Vai al contenuto


Foto
- - - - -

American Sniper (Eastwood, 2015)


  • Please log in to reply
123 replies to this topic

#81 vegeta851

vegeta851

    Enciclopedista

  • Members
  • StellettaStellettaStellettaStellettaStellettaStellettaStelletta
  • 8571 Messaggi:
  • LocationFerrara

Inviato 20 gennaio 2015 - 21:06

grande cine, l'ho notato subito anch'io. finto come la pancia di Sienna Miller (sempre gran topa tra l'altro...)


  • 0

#82 cinemaniaco

cinemaniaco

    Classic Rocker

  • Members
  • StellettaStellettaStellettaStellettaStellettaStelletta
  • 3684 Messaggi:

Inviato 21 gennaio 2015 - 21:53

American_Sniper_by_the_Numbers_Chart_emb


  • 0

#83 cinemaniaco

cinemaniaco

    Classic Rocker

  • Members
  • StellettaStellettaStellettaStellettaStellettaStelletta
  • 3684 Messaggi:

Inviato 22 gennaio 2015 - 19:18

certo che a vedere chi sta sostenendo american sniper vien quasi voglia di stroncarlo a priori asd

 

dopo sarah palin che si era sentita in dovere di correggere le frasi di michael moore (che erano comunque alla cazzo, infatti poi ha dovuto mezzo ritrattare), ecco arrivare kid rock più incazzato che mai contro moore e seth rogen:

 

jbqnmbxfd1zo4phohegz.jpg

 

ricordiamo che kid rock è stato autore qualche anno fa della più patriottica canzone del decennio, born free , e diciamo che il suo commento non lascia granché spazio all'immaginazione. è la cara old fashioned america che ritorna alla carica ashd


  • 0

#84 Nijinsky

Nijinsky

    Señorito En Escasez

  • Members
  • StellettaStellettaStellettaStellettaStellettaStellettaStellettaStelletta
  • 13324 Messaggi:

Inviato 22 gennaio 2015 - 19:31

povero Clint.


  • 1

Siamo vittime di una trovata retorica.


#85 volontario laico

volontario laico

    non sono stato io

  • Members
  • StellettaStellettaStellettaStelletta
  • 671 Messaggi:
  • Locationun po' qui, un po' lì

Inviato 22 gennaio 2015 - 20:33

A stento sono riuscito a non addormentarmi durante la proiezione, l'unica sorpresa è stato il finale , film degno di La7gold; è un vero peccato se questo sarà il film più visto e quindi più ricordato nella carriera di Clint perchè non vale un decimo di Mystic River.


  • 0

#86 cinemaniaco

cinemaniaco

    Classic Rocker

  • Members
  • StellettaStellettaStellettaStellettaStellettaStelletta
  • 3684 Messaggi:

Inviato 24 gennaio 2015 - 23:08

dopo moore, anche seth rogen ritratta. che le minacce di kid rock lo abbiano spaventato a morte? asd

 

https://twitter.com/...4473217/photo/1

 

in verità questa vicenda fa capire quanto in america sia sentito il tema. "guerra", "patriottismo", "reduci", lì non sono solo parole come qui da noi. anche rogen come moore deve specificare che ha avuto un nonno che ha combattuto e che non si permetterebbe mai di parlare male dell'esercito, o di strumentalizzare la guerra per fare degli attacchi politici

 

c'è poco da fare agli americani non dovete toccargli l'esercito...


  • 0

#87 Roy Montgomery

Roy Montgomery

    mr. negativity

  • Members
  • StellettaStellettaStellettaStellettaStellettaStelletta
  • 5962 Messaggi:

Inviato 24 gennaio 2015 - 23:43

Sto film è un po' come le vittorie di berlusconi, l'unica cosa positiva è vedere quelli di sinistra piangere


  • 0

3 a 0 in 26 minuti contro il LECCE. Vado a fare la spesa.


#88 Seattle Sound

Seattle Sound

    Non sono pigro,è che non me ne frega un cazzo.

  • Members
  • StellettaStellettaStellettaStellettaStellettaStellettaStellettaStellettaStelletta
  • 36384 Messaggi:
  • LocationTiny little green

Inviato 25 gennaio 2015 - 03:03

 

c'è poco da fare agli americani non dovete toccargli l'esercito...

 

MarsAttacks%2B-%2BJack%2BBlack.png


  • 0

Alfonso Signorini: "Hai mai aperto una cozza?"
Emanuele Filiberto: "Sì, guarda, tante. Ma tante..."
(La Notte degli Chef, Canale 5)

 

"simpatico comunque eh" (Fily, Forum Ondarock)

 

"passere lynchane che finiscono scopate dai rammstein"

"Io ho sofferto moltissimo per questo tipo di dipendenza e credo di poterlo aiutare. Se qualcuno lo conosce e sente questo appello mi faccia fare una telefonata da lui, io posso aiutarlo"
(Rocco Siffredi, videomessaggio sul web)


"Ah, dei campi da tennis. Come diceva Battiato nella sua canzone La Cura"


#89 kristofferson

kristofferson

    Giù la testa, coglioni

  • Members
  • StellettaStellettaStellettaStelletta
  • 657 Messaggi:

Inviato 26 gennaio 2015 - 09:27

Eastwood prende posizione su American Sniper: “Il mio film è contro la guerra”

Intanto il film sta letteralmente scrivendo la storia del box-office USA: 200 milioni di dollari incassati in dieci giorni, numeri inimmaginabili per un film R-Rated, uscito in gennaio (stagione ‘morta’ per il cinema americano), che non fa parte di un franchise, non è di supereroi e nemmeno in 3D...


  • 0

#90 vegeta851

vegeta851

    Enciclopedista

  • Members
  • StellettaStellettaStellettaStellettaStellettaStellettaStelletta
  • 8571 Messaggi:
  • LocationFerrara

Inviato 26 gennaio 2015 - 09:58

Coming off a very surprising opening, American Sniper reinforced its status as a box office heavyweight by scoring one of the biggest second weekends ever.

With over $200 million in the bank already, Sniper is now on track to be the highest-grossing movie from 2014 (it opened in New York and Los Angeles on Christmas Day).

Expanding to 3,705 locations—the widest release ever for an R-rated movie—American Sniper added an estimated $64 million this weekend. That ranks eighth all-time among second weekends, ahead of movies like The Dark Knight Rises, The Hunger Games and The Passion of the Christ.

That $64 million tally is off just 28 percent from the movie's opening frame, which is the best second weekend hold ever for a movie that opened above $80 million.

With fantastic word-of-mouth and a few more weeks of light competition, American Sniper should continue to hold well in the coming weeks. It will likely close north of $350 million—good enough for the top movie of 2014—and it even has an outside chance at reaching $400 million.


  • 0

#91 cinemaniaco

cinemaniaco

    Classic Rocker

  • Members
  • StellettaStellettaStellettaStellettaStellettaStelletta
  • 3684 Messaggi:

Inviato 26 gennaio 2015 - 23:59

alla fine l'ho visto

 

secondo me il più grosso problema del film è che è un film molto convenzionale. in questo decisamente in linea con la produzione dell'ultimo eastwood, che come un po' tutti diciamo si è "seduto" come autore. amministra bene le sue 2 ore ma non ha un guizzo, non ha una idea di "peso" od interessante, anzi ha un paio di momenti persino al limite dell'imbarazzante (le due telefonate con la moglie, soprattutto la prima con il telefono che cade a terra ma come fosse un altoparlante ripropone alla moglie che sta dall'altra parte del mondo tutte le sequenze della battaglia, lei tra l'altro incinta che piange disperata fuori dall'ospedale pensando che il marito sia morto, ma poi la scenetta si ripete verso la fine)

 

ideologicamente il film segue questa impostazione. magari fosse stato un film reazionario. un film incazzato e furioso. è all'insegna di quella ideologia "neutra" che non fa un torto a nessuno. la guerra è brutta? si, ma in fondo serve perché non vogliamo che questi sanguinari arrivino a san diego o a new york, vero? più che un biopic è un film agiografico. kyle è l'eroe senza macchia, leader nato, leale con gli amici, implacabile sul campo di battaglia, ha una sola missione nella vita: salvare vite americane. e il suo unico rimpianto non è aver ucciso uomini, donne e bambini, ma non aver salvato abbastanza soldati americani. quando ha il fucile in mano sembra davvero un supereroe, sembra quasi che riesca a sparare anche girato di spalle, ed ammetto che guardando il film mi è venuto in mente il commento di seth rogen sul parallelismo con il film nel film di bastardi senza gloria e mutatis mutandis ha davvero ragione asd io poi non so come fosse kyle nella vita vera: magari era davvero questo fuoriclasse del fucile, del resto ha ammazzato più persone lui che l'ebola. ma questo è un film, non la vita vera. e io giudico il film

 

credo che il film stia avendo questo successo incredibile perché se lo si prende come semplice intrattenimento - anche se convenzionale - si può dire che funziona. è un film di guerra violento, con un bel po' di sparatorie e combattimenti. si, c'è tutta la retorica dell'eroe americano che manda sicuramente in estasi il pubblico a stelle strisce e c'è il tema attuale della guerra al terrore (anche se sembrano già così lontani i tempi di bin laden, al-zarqawi e della guerra in iraq quando le cronache di oggi sono dominate da isis, yemen e nigeria), ma io sono dell'idea che il successo di un film venga prima di tutto dalla sua fruibilità. american sniper è un film che appare così come è, non richiede grandi sforzi allo spettatore e non scontenta nessuno, neppure il pubblico femminile che di solito si tiene ben lontano dai film di guerra

 

certo, preso come film di clint eastwood delude, inutile negarlo


  • 2

#92 Jack DiSpade

Jack DiSpade

    Critico proto-punk

  • Members
  • StellettaStellettaStellettaStelletta
  • 629 Messaggi:
  • LocationArezzo

Inviato 27 gennaio 2015 - 20:13

visto oggi, piaciuto. Filoamericanmilitarismo non ne vedo, solo il ritratto ben delineato di una figura interessante. Anzi, l'operazione mi sembra propio volta a decostruire l'archetipo dell'eroe merregano alla metal slug mettendo in scena la storia di un eroe di guerra reale. Ritenere AS  filoamilitare è come ritenere  The wolf of wall street  filocapitalista. Dirò una cosa detta e ridetta, ma AS è un film che parla di un soldato americano, attaccarlo solo per la materia trattata significa entrare in sala già prevenuti: se a uno non interessa la cosa, inutile andare a vedere un film che si chiama "American Sniper" di Clint Eastwood, con tanto di bandiera nella locandina.

 

Ovviamente i discorsi tipo " difendo gli USA perché sono il paese più bello del mondo" ci sono, ma sempre a livello intra-diegetico, non ci sono artifici retorici tesi a esaltare un teorema, è ideologicamente abbastanza neutro, semmai leggermente spostato sull'antimilitarismo. Ad esempio, nella sequenza del funerale, tutta la fanfara delle banfìdiere e le trombette, io non l'ho letta manco per un secondo come sviolinata patriottica, ma come rappresentazione di un esercito totalizzante che  ingloba e fagocita le vite dei soldati, invadendo ogni aspetto della loro vita e derubandoli alle loro famiglie, persino nel sacro momento del lutto.

 

Chris Kyle è uno di quei (pochi) soldati che "ci crede veramente" e il lungometraggio svela come è andato a costruirsi tale sistema valoriale e le conseguenze a cui lo questo lo porta. Figure che esistono veramente e che meritano di essere raccontate, se non altro per gusto antropologico. Se AS banalizza la guerra in Iraq (d'altronde si può veramente pensare che un film possa evitare di banalizzare un discorso così complesso?) è solo perché rimane vicino alla prospettiva dei soldati, che si ritrovano lì in mezzo senza sapere bene perché ammazzano gente e dandosi ognuno le sue giustificazioni a posteriori. L'azione bellica è un dato di fatto indipendente dalla loro volontà, le decisioni dei politici e dei superiori sono totalmente escluse dalla vicenda, fanno parte di una dimensione ancora più lontana di quella del nemico. Possono solo decidere se contribuire arruolandosi o meno;

 

per kyle la guerra è giusta e trova uno scopo alla sua triste esistenza nel combattere, ma non ha facoltà di fermare la guerra, solo quella di mandare un altro al posto suo, cosa incompatibile con la sua etica. Quando uccide il bambino non c'è niente che sottolinei la suà bontà sul piano morale c'è solo l'approvazione intra-diegetica dei seals ("ottimo lavoro"): è  una partenza col botto, che semmai enfatizza il suo personale percorso di disumanizzazione concausato dalla responsabilità di cui è investito ("decisione tua") e dai feedback positivi ricevuti dall'ideologia militarista.

 

Non mi sono piaciute alcune scene d'azione, in particolare avrei voluto vedere maggiore spazio al lavoro di cecchino (che è pur presente), mentre vengono prediletti gli assalti, spesso troppo convenzionali o inefficaci quando provano a non esserlo: ad esempio, nella scena del "confronto finale" con Mustafà, quella skycam che riproduce le immagini del drone dovrebbe aiutare ad avere una visione complessiva dell'ingaggio, ma in realtà le persone sono rimpicciolite al punto da non essere distinguibili, per cui serve solo a fare un po' di "colore".

 

Il 5 mi pare un po' ingeneroso, come ho detto anche riguardo a "Big Eyes" (altro biopic di inizio anno bocciato da oc), difatti stavo pensando di avere standard troppo bassi.... poi ho visto il 6 a "Vacanze di Natale a Cortina" e sono tornato in confusione :blink:


  • 5

#93 kristofferson

kristofferson

    Giù la testa, coglioni

  • Members
  • StellettaStellettaStellettaStelletta
  • 657 Messaggi:

Inviato 28 gennaio 2015 - 09:33

ha un paio di momenti persino al limite dell'imbarazzante (le due telefonate con la moglie, soprattutto la prima con il telefono che cade a terra ma come fosse un altoparlante ripropone alla moglie che sta dall'altra parte del mondo tutte le sequenze della battaglia, lei tra l'altro incinta che piange disperata fuori dall'ospedale pensando che il marito sia morto, 

 
Scena efficacissima invece nel trasmettere la dimensione surreale della guerra (post)moderna in cui è calato Kyle.
Eastwood aveva fatto qualcosa di simile già ai tempi di Gunny dove i marines che invadono Grenada per fare una chiamata internazionale allo loro base in America devono passare per il centralino e usare la carta di credito: la guerra che pervade la quotidianità, e viceversa...

 

certo, preso come film di clint eastwood delude, inutile negarlo


5s9x5.gif

ashd


  • 0

#94 cinemaniaco

cinemaniaco

    Classic Rocker

  • Members
  • StellettaStellettaStellettaStellettaStellettaStelletta
  • 3684 Messaggi:

Inviato 28 gennaio 2015 - 11:57

secondo me fate un po' troppa "sovrastruttura" ashd

 

col fatto che l'ha fatto eastwood state a cercare una ambiguità che secondo me non c'è, una profondità che secondo me non c'è. lo avesse diretto un altro regista non vi sareste sforzati così tanto, ne sono sicuro. sono più belli ed interessanti i vostri commenti del film, e lo dico senza voler mancare di rispetto nè al film nè a voi (anzi a voi faccio proprio un complimento, intendo kris e jack)


  • 1

#95 Jack DiSpade

Jack DiSpade

    Critico proto-punk

  • Members
  • StellettaStellettaStellettaStelletta
  • 629 Messaggi:
  • LocationArezzo

Inviato 28 gennaio 2015 - 21:13

Me so sforzato propio perché le reazioni di molte persone anche intelligenti contrastavano con la mia impressione a caldo. Per me è propio chi lo affossa che è condizionato dall'autore, perché lo confronta con robe come "gli spietati" e "Lettere da Iwo Jima", con i quali ovviamente  sfigura. Non è che abbia chissà quale profondita, ma rimane un buon film, sopra la media corrente. Più che ambiguo per me è abbastanza neutro ideologiacamente (cosa che poi, a me, non interessa neanche molto).


  • 0

#96 cinemaniaco

cinemaniaco

    Classic Rocker

  • Members
  • StellettaStellettaStellettaStellettaStellettaStelletta
  • 3684 Messaggi:

Inviato 30 gennaio 2015 - 21:41

ahaha ma quanto sta continuando a rosicare michael moore? asd

 

The Day Clint Eastwood Said He Would "Kill" Me

 

https://www.facebook...152576593336857

 

gli toccherà poi ritrattare pure questa

 

comunque ce lo vedo troppo clint in modalità "get off my lawn" asd

 


  • 0

#97 Tom

Tom

  • Members
  • StellettaStellettaStellettaStellettaStellettaStellettaStellettaStelletta
  • 13002 Messaggi:

Inviato 30 gennaio 2015 - 22:34

Sono anni che Moore racconta quell'episodio.

Da fesso, perché non capisce che è esattamente il tipo di storielle che vanno ad alimentare il mito dell'attore.


  • 0

#98 Harry Caul

Harry Caul

    se ci dice bene finiamo nella merda

  • Members
  • StellettaStellettaStellettaStellettaStellettaStellettaStelletta
  • 6150 Messaggi:

Inviato 31 gennaio 2015 - 11:43

Mai capito il successo di Moore sinceramente, all'epoca già il superacclamato Bowling at Columbine mi sembrò poca cosa ma il successivo Fahrenheit 9/11 che vinse pure la palma d'oro era proprio una cazzata.

Le  stronzate che sta sparando negli ultimi tempi mi confermano la pochezza del personoaggio.


  • 0

#99 Jack DiSpade

Jack DiSpade

    Critico proto-punk

  • Members
  • StellettaStellettaStellettaStelletta
  • 629 Messaggi:
  • LocationArezzo

Inviato 02 febbraio 2015 - 12:26

Mai capito il successo di Moore

 

 

Semplice: lui fa complottismo d'autore asd


  • 0

#100 kristofferson

kristofferson

    Giù la testa, coglioni

  • Members
  • StellettaStellettaStellettaStelletta
  • 657 Messaggi:

Inviato 02 febbraio 2015 - 14:18

American Sniper intanto trionfa al box-office USA per il terzo weekend di seguito, incassando altri 31,8 milioni di dollari (record di sempre per il weekend del Super Bowl) per un totale che tocca i 250 milioni complessivi.
Anche in Italia raggiunge la ragguardevole cifra di 18 milioni di euro.


  • 0




0 utente(i) stanno leggendo questa discussione

0 utenti, 0 ospiti, 0 utenti anonimi

IPB Skin By Virteq