Vai al contenuto


Foto
* * * * - 4 Voti

Blade Runner 2049 (Villeneuve, 2017)


  • Please log in to reply
110 replies to this topic

#101 username

username

    granita di gelsi rossi

  • Members
  • StellettaStellettaStellettaStellettaStellettaStelletta
  • 5713 Messaggi:
  • Locationmediterranea

Inviato 23 ottobre 2017 - 23:34

Nein, stiamo parlando dei (recenti) sequel/reboot/remake a distanza di >10 anni, aka la nostalgia portami via dei produttori.

 

Mad max, Il grinta, Alien, Blade Runner, Godzilla, Star Trek. 


  • 1

La tua firma può contenere:

  • • Fino a 1 immagini
  • • Immagini fino a 350 x 150 pixels
  • • Qualsiasi numero di URLs
  • • Fino a 12 linee

#102 simon

simon

    Scaruffiano

  • Members
  • StellettaStellettaStellettaStellettaStellettaStellettaStellettaStelletta
  • 11525 Messaggi:

Inviato 25 ottobre 2017 - 21:28

Quando mi daranno la possibilità di vedere un Fortini/Cani 2 molto probabilmente non aspetterò il solito machete con licenza di amare dalla Russia e mi fionderò nel cinemazzo a goderne. 

 

BR doveva conoscere il Vill. del 2009, quello del Politecnico (film immane sulla sociopatia e perennemente investigante sulla introspezione non asservita m.d.p. occhio interiore pensiero immagine interna)... questo del 2017 mi sembra troppo appagato.

 

BR era un film esistenziale, una allegoria iper riuscita sulla claustrofobia mentale che la razza umana reaganiana stava vivendo fertilizzando ampiamente anche il vecchio continente... BR2 è un buon film, un altro amplesso digitale di buone intenzioni ma non sarà mai Lynch.


  • 2

#103 ucca

ucca

    CRM

  • Members
  • StellettaStellettaStellettaStellettaStellettaStellettaStellettaStelletta
  • 15529 Messaggi:
  • LocationRome

Inviato 26 ottobre 2017 - 12:28

Quando mi daranno la possibilità di vedere un Fortini/Cani 2 molto probabilmente non aspetterò il solito machete con licenza di amare dalla Russia e mi fionderò nel cinemazzo a goderne. 

 

BR doveva conoscere il Vill. del 2009, quello del Politecnico (film immane sulla sociopatia e perennemente investigante sulla introspezione non asservita m.d.p. occhio interiore pensiero immagine interna)... questo del 2017 mi sembra troppo appagato.

 

BR era un film esistenziale, una allegoria iper riuscita sulla claustrofobia mentale che la razza umana reaganiana stava vivendo fertilizzando ampiamente anche il vecchio continente... BR2 è un buon film, un altro amplesso digitale di buone intenzioni ma non sarà mai Lynch.

 

quoto, in mezzo a questo mare di sequel e prequel, Lynch è l'unico che ha spiazzato tutti facendo qualcosa di superiore all'originale. 

E lo ha fatto non rinnegando quanto successo prima ma senza alcun bisogno di sciommottarlo in nessun modo. Anzi, potenziandolo e allargando il discorso (da un omicidio all'origine del male). Quello che manca a questi altri film è proprio questa capacità di andare oltre, che hanno solo i grandi artisti come Lynch (e pochi altri). Gli altri si limitano a non sfigurare, al massimo.


  • 2

https://www.facebook...sychomusicband/

 

Mettere su un gruppo psichedelico a 40 anni.


#104 cinemaniaco

cinemaniaco

    Classic Rocker

  • Members
  • StellettaStellettaStellettaStellettaStellettaStelletta
  • 3603 Messaggi:

Inviato 27 maggio 2018 - 23:11

sarà paradossale, ma villeneuve con quello che doveva essere il suo film meno personale e più commerciale, ha fatto il suo film più affascinante. badate bene che ho scritto "il suo film più affascinante" e non "il suo film più riuscito", perché sulla completa riuscita di questo film ho qualche dubbio. il problema inutile girarci attorno è alla radice dell'operazione: era necessario questo sequel? per niente. e dopo la visione continuo ad esserne convinto. villeneuve però è abbastanza intelligente da averlo capito per primo e se ne è fregato altamente di fare un sequel diretto. dal punto di vista del plot è forse persino più criptico ed ellittico del prototipo, ma si capisce che l'interesse del regista è tutto concentrato sul reparto visivo: la sua intenzione è quella di creare una esperienza sensoriale, di elevare il cinema mainstream ad high art

è una specie di anti-blockbusters. è costato tanto quanto un cinefumetto, ma è girato come un film d'arte. un film mainstream che non cade in (quasi) tutte le trappole del cinema mainstream di questi anni. a suo modo diventerà un cult di questo decennio. il connubio perfetto è tra le scenografie titaniche e mozzafiato, la fotografia stupenda, il ritmo ipnotico: ogni minuto di questo film è una festa per gli occhi. se si devono fare parallelismi con un altro regista - che inutile negarlo è sempre nolan - villeneuve appare come la versione asciugata dall'enfasi e dalla retorica del regista britannico, e l'antinolanismo lo si avverte ancora di più nel momento in cui si disinnesca in tutta la sua forza "spettacolare" il tipico twist nolaniano che aveva sorretto la curiosità dello spettatore per 3/4 di film. persino per harrison ford c'è l'occasione di un riscatto come attore dopo le pagliacciate che ha fatto (e continuerà a fare) nei panni redivivi dei suoi personaggi cinematografici più famosi
  • 5

#105 Tom

Tom

  • Members
  • StellettaStellettaStellettaStellettaStellettaStellettaStellettaStelletta
  • 12901 Messaggi:

Inviato 28 maggio 2018 - 05:28

Concordo.
Guastano l'insieme alcune cadute di gusto micidiali: il personaggio spara-minchiate del sempre piu' imbarazzante Leto (che compare solo due volte, ma basta ad alterare l'equilibrio del film) e l'apparizione di quegli orribili e banalissimi ribelli alla Matrix, inghiottiti dalla logica dei sequel che poi manco ci saranno. Meno grave, ma fastidiosa, la deriva da thriller di serie B di alcune sequenze.
 
Piu' in generale, il tema della procreazione per definire il senso di umanita' e' senz'altro piu' volgarotto rispetto al discorso sui ricordi dell'originale. Una scelta tematica che ci dice qualcosa dei tempi reazionari che stiamo vivendo, probabilmente.


  • 1

#106 M83

M83

    bring me the head of the fortune teller

  • Members
  • StellettaStellettaStellettaStellettaStellettaStellettaStelletta
  • 7022 Messaggi:

Inviato 28 maggio 2018 - 13:10

non sono molto d'accordo con cine , nel senso che si è vero , grandi effetti visivi assolutamente , ma se la storia è annacquata non c'è niente da fare.  E vedere un Deckard imbolsito , fa solo male , altro che "riscatto"

 

[...] a suo modo diventerà un cult di questo decennio.

 

Good Lord!


  • 0

*lastfm*

 

 

 

As I collapsed to watch the movie a hand reached out and pulled me through the screen, angels descending from the rooftops they want to take me to all these places I've never seen. But I'm going to live forever, I'm going to cause a diversion and head them off at the pass 

 


#107 William Blake

William Blake

    Titolista ufficiale

  • Redattore OndaCinema
  • StellettaStellettaStellettaStellettaStellettaStellettaStellettaStelletta
  • 15481 Messaggi:

Inviato 28 maggio 2018 - 14:39

Tom, bisogna ammettere che la maternità è un tema molto presente in Villeneuve
  • 0
Ho un aspetto tremendo, e non bado a vestirmi bene o a essere attraente, perché non voglio che mi capiti di piacere a qualcuno. Minimizzo le mie qualità e metto in risalto i miei difetti. Eppure c'è lo stesso qualcuno a cui interesso: ne faccio tesoro e mi chiedo: "Che cosa avrò sbagliato?"

#108 Giuseppe Bergman

Giuseppe Bergman

    Masturbatore

  • Members
  • StellettaStellettaStelletta
  • 395 Messaggi:

Inviato 29 maggio 2018 - 17:17

Il plot più che criptico è davvero scontato e banale

Sembra criptico perchè vai in narcolessia e della storia praticamente ti dimentichi visto che ogni scena è dilatata senza alcun criterio reale


  • 0

" Chi lo sa veramente? Chi può qui dichiarare

da dove è stata prodotta, da dove viene la creazione?

Dalla creazione di questo universo gli Dei vennero successivamente:
chi allora sa da dove ciò è sorto? "

 

*    *    *    *

 

सब्बे संखारा अनिच्चा सब्बे संखारा दुक्खा सब्बे धम्मा अनत्ता

 

 

#109 100000

100000

    Enciclopedista

  • Members
  • StellettaStellettaStellettaStellettaStellettaStellettaStelletta
  • 6721 Messaggi:

Inviato 30 maggio 2018 - 07:29

Col ragionamento di cine, il primo parallelismo che mi viene in mente però non è Nolan ma Refn, che mi sembra rispettare perfettamente la descrizione del primo paragrafo.

Solo che Refn va fino in fondo, invece qui Villenueve rimane in un né carne né pesce che mi ha lasciato un po' distaccato.


  • 1

#110 dUST

dUST

    dolente o nolente

  • Members
  • StellettaStellettaStellettaStellettaStellettaStellettaStellettaStellettaStelletta
  • 27464 Messaggi:
  • LocationKagoshima

Inviato 30 maggio 2018 - 09:40

chiedo perdono, ma non sono andato oltre 1/3 del film. primo perchè sono un povero vecchio e il mio tempo è prezioso, secondo perchè l'originale, oltre che la mia prima recensione, è uno dei film che amo e ho amato di più in assoluto (ed essendo fuori dal mio cotè, peraltro).

 

forse è bello, forse no, non lo saprò mai con certezza e mi porterò questo dilemma nella tomba


  • 0

 mi ricorda un po' Moro.

 

 

 

 

Con trepidazione vivo solo le partite dell'Inter.

 

 

 

Io non rispondo a fondo perchè non voglio farmi bannare, però una cosa voglio dirla: voi grillini siete il punto più basso mai raggiunto dal genere umano. Di stupidi ne abbiamo avuti, non siete i primi. Di criminali anche. Voi siete la più bassa sintesi tra violenza e stupidità. Dovete semplicemente cessare di esistere, come partito (e qui non ci si metterà molto) e come topi di fogna (e qui sarà un po' più lunga, ma cristo se la pagherete cara).

 

 


#111 lazlotoz

lazlotoz

    Classic Rocker

  • Moderators
  • 5237 Messaggi:

Inviato 30 maggio 2018 - 10:42

La scelta di dilatarlo nei tempi è forse il punto fondamentale.

Perché a riguardarlo è davvero eccessivamente e consapevolmente espanso questo film. Qualcuno può dire semplicemente palloso, e non gli si potrebbe dar contro. Ma alla fine forse quello che più rimane è proprio quella sospensione.

Perché io pure ero/sono dell'idea che non c'è un solo buon motivo per fare un sequel di BR (soldi a parte, ma evidentemente i conti non son tornati). Nel capolavoro di Scott tutto era perfettamente chiuso, anche nel finale aperto per chi voleva consolarsi con la prima versione.

 

Eppure qui si fa un film che non ha nulla di nostalgico, e pure si lega bene a livello narrativo. Senza strizzare ogni scena l'occhio ai fan. BR2049 mi pare un film di un autore che impone in maniera fortissima la sua idea di cinema, e questa è comunque una cosa bellissima (poi può piacere o meno, non è qui il punto). Perché pare quasi un film fatto per scontentare tutti quelli che non vogliono vederlo come film a se stante.

 

Non credo diventerà un cult. Ma è un bel tassello nel mosaico di Villeneuve.


  • 2

lazlotoz, [...]: sei un gigantesco coglione. Ma proprio un cretino senza pari, [...] Sparati, che fai un favore al mondo.





0 utente(i) stanno leggendo questa discussione

0 utenti, 0 ospiti, 0 utenti anonimi

IPB Skin By Virteq