Vai al contenuto


Foto
- - - - -

Tff- Torin Film Fest


  • Please log in to reply
149 replies to this topic

#141 Tana delle Tigri

Tana delle Tigri

    mainstream Star

  • Members
  • StellettaStellettaStellettaStellettaStelletta
  • 2361 Messaggi:

Inviato 02 dicembre 2018 - 12:08

in generale TFF nella media, di poco superiore rispetto un anno fa, inferiore a quello del 2016, che resta decisamente avanti. Tra quelli che ho visto

 

Miglior film in concorso: 1) Oiktos 2) Atlas

Miglior film fuori concorso: 1) In Fabric 2) Mandy

Miglior documentario: 1) quello su Banksy 2) quello sui Kraho

 

peggior film: Everything or Nothing 

peggior documentario: quello serbo


  • 0

#142 Tana delle Tigri

Tana delle Tigri

    mainstream Star

  • Members
  • StellettaStellettaStellettaStellettaStelletta
  • 2361 Messaggi:

Inviato 09 novembre 2019 - 21:11

Piersa & Lazlo, cosa mi dite di sta cosa di Torino capitale del cinema 2020? Cosa significa? i servizi TV sono stati assai terribili tra arrivare ai livelli di Roma Star internazionali da red-carpet.


  • 0

#143 lazlotoz

lazlotoz

    Classic Rocker

  • Moderators
  • 5405 Messaggi:

Inviato 09 novembre 2019 - 21:28

L'agenda del cinema ne ha scritto una roba lunga senza citare nemmeno un nome, a parte l'inaugurazione. Quindi secondo me non hanno ancora idea di nulla. D'altra parte questa giunta in queste cose son dei fanfaroni senza pari.

 

Il senso è: faremo tante cose. Tu non chiedere cosa.

 

https://www.agendaci...iuo93pfIFq0e1DY


  • 0

lazlotoz, [...]: sei un gigantesco coglione. Ma proprio un cretino senza pari, [...] Sparati, che fai un favore al mondo.


#144 Tana delle Tigri

Tana delle Tigri

    mainstream Star

  • Members
  • StellettaStellettaStellettaStellettaStelletta
  • 2361 Messaggi:

Inviato 09 novembre 2019 - 21:41

Ma poi son bellissimi i servizi TV nel TG regionale: "a Torino ci saranno film tutti giorni!"
  • 1

#145 lazlotoz

lazlotoz

    Classic Rocker

  • Moderators
  • 5405 Messaggi:

Inviato 11 novembre 2019 - 15:38

https://torino.corri...jLK1m3f-kfX8PCk

 

 

il buon Gabo dice esattamente quel che dicevo io. 


  • 1

lazlotoz, [...]: sei un gigantesco coglione. Ma proprio un cretino senza pari, [...] Sparati, che fai un favore al mondo.


#146 Tana delle Tigri

Tana delle Tigri

    mainstream Star

  • Members
  • StellettaStellettaStellettaStellettaStelletta
  • 2361 Messaggi:

Inviato 02 dicembre 2019 - 23:59

Breve sintesi dell'ultima edizione

 

Metamorphosis: versione coreana dell'esorcista ma con un demone apparentemente ancora più forte e vendicativo, come horror funziona poco, dopo una settimana non ricordo quasi nulla, funziona giusto come intrattenimento momentaneo e stop, come coreano poteva essere tranquillamente anche americano, boh. VOTO: 6

 

Le Choc Du Futur: Tra gli altri si sentono i Throbbing Gristle e Laurie Spiegel, film di una inutilità pazzesca, grandissima figa però la Jodorowsky. VOTO: 5

 

True History of Kelly Gang: questa è stata una grandissima sorpresa invece, produzione mainstream ma molto crudo, dura più di 2 ore ma non ci sono momenti morti, tutti figli di puttana, Australia (et evoluzione di essa) rappresentata alla grande, film di assoluto valore. VOTO: 8

 

Abou Leila: produzione Torino Factory, un desert trip che mi ha convinto molto, funziona anche come road movie, alla fine c'è la sensazione che si esagera un po' e si perde il filo, ma resta un film molto interessante, senza i vari stravolgimenti finali sarebbe stato anche meglio. Voto: 7,5/8

 

Synonymes: film francese che ha vinto a Berlino quest'anno. 2 ore fatte di skatch, alcune riuscite altre di meno, un film che avrei potuto girare tranquillamente pure io, Voto: 6

 

Bina/ Antenna: film turco che si presenta abbastanza interessante, peccato per la svolta horror poco convincente. Voto: 4,5

 

Beats: film sulla rave generation in Scozia ma già agli sgoccioli (siamo nel 94') che è anche un film sull'amicizia, blabla... attori bravi, nel complesso film già visto diverse volte ma tiene il merito del saper intrattenere senza sbadiglioni. Voto: 7

 

La Gomera: spacciato come un capolavoro assoluto, per la presentazione si scomoda anche la Martini in una sala (Massimo 1) strapiena. Il punto più alto della New Wave rumena si dice, grande hype: in realtà è un filmetto che mescola in modo abbastanza goffo diversi generi, aldilà della trovata del linguaggio a base di fischio e di qualche trovata carina però non è nulla di che, buon film da intrattenimento e stop. Voto: 6,5

 

Dreamland: noir fumoso post-moderno (?) ambientato in una Lussemburgo Reale: diverte sul momento ma già me lo son scordato. Voto: 6

 

Il Grande Passo: questo me l'hanno costretto a guardarlo, alla fine però non mi è manco dispiaciuto molto, classico film da TV per le domeniche pomeriggio in famiglia, due attori protagonisti simpatici, qualche gag ben riuscito, filmetto. Pubblico molto entusiasta che si accontenta veramente con poco, boh. Voto: 6,5

 

Vitalina Varela: Onde, due ore e passa, girato completamente al buoi, la gente che stava in sala o è uscito ad inizio/metà film oppure dormiva beatamente. Storia di redenzione di una donna proveniente da Capo verde che dopo la morte del marito si stabilisce in una specie di Lisbona sotterranea. Devo essere sincero, qualche botta di sonno pure io l'ho avuto (andrebbe rivisto) ma atmosfere e dialoghi assolutamente pazzeschi, vince a Locarno. Voto: 7,5 (ma probabilmente anche di più)

 

Mientras Dure la Guerra: Un film su Miguel de Unamuno (che non conoscevo minimamente) durante l'avvento del franchismo, con tutti i suoi dilemmi vari. Scenografia di plastica, sceneggiatura piatta e prevedibile, sembrava una fiction della Rai. Inutile dire che il pubblico beota è andato in visibilio per sta cosa. Voto: 5,5

 

La Reve de Nuora: questo invece molto bello. Cinema veritè che vuol evitare di moralizzare, molto bene anche la regia, mi aspettavo una sorta di soap opera invece è stato un film crudo e molto intelligente, voto: 8

 

Sofà: stronzata applauditissima dal pubblico. Low budget, per carità, ma pure così non mi sembra un degno rappresentante del cinema novo. Voto: 5

 

A Febbre: altro prodotto Torino factory, che mi sembra una piccola eccellenza di approfondire. Il film: un indigeno occidentalizzato a Manaus sente costantemente il richiamo della vita selvatica. Volutamente lento con dialoghi volutamente semplici ma efficaci, immagini ben curate, si vede che nulla è stato lasciato al caso. Film che segue la sua linea senza azzardare troppo, bello ma non un capolavoro. Voto: 7,5

 

Kongo: documentario assolutamente folle, tra i migliori che abbia mai visto. Folklore locale mischiato con cristianesimo, sirene da catturare e sirene da lasciar nuotare in pace contro imprenditori cinesi, sacre scritture scarabocchi in un quaderno del Barca con Messi, tribunali folli, tutto stupendo. VOTO: 9,5

 

Ohong Village: Altro film pazzesco, produzione costosissima taiwanese girata in 16mm, è un film che fa da indagine sociologica sulla società rurale taiwanese. Mai banale e con delle immagini molto belle, se potete recuperate. VOTO: 9

 

Dylda/ Beanpole: secondo film dell'emergente Kantemir Balagov, che aveva già fatto Tesnota, uscita ultimamente nelle sale e presente nella classifica ricercatissima di Siberia. Questo è ancora meglio del primo, le due protagoniste hanno vinto il premio per il miglior interprete femminile ma anche il film in se avrebbe meritato la vittoria finale. URSS post-seconda guerra mondiale, sequenze brutali una dopo l'altra (la scena della scopata tra le più memorabili del cinema anni 10' bis) regia su livelli mostruosi. VOTO: 9,5

 

El Hoyo: concept ballardiano  asd spagnolo: una torre fatto da più di 200 piani dove devi mangiare, il primo tiene la tavola completa, poi man mano si scende di piano con tutti gli avanzi fino l'esaurimento totale di cibo. Un film che piacerebbe molto a The Man o al buon vecchio Tom. Ci sono alcune lacune (forse) ma il film tiene il ritmo altissimo, potrebbe anche essere un manga giapponese. VOTO: 8

 

Queen & Slim: comincia benissimo, due neri al primo appuntamento fanno fuori un poliziotto bianco e da qua comincia il road movie in fuga. Notevolissima Jodie Turner-Smith (???) che prima sembra Kelela negli anni 70' e poi si trasforma in Grace Jones. Purtroppo dopo 1 ora su ritmi alti anche il film si trasforma in una mezza minchiata con tanto di sentimentalismi da bianchi, musiche in sottofondo da bianchi (mentre nella prima ora c'è un azzeccatissimo Almeda di Solange) drammi e lezioni morali da Serie C, questioni sociali affrontati pure alla banale. VOTO: 7

 

Altan: un simpatico documentario sul vignettista Altan

 

La-Pimpa-in-sardo.png

 

Swarm Season: documentario girato nelle Hawaii tra api, neo-folklore-pagano poco convincente e simulazioni sulla vita su Marte, nel mezzo tante immagini senza alcun senso per la narrazione di un kitch assai fastidioso. Come documentario non funziona, VOTO: 5

 

TFF 37: Su ottimi livelli con alcuni film veramente memorabili, mi è dispiaciuto non vedere Wet Season e i documentari 143 Rue Du Desert e Khamsin, tra le retrospettive mi sono recuperato The Sorcerers di Reeves (ottimo) e Colpiti al cuore, primo film di Gianni Amelio presente anche in sala, film che mi ha lasciato abbastanza indifferente (era meglio andar vedere Wet Season, scelta sbagliata) tranne per la presenza di Laura Morante, che negli anni 80' era certamente tra le donne più belle del mondo. 


  • 7

#147 piersa

piersa

    Megalo-Man

  • Redattore OndaCinema
  • StellettaStellettaStellettaStellettaStellettaStellettaStellettaStellettaStelletta
  • 20259 Messaggi:
  • Location14-16 Fabrizi Nicola e Aldo

Inviato 03 dicembre 2019 - 00:17

Te sei fuori ashd
  • 0

#148 lazlotoz

lazlotoz

    Classic Rocker

  • Moderators
  • 5405 Messaggi:

Inviato 03 dicembre 2019 - 08:52

Bravo Muk.

 

Concordo quasi su tutto tra l'altro. Anche se nella mia scala decimale abbasserei tutti di un voto asd

 

 

Totalmente in disaccordo su La Gomera. Per me uno dei più belli visti al festival. Porumboiu di quel giro lì alla fine mi sa che è quello che andrà più lontano. Qui fa il Jim Jarmusch rumeno e gli riesce decisamente bene, tanto che potrebbe essere tranquillamente un film di Jarmusch. Citazionismo, divertimento sicuramente... ma è a tutti gli effetti un noir bello teso e destrutturato.

Meraviglioso.

 

 

Invece Ohong Village è forse uno dei più bei film visti in concorso al TFF da sempre. Un vero gioiello inarrivabile.

Dylda sta a ruota, ci son delle cose che non mi han convinto del tutto.

La Jodorowsky fica sì, il film forse è più inutile di quel che già dici tu.

 

Ho scoperto inoltre la Teona Strugar Mitevska, che porca miseria che regista pazzesca che è. Ho visto solo When the day had no name e mi è sembrato un grandissimo film. Nulla so del cinema macedone, ma lei è sicuramente da approfondire.


  • 1

lazlotoz, [...]: sei un gigantesco coglione. Ma proprio un cretino senza pari, [...] Sparati, che fai un favore al mondo.


#149 lazlotoz

lazlotoz

    Classic Rocker

  • Moderators
  • 5405 Messaggi:

Inviato 03 dicembre 2019 - 20:35

Ah Wet Season bellissimo pure quello!


  • 0

lazlotoz, [...]: sei un gigantesco coglione. Ma proprio un cretino senza pari, [...] Sparati, che fai un favore al mondo.


#150 Tana delle Tigri

Tana delle Tigri

    mainstream Star

  • Members
  • StellettaStellettaStellettaStellettaStelletta
  • 2361 Messaggi:

Inviato 04 dicembre 2019 - 13:31

Wet Season mi è dispiaciuto non vederlo, anche la filmografia della Mitevska che ho colpevolmente snobbato, l'ultimo fortunatamente dovrebbe uscire.

Su Gomera jarmuschiano ci avevo pensato pure io, ma non mi convince molto, soprattutto la parte comedy mi è sembrata scarsa.
  • 0




0 utente(i) stanno leggendo questa discussione

0 utenti, 0 ospiti, 0 utenti anonimi

IPB Skin By Virteq