Vai al contenuto


Foto
* * * - - 3 Voti

Moonrise Kingdom (Wes Anderson, 2012)


  • Please log in to reply
117 replies to this topic

#61 piersa

piersa

    Megalo-Man

  • Redattore OndaCinema
  • StellettaStellettaStellettaStellettaStellettaStellettaStellettaStellettaStelletta
  • 20411 Messaggi:
  • Location14-16 Fabrizi Nicola e Aldo

Inviato 08 dicembre 2012 - 01:16

Quasi totalmente d'accordo con Jules, quasi perché io continuo a mettere sul podio "il treno per Darjeling" che è un dramma che vira verso la commedia e che incontra meglio i miei gusti che preferiscono questa equazione a "la commedia che vira al dramma" (cfr "I Tenenbaum"). "Dramma" e "Commedia" sono molto vicine alle definizioni al tempo del grande cinema classico hollywoodiano, compresa l'evidente presenza dello "stile registico", il tocco che dopo due inquadrature (come Jules ha sottolineato) ti dice subito chi è il regista se ti sei perso i credits iniziali.
Insomma: bravo Anderson, bravo Jules e bravo Desplat che ha orchestrato una bellissima colonna sonora.
  • 1

#62 parlopernoia

parlopernoia

    aspirante indie

  • Members
  • StellettaStelletta
  • 65 Messaggi:

Inviato 08 dicembre 2012 - 04:38

Qualcuno mi spiega il ruolo del meteorologo/narratore?! (ho l'impressione che sia stato messo lì per allungare il minutaggio; d'altronde il ritmo è serrato)
Il fulmine che colpisce Sam senza conseguenze che senso ha?
La somiglianza tra la scena della colazione e l'ultima cena è voluta? Se sì perché? vedi immagine.
Perché Murray ad un certo punto ha gli occhi neri?

Non pretendo che tutto abbia senso ci mancherebbe ma siccome la narrazione è molto sintetica non capisco la presenza di robe superflue.

Non vi siete lasciati andare coi complimenti? Il film è registicamente ineccepibile ma la storia, meh, non ha guizzi e mentre Suzy e ben caratterizzata(lettrice, fantasiosa, sognatrice, introversa, solitaria e violenta) il vuoto avvolge Sam, ridotto a una sagoma(di scout) piatta.

Non ho colto i doppi sensi nel dialogo prima del bacio! Se l'autore della recensione è così gentile da esplicitarmeli gliene sarò grato.

Guardando questo film me ne sono ricordato un altro: http://youtu.be/P-WCCdkVDr4, a mio modesto giudizio più originale e divertente di questo.
  • 0
-

#63 piersa

piersa

    Megalo-Man

  • Redattore OndaCinema
  • StellettaStellettaStellettaStellettaStellettaStellettaStellettaStellettaStelletta
  • 20411 Messaggi:
  • Location14-16 Fabrizi Nicola e Aldo

Inviato 08 dicembre 2012 - 08:13

scusa ma dove vedi la similitudine tra la colazione degli scout e l'ultima cena, un quadro con un punto focale e un gioco di sguardi e di angosce?
Qui guardano tutti il fuoricampo.
  • 0

#64 William Blake

William Blake

    Titolista ufficiale

  • Redattore OndaCinema
  • StellettaStellettaStellettaStellettaStellettaStellettaStellettaStelletta
  • 16272 Messaggi:

Inviato 08 dicembre 2012 - 09:27

Qualcuno mi spiega il ruolo del meteorologo/narratore?! (ho l'impressione che sia stato messo lì per allungare il minutaggio; d'altronde il ritmo è serrato)


è fondamentale per il versante mitopoietico di cui ho parlato nella recensione: è il narratore delle fiabe (esattamente come Suzy lo è leggendo i suoi libri), introducendoci ai luoghi e ai tempi del racconto. infatti il meteorologo passa da personaggio fuori dal tempo del racconto a deus ex-machina che si presenta spiegando ai protagonisti il pericolo imminente dell'uragano: il cataclisma naturale ha un valore sia metaforico che narrativo, visto che costringe tutti i personaggi a ripararsi sotto lo stesso tetto della chiesa.


Il fulmine che colpisce Sam senza conseguenze che senso ha?


be' è il culmine delle peripezie dell'eroe, non è che ci sia molto da capire...

Non ho colto i doppi sensi nel dialogo prima del bacio! Se l'autore della recensione è così gentile da esplicitarmeli gliene sarò grato.


è abbastanza esplicito in lingua originale: loro si baciano e il commento di Suzy è "it feels hard" in italiano tradotto se non erro con "la situazione è difficile" ma letteralmente sarebbe "lo sento duro", tant'è vero che lui chiede "ti dispiace?" e lei risponde tranquilla "I like it" asd


sulla presunta somiglianza con l'ultima cena ti ha già risposto Piero...
  • 1
Ho un aspetto tremendo, e non bado a vestirmi bene o a essere attraente, perché non voglio che mi capiti di piacere a qualcuno. Minimizzo le mie qualità e metto in risalto i miei difetti. Eppure c'è lo stesso qualcuno a cui interesso: ne faccio tesoro e mi chiedo: "Che cosa avrò sbagliato?"

#65 NewYorkDolls

NewYorkDolls

    aspirante indie

  • Members
  • StellettaStelletta
  • 73 Messaggi:

Inviato 08 dicembre 2012 - 13:29

7,5
Il mio voto non varrà nulla, ma di certo questo film non è il punto più alto della filmografia di Anderson.
Ricorda " Melody " di Waris Hussein, ma non possiede la stessa freschezza del film inglese.
Ottimo per tumblr, questo si.

Bannato in 3... 2... 1
  • 0

#66 slothrop

slothrop

    Enciclopedista

  • Redattore OndaRock
  • StellettaStellettaStellettaStellettaStellettaStellettaStelletta
  • 7408 Messaggi:

Inviato 08 dicembre 2012 - 14:09

Visto ieri sera. Copincollo da facebook:

"visto il "Badlands" di Wes Anderson. Bellissimo ancora una volta ma c'è un dubbio, ovvero come sia riuscito ad essere al tempo stesso commovente (con lui non è che succeda sempre) e manierista fino allo sfinimento, stavolta davvero, "troppo perfetto" e sia detto dando peso ad ambo le parole. Sempre più un cartone animato ma gli squarci sui ragazzini problematici sono toccanti per davvero".

Insomma, per me è molto bello, a naso sotto solo ai Tenenbaum e a Steve Zissou, però davvero l'hipsterismo e la cura della forma prima di ogni altra cosa, nonchè la riduzione a cartone animato (io sono d'accordo sui Peanuts, ma non trovo la citazione originale in questa discussione), insomma il manierismo è ai livelli di guardia, immagino possa essere da voltastomaco per chi già maldigeriva Anderson. Insomma capisco le critiche, però diciamo che stavolta la poetica è pienamente centrata, a differenza di Darjelling (che pure, forse, era davvero un tentativo di passo in avanti, ma troppo debole) e in linea con Mr Fox che però alla fine, per quanto bello, secondo me resta un film minore, anche se il passaggio al cartone animato è servito a radicalizzare lo stile naif eppure pieno di dettagli di Anderson, in particolare la recitazione piatta e perentoria che richiede ai personaggi.

Su tutto spiccano le figure dei due ragazzi (per me pure il maschio, lei è semplicemente stupenda), tratteggiati con naivetèe ma anche con grande profondità. E' un po' l'altra faccia della medaglia dei film adolescenziali di Gus Van Sant (soprattutto "Paranoid Park"), completamente diversi per obiettivi, stili e ambientazione, ma altrettanto efficaci nel dire cose molto importanti e molto vere sull'adolescenza senza dire, apparentemente, niente.

In particolare bellissima la sequenza della corrispondenza letteraria tra i due, andersoniana fino al midollo, e superata solo dallo strepitoso flashback del loro incontro, nei dietro le quinte di quella festa. E' una scena di levatura felliniana.
  • 0

#67 Claudio

Claudio

    I am what I play

  • Administrators
  • 35182 Messaggi:
  • LocationRoma

Inviato 08 dicembre 2012 - 16:10

insomma il manierismo è ai livelli di guardia, immagino possa essere da voltastomaco per chi già maldigeriva Anderson


Pensa che per me è stato l'esatto contrario: maldigerivo Anderson fin qui, proprio per via di un manierismo che mi pareva sostanzialmente "fatuo", mentre qui trovo che invece di "contenuti" ce ne siano parecchi, al di là della perfezione formale. I due protagonisti, in particolare, sono personaggi stupendi, analizzati in profondità, e aggiungono grande sostanza al film.
  • 0

#68 strangelove

strangelove

    Scaruffiano

  • Redattore OndaCinema
  • StellettaStellettaStellettaStellettaStellettaStellettaStellettaStelletta
  • 12516 Messaggi:

Inviato 08 dicembre 2012 - 16:13

Pensa che per me è stato l'esatto contrario: maldigerivo Anderson fin qui, proprio per via di un manierismo che mi pareva sostanzialmente "fatuo", mentre qui trovo che invece di "contenuti" ce ne siano parecchi, al di là della perfezione formale. I due protagonisti, in particolare, sono personaggi stupendi, analizzati in profondità, e aggiungono grande sostanza al film.


Io non capisco il ragazzino, ad esempio, rispetto ai film precedenti di Anderson quali maggiori profondità avrebbe.
Sono sempre gli stessi personaggi, così come le singole inquadrature sono sempre simili. A differenza del fatto che l'umanità de "I Tenenbaum" era ben più problematica.
  • 0

#69 piersa

piersa

    Megalo-Man

  • Redattore OndaCinema
  • StellettaStellettaStellettaStellettaStellettaStellettaStellettaStellettaStelletta
  • 20411 Messaggi:
  • Location14-16 Fabrizi Nicola e Aldo

Inviato 08 dicembre 2012 - 16:15

Visto ieri sera. Copincollo da facebook:

"visto il "Badlands" di Wes Anderson. Bellissimo ancora una volta ma c'è un dubbio, ovvero come sia riuscito ad essere al tempo stesso commovente (con lui non è che succeda sempre) e manierista fino allo sfinimento, stavolta davvero,

bellalì, Badlands ci sta. E anche "La morte corre sul fiume" e tanti (troppi) film di Truffaut. Perché il XX secolo quando si è voluto occupare di ragazzini l'ha fatto (lo fa) in una maniera fin troppo indulgente e di conseguenza manierata.
Io parlo per me e per il presidente Napolitano che indegnamente rappresento e dico che c'è un rapporto adulti/infanzia nel 900 che al di là delle considerazioni di merito è parte integrante della storia del secolo e che ha mutato il paradigma ottocentesco che riguardo quel rapporto si può dire fosse stato impostato sul terrore e l'ubbidienza.
  • 3

#70 parlopernoia

parlopernoia

    aspirante indie

  • Members
  • StellettaStelletta
  • 65 Messaggi:

Inviato 08 dicembre 2012 - 17:09

è fondamentale per il versante mitopoietico di cui ho parlato nella recensione: è il narratore delle fiabe (esattamente come Suzy lo è leggendo i suoi libri), introducendoci ai luoghi e ai tempi del racconto. infatti il meteorologo passa da personaggio fuori dal tempo del racconto a deus ex-machina che si presenta spiegando ai protagonisti il pericolo imminente dell'uragano: il cataclisma naturale ha un valore sia metaforico che narrativo, visto che costringe tutti i personaggi a ripararsi sotto lo stesso tetto della chiesa.
...
be' è il culmine delle peripezie dell'eroe, non è che ci sia molto da capire...
...
è abbastanza esplicito in lingua originale: loro si baciano e il commento di Suzy è "it feels hard" in italiano tradotto se non erro con "la situazione è difficile" ma letteralmente sarebbe "lo sento duro", tant'è vero che lui chiede "ti dispiace?" e lei risponde tranquilla "I like it" asd
...
sulla presunta somiglianza con l'ultima cena ti ha già risposto Piero...


Grazie mille! mi hai convinto appieno.
lol per i doppi sensi: la prima cosa a cui ho pensato è stata l'erezione! non l'avevo pensata nell'altro modo; sono malato.

Sulla somiglianza ci riprovo allegando nuova immagine(parlo con te che l'altro mi sembra spocchioso). Davvero ce la vedo solo io?! mi sembra palese. Magari è un velato sfottò all'impostazione cristiana degli scout! Nulla d'importante comunque.
[attachment=952:Untitled.jpg]

***Attenzione, sarcasmo da qui in poi***

Comunque il film nasconde una lettura molto più profonda, psicologica e introspettiva che fa impallidire le accuse di manierismo verso Anderson.
Rivedendo più volte l'intro ho notato dei particolari:
[attachment=954:Untitled.png]
e ho compreso il significato reale del film: in pratica è tutta una fantasia di Suzy in cui lei dà sfogo al complesso di Elettra.
Il quadro col forte degli scout lascia intendere che il padre fosse uno scout esattamente come Sam che poi diverrà una guardia esattamente come l'amante della madre. Sam esprime anche apprezzamenti verso il profumo di Suzy che è appunto della madre. Insomma la ragazzina vuole attirare l'attenzione dei genitori e instaura un rapporto conflittuale con la madre e idealizzando in Sam i suoi amanti. Magari Sam e Suzy si sono conosciuti davvero alla recita(nello stesso luogo dove si risolve la storia guarda caso e che è nel quadro) ma poi non si sono più visti o sono rimasti amici di penna, permettendo così a Suzy di lavorare di fantasia. La capannina per gli uccelli è nel giardino, probabilmente dove giocano i fratelli di Suzy, impersonati dagli scout ostili che complottano nella loro casetta.
La controprova che Sam non esiste è nel finale quando esce dalla finestra del secondo piano gettandosi nel vuoto come nulla fosse(nell'intro si vede bene che sotto la finestra non vi è alcun che).

Adesso scusate, vado a prendere i miei psicofarmaci.
  • 1
-

#71 piersa

piersa

    Megalo-Man

  • Redattore OndaCinema
  • StellettaStellettaStellettaStellettaStellettaStellettaStellettaStellettaStelletta
  • 20411 Messaggi:
  • Location14-16 Fabrizi Nicola e Aldo

Inviato 08 dicembre 2012 - 17:51

confermo quanto ho scritto riguardo la tavolata, altrimenti ogni volta che ci sediamo per pranzare ci sentiremmo come Gesù Cristo. Grazie di aver postato la foto comunque, effettivamente me la ricordavo diversa.
Peace, Love and Psicofarmaci
  • 3

#72 LM

LM

    Sono un uomo non sono un fake.

  • Members
  • StellettaStellettaStellettaStellettaStellettaStellettaStelletta
  • 9110 Messaggi:

Inviato 09 dicembre 2012 - 09:27

è abbastanza esplicito in lingua originale: loro si baciano e il commento di Suzy è "it feels hard" in italiano tradotto se non erro con "la situazione è difficile" ma letteralmente sarebbe "lo sento duro", tant'è vero che lui chiede "ti dispiace?" e lei risponde tranquilla "I like it" asd


Sicuro? Io l'ho visto ieri e il dialogo in italiano è:
"Sembra duro"
"Ti dispiace?"
"No, mi piace"

Bel film ma non è il suo migliore, che per me resta i Tenenbaum (forse anche perchè fu il primo di Wes Anderson che vidi e rimasi fulminato).
Scrive uno che comunque apprezzerebbe anche un film con due ore di sbadigli di Bill Murray se diretto da Anderson.
  • 0

#73 William Blake

William Blake

    Titolista ufficiale

  • Redattore OndaCinema
  • StellettaStellettaStellettaStellettaStellettaStellettaStellettaStelletta
  • 16272 Messaggi:

Inviato 09 dicembre 2012 - 10:40

Sicuro? Io l'ho visto ieri e il dialogo in italiano è:
"Sembra duro"
"Ti dispiace?"
"No, mi piace"


io ho ricordato "a braccio" i sottotitoli, poiché l'ho visto solo così, sia la prima volta per "Cannes a Roma" che la seconda...
  • 0
Ho un aspetto tremendo, e non bado a vestirmi bene o a essere attraente, perché non voglio che mi capiti di piacere a qualcuno. Minimizzo le mie qualità e metto in risalto i miei difetti. Eppure c'è lo stesso qualcuno a cui interesso: ne faccio tesoro e mi chiedo: "Che cosa avrò sbagliato?"

#74 Reynard

Reynard

    We're not in Kansas anymore

  • Members
  • StellettaStellettaStellettaStellettaStellettaStellettaStelletta
  • 9957 Messaggi:
  • LocationComo

Inviato 09 dicembre 2012 - 12:19

Visto ieri sera. Sono uscito dal cinema con un sorriso a cinquanta denti e riconciliato col mondo.
Bello per svariati motivi che avete già ampiamente sviscerato e altri ancora. A cominciare dalla sequenza della tempesta, energica ma anche compassata, uno stupendo brano musicale.
E poi... e poi...
  • 0
La firma perfetta dev'essere interessante, divertente, caustica, profonda, personale, di un personaggio famoso, di un personaggio che significa qualcosa per noi, riconoscibile, non scontata, condivisibile, politicamente corretta, controcorrente, ironica, mostrare fragilità, mostrare durezza, di Woody Allen, di chiunque tranne Woody Allen, corposa, agile, ambiziosa, esperienzata, fluente in inglese tedesco e spagnolo, dotata di attitudini imprenditoriali, orientata alla crescita professionale, militassolta, automunita, astenersi perditempo.

#75 Jules

Jules

    Pietra MIliare

  • Redattore OndaCinema
  • StellettaStellettaStellettaStellettaStellettaStellettaStellettaStellettaStelletta
  • 22228 Messaggi:

Inviato 09 dicembre 2012 - 13:48


Sicuro? Io l'ho visto ieri e il dialogo in italiano è:
"Sembra duro"
"Ti dispiace?"
"No, mi piace"


io ho ricordato "a braccio" i sottotitoli, poiché l'ho visto solo così, sia la prima volta per "Cannes a Roma" che la seconda...


Confermo la versione di LM, nel doppiaggio è stato tradotto proprio così.
  • 0

#76 parlopernoia

parlopernoia

    aspirante indie

  • Members
  • StellettaStelletta
  • 65 Messaggi:

Inviato 09 dicembre 2012 - 15:15

confermo quanto ho scritto riguardo la tavolata, altrimenti ogni volta che ci sediamo per pranzare ci sentiremmo come Gesù Cristo. Grazie di aver postato la foto comunque, effettivamente me la ricordavo diversa.
Peace, Love and Psicofarmaci

Certo, è risaputo che i tavoli si occupano solo da un lato!
All'Ikea per questo Natale fanno gli sconti sui tavoli da 10 metri per 10 persone :D
  • 0
-

#77 Ciscoteque

Ciscoteque

    utente 'patafisico

  • Members
  • StellettaStellettaStellettaStelletta
  • 547 Messaggi:

Inviato 09 dicembre 2012 - 17:56

Secondo me è uno dei migliori Anderson insieme ai Tenenbaum e Fantastic mr. Fox.

Comunque non so se è già stato detto ma il narratore era presente anche nel corto che anticipava il film un po' come era successo con Hotel Chevalier per il treno per il Darjeeling.

http://www.youtube.com/watch?feature=player_embedded&v=-jNc7HuatHQ#!
  • 0

#78 piersa

piersa

    Megalo-Man

  • Redattore OndaCinema
  • StellettaStellettaStellettaStellettaStellettaStellettaStellettaStellettaStelletta
  • 20411 Messaggi:
  • Location14-16 Fabrizi Nicola e Aldo

Inviato 09 dicembre 2012 - 23:08


confermo quanto ho scritto riguardo la tavolata, altrimenti ogni volta che ci sediamo per pranzare ci sentiremmo come Gesù Cristo. Grazie di aver postato la foto comunque, effettivamente me la ricordavo diversa.
Peace, Love and Psicofarmaci

Certo, è risaputo che i tavoli si occupano solo da un lato!
All'Ikea per questo Natale fanno gli sconti sui tavoli da 10 metri per 10 persone :D

si vede che non hai fatto il servizio militare asd
  • 0

#79 Reynard

Reynard

    We're not in Kansas anymore

  • Members
  • StellettaStellettaStellettaStellettaStellettaStellettaStelletta
  • 9957 Messaggi:
  • LocationComo

Inviato 10 dicembre 2012 - 13:37

Ieri pomeriggio l'ho rivisto. Cioè.
  • 0
La firma perfetta dev'essere interessante, divertente, caustica, profonda, personale, di un personaggio famoso, di un personaggio che significa qualcosa per noi, riconoscibile, non scontata, condivisibile, politicamente corretta, controcorrente, ironica, mostrare fragilità, mostrare durezza, di Woody Allen, di chiunque tranne Woody Allen, corposa, agile, ambiziosa, esperienzata, fluente in inglese tedesco e spagnolo, dotata di attitudini imprenditoriali, orientata alla crescita professionale, militassolta, automunita, astenersi perditempo.

#80 parlopernoia

parlopernoia

    aspirante indie

  • Members
  • StellettaStelletta
  • 65 Messaggi:

Inviato 10 dicembre 2012 - 18:28

si vede che non hai fatto il servizio militare asd


insisti?
un mondo capovolto: salotti come corridoi, ristoranti come gallerie, mense universitarie metropolitane, xD
comunque http://bit.ly/UaLbp0 !
  • 0
-




0 utente(i) stanno leggendo questa discussione

0 utenti, 0 ospiti, 0 utenti anonimi

IPB Skin By Virteq