Vai al contenuto


Foto
- - - - -

La Madre (Muschietti, 2013)


  • Please log in to reply
3 replies to this topic

#1 Jules

Jules

    Pietra MIliare

  • Redattore OndaCinema
  • StellettaStellettaStellettaStellettaStellettaStellettaStellettaStellettaStelletta
  • 21145 Messaggi:

Inviato 24 marzo 2013 - 22:14

Sparite cinque anni addietro senza lasciare traccia, le sorelline Victoria e Lily vengono finalmente ritrovate in una baita fatiscente, in condizioni quasi animalesche. Le bimbe vengono accolte nella casa di zio Lucas e della fidanzata Annabel. La giovane donna cerca di restituire le bambine a una vita normale, ma strane presenze iniziano ad aleggiare nella casa...


Immagine inserita


http://www.ondacinem...ione/madre.html
  • 0

#2 vegeta851

vegeta851

    Enciclopedista

  • Members
  • StellettaStellettaStellettaStellettaStellettaStellettaStelletta
  • 8571 Messaggi:
  • LocationFerrara

Inviato 25 marzo 2013 - 00:04

Del corto iniziale di Muschietti è rimasta la capacità nel creare tensione da un ambiente famigliare e claustrofobico, lo spunto arcaico e ambiguo. Il film però è Del Toro al 101%. Ovvero, una fiaba horror per i bimbi e dalla parte dei bimbi, in cui sono loro a pagare le conseguenze di un mondo adulto avido e incapace di dare amore (l'incidente iniziale avviene a causa del tracollo economico che ben conosciamo). Il film è dunque una sorta di truffautiano "enfant sauvage" influenzato dalle atmosfere gotiche di Burton, una pellicola di genere che osa prendersi qualche rischio e sfocia in un finale poetico e struggente.

Peccato solo per certe concessioni allo spavento "facile" (con uso e abuso di effetti sonori ad "hoc") e per alcuni effetti digitali troppo artificiosi e insistiti. Perfetta, sexy e ancora una volta convincente Jessica Chastain, questa volta in versione rockettara con frangetta.
  • 0

#3 neuro

neuro

    king (beyond the wall)

  • Redattore OndaCinema
  • StellettaStellettaStellettaStellettaStellettaStelletta
  • 3537 Messaggi:
  • Locationqua

Inviato 28 maggio 2013 - 22:42

mi sorprende che nel forum non gliene sia fregato niente a nessuno!

visto stasera - c'e' muschietti/del toro, la ormai certezza chastain e pure JAIMIE LANNISTER ma che volete di piu'

certo, oltre a tutto quello che dice giustamente vegeta l'altro difetto e' che

Spoiler


ma d'altro canto

Spoiler


e per questo, oltre che per un paio di spaventoni stilosi in itinere, e le scene di flashback affascinanti merita senza dubbio la sufficienza piena con interesse

certo fosse per me

Spoiler

  • 0
apri apri, apri tutto!

#4 cinemaniaco

cinemaniaco

    Classic Rocker

  • Members
  • StellettaStellettaStellettaStellettaStellettaStelletta
  • 3314 Messaggi:

Inviato 07 febbraio 2019 - 11:36

molti dei limiti che muschietti ha mostrato in IT erano già in nuce in questo esordio tuttavia più "libero" e "personale", ma non meno convenzionale. la formula è presto detta: dark fantasy deltoro-iana (che produce) + stilemi j-horror. muschietti di suo cosa aggiunge? la riflessione sulla maternità? non saprei, sono temi che ormai girano in lungo e in largo nell'horror americano non più misogino e maschiocentrico (in verità, che peccato ashd )

a dirla tutta, ho trovato la morale di base parecchio tronfia e reazionaria, proprio americana al 100% pur essendo muschietti argentino e il film una produzione canadese/spagnola. e questo la dice lunga su quale fosse fin dall’inizio il “bersaglio grosso” a cui mirava il regista… tutto in fondo ruota attorno al personaggio di jessica chastain: all’inizio punk ribelle che rifiuta la maternità, farà un percorso che la porterà ad accettare la propria natura di donna e quindi di madre. morale della favola: donne non fate le ribelli nichiliste, ma abbracciate il focolaio domestico. tanto vale che anche per le bambine alla fine non c’è più bisogno dello spirito “mama”, perché hanno finalmente trovato una donna in carne ed ossa che vuole essere la loro madre

in tutto questo abbiamo un film che spesso cade nel ridicolo involontario come tutti quegli horror che mettono in scena situazioni paradossali, ma si prendono dannatamente sul serio. ci fossero ancora gli scary movie di una volta, non si sarebbero fatti sfuggire queste bambine tarantolate che appaiono, scompaiono, saltano, strisciano, grugniscono per tutta la casa come delle piccole sadako. il fantasma in CGI è proprio brutto, ma non nel senso buono: ora cosa ci voleva a cercare una attrice magrissima e lavorare di trucco? sarebbe stato molto più inquietante di questo cartoon ambulante

qualche scena visionaria è comunque azzeccata, il finale è migliore di quanto mi aspettassi, si tratta comunque di un film più vicino alla dark fantasy che all’horror, di quest’ultimo fa un uso/abuso di jump scare come già visto in IT
  • 0




0 utente(i) stanno leggendo questa discussione

0 utenti, 0 ospiti, 0 utenti anonimi

IPB Skin By Virteq