Vai al contenuto


Foto
* * * - - 15 Voti

L'ascoltatore Universale (Edizione 2020)


  • Please log in to reply
1194 replies to this topic

#1181 Lussus

Lussus

    Roadie

  • Members
  • StellettaStellettaStellettaStelletta
  • 712 Messaggi:

Inviato 08 ottobre 2020 - 17:28

Per cosa siamo famosi nel mondo?per la nostra cultura,ma soprattutto per 3 cose:L'opera lirica, il melodramma e la Musica Napoletana.
L'innato gusto per la "melodia", fa di noi i maestri indiscussi della musica leggera.

  • 0

#1182 suche

suche

    Goonie

  • Members
  • StellettaStellettaStellettaStellettaStellettaStellettaStellettaStellettaStelletta
  • 23577 Messaggi:

Inviato 15 ottobre 2020 - 11:33

Per cosa siamo famosi nel mondo?per la nostra cultura,ma soprattutto per 3 cose:L'opera lirica, il melodramma e la Musica Napoletana.
L'innato gusto per la "melodia", fa di noi i maestri indiscussi della musica leggera.

Infatti io sarei molto curioso e contento di sentire nuovi artisti che non siano i soliti Il Volo o Bocelli sperimentare con la lirica e il pop o il rock.
  • 1

Caro sig. Bernardus...

Scontro tra Titanic

"Echheccazzo gdo cresciuto che nin sei altro."<p>

#1183 dick laurent

dick laurent

    ...

  • Members
  • StellettaStellettaStellettaStellettaStellettaStellettaStellettaStelletta
  • 12428 Messaggi:

Inviato 15 ottobre 2020 - 14:56

 

Per cosa siamo famosi nel mondo?per la nostra cultura,ma soprattutto per 3 cose:L'opera lirica, il melodramma e la Musica Napoletana.
L'innato gusto per la "melodia", fa di noi i maestri indiscussi della musica leggera.

Infatti io sarei molto curioso e contento di sentire nuovi artisti che non siano i soliti Il Volo o Bocelli sperimentare con la lirica e il pop o il rock.

 

 

da poco ho sentito questa di Silvia Nair, parte bene poi purtroppo partono dei chitarroni buzzurroni di grossa cilindrata che rovinano tutto

 

https://www.youtube....h?v=qevl5Uj2PQM


  • 0

dai manichei che ti urlano o con noi o traditore libera nos domine


#1184 Lussus

Lussus

    Roadie

  • Members
  • StellettaStellettaStellettaStelletta
  • 712 Messaggi:

Inviato 15 ottobre 2020 - 15:43

Il mio personalissimo Canzoniere della musica leggera italiana degli anni 20/30:

Ci tengo a precisare che non ho inserito nessun brano di Rodolfo De Angelis,poichè trattandosi di un genio,è fuori categoria.

 

"Vipera" di E.A. Mario [1919]  https://www.youtube....h?v=pvmw2USydRg

"Scettico Blues" di D.Rulli [1924]  https://www.youtube....h?v=-IHyjsUfydw

"Addio Tabarin" di D.Rulli [1922]  https://www.youtube....h?v=F94M8Ewdri0

"Parlami d'amore Mariù" di C.Bixio [1922] https://www.youtube....h?v=a85sWyBCP5U

"Vivere!" di C.Bixio [1937] https://www.youtube....h?v=HYrA9ADzq14

"Lucciole vagabonde" di C.Bixio [1927] https://www.youtube....h?v=hNqRGP-Ic-o

"Tanto pe' cantà" di E.Petrolini [1932https://www.youtube....h?v=vYe3aLf-as4

"Mille lire al mese" di P.Barzizza [1939] https://www.youtube....h?v=amK4GBT7DGA

"Violino Tzigano" di C.Bixio [1934] https://www.youtube....h?v=H0Fkv3JRmck

"Ziki-Paki, Ziki Pu" di Mascheroni [1929] https://www.youtube....h?v=P4ro7qO44YI

 

C'è un po' di tutto, dal Tango argentino al Fox Trot al Valzer


  • 0

#1185 dick laurent

dick laurent

    ...

  • Members
  • StellettaStellettaStellettaStellettaStellettaStellettaStellettaStelletta
  • 12428 Messaggi:

Inviato 16 ottobre 2020 - 09:56

molti di quelli sono pezzi famosissimi Lussus. Petrolini è simpatico, ma in generale è roba che davvero non mi verrebbe da ascoltare. Musicalmente per me è davvero robetta banale e dimenticabilissima fatta per le nonne di un tempo che compravano Famiglia Cristiana e dicevano il rosario. Quando dici che l'italia è nota per la melodia, dubito che sia quella la roba considerata (molto più i vari Rossini/Puccini/Bellini e altri ini). Cos'è che ci trovi? Capivo molto di più la passione per il Doom o per il Funk, qui è come se vantassi qualche sceneggiato rai con le suore come il non plus ultra della storia del cinema italiano.


  • 0

dai manichei che ti urlano o con noi o traditore libera nos domine


#1186 vit vit

vit vit

    Groupie

  • Members
  • StellettaStellettaStelletta
  • 129 Messaggi:

Inviato 16 ottobre 2020 - 13:09

"Musicalmente per me è davvero robetta banale e dimenticabilissima". Ehm per rispetto altrui non l'ho scritto, però concordo.
È vero che è musica centenaria, ma ugualmente poco interessante.
Ps mi sono sorpreso a leggere " Blues" in un pezzo italiano degli anni '20 del secolo scorso. Immaginavo che a quei tempi fosse quasi sconosciuto, il blues intendo.
  • 0

#1187 tonysuper

tonysuper

    Classic Rocker

  • Members
  • StellettaStellettaStellettaStellettaStellettaStelletta
  • 3126 Messaggi:

Inviato 16 ottobre 2020 - 13:18

Come no?
 
La tristezza di San Luigi...
 
(St Louis Blues, tristezza era la parola usata per aggirare la censura).


  • 1

#1188 vit vit

vit vit

    Groupie

  • Members
  • StellettaStellettaStelletta
  • 129 Messaggi:

Inviato 16 ottobre 2020 - 23:54

 

La tua firma non l'ho capita.


  • 0

#1189 Lussus

Lussus

    Roadie

  • Members
  • StellettaStellettaStellettaStelletta
  • 712 Messaggi:

Inviato 17 ottobre 2020 - 14:22

molti di quelli sono pezzi famosissimi Lussus. Petrolini è simpatico, ma in generale è roba che davvero non mi verrebbe da ascoltare. Musicalmente per me è davvero robetta banale e dimenticabilissima fatta per le nonne di un tempo che compravano Famiglia Cristiana e dicevano il rosario. Quando dici che l'italia è nota per la melodia, dubito che sia quella la roba considerata (molto più i vari Rossini/Puccini/Bellini e altri ini). Cos'è che ci trovi? Capivo molto di più la passione per il Doom o per il Funk, qui è come se vantassi qualche sceneggiato rai con le suore come il non plus ultra della storia del cinema italiano.

Capisco le tue perplessità e in parte concordo, soprattutto quando dici che la famosa "melodia" italiana và ricercata altrove, però certe sonorità tipiche del decennio 20/30 esercitano un fascino tutto particolare (almeno per me).

Come si ascoltava la musica durante il ventennio?radio oppure 78 giri riprodotto da un grammofono.

Si tratta di canzoni "leggere", i cui testi spazziano dal romantico (spesso melenso)  allo spensierato (necessità di evadere un regime opprimente e soffocante)

Le musiche, penalizzate anche dalla bassa qualità d'incisione,sono si gradevoli,ma nulla di più..Non aspettiamoci arrangiamenti melensi e ruffiani, melodie d' amore perchè non ne troveremo...Si punta tutto sul ritmo, in tempo di Fox-Trot ,Tango Argentino (italianizzato e snaturato) e Valzer.

Veniamo infine ai cantanti:talentuosi..Alcuni nomi:Beniamino Giglio/Carlo Buti/Gabrè ecc ecc

In conclusione, preferisco il decennio 40, epoca d'oro dello Swing,nato su emulazione del filone americano ma che aveva elementi di unicità ed interpreti straordinari (Trio Lescano, Rabagliati e tanti altri)


  • 0

#1190 Lussus

Lussus

    Roadie

  • Members
  • StellettaStellettaStellettaStelletta
  • 712 Messaggi:

Inviato 18 ottobre 2020 - 17:13

In questo momento ho in cuffia Louis Armstrong The Hot Five & Hot Seven Sessions 

 

Il mio approccio è il seguente:

Concentrarsi sulla melodia principale per poi passare alle armonie sottostanti e alle improvvisazioni.

Gli "Hot five" erano una formazione a 5 elementi: Tromba/trombone/piano/clarinetto/chitarra-banjo

 

Prendiamo uno dei brani più famosi: My Heart [1925]

 

 

 

fino a 0:54

melodia principale:Tromba 

contrappunto (non so se si può chiamare così): clarinetto (non suona la stessa melodia della tromba)

ritmo:non c'è batteria e non c'è contrabbasso...il tutto è affidato o al piano o al banjo

il trombone si sente poco...

 

1:19 clarinetto solista

1:40 piano

 

conclusione:jazz solistico


  • 0

#1191 tonysuper

tonysuper

    Classic Rocker

  • Members
  • StellettaStellettaStellettaStellettaStellettaStelletta
  • 3126 Messaggi:

Inviato 19 ottobre 2020 - 15:25

Il jazz lo apprezzi meglio se ti concentri sul ritmo. In particolare su tutte le irregolarità ritmiche tipiche della musica nera (dal blues al funk all'hip hop), quello che a volte si chiama "groove" e che nel jazz si preferisce chiamare "swing".

 

Poi ci sono tanti sottogeneri, in generale il jazz tradizionale e mainstream richiede tanta concentrazione sull'armonia che è molto pesante come quella romantica, con accordi densi con 4 o 5 note.

 

Il jazz modale, il free, la fusion e in generale quello che è venuto dopo i 50 è invece più liquido e si ascolta più facendo attenzione a quello che tu chiami "contrappunto".

 

Ci sono brani jazz con scale semplici (pentatoniche), con scale complicate (il be bop), con i modi, o addirittura atonali (molto free).

 

Il jazz nelle sue varie sfaccettature è completo, devi sapere fare tutto.


  • 0

#1192 suche

suche

    Goonie

  • Members
  • StellettaStellettaStellettaStellettaStellettaStellettaStellettaStellettaStelletta
  • 23577 Messaggi:

Inviato 20 ottobre 2020 - 14:01

Porca troia ho ascoltato qualcosa di Bela Bartok.
Poi anche altra roba simile.
Altro che metal, qui si che si va veloci, straordinaria dinamica per l'eccellenza strumentistica.
  • 2

Caro sig. Bernardus...

Scontro tra Titanic

"Echheccazzo gdo cresciuto che nin sei altro."<p>

#1193 vit vit

vit vit

    Groupie

  • Members
  • StellettaStellettaStelletta
  • 129 Messaggi:

Inviato 20 ottobre 2020 - 14:58

Altro che metal 😄😄
Velocità, energia,un pò di rabbia.. Esistevano già da prima.
Quello dell'ascoltatore metal è un mio cruccio(NB è un genere ch ascolto da quando è nato) che si fossilizza nel genere pensando sia il non plus ultra della tecnica,velocità e complessità.
Soprattutto gli ascoltatori di death/jent ecc
Gli feci ascoltare questo pezzo, credo sia intorno ai 300bpm suonati col contrabbasso oltretutto, anno 1970 circa

https://youtu.be/5EceBzWQhvQ
  • 0

#1194 tonysuper

tonysuper

    Classic Rocker

  • Members
  • StellettaStellettaStellettaStellettaStellettaStelletta
  • 3126 Messaggi:

Inviato 04 novembre 2020 - 09:53

 

Non sono proprio d'accordo su tutto, ma più o meno torna asd 


  • 0

#1195 Lussus

Lussus

    Roadie

  • Members
  • StellettaStellettaStellettaStelletta
  • 712 Messaggi:

Inviato 18 novembre 2020 - 16:27

Qui di seguito alcune considerazioni su "Deep Purple In Rock"
 
Essendo il fuzz uno degli effetti più utilizzati nella storia del Rock,non c'è chitarrista che non lo abbia usato o che comunque non ne abbia subito il fascino..Da Clapton a Hendrix,TUTTI o quasi utilizzavano il "Fuzz Face",un pedale.
 
Blackmore non lo utilizzava. Il suono distorto della ES335,che ricordiamolo è la chitarra usata per registrare il disco, è ottenuto grazie Al Treble Booster..L'ho scoperto di recente leggendo una sua vecchia intervista.
 
A parità di chitarra,cambiando l'amplificatore,il suono cambierà e di molto.
La differenza tra un amplificatore valvolare e uno digitale è abissale.
Questo è solo un esempio.

  • 0




0 utente(i) stanno leggendo questa discussione

0 utenti, 0 ospiti, 0 utenti anonimi

IPB Skin By Virteq