Vai al contenuto


Foto
- - - - -

Under The Boardwalk - The Asbury Sound


  • Please log in to reply
19 replies to this topic

#1 Harry Caul

Harry Caul

    se ci dice bene finiamo nella merda

  • Members
  • StellettaStellettaStellettaStellettaStellettaStelletta
  • 5874 Messaggi:

Inviato 03 maggio 2017 - 10:40

Quando: gli anni 70

 

Dove: costa est degli Stati Uniti

 

Caratteristiche: quel certo tipo di piano festoso e tintinnante, la fisarmonica, le chitarre fiammeggianti, il ritmo ballabile e funky, i fiati ruggenti con gli assoli di sax e il trombone, le influenza latine e jazz su una base di rock e roll primigenio, la voce appassionata e stravolta, i testi romantici e desolati...

 

Influenze: il rock prebeatles – Elvis, Buddy Holly, Jerry Lee ma anche e soprattutto Gary US Bonds- il rhythm and blues Motown e Stax Records, Phil Spector, i Four Season, Van Morrison, Eric Burdon and The Animals.

 

Principali esponenti:

BRUCE SPRINGSTEEN AND THE E-STREET BAND: pur essendo spesso identificato come la superstar del genere in realtà il Boss frequenta l’Asbury Sound principalmente a inizio carriera e non sempre in maniera univoca avendo nel suo dna anche forti influenza dylaniane, folk e cantautorali, ne rimane comunque una figura chiave, realizzando album epocali del genere (The Wild, The Innocence and The E-Stree Shuffle, Born To Run ma anche The River, per non parlare dell’album abortito The Promise) e soprattutto concerti memorabili con la sua band di jerseiani doc– tutti fondamentali per lo sviluppo di questo particolare suono, da Danny Federici a Roy Bittan sino Clarence Clemmons- e dando in generale imperituro sostegno e grande visibilità a tutta la scena musicale della zona.  Da inizio anni 80 abbandonerà quasi completamente il genere a favore di un rock radiofonico più quadrato e immediato.

 

1f725cb7a5c4515cc9af53f3a885c52a.jpg

 

MIAMI STEVE VAN ZANDT: Musicista ecclettico e preparatissimo è conosciuto ai più nella riduttiva figura di chitarrista di Springsteen o tutt’al più come cantante politico anni 80 ma è stato nel decennio precedente la vera anima della scena musicale del New Jersey, come musicista con la E-Stree Band ma soprattutto come produttore, arrangiatore e compositore per Southside Johnny e i suoi Jukes. E’ inoltre il fondatore dei Miami Horns, gruppo di fiati fondamentale per la riconoscibilità dell’Asbury Sound che accompagnerà Southside Johnny per tutti gli anni 70 e che saranno spesso presenti anche nei concerti di Springsteen oltre a lavorare con decine di altri artisti di alto livello da Joe Cocker a Eric Clapton sino agli Allman Brothers e Sheryl Crow.

 

4688e47e4d078efbd8e7b9dc18f75e8f.jpg

 

SOUTHSIDE JOHNNY AND THE ASBURY JUKES : se cercate la versione definitiva e perfetta dell’Asbury Sound, quella per intenderci da tramandare ai posteri è a lui che bisogna rivolgersi, non solo perchè ne rappresenta come cantante e musicista la quintessenza ma perchè i suoi primi 3 fondamentali album (I Don’t want to go Home, This Time is for Real, Heart of Stone) vedono al lavoro oltre al lui a ai suoi Jukes anche Van Zandt in veste di produttore e di compositore e Springsteen che, anche a causa delle beghe legali che l’hanno coinvolto dopo Born To Run, regalerà volentieri all’amico un serie di pezzi fenomenali. Dal 79 in poi, senza Van Zandt come produttore il gruppo perderà mordente in maniera abbastanza evidente, salvo tornare a ottimi livelli con il nostalgico Better Days che non a caso lo vede riunito con i sodali di un tempo. Le loro performance dal vivo rimangono però sempre memorabili per energia e carica incendiaria.

 

MI0001344228.jpg?partner=allrovi.com

 

Altri: molti altri musicisti minori ma godibilissimi componevano il panorama musicale dell'epoca, da citare almeno i Salvation, I Looking Glass, Bobby Bandiera e John Cafferty and the Beaver Brown Band che raggiungerà una certa notorietà con la colonna sonora del film Eddie and the Cruisers, opera ampiamente ispirata proprio alla scena musicale jerseiana dell’epoca.


  • 4

#2 Harry Caul

Harry Caul

    se ci dice bene finiamo nella merda

  • Members
  • StellettaStellettaStellettaStellettaStellettaStelletta
  • 5874 Messaggi:

Inviato 03 maggio 2017 - 10:46

Uno degli obiettivi di questo topic è ovviamente far conoscere un po' proprio la musica di Southside Johhny e, prigrizia permettendo, cercherò di fare nei prossimi giorni una disamina più approfondita dei suoi 4 album fondamentali.

Per il momento un po' di musica:

 

 


  • 0

#3 Harry Caul

Harry Caul

    se ci dice bene finiamo nella merda

  • Members
  • StellettaStellettaStellettaStellettaStellettaStelletta
  • 5874 Messaggi:

Inviato 03 maggio 2017 - 10:48

 

 

Notevoli Kevin Kavanaugh al piano e Billy Rush alla chitarra e scatenati i Miami Horns con Rick Gazda e LaBamba Rosemberg a fare la parte del leone.


  • 0

#4 dUST

dUST

    dolente o nolente

  • Members
  • StellettaStellettaStellettaStellettaStellettaStellettaStellettaStellettaStelletta
  • 27311 Messaggi:
  • LocationKagoshima

Inviato 03 maggio 2017 - 11:00

Ovviamente Southside Johnny è un grandissimo che avrebbe meritato miglior fortuna, piuttosto che essere considerato il lato B di Springsteen. Oltre ai dischi citati (Hearts of stone è un capo) il live Reach Up & Touch The Sky è qualcosa di incredibile, con una The Fever da brividi (e io non amo gli album live)

 

Oltre a quelli segnalati da The Man segnatevi anche Willie Nile (un bel tipino) e Joe Grushecky, quest'ultimo grande amico - pare - del boss

 

Se mi viene altro  aggiungo, alzheimer permettendo


  • 0

 mi ricorda un po' Moro.

 

 

 

 

Con trepidazione vivo solo le partite dell'Inter.

 

 

 

Io non rispondo a fondo perchè non voglio farmi bannare, però una cosa voglio dirla: voi grillini siete il punto più basso mai raggiunto dal genere umano. Di stupidi ne abbiamo avuti, non siete i primi. Di criminali anche. Voi siete la più bassa sintesi tra violenza e stupidità. Dovete semplicemente cessare di esistere, come partito (e qui non ci si metterà molto) e come topi di fogna (e qui sarà un po' più lunga, ma cristo se la pagherete cara).

 

 


#5 Suxxx

Suxxx

    Pietra Molare

  • Members
  • StellettaStellettaStellettaStellettaStellettaStellettaStellettaStellettaStelletta
  • 21431 Messaggi:

Inviato 03 maggio 2017 - 11:07

Ti metto il più, mi complimento Man
Anche se secondo me è il tipo di musica peggiore uscita in Usa nei 70, almeno ascolto qualcosa che conosco poco, magari ricredendomi
  • 0
Caro signor Bernardus...

#6 Harry Caul

Harry Caul

    se ci dice bene finiamo nella merda

  • Members
  • StellettaStellettaStellettaStellettaStellettaStelletta
  • 5874 Messaggi:

Inviato 03 maggio 2017 - 13:05

Ovviamente Southside Johnny è un grandissimo che avrebbe meritato miglior fortuna, piuttosto che essere considerato il lato B di Springsteen. Oltre ai dischi citati (Hearts of stone è un capo) il live Reach Up & Touch The Sky è qualcosa di incredibile, con una The Fever da brividi (e io non amo gli album live)

 

Anni fa apriva a un concerto di Bon Jovi a Milano, sono stato tentato di comprare il biglietto, ascoltare Southside Johnny e uscire. asd


  • 0

#7 Harry Caul

Harry Caul

    se ci dice bene finiamo nella merda

  • Members
  • StellettaStellettaStellettaStellettaStellettaStelletta
  • 5874 Messaggi:

Inviato 03 maggio 2017 - 13:09

 

 

Oltre a quelli segnalati da The Man segnatevi anche Willie Nile (un bel tipino) e Joe Grushecky, quest'ultimo grande amico - pare - del boss

 

Se mi viene altro  aggiungo, alzheimer permettendo

 

Grushecky ha collaborato spesso col Boss, sicuramente hanno fatto un disco assieme a fine 80/inizio 90, si intitolava American Babylon e Springsteen se non sbaglio lo produsse, ci suonava la chitarra e scrisse pure un paio di pezzi dal testo molto duro.


  • 0

#8 Harry Caul

Harry Caul

    se ci dice bene finiamo nella merda

  • Members
  • StellettaStellettaStellettaStellettaStellettaStelletta
  • 5874 Messaggi:

Inviato 03 maggio 2017 - 13:14

Ti metto il più, mi complimento Man
Anche se secondo me è il tipo di musica peggiore uscita in Usa nei 70, almeno ascolto qualcosa che conosco poco, magari ricredendomi

 

Provo a convertirti, che mi dici di questi:

 

 


  • 0

#9 dUST

dUST

    dolente o nolente

  • Members
  • StellettaStellettaStellettaStellettaStellettaStellettaStellettaStellettaStelletta
  • 27311 Messaggi:
  • LocationKagoshima

Inviato 03 maggio 2017 - 13:15

 

 

 

Oltre a quelli segnalati da The Man segnatevi anche Willie Nile (un bel tipino) e Joe Grushecky, quest'ultimo grande amico - pare - del boss

 

Se mi viene altro  aggiungo, alzheimer permettendo

 

Grushecky ha collaborato spesso col Boss, sicuramente hanno fatto un disco assieme a fine 80/inizio 90, si intitolava American Babylon e Springsteen se non sbaglio lo produsse, ci suonava la chitarra e scrisse pure un paio di pezzi dal testo molto duro.

 

 

ce l'ho asd


  • 1

 mi ricorda un po' Moro.

 

 

 

 

Con trepidazione vivo solo le partite dell'Inter.

 

 

 

Io non rispondo a fondo perchè non voglio farmi bannare, però una cosa voglio dirla: voi grillini siete il punto più basso mai raggiunto dal genere umano. Di stupidi ne abbiamo avuti, non siete i primi. Di criminali anche. Voi siete la più bassa sintesi tra violenza e stupidità. Dovete semplicemente cessare di esistere, come partito (e qui non ci si metterà molto) e come topi di fogna (e qui sarà un po' più lunga, ma cristo se la pagherete cara).

 

 


#10 Harry Caul

Harry Caul

    se ci dice bene finiamo nella merda

  • Members
  • StellettaStellettaStellettaStellettaStellettaStelletta
  • 5874 Messaggi:

Inviato 03 maggio 2017 - 13:15

Intenditore.


  • 0

#11 Harry Caul

Harry Caul

    se ci dice bene finiamo nella merda

  • Members
  • StellettaStellettaStellettaStellettaStellettaStelletta
  • 5874 Messaggi:

Inviato 03 maggio 2017 - 15:29

 

Fantastico duetto con Ronnie Spector che chiude il primo album dei Jukes, scritta da Springsteen, arrangiamento di Van Zandt.

 

P.S. Non c'è un topic sulle Ronettes?

 

f32e29b429919725b6af4d4b466d2065.jpg

 

Questi invece sono i Looking Glass, jersey band che ebbe un certo successo nel 72 grazie a questo singolo:

 


  • 0

#12 Tom

Tom

  • Members
  • StellettaStellettaStellettaStellettaStellettaStellettaStellettaStelletta
  • 12782 Messaggi:

Inviato 05 maggio 2017 - 07:18

Hai probabilmente beccato la scena musicale e il sound piu' odiati nel forum.
Conosco un po' tutta la gente citata, ma nessuno molto approfonditamente, a parte ovviamente Springsteen, quindi non posso contribuire un granche'.

 

Non so quanto possa rientrare nella scena, ma direi che come territori di caccia siamo li', quindi cito la mia monografia all'idolone Willy DeVille.

 

E Mellencamp?


  • 0

#13 Harry Caul

Harry Caul

    se ci dice bene finiamo nella merda

  • Members
  • StellettaStellettaStellettaStellettaStellettaStelletta
  • 5874 Messaggi:

Inviato 05 maggio 2017 - 07:46

- Willy DeVille direi di sì, non facendo parte del scena primigenia prettamente jerseiana non lo conoscevo benissimo ma ho visto che è stato associato al genere e proprio ieri stavo ascoltandol'album Coup de Grace e direi che siamo veramente nel più puro Asbury Sound, forse solo un po' troppo rifinito.

Disco bellissimo tra l'altro.

- Mellencamp direi di no, ha sicuramente un suono springsteeniano ma non dello Springsteen sguaiato anni 70, bensì di quello più radiofonico e commerciale con influenza folk, country e dylaniane, tipo Tom Petty o Steve Miller, il suono di Born in the Usa per intenderci. Ecco ho visto ora che lo chiamano Heartland Rock.


  • 0

#14 Harry Caul

Harry Caul

    se ci dice bene finiamo nella merda

  • Members
  • StellettaStellettaStellettaStellettaStellettaStelletta
  • 5874 Messaggi:

Inviato 05 maggio 2017 - 08:00

Anche Tom Waits ha frequentato saltuariamente il genere, più per influenze comuni che in maniera voluta probabilmente anche se effettivamente ha ammesso più volte di adorare i primi dischi di Springsteen, in particolare The Wild, The Innocent and the E-street Shuffle.

La celeberrima Jersey Girl è comunque una ballatona in perfetto stile Asbury, tanto da diventare uno degli inni del genere, quasi una specie di Sandy n.2.


  • 0

#15 Harry Caul

Harry Caul

    se ci dice bene finiamo nella merda

  • Members
  • StellettaStellettaStellettaStellettaStellettaStelletta
  • 5874 Messaggi:

Inviato 05 maggio 2017 - 08:09

...che rimane veramente un pezzo della madonna.

 


  • 0

#16 dUST

dUST

    dolente o nolente

  • Members
  • StellettaStellettaStellettaStellettaStellettaStellettaStellettaStellettaStelletta
  • 27311 Messaggi:
  • LocationKagoshima

Inviato 05 maggio 2017 - 09:08

Mellencamp c'entra poco, vuoi perché è dell'Indiana, vuoi perché ha significative influenze roots, blues e anche un po' di country qua e là

Autore enorme comunque, da riscoprire e rivalutare


  • 0

 mi ricorda un po' Moro.

 

 

 

 

Con trepidazione vivo solo le partite dell'Inter.

 

 

 

Io non rispondo a fondo perchè non voglio farmi bannare, però una cosa voglio dirla: voi grillini siete il punto più basso mai raggiunto dal genere umano. Di stupidi ne abbiamo avuti, non siete i primi. Di criminali anche. Voi siete la più bassa sintesi tra violenza e stupidità. Dovete semplicemente cessare di esistere, come partito (e qui non ci si metterà molto) e come topi di fogna (e qui sarà un po' più lunga, ma cristo se la pagherete cara).

 

 


#17 Harry Caul

Harry Caul

    se ci dice bene finiamo nella merda

  • Members
  • StellettaStellettaStellettaStellettaStellettaStelletta
  • 5874 Messaggi:

Inviato 05 maggio 2017 - 09:23

51lz2Pc5M9L.jpg

 

:ossequi:


  • 0

#18 Suxxx

Suxxx

    Pietra Molare

  • Members
  • StellettaStellettaStellettaStellettaStellettaStellettaStellettaStellettaStelletta
  • 21431 Messaggi:

Inviato 08 maggio 2017 - 16:15

- Willy DeVille direi di sì, non facendo parte del scena primigenia prettamente jerseiana non lo conoscevo benissimo ma ho visto che è stato associato al genere e proprio ieri stavo ascoltandol'album Coup de Grace e direi che siamo veramente nel più puro Asbury Sound, forse solo un po' troppo rifinito.

Disco bellissimo tra l'altro.

- Mellencamp direi di no, ha sicuramente un suono springsteeniano ma non dello Springsteen sguaiato anni 70, bensì di quello più radiofonico e commerciale con influenza folk, country e dylaniane, tipo Tom Petty o Steve Miller, il suono di Born in the Usa per intenderci. Ecco ho visto ora che lo chiamano Heartland Rock.

Willy con Fabio Treves fotografato dal mio amico di facebook 

18275006_10211370145922149_6564716244293


  • 0
Caro signor Bernardus...

#19 Harry Caul

Harry Caul

    se ci dice bene finiamo nella merda

  • Members
  • StellettaStellettaStellettaStellettaStellettaStelletta
  • 5874 Messaggi:

Inviato 06 luglio 2017 - 13:42

Intanto è tornato in pista Little Steven che ha rispolverato i suoi Disciples of Soul, prima grande disco in pieno stile Asbury, "Soulfire" quindi tour come ai vecchi tempi, erano a Pistoia l'altro ieri e a quel che dicono han fatto veramente furore.

 

 

 

Qui ovviamente non se li è cagati nessuno. asd


  • 0

#20 Harry Caul

Harry Caul

    se ci dice bene finiamo nella merda

  • Members
  • StellettaStellettaStellettaStellettaStellettaStelletta
  • 5874 Messaggi:

Inviato 17 aprile 2019 - 14:17

https://video.corrie...27-0127d031f6b3


  • 0




0 utente(i) stanno leggendo questa discussione

0 utenti, 0 ospiti, 0 utenti anonimi

IPB Skin By Virteq