Come Garp

Tipo Garp Come Garp

    Everybody's Got Something to Hide Except Me and My Monkey

  • Members
  • StellettaStellettaStellettaStellettaStellettaStellettaStellettaStelletta
  • 17382 Messaggi:

Inviato 29 January 2018 - 09:17 AM

 

Liminanas - Shadow People

 

'Shadow People' è per la coppia (anche nella vita) psichedelica francese il quinto disco. Il loro approccio alla psichedelia è qui gioioso ma anche rivoluzionario, come quando fa incontrare le scorribande chitarristiche di Roky Erickson al pop alla francese della famiglia Gainsbourg. Consta anche di partecipazioni importanti, su tutte Peter Hook e Anton Newcombe. 8

 

 

 

 

Siamo in zona sonorità EP (Istanbul Is Sleepy) che ha preceduto il disco?


  • 0
"with 7" singles, as soon as you've put it on and sat down, you've got to get up to change it..."
(cit.)

 


#17 DEVo

DEVo

    mainstream Star

  • Members
  • StellettaStellettaStellettaStellettaStelletta
  • 1897 Messaggi:

Inviato 29 January 2018 - 11:11 AM

Nils Frahm confermo anche io discone, speriamo che me ne ricordi a dicembre


  • 1

La società italiana nel suo frenetico dinamismo, spesso contorto, dà l'impressione, a volte, di mal sopportare una qualsiasi struttura che tenda ad ordinare, a garantire questo stesso dinamismo nel rispetto della libertà dei singoli ma anche nel rispetto delle libertà e del bene di tutti.

 

#18 Incidente

Incidente

    Feudo

  • Redattore OndaRock
  • StellettaStellettaStellettaStellettaStellettaStelletta
  • 5182 Messaggi:
  • LocationLondon

Inviato 29 January 2018 - 15:47 PM

Liminanas - Shadow People
 
'Shadow People' è per la coppia (anche nella vita) psichedelica francese il quinto disco. Il loro approccio alla psichedelia è qui gioioso ma anche rivoluzionario, come quando fa incontrare le scorribande chitarristiche di Roky Erickson al pop alla francese della famiglia Gainsbourg. Consta anche di partecipazioni importanti, su tutte Peter Hook e Anton Newcombe. 8

 
Siamo in zona sonorità EP (Istanbul Is Sleepy) che ha preceduto il disco?

Un paio di canzoni, il disco é piú vario che non si puó. Leggi la rece di Marmoro, rende bene l'idea.
  • 2

#19 Greed

Greed

    god's only nose

  • Members
  • StellettaStellettaStellettaStellettaStellettaStellettaStellettaStelletta
  • 10480 Messaggi:

Inviato 29 January 2018 - 20:29 PM

 

Belli questi strumentali derivativi.


  • 1

#20 signora di una certa età

signora di una certa età

    chansonetteuse

  • Members
  • StellettaStellettaStellettaStellettaStellettaStellettaStellettaStelletta
  • 16584 Messaggi:

Inviato 29 January 2018 - 20:40 PM

Senti che bellohttps://m.soundcloud...mphonicensemble

 
Belli questi strumentali derivativi.
È chiaramente un omaggio a certi nostri musicisti. Anche perché il signore in questione si chiama Ernst asd
  • 0

In realtà secondo me John Lurie non aveva tante cose da dire... ma molto belle





0 utente(i) stanno leggendo questa discussione

0 utenti, 0 ospiti, 0 utenti anonimi

IPB Skin By Virteq