Vai al contenuto


Foto
- - - - -

Field Music - Commontime (2016 - Memphis Industries)


  • Please log in to reply
35 replies to this topic

#21 Cyclo

Cyclo

    Palmen am balkon

  • Members
  • StellettaStellettaStellettaStellettaStellettaStellettaStelletta
  • 6335 Messaggi:

Inviato 08 aprile 2016 - 13:45

 

Uno dei riferimenti che ho evitato perché erano già molti quelli citati, comunque si quelli di houses of the holy

 

a me ricorda molto questa  :blink:

 

 

 

asd

 

No, a me no, ma comunque quella lì è farina del sacco di Lucio Dalla e degi Stadio, mica i primi scappati di casa!!!

 

Per me l'influenza che ho avvertito maggiormente è quella di Hall & Oates, citati peraltro nella recensione, ma anche quelle indicate da voi ci stanno tutte. Ad ogni modo per me è già in top-ten!

 

Leggendo alcune recensioni della stampa inglese a proposito di questo album (come le reviews di singoli utenti) sono venute fuori influenze le più variegate.

Io ci sento molto pop/rock fra fine ann '70 inizio anni '80: cose tipo Squeeze, Split Enz, The Fixx (e la voce dei Field Music mi ricorda tanto quella di un cantante AOR dei primi anni '80 che ora non riesco a ricordare).

 

Ma il bello è anche questo: riuscire a fare una sintesi intelligente e fresca con elementi non nuovi ma che assumono una veste nuova.


  • 0

ma che te ne frega dei meno o dei più sei grande ormai, è ora di pensare a una moto di grossa cilindrata.

 

#22 maladiez

maladiez

    Kosmische express courier

  • Members
  • StellettaStellettaStellettaStellettaStellettaStelletta
  • 3357 Messaggi:
  • LocationMagna Grecia

Inviato 08 aprile 2016 - 13:49

 

Ma il bello è anche questo: riuscire a fare una sintesi intelligente e fresca con elementi non nuovi ma che assumono una veste nuova.

 

Parole sacrosante!


  • 0

"Chi vuol brillare, si metta in ombra"

 

 

Alice: "Quanto tempo è per sempre?"

Bianconiglio: " A volte solo un secondo"


#23 xtc

xtc

    Gianfranco Marmoro

  • Redattore OndaRock
  • StellettaStellettaStellettaStellettaStellettaStellettaStellettaStelletta
  • 11269 Messaggi:

Inviato 08 aprile 2016 - 17:04

 

 

Ma il bello è anche questo: riuscire a fare una sintesi intelligente e fresca con elementi non nuovi ma che assumono una veste nuova.

 

Parole sacrosante!

 

mi associo soprattutto per il riferimento per gli squeeze


  • 0

#24 Trespy Sledge

Trespy Sledge

    Strawberry Switchblade

  • Members
  • StellettaStellettaStellettaStellettaStellettaStellettaStellettaStelletta
  • 16119 Messaggi:

Inviato 09 aprile 2016 - 10:15

Prima impressione dopo un paio di ascolti: disco abbastanza inferiore al suo predecessore.
A chi si sta esaltando per questo, consiglio di (ri)prendere in mano il lavoro precedente ("Plumb").

Questo é bellino, suonato molto bene, soprattutto il suono della batteria é sempre corposo, secco ed in primo piano.
Però lo trovo ingiustificatamente lunghetto e un po' sconclusionato (e per il loro stile la linea di confine tra genio e confusione é molto sottile).
  • 0

#25 sturm und

sturm und

    pivello

  • Members
  • Stelletta
  • 12 Messaggi:

Inviato 04 febbraio 2018 - 08:42

Mi sta piacendo tantissimo Open Here. Rispetto al precedente è molto più breve meno dispersivo, probabilmente anche perché hanno ricevuto un avviso di sfratto durante le registrazioni che non ha aiutato molto. asd

 


  • 3

#26 Tony Randine

Tony Randine

    Roadie

  • Members
  • StellettaStellettaStellettaStelletta
  • 544 Messaggi:

Inviato 05 febbraio 2018 - 08:42

Grande disco. Non so se superiore o meno a Commontime e Plumb, ma non mi importa. Band molto sottovalutata. Sono fondamentalmente dei riciclatori, è vero, ma lo fanno con una maestria e un gusto più unici che rari.
  • 0

#27 Cyclo

Cyclo

    Palmen am balkon

  • Members
  • StellettaStellettaStellettaStellettaStellettaStellettaStelletta
  • 6335 Messaggi:

Inviato 05 febbraio 2018 - 14:16

Ascoltato ieri, il nuovo: dopo ci torno sopra, perchè mi ha convinto ma solo in parte.

 

Sicuramente Commontime l'ho trovato più immediato (relativamente) fin dal primo ascolto, con tutti quei passaggi fra prog e AOR: in questo album ci sono numerosi "barocchismi" il che (gusto personale) dopo un po' mi lasciano un po' di noia.

 

Grazie comunque a sturm und per avere segnalato questa uscita: mi fa strano stare qui a ragionare di quest'album mentre in altre parti del forum sono impegnati col nuovo del Truce, ma d'altronde questo è.....

 

Aggiungo una cosa sulla lunghezza dell'album: effettivamente 40' rispetto ai 57' del precedente sono una bella differenza, però onestamente Commontime continuo a non trovarlo per nulla dispersivo. E' lungo ma è vario e quindi mi scorre bene (l'ultima volta l'ho ascoltato 3/4 settimane fa).

Open Here mi pare che abbia sicuramente un'ispirazione più "uniforme" nel suo svolgimento (così "compatto") però devo capire se questo sia un pregio o un limite.


  • 0

ma che te ne frega dei meno o dei più sei grande ormai, è ora di pensare a una moto di grossa cilindrata.

 

#28 Tony Randine

Tony Randine

    Roadie

  • Members
  • StellettaStellettaStellettaStelletta
  • 544 Messaggi:

Inviato 06 febbraio 2018 - 13:55

Ascoltato ieri, il nuovo: dopo ci torno sopra, perchè mi ha convinto ma solo in parte.
 
Sicuramente Commontime l'ho trovato più immediato (relativamente) fin dal primo ascolto, con tutti quei passaggi fra prog e AOR: in questo album ci sono numerosi "barocchismi" il che (gusto personale) dopo un po' mi lasciano un po' di noia.
 
Grazie comunque a sturm und per avere segnalato questa uscita: mi fa strano stare qui a ragionare di quest'album mentre in altre parti del forum sono impegnati col nuovo del Truce, ma d'altronde questo è.....
 
Aggiungo una cosa sulla lunghezza dell'album: effettivamente 40' rispetto ai 57' del precedente sono una bella differenza, però onestamente Commontime continuo a non trovarlo per nulla dispersivo. E' lungo ma è vario e quindi mi scorre bene (l'ultima volta l'ho ascoltato 3/4 settimane fa).
Open Here mi pare che abbia sicuramente un'ispirazione più "uniforme" nel suo svolgimento (così "compatto") però devo capire se questo sia un pregio o un limite.

Anche per me Commontime è tutt'altro che dispersivo. Comunque Open Here mi sembra più il seguito naturale di Plumb che non dello stesso Commontime.
  • 0

#29 Cyclo

Cyclo

    Palmen am balkon

  • Members
  • StellettaStellettaStellettaStellettaStellettaStellettaStelletta
  • 6335 Messaggi:

Inviato 24 febbraio 2018 - 23:42

E' un po' lunghino* e l'ho guardato solo per una piccola parte; però questo concerto (con I Field Music accompagnati da un quartetto d'archi e da un paio di fiati) mi sembra molto interessante.

 

*peraltro da 52' a 1h 17' ci sono 25' di intervallo  asd  :-X

 


  • 2

ma che te ne frega dei meno o dei più sei grande ormai, è ora di pensare a una moto di grossa cilindrata.

 

#30 Tony Randine

Tony Randine

    Roadie

  • Members
  • StellettaStellettaStellettaStelletta
  • 544 Messaggi:

Inviato 25 febbraio 2018 - 16:41

Ci sono anche Them that do nothing e Stay awake :wub:

Comunque nel complesso ho una leggera predilizione per i brani composti da Peter. Tant'è che anche tra i due progetti esterni, The week that was per Peter e School of language per David, ho preferito sicuramente il primo.


  • 0

#31 Fast_Forward

Fast_Forward

    >>

  • Members
  • StellettaStelletta
  • 88 Messaggi:

Inviato 25 febbraio 2018 - 18:05

scoperti con questo disco qua (Commontime)... sapreste consigliarmi altra roba loro? li trovo intriganti


  • 0

#32 LukakuFakeTroll

LukakuFakeTroll

    TOPAZIO

  • Members
  • StellettaStellettaStellettaStellettaStellettaStellettaStellettaStelletta
  • 10791 Messaggi:
  • Location...riverrun

Inviato 25 febbraio 2018 - 18:11

Sì, prova Big Balloon dei Dutch Uncles
  • -1

A proposito del Maurizio Costanzo show, a me l'ospitata del Joker al programma del personaggio di De Niro ha ricordato una di Aldo Busi, ma proprio uguale, compreso il balletto con cui si presenta al pubblico. Dubito che Phoenix si sia ispirato a quella, ma in certe parti, quando si mette a checcheggiare, la somiglianza era impressionante.

il primo maggiorenne che vedrò vestito da joker a carnevale, halloween o similia lo prendo per il culo di brutto
minimo un A STRONZOOOO, ANCORA STU JOKER? STRONZOOOO, vieni a casa mia che ho bisogno di una mano a sgomberare la mansarda, STRONZOOOO

There is a duality between thought and language reminiscent of that which I have described between dreaming and play

Man the sum of his climatic experiences Father said. Man the sum of what have you


#33 Tony Randine

Tony Randine

    Roadie

  • Members
  • StellettaStellettaStellettaStelletta
  • 544 Messaggi:

Inviato 25 febbraio 2018 - 18:54

scoperti con questo disco qua (Commontime)... sapreste consigliarmi altra roba loro? li trovo intriganti


In ordine di preferenza. Mio, ovviamente:
- Commontime
- Plumb
- Open here
- Measure

Tones of town e l'omonimo del 2005 non li conosco a sufficienza. Prima o poi recupererò anche quelli.
  • 0

#34 Cyclo

Cyclo

    Palmen am balkon

  • Members
  • StellettaStellettaStellettaStellettaStellettaStellettaStelletta
  • 6335 Messaggi:

Inviato 11 aprile 2018 - 10:06

E finalmente c'è la rece di xtc per Open Here: http://www.ondarock....ic-openhere.htm  :)

 

Appena possibile mi riascolterò l'album con l'articolo sotto mano per confrontare le sue impressioni con le mie.


  • 0

ma che te ne frega dei meno o dei più sei grande ormai, è ora di pensare a una moto di grossa cilindrata.

 

#35 xtc

xtc

    Gianfranco Marmoro

  • Redattore OndaRock
  • StellettaStellettaStellettaStellettaStellettaStellettaStellettaStelletta
  • 11269 Messaggi:

Inviato 11 aprile 2018 - 10:48

E finalmente c'è la rece di xtc per Open Here: http://www.ondarock....ic-openhere.htm  :)

 

Appena possibile mi riascolterò l'album con l'articolo sotto mano per confrontare le sue impressioni con le mie.

:)


  • 0

#36 Fast_Forward

Fast_Forward

    >>

  • Members
  • StellettaStelletta
  • 88 Messaggi:

Inviato 24 aprile 2018 - 17:33

 

scoperti con questo disco qua (Commontime)... sapreste consigliarmi altra roba loro? li trovo intriganti


In ordine di preferenza. Mio, ovviamente:
- Commontime
- Plumb
- Open here
- Measure

Tones of town e l'omonimo del 2005 non li conosco a sufficienza. Prima o poi recupererò anche quelli.

 

 

oltre a commontime ho sentito anche Plumbe e l'ultimo uscito... il mio preferito rimane commontime, forse perchè lo trovo più pop e meno progressive degli altri due (devo dire che l'ultimo l'ho sentito di sfuggita). 


  • 0




0 utente(i) stanno leggendo questa discussione

0 utenti, 0 ospiti, 0 utenti anonimi

IPB Skin By Virteq