Vai al contenuto


Foto
- - - - -

Stephen King


  • Please log in to reply
144 replies to this topic

#81 An Absent Friend

An Absent Friend

    We're happening

  • Members
  • StellettaStellettaStellettaStellettaStellettaStelletta
  • 3344 Messaggi:
  • LocationFuori della storia e in abito borghese

Inviato 13 ottobre 2014 - 15:17

Il racconto è stupendo, fidati e il secondo che da il titolo al libro è ancora meglio, tra le cose più emozionanti mai scritte da King.

 

Bellissimo il secondo, ho un affetto particolare anche per il terzo: "Willie il cieco".


  • 1

 

Talmente brutto che e' da considerare 90

 

 
In pratica vogliono il magical negro senza i poteri magici, sai che palle.

 

 

I voti sono sull'attività svolta e sulle iniziative dichiarate o parzialmente avviate

 


#82 Harry Caul

Harry Caul

    se ci dice bene finiamo nella merda

  • Members
  • StellettaStellettaStellettaStellettaStellettaStellettaStelletta
  • 6792 Messaggi:

Inviato 13 ottobre 2014 - 15:44

Willi il cieco è un altro capolavoro ma anche "Come siamo finiti in Vietnam" non è da meno secondo me.


  • 0

#83 Seb

Seb

    Esperto del "Cinema di menare"

  • Members
  • StellettaStellettaStelletta
  • 401 Messaggi:

Inviato 20 ottobre 2014 - 19:39

Ho appena finito di leggere La lunga marcia, il secondo romanzo scritto con lo pseudonimo di Bachman.
Il re mi ha fatto percorreremo molte miglia e girare velocemente le pagine.

Per me King è lo scrittore delle comunità. Che siano cittadine del Maine o bande di superstiti all'apocalisse, o classi di liceo o un gruppo di marciatori, il re li tratteggia come se fossero tutti suoi vicini di casa, come se ci vivesse con loro.
  • 2

#84 Tom

Tom

  • Members
  • StellettaStellettaStellettaStellettaStellettaStellettaStellettaStelletta
  • 13527 Messaggi:

Inviato 20 ottobre 2014 - 19:55

Ho appena finito di leggere La lunga marcia, il secondo romanzo scritto con lo pseudonimo di Bachman.


Capolavorone distopico.
Gran parte dei romanzi usciti con lo pseudonimo di Bachman mi pare siano opere che King aveva già scritto o comunque iniziato a scrivere prima della pubblicazione e il successo di "Carrie". La prima stesura de "La lunga marcia" pare risalga addirittura al 1967. Io lo lessi da ragazzino su un Urania di mio padre, uscito quando ancora non si sapeva che Bachman fosse King, o comunque io non lo sapevo, e mi sconvolse letteralmente. Come anche quando lo rilessi da adulto molti anni dopo.

Con Bachman King da sfogo alla sua parte più politica, misantropa e anarchica. Ed è più asciutto, cattivo, concentrato. A volte mi è quasi più simpatico Bachman di King.

Certo da da pensare che se King non avesse mai avuto successo come scrittore horror non avremmo mai visti pubblicare romanzi come "La lunga marcia", "L'occhio del male", "Ossessione", "Uscita per l'inferno"...
  • 4

#85 Seb

Seb

    Esperto del "Cinema di menare"

  • Members
  • StellettaStellettaStelletta
  • 401 Messaggi:

Inviato 21 ottobre 2014 - 08:35

Degli altri di Bachman ho letto solo Ossessione, che magari adesso può sembrare un po' banalotto, ma, se si pensa che il Re ha iniziato a scriverlo 33 anni prima della Columbine, si capisce che fottuta mente geniale abbia!

Ps. Tom, ad ogni tuo post, il mio culto di te si fa più profondo! 😊
  • 0

#86 100000

100000

    Enciclopedista

  • Members
  • StellettaStellettaStellettaStellettaStellettaStellettaStelletta
  • 7002 Messaggi:

Inviato 21 ottobre 2014 - 08:46

Anch´io ho preferito alcuni libri di Bachman a quelli a nome King. Contiamo poi che anche Misery (uno dei miei suoi preferiti) doveva uscire sotto pseudonimo, se solo il gioco non fosse stato scoperto prima della pubblicazione.

In generale, devo dire che preferisco il King meno horror possibile, o quantomeno quello che sfocia meno nel sovrannaturale. Vedi appunto i vari Bachman, vedi Stagioni diverse (di cui il quarto racconto, l´unico horror, voluto dall´editore, è decisamente il più debole).

Con le dovute eccezioni che It è sempre It.

 

A proposito, ho letto di recente Uomo in fuga, sempre di Bachman. Pur trovandolo più debole di altri già citati (o forse sono io che ormai leggo altre cose), ho trovato un´altra distopia interessante e centrata, anche a molti anni di distanza (1984). Contando poi che il gran finale è un aereo che si schianta contro il grattacielo del potere.


  • 0

#87 Harry Caul

Harry Caul

    se ci dice bene finiamo nella merda

  • Members
  • StellettaStellettaStellettaStellettaStellettaStellettaStelletta
  • 6792 Messaggi:

Inviato 21 ottobre 2014 - 10:43

Misery non Carrie. ;)


  • 1

#88 100000

100000

    Enciclopedista

  • Members
  • StellettaStellettaStellettaStellettaStellettaStellettaStelletta
  • 7002 Messaggi:

Inviato 21 ottobre 2014 - 10:56

Sí, sorry.


  • 0

#89 debaser

debaser

    utente stocazzo

  • Members
  • StellettaStellettaStellettaStellettaStellettaStellettaStellettaStellettaStelletta
  • 21946 Messaggi:

Inviato 28 ottobre 2014 - 12:27

Ho letto "Hearts in Atlantis", grazie del consiglio. E' il King che preferisco, e che mi lascia qualcosa -- quasi Salingeriano per temi e modi, emozionante e molto americano. I due racconti lunghi sono forse le sue cose più belle che abbia letto, con "The body".
  • 1

Codeste ambiguità, ridondanze e deficienze ricordano quelle che il dottor Franz Kuhn attribuisce a un'enciclopedia cinese che s'intitola Emporio celeste di conoscimenti benevoli. Nelle sue remote pagine è scritto che gli animali si dividono in (a) appartenenti all'Imperatore, (b) imbalsamati, c) ammaestrati, (d) lattonzoli, (e) sirene, (f) favolosi, (g) cani randagi, (h) inclusi in questa classificazione, (i) che s'agitano come pazzi, (j) innumerevoli, (k) disegnati con un pennello finissimo di pelo di cammello, (l) eccetera, (m) che hanno rotto il vaso, (n) che da lontano sembrano mosche.
 
non si dice, non si scrive solamente si favoleggia


#90 ucca

ucca

    CRM

  • Members
  • StellettaStellettaStellettaStellettaStellettaStellettaStellettaStelletta
  • 16859 Messaggi:
  • LocationRome

Inviato 28 ottobre 2014 - 12:36

Ma è sullo stile di Stand by Me? A me piaceva tantissimo quel tipo di storia..quali libri di King mi consigliereste in questo senso?

Il film anche era bellissimo.


  • 0

https://www.facebook...sychomusicband/

 

Mettere su un gruppo psichedelico a 40 anni.


#91 debaser

debaser

    utente stocazzo

  • Members
  • StellettaStellettaStellettaStellettaStellettaStellettaStellettaStellettaStelletta
  • 21946 Messaggi:

Inviato 28 ottobre 2014 - 12:46

E' su quello stile. America anni 60 (e seguire), ragazzini (che crescono), Vietnam sullo sfondo. Soprannaturale ridotto al minimo sindacale.
  • 0

Codeste ambiguità, ridondanze e deficienze ricordano quelle che il dottor Franz Kuhn attribuisce a un'enciclopedia cinese che s'intitola Emporio celeste di conoscimenti benevoli. Nelle sue remote pagine è scritto che gli animali si dividono in (a) appartenenti all'Imperatore, (b) imbalsamati, c) ammaestrati, (d) lattonzoli, (e) sirene, (f) favolosi, (g) cani randagi, (h) inclusi in questa classificazione, (i) che s'agitano come pazzi, (j) innumerevoli, (k) disegnati con un pennello finissimo di pelo di cammello, (l) eccetera, (m) che hanno rotto il vaso, (n) che da lontano sembrano mosche.
 
non si dice, non si scrive solamente si favoleggia


#92 ucca

ucca

    CRM

  • Members
  • StellettaStellettaStellettaStellettaStellettaStellettaStellettaStelletta
  • 16859 Messaggi:
  • LocationRome

Inviato 28 ottobre 2014 - 13:33

Ottimo, ha appena compratutto tutto L'Ombra dello Scorpione della Bompiani (la versione a fumetto) mi sta piacendo un casino.


  • 0

https://www.facebook...sychomusicband/

 

Mettere su un gruppo psichedelico a 40 anni.


#93 cinemaniaco

cinemaniaco

    FЯEAK ON A LEASH

  • Members
  • StellettaStellettaStellettaStellettaStellettaStelletta
  • 3907 Messaggi:

Inviato 02 novembre 2014 - 21:54

intervista di rolling stones al re: http://www.rollingst...20141031?page=4

le sue interviste sono sempre interessanti e simpatiche, anche se i topic sono sempre gli stessi: "stephen, raccontaci un po' di quando eri un alcolizzato e un cocainomane", "stephen, come mai non ti è piaciuto shining di kubrick?", "stephen, la serie della torre nera è finita?", "stephen, da dove viene la tua ispirazione?", "stephen, quando e quanto scrivi al giorno?... per inciso: ormai tutti sanno che king scrive tutti i giorni, non fategliela più questa domanda! che poi i suoi consigli e la sua etica lavorativa sono illuminanti: se scrivi 10 pagine al giorno, alla fine dell'anno ti ritroverai un romanzo finito. è vero, cazzo! ma la cosa più dura è scrivere quelle 10 pagine asd

comunque qualche spunto sempre gustoso c'è anche in questa intervista. per esempio, king svela qual è il suo romanzo ("suo", nel senso scritto da lui) preferito. credo che non lo indovinerete mai ashd ora vi tocca leggere tutta l'intervista per sapere titolo e motivazione

 

interessante anche il passaggio sul post incidente del 1999: king racconta di quando era imbottito di antidolorifici durante la stesura de l'acchiappasogni, il primo libro che ha scritto dopo l'incidente. in un certo senso si era ricreata la situazione che aveva vissuto per otto anni quando la droga influenzava la sua scrittura, in positivo (misery) e in negativo (the tommyknockers) - sono gli esempi che fa lui. per la cronaca: l'acchiappasogni però non gli piace. su misery: "Misery is a book about cocaine. Annie Wilkes is cocaine. She was my number-one fan"


  • 3

#94 cinemaniaco

cinemaniaco

    FЯEAK ON A LEASH

  • Members
  • StellettaStellettaStellettaStellettaStellettaStelletta
  • 3907 Messaggi:

Inviato 21 gennaio 2015 - 10:30

nessuno ha letto il nuovo mr. mercedes?

 

220px-Mrmercedes.jpg

 

credo che in altri tempi king avrebbe fatto uscire questo libro sotto uno pseudonimo. e non solo perché è la sua prima vera e propria crime story, ma anche e soprattutto per via dello stile. mr. mercedes ha una prosa differente rispetto ai suoi libri: è asciutta, ci sono molti dialoghi, periodi brevi, una certa brutalità del linguaggio che non è di certo frequentissima nei suoi romanzi. king infatti lo ha detto: la sua fonte di ispirazione per questo libro è stata la letteratura hard-boiled, che si sa ama da sempre. lungo tutto il romanzo si diverte a giocare con gli stereotipi del genere, ad incominciare dalla figura del poliziotto in pensione che si mette ad indagare in proprio scimmiottando i detective privati del passato. ma in realtà mr. mercedes è più figlio dei thriller moderni che degli hard-boiled classici, questo va detto

 

se dovessero chiedermi se mi è piaciuto risponderei: si e no. king è un maestro, lo sappiamo tutti, quindi la zampata ce l'ha sempre e riesce a tenere la barra dritta anche quando è un po' più appannato. in particolare è stato bravo a non tirare fuori un thrillerino anonimo che si sarebbe confuso tra i mille altri che si trovano sugli scaffali delle librerie. non è la solita caccia al serial-killer - anche se gioca con questo tipo di storia - non è neanche il "giallo" alla indovina chi è il colpevole? perché sappiamo benissimo chi sia dopo una ventina di pagine. è una classicissima storia del gatto e del topo, mi viene da dire. è la storia di una sfida, tra un poliziotto in pensione e un giovane assassino. l'elemento thrilling sta tutto nell'attesa di sapere che cosa succederà nella pagina successiva, se hodges - il detective - riuscirà ad avvicinarsi un po' di più a brady - l'assassino - o se brady compierà la sua nuova strage prima che hodges lo trovi

 

molto buona anche la caratterizzazione di brady: non è il tipico serial-killer da thriller americano dicevo, ha più la mentalità da stragista. direi che è un tipico figlio di questi tempi di kamikaze e terroristi, e qui king si dimostra ancora una volta uno scrittore con un fiuto infallibile per riportare gli umori del presente su carta. meno a fuoco secondo me la controparte "buona", il detective hodges, e gli altri personaggi che gli ruotano attorno (persino degli imbrobabili aiutanti...). non so poi perché, ma king forse per rendere più attuale la storia, l'ha un po' infarcita di fuffa tecnologica: brady è uno smanettone dei pc e pure uno degli aiutanti di hodgens, quindi c'è anche una sorta di sottotrama da - prendetela con le pinze come definizione - cyber-thriller all'acqua di rose, ma comunque i pc e i telefonini rivestono un ruolo decisamente importante nella vicenda. come nella nostra vita di tutti i giorni, qualcuno potrebbe legittimamente dire. si, però si vede che è un libro scritto da un quasi 70enne (e lui infatti lo dice nella postfazione) asd

 

ma il vero problema secondo me è che il libro dopo una prima parte ottima, si "siede" un po' nella parte centrale per riprendersi solo nel finale che lascia ovviamente aperta la porta al seguito, finders keepers, che king ha già pronto e che in america verrà pubblicato a giugno di quest'anno. nelle intenzioni di king ci sarà anche un terzo libro con protagonista il detective hodges, chissà che poi alla fine non ci faccia anche qui una serie


  • 0

#95 usernam*

usernam*

    granita di gelsi rossi

  • Members
  • StellettaStellettaStellettaStellettaStellettaStellettaStelletta
  • 7001 Messaggi:
  • Locationmediterranea

Inviato 21 gennaio 2015 - 10:54

cine mi consigli un suo romanzo a freddo? però deve concludersi tutto in un libro. dai che così lo leggo in viaggio  ;D


  • 0

La tua firma può contenere:

  • • Fino a 1 immagini
  • • Immagini fino a 350 x 150 pixels
  • • Qualsiasi numero di URLs
  • • Fino a 12 linee

#96 cinemaniaco

cinemaniaco

    FЯEAK ON A LEASH

  • Members
  • StellettaStellettaStellettaStellettaStellettaStelletta
  • 3907 Messaggi:

Inviato 21 gennaio 2015 - 11:45

misery


  • 1

#97 OldfieldReturn

OldfieldReturn

    Progressivo

  • Moderators
  • 6589 Messaggi:
  • LocationVercelli

Inviato 18 marzo 2015 - 21:58

intanto ieri è uscito Revival...


  • 0

#98 OldfieldReturn

OldfieldReturn

    Progressivo

  • Moderators
  • 6589 Messaggi:
  • LocationVercelli

Inviato 19 marzo 2015 - 17:31

comprato stamattina


  • 0

#99 murphy

murphy

    mainstream Star

  • Members
  • StellettaStellettaStellettaStellettaStelletta
  • 1442 Messaggi:

Inviato 10 maggio 2015 - 11:13

Comprato Under the Dome, oggi lo comincio  :fear:

Non leggo nulla di King da sei o sette anni, anche se uno dei miei romanzi preferiti, "Lunar Park", gli deve moltissimo.


  • 0

#100 OldfieldReturn

OldfieldReturn

    Progressivo

  • Moderators
  • 6589 Messaggi:
  • LocationVercelli

Inviato 10 maggio 2015 - 14:26

intanto per novembre è prevista,in america,l'uscita di The bazaar of bad dreams,raccolta con una ventina di storie


  • 0




0 utente(i) stanno leggendo questa discussione

0 utenti, 0 ospiti, 0 utenti anonimi

IPB Skin By Virteq