Vai al contenuto


Foto
* * * * - 3 Voti

New Age // Space Ambient // Soothing Drones


  • Please log in to reply
193 replies to this topic

#1 ravintola

ravintola

    pesky skeleton

  • Members
  • StellettaStellettaStellettaStellettaStellettaStelletta
  • 4071 Messaggi:
  • LocationFirelink Shrine

Inviato 31 ottobre 2016 - 11:59

Questa e’ la musica mi sta dando le piu’ grandi soddisfazioni da… forse quasi due anni.

 

Presente soprattutto negli anni 80. Volendo scavare negli anni 70, I primi esempi di perfetta fusione tra space ambient e new age li ho trovati qui:

 

Iasos - The Angels of Comfort

Constance Demby - Om Mani Padme Hum

 

Tracce preferite assolute di questo genere ibrido:

 

Daniel Kobialka - Blue Spirals (1983) 

Mark Isham - Sympathy and Acknowledgement (1983)

Steve Roach - Reflections in Suspension (1984)

Thom Brennan - Habu Valley (1987)

Jonn Serrie - The Far River (1987)

 

 


  • 3

¯\_(ツ)_/¯


#2 corrigan

corrigan

    気持ち悪い

  • Members
  • StellettaStellettaStellettaStellettaStellettaStellettaStelletta
  • 9889 Messaggi:
  • LocationHK

Inviato 31 ottobre 2016 - 14:14

ravi ti segnalo

 

https://rateyourmusi...zindan_pojidon/

https://rateyourmusi...of_splendours_/

https://rateyourmusi..._brook/captive/

https://rateyourmusi...um/space/space/


  • 1

I distrust orthodoxies, especially orthodoxies of dissent
「その時僕はミサト さんから逃げる事しかできなかった。 他には何もできない、 他も云えない… 子供なんだと……僕はわかった

 


#3 solaris

solaris

    Simmetriade.

  • Members
  • StellettaStellettaStellettaStellettaStellettaStelletta
  • 5597 Messaggi:

Inviato 31 ottobre 2016 - 14:19

E Vidna? ;)

 

Structures from silence album della vita, bellissimo anche John Serrie.

Ti consiglio fortemente Planetary Unfolding di Michael Stearns.

 

 

40449.jpg


  • 2

#4 Pajje††

Pajje††

    Potere Al Propoli

  • Members
  • StellettaStellettaStellettaStellettaStellettaStelletta
  • 4137 Messaggi:
  • LocationValverde

Inviato 31 ottobre 2016 - 14:48

Questa e’ la musica mi sta dando le piu’ grandi soddisfazioni da… forse quasi due anni.



Steve Roach - Reflections in Suspension (1984)

 

 

: :nod: :metal:

 

Structures from Silence scoperto in seconda-terza liceo, scavando tra le possibili influenze di Aphex Twin. Per anni é stato un ascolto compulsivo... spesse volte semplicemente per farmi compagnia nel mentre che m'addormentavo. La prima e la terza traccia mi hanno sempre devastato dentro...Quando "succedono certe cose" dentro la musica di Structures, tra pelle d'oca e occhi gonfi mi sembra di star morendo felice. Adoro le microvariazioni armoniche e i connubi maggiore-minore, SOS ne é perfetto display.

Nel mio ultimo anno universitario comprai anche il fottuto CD (uno dei miei ultimi cd acquistati).

 

Vidna Obmana, Constance Demby, Steve Roach...questo per me il trittico. Steve quello che forse si é bruciato subito, Vidna il piú diraturo.

Constance la piú imprendibile.


  • 0

miamusica
______________

And if I have some kind of need / Maybe the thing I need is the thing I've got
And if I look inside of me / I find the thing that can't be took or bought


Anytime you’re gonna grow, you’re gonna lose something. You’re losing what you’re hanging onto to keep safe. You’re losing habits that you’re comfortable with, you’re losing familiarity.


#5 ravintola

ravintola

    pesky skeleton

  • Members
  • StellettaStellettaStellettaStellettaStellettaStelletta
  • 4071 Messaggi:
  • LocationFirelink Shrine

Inviato 31 ottobre 2016 - 14:57

Colosso di Steve Roach e Thom Brennan:

 


  • 0

¯\_(ツ)_/¯


#6 Guest_Michele Murolo_*

Guest_Michele Murolo_*
  • Guests

Inviato 31 ottobre 2016 - 15:06

Non voglio fare sempre lo scassapalle ma cosa differenzia la New Age dall'Ambient?



#7 Pajje††

Pajje††

    Potere Al Propoli

  • Members
  • StellettaStellettaStellettaStellettaStellettaStelletta
  • 4137 Messaggi:
  • LocationValverde

Inviato 31 ottobre 2016 - 15:10

Non voglio fare sempre lo scassapalle ma cosa differenzia la New Age dall'Ambient?

 

In termini tecnici, secondo me Structures From Silence della new age non ha proprio nulla. É il classico disco AMBIENT.

 

La New Age é una cosa piú postmoderna, ingloba strumentistica -world e tira l'occhio alla acustica come alla elettronica. É un pelo piú arrangiata e secondo me piú veloce.

 

L'ambient ha un afflato molto piú europeo, meno freakkettona e piú proustiana. E molto meno arrangiata e piú lenta.

 

In Structures from Silent ci sono piú o meno 3 strumenti diversi, le linee armoniche stanno sul conto di una mano: AMBIENT!

 

C_2_video_162100_videoThumbnail.jpg


  • 3

miamusica
______________

And if I have some kind of need / Maybe the thing I need is the thing I've got
And if I look inside of me / I find the thing that can't be took or bought


Anytime you’re gonna grow, you’re gonna lose something. You’re losing what you’re hanging onto to keep safe. You’re losing habits that you’re comfortable with, you’re losing familiarity.


#8 Cyclo

Cyclo

    In un profluvio di punti inerrogativi

  • Members
  • StellettaStellettaStellettaStellettaStellettaStellettaStelletta
  • 6112 Messaggi:

Inviato 31 ottobre 2016 - 15:11

Non voglio fare sempre lo scassapalle ma cosa differenzia la New Age dall'Ambient?

Una spruzzatina di world music (tiro ad indovinare)? 


  • 0

ma che te ne frega dei meno o dei più sei grande ormai, è ora di pensare a una moto di grossa cilindrata.

 

#9 ravintola

ravintola

    pesky skeleton

  • Members
  • StellettaStellettaStellettaStellettaStellettaStelletta
  • 4071 Messaggi:
  • LocationFirelink Shrine

Inviato 31 ottobre 2016 - 15:51

 

Ti consiglio fortemente Planetary Unfolding di Michael Stearns.

 

 

Planetary Unfolding lo conoscevo da prima che cominciassi a seguire la new age. Ancora adesso lo ascolto quando sono in un mood un po' diverso perche' per me e' molto piu' space ambient. Comunque Stearns ci sta benissimo qui dai, specialmente considerate le sue varie collaborazioni.

 

Questo e' il suo pezzo che preferisco in assoluto:

 


 

mai sentito neanche uno. Me li segno.


  • 0

¯\_(ツ)_/¯


#10 cerezo

cerezo

  • Moderators
  • 14774 Messaggi:

Inviato 31 ottobre 2016 - 16:13

 

questo l'avevo sentito nominare perchè l'hanno ristampato su numerogroup

indi per cui, anche se non ne capisco una mazza del genere*, chissà che non ti possa incuriosire una playlist su spotify compilata proprio dalla numerogroup

(<3<3<3 a zuper per l'embed a spotify!!!)

 

 

 

 

* però ho questa scaruffata in vinile asd


  • 0

#11 Dudley

Dudley

    mainstream Star

  • Members
  • StellettaStellettaStellettaStellettaStelletta
  • 1792 Messaggi:

Inviato 31 ottobre 2016 - 16:41

Anche su NUMEROGROUP il magnifico "Gymnosphere: song of the rose" di Jordan De La Sierra, siamo in campo ambient/avant con (forse) una spruzzata di new age ... sono lunghe sinfonie "minimali" per pianoforte, registrate all'interno di una chiesa sfruttandone eco e riverberi, è uno dei miei dischi ambient preferiti ... Disponibile in doppio CD e doppio LP

https://www.youtube....h?v=uYF2dlgnNlY

 

DhKkfYY.jpg


  • 1

#12 dick laurent

dick laurent

    ...

  • Members
  • StellettaStellettaStellettaStellettaStellettaStellettaStellettaStelletta
  • 11816 Messaggi:

Inviato 31 ottobre 2016 - 17:09

i pezzi di Isham e Kobialka comunque sono purissimo minimalismo, tanto per aggiungere caos alla confusione di genere


  • 0

dai manichei che ti urlano o con noi o traditore libera nos domine


#13 ravintola

ravintola

    pesky skeleton

  • Members
  • StellettaStellettaStellettaStellettaStellettaStelletta
  • 4071 Messaggi:
  • LocationFirelink Shrine

Inviato 31 ottobre 2016 - 20:03

X5JDl0X.jpg

 

David Arkenstone - Valley in the Clouds [1987]

 

 

Ok questo album rientra nella new age piu' tradizionalmente definita, e personalmente gia' oltrepassa il limite massimo di cheesiness oltre al quale non andrei, ma lui ha qualcosa di speciale e fa eccezione. Al primo ascolto non mi piacque, ma in realta' e' piu' sofisticato di quello che puo' sembrare.

 


  • 1

¯\_(ツ)_/¯


#14 solaris

solaris

    Simmetriade.

  • Members
  • StellettaStellettaStellettaStellettaStellettaStelletta
  • 5597 Messaggi:

Inviato 31 ottobre 2016 - 20:13

Stanotte me lo ascolto.


  • 0

#15 Guest_Michele Murolo_*

Guest_Michele Murolo_*
  • Guests

Inviato 31 ottobre 2016 - 20:22

Bella anche la copertina! Vero solaris?



#16 solaris

solaris

    Simmetriade.

  • Members
  • StellettaStellettaStellettaStellettaStellettaStelletta
  • 5597 Messaggi:

Inviato 31 ottobre 2016 - 20:34

Bella anche la copertina! Vero solaris?

 

 

Sì bella, meglio nelle edizioni slR però.

 

076742620158_1300x1300_300dpi.jpg


  • 0

#17 ravintola

ravintola

    pesky skeleton

  • Members
  • StellettaStellettaStellettaStellettaStellettaStelletta
  • 4071 Messaggi:
  • LocationFirelink Shrine

Inviato 31 ottobre 2016 - 21:03

e questa, solaris?

 

bQwtUGb.jpg

 

bella anche la musica


  • 0

¯\_(ツ)_/¯


#18 Guest_Michele Murolo_*

Guest_Michele Murolo_*
  • Guests

Inviato 31 ottobre 2016 - 21:20

Sembra uno dei quadri di Nicholaj Roerich. Non sono sicuro ma lo stile è quello.



#19 solaris

solaris

    Simmetriade.

  • Members
  • StellettaStellettaStellettaStellettaStellettaStelletta
  • 5597 Messaggi:

Inviato 31 ottobre 2016 - 21:31

Oddio, non l'avrei mai riconosciuto, ma la figura è questa pari pari. Secondo me è una reinterpretazione.
Dio quei lettering...
 
 
Immenso, Roerich:
 
RU%20Roerich%2036%20big(1).jpg
 
095f3fd2068fdb93644c8c7532e8d71e.jpg
 
7.jpg
 
NICHOLAS-ROERICH-SACRED-HIMALAYAS.JPG
  • 3

#20 solaris

solaris

    Simmetriade.

  • Members
  • StellettaStellettaStellettaStellettaStellettaStelletta
  • 5597 Messaggi:

Inviato 31 ottobre 2016 - 21:39

Sembra uno dei quadri di Nicholaj Roerich. Non sono sicuro ma lo stile è quello.

qui più in grande, si legge la firma, non è ben leggibile ma non è lui.


  • 0




0 utente(i) stanno leggendo questa discussione

0 utenti, 0 ospiti, 0 utenti anonimi

IPB Skin By Virteq