Vai al contenuto


Foto
- - - - -

lamonte young


  • Please log in to reply
46 replies to this topic

#1 mongodrone

mongodrone

    Enciclopedista

  • Members
  • StellettaStellettaStellettaStellettaStellettaStellettaStelletta
  • 9809 Messaggi:

Inviato 02 dicembre 2006 - 18:15

è tutto il giorno che lo ascolto. che ascolto cioè, Dreamhouse (finora la prima parte di 39 minuti), il clamoroso The Well Tuned Piano di 5 ore che ha reso necessaria un'accordatura del piano durata 1 mese (e qui vorrei capire meglio il perchè...comunque ho ascoltato finora solo la prima traccia di 59 minuti) e poi Pre-tortoise Dream Music (20 minuti) e ancora un estratto da The Tortoise, His Dreams And Journeys (18 minuti).
e mi hanno stregato. non mi stancano mai. in certi passaggi addirittura avrei preferito che ci fossero meno variazioni, perchè era come se mi impedissero di entrare nella materia sonora. ma a parte queste fantasie... il concetto della sua musica che riesco a carpire (pur non capendo nulla di fisica acustica) è quello di una manifestazione e crescita di una sorta di suono originario ed eterno, la cui essenza, in assenza di condizioni, nel vuoto, in un ambiente infinito, sarebbe immutabile (e inudibile); nel mondo il Suono viene all'essere, e formandosi in questa epifania si modifica, cresce come un organismo vivente, muta, impercettibilmente. si dispiega. La non-variazione assoluta, la materia indeterminata, è impossibile in natura. Questa musica si situa ai confini del mondo, è un caso limite, rende udibile ciò che sta dietro il suo dispiegarsi. è suono nell'atto di ascoltare se stesso. è forma trasparente rivolta verso la materia. Un po' come in pittura quadrato nero su sfondo bianco (di malevic) si situa ai limiti della figurazione, all'astrazione massima.
questa musica è come una domanda continua, una richiesta continua di essenza. è il tentativo di mostrare attraverso di sè l'origine del possibile sonoro. non ricordo se nel thread della musica metafisica l'avete citato, ma per me rientra a pieno titolo come manifestazione fisica della domanda metafisica.
che ne pensate?
  • 1

#2 slothrop

slothrop

    Enciclopedista

  • Redattore OndaRock
  • StellettaStellettaStellettaStellettaStellettaStellettaStelletta
  • 7338 Messaggi:

Inviato 02 dicembre 2006 - 18:25

E' molto che non ascolto Lamonte Young ma anche per me fu una vera "esperienza". Musica concettualmente tanto estrema da non essere musicale (nella sua forma più pura, vedi Dream House, lo è infatti molto meno dei più "compromessi" Tony Conrad, Henry Flynt, Jon Gibson e compagnia).

Particolarmente interessante è una cosa che lessi tempo fa a proposito del ruolo riservato all'alea nel Well Tuned Piano, ovvero il fatto che la just intonation di quel pianoforte avrebbe effetti sul pianista che verrebbe, in qualche modo, inglobato dalla musica e da essa sovrastato col risultato di compromettere un'eseguibilità fedele della partitura e dunque permettere alla musica di vivere al di là, ma pure al di sopra, dell'interprete che diventerebbe una sorta di medium fondamentalmente passivo.
Temo fosse una pagina di Scaruffi (che ogni tanto, come sappiamo, le spara grosse) e vorrei capire quanto c'è di vero e inevitabile in questo e quanto sia solo mito.
  • 0

#3 Guest_osvo_*

Guest_osvo_*
  • Guests

Inviato 02 dicembre 2006 - 18:32


Posso permettermi un'uscita sopra le righe?
Io ODIO LaMonte Young. Odio 'sto ciccione barbuto fricchettone e tutta la sua sedicente aura parapsichica. Non so che farci. Sarà che - al contrario - amo molto Tony Conrad, e i due si sa che non si sopportano molto. Però ecco, nei confronti del guru Young provo la più spontanea antipatia. Lo dico anche per la sua musica, intendiamoci (a proposito Sloth, perché mai Conrad è più "compromesso" di Young? Capisco Gibson e Flynt, che in effetti sono molto più "melodici", ma Conrad... mah).
La frase che attribuisci a Scaruffi cmq risulta anche a me. Di pretese (pretenziosità?) del genere è piena la storia di Young, e forse è anche per questo che il ciccionebarbutofricchettone non mi va giù.
Perdonatemi, lo so che non dovevo, ma volevo dirlo.
Grazie ancora
e buon ascolto


#4 Enrico

Enrico

    Roadie

  • Members
  • StellettaStellettaStellettaStelletta
  • 670 Messaggi:

Inviato 02 dicembre 2006 - 18:44

E' molto che non ascolto Lamonte Young ma anche per me fu una vera "esperienza". Musica concettualmente tanto estrema da non essere musicale (nella sua forma più pura, vedi Dream House, lo è infatti molto meno dei più "compromessi" Tony Conrad, Henry Flynt, Jon Gibson e compagnia).

Particolarmente interessante è una cosa che lessi tempo fa a proposito del ruolo riservato all'alea nel Well Tuned Piano, ovvero il fatto che la just intonation di quel pianoforte avrebbe effetti sul pianista che verrebbe, in qualche modo, inglobato dalla musica e da essa sovrastato col risultato di compromettere un'eseguibilità fedele della partitura e dunque permettere alla musica di vivere al di là, ma pure al di sopra, dell'interprete che diventerebbe una sorta di medium fondamentalmente passivo.
Temo fosse una pagina di Scaruffi (che ogni tanto, come sappiamo, le spara grosse) e vorrei capire quanto c'è di vero e inevitabile in questo e quanto sia solo mito.


Credo sia lo stesso concetto che sta dietro a Deep Listening di Oliveros et al, con l'effetto di risonanza naturale dovuto alla cisterna dentro cui suonavano i musicisti non riuscivano a sentire ciò che stavano eseguendo. In pratica sentivano solo la musica prodotta 50 secondi prima.
  • 0

#5 slothrop

slothrop

    Enciclopedista

  • Redattore OndaRock
  • StellettaStellettaStellettaStellettaStellettaStellettaStelletta
  • 7338 Messaggi:

Inviato 02 dicembre 2006 - 19:07

perché mai Conrad è più "compromesso" di Young?


Beh, non hai tutti i torti in effetti. Il Conrad delle origini era parecchio estremo, dal sommo Four Violins a Outside the Dream Sindycate che pur essendo una collaborazione con un gruppo rock (che però si chiama Faust) risulta sempre molto austero e monolitico (anche se la batteria, per quanto elementare e reiterata, almeno un pò è normalizzante e razionalizzante).
Un lavoro più recente come Slapping Pythagoras (gli ultimi non li ho sentiti) mi sembra leggermente più accondiscendente alla parola "arrangiamenti" pur essendo sempre costituito da intrichi di dissonanze e bordoni.

Certo anche Lamonte col Theater of ethernal music e ancor più nei blues torrenziali (col gruppo, non ricordo il nome...) è venuto a compromessi con la "musica".
  • 0

#6 mongodrone

mongodrone

    Enciclopedista

  • Members
  • StellettaStellettaStellettaStellettaStellettaStellettaStelletta
  • 9809 Messaggi:

Inviato 02 dicembre 2006 - 19:33

Posso permettermi un'uscita sopra le righe?
Io ODIO LaMonte Young. Odio 'sto ciccione barbuto fricchettone e tutta la sua sedicente aura parapsichica.


ma figurati, fai bene ad esprimerti. io non ho neanche visto una sua foto, perciò non conosco il suo atteggiamento - se è così - da guru o fricchettone...anzi, se sai dirmi di più è anche meglio...nemmeno io sopporto l'aura da figlio dei fiori, però non saprei in questo caso giudicare lui perchè non lo conosco...io ho giudicato la sua musica.
  • 0

#7 lamonteyoung

lamonteyoung

    Cazzaro

  • Members
  • StellettaStellettaStelletta
  • 460 Messaggi:
  • LocationGenova

Inviato 02 dicembre 2006 - 19:38

Il mio nick la dice tutta.
Penso di possedere e di avere ascoltato praticamente tutto quello che ha fatto, a volte anche 2 o 3 dischi al giorno, dai booklet non ufficiali al doppio cd coi forever bad blues band (dove in 2 ore improvvisano live un rock/blues, ma è molto limitativo definirlo così, lì dentro ci sono una fraccata di generi, compresi l'hard-rock e il bop) agli Inside the dream sindycate (con John Cale, Marian Zazeela, il compianto Angus MacLise e Tony Conrad) col magistrale Day of Niagara, al Theatre of the eternal music alla già citata Dream House.
Tutto questo mi basta a considerarlo uno dei massimi geni musicali di tutti i tempi.

p.s.: mi piace anche la musica( ? ) di Tony Conrad  ;)
  • 0

"Se ci si vuole opporre all'ordine vigente, è cosa saggia, quando si presenta l'occasione, provocare il caos” (Walter Marchetti)

 

Vendo dischi ---> http://forum.ondaroc...66-vendo-cdcdr/


#8 lamonteyoung

lamonteyoung

    Cazzaro

  • Members
  • StellettaStellettaStelletta
  • 460 Messaggi:
  • LocationGenova

Inviato 02 dicembre 2006 - 19:40


Posso permettermi un'uscita sopra le righe?
Io ODIO LaMonte Young. Odio 'sto ciccione barbuto fricchettone e tutta la sua sedicente aura parapsichica.


ma figurati, fai bene ad esprimerti. io non ho neanche visto una sua foto, perciò non conosco il suo atteggiamento - se è così - da guru o fricchettone...anzi, se sai dirmi di più è anche meglio...nemmeno io sopporto l'aura da figlio dei fiori, però non saprei in questo caso giudicare lui perchè non lo conosco...io ho giudicato la sua musica.


Immagine inserita
  • 0

"Se ci si vuole opporre all'ordine vigente, è cosa saggia, quando si presenta l'occasione, provocare il caos” (Walter Marchetti)

 

Vendo dischi ---> http://forum.ondaroc...66-vendo-cdcdr/


#9 Guest_osvo_*

Guest_osvo_*
  • Guests

Inviato 02 dicembre 2006 - 19:51


Ma sì, l'importanza e il genio di Lamonte non si discutono, prendete il mio intervento precedente come un semplice sfogo semiserio.
Certo, devo ammettere però che per quel che mi riguarda non ho mai provato troppa empatia coi materiali di Young, non so perché. E senz'altro tutta la caciara che l'uomo ha fatto con Conrad e Cale a fine anni '90 ha influito sul mio giudizio - ma qui si parla dell'uomo, non della musica, quindi ammetto il mio svarione.
Un'unica curiosità, lamonte (...): come hai fatto a recuperare tutto il suo materiale, solitamente reperibile a prezzi ultraproibitivi?


#10 lamonteyoung

lamonteyoung

    Cazzaro

  • Members
  • StellettaStellettaStelletta
  • 460 Messaggi:
  • LocationGenova

Inviato 02 dicembre 2006 - 20:16

un paio di cd li ho originali (quello coi Forever bad blues band (pagato una cifra discreta), The tamburas of Pandit Pran Nath, Inside the dream sindycate vol.1 & 2), il resto (purtroppo) tirato giù da internet, in attesa magari di ristampe o similari (anche se conoscendo il soggetto tutto questo è abbastanza improbabile :().
Mi piacerebbe avere almeno il well tuned piano originale, ma su amazon viene cifre davvero folli  :( :'(.
  • 0

"Se ci si vuole opporre all'ordine vigente, è cosa saggia, quando si presenta l'occasione, provocare il caos” (Walter Marchetti)

 

Vendo dischi ---> http://forum.ondaroc...66-vendo-cdcdr/


#11 norb

norb

    mainstream Star

  • Redattore OndaRock
  • StellettaStellettaStellettaStellettaStelletta
  • 2449 Messaggi:

Inviato 02 dicembre 2006 - 22:39

non mi stancano mai.
che ne pensate?


quoto in toto
  • 0

#12 keith

keith

    mainstream Star

  • Members
  • StellettaStellettaStellettaStellettaStelletta
  • 2389 Messaggi:

Inviato 04 dicembre 2006 - 17:03

Ho sentito solo qualcosina di La Monte Young tempo fa (non mi ricordo nemmeno cosa fosse, l'avevo scarrrricato su soulseek e ora non lo trovo più sul computer) e devo dire che non mi ha appassionato più di tanto, però son pronto a ritentare: da cosa mi consigliate di (ri)iniziare??? Ho sempre sentito il suo nome associato a Cale e ai Velvet Underground che adoro, quindi una seconda chance gliela concedo!!
Grazie ondarockers!!  :-*
  • 0

#13 mongodrone

mongodrone

    Enciclopedista

  • Members
  • StellettaStellettaStellettaStellettaStellettaStellettaStelletta
  • 9809 Messaggi:

Inviato 04 dicembre 2006 - 17:21

se ti interessa l'associazione ai velvet e cale, e quindi un lamonte young "più musicale", più vario, più vicino, anzi, meno lontano da sister ray (ma dubito che ci sia una vera vicinanza) allora forse sono più attinenti - visto ciò che ha detto slothrop  e quello che dice scaruffone - questi due lavori - che io comunque non ho ancora sentito!...

Forever Bad Blues Band: Just Stompin'
Inside the Dream Syndicate vol 1: Day of Niagara
  • 0

#14 lamonteyoung

lamonteyoung

    Cazzaro

  • Members
  • StellettaStellettaStelletta
  • 460 Messaggi:
  • LocationGenova

Inviato 04 dicembre 2006 - 19:04

Inside the dream sindycate penso sia in assoluto il meno musicale
Live in the kitchen invece è un capolavoro in 2 ore con "spaziature" tra il rock, il blues, l'hard-rock e il bop ed altri generi, oltre ad essere un discone bello grande.
Per iniziare fai:
1) Live in the kitchen
2) The well tuned piano
3) Just Charles & Cello in The Romantic Chord (anche se è sotto a questi 2 che sono giganteschi)

poi vai di Inside the dream sindycate per iniziare la fase meno "melodica", poi ti direi Black album, Dream House ecc ecc :)
  • 0

"Se ci si vuole opporre all'ordine vigente, è cosa saggia, quando si presenta l'occasione, provocare il caos” (Walter Marchetti)

 

Vendo dischi ---> http://forum.ondaroc...66-vendo-cdcdr/


#15 keith

keith

    mainstream Star

  • Members
  • StellettaStellettaStellettaStellettaStelletta
  • 2389 Messaggi:

Inviato 05 dicembre 2006 - 12:02

Grazie dei consigli, proverò (magari prima di comprare tiro giù qualcosa dalla rete) e poi vi dico!
:-*
  • 0

#16 slothrop

slothrop

    Enciclopedista

  • Redattore OndaRock
  • StellettaStellettaStellettaStellettaStellettaStellettaStelletta
  • 7338 Messaggi:

Inviato 05 dicembre 2006 - 12:41

Del solo Cale sul fronte minimal-rumorista va segnalato il box della Table Of The Elements: New York in the sixties (3xCD). Tutto molto sister ray da queste parti...
  • 0

#17 lamonteyoung

lamonteyoung

    Cazzaro

  • Members
  • StellettaStellettaStelletta
  • 460 Messaggi:
  • LocationGenova

Inviato 05 dicembre 2006 - 13:53

Del solo Cale sul fronte minimal-rumorista va segnalato il box della Table Of The Elements: New York in the sixties (3xCD). Tutto molto sister ray da queste parti...


questo mi manca, e pensare che della table of the elements ho tutti i dischi di Conrad (a parte Slapping Pythagoras), il primo e secondo Inside the dream sindycate (il secondo a nome di Cale, sebbene siano molte le collaborazioni con La monte, Tony Conrad e gli altri), Rien dei Faust e qualcos'altro che ora non ricordo.
Ora mi metto alla ricerca di questo cofanetto, grazie :).
  • 0

"Se ci si vuole opporre all'ordine vigente, è cosa saggia, quando si presenta l'occasione, provocare il caos” (Walter Marchetti)

 

Vendo dischi ---> http://forum.ondaroc...66-vendo-cdcdr/


#18 InTheBasement

InTheBasement

    mainstream Star

  • Members
  • StellettaStellettaStellettaStellettaStelletta
  • 1101 Messaggi:

Inviato 05 dicembre 2006 - 14:23


Del solo Cale sul fronte minimal-rumorista va segnalato il box della Table Of The Elements: New York in the sixties (3xCD). Tutto molto sister ray da queste parti...


questo mi manca, e pensare che della table of the elements ho tutti i dischi di Conrad (a parte Slapping Pythagoras), il primo e secondo Inside the dream sindycate (il secondo a nome di Cale, sebbene siano molte le collaborazioni con La monte, Tony Conrad e gli altri), Rien dei Faust e qualcos'altro che ora non ricordo.
Ora mi metto alla ricerca di questo cofanetto, grazie :).


Della Table bisogna avere TUTTOOO! :shifty: :-)
  • 0

#19 Embryo

Embryo

    Enciclopedista

  • Moderators
  • 7697 Messaggi:

Inviato 05 dicembre 2006 - 23:51



Del solo Cale sul fronte minimal-rumorista va segnalato il box della Table Of The Elements: New York in the sixties (3xCD). Tutto molto sister ray da queste parti...


questo mi manca, e pensare che della table of the elements ho tutti i dischi di Conrad (a parte Slapping Pythagoras), il primo e secondo Inside the dream sindycate (il secondo a nome di Cale, sebbene siano molte le collaborazioni con La monte, Tony Conrad e gli altri), Rien dei Faust e qualcos'altro che ora non ricordo.
Ora mi metto alla ricerca di questo cofanetto, grazie :).


Della Table bisogna avere TUTTOOO! :shifty: :-)

Attenzione: il cofanetto (numero di serie 87, elemento chimico Francio) raccoglie in unica confezione, oltre a "Sun Blindness Music", i due capitoli di "Inside Dream Syndicate" (secondo e terzo per la precisione) usciti a nome John Cale. Tutti lavori già licenziati singolarmente dall'etichetta di Jeff Hunt con i numeri di serie (e atomici) 75 (Renio), 79 (Oro) e 80 (Mercurio), pertanto il nostro amico lamonteyoung, a quanto leggo, dovrebbe possederne già almeno uno.
L'ultimo capitolo - "Stainless Gamelan" (giusto per riallacciarci al thread aperto da wago) - è, secondo il mio modesto parere, il migliore dei tre. Ascoltare per credere.
  • 0
nobody knows if it really happened

At this range, I'm a real Frederick Zoller.

La birra è un perfetto scenario da sovrappopolazione: metti una manciata di organismi in uno spazio chiuso con più carboidrati di quanti ne abbiano mai visti e guardali sterminarsi con gli scarti che producono - nel caso specifico, anidride carbonica e alcol. E poi, alla salute!

#20 lamonteyoung

lamonteyoung

    Cazzaro

  • Members
  • StellettaStellettaStelletta
  • 460 Messaggi:
  • LocationGenova

Inviato 06 dicembre 2006 - 12:51

possiedo Oro 79 difatti (cioè Dream interpretation) ;).

E sto cercando Stainless gamelan...

Sun blindness music cosa sarebbe? John Cale da solista?
  • 0

"Se ci si vuole opporre all'ordine vigente, è cosa saggia, quando si presenta l'occasione, provocare il caos” (Walter Marchetti)

 

Vendo dischi ---> http://forum.ondaroc...66-vendo-cdcdr/





0 utente(i) stanno leggendo questa discussione

0 utenti, 0 ospiti, 0 utenti anonimi

IPB Skin By Virteq