Vai al contenuto


- - - - -

Marie Antoinette di Sofia Coppola


  • Please log in to reply
255 replies to this topic

#1 Guest_vegeta_*

Guest_vegeta_*
  • Guests

Inviato 17 novembre 2006 - 20:14

uscito oggi.

mi è piaciuto.

Ma proprio tanto.

La Coppola, qui al suo film più maturo, elegante e personale, chiude una ideale trilogia dedicata a figure femminili prigioniere di un mondo più grande di loro e in cui faticano a inserirsi.

Ma non ci si aspettava un film così malinconico e pessimista, quasi, e potrei spararla grossa, un "Barry Lyndon" dei nostri tempi, in cui, la regista, rende l'identificazione con la protagonista (o forse con se stessa?) ancora più profonda, utilizzando un'appropriata colonna sonora composta da brani pop e di musica classica (molto Kubrickiana pure questa).

Kirsten Dunst assolutamente perfetta.

E' uno dei film dell'anno.

#2 stolen_music

stolen_music

    aspirante indie

  • Members
  • StellettaStelletta
  • 56 Messaggi:

Inviato 17 novembre 2006 - 20:39

uscito oggi.

mi è piaciuto.

Ma proprio tanto.

La Coppola, qui al suo film più maturo, elegante e personale, chiude una ideale trilogia dedicata a figure femminili prigioniere di un mondo più grande di loro e in cui faticano a inserirsi.

Ma non ci si aspettava un film così malinconico e pessimista, quasi, e potrei spararla grossa, un "Barry Lyndon" dei nostri tempi, in cui, la regista, rende l'identificazione con la protagonista (o forse con se stessa?) ancora più profonda, utilizzando un'appropriata colonna sonora composta da brani pop e di musica classica (molto Kubrickiana pure questa).

Kirsten Dunst assolutamente perfetta.

E' uno dei film dell'anno.



Mi fido di te, vado a vederlo.. Poi saprò dire.
  • 0

#3 Guest_vegeta_*

Guest_vegeta_*
  • Guests

Inviato 17 novembre 2006 - 21:09


Mi fido di te, vado a vederlo.. Poi saprò dire.


se ti sono piaciuti i due film precedenti di Sofia Coppola credo proprio che apprezzerai pure questo.

#4 Guest_eustache_*

Guest_eustache_*
  • Guests

Inviato 18 novembre 2006 - 00:23

personalmente non sopporto affatto i film della coppola. li trovi profondamente falsi. successo credo dovuto da una buona fotografia e dalle colonne sonore.
"lost in" pretendeva di essere un film d'autore solo perchè alla fine i due protagonisti non scopano, vi era un razzismo neanche troppo velato (perchè i giapponesi usano la L al posto della R??"?) e in oltre bill murray non è mai stato così poco divertente .


#5 Pickpocket

Pickpocket

    Roadie

  • Members
  • StellettaStellettaStellettaStelletta
  • 663 Messaggi:

Inviato 18 novembre 2006 - 00:53

personalmente non sopporto affatto i film della coppola. li trovi profondamente falsi. successo credo dovuto da una buona fotografia e dalle colonne sonore.
"lost in" pretendeva di essere un film d'autore solo perchè alla fine i due protagonisti non scopano, vi era un razzismo neanche troppo velato (perchè i giapponesi usano la L al posto della R??"?) e in oltre bill murray non è mai stato così poco divertente .



Ti dirò, io che l'ho amato, che effettivamente è un film a cui si può credere o no. Se ci si crede, converrai con me, è un film straordinario, altrimenti...
  • 0

#6 vamos

vamos

    Roadie

  • Members
  • StellettaStellettaStellettaStelletta
  • 586 Messaggi:

Inviato 18 novembre 2006 - 01:57

personalmente non sopporto affatto i film della coppola. li trovi profondamente falsi. successo credo dovuto da una buona fotografia e dalle colonne sonore.
"lost in" pretendeva di essere un film d'autore solo perchè alla fine i due protagonisti non scopano, vi era un razzismo neanche troppo velato (perchè i giapponesi usano la L al posto della R??"?) e in oltre bill murray non è mai stato così poco divertente.


Sul tuo giudizio, anche se non mi trovo d'accordo, non discuto perché trovo inutili queste diattribe su film d'autore-ciofeca-capolavoro-sopravvalutato.
Però, scusami, hai detto una cazzatina in grassetto. Che i giapponesi non riescano a dire la R, è un fatto provato. A livello neurologico, il loro cervello per come è educato non riesce a captare la sottile differenza tonale tra una R e una L.
Esempio: se io scrivo l_ o L, il nostro cervello le riconosce entrambe come lettera "elle", cancellando l'errore che teoricamente stabilisce la prima come un insieme di due simboli, e non un carattere dell'alfabeto.
Dunque, meglio trovare argomentazioni più valide che L e la mancata scopata.


P.s.: Ti confesso che, nonostante non m'avesse infastidito perché l'ho recepito come semplice ironia, ho pensato anch'io che si basasse molto su stereotipi della popolazione giapponese. Dopo essere stato a Tokyo per un breve periodo (come quello dei protagonisti del film), ti assicuro che le reazioni di sorpresa sono identiche a quelle viste in Lost In Translation. Dall'insistente cordialità alla doccia altezza tette.

P.p.s.: spero di vedere Marie Antoinette nei prossimi giorni, dovrebbe piacermi e spero mantenga le mie aspettative.
  • 0

#7 Guest_vegeta_*

Guest_vegeta_*
  • Guests

Inviato 18 novembre 2006 - 02:12



P.s.: Ti confesso che, nonostante non m'avesse infastidito perché l'ho recepito come semplice ironia, ho pensato anch'io che si basasse molto su stereotipi della popolazione giapponese. Dopo essere stato a Tokyo per un breve periodo (come quello dei protagonisti del film), ti assicuro che le reazioni di sorpresa sono identiche a quelle viste in Lost In Translation. Dall'insistente cordialità alla doccia altezza tette.


Infatti.

Molti si appigliano alla descrizione stereotipata dei giapponesi per affossare il (bel) film della Coppola, ma in realtà non credo proprio che lei fosse interessata a dirigere un saggio antropologico, quanto a concentrarsi sui due protagonisti, che si muovono in un ambiente a loro sconosciuto e fuori dal tempo. E' la stessa cosa che fa in "Marie Antoinette", e so già che molti lo criticheranno o giudicheranno revisionista.

L'intento della Coppola non era di certo quello di fare un film "storico", ma rappresentare un personaggio (ad alto tasso di autobiografismo) solo, malinconico e "prigioniero" di un mondo impazzito. Proprio come la Lux de "Le Vergini Suicide" o Scarlett Johansonn in "Lost in Translation"...

ps: Bill Murray poco divertente? Ma dai...."E' tempo di relax....è tempo di Santorii".... ;D

#8 mr.paradise

mr.paradise

    Roadie

  • Members
  • StellettaStellettaStellettaStelletta
  • 808 Messaggi:

Inviato 18 novembre 2006 - 07:23

ci vado domani!
grosse aspettative confermate dal post iniziale di vegeta!
  • 0
soldato witt: lei non si sente mai solo?
sergente welsh: solo in mezzo alla gente

mi sono innamorato di un'attrice hard

Non morite come me

#9 Guest_eustache_*

Guest_eustache_*
  • Guests

Inviato 18 novembre 2006 - 10:22


Però, scusami, hai detto una cazzatina in grassetto.


non ho detto nessuna cazzatina. ho riportato un dialogo del film il più fedelmente che potessi.

il film non mi è piaciuto non soltanto per la caratterizzazione razzista degli orientali (colazione da tiffany non mi dispiace nonostante mickey rooney che fa il cinese). credo di detestare la coppola figlia di papà con profonde crisi esistenziali (come la anna falchi) che si compiace del bel mondo da cui proviene.

#10 Guest_Oyuki_*

Guest_Oyuki_*
  • Guests

Inviato 18 novembre 2006 - 10:26

L'intento della Coppola non era di certo quello di fare un film "storico", ma rappresentare un personaggio


Appunto. Se non ricordo male, ci sono state proprio delle critiche sul fatto che il film non affrontasse le fasi della Rivoluzione francese. Questo, però, non è un film storico ma un film biografico. La Coppola ci descrive l'esperienza e il personaggio di Maria Antonietta, giovane austriaca catapultata in un ambiente così difficile come la corte francese settecentesca. Una ragazzina/donna mai accettata dalla popolazione e dalla nobiltà francesi che la chiamavano, appunto, con tono sprezzante "l'austriaca". Una ragazza fondamentalmente molto sola e con tutti gli eccessi di una giovane età che nessuno le insegnò a contenere. Una coppia (Maria Antonietta e Luigi XVI) a cui vennero date in mano troppo presto le sorti di una nazione, incapaci di sostenere il peso dei loro doveri.
Kirsten Dunst mi è piaciuta moltissimo nella parte e anche la colonna sonora, che mi preoccupava non poco, in quanto temevo stonasse troppo con il contesto, si è rivelata azzeccatissima.
Molto bravo anche Jason Schwartzman nella parte di Luigi XVI.


#11 Guest_vegeta_*

Guest_vegeta_*
  • Guests

Inviato 18 novembre 2006 - 10:44


Molto bravo anche Jason Schwartzman nella parte di Luigi XVI.


curiosità...

è il batterista dei Phantom Planet...

sapete...quelli di "Californiaaaaaaaaa"...

Ora che ci penso è veramente un film pop...c'è pure Marianne Faithfull nel ruolo della madre di Marie Antoinette.

#12 La Fata

La Fata

    mainstream Star

  • Members
  • StellettaStellettaStellettaStellettaStelletta
  • 2181 Messaggi:

Inviato 18 novembre 2006 - 11:57

brutto.
posso solo dire che l'ho trovato superficiale. darò altre motivazioni tra qualche giorno: non mi va di rovinare la sorpresa ad altri amichetti.
però brutto.
  • 0

Io non ho sentimenti... solo situazioni...

Tumblr. - Twitter


#13 bebo

bebo

    this modern love

  • Redattore OndaRock
  • StellettaStellettaStellettaStellettaStellettaStellettaStelletta
  • 8006 Messaggi:

Inviato 18 novembre 2006 - 12:09



Però, scusami, hai detto una cazzatina in grassetto.


non ho detto nessuna cazzatina. ho riportato un dialogo del film il più fedelmente che potessi.

Vamos ti ha spiegato che effettivamente i giapponesi hanno difficoltà, se non invalicabili sicuramente forti, nel discernere la pronuncia della R da quella della L. Se poi vogliamo far parlare un giapponese come sicuramente non riuscirebbe a parlare (ed immagino che nella versione anglofona i nipponici abbiano un marcato accento orientale nella pronuncia) solo per far fare un piacere ai benpensanti facciamolo, però sono "cazzatine" che esistono anche nella realtà. E c'è poco da farci.

Nel merito del film: andrò a vederlo carico di aspettative considerato quanto mi siano piaciuti i due precedenti di Sofia, leggendo il commento negativo della fata e considerato che abbiamo quasi sempre gusti diametralmente opposti probabilmente lo adorerò smodatamente. :P
  • 0
Do you wanna come over and kill some time?
Tell me facts, tell me facts, tell me facts
Tell me facts
Throw your arms around me
Do you wanna come over and kill some time?
Throw your arms around me


a beast caged
u
nderwater dancehall

#14 Guest_eustache_*

Guest_eustache_*
  • Guests

Inviato 18 novembre 2006 - 12:30




Però, scusami, hai detto una cazzatina in grassetto.


non ho detto nessuna cazzatina. ho riportato un dialogo del film il più fedelmente che potessi.

Vamos ti ha spiegato che effettivamente i giapponesi hanno difficoltà, se non invalicabili sicuramente forti, nel discernere la pronuncia della R da quella della L. Se poi vogliamo far parlare un giapponese come sicuramente non riuscirebbe a parlare (ed immagino che nella versione anglofona i nipponici abbiano un marcato accento orientale nella pronuncia) solo per far fare un piacere ai benpensanti facciamolo, però sono "cazzatine" che esistono anche nella realtà. E c'è poco da farci.

Nel merito del film: andrò a vederlo carico di aspettative considerato quanto mi siano piaciuti i due precedenti di Sofia, leggendo il commento negativo della fata e considerato che abbiamo quasi sempre gusti diametralmente opposti probabilmente lo adorerò smodatamente. :P


il punto è proprio questo. io ho riportato una frase del film e lui dice che ho detto una cazzata perchè i giapponesiu hanno difficoltà linguistiche etc..
non c'è relazione tra le due cose.
io criticavo un atteggiamento che emerge nel film e lui mi corregge con altri argomenti.


#15 vamos

vamos

    Roadie

  • Members
  • StellettaStellettaStellettaStelletta
  • 586 Messaggi:

Inviato 18 novembre 2006 - 12:43

Non avevo capito fosse una citazione dal film, ma la sostanza non cambia. Reputi razzista quel film perché, tra le altre cose, sottolinea la difficoltà linguistica. Cose assolutamente normali e veritiere (lo stupore dell'occidentale come la difficoltà dell'asiatico), non lo ritengono un'offesa, anzi si divertono nel provare a dire AdRRRRiano.
  • 0

#16 stolen_music

stolen_music

    aspirante indie

  • Members
  • StellettaStelletta
  • 56 Messaggi:

Inviato 18 novembre 2006 - 13:21



Mi fido di te, vado a vederlo.. Poi saprò dire.


se ti sono piaciuti i due film precedenti di Sofia Coppola credo proprio che apprezzerai pure questo.


Lost in translation è un film che ho visto triliardi di volte .. fai tu  ;)
  • 0

#17 musicista contabile

musicista contabile

    mainstream Star

  • Members
  • StellettaStellettaStellettaStellettaStelletta
  • 1095 Messaggi:

Inviato 18 novembre 2006 - 14:45

Anche a me è piaciuto Lost in Translation, soprattutto per Bill Murray, semplicemente grande.

Sarà difficile che veda questo in tempi brevi..
  • 0

#18 equo e solidale

equo e solidale

    pivello

  • Members
  • Stelletta
  • 4 Messaggi:

Inviato 18 novembre 2006 - 15:02

nonostante questa regista sia mediocre, tutto sommato il suo film precedente si fece apprezzare. il primo film e' banale e bruttino. da questo film, ma da lei in generale, piu' che altro, non c'e' molto da aspettarsi, quindi direi che potrei uscire dalla sala moderatamente soddisfatto. a patto che kirsten sia molto poco vestita.
  • 0

#19 Brainiac's Son

Brainiac's Son

    mainstream Star

  • Members
  • StellettaStellettaStellettaStellettaStelletta
  • 1370 Messaggi:

Inviato 18 novembre 2006 - 16:00


personalmente non sopporto affatto i film della coppola. li trovi profondamente falsi. successo credo dovuto da una buona fotografia e dalle colonne sonore.
"lost in" pretendeva di essere un film d'autore solo perchè alla fine i due protagonisti non scopano, vi era un razzismo neanche troppo velato (perchè i giapponesi usano la L al posto della R??"?) e in oltre bill murray non è mai stato così poco divertente.

Però, scusami, hai detto una cazzatina in grassetto. Che i giapponesi non riescano a dire la R, è un fatto provato. A livello neurologico, il loro cervello per come è educato non riesce a captare la sottile differenza tonale tra una R e una L.


Contesto entrambi! :P Che i giapponesi abbiano difficoltà a distinguere R ed L è vero (d'altra parte, noi italiani non sappiamo andare oltre i nostri 6-7 suoni vocalici). Però, che io sappia, il giapponese pronuncia R anche le L, non il contrario (caratteristica tipicamente cinese, ma in genere per i cinesi imparare è più semplice). A riprova di ciò, se non avete un giapponese a portata di mano, pensate alla trascrizione con i nostri caratteri dei nomi giapponesi: le R ci sono, le L no.
  • 0

#20 La Fata

La Fata

    mainstream Star

  • Members
  • StellettaStellettaStellettaStellettaStelletta
  • 2181 Messaggi:

Inviato 18 novembre 2006 - 20:23

il primo film e' banale e bruttino.

il primo film è un capolavoro ed è ben estratto dal libro omonimo. oh.

Nel merito del film: andrò a vederlo carico di aspettative considerato quanto mi siano piaciuti i due precedenti di Sofia, leggendo il commento negativo della fata e considerato che abbiamo quasi sempre gusti diametralmente opposti probabilmente lo adorerò smodatamente. :P

  :-*
  • 0

Io non ho sentimenti... solo situazioni...

Tumblr. - Twitter





0 utente(i) stanno leggendo questa discussione

0 utenti, 0 ospiti, 0 utenti anonimi

IPB Skin By Virteq