Vai al contenuto


Foto
- - - - -

[Monografia] Andrej Tarkovskij


  • Please log in to reply
52 replies to this topic

#41 Ɲ●†

Ɲ●†

    Haunted

  • Members
  • StellettaStellettaStellettaStellettaStellettaStellettaStellettaStelletta
  • 11706 Messaggi:

Inviato 10 febbraio 2010 - 15:33

Per esempio Lynch secondo Lynch è bellissimo perché non scalfisce per nulla l'aura misterica dei suoi film... Ed è pure divertente!! Con un sacco di aneddoti raccontati dal regista....

Più in generale non mi dispiace leggere quei testi che possono darmi informazioni supplementari sulla lavorazione, sulla sceneggiatura etc, più che "spiegare" il film....
Poi ogni interpretazione è lecita, sia essa scritta in una recensione o in un volume, se il suo ruolo è quello di aprire a punti di vista differenti, di fornire tracce che poi ognuno può rielaborare da sé; per me dipende da quanto si pretende "stringente" ed esclusiva del resto...
Purtroppo (che sia nella sua stessa "natura"?) il Cinema è l'arte che più di altre ha dato vita a concettualizzazioni aberranti che sovente perdono quasi completamente di vista la realtà del film, la quale magari è (sensibilmente, se non intellettualmente) molto più semplice di quanto viene fatto credere, e vale anche per il Tarkovskij più "incomprensibile"... In questo Ghezzi è stato, forse suo malgrado, un cattivo maestro...

proprio in questi giorni sto leggendo un volumetto su Godard che passa in rassegna, attraverso un'antologia critica e dichiarazioni dello stesso regista, tutta la filmografia di JLG. Una delle cose che mi sono subito balzate agli occhi è la differenza nel modo di scrivere dei critici francesi rispettoa quelli italiani. Tanto i francesi sono "piani" e scorrevoli quanto gli italiani sono cavillosi e tendono a perdere di vista il film stesso lanciandosi in teoretizzazioni senza paracadute ma molto paraculate....

  • 0
A chemistry of commotion and style

#42 popten

popten

    Classic Rocker

  • Members
  • StellettaStellettaStellettaStellettaStellettaStelletta
  • 4675 Messaggi:
  • LocationCampania

Inviato 26 febbraio 2010 - 21:53

finalmente ho visto Lo specchio.
probabilmente mi avrebbe giovato leggere un po' la storia del film, l'uso degli stessi attori per più personaggi può spiazzare.
in ogni caso, alcune sequenze mi sono arrivate più o meno dirette come pura poesia. in attesa di una successiva rivisione, ricorderò le stupende sequenze di apertura e chiusura, la natura e i dialoghi su essa e con essa sullo sfondo. magnifico.
alcune toccanti sequenze circa la guerra. e la bellissima protagonista :)
  • 1

#43 reese

reese

    moriremo

  • Members
  • StellettaStellettaStellettaStellettaStellettaStelletta
  • 5669 Messaggi:

Inviato 26 febbraio 2010 - 22:03

finalmente ho visto Lo specchio.
probabilmente mi avrebbe giovato leggere un po' la storia del film, l'uso degli stessi attori per più personaggi può spiazzare.
in ogni caso, alcune sequenze mi sono arrivate più o meno dirette come pura poesia. in attesa di una successiva rivisione, ricorderò le stupende sequenze di apertura e chiusura, la natura e i dialoghi su essa e con essa sullo sfondo. magnifico.
alcune toccanti sequenze circa la guerra. e la bellissima protagonista :)

secondo me ti avrebbe rovinato la visione sapere altro.. I film di Tarkovskij sono fatti per essere goduti nella loro visione essenzialmente, il resto è chiacchera. Io mi sono innamorato di questo film, che forse è il mio preferito.
Il non detto, il vento che muove l'erba come presenza incombente e costante, la natura tutta come casa per l'uomo non fonte di paura, l'infanzia che uno si porta dietro per sempre. Non c'è concettualità e mania di simbolismo.

basta anche solo questa scena
http://www.youtube.c...h?v=PBZsj8FPSbo
  • 1

#44 popten

popten

    Classic Rocker

  • Members
  • StellettaStellettaStellettaStellettaStellettaStelletta
  • 4675 Messaggi:
  • LocationCampania

Inviato 26 febbraio 2010 - 22:18

che grandezza!
comunque figurati,intendevo giusto la particolarità del doppio ruolo di alcuni attori. comunque, a parte che si intuisce, non è neppure fondamentale, specialmente per film così, dove, come giustamente dici, quel che conta è la poesia
spero quanto prima di vedere Sacrificio!

  • 0

#45 popten

popten

    Classic Rocker

  • Members
  • StellettaStellettaStellettaStellettaStellettaStelletta
  • 4675 Messaggi:
  • LocationCampania

Inviato 25 marzo 2010 - 22:49

visto Nostalghia,molto piaciuto.
ho letto le belle parole che alcuni di voi avete speso per questo film, mi fa piacere. specialmente reese, grazie.
come al solito ci sono delle sequenze fantastiche, oltre che dei dialoghi importantissimi.

-I sentimenti non espressi non si dimenticano-

-Non vedere il sole per anni, avere paura della luce...A cosa serve questa tragedia?-

ne segue che mi unisco a raccomandarlo!
  • 0

#46 simon

simon

    Scaruffiano

  • Members
  • StellettaStellettaStellettaStellettaStellettaStellettaStellettaStelletta
  • 11526 Messaggi:

Inviato 28 marzo 2010 - 00:18

rileggendo, ma soprattutto riflettendo sul mirabile secondo volume del grande filosofo Deleuze dedicato al cinema, mi fa piacere trovare il nome di Tarkovskij tra i grandi costruttori dell'ultima frontiera della visione (dell'immagine-tempo): le immagini-cristallo, associate molto spesso a livello squisitamente "didascalico"-"didattico" agli specchi.

in Nostalghia dominano in positivo la magnifica fotografia di Giuseppe Lanci e una lentezza che voglio definire "ritmica" che è accostabile, come modus operandi, all'Antonioni dei primi anni sessanta (e a Miklós Jancsó).
  • 0

#47 Peel Slowly And See

Peel Slowly And See

    Roadie

  • Members
  • StellettaStellettaStellettaStelletta
  • 825 Messaggi:

Inviato 23 gennaio 2011 - 14:09

Ultimamente ho rivisto alcuni suoi film, opere sublimi che toccano i sentimenti più intimi dell'uomo. Non semplici visioni cinematografiche, ma esperienze visive che arrivano dritte alla coscienza dello spettatore.
  • 0

#48 Peel Slowly And See

Peel Slowly And See

    Roadie

  • Members
  • StellettaStellettaStellettaStelletta
  • 825 Messaggi:

Inviato 13 marzo 2012 - 23:36

Ho guardato "Lo specchio", e rispetto ad altri film di Tarkovskij non me la sento di dare un giudizio basato sulla prima visione. Sinceramente ho avuto qualche difficoltà a seguirlo, qualche problema interpretativo, legato alla struttura del film. Non ho guardato tutte le sue opere, ma questa è quella più oscura, anche se credo che un'altra visione potrebbe restituirmela sotto una luce più chiara.
  • 0

#49 paloz

paloz

    Poo-tee-weet?

  • Redattore OndaRock
  • StellettaStellettaStellettaStellettaStellettaStellettaStellettaStellettaStelletta
  • 23360 Messaggi:

Inviato 13 marzo 2012 - 23:39

Esattamente quel che è successo a me. Molto criptico, e dubito che un'altra visione me lo chiarirà. Nella relativa brevità, resta meno fruibile di altri Tarko.
  • 0

esoteros

 

I have spoken softly, gone my ways softly, all my days, as behoves one who has nothing to say, nowhere to go, and so nothing to gain by being seen or heard.

 

(Samuel Beckett, Malone Dies)


#50 aries

aries

    Watcher of the skies.

  • Members
  • StellettaStellettaStellettaStellettaStellettaStelletta
  • 4415 Messaggi:
  • LocationInland Empire

Inviato 25 agosto 2012 - 23:58

Secondo me il meno fruibile rimane Sacrificio, più per la lentezza ossessiva di tutta la parte di mezzo che per l'inspiegabilità del gesto. Ne Lo Specchio più che la confusione data dall'uso dei medesimi attori (d'altra parte è una delle poche cose che viene "spiegata" nel film) a me ha generato confusione il non sapere fin dove era autobiografico.

Oltre a Scolpire il tempo segnalo Martirologio, praticamente i suoi diari dal '70 in avanti.
  • 0
Electro alt-kraut ambient dreamy wave post worldgazer.
Immagine inserita

Questo sopra è un fumetto che ho appena pubblicato. Più info qui.
Qui c'è il mio Rym. Il sito coi miei lavori è invece qui.

#51 Gozer

Gozer

    :3

  • Members
  • StellettaStellettaStellettaStellettaStellettaStellettaStellettaStellettaStelletta
  • 21492 Messaggi:

Inviato 24 agosto 2013 - 17:20

Mi segnalano la morte di Vadim Yusov, direttore della fotografia di Tarkovsky dal 1960 al 1972, figura secondo molti fondamentale nello sviluppo dell'estetica del regista.
  • 0

RYM ___ i contenuti

 

 "SOVIET SAM" un blog billizzimo

 

 

 


#52 William Blake

William Blake

    Titolista ufficiale

  • Redattore OndaCinema
  • StellettaStellettaStellettaStellettaStellettaStellettaStellettaStelletta
  • 15798 Messaggi:

Inviato 26 settembre 2017 - 15:33

Andrej Tarkovskij

 

La nostalgia dell'Ideale

 

Dai primi cortometraggi agli ultimi capolavori girati all’estero, Tarkovskij fu un grande innovatore in campo cinematografico, ma un uomo legato a una tradizione artistica e culturale ormai svanita, portavoce del bisogno spirituale proprio dell’uomo, sostenitore di una fede nell’amore per il prossimo in un’epoca basata sul progresso e sull’individualismo

 

tarkovskij_FS.jpg

 

La monografia 


  • 4
Ho un aspetto tremendo, e non bado a vestirmi bene o a essere attraente, perché non voglio che mi capiti di piacere a qualcuno. Minimizzo le mie qualità e metto in risalto i miei difetti. Eppure c'è lo stesso qualcuno a cui interesso: ne faccio tesoro e mi chiedo: "Che cosa avrò sbagliato?"

#53 simon

simon

    Scaruffiano

  • Members
  • StellettaStellettaStellettaStellettaStellettaStellettaStellettaStelletta
  • 11526 Messaggi:

Inviato 26 settembre 2017 - 23:15

 

Andrej Tarkovskij

 

La nostalgia dell'Ideale

 

Dai primi cortometraggi agli ultimi capolavori girati all’estero, Tarkovskij fu un grande innovatore in campo cinematografico, ma un uomo legato a una tradizione artistica e culturale ormai svanita, portavoce del bisogno spirituale proprio dell’uomo, sostenitore di una fede nell’amore per il prossimo in un’epoca basata sul progresso e sull’individualismo

 

tarkovskij_FS.jpg

 

La monografia 

 

 

 

 

se abiti completamente la tristezza di questo brano allora sei degno di amarlo fino alla follia, noi ci rincontreremo, presto o tardi non me ne frega nulla.

 

nessun addio

 

 

 

oggi sono molto stanco, domani mi piacerebbe scrivere un post importante su NOSTALGHIA, ma tutte queste irate genialità che escono dalla mia testa poi finiscono immancabilmente in qualche tesi di laurea etc.

 

 

La monografia vale dieci, ma Andrej non appartiene manco per il cazzo al linguaggio, Andrej è puro empiriocriticismo che si forma deforma topologicamente inscenando il teatro non metafisco del dolore umano...

 

NOSTALGHIA: se inizio adesso VERAMENTE finisco fra quattro ore... scena dopo scena. 

 

TEMI DI NOSTALGHIA

 

MALATTIA MENTALE

 

RAPPORTRO TRA LA MALATTIA MENTALE E IL TEMPO

 

RAPPORTO TRA LA MALATTIA MENTALE E IL TEMPO COME SALTO DEFINITIVO DAL SARCOMA CRONOS

 

RAPPORTO TRA LA MALATTIA MENTALE E IL TEMPO COME SALTO DEFINITIVO DAL SARCOMA CRONOS CHE INVESTE IL POST SIMBOLICO OCCIDUO RELIGIOSO

 

RAPPORTO TRA LA MALATTIA MENTALE E IL TEMPO COME SALTO DEFINITIVO DAL SARCOMA CRONOS CHE INVESTE IL POST SIMBOLICO OCCIDUO RELIGIOSO ED EVISCERE FINALMENTE OGNI RESIDUO DI FEMMININO NELL'UOMO DEFINITIVAMENTE SENZA ALIBI-CIORAN CHE DEVE MORIRE, METAFORICAMENTE O MENO

 

LA CRUDELTA' TOTALE DI ANDREJ CHE NELLA SCENA DEL NEO GIORDANO BRUNO NON PRENDE ALLA PASOLINI CROSTE PROLETARIE CHE FANNO POMPINI A DIECI SACCHI A PALLA, MA ACCOGLIE E TRASFORMA IL CUORE MARCIO DI ROMA PAPALE IN UNA VERA, CAZZO VERA, ACCOLITA CENACOLO MARTIRIO DI MALATI MENTALI VERI.

 

LA PARANOIA DELLA MACCHINAZIONE ALLA WERNER QUESTA VOLTA, IL RUOLO ASTRALE DELLA FOTOGRAFIA NELLE SCENE INIZIALI, SOPRATTUTTO LA FORZA ESPOSITIVA CHE SOLO LUI AVEVA DI PORTARE IL CAMPO LUNGO ALLA DEVASTAZIONE MENTALE.

 

NOSTALGHIA NON E'UN FILM SULLA VITA, NON E' UN FILM SULLA MORTE, NON E'UN FILM SULLA METAFISICA MA DELL'OLTREPASSAMENTO ARTAUDIANO, VIVERE LA MALATTIA MENTALE, LA COMPLESSITA'INTERIORE ELIOVITTORIANA STRAUBIANA DESTRUCTO PROUSTIANA HEIDEGGERIANA DENTRO IL CERVELLO COME POSSIBILITA' DI SCONFIGGERLA, QUESTA MORTE.

 

SU ANDREJ NON DEVO SCRIVERE, VADO AVANTI PER GIORNI. HO SCRITTO TRE O QUATTROMILA PAGINE SU DI LUI, MI SEMBRA ONESTO CHE LO SCRIVENTE DEBBA ANCHE MANGIARE E NON SPEZZARE IL PANE DELL'ASSURDISMO POST METAFORICO CON TUTTI.

 

DOMANDA: SIGNOR PAOLO BASSANI MA LEI HA VISTO SOLO NOSTALGHIA?

 

RISPOSTA: GENTILISSIMO AMICO, ASSOLUTAMENTE NO E LO CONSIDERO TUTTO SOMMATO UN FILM IMPORTANTE MA NON ESSENZIALE DEL PIU'GRANDE ARTISTA DELL'UMANITA'

 

DOMANDA: IL SUO FILM PREFERITO, E CHE COSA DOBBIAMO ASPETTARCI ALLORA, UNA EVISCERAZIONE SPIRITUALE COME SUBLIME ATTENTATO ALLA MORTE DELLA METAFISICA , DEL PENSIERO, DELL'ESSERCI, DELLA RICREAZIONE PORNOGRAFICA, DELLA TRISTEZZA?

 

RISPOSTA: LEI HA ASCOLTATO LA CANZONE, BERNIE CHE HA PRODOTTO QUESTA MERAVIGLIA DOPO IL JINGLE JANGLE DIVINO, CHE MI DEVASTA I NEURONI SEMPRE, UNA OSESSIONE LURASCHIANA VISSUTA SULLA MIA PELLE MARCIA ISTANTE DOPO ISTANTE PER SEMPRE... ECCO NON DIVAGHIAMO, DOPO I TOM RIPETUTI E LA BELLEZZA RINASCIMENTALE DELLE PENNATE DI BERNARD SUMNER AL MINUTO 3 E 50 IN POI E' ANDREJ TARKOVSKI.

 

NE RIPARLEREMO


  • 3




0 utente(i) stanno leggendo questa discussione

0 utenti, 0 ospiti, 0 utenti anonimi

IPB Skin By Virteq