Vai al contenuto


Foto
* * * * - 6 Voti

Riscrivere [Giuoco]


  • Please log in to reply
135 replies to this topic

#61 simon

simon

    Scaruffiano

  • Members
  • StellettaStellettaStellettaStellettaStellettaStellettaStellettaStelletta
  • 11525 Messaggi:

Inviato 16 maggio 2017 - 19:54

Chi l'ha detto langue, il cielo piange, e Greed vi propone un passatempo, vediam se vi tange. Si tratta di riscrivere brani famosi, secondo il proprio gusto, o imponendosi, come faceva il Queneau di Esercizi di stile, una regola-limitazione.

Dovete dare una vostra versione del brano proposto dall'ultimo utente che ha "giocato". Dopodichè potete rilanciare, invitando l'utente successivo a fornire una sua versione dello stesso brano, oppure scegliere un nuovo brano.

 

Utenti obbligati a partecipare: testadicajjo, piersa, simon, il mistico, Reynard, Gonzalo Piro-william Wilson (il quale sa benissimo che alcuni spunti della Cognizione del Dolore vengono proprio da questi passi dei PS), Baricco, Labanda, Dest.

 

 

 

Dal primo capitolo dei Promessi Sposi:

 

Per una di queste stradicciole, tornava bel bello dalla passeggiata verso casa, sulla sera del giorno 7 novembre dell'anno 1628, don Abbondio, curato d'una delle terre accennate di sopra: il nome di questa, né il casato del personaggio, non si trovan nel manoscritto, né a questo luogo né altrove. Diceva tranquillamente il suo ufizio, e talvolta, tra un salmo e l'altro, chiudeva il breviario, tenendovi dentro, per segno, l'indice della mano destra, e, messa poi questa nell'altra dietro la schiena, proseguiva il suo cammino, guardando a terra, e buttando con un piede verso il muro i ciottoli che facevano inciampo nel sentiero [...]

 

 

IN UN'UNICO PERIODO, SENZA PUNTI:

 

Da una di queste strade, tornava tranquillo tranquillo, la sera del 7 novembre del 1628, Don Abbondio, il curato di una di queste terre il cui nome tuttavia ci è ignoto, così come il cognome del nostro Don, il quale, tornando, recitava le sue preghiere, i suoi salmi, senza tralasciare le dovute pause per tirare il fiato tra l'uno e l'altro, e approfittando delle pause per analizzare lo stato di quella strada, i cui ciottoli avevano gran bisogno di essere scansati onde evitare che impicciassero i passi di preti, contadini, operai, uomini a cavallo, signorotti, cani, bravacci, madonnine infilzate, che si trovassero malauguratamente a passare di là.

 

 

per una strada assolutamente deflagrata da spunti immancabilmente geologici, ridotta a una ellissi non logica in quanto provvidenzialmente senza causa prima, si muoveva uno strano individuo bolso e vestito da cattolico dimesso e con pressioni mentali talmente vuote da elementari analisi trascendentali che mi sembra persino irato definirlo come uomo di Chiesa, alzava il mento giunonico osservando l'addio del crepuscolo e l'avvento marcio e sordo di una luna torva, annegando le sue paure in una sorta di cartesiana purezza nell'introflettere qualsiasi tipo di salmo religioso in conati di noematica pura, confermando negandosi la presenza di Nostro Signore, al di fuori da ogni caduca teologia negativa. si era nel Seicento e nonostante gli studi critici del Croce e le pervertite abluzioni di un famoso strutturalista francese, era sempre e comunque un secolo lupino, completamente devastato dai prodromi capziosi della Inquisizione Santa e dominava lo schermo ontologico la simbolica fiamma ardente. il caratterista travestito da prete che anticipa di oltre tre secoli IL BIDONE di Fellini, si guardava bene di sporcarsi ulteriormente le galosce e individuava nel fango anemico, oggetti carsici noumenici che potevano ostacolare il suo deambulare stocastico che in passato avevano creato lussazioni, vertigini, discussioni tutt'altro che dialettica dai manovali ebbri di vino rosso e donzelle accompagnate da guardie del corpo con la testa completamente rasata e ricoperta casualmente da disadorne stigmate e rupestri capezzoli di capelli unti e sparsi ovunque formandosi una crinolina pedissequamente santa. Parmenide, si alzava dalla tomba e ogni sera accompagnava con moti d'animo tra il furioso e l'amoroso questo suo nodo gordiano che aveva da proteggere contro il male che proprio contemporaneamente alla vita del suddetto don, veniva esposto con teutonica mistica grazia cristallina da oasi di stipsi renane e gemebonde post geometrie del vero dei mondi possibili della piega del barocco, con o senza Guido Reni intrappolato esso stesso nel diaframma tra il dire vuoto della nomina cinquecentesca e il pittare nuovo, ansiogeno e francamente tonale del suo amore miracolosamente intatto. il tempo, lo spazio, e la succedanea presenza di Aristotele disarcionato dal Regno del Pensiero da frammiste ex voto platoniche, rendevano la vita tutt'altro che democraticamente stabile, un orrore scenografico e post sillogistico che non conteneva la Paura.


  • 3

#62 Embryo

Embryo

    Enciclopedista

  • Moderators
  • 8037 Messaggi:

Inviato 17 maggio 2017 - 10:13

*
POPOLARE

Manca clamorosamente "Il giovane Don Abbondio". Spero che la salma di J.D. si rigiri nella tomba il meno possibile.



Se proprio volete saperlo, questa storia è una palla mortale, non scherzo. Vi ho avvertiti. Per prima cosa, saranno duemila pagine di manoscritto. E io scrivo piccolo. Secondo, mi ci sono trovato catapultato in mezzo, neanche li conoscevo i protagonisti, due cime della zona. Lui si chiama Fermo, ma col cavolo che gli ho lasciato questo nome: troppo sfigato. Meglio Renzo. Già ha un cognome schifo. Lei Lucia, dolce, carina ma troppo repressa, persino per il sottoscritto. Perché l’ho messa giù questa storia? Per noia, che vi devo dire: mollata l’università per capriccio, mi hanno mandato in seminario; finito il seminario, sono finito a fare il prete in questo buco di paese che non sto qui a nominarvi, per farla breve. Si fa per dire. Cosa volete che faccia, tutto il giorno? Scrivo e basta. Tanto, a tutto quello che serve ad Abbondio C. - eccomi qua, piacere mio! - pensa Perpetua, una mezza vecchia senza marito, piazzata in canonica dal signor Vescovo. È brava e sa cucinare e tutto quanto, ma ha un chilometro di lingua, davvero. Volete che una cosa la sappia il mondo intero? Raccontatela a lei e ditele che è un segreto. Mi lascia secco ogni volta.
Comunque, tutto ebbe inizio quando incontrai quei due balordi dei fratelli Bravi - due grugni che ve li raccomando - lungo il sentiero. Prendevo a calci i sassi, mentre leggevo e cercavo di imparare a memoria alcune pagine del breviario. Volete sapere una cosa? Imparate a memoria qualcosa e troverete sempre qualcuno da impressionare ripetendola. La gente è mediamente ignorante. Potete fare pure finta, se è per quello. Ogni capoverso, un sasso. Volevo ripulirla tutta, quella strada. Volevo impedire che ci inciampassero i bambini. Mi dava troppo fastidio sentirli piangere. Veniva da piangere anche a me. Immaginavo migliaia e migliaia di bambini correre in quel sentiero, finalmente pulito e liscio come il marmo della chiesa. Niente più sassacci maledetti. Così pulito e incerato da diventare scivoloso. Ma mi sarei piazzato in fondo alla curva, per prenderli tutti - uno ad uno - un secondo prima del dirupo che finisce dritto in fondo al ramo sud del lago. Niente più messe e rosari. Vorrei essere soltanto l'acchiappatore del curvone. So che è una cretinata, ma è l'unica cosa che mi piacerebbe veramente fare.
  • 25
nobody knows if it really happened

At this range, I'm a real Frederick Zoller.

La birra è un perfetto scenario da sovrappopolazione: metti una manciata di organismi in uno spazio chiuso con più carboidrati di quanti ne abbiano mai visti e guardali sterminarsi con gli scarti che producono - nel caso specifico, anidride carbonica e alcol. E poi, alla salute!

#63 vandiemen

vandiemen

    L'ultima spiaggia

  • Members
  • StellettaStellettaStellettaStelletta
  • 590 Messaggi:

Inviato 17 maggio 2017 - 10:39

C'è da togliersi il cappello.

Mi piacerebbe cimentarmi in una versione alla Nori, ma ho paura di non esserne all'altezza di fronte a tanta bravura.


  • 0

#64 debaser

debaser

    utente stocazzo

  • Members
  • StellettaStellettaStellettaStellettaStellettaStellettaStellettaStellettaStelletta
  • 21885 Messaggi:

Inviato 17 maggio 2017 - 10:43

embryo, asd


  • 0

Codeste ambiguità, ridondanze e deficienze ricordano quelle che il dottor Franz Kuhn attribuisce a un'enciclopedia cinese che s'intitola Emporio celeste di conoscimenti benevoli. Nelle sue remote pagine è scritto che gli animali si dividono in (a) appartenenti all'Imperatore, (b) imbalsamati, c) ammaestrati, (d) lattonzoli, (e) sirene, (f) favolosi, (g) cani randagi, (h) inclusi in questa classificazione, (i) che s'agitano come pazzi, (j) innumerevoli, (k) disegnati con un pennello finissimo di pelo di cammello, (l) eccetera, (m) che hanno rotto il vaso, (n) che da lontano sembrano mosche.
 
non si dice, non si scrive solamente si favoleggia


#65 100000

100000

    Enciclopedista

  • Members
  • StellettaStellettaStellettaStellettaStellettaStellettaStelletta
  • 6813 Messaggi:

Inviato 17 maggio 2017 - 10:49

C'è da togliersi il cappello.

Mi piacerebbe cimentarmi in una versione alla Nori, ma ho paura di non esserne all'altezza di fronte a tanta bravura.

Caaz, dovevo fare questa.
Abbiamo qualche parmigiano, che i romagnoli si sono giá cimentati (ma non tutti)?


  • 0

#66 vandiemen

vandiemen

    L'ultima spiaggia

  • Members
  • StellettaStellettaStellettaStelletta
  • 590 Messaggi:

Inviato 17 maggio 2017 - 10:52

 

C'è da togliersi il cappello.

Mi piacerebbe cimentarmi in una versione alla Nori, ma ho paura di non esserne all'altezza di fronte a tanta bravura.

Caaz, dovevo fare questa.
Abbiamo qualche parmigiano, che i romagnoli si sono giá cimentati (ma non tutti)?

 

 

Io non sono parmigiano, ma mi piace tantissimo Nori: vale lo stesso? asd


  • 0

#67 100000

100000

    Enciclopedista

  • Members
  • StellettaStellettaStellettaStellettaStellettaStellettaStelletta
  • 6813 Messaggi:

Inviato 17 maggio 2017 - 12:35

Certo che sí, scusa, non volevo escluderti: vai e colpisci.


  • 0

#68 Greed

Greed

    passive attack

  • Members
  • StellettaStellettaStellettaStellettaStellettaStellettaStellettaStelletta
  • 11634 Messaggi:

Inviato 17 maggio 2017 - 13:11

Embryo fantastico, con stoccata finale -non so se voluta o meno- su preti e bambini asd
  • 0

#69 paloz

paloz

    Poo-tee-weet?

  • Redattore OndaRock
  • StellettaStellettaStellettaStellettaStellettaStellettaStellettaStellettaStelletta
  • 23257 Messaggi:

Inviato 17 maggio 2017 - 13:29

Giuochino veloce col Dr. Seuss.

 

---

 

 

Mi chiamo Abbondio

Abbondio mi chiamo

Del lago di Como

Provengo dal ramo

 

Pretin di paese e di buon casato,

dal mio usuale passeggio son tosto rientrato.

So tutti i miei salmi, uno a uno a memoria

Così il Pater Noster, il Credo e il Gloria.

 

Di antifone e canti me ne tolgo la voglia

E sfoglia che ti sfoglia, non so più neanche quanti!

Con l’indice umido inseguo i righi,

E non c’è parabola che per poco non mi intrighi.

 

Se Iddio ci conserva dai peggio malanni

Passano i giorni e ben presto anche gli anni

Un battito d’occhi, e in quattro e quattr'otto

Sei al sette dell'undici del sei e ventotto.

 

Che sole! Che quiete! Che pace d'intorno!

Allegro proseguo sulla via del ritorno.

Se poi mi solletica, di tanto in tanto

Fò gol coi sassetti e pur me ne vanto!

 

Oibò! Ohimè! Chi sono quei bruti?

Che voglion da me? Che il buon Dio m’aiuti!

Son bravi, dicono, ma specie son grossi

Già temono il peggio i miei poveri ossi!


  • 4

I have spoken softly, gone my ways softly, all my days, as behoves one who has nothing to say, nowhere to go, and so nothing to gain by being seen or heard.

 

(Samuel Beckett, Malone Dies)


#70 Embryo

Embryo

    Enciclopedista

  • Moderators
  • 8037 Messaggi:

Inviato 17 maggio 2017 - 13:33

Embryo fantastico, con stoccata finale -non so se voluta o meno- su preti e bambini asd


Diciamo che è volutamente ambiguo. Come in "Un giorno ideale per i pescibanana".
  • 1
nobody knows if it really happened

At this range, I'm a real Frederick Zoller.

La birra è un perfetto scenario da sovrappopolazione: metti una manciata di organismi in uno spazio chiuso con più carboidrati di quanti ne abbiano mai visti e guardali sterminarsi con gli scarti che producono - nel caso specifico, anidride carbonica e alcol. E poi, alla salute!

#71 dendrite

dendrite

    un tempo any01

  • Redattore OndaRock
  • StellettaStellettaStellettaStellettaStelletta
  • 1921 Messaggi:

Inviato 17 maggio 2017 - 18:10

oggi ho scoperto quanti più si possono dare al max in un giorno. Tutti bravissimi, giochetto davvero delizioso (e serissimo, come i veri giochi).


  • 0
La mia vita in vantablack

#72 dUST

dUST

    dolente o nolente

  • Members
  • StellettaStellettaStellettaStellettaStellettaStellettaStellettaStellettaStelletta
  • 27628 Messaggi:
  • LocationKagoshima

Inviato 17 maggio 2017 - 18:37

Io voglio Piersa però
Quella merdaccia latita
  • 0

 mi ricorda un po' Moro.

 

 

 

 

Con trepidazione vivo solo le partite dell'Inter.

 

 

 

Io non rispondo a fondo perchè non voglio farmi bannare, però una cosa voglio dirla: voi grillini siete il punto più basso mai raggiunto dal genere umano. Di stupidi ne abbiamo avuti, non siete i primi. Di criminali anche. Voi siete la più bassa sintesi tra violenza e stupidità. Dovete semplicemente cessare di esistere, come partito (e qui non ci si metterà molto) e come topi di fogna (e qui sarà un po' più lunga, ma cristo se la pagherete cara).

 

 


#73 Greed

Greed

    passive attack

  • Members
  • StellettaStellettaStellettaStellettaStellettaStellettaStellettaStelletta
  • 11634 Messaggi:

Inviato 17 maggio 2017 - 19:21

Sta facendo la figa.

 

(ps. Solo il titolo "Il giovane Abbondio" continua a farmi ridere dalle tre di oggi pomeriggio)


  • 2

#74 Greed

Greed

    passive attack

  • Members
  • StellettaStellettaStellettaStellettaStellettaStellettaStellettaStelletta
  • 11634 Messaggi:

Inviato 17 maggio 2017 - 20:34

 

Io un suggerimento ce l'avrei, non so se può ispirarvi:

"una contrada che si chiamava Bengodi, nella quale si legano le vigne con le salsicce, e avevasi un’oca a denaio e un papero giunta, ed eravi una montagna tutta di formaggio parmigiano grattugiato, sopra la quale stavan genti che niuna altra cosa facevan che far maccheroni e raviuoli, e cuocergli in brodo di capponi, e poi gli gittavan quindi giù, e chi più ne pigliava più se n’aveva; e ivi presso correva un fiumicel di vernaccia, della migliore che mai si bevve, senza avervi entro gocciol d’acqua. "

 

Giovanni Boccaccio, Decameron, giornata ottava, novella terza ("Calandrino e l'elitropia").

 

 

 

 

menù:

 

 

BENGODI

se ben desni, ben godi

 

Tortino di Parmigiano Reggiano DOP spolverato con lillipuziani e contorno di due Ravioli (2)

 

Salsicciotti saltati su letto di tralci di vite

Foie Gras di papero sventrato da un'Okham

 

Pioggia di Vernaccia purissima di San Gimignano

 

Per il caffè aspettare il Settecento

 

 

 

10 Fiorini


  • 5

#75 Duck

Duck

    Categnaccio

  • Members
  • StellettaStellettaStellettaStellettaStellettaStellettaStellettaStellettaStelletta
  • 20575 Messaggi:

Inviato 17 maggio 2017 - 20:37

Mi segno per una versione Tripadvisor ma mi ci vorranno tempo e idee.
  • 1

«Mister, possiamo lavorare sulle diagonali?», la richiesta di qualche giocatore. No, la risposta del tecnico. 


consigli per il futuro: leggere i fantaconsigli dell'UU e fare l'esatto opposto


#76 Greed

Greed

    passive attack

  • Members
  • StellettaStellettaStellettaStellettaStellettaStellettaStellettaStelletta
  • 11634 Messaggi:

Inviato 17 maggio 2017 - 20:38

Deh, che se me fai na cattiva recensione te sputo nel desinare!


  • 0

#77 Duck

Duck

    Categnaccio

  • Members
  • StellettaStellettaStellettaStellettaStellettaStellettaStellettaStellettaStelletta
  • 20575 Messaggi:

Inviato 17 maggio 2017 - 20:44

Dopo che m'hai sventrato il fegato, è anche il minimo!
  • 0

«Mister, possiamo lavorare sulle diagonali?», la richiesta di qualche giocatore. No, la risposta del tecnico. 


consigli per il futuro: leggere i fantaconsigli dell'UU e fare l'esatto opposto


#78 debaser

debaser

    utente stocazzo

  • Members
  • StellettaStellettaStellettaStellettaStellettaStellettaStellettaStellettaStelletta
  • 21885 Messaggi:

Inviato 17 maggio 2017 - 21:17

*
POPOLARE

L’inafferrabile Abbondyo continua la sua peregrinazione sonora, andando stavolta a muoversi in territori dark-ambient a tinte neofolk, con un concept album a tema social-bucolico, che sembra segnare un desiderio di ritorno alle origini. Tra i numerosi lavori del musicista dell'alto comasco, ricordiamo il pregevole EP rilasciato nel 1624 ("Among Tin Pots"), la riuscita collaborazione con i Perpetuum, e l'approdo al formato lungo con "Kickin' pebbles", tre ore di sfavillante, purissimo, esiziale espressionismo noise.
L’opening track “Latinorum” è il brano-manifesto, un susseguirsi di cavilli sonori, acrobazie sintattiche e furia teologica, ma, se con "Goodfellas" Abbondyo sembra intraprendere un viaggio senza ritorno verso un abisso di feedback, nella seconda metà dell'album, nonostante gli eterei controcanti di resegone musicale di "Famine, war and plague", che tentano, impresa ardua, di aprirsi squarci di speranza nel maelstrom di sferzate di synth, manca, forse, un pizzico di follia che avrebbe elevato l'intera opera al livello dei lavori migliori dei più noti padri putativi (fra cui, senza dubbio, impossibile non citare l'oscuro quanto seminale esordio degli Unnamed).
 
(6.5)

  • 25

Codeste ambiguità, ridondanze e deficienze ricordano quelle che il dottor Franz Kuhn attribuisce a un'enciclopedia cinese che s'intitola Emporio celeste di conoscimenti benevoli. Nelle sue remote pagine è scritto che gli animali si dividono in (a) appartenenti all'Imperatore, (b) imbalsamati, c) ammaestrati, (d) lattonzoli, (e) sirene, (f) favolosi, (g) cani randagi, (h) inclusi in questa classificazione, (i) che s'agitano come pazzi, (j) innumerevoli, (k) disegnati con un pennello finissimo di pelo di cammello, (l) eccetera, (m) che hanno rotto il vaso, (n) che da lontano sembrano mosche.
 
non si dice, non si scrive solamente si favoleggia


#79 PDeVo

PDeVo

    Classic Rocker

  • Members
  • StellettaStellettaStellettaStellettaStellettaStelletta
  • 3149 Messaggi:

Inviato 17 maggio 2017 - 21:32

Era un più :(
  • 0

#80 debaser

debaser

    utente stocazzo

  • Members
  • StellettaStellettaStellettaStellettaStellettaStellettaStellettaStellettaStelletta
  • 21885 Messaggi:

Inviato 17 maggio 2017 - 21:48

menù:
 


BENGODI

se ben desni, ben godi


Tortino di Parmigiano Reggiano DOP spolverato con lillipuziani e contorno di due Ravioli (2)


Salsicciotti saltati su letto di tralci di vite

Foie Gras di papero sventrato da un'Okham


Pioggia di Vernaccia purissima di San Gimignano


Per il caffè aspettare il Settecento




10 Fiorini

 
ovviamente letto da Vittorio Gassman asd
  • 0

Codeste ambiguità, ridondanze e deficienze ricordano quelle che il dottor Franz Kuhn attribuisce a un'enciclopedia cinese che s'intitola Emporio celeste di conoscimenti benevoli. Nelle sue remote pagine è scritto che gli animali si dividono in (a) appartenenti all'Imperatore, (b) imbalsamati, c) ammaestrati, (d) lattonzoli, (e) sirene, (f) favolosi, (g) cani randagi, (h) inclusi in questa classificazione, (i) che s'agitano come pazzi, (j) innumerevoli, (k) disegnati con un pennello finissimo di pelo di cammello, (l) eccetera, (m) che hanno rotto il vaso, (n) che da lontano sembrano mosche.
 
non si dice, non si scrive solamente si favoleggia





0 utente(i) stanno leggendo questa discussione

0 utenti, 0 ospiti, 0 utenti anonimi

IPB Skin By Virteq