Vai al contenuto


Foto
* * * * * 2 Voti

La Febbre Del V(U)Oto Renziano Pt. 3 | Robert Aldrich (Fino Al 6/10 H.23) - Next: D. Argento


  • Please log in to reply
1258 replies to this topic

#561 John Trent

John Trent

    Genio incomprensibile

  • Members
  • StellettaStellettaStellettaStellettaStelletta
  • 1647 Messaggi:
  • LocationBassa Depressa Bergamasca

Inviato 05 aprile 2014 - 10:19

Dai che ci si diverte adesso... Mangia prima su!
  • 0

#562 Nijinsky

Nijinsky

    Señorito En Escasez

  • Members
  • StellettaStellettaStellettaStellettaStellettaStellettaStellettaStelletta
  • 13761 Messaggi:

Inviato 05 aprile 2014 - 11:17

dare meno di 10 a Roger Rabbit prevede la perpetua esclusione da qualsiasi votazione futura, vero?
  • 0

Siamo vittime di una trovata retorica.


#563 John Trent

John Trent

    Genio incomprensibile

  • Members
  • StellettaStellettaStellettaStellettaStelletta
  • 1647 Messaggi:
  • LocationBassa Depressa Bergamasca

Inviato 05 aprile 2014 - 13:29

Ma che pranzo stai facendo? Non mi scoppiare né...
  • 0

#564 paloz

paloz

    Poo-tee-weet?

  • Members
  • StellettaStellettaStellettaStellettaStellettaStellettaStellettaStellettaStelletta
  • 23889 Messaggi:

Inviato 05 aprile 2014 - 13:40

William Friedkin
Risultati

Inizio manche

votanti: 26
quorum richiesto per non ricorrere alla media pesata: 18
  • Vivere e morire a Los Angeles (To Live and Die in L.A.) (1985) – 8,67 [21 votanti – 8,67]
  • Il braccio violento della legge (The French Connection) (1971) – 8,5 [23 votanti – 8,5]
  • L'esorcista (The Exorcist) (1973) – 8,16 [22 votanti – 8,16]
  • Killer Joe (2011) – 7,63 [16 votanti – 7,35]
  • Cruising (1980) – 7,54 [13 votanti – 6,89]
  • Il salario della paura (Sorcerer) (1977) – 8,19 [8 votanti – 6,81]
  • Festa per il compleanno del caro amico Harold (The Boys in the Band) (1970) – 8,1 [5 votanti – 6,34]
  • Festa di compleanno (The Birthday Party) (1968) – 8 [1 votanti – 5,73]
    Fritz Lang Interviewed by William Friedkin (1974) – 8 [1 votanti – 5,73]
  • Quella notte inventarono lo spogliarello (The Night They Raided Minsky's) (1968) – 7,17 [3 votanti – 5,37]
  • Bug - La paranoia è contagiosa (Bug) (2006) 7 [4 votanti – 5,36]
  • Assassino senza colpa? (Rampage) (1987) – 7,25 [2 votanti – 5,31]
  • The Hunted - La preda (The Hunted) (2003) - 6,21 [7 votanti – 5,06]
  • Pollice da scasso (The Brink's Job) (1978) – 7 [1 votanti – 5,02]
  • L'albero del male (The Guardian) (1990) - 5,89 [9 votanti – 5]
  • Blue Chips - Basta vincere (Blue Chips) (1994) - 6,5 [2 votanti - 4,76]
  • Regole d'onore (Rules of Engagement) (2000) - 5,36 [8 votanti - 4,46]
  • Jade (1995) - 5,08 [6 votanti - 4,06]
  • Good Times (1967) [s.v.]
    L'affare del secolo (Deal of the Century) (1983) [s.v.]

  • 0

esoteros

 

I have spoken softly, gone my ways softly, all my days, as behoves one who has nothing to say, nowhere to go, and so nothing to gain by being seen or heard.

 

(Samuel Beckett, Malone Dies)


#565 paloz

paloz

    Poo-tee-weet?

  • Members
  • StellettaStellettaStellettaStellettaStellettaStellettaStellettaStellettaStelletta
  • 23889 Messaggi:

Inviato 05 aprile 2014 - 13:48

Robert Zemeckis


Immagine inserita




regole
- votate i film nell'elenco con voto in decimi dallo 0 al 10
- potete partecipare anche se ne avete visto solo uno, votando solo quello
- nel conteggio della media i voti inferiori al 4 varranno comunque 4 (è per evitare voti messi apposta per abbassare la media, siete comunque liberi di mettere 0 se lo ritenete il voto più adeguato)

layout
- fate copia-incolla dell'elenco e mettete il voto alla fine
- quelli che non votate non cancellateli, o almeno lasciate la riga vuota
- non cambiate l'ordine
- se ne votate pochi (3 o 4) potete ignorare le tre regole qui sopra
- eventuali commenti dopo la lista e non in mezzo


REGOLA AGGIUNTA: siete CALDAMENTE invitati a scrivere i voti in rosso, se aggiungete anche grassetti va benone.


REGISTI DELLE PROSSIME 2 MANCHE:

Oliver Stone
Ingmar Bergman


Circa 10 giorni di manche, quindi si chiude martedì 15 aprile alle ore 23.

  • 0

esoteros

 

I have spoken softly, gone my ways softly, all my days, as behoves one who has nothing to say, nowhere to go, and so nothing to gain by being seen or heard.

 

(Samuel Beckett, Malone Dies)


#566 Tom

Tom

  • Members
  • StellettaStellettaStellettaStellettaStellettaStellettaStellettaStelletta
  • 14325 Messaggi:

Inviato 05 aprile 2014 - 14:34


  • 0

#567 Seattle Sound

Seattle Sound

    Non sono pigro,è che non me ne frega un cazzo.

  • Members
  • StellettaStellettaStellettaStellettaStellettaStellettaStellettaStellettaStelletta
  • 37207 Messaggi:
  • LocationTiny little green

Inviato 05 aprile 2014 - 14:37


  • 0

Alfonso Signorini: "Hai mai aperto una cozza?"
Emanuele Filiberto: "Sì, guarda, tante. Ma tante..."
(La Notte degli Chef, Canale 5)

 

"simpatico comunque eh" (Fily, Forum Ondarock)

 

"passere lynchane che finiscono scopate dai rammstein"

"Io ho sofferto moltissimo per questo tipo di dipendenza e credo di poterlo aiutare. Se qualcuno lo conosce e sente questo appello mi faccia fare una telefonata da lui, io posso aiutarlo"
(Rocco Siffredi, videomessaggio sul web)


"Ah, dei campi da tennis. Come diceva Battiato nella sua canzone La Cura"


#568 dick laurent

dick laurent

    ...

  • Members
  • StellettaStellettaStellettaStellettaStellettaStellettaStellettaStelletta
  • 12519 Messaggi:

Inviato 05 aprile 2014 - 14:37

voti più alla cazzo di cane del solito, nel senso che alcuni di quelli che ho votato li ricordo davvero pochissimo. Però di recente ho rivisto Contact e anche se non è assolutamente un film perfetto rimane uno dei film di fantascienza che più mi ha preso di quel decennio.
  • 0

dai manichei che ti urlano o con noi o traditore libera nos domine


#569 Harry Caul

Harry Caul

    se ci dice bene finiamo nella merda

  • Members
  • StellettaStellettaStellettaStellettaStellettaStellettaStelletta
  • 7719 Messaggi:

Inviato 05 aprile 2014 - 14:58


  • 0

#570 جوسر

جوسر

    Grande eletto non anglofonista Kadosch

  • Members
  • StellettaStellettaStellettaStellettaStellettaStellettaStellettaStellettaStelletta
  • 22894 Messaggi:

Inviato 05 aprile 2014 - 15:02



Anzi no modifico, erano troppo alti. asd
  • 0
RYM ___ i contenuti

"SOVIET SAM" un blog billizzimo

#571 Stan Bowles

Stan Bowles

    Socialista dalle tasche buche

  • Members
  • StellettaStellettaStellettaStelletta
  • 523 Messaggi:

Inviato 05 aprile 2014 - 15:12


  • 0

#572 Tom

Tom

  • Members
  • StellettaStellettaStellettaStellettaStellettaStellettaStellettaStelletta
  • 14325 Messaggi:

Inviato 05 aprile 2014 - 15:17

Però di recente ho rivisto Contact e anche se non è assolutamente un film perfetto rimane uno dei film di fantascienza che più mi ha preso di quel decennio.


Per me ottimo, fino al finale new age / club med (con più di una puzzetta da cristiani rinati) che secondo me manda in vacca un po' tutto quanto.
  • 0

#573 dick laurent

dick laurent

    ...

  • Members
  • StellettaStellettaStellettaStellettaStellettaStellettaStellettaStelletta
  • 12519 Messaggi:

Inviato 05 aprile 2014 - 15:39


Però di recente ho rivisto Contact e anche se non è assolutamente un film perfetto rimane uno dei film di fantascienza che più mi ha preso di quel decennio.


Per me ottimo, fino al finale new age / club med (con più di una puzzetta da cristiani rinati) che secondo me manda in vacca un po' tutto quanto.


si si, i difetti ci sono. Però ci sono anche cose notevoli, tutta la parte che riguarda la ricerca e la scoperta dei segnali, la costruzione del dispositivo, la sequenza del viaggio.
Insomma c'è quel senso di mistero e scoperta che è una delle cose che mi intrigano di più in un film di fantascienza.
  • 0

dai manichei che ti urlano o con noi o traditore libera nos domine


#574 Harry Caul

Harry Caul

    se ci dice bene finiamo nella merda

  • Members
  • StellettaStellettaStellettaStellettaStellettaStellettaStelletta
  • 7719 Messaggi:

Inviato 05 aprile 2014 - 17:27

Ma cosa sono tutti questi 4 a Forrest Gump?
E' il suo capo d'opera e il suo film più ambizioso e cinematograficamente perfetto.
Spero non sia per motivi politico-ideologici anche perchè il fatto che Zemeckis sia un conservatore mi sembra cosa evidente, del resto anche l'amabile Ritorno al Futuro è uno dei film più perbenisti che siano mai stati girati.
  • 0

#575 nickb

nickb

    pivello

  • Members
  • Stelletta
  • 23 Messaggi:

Inviato 05 aprile 2014 - 17:36


  • 0

#576 zazdarovje

zazdarovje

    in realtà sono io Melina Riccio

  • Members
  • StellettaStellettaStellettaStelletta
  • 558 Messaggi:
  • LocationMosca, Russia

Inviato 05 aprile 2014 - 17:44

  • 1964: Allarme a New York arrivano i Beatles (I Wanna Hold Your Hand) (1978) 5
    succedaneo di American Graffiti e di Animal House senza l'epocalità del primo, né l'eversione del secondo: Spielberg coproduce e infonde un po' di quella follia che avrebbe contraddistinto l'imminente capolavoro 1941, ma Zemeckis è ancora molto acerbo, i personaggi tutti abbastanza odiosi e le situazioni stucchevoli (fa eccezione il bell'episodio della ragazza che si concede l'addio al nubilato nella camera d'albergo dei Fab Four)
  • La fantastica sfida (Used Cars) (1980) 7.5
    Zemeckis matura nell'arco di un biennio e firma un esagitato, cartoonesco e divertentissimo apologo che fa allegramente a pezzi il mito del liberismo yankee: situazioni comiche da mal di pancia, ritmo inarrestabile, slanci picareschi, uno script perfetto e attori indovinati. Nello straordinario finale si vede la mano epica del produttore Milius, ma soprattutto i primi segni di quel "ritmo alla Zemeckis" che avrebbe rappresentato un modello per i due decenni a seguire.
  • All'inseguimento della pietra verde (Romancing the Stone) (1984) 7
    Gioiellino del cinema d'avventura, con una delle alchimie fra protagonisti più totali e credibili del genere e dell'epoca. Appena un po' sopravvalutato, forse, e con lo scomodo precedente della nascente saga di Indiana Jones, ma assai divertente e ricco di trovate gustose.
  • Ritorno al futuro (Back to the Future) (1985) 9
    pietra miliare del cinema popolare degli anni '80, inarrivabile e per certi versi irripetibile combinazione di blockbuster e di cinema d'autore che ha travalicato qualsiasi considerazione critica per entrare direttamente nella storia di tutti noi: punto di arrivo della poetica nostalgica di Zemeckis, è un concentrato inestimabile di invenzioni, spunti, immagini e colpi di genio rimasto meritatamente nel patrimonio collettivo, da vedere e da rivedere con la stessa freschezza della prima volta.
  • Chi ha incastrato Roger Rabbit (Who Framed Roger Rabbit) (1988) 9
    se Ritorno al futuro è l'apice poetico di Zemeckis, Roger Rabbit è il suo capolavoro formale. Al di là del suo impareggiaile valore tecnico rimasto insuperato - nonostante CGI e affini - , il film è un'altra deliziosa e forse ancor più struggente celebrazione di un'Età dell'Oro che fu che oggi sarebbe impensabile (alzi la mano chi, vedendolo da bambino, non ne sia rimasto traumatizzato) e che trasuda genio e inventiva dalla prima all'ultima inquadratura.
  • Ritorno al futuro Parte II (Back to the Future Part II) (1989) 7
    un sequel cupo e inquietante che rafforza la statura del prototipo e che, pur essendone per forza di cose inferiore, se ne discosta coraggiosamente rinunciando in larga parte al suo contagioso ottimismo e alla sua vitalità spielbergiana. Evidentemente alimentare, ma inventivo, pieno di ritmo (il solito finale al fulmicotone) e a tratti memorabile (il ritorno al 1985 sa essere ancora davvero pauroso).
  • Ritorno al futuro Parte III (Back to the Future Part III) (1990) 6
    ancora meno essenziale del primo sequel, ma innegabilmente simpatico: la formula ormai si è usurata e certi errori restano imperdonabili, come il brutto finale che spazza via ogni possibile poesia, ma sempre coinvolgente (l'esperimento finale sul treno, solito climax a tutta velocità) e pieno di gag rimaste memorabili e, nel loro piccolo, seminali (Doc che beve il torcibudella, l'inseguimento indiano).
  • La morte ti fa bella (Death Becomes Her) (1992) 5.5
    sciocchezzuola gotica debitrice di quel Tim Burton che a breve avrebbe conquistato il mondo, ghignante, ma tutto sommato inoffensiva e vacua, critica all'edonismo dello star system che vanta una simpatica intuizione di partenza ma che di minuto in minuto si spappola in uno sviluppo che non va da nessuna parte e che sembra trainato dal gigionismo delle due protagoniste.
  • Forrest Gump (Forrest Gump) (1994) 6
    fortunatissimo culmine del neoconservatorismo a stelle e strisce rimasto a molti indigesto (vinse l'Oscar nell'anno di Tarantino, Allen, Kieslowski e Darabont): è un polpettone di infinita furbizia alla cui grazia non si può proprio non cedere, un programmatico trappolone emotivo impossibile - nonostante vent'anni di parodie - da eludere. Continua ad avere il suo fascino, ma è fra i film più pericolosi degli anni '90.
  • Contact (1997) 5
    che fine ha fatto l'irresistibile velocista degli anni '80? Sembra esserne rimasto ben poco, in questo prodottino new age che torna a citare nuovamente Spielberg, ma quello più inarrivabile (quello di Incontri ravvicinati). E' apprezzabile il tentativo di Zemeckis di approcciare la fantascienza da un altro angolo, ma il risultato, più che adulto e maturo, sembra tristemente senile.
  • Le verità nascoste (What Lies Beneath) (2000) 4
    una porcata. Il regista non sembra neanche il fantasma di se stesso. Irriconoscibile.
  • Polar Express (The Polar Express) (2004) 5
  • La leggenda di Beowulf (Beowulf) (2007) 5
  • A Christmas Carol (2009) 6.5
    a più di venticinque anni dall'esordio, Zemeckis affronta una nuova sfida affine e speculare alla sperimentazione selvaggia di Roger Rabbit: questa volta, l'ambito è però quello della motion capture, con tutta la freddezza, il pionierismo e l'assenza di magia delle circostanze. I primi due film restano esperimenti falliti e privi di attrattiva, mentre A Christmas Carol - nonostante antenati illustrissimi già parte del patrimonio comune - è un progetto decisamente più a fuoco, assai meglio realizzato (la parte centrale, resa come un infinito pianosequenza, è un'autentica meraviglia) e finalmente si ha l'impressione che l'impiego della tecnologia non sia un semplice pretesto, ma un ingrediente fondamentale.
  • Flight (2012) 7
    Zemeckis torna finalmente al cinema in carne e ossa con una lucida parabola sulla redenzione tanto convenzionale quanto efficace: il discolo del decennio rampante è soltanto un ricordo, ma il tutto è compensato da una direzione d'attori perfetta (per Washington è il ruolo della vita), vanta una sola sequenza d'azione, ma assolutamente indimenticabile, si concede poche sbavature (su tutti, il gratuito macchiettone di Goodman) e lascia ben sperare sul prosieguo di carriera di un autore che sembra essersi sapientemente ritrovato.

  • 1

#577 John Trent

John Trent

    Genio incomprensibile

  • Members
  • StellettaStellettaStellettaStellettaStelletta
  • 1647 Messaggi:
  • LocationBassa Depressa Bergamasca

Inviato 05 aprile 2014 - 17:53

•1964: Allarme a New York arrivano i Beatles (I Wanna Hold Your Hand) (1978)

•La fantastica sfida (Used Cars) (1980)

•All'inseguimento della pietra verde (Romancing the Stone) (1984) 7

•Ritorno al futuro (Back to the Future) (1985) 7,5

•Chi ha incastrato Roger Rabbit (Who Framed Roger Rabbit) (1988) 9

•Ritorno al futuro Parte II (Back to the Future Part II) (1989) 6,5

•Ritorno al futuro Parte III (Back to the Future Part III) (1990) 5

•La morte ti fa bella (Death Becomes Her) (1992) 7,5

•Forrest Gump (Forrest Gump) (1994) 6

•Contact (1997) 5

•Le verità nascoste (What Lies Beneath) (2000)

•Cast Away (2000) 5,5

•Polar Express (The Polar Express) (2004) 4

•La leggenda di Beowulf (Beowulf) (2007) 4

•A Christmas Carol (2009) 5

•Flight (2012) 4,5

Due cose: quella di mandare in vacca film interessanti con finali moralisti che ribaltano tutto quanto si suppone volesse comunicare il regista e o gli sceneggiatori è una moda senza fine e Zemeckis ne è uno dei maggiori artefici ormai (imperdonabile l'ultimo Flight per questo).
Seconda cosa: mi sa che qui i 10 giorni sono davvero troppi, sono film che bene o male sappiamo tutti a memoria.
  • 0

#578 paloz

paloz

    Poo-tee-weet?

  • Members
  • StellettaStellettaStellettaStellettaStellettaStellettaStellettaStellettaStelletta
  • 23889 Messaggi:

Inviato 05 aprile 2014 - 17:53

Stupisce anche me questo "negazionismo" per un film che credo abbiano visto e (a suo tempo) apprezzato più o meno tutti. E' ben fatto, fa ridere e commuove. Il fatto che in sua vece spuntino votoni per Roger Rabbit (bello eh!) puzza addirittura di hipsterismo.
  • 2

esoteros

 

I have spoken softly, gone my ways softly, all my days, as behoves one who has nothing to say, nowhere to go, and so nothing to gain by being seen or heard.

 

(Samuel Beckett, Malone Dies)


#579 John Trent

John Trent

    Genio incomprensibile

  • Members
  • StellettaStellettaStellettaStellettaStelletta
  • 1647 Messaggi:
  • LocationBassa Depressa Bergamasca

Inviato 05 aprile 2014 - 17:57

Infatti è un film che ho rivalutato negativamente con la maturità (però ci può stare di cambiare giudizio tanto più che la prima volta lo vidi a 10 anni, ma qualche anno prima mi aveva entusiasmato anche la storia infinita 2...) e alla fine per me è comunque sufficiente mediando tra l'8 che gli darei come puro spettacolone di intrattenimento e il 4 dei vomitevoli contenuti.
  • 0

#580 Matthew30

Matthew30

    Classic Rocker

  • Members
  • StellettaStellettaStellettaStellettaStellettaStelletta
  • 3915 Messaggi:

Inviato 05 aprile 2014 - 18:15


  • 0




0 utente(i) stanno leggendo questa discussione

0 utenti, 0 ospiti, 0 utenti anonimi

IPB Skin By Virteq