Vai al contenuto


Foto
* * * * - 1 Voti

[Pietra Miliare] U2 - The Joshua Tree (1987)


  • Please log in to reply
104 replies to this topic

#81 Gozer

Gozer

    :3

  • Members
  • StellettaStellettaStellettaStellettaStellettaStellettaStellettaStellettaStelletta
  • 22168 Messaggi:

Inviato 10 settembre 2013 - 14:37

Bene, dunque quali sarebbero queste benedetti e misteriosi 'argomenti' che descriverebbero, a vostro dire, la 'bruttezza' di questo 'discaccio'? Rivelate, di grazia, esponete, fateci capire

Farti capire qualcosa? Non sono interessato a discutere di Joshua Tree. Ti faccio notare che sono intervenuto solo perché interpellato: se avessi avuto interesse avrei scritto di mia sponte.


Peccato che nei primi anni 80 girava anche uno che si chiamava Peter Gabriel, uno dei primi ad usare il Firlight, per esempio, non solo nel capolavoro del suo IV album, ma anche prima , nel lontano 1979 con il III album, uno dei primi artisti a captare l'enorme potenzialita' della tecnologia applicata alla musica).

Il terzo di Gabriel è del 1980, non del 1979 (ahi ahi ahi signora Longari).
Poi da come parli sembra che sia stato il disco che ha dimostrato le grandi possibilità del Fairlight, il che è falso perché il Fairlight era appena stato creato e era ancora acerbo (gli mancavano ancora un sacco di possibilità a livello di manipolazione dei suoni, solo nel 1982 divenne utilizzabile in maniera "totale").

Gabriel inserì il Fairlight in un paio di passaggi di quel disco semplicemente perché fu Peter Vogel, l'inventore dello strumento, in cerca di acquirenti, a capitare nel suo studio: ecco perché fu il primo, e tu lo stai facendo passare come chissà quale merito. Credi che se non fosse stato lui Vogel non avrebbe trovato nessun altro interessato all'acquisto? Discutibile visto che di lì a breve (e non parlo di anni, ma di pochi mesi) tutti i più grandi tastieristi britannici ne possedevano uno.
Già per il tour di "Drama" Geoff Downes degli Yes usava il Fairlight, e parliamo dello stesso 1980 del terzo album di Gabriel.
Questo tanto per ristabilire un pochino la storia e mettere i puntini sulle i.

Inoltre, se vogliamo dare una visione completa del quadro, in 90125 (che è uscito molto in ritardo a causa dell'enorme difficoltà della band nel trovare fondi per l'operazione) oltre al Fairlight tanto caro a Gabriel c'è anche il Synclavier, che Gabriel non mi risulta abbia usato. E' insomma un abbecedario per l'uso dei vari campionatori dell'epoca, negarne l'importanza per lo sviluppo del pop di quel periodo si riassume in una sola parola: cecità.

p.s. ovviamente amo quei due dischi di Gabriel.
  • 1
RYM ___ i contenuti

"SOVIET SAM" un blog billizzimo

#82 Gozer

Gozer

    :3

  • Members
  • StellettaStellettaStellettaStellettaStellettaStellettaStellettaStellettaStelletta
  • 22168 Messaggi:

Inviato 10 settembre 2013 - 16:48

Il terzo disco di Gabriel fu registrato tra l'estate del 1979 e la primavera del 1980, e usci' ufficialmente nel 1980, tanto per metter gli accenti sulle i. Mentre il quarto usci' nell'autunno del 1982, ma dopo una gestazione durata piu' di un anno e mezzo, per metter sempre l'accento sulle i.

E allora? Puoi negare che il Fairlight in Peter Gabriel III è ancora uno strumento acerbo che non esprime granché delle proprie potenzialità, e che infatti nessuno ricorda III come l'album dell'esplosione tecnologica di Gabriel? E' un disco fondamentalmente rock, dominato dalle chitarre, dalle percussioni, financo dal sax, tutto tranne il Fairlight consentimi. Poi anche 90125 (che lo ripeto, aveva una gamma di campionatori più vasta di quella di PG IV) venne pubblicato a fine 1983 ma iniziò a essere registrato oltre un anno e mezzo prima: quando ti fa comodo per Gabriel conta l'inizio della gestazione, quando devi dimostrare un eventuale ritardo degli Yes invece conta la data di pubblicazione. Metodo interessante e per niente di parte.


Mi citi 90125 che ha semplicemente 'il primato' di essere l'album piu' venduto degli Yes, e, guarda caso, quello piu' commercialmente adatto ad un ascolto facile.

Più che altro il fatto che sia il loro album più venduto sembra essere la sua condanna, a leggere i tuoi interventi bigotti e reazionari. Il boom di vendite di 90125 fu dovuto sostanzialmente all'aver uncinato il mercato americano, da sempre il più grande del mondo, ma tanto per dire in GB andò male, vendette meno di tutti i loro dischi prog.
E sono ben convinto che se avesse avuto un destino sfortunato anche nel resto del mondo e non fosse divenuto il disco più venduto degli Yes ora con tutta probabilità ne parleresti come di mirabile esempio di rinascita e di una band che mostrava ancora voglia di sperimentare e tenersi al passo coi tempi. Però ha venduto (sacrilegio!) e addirittura ha venduto più di "Close to the Edge" (doppio sacrilegio!)... :rolleyes:


Sorvolo sulla questione Fairlight ,( cecita' che mi rinfacci compresa) e compagnia bella perché non vale neanche la pena sottolineare che un artista non 'attende' che qualcuno gli porti a casa un'invenzione (questo vale per Peter o per gli Yes o altri) ,se non c'e' dietro un humus fertile di talento e genio puo' pure avere attorno a se gli extraterrestri

Peter Gabriel non attendeva nessuno infatti. Fu Vogel a presentarsi da lui, non l'avesse fatto ora Peter Gabriel III non avrebbe quegli acerbi inserti di Fairlight e tu non lo staresti a sbandierare come grande tappa per lo sviluppo del rock elettronico.
E consentimi che bisognava proprio essere scemi per non accorgersi delle potenzialità di quello strumento (che non a caso dilagò nel giro di pochi mesi, benché ancora non ci si potesse fare quello che ci si sarebbe potuto fare dal 1982 in poi).


Ritornando agli U2, non ti interessa e ok, ma sei intervenuto ugualmente e hai sputato la tua sentenza sull'album, con tanto di apprezzamento su eventuali commenti negativi, cosa che ti tradisce perché allora dimostri interesse

Tanti hanno detto che per loro è un capolavoro senza aggiungere altro, io ho detto che per me è una schifezza senza aggiungere altro, in risposta a un utente che mi aveva tirato in ballo facendo sembrare che io fossi fan del disco: tenevo semplicemente a precisare che non era così. Non vedo proprio cosa doverti spiegare, e visto quanto ti stai mostrando ricettiva sugli Yes, anche qualora te lo spiegassi che ne otterrei se non l'ennesimo muro contro muro?
  • 1
RYM ___ i contenuti

"SOVIET SAM" un blog billizzimo

#83 Claudio

Claudio

    I am what I play

  • Administrators
  • 35379 Messaggi:
  • LocationRoma

Inviato 10 settembre 2013 - 17:10

Ritornando agli U2, non ti interessa e ok, ma sei intervenuto ugualmente e hai sputato la tua sentenza sull'album, con tanto di apprezzamento su eventuali commenti negativi, cosa che ti tradisce perché allora dimostri interesse - seppur oscuro -. Permetti quindi che qualcuno puo' chiederti qualche delucidazione in merito, almeno fino a quando tu continui a considerarti un utente come tutti noi, e non un Signor so-tutto-io, al di la del fatto che uno e' libero di non parlare o di dire semplicemente che una cosa non piace, ci mancherebbe.


Se esistesse un vero regolamento scritto da me, questa sarebbe la regola numero uno (applicata a tutti, ovviamente).
Non c'è niente di peggio che leggere sentenze lapidarie e sprezzanti da parte di chi non è poi neanche interessato alla discussione su quell'artista o quel disco. Ora prendo il mio meno e mi ritiro in ordine...
  • 0

#84 Bara dei pupi

Bara dei pupi

    Dungeon Synth nei giorni pari e Vaporwave in quelli dispari

  • Members
  • StellettaStellettaStellettaStellettaStellettaStellettaStellettaStellettaStelletta
  • 84101 Messaggi:

Inviato 10 settembre 2013 - 17:24

Immagine inserita
  • 0
 

#85 Bara dei pupi

Bara dei pupi

    Dungeon Synth nei giorni pari e Vaporwave in quelli dispari

  • Members
  • StellettaStellettaStellettaStellettaStellettaStellettaStellettaStellettaStelletta
  • 84101 Messaggi:

Inviato 10 settembre 2013 - 21:26

---


scusa dolce slowburn se questi bambinoni cresciuti spezzano il tuo incanto, non considerarli

ti lascio questa
http://www.youtube.com/watch?v=aFKTq_hvhm4

:ciao:
  • 1
 

#86 Slowburn

Slowburn

    mainstream Star

  • Members
  • StellettaStellettaStellettaStellettaStelletta
  • 2049 Messaggi:

Inviato 11 settembre 2013 - 11:58

Che bella Lassigue, uno dei miei pezzi preferiti dei Pooh, ma grazie!

Gozer: se tu la finissi di utilizzare quella che io conierei come "destroy and win!" tuo personale, ovvero un modus operandi tutto tuo di scardinare a piu' non posso un'opinione , che ha solo "la colpa" di essere differente dalla tua, del tuo interlocutore, che tu non si sa per quali immaginarie ragioni vedi come un nemico da abbattere, aggrappandoti a qualsiasi appiglio , anche alle offese gratuite, pur di render il poveretto ridicolo al pubblico ludibrio, cosi da uscirne tu il vincitore e poter goderne la mesta ritirata o la pubblica ilarita'. Se tu convogliassi le stesse energie per un sano e costruttivo confronto e discussione, invece di perder tempo in queste baggianate (che a nessuno interessano !) per accarezzar l'ego, saremmo qui a parlare degli U2 ( o degli Yes nel thread apposito), e non di muri alzati. Basta, dai.
  • 0

#87 Gozer

Gozer

    :3

  • Members
  • StellettaStellettaStellettaStellettaStellettaStellettaStellettaStellettaStelletta
  • 22168 Messaggi:

Inviato 11 settembre 2013 - 12:21

Dalla tua lasciati dire che se tu la finissi di utilizzare quella che io conierei come "destroy and win!" tuo personale, ovvero un modus operandi tutto tuo di scardinare a piu' non posso un'opinione , che ha solo "la colpa" di essere differente dalla tua, del tuo interlocutore, che tu non si sa per quali immaginarie ragioni vedi come un nemico da abbattere, aggrappandoti a qualsiasi appiglio , anche alle offese gratuite, pur di render il poveretto ridicolo al pubblico ludibrio, cosi da uscirne tu il vincitore e poter goderne la mesta ritirata o la pubblica ilarita'. Se tu convogliassi le stesse energie per un sano e costruttivo confronto e discussione, invece di perder tempo in queste baggianate (che a nessuno interessano !) per accarezzar l'ego, saremmo qui a parlare degli U2 ( o degli Yes nel thread apposito), e non di muri alzati.


Ecco ti lamenti di interventi ad personam, che fra l'altro io non ho scritto, cianci di offese personali, che pure non ho scritto, e cosa fai per dimostrare che gli interventi ad personam e le offese ti danno fastidio?
Scrivi un intervento ad personam e offensivo.
Quando dicesi la coerenza!

Ma chi è stata la prima che, trinceandosi dietro la sua finta aria di bimba pura e estranea alla crudeltà del mondo, ha provocato? Chi ha tirato in ballo gli Yes sotto a un intervento del sottoscritto per pura provocazione senza che ce ne fosse il minimo bisogno (non entrandoci gli Yes una beneamata cepppa con gli U2): dimmi un po', chi? E chi mi ha chiamato Signor-so-tutto-io, altra provocazione a cui non ho risposto perché sono un signore: dimmi un po', chi?

Hai appena scritto un intervento di ben sette righe in cui non fai che andare ripetutamente, con rara meschinità, sul personale. Dove ho fatto io altrettanto con te? Dove ho scritto sette righe mirate esclusivamente a toglierti credibilità, senza un minimo accenno alla discussione musicale? Evita di sforzarti, non puoi rispondere perché non l'ho mai fatto.

Perché a me, a differenza tua, interessa parlare di musica. Ora purtroppo, avendo dimostrato che sugli Yes avevi torto, e non volendo ammettere il torto, eccoti con ancor più rara agilità strategica (da volpe del deserto, altro che pura e indifesa) spostare l'oggetto della discussione. Annullare completamente la discussione musicale, di cui nel tuo ultimo intervento non c'è traccia, per mettere in cattiva luce il tuo interlocutore e far dimenticare che hai appena sparato una serie di corbellerie.

Se ti fosse davvero interessata quella discussione costruttiva che tanto aneli, un intervento di merda (perché le cose vanno chiamate col loro nome) come quello di cui sopra non lo avresti mai scritto. Io non ho altro da aggiungere su di te, e ancor meno sugli U2 e sugli Yes, quindi se non ti serve altro direi che basta così, il thread ha già sofferto abbastanza.
  • 2
RYM ___ i contenuti

"SOVIET SAM" un blog billizzimo

#88 Gozer

Gozer

    :3

  • Members
  • StellettaStellettaStellettaStellettaStellettaStellettaStellettaStellettaStelletta
  • 22168 Messaggi:

Inviato 11 settembre 2013 - 12:46

Eh sì, confermo. Il povero agnellino conciliante aggredito dal lupo cattivo.


Rivelate, di grazia, esponete, fateci capire, please

lieta di averti divertito

sei intervenuto ugualmente e hai sputato la tua sentenza

cosa che ti tradisce

almeno fino a quando tu continui a considerarti un utente come tutti noi

Signor so-tutto-io




Tutto questo prima dell'intervento interamente ad personam, cosa che io non mi sarei MAI sognato di scrivere.
  • 0
RYM ___ i contenuti

"SOVIET SAM" un blog billizzimo

#89 PrebenElkjaer

PrebenElkjaer

    Classic Rocker

  • Members
  • StellettaStellettaStellettaStellettaStellettaStelletta
  • 3806 Messaggi:
  • LocationVerona

Inviato 11 settembre 2013 - 17:45

dai, pietra meritatissima, poche storie. È stato un disco epocale i cui singoli hanno spopolato ovunque.
L'ho ritenuto perfetto per un bel po' di tempo, poi un po' è calato, solo perché un paio di pezzi del lato B non sono a livello del lato A.
Bullet the blue sky è diventato un pezzo enorme nello zoo tv tour: http://www.youtube.c...h?v=mUUYVpqXiPE

Il mio preferito rimane sempre boy, quello da cui non toglierei nulla. Aggiungerei giusto 11 O'clock tick tock.
  • 2
Fat Moe: Noodles, cos'hai fatto in tutti questi anni?
Noodles: Sono andato a letto presto.

Tu sai citare i classici a memoria... ma non distingui il ramo da una foglia...

Fiero membro

Ci sono più dischi di merda che vita!

#90 il mistico

il mistico

    proxima centauri

  • Members
  • StellettaStellettaStellettaStellettaStellettaStellettaStellettaStelletta
  • 11420 Messaggi:
  • Locationvia lattea

Inviato 12 settembre 2013 - 11:41

un album che conosco bene e che non ho mai amato, la pietra miliare è comunque meritata, è pur sempre un pezzo di storia della musica degli anni 80.
  • 0

#91 good vibrations

good vibrations

    Utente in cerca di nuovi stampi per il rock

  • Members
  • StellettaStellettaStellettaStellettaStellettaStellettaStelletta
  • 7648 Messaggi:
  • LocationRoma

Inviato 12 settembre 2013 - 12:18

Il mio preferito rimane sempre Boy, quello da cui non toglierei nulla. Aggiungerei giusto 11 O'clock tick tock.


Questo cazzo, questo. CAPOLAVORO
  • 1
Immagine inserita

#92 Trespy Sledge

Trespy Sledge

    Strawberry Switchblade

  • Members
  • StellettaStellettaStellettaStellettaStellettaStellettaStellettaStelletta
  • 16496 Messaggi:

Inviato 12 settembre 2013 - 12:44


Il mio preferito rimane sempre Boy, quello da cui non toglierei nulla. Aggiungerei giusto 11 O'clock tick tock.


Questo cazzo, questo. CAPOLAVORO


Si'.
In quel loro periodo piacciono molto anche a me. Ancora molto debitori alla wave.
  • 0

#93 Harry Caul

Harry Caul

    se ci dice bene finiamo nella merda

  • Members
  • StellettaStellettaStellettaStellettaStellettaStellettaStelletta
  • 7254 Messaggi:

Inviato 12 settembre 2013 - 13:34

Un po' il Born in the USA degli U2 nel senso che è il disco con cui, grazie a un approccio un po' più commerciale dei precedenti, hanno fatto il botto a livello di vendite e da cui hanno tirato fuori una marea di singoloni spaccaclassifica e ovviamente non il loro disco migliore. War resta il loro vertice IMO ma anche UF, Achtung e Boy sono probabilmente superiori. Bel disco in ogni caso anche se a riascoltarlo tende forse un po' alla monotonia, Red Hill Minning Town mi piace ancora moltissimo comunque.
  • 0

#94 Claudio

Claudio

    I am what I play

  • Administrators
  • 35379 Messaggi:
  • LocationRoma

Inviato 12 settembre 2013 - 13:56



Il mio preferito rimane sempre Boy, quello da cui non toglierei nulla. Aggiungerei giusto 11 O'clock tick tock.


Questo cazzo, questo. CAPOLAVORO


Si'.
In quel loro periodo piacciono molto anche a me. Ancora molto debitori alla wave.


Per me la chitarra di The Edge è sempre rimasta debitrice alla wave, in ogni loro fase. "The Joshua Tree", in particolare, non mi pare che avesse ancora mollato gli ormeggi con la stagione wave, a differenza del successivo "Rattle & Hum". Poi in "Achtung Baby", che è un frullatone totale, la wave per me si ri-sente eccome.
  • 1

#95 Bara dei pupi

Bara dei pupi

    Dungeon Synth nei giorni pari e Vaporwave in quelli dispari

  • Members
  • StellettaStellettaStellettaStellettaStellettaStellettaStellettaStellettaStelletta
  • 84101 Messaggi:

Inviato 12 settembre 2013 - 15:07

anche a me piace molto Boy, capo
  • 0
 

#96 AshesOnTheWater

AshesOnTheWater

    "But now I only smile..."

  • Redattore OndaRock
  • StellettaStellettaStellettaStellettaStelletta
  • 1570 Messaggi:
  • LocationMacerata

Inviato 12 settembre 2013 - 18:10

Pietra meritata, se non altro per l'aura di "classico" che si respira in questo album, sebbene non sia mai riuscito ad innamorarmi di esso. A partire da "Bullet the Blue Sky" il mio interesse è sempre inesorabilmente scemato, ma mi capita con un po' tutti i suoi predecessori, "The Unforgettable Fire" escluso che apprezzo per intero.

Per me il top restano l'immenso "Achtung Baby" e il mai abbastanza compreso "Pop" per il loro sound moderno, sensuale... due meraviglie!
Spero vivamente che la prossima pietra tocchi ad "Achtung Baby" che ha già aspettato più che abbastanza :D
  • 1

"Quando a maggio dovremo pensare alla finale Champions, ce ne sbatteremo le palle della partitella con l'Inter." A.D. 2020


#97 maladiez

maladiez

    Kosmische express courier

  • Members
  • StellettaStellettaStellettaStellettaStellettaStelletta
  • 3708 Messaggi:
  • LocationMagna Grecia

Inviato 21 settembre 2013 - 10:52

Pietra meritata, se non altro per l'aura di "classico" che si respira in questo album, sebbene non sia mai riuscito ad innamorarmi di esso. A partire da "Bullet the Blue Sky" il mio interesse è sempre inesorabilmente scemato, ma mi capita con un po' tutti i suoi predecessori, "The Unforgettable Fire" escluso che apprezzo per intero.

Per me il top restano l'immenso "Achtung Baby" e il mai abbastanza compreso "Pop" per il loro sound moderno, sensuale... due meraviglie!
Spero vivamente che la prossima pietra tocchi ad "Achtung Baby" che ha già aspettato più che abbastanza :D

Finalmente qualcuno che propone Achtung come pietra miliare, spero se ne accorgano anche in redazione. Non mi trovo in linea con Pop invece, mi sembra decisamente deboluccio!
  • 0

"Chi vuol brillare, si metta in ombra"

 

 

Alice: "Quanto tempo è per sempre?"

Bianconiglio: " A volte solo un secondo"


#98 Claudio

Claudio

    I am what I play

  • Administrators
  • 35379 Messaggi:
  • LocationRoma

Inviato 21 settembre 2013 - 14:47


Pietra meritata, se non altro per l'aura di "classico" che si respira in questo album, sebbene non sia mai riuscito ad innamorarmi di esso. A partire da "Bullet the Blue Sky" il mio interesse è sempre inesorabilmente scemato, ma mi capita con un po' tutti i suoi predecessori, "The Unforgettable Fire" escluso che apprezzo per intero.

Per me il top restano l'immenso "Achtung Baby" e il mai abbastanza compreso "Pop" per il loro sound moderno, sensuale... due meraviglie!
Spero vivamente che la prossima pietra tocchi ad "Achtung Baby" che ha già aspettato più che abbastanza :D

Finalmente qualcuno che propone Achtung come pietra miliare, spero se ne accorgano anche in redazione. Non mi trovo in linea con Pop invece, mi sembra decisamente deboluccio!


Per me "The Unforgettable Fire" e "Achtung Baby" hanno entrambi tutte le carte in regola per la pietrificazione. Vediamo cosa si potrà fare, ma non presto, visto che degli U2 ne abbiamo già un paio.
  • 2

#99 Number 6

Number 6

    Scaruffiano

  • Redattore OndaRock
  • StellettaStellettaStellettaStellettaStellettaStellettaStellettaStelletta
  • 12107 Messaggi:

Inviato 21 settembre 2013 - 14:54

Io me ne innamorai in questa occasione:
Immagine inserita

Però, a risentirlo oggi, mi piace quasi ancora di più... Ha un sapore spontaneamente classico.


Ma a Roma c'erano pure i Big Audio Dynamite, come a Modena?

The Joshua Tree :wub: :ossequi: come Unforgettable Fire fa parte di quei dischi che mi cambiarono la vita, senza i quali oggi sarei sicuramente diverso. Ricordo un estate al mare andata avanti con questi due dischi ai falò sulla spiaggia..
  • 0
I'm not a number! I'm a free man!

#100 Claudio

Claudio

    I am what I play

  • Administrators
  • 35379 Messaggi:
  • LocationRoma

Inviato 21 settembre 2013 - 14:58


Io me ne innamorai in questa occasione:
Immagine inserita

Però, a risentirlo oggi, mi piace quasi ancora di più... Ha un sapore spontaneamente classico.


Ma a Roma c'erano pure i Big Audio Dynamite, come a Modena?

The Joshua Tree :wub: :ossequi:


Certo! E soprattutto c'erano anche i Lone Justice :wub:

Immagine inserita
  • 0




0 utente(i) stanno leggendo questa discussione

0 utenti, 0 ospiti, 0 utenti anonimi

IPB Skin By Virteq