Vai al contenuto


Foto
* * * * * 2 Voti

[Pietra Miliare] Fabrizio De André - Anime Salve - 1996 - Bmg Ricordi


  • Please log in to reply
455 replies to this topic

#21 Giovanni Drogo

Giovanni Drogo

    Non lo so

  • Members
  • StellettaStellettaStellettaStellettaStellettaStellettaStelletta
  • 6797 Messaggi:

Inviato 14 ottobre 2014 - 09:48

Io sinceramente non capisco il motivo di questa Pietra Miliare, in ogni caso stando alla situazione attuale dovreste togliere secondo me la denominazione di "Pietra Miliare" e scrivere come dicitura per questi dischi "Dischi Consigliati", perché tutte le pietre miliari che state creando non hanno alcun senso. Anime Salve men che meno, è un disco carino, un bel saluto a coronamento di una carriera importante, ma non ha niente di miliare, la produzione è standard con qualche bell'inserto in arrangiamento ogni tanto (Khorakanhé o come cazzo si scrive), ma che non fa altro che ricalcare idee già presenti nei dischi precedenti, i testi nulla di più di quanto De André non avesse già scritto. Vorrei capire in base a quali criteri avete ritenuto opportuno miliarizzarlo.


  • 4

Statisticamente parlando, non lo so.


#22 Gozer

Gozer

    :3

  • Members
  • StellettaStellettaStellettaStellettaStellettaStellettaStellettaStellettaStelletta
  • 21442 Messaggi:

Inviato 14 ottobre 2014 - 09:49

La sua grandezza sta pure lì: nello scegliersi la persona o le persone giuste nel momento giusto. Persone che potessero spingerlo oltre nella ricerca musicale. 

 

Su questo non ci piove, per me i risultati furono quasi sempre mediocri e parte il periodo con Bubola, ma se mi piacesse è ovvio che loderei il sapersi scegliere i collaboratori giusti. 

A cui peraltro non rubava niente, i credits per gli altri ci sono (quasi) sempre, ma il punto è dei credits non gliene frega niente a nessuno, per la gente il genio è De André punto, che abbia usato quindicimila collaboratori lo sanno solo gli esegeti o noi che ne discutiamo qui in un forum con un minimo di livello.

E erano collaboratori pesantissimi, che in alcuni casi ("Creuza de ma" appunto) hanno contato addirittura PIU' di lui per la creazione del disco. Per questo nominarli non fa mai male.

 

Molto meno lodevole è invece il fatto che si sia attribuito più volte melodie che non erano le sue.


e heroes?

 

Sei brani sono firmati da Bowie da solo, tre con Eno, uno Eno e Alomar.

L'unico disco davvero molto eniano della trilogia è "Lodger", peccato che sia considerato il peggiore da chiunque. asd


  • 1

RYM ___ i contenuti

 

 "SOVIET SAM" un blog billizzimo

 

 

 


#23 xtc

xtc

    Gianfranco Marmoro

  • Redattore OndaRock
  • StellettaStellettaStellettaStellettaStellettaStellettaStellettaStelletta
  • 11027 Messaggi:

Inviato 14 ottobre 2014 - 09:50

 

 

 

Oltre al fatto che tre pietre lui e una Battisti. Ok, sto zitto che è meglio.  ;D

 

 

 

Siamo in due a pensarla così. Non tanto per le tre pietre a De André, ma per l'unica a Battisti. E non c'è nulla di male a pensarlo e a scriverlo. ;D

 

 

 

 

concordo ma ci sono migliaia di buchi e coprirne uno non significa eliminare la possibilità di coprirne altri, quindi la contestazione di gozer è fuori luogo visto che poi conosce le dinamiche del sito


  • 0

#24 xtc

xtc

    Gianfranco Marmoro

  • Redattore OndaRock
  • StellettaStellettaStellettaStellettaStellettaStellettaStellettaStelletta
  • 11027 Messaggi:

Inviato 14 ottobre 2014 - 09:52

 

La sua grandezza sta pure lì: nello scegliersi la persona o le persone giuste nel momento giusto. Persone che potessero spingerlo oltre nella ricerca musicale. 

 

Su questo non ci piove, per me i risultati furono quasi sempre mediocri e parte il periodo con Bubola, ma se mi piacesse è ovvio che loderei il sapersi scegliere i collaboratori giusti. 

A cui peraltro non rubava niente, i credits per gli altri ci sono (quasi) sempre, ma il punto è dei credits non gliene frega niente a nessuno, per la gente il genio è De André punto, che abbia usato quindicimila collaboratori lo sanno solo gli esegeti o noi che ne discutiamo qui in un forum con un minimo di livello.

E erano collaboratori pesantissimi, che in alcuni casi ("Creuza de ma" appunto) hanno contato addirittura PIU' di lui per la creazione del disco. Per questo nominarli non fa mai male.

 

Molto meno lodevole è invece il fatto che si sia attribuito più volte melodie che non erano le sue.


e heroes?

 

Sei brani sono firmati da Bowie da solo, tre con Eno, uno Eno e Alomar.

L'unico disco davvero molto eniano della trilogia è "Lodger", peccato che sia considerato il peggiore da chiunque. asd

 

io non considero la firma l'unico referente , e poi ripeto era un esempio per provocarti , mi hai deluso


  • 0

#25 Gozer

Gozer

    :3

  • Members
  • StellettaStellettaStellettaStellettaStellettaStellettaStellettaStellettaStelletta
  • 21442 Messaggi:

Inviato 14 ottobre 2014 - 09:54

concordo ma ci sono migliaia di buchi e coprirne uno non significa eliminare la possibilità di coprirne altri, quindi la contestazione di gozer è fuori luogo visto che poi conosce le dinamiche del sito

 

beh, allora diciamo che le dinamiche del sito avrebbero potuto far attendere ancora qualche annetto per una terza pietra per De André, per quanto mi riguarda si intende. 


  • 1

RYM ___ i contenuti

 

 "SOVIET SAM" un blog billizzimo

 

 

 


#26 vuvu

vuvu

    الرجل المكرسة لقضية المرأة ويقع في

  • Redattore OndaRock
  • StellettaStellettaStellettaStellettaStellettaStellettaStellettaStelletta
  • 15557 Messaggi:

Inviato 14 ottobre 2014 - 10:00

Non vorrei allargare troppo la discussione su scelte e tempistiche recensorie propriamente redazionali, ma Battisti ne merita almeno un'altra e sarò il primo a proporlo nella sede opportuna. Sottolineare il rapporto tre a uno evidenzia solo la necessità di dare a "Cesare" quel che è di "Cesare".


  • 2

"L'intensità del rumore provoca ostilità, sfinimento, narcisismo, panico e una strana narcosi." (Adam Knieste, cit.)

 

"Deve rimanere solo l'amore per l'arte, questo aprire le gambe e farsi immergere dal soffio celeste dello Spirito." (Simon, cit.)

 

La vita è bella solo a Ibiza (quando non c'è nessuno).


#27 cool as kim deal

cool as kim deal

    Utente contro le bonus track

  • Members
  • StellettaStellettaStellettaStellettaStellettaStellettaStellettaStelletta
  • 12014 Messaggi:
  • LocationLooking Corsica, Feeling Corsico

Inviato 14 ottobre 2014 - 10:03

Per me è una pietra che ci sta, non è semplicemente un disco carino come dice Giovanni.

Lo ricordo ottimo e coinvolgente, per niente con l'effetto "session" di cui parla Markmus onestamente

 

Parlo di De Andrè, poi nella dinamica delle PM, ci sta una seconda a Battisti come una prima a Guccini


  • 0
FATE TORNARE LO SPECCHIETTO DI RYM IN FIRMA

#28 LaBanda

LaBanda

    Minus Habens con Viso da Pirata Marcio

  • Members
  • StellettaStellettaStellettaStellettaStellettaStellettaStelletta
  • 9019 Messaggi:
  • LocationOklahoma City

Inviato 14 ottobre 2014 - 10:10

Secondo me è più scandaloso il 6 per non al denaro non all'amore nè al cielo. 

Questa denigrazione o comunque questo desiderio di affossamento ha un motivo ed è un problema: i dischi di De Andrè piacciono a quelli che probabilmente schifava anche lui, artista sincero e coerente. Piacciono a quelli che per dimostrare "aperture mentali" si limitano a dire che De Andrè è un grande come per pulirsi la loro coscienza nascosti dietro un falso moralismo perbenista radical chic. Il problema numero uno oggi di Faber è Fabio Fazio per dirne uno. 

 

Che De Andrè sia se non proprio il, almeno uno dei più grandi cantautori italiani è fuor di dubbio. Per tematiche, testi e musiche e onestà intellettuale ha pochi rivali, il fatto che si sia avvalso di grandi collaboratori è SOLO UN MERITO.


  • 8

Cristo creò le case e li palazzi
p'er prencipe, er marchese e 'r cavajjere,
e la terra pe nnoi facce da cazzi

 

https://www.youtube....h?v=oU_O-2Howa8


#29 Giovanni Drogo

Giovanni Drogo

    Non lo so

  • Members
  • StellettaStellettaStellettaStellettaStellettaStellettaStelletta
  • 6797 Messaggi:

Inviato 14 ottobre 2014 - 10:10

Per me è una pietra che ci sta, non è semplicemente un disco carino come dice Giovanni.

Lo ricordo ottimo e coinvolgente, per niente con l'effetto "session" di cui parla Markmus onestamente

 

Ottimo e coinvolgente quindi è sufficiente per essere considerato pietra miliare? L'effetto session va e viene, è presente soprattutto dove ci sono basso e batteria, mentre altrove scompare. Il punto è un altro, ed in questo anche la gara tra artisti per il numero di pietre c'entra poco: per quanto sia un bel disco (e lo è) lo trovo comunque poco significativo, non è una svolta né per l'artista, né per una scena da lui rappresentata, non ha suoni nuovi, non ha scelte particolarmente coraggiose rispetto al periodo in cui è scritto, non ha avuto un successo commerciale così incredibile. Perché dovrebbe essere una pietra miliare?

 

Sarebbe sufficiente togliere quella denominazione priva di senso, e sostituirla con qualcosa di meno storicizzante.


  • 0

Statisticamente parlando, non lo so.


#30 cool as kim deal

cool as kim deal

    Utente contro le bonus track

  • Members
  • StellettaStellettaStellettaStellettaStellettaStellettaStellettaStelletta
  • 12014 Messaggi:
  • LocationLooking Corsica, Feeling Corsico

Inviato 14 ottobre 2014 - 10:22

 

Per me è una pietra che ci sta, non è semplicemente un disco carino come dice Giovanni.

Lo ricordo ottimo e coinvolgente, per niente con l'effetto "session" di cui parla Markmus onestamente

 

Ottimo e coinvolgente quindi è sufficiente per essere considerato pietra miliare? L'effetto session va e viene, è presente soprattutto dove ci sono basso e batteria, mentre altrove scompare. Il punto è un altro, ed in questo anche la gara tra artisti per il numero di pietre c'entra poco: per quanto sia un bel disco (e lo è) lo trovo comunque poco significativo, non è una svolta né per l'artista, né per una scena da lui rappresentata, non ha suoni nuovi, non ha scelte particolarmente coraggiose rispetto al periodo in cui è scritto, non ha avuto un successo commerciale così incredibile. Perché dovrebbe essere una pietra miliare?

 

Sarebbe sufficiente togliere quella denominazione priva di senso, e sostituirla con qualcosa di meno storicizzante.

 

 

Per me è il suo disco più bello insieme a Creuza de ma, quindi per me ci sta molto di più di Tutti morimmo a stento ad esempio, che ricordo pesantissimo


  • 0
FATE TORNARE LO SPECCHIETTO DI RYM IN FIRMA

#31 Claudio

Claudio

    I am what I play

  • Administrators
  • 33928 Messaggi:
  • LocationRoma

Inviato 14 ottobre 2014 - 10:23

 

Per me è una pietra che ci sta, non è semplicemente un disco carino come dice Giovanni.

Lo ricordo ottimo e coinvolgente, per niente con l'effetto "session" di cui parla Markmus onestamente

 

Ottimo e coinvolgente quindi è sufficiente per essere considerato pietra miliare? L'effetto session va e viene, è presente soprattutto dove ci sono basso e batteria, mentre altrove scompare. Il punto è un altro, ed in questo anche la gara tra artisti per il numero di pietre c'entra poco: per quanto sia un bel disco (e lo è) lo trovo comunque poco significativo, non è una svolta né per l'artista, né per una scena da lui rappresentata, non ha suoni nuovi, non ha scelte particolarmente coraggiose rispetto al periodo in cui è scritto, non ha avuto un successo commerciale così incredibile. Perché dovrebbe essere una pietra miliare?

 

Sarebbe sufficiente togliere quella denominazione priva di senso, e sostituirla con qualcosa di meno storicizzante.

 

 

Per me ha invece segnato un unicum nella storia della musica italiana, uno di quei dischi che realizzano una combinazione impossibile e che non si potrà mai più riprodurre. E contiene forse anche le più belle canzoni scritte da De André (e Fossati) dagli anni 70. Non avrà venduto tantissimo, ma all'epoca ricordo che fu un discreto crack per la musica italiana del periodo. A suo modo storico davvero, secondo me.

 

Detto ciò, tengo a ribadire ancora una volta che l'espressione "pietre miliari" non significa " i dischi che hanno fatto la storia" (sarebbe presuntuosa e ridicola una lista del genere). Fu scelto quel nome solo perché prevalse di un'incollatura su "Masters of rock" e "Oldies but goldies", gli altri nomi in lizza. Ma il senso è esattamente quello, come spiegato anche nella noterella introduttiva.


  • 0

#32 Gozer

Gozer

    :3

  • Members
  • StellettaStellettaStellettaStellettaStellettaStellettaStellettaStellettaStelletta
  • 21442 Messaggi:

Inviato 14 ottobre 2014 - 10:23

 De Andrè [...] onestà intellettuale

 

Perché allora si accreditava pezzi non suoi?  ]:)


  • 0

RYM ___ i contenuti

 

 "SOVIET SAM" un blog billizzimo

 

 

 


#33 Giovanni Drogo

Giovanni Drogo

    Non lo so

  • Members
  • StellettaStellettaStellettaStellettaStellettaStellettaStelletta
  • 6797 Messaggi:

Inviato 14 ottobre 2014 - 10:31

 

 

Per me è una pietra che ci sta, non è semplicemente un disco carino come dice Giovanni.

Lo ricordo ottimo e coinvolgente, per niente con l'effetto "session" di cui parla Markmus onestamente

 

Ottimo e coinvolgente quindi è sufficiente per essere considerato pietra miliare? L'effetto session va e viene, è presente soprattutto dove ci sono basso e batteria, mentre altrove scompare. Il punto è un altro, ed in questo anche la gara tra artisti per il numero di pietre c'entra poco: per quanto sia un bel disco (e lo è) lo trovo comunque poco significativo, non è una svolta né per l'artista, né per una scena da lui rappresentata, non ha suoni nuovi, non ha scelte particolarmente coraggiose rispetto al periodo in cui è scritto, non ha avuto un successo commerciale così incredibile. Perché dovrebbe essere una pietra miliare?

 

Sarebbe sufficiente togliere quella denominazione priva di senso, e sostituirla con qualcosa di meno storicizzante.

 

 

Per me ha invece segnato un unicum nella storia della musica italiana, uno di quei dischi che realizzano una combinazione impossibile e che non si potrà mai più riprodurre. E contiene forse anche le più belle canzoni scritte da De André (e Fossati) dagli anni 70. Non avrà venduto tantissimo, ma all'epoca ricordo che fu un discreto crack per la musica italiana del periodo. A suo modo storico davvero, secondo me.

 

Detto ciò, tengo a ribadire ancora una volta che l'espressione "pietre miliari" non significa " i dischi che hanno fatto la storia" (sarebbe presuntuosa e ridicola una lista del genere). Fu scelto quel nome solo perché prevalse di un'incollatura su "Masters of rock" e "Oldies but goldies", gli altri nomi in lizza. Ma il senso è esattamente quello, come spiegato anche nella noterella introduttiva.

 

 

 

Scusa, nella nota introduttiva sta scritto questo:

 

 

Questa rubrica è dedicata a dischi che lo staff di Onda Rock considera "classici" del rock. Capolavori, album significativi, importanti, che hanno fatto epoca, ma non solo necessariamente celebri o bestseller. In alcuni casi, infatti, si tratta di lavori che hanno sotterraneamente influenzato la nascita o lo sviluppo di un genere. Lavori comunque fondamentali, senza dei quali, forse, la musica che oggi ascoltiamo non sarebbe la stessa. "Solo duemila persone comprarono Velvet Underground & Nico, ma finirono tutti per fondare un gruppo", era una celebre battuta di Brian Eno. Il nostro umile obiettivo è cercare di far sì che prima o poi alcuni di questi dischi ottengano i riconoscimenti che meritano o, quantomeno, qualche ascoltatore in più.
Nessuna pretesa didascalica, invece: esistono infinite "storie del rock", e quella che attraverso questi dischi tratteggiamo è soltanto una di quelle possibili, mediata, ovviamente, dai nostri gusti, dalla nostra sensibilità, dai nostri ascolti. Tenetelo presente, se noterete che il vostro disco preferito non è in questa lista. La lista si amplia essenzialmente su base spontanea: non è prevista una gerarchia o priorità particolare a monte, né una quota limite per ogni gruppo: non è detto che se oggi vi sono 4 dischi di Bowie, in futuro non possano esservene altrettanti di altri musicisti. Piano piano si aggiungeranno anche dischi delle ultime due decadi, inevitabilmente meno rappresentate. E comunque l'elenco è ancora provvisorio e sarà costantemente ampliato con nuovi titoli, alcuni dei quali imprescindibili quanto, se non più di quelli già presenti. 

 

Io ci interpreto una chiara valenza storica, e mi sembra chiaro come il sole che Anime Salve non ce l'abbia, tu parli di "Combinazione impossibile", in cosa consiste dal punto di vista musicale? Aveva molti soldi da investire nella produzione, e li ha investiti bene, tutto qua.


  • 1

Statisticamente parlando, non lo so.


#34 lazlotoz

lazlotoz

    Classic Rocker

  • Moderators
  • 5131 Messaggi:

Inviato 14 ottobre 2014 - 10:32

 

La sua grandezza sta pure lì: nello scegliersi la persona o le persone giuste nel momento giusto. Persone che potessero spingerlo oltre nella ricerca musicale. 

 

Su questo non ci piove, per me i risultati furono quasi sempre mediocri e parte il periodo con Bubola, ma se mi piacesse è ovvio che loderei il sapersi scegliere i collaboratori giusti. 

A cui peraltro non rubava niente, i credits per gli altri ci sono (quasi) sempre, ma il punto è dei credits non gliene frega niente a nessuno, per la gente il genio è De André punto, che abbia usato quindicimila collaboratori lo sanno solo gli esegeti o noi che ne discutiamo qui in un forum con un minimo di livello.

E erano collaboratori pesantissimi, che in alcuni casi ("Creuza de ma" appunto) hanno contato addirittura PIU' di lui per la creazione del disco. Per questo nominarli non fa mai male.

 

Molto meno lodevole è invece il fatto che si sia attribuito più volte melodie che non erano le sue.

 

Chiaro che se reputi mediocre il risultato ottenuto dalle collaborazioni il margine di discussione è scarsissimo.

Però, quando dicevo rubare o cannibalizzare intendevo non tanto il fatto dei credits (ci mancherebbe, anche perché a parte Bubola giovanissimo gli altri collaboratori citati non erano certo di primo pelo e sicuramente a livello contrattuale erano ben tutelati) ma per il fatto che da un certo punto in poi si sapeva che il nome che sarebbe uscito fuori sarebbe stato quello di De Andrè e basta. Mi pare di ricordare che proprio per Anime Salve in teoria il disco doveva essere a nome De Andrè Fossati, ma visto che quest'ultimo aveva altre robe da fare a livello discografico e chiedeva più tempo, il De Andrè semplicemente andò dritto per la sua strada per chiudere il tutto e dargli il solo suo nome.
Io credo che la santificazione di qualunque artista sia una puttanata e rende ciechi rispetto a una critica. E lui post-mortem è stato elevato a divinità. Secondo me è stato uno dei migliori in assoluto e va bene, ma quando fai di uno un dio poi è un casino parlarne.

Battisti che citi lo conosco meno ma mi pare abbia avuto un percorso quasi inverso da questo punto di vista. La morte lo ha fatto dimenticare (a parte le canzoni da falò, che però non gli rendono giustizia per quel che so), e tutta la stampa/critica/pubblico lo ha relegato in un secondo piano che gli sta parecchio stretto.

 

Poi, come già detto, se De André ti pare un mediocre (legittimamente) non è che si può discutere troppo nel merito della questione. Però potresti dirmi un po' della questione "melodie rubate" perché mi interessa assai. 


  • 2

lazlotoz, [...]: sei un gigantesco coglione. Ma proprio un cretino senza pari, [...] Sparati, che fai un favore al mondo.


#35 Harry Caul

Harry Caul

    se ci dice bene finiamo nella merda

  • Members
  • StellettaStellettaStellettaStellettaStellettaStelletta
  • 5796 Messaggi:

Inviato 14 ottobre 2014 - 10:38

3 pietre a De Andrè? Ci stanno tutte, anche se avrei scelto altri titoli.

Anime Salve in particolare l'ho sempre trovato un po' pesante , nonostante non manchino ovviamente i grandi pezzi.

Prima si parlava di Fazio che non rende un buon servizio a Faber, sono d'accordissimo, così come non gli hanno reso un buon servizio i giudizi mirabolanti della Pivano "Si dice che Fabrizio sia il Dylan italiano, perché non dire che Dylan è il Fabrizio americano?"

Magari perché è una stronzata.... :rolleyes:


  • 0

#36 \faust/

\faust/

    pivello

  • Banned
  • Stelletta
  • 1 Messaggi:

Inviato 14 ottobre 2014 - 10:38

Fate MOLTA ATTENZIONE perchè gozer80 è in realtà il "critico" musicale Luca Beatrice, è un troll molto noto che opera nel panorama italiano scrivendo fandonie su svariati artisti
  • -1

#37 Claudio

Claudio

    I am what I play

  • Administrators
  • 33928 Messaggi:
  • LocationRoma

Inviato 14 ottobre 2014 - 10:39

Io credo che la santificazione di qualunque artista sia una puttanata e rende ciechi rispetto a una critica. E lui post-mortem è stato elevato a divinità. Secondo me è stato uno dei migliori in assoluto e va bene, ma quando fai di uno un dio poi è un casino parlarne

 

La  santificazione gli ha nuociuto enormemente, stimolando proprio un certo tipo di critiche. Lui per primo l'avrebbe detestata mandando affanculo tutti, su questo non ci piove.

A me - come per tutti, da Bowie in giù - non interessa neanche appurare qual è stato il suo ruolo e quello dei collaboratori, mi interessa solo il giudizio sugli album usciti a firma De André, e francamente faccio fatica a trovarne uno meno che buono in trent'anni di carriera, ma soprattutto non riesco a trovare altri autori italiani - tranne forse Battiato - capaci di far uscire altrettanti capolavori. Se è merito dei suoi musicisti, vorrà dire che è stato bravo a sceglierli e coinvolgerli nei suoi progetti, se fosse così semplice ci riuscirebbero in tanti.


  • 3

#38 paloz

paloz

    Poo-tee-weet?

  • Redattore OndaRock
  • StellettaStellettaStellettaStellettaStellettaStellettaStellettaStellettaStelletta
  • 23051 Messaggi:

Inviato 14 ottobre 2014 - 10:43

Fate MOLTA ATTENZIONE perchè gozer80 è in realtà il "critico" musicale Luca Beatrice, è un troll molto noto che opera nel panorama italiano scrivendo fandonie su svariati artisti

 

 

hahaha e questo chi è?

Sono comunque abbastanza sicuro che Luca Beatrice sia una persona ben diversa, critico d'arte ciarlatano e raccomandatissimo.


  • 0

I have spoken softly, gone my ways softly, all my days, as behoves one who has nothing to say, nowhere to go, and so nothing to gain by being seen or heard.

 

(Samuel Beckett, Malone Dies)


#39 cool as kim deal

cool as kim deal

    Utente contro le bonus track

  • Members
  • StellettaStellettaStellettaStellettaStellettaStellettaStellettaStelletta
  • 12014 Messaggi:
  • LocationLooking Corsica, Feeling Corsico

Inviato 14 ottobre 2014 - 10:46

Fate MOLTA ATTENZIONE perchè gozer80 è in realtà il "critico" musicale Luca Beatrice, è un troll molto noto che opera nel panorama italiano scrivendo fandonie su svariati artisti

 

 

ahahahaha


  • 0
FATE TORNARE LO SPECCHIETTO DI RYM IN FIRMA

#40 lazlotoz

lazlotoz

    Classic Rocker

  • Moderators
  • 5131 Messaggi:

Inviato 14 ottobre 2014 - 10:48

 Se è merito dei suoi musicisti, vorrà dire che è stato bravo a sceglierli e coinvolgerli nei suoi progetti, se fosse così semplice ci riuscirebbero in tanti.

 

 

Ed è esattamente quel che ho detto io prima (anche se non si parla solo di musicisti ma di coautori alla pari).


  • 0

lazlotoz, [...]: sei un gigantesco coglione. Ma proprio un cretino senza pari, [...] Sparati, che fai un favore al mondo.





0 utente(i) stanno leggendo questa discussione

0 utenti, 0 ospiti, 0 utenti anonimi

IPB Skin By Virteq