Vai al contenuto


Foto
* * - - - 1 Voti

Tre Manifesti A Ebbing, Missouri (Mcdonagh, 2018)


  • Please log in to reply
60 replies to this topic

#1 William Blake

William Blake

    Titolista ufficiale

  • Redattore OndaCinema
  • StellettaStellettaStellettaStellettaStellettaStellettaStellettaStelletta
  • 14763 Messaggi:

Inviato 11 gennaio 2018 - 10:42

Tra i titoli più applauditi della Mostra e serio candidato al Leone d'oro, il terzo film di McDonagh si è dovuto accontentare dell'Osella per la sceneggiatura. Ed è indubbiamente la scrittura, oltre agli interpreti, a fornire l'impalcatura per una grande parabola sull'America di oggi

 

tremanifestiaebbing-locandina.jpg

 

Questo è quello che scrissi dopo la proiezione di Venezia: http://www.ondacinem...g-missouri.html

 

Alla Mostra entusiasmò, adesso mi pare di vedere pareri più tiepidi: non ha resistito alla revisione? Comunque sia, tra i film americani più interessanti del 2017, uno dei pochi che guarda ancora alla New Hollywood degli anni 70.


  • 0
Ho un aspetto tremendo, e non bado a vestirmi bene o a essere attraente, perché non voglio che mi capiti di piacere a qualcuno. Minimizzo le mie qualità e metto in risalto i miei difetti. Eppure c'è lo stesso qualcuno a cui interesso: ne faccio tesoro e mi chiedo: "Che cosa avrò sbagliato?"

#2 paloz

paloz

    Poo-tee-weet?

  • Redattore OndaRock
  • StellettaStellettaStellettaStellettaStellettaStellettaStellettaStellettaStelletta
  • 22581 Messaggi:

Inviato 11 gennaio 2018 - 11:28

Siamo partiti dal capolavoro assoluto, anche nel cinema l'hype si sgonfia.

Comunque è un bel filmone, Coen-ianissimo naturalmente, ma quello strillone che dice "La pellicola che i Coen sognano di fare da anni" è uno schiaffo senza ragione: i Coen di film così ne hanno fatti quasi trent'anni fa.


  • 1

I have spoken softly, gone my ways softly, all my days, as behoves one who has nothing to say, nowhere to go, and so nothing to gain by being seen or heard.

 

(Samuel Beckett, Malone Dies)


#3 Steamed Hams

Steamed Hams

    it's a regional dialect

  • Members
  • StellettaStellettaStellettaStellettaStellettaStellettaStelletta
  • 6381 Messaggi:
  • LocationAlbany

Inviato 11 gennaio 2018 - 11:43

molto bello , forse il finale lascia un po' a desiderare, ma comunque godibilissimo.


  • 0

*lastfm*

 

 Hi-Fi System

 

- Pioneer Sa-510

- Sony PS-212

- Kenwood  KX-3080

- Akai CS-M02

- Pioneer CT 737 Mark II (soon)

- Technics  Sl-Pj28A

 


#4 William Blake

William Blake

    Titolista ufficiale

  • Redattore OndaCinema
  • StellettaStellettaStellettaStellettaStellettaStellettaStellettaStelletta
  • 14763 Messaggi:

Inviato 11 gennaio 2018 - 11:51

Siamo partiti dal capolavoro assoluto, anche nel cinema l'hype si sgonfia.

Comunque è un bel filmone, Coen-ianissimo naturalmente, ma quello strillone che dice "La pellicola che i Coen sognano di fare da anni" è uno schiaffo senza ragione: i Coen di film così ne hanno fatti quasi trent'anni fa.

 

secondo me lo strillo del "Fatto" è solo sensazionalistico perché parte da un paesaggio coeniano (anche narrativo) ma poi di coeniano non c'è molto altro (forse un po' del loro umorismo nero): i personaggi seguono un percorso drammaturgico assai diverso, non ci sono le loro geometrie né nelle traiettorie né nel montaggio che è molto classico. per me ottimo film, ma non è mai stato un "capolavoro".

 

 

@MaxPower: invece secondo me il finale è bellissimo, dà un senso di compimento proprio sottraendosi alle logiche del revenge movie. e riscatta il prefinale in cui pare un po' deragliare.  


  • 0
Ho un aspetto tremendo, e non bado a vestirmi bene o a essere attraente, perché non voglio che mi capiti di piacere a qualcuno. Minimizzo le mie qualità e metto in risalto i miei difetti. Eppure c'è lo stesso qualcuno a cui interesso: ne faccio tesoro e mi chiedo: "Che cosa avrò sbagliato?"

#5 lazlotoz

lazlotoz

    Classic Rocker

  • Moderators
  • 4509 Messaggi:

Inviato 13 gennaio 2018 - 01:15

Ottimo. Effettivamente non il capolavoro che sembrava a leggerne in giro, ma meglio così. Chissenefotte dei capolavori se poi mi fanno film così: ben recitato, ben scritto (belle le lettere del capo della polizia), regia azzeccata. Fa ridere, commuove, fa incazzare. 

Va benissimo.

E pure l'idea che un prodotto "pop" (vedremo come andrà agli Oscar) riesca a stare così in bilico fra la stramberia e il classico. 

 

Forse c'è un po' troppo l'idea di costruito dietro a tutto. Ma funziona. E meno male che ci sia ancora qualcuno che riesce a far funzionare un film.


  • 3

#6 Tom

Tom

  • Members
  • StellettaStellettaStellettaStellettaStellettaStellettaStellettaStelletta
  • 11837 Messaggi:

Inviato 13 gennaio 2018 - 11:20

Ottimo. Effettivamente non il capolavoro che sembrava a leggerne in giro, ma meglio così. Chissenefotte dei capolavori se poi mi fanno film così: ben recitato, ben scritto (belle le lettere del capo della polizia), regia azzeccata. Fa ridere, commuove, fa incazzare. 
Va benissimo.
E pure l'idea che un prodotto "pop" (vedremo come andrà agli Oscar) riesca a stare così in bilico fra la stramberia e il classico. 
 
Forse c'è un po' troppo l'idea di costruito dietro a tutto. Ma funziona. E meno male che ci sia ancora qualcuno che riesce a far funzionare un film.

 
Sottoscrivo in pieno.

Non un capolavoro, ma avercene.
 
Influenza coeniana ci puo' stare, ma non e' per nulla un film coeniano, troppo barlumi di speranza, un paio di scorciatoie narrative e in definitiva uno stile indie abbastanza convenzionale.

Lo accosterei piu' a film come "Blue Ruin" o alla roba di Taylor Sheridan, una specie di nuovo classicismo o chesso' io.
 
Cast da lustarsi gli occhi e le orecchie, ovviamente. Tutti elogiano i bravissimi brutti, io segnalo la particina della sempre luminosa Abbie Cornish, che non fosse cosi' bella qualcuno si accorgerebbe che e' anche un'attrice di grande intensita'.


  • 0

#7 xone89

xone89

    mainstream Star

  • Members
  • StellettaStellettaStellettaStellettaStelletta
  • 1109 Messaggi:

Inviato 13 gennaio 2018 - 13:12

Per una volta siamo tutti d'accordo pare, anche per me, capolavoro nemmeno a parlarne, ma gran bel film, solido e privo di qualsivoglia scivoloni o sbavature...


  • 0

#8 paloz

paloz

    Poo-tee-weet?

  • Redattore OndaRock
  • StellettaStellettaStellettaStellettaStellettaStellettaStellettaStellettaStelletta
  • 22581 Messaggi:

Inviato 13 gennaio 2018 - 13:16

Tra l'altro io non ho mai particolarmente apprezzato Sam Rockwell, ma questo ruolo gli sta a pennello.


  • 0

I have spoken softly, gone my ways softly, all my days, as behoves one who has nothing to say, nowhere to go, and so nothing to gain by being seen or heard.

 

(Samuel Beckett, Malone Dies)


#9 ucca

ucca

    CRM

  • Members
  • StellettaStellettaStellettaStellettaStellettaStellettaStellettaStelletta
  • 14068 Messaggi:
  • LocationRome

Inviato 14 gennaio 2018 - 00:21

Gran film. Personaggi spettacolari mi ha fatto ridere e commuovere in alcuni punti. Ricorda molto i Coen è vero però è talmente scritto bene che resta un ispirazione più che altro. Dennis è un mito, personaggio dell anno
  • 0

https://www.facebook...sychomusicband/

 

Mettere su un gruppo psichedelico a 40 anni.


#10 cool as kim deal

cool as kim deal

    Utente contro le bonus track

  • Members
  • StellettaStellettaStellettaStellettaStellettaStellettaStellettaStelletta
  • 11504 Messaggi:
  • LocationLooking Corsica, Feeling Corsico

Inviato 14 gennaio 2018 - 09:21

Film veramente cazzuto. Mai visto i Coen quindi non saprei però si ride e ci si commuove nella giusta misura, film molto equilibrato.

 

Woody Harrelson (ottimo) rappresenta il bandolo di tutta la storia.

 

Finale per me ottimo: sembrerebbe nel prefinale che pur di ottenere un barlume di giustizia si possa passare dal lato oscuro e diventare angeli vendicatori senza mandato, ma nel dialogo in auto si ritorna umani e si capisce che sarà una scampagnata in auto, anche se non si mai il contrario, quindi rimane quel minimo di ambiguità furbetta...


  • 0

FATE TORNARE LO SPECCHIETTO DI RYM IN FIRMA

 


 

 

#11 Conato

Conato

    Roadie

  • Redattore OndaCinema
  • StellettaStellettaStellettaStelletta
  • 613 Messaggi:

Inviato 14 gennaio 2018 - 13:23

Film bello bellino, ma insomma...anche estremamente costruito e ammiccante, ogni due secondi teso a trovare la battutta in grado di far scattare la risatina, con la parolaccetta usata come intercalare fine a se stessa. Mcdonagh come sceneggiatore è meno geniale di quanto invero si pensi, come regista la costruzione dell'inquadratura è assai tradizionale, il campo-controcampo talmente prevedibile (nel soffermarsi solo apparentemente originale su quel viso, ora su quell'altro) da lasciare più di una perplessità. L'intuizione del vero autore cinematografico, quello che sperimenta, azzarda, sorprende e sa soprendere anche con la macchina da presa non è certo di casa. Aggiungiamoci quel misto di tragedia e grottesco già presente in manchester by the sea che non fa mai male, la trovata ad effetto che poi tanto a effetto non è, la musica che ovviamente accompagna in modo straniante le scene di violenza (in piano sequenza, magari) e abbiamo il film che piace a tutti e a cui si può dire poco, perfetto front-runner per la stagione dei premi.

Però, ecco, insomma...
  • 2
Ogni uomo nella culla
succia e sbava il suo dito
ogni uomo seppellito
è il cane del suo nulla

#12 lazlotoz

lazlotoz

    Classic Rocker

  • Moderators
  • 4509 Messaggi:

Inviato 14 gennaio 2018 - 15:34

Conato lo capisco il tuo punto di vista, ma attenzione. Stiamo parlando di un prodotto medio, di un film da Golden Globe e Oscar con tutto ciò che ne consegue. Film da botteghino pure. Proprio perché anche un po' furbetto in certi passaggi. 

E secondo me è per quello che va difeso. Perché questo, nel mondo di noi amanti di cinema è la base. Cioè un cinema ben fatto. Ma nel mondo questo è un prodotto di altissima qualità perché non è scontato per nulla, non è monolitico e banale nel contenuto (e va detto è il contenuto che arriva al 99% del pubblico) quindi la forma si adatta senza pigli particolari (ma meno male!). Se un film del genere ha successo è un bene per tutti.


  • 1

#13 William Blake

William Blake

    Titolista ufficiale

  • Redattore OndaCinema
  • StellettaStellettaStellettaStellettaStellettaStellettaStellettaStelletta
  • 14763 Messaggi:

Inviato 14 gennaio 2018 - 16:25

è un film per certi versi persino imprevedibile perché, partendo dall'essere una rilettura coeniana, poi va in tutt'altra direzione. ha personaggi caratterizzati alla grande pieni di contraddizioni e mai consolatori. oltre all'andare giù duro su tutti i temi che tocca, senza mai diventare pedante. all'interno del cinema americano main/midstream, gli esempi di film realizzati così e con queste qualità sono ormai una rarità. 


  • 0
Ho un aspetto tremendo, e non bado a vestirmi bene o a essere attraente, perché non voglio che mi capiti di piacere a qualcuno. Minimizzo le mie qualità e metto in risalto i miei difetti. Eppure c'è lo stesso qualcuno a cui interesso: ne faccio tesoro e mi chiedo: "Che cosa avrò sbagliato?"

#14 lazlotoz

lazlotoz

    Classic Rocker

  • Moderators
  • 4509 Messaggi:

Inviato 14 gennaio 2018 - 16:47

Giusto. Unico appunto, io però non l'ho trovato così coeniano. 

Al di là del fatto dell'umorismo nero, ma i Coen si muovono su altri binari. Almeno quando fanno i Coen bravi. Non quelli di Burn After reading per dire.


  • 0

#15 William Blake

William Blake

    Titolista ufficiale

  • Redattore OndaCinema
  • StellettaStellettaStellettaStellettaStellettaStellettaStellettaStelletta
  • 14763 Messaggi:

Inviato 14 gennaio 2018 - 16:54

Giusto. Unico appunto, io però non l'ho trovato così coeniano. 

Al di là del fatto dell'umorismo nero, ma i Coen si muovono su altri binari. Almeno quando fanno i Coen bravi. Non quelli di Burn After reading per dire.

 

anche quelli sono i Coen bravi, allora non capisci i Coen asd

comunque, come ho detto sta tutto nella suggestione iniziale, poi il film va in altre direzione: la colpa, l'espiazione, il compiere scelte morali, l'essere "decent person" sono problematiche abbastanza lontane dalla visione del mondo coeniana


  • 0
Ho un aspetto tremendo, e non bado a vestirmi bene o a essere attraente, perché non voglio che mi capiti di piacere a qualcuno. Minimizzo le mie qualità e metto in risalto i miei difetti. Eppure c'è lo stesso qualcuno a cui interesso: ne faccio tesoro e mi chiedo: "Che cosa avrò sbagliato?"

#16 lazlotoz

lazlotoz

    Classic Rocker

  • Moderators
  • 4509 Messaggi:

Inviato 14 gennaio 2018 - 17:11

 

Giusto. Unico appunto, io però non l'ho trovato così coeniano. 

Al di là del fatto dell'umorismo nero, ma i Coen si muovono su altri binari. Almeno quando fanno i Coen bravi. Non quelli di Burn After reading per dire.

 

anche quelli sono i Coen bravi, allora non capisci i Coen asd

comunque, come ho detto sta tutto nella suggestione iniziale, poi il film va in altre direzione: la colpa, l'espiazione, il compiere scelte morali, l'essere "decent person" sono problematiche abbastanza lontane dalla visione del mondo coeniana

 

Se quelli son i Coen bravi quelli di Fargo o L'uomo che non c'era sono geni ultraterreni  asd

 

Comunque sì capisco quello che dici, ed è una cosa che ho letto molto in giro. Ma io non ce la vedo molto, perché anche l'approccio è diverso. Forse nel personaggio di Sam Rockwell ci vedo un abbozzo iniziale simile. Ma la strada poi cambia. Su quello siamo d'accordo.


  • 0

#17 William Blake

William Blake

    Titolista ufficiale

  • Redattore OndaCinema
  • StellettaStellettaStellettaStellettaStellettaStellettaStellettaStelletta
  • 14763 Messaggi:

Inviato 14 gennaio 2018 - 17:13

 

 

Giusto. Unico appunto, io però non l'ho trovato così coeniano. 

Al di là del fatto dell'umorismo nero, ma i Coen si muovono su altri binari. Almeno quando fanno i Coen bravi. Non quelli di Burn After reading per dire.

 

anche quelli sono i Coen bravi, allora non capisci i Coen asd

comunque, come ho detto sta tutto nella suggestione iniziale, poi il film va in altre direzione: la colpa, l'espiazione, il compiere scelte morali, l'essere "decent person" sono problematiche abbastanza lontane dalla visione del mondo coeniana

 

Se quelli son i Coen bravi quelli di Fargo o L'uomo che non c'era sono geni ultraterreni  asd

 

 

più o meno, sì :D


  • 1
Ho un aspetto tremendo, e non bado a vestirmi bene o a essere attraente, perché non voglio che mi capiti di piacere a qualcuno. Minimizzo le mie qualità e metto in risalto i miei difetti. Eppure c'è lo stesso qualcuno a cui interesso: ne faccio tesoro e mi chiedo: "Che cosa avrò sbagliato?"

#18 Giubbo

Giubbo

    Classic Rocker

  • Members
  • StellettaStellettaStellettaStellettaStellettaStelletta
  • 3782 Messaggi:

Inviato 15 gennaio 2018 - 08:35

e invece io mi dissocio un po da voi:

 

mi aspettavo un film bello moderatamente, alla fine invece ho pensato fosse un capolavoro.

 

al di là degli attori mostruosi, i personaggi sono scritti magnificamente, dai principali ai secondari.

 

Il non perfetto sceriffo ma perfetto padre di famiglia (che uomo!);

l'apatica-tormentata-spudorata protagonista bulldozer (circa la quale si mostra una scena importantissima che ci fa capire quanto lei fosse così anche prima del fattaccio, giustamente);

Il dolcissimo, dignitosissimo, equilibratissimo, indulgentissimo nano (Peter Dinklage sempre più bravo nel fare parti anche dimesse), del quale il dialogo finale al ristorante mi ha stretto il cuore in una morsa;

e soprattutto il marcissimo, ridicolo, turbatissimo e tridimensionalmente dinamico agente Dixon (Sam Rockwell nel ruolo della vita), che è la ciliegina sulla torta di questo film su persone che accettano e non accettano, che perdonano e non perdonano, che ballano la vita in maniera goffa e confusa, e per questo ci fanno sentire tanto vicini.

 

P.S. Standing Ovation per il figlio della protagonista, per quanto riesce ad essere integro pur essendo quello che alla fine si prende le secchiate di merda più grandi da tutta questa vicenda.


  • 5

#19 ucca

ucca

    CRM

  • Members
  • StellettaStellettaStellettaStellettaStellettaStellettaStellettaStelletta
  • 14068 Messaggi:
  • LocationRome

Inviato 15 gennaio 2018 - 09:07

Completamente d'accordo, alla fine la differenza in un grande film la fanno secondo me proprio questi aspetti. Personaggi talmente ben fatti da essere spiazzanti, ingiudicabili moralmente.

Alcune scene, penso a quella nella stazione di polizia con dennis che legge la lettera, sono geniali.capolavoro o no, resta molto di questo film da tanti punti di vista  


  • 0

https://www.facebook...sychomusicband/

 

Mettere su un gruppo psichedelico a 40 anni.


#20 Giubbo

Giubbo

    Classic Rocker

  • Members
  • StellettaStellettaStellettaStellettaStellettaStelletta
  • 3782 Messaggi:

Inviato 15 gennaio 2018 - 16:12

anche il pestaggio è una scena potentissima, molto più stomachevole di tanti film horror.

 

credo che la definizione "black comedy" per questo film sia abbastanza fuorviante.


  • 1




0 utente(i) stanno leggendo questa discussione

0 utenti, 0 ospiti, 0 utenti anonimi

IPB Skin By Virteq