Vai al contenuto


Foto
* * * * - 4 Voti

Scenari di Default per i conti italiani


  • Please log in to reply
899 replies to this topic

#81 juL fu Sig.M.

juL fu Sig.M.

    Utente paraolimpionico

  • Members
  • StellettaStellettaStellettaStellettaStellettaStellettaStelletta
  • 8878 Messaggi:

Inviato 05 agosto 2011 - 07:06

Abituarsi a vivere con meno non è difficile... prima lo si fa e meglio è.

PS
gli amici di mio padre stanno comprando terreni agricoli a gogo, il "sogno" (se mai c'è stato) in Italia è abbondantemente finito.
  • 0

#82 dUST

dUST

    dolente o nolente

  • Members
  • StellettaStellettaStellettaStellettaStellettaStellettaStellettaStellettaStelletta
  • 27962 Messaggi:
  • LocationKagoshima

Inviato 05 agosto 2011 - 07:28


Mi concedo una divagazione sugli appalti a questo punto dal momento che per me è stato il territorio rivelatore dello stato penoso e antiquato del nostro paese.


Ho riso molto leggendo questo post - e non per dileggio, ma perchè gli appalti pubblici sono (lo erano, ora ho un po' cambiato, ma nemmeno tanto) il mio mestiere, imparato con fatica partendo da zero e dall'anno zero degli appalti (il 1994, la legge Merloni il cui impianto di base dura ancora adesso) che è venuto dopo l'apocalisse del 1992/1993 (mani pulite)
Poichè io stavo dall'altra parte (nel tavolone della commissione) ed ero quello che materialemente e contemporaneamente faceva i bandi di gara, vagliava i progetti da mandare in gara, assistevo le imprese, tenevo i contatti con gii uffici di pubblicazione della comunità europea, scrivevo i contratti...insomma TUTTO, allora posso ben capire il post di Sig e compenetrare il dramma delle imprse nell'affrontare una gara pubblica di un livello di difficoltà medio alto.
Tutto ciò non per vanto, ma solo per far capire quale sia il mio livello di esperienza (maturato, tra l'altro, in una zona "caldissima", dove, tanto per dire, le imprese dei Casalesi mandavano le loro teste di legno in ufficio a blandire, a chiedere sommessamente, a fare gli amici disponibili eccetera) che a sua volta mi serve per dare più forza a quello che sto per scrivere, e cioè
LA LEGGE SUGLI APPALTI NON SERVE AD UN CAZZO
Non garantisce gli enti appaltanti (perchè con il meccanismo dei subappalti e dei noli e delle forniture i clan trovano modo di infiltrarsi COMUNQUE; perchè il meccanismo del ribasso è la più grande presa per il culo di tutti i tempi, danneggia al contempo ente pubblico, imprese e maestranze)
Non garantisce i cittadini che pagano le tasse (i tempi sono lunghissimi sia per appaltare che per realizzare i lavori; nella fase esecutiva la legge è totalmente sbilanciata a favore di chi realizza il lavoro anzichè nei confronti di chi l'opera la finanzia; la qualità del prodotto è quasi sempre scadente; eccetera)
Non rilancia l'economia - perchè le grosse imprese si spartiscono la torta e sono sempre le stesse, magari indagate,inquisite, colluse - e il meccanismo di qualificazione è farraginoso e le imprese non "crescono" a livello tecnico
Eccetera eccetera

Io la mia idea (maturata, appunto, in circa 20 anni di onorato servizio negli appalti pubblici) di come dovrebbe funzionare il sistema, sia per rilanciare l'economia che per fornire ai poveri cittadini tartassati un ritorno in termini di servizi e di qualità, ce l'ho, ma è talmente "oltre" la nostra mentalità sospettosa, conservatrice, assistenziale e delinquenziale, che suonerebbe come una follia

Il problema è che a questo paese manca la cosa più importante, il coraggio, senza il quale, default o non default, vacche grasse o vacche magre, non si va da nessuna parte e si mette una pietra tombale sul futuro di intere generazioni
Se non si capisce questo, è la fine
  • 1

 mi ricorda un po' Moro.

 

 

 

 

Con trepidazione vivo solo le partite dell'Inter.

 

 

 

Io non rispondo a fondo perchè non voglio farmi bannare, però una cosa voglio dirla: voi grillini siete il punto più basso mai raggiunto dal genere umano. Di stupidi ne abbiamo avuti, non siete i primi. Di criminali anche. Voi siete la più bassa sintesi tra violenza e stupidità. Dovete semplicemente cessare di esistere, come partito (e qui non ci si metterà molto) e come topi di fogna (e qui sarà un po' più lunga, ma cristo se la pagherete cara).

 

 


#83 Dylan

Dylan

    Ball don't lie

  • Members
  • StellettaStellettaStellettaStellettaStellettaStellettaStelletta
  • 6922 Messaggi:

Inviato 05 agosto 2011 - 07:49



Mi concedo una divagazione sugli appalti a questo punto dal momento che per me è stato il territorio rivelatore dello stato penoso e antiquato del nostro paese.


Ho riso molto leggendo questo post - e non per dileggio, ma perchè gli appalti pubblici sono (lo erano, ora ho un po' cambiato, ma nemmeno tanto) il mio mestiere, imparato con fatica partendo da zero e dall'anno zero degli appalti (il 1994, la legge Merloni il cui impianto di base dura ancora adesso) che è venuto dopo l'apocalisse del 1992/1993 (mani pulite)
Poichè io stavo dall'altra parte (nel tavolone della commissione) ed ero quello che materialemente e contemporaneamente faceva i bandi di gara, vagliava i progetti da mandare in gara, assistevo le imprese, tenevo i contatti con gii uffici di pubblicazione della comunità europea, scrivevo i contratti...insomma TUTTO, allora posso ben capire il post di Sig e compenetrare il dramma delle imprse nell'affrontare una gara pubblica di un livello di difficoltà medio alto.
Tutto ciò non per vanto, ma solo per far capire quale sia il mio livello di esperienza (maturato, tra l'altro, in una zona "caldissima", dove, tanto per dire, le imprese dei Casalesi mandavano le loro teste di legno in ufficio a blandire, a chiedere sommessamente, a fare gli amici disponibili eccetera) che a sua volta mi serve per dare più forza a quello che sto per scrivere, e cioè
LA LEGGE SUGLI APPALTI NON SERVE AD UN CAZZO
Non garantisce gli enti appaltanti (perchè con il meccanismo dei subappalti e dei noli e delle forniture i clan trovano modo di infiltrarsi COMUNQUE; perchè il meccanismo del ribasso è la più grande presa per il culo di tutti i tempi, danneggia al contempo ente pubblico, imprese e maestranze)
Non garantisce i cittadini che pagano le tasse (i tempi sono lunghissimi sia per appaltare che per realizzare i lavori; nella fase esecutiva la legge è totalmente sbilanciata a favore di chi realizza il lavoro anzichè nei confronti di chi l'opera la finanzia; la qualità del prodotto è quasi sempre scadente; eccetera)
Non rilancia l'economia - perchè le grosse imprese si spartiscono la torta e sono sempre le stesse, magari indagate,inquisite, colluse - e il meccanismo di qualificazione è farraginoso e le imprese non "crescono" a livello tecnico
Eccetera eccetera

Io la mia idea (maturata, appunto, in circa 20 anni di onorato servizio negli appalti pubblici) di come dovrebbe funzionare il sistema, sia per rilanciare l'economia che per fornire ai poveri cittadini tartassati un ritorno in termini di servizi e di qualità, ce l'ho, ma è talmente "oltre" la nostra mentalità sospettosa, conservatrice, assistenziale e delinquenziale, che suonerebbe come una follia

Il problema è che a questo paese manca la cosa più importante, il coraggio, senza il quale, default o non default, vacche grasse o vacche magre, non si va da nessuna parte e si mette una pietra tombale sul futuro di intere generazioni
Se non si capisce questo, è la fine


sulla normativa degli appalti hai perfettamente ragione.

sia la dottrina che la magistratura più attenta hanno segnalato anni fa le problematiche connesse all'attuale sistema di appalti e sub connessi, puntando a eliminare subito il meccanismo del ribasso.

come risposta, tutto ancora lì, ma quando tra gli altri come ministro delle infrastrutture e dei Trasporti hai uno come Lunardi che, con società formalmente di proprietà della moglie, come la società Stone e la società Treesse, controllate sempre dalla famiglia Lunardi e impegnate nella progettazione e nella realizzazione di alcuni rami della TAV capisci che di passi avanti non ne farai mai...

voglio citarlo così il buon ex-ministro: "con mafia e camorra bisogna convivere e i problemi di criminalità ognuno li risolva come vuole"
  • 0
Per sogni, per chimere
e per castelli in aria
l’anima ho milionaria.

#84 dUST

dUST

    dolente o nolente

  • Members
  • StellettaStellettaStellettaStellettaStellettaStellettaStellettaStellettaStelletta
  • 27962 Messaggi:
  • LocationKagoshima

Inviato 05 agosto 2011 - 08:00

sia la dottrina che la magistratura più attenta hanno segnalato anni fa le problematiche connesse all'attuale sistema di appalti e sub connessi, puntando a eliminare subito il meccanismo del ribasso.


Anche le imprese se ne lamentano, il perchè non venga eliminato è chiaro (favorisce la criminalità organizzata, perchè il solo dato della convenienza economica esclude, ad esempio, un parametro di aggiudicazione basato in primis sulla qualità delle aziende, che dovrebbe essere l'unico che conta)
Non è affatto marginale il danno economico prodotto dai ribassi (che poi vengono riassorbiti in corso d'opera da varianti, contenziosi, collaudi etc) e anche qui, dopo lungo e travagliato percorso, mi sono reso conto che andrebbe abolito del tutto, anche perchè i prezzi di capitolato sono comunque poco remunerativi, e non seguono l'andamento economico dei prezzi delle materie prima (qualche anno fa l'improvviso boom dei prezzi dell'acciaio stava facendo fallire metà delle imprese edili italiane).
Il rilancio dell'economia parte anche da questo, e dalla capacità e dalla voglia di dare slancio ad un settore fermo da anni - anche con la partecipazione di capitali privati, che ci sarebbero - dentro e fuori dall'Italia - ma che se ne stanno a sonnecchiare proprio per questo, per paura delle burocrazie e della criminalità, che se ne vanno a braccetto felici e contenti
  • 0

 mi ricorda un po' Moro.

 

 

 

 

Con trepidazione vivo solo le partite dell'Inter.

 

 

 

Io non rispondo a fondo perchè non voglio farmi bannare, però una cosa voglio dirla: voi grillini siete il punto più basso mai raggiunto dal genere umano. Di stupidi ne abbiamo avuti, non siete i primi. Di criminali anche. Voi siete la più bassa sintesi tra violenza e stupidità. Dovete semplicemente cessare di esistere, come partito (e qui non ci si metterà molto) e come topi di fogna (e qui sarà un po' più lunga, ma cristo se la pagherete cara).

 

 


#85 Norman Bombardini

Norman Bombardini

    Enciclopedista

  • Members
  • StellettaStellettaStellettaStellettaStellettaStellettaStelletta
  • 7173 Messaggi:

Inviato 05 agosto 2011 - 08:08

ho fatto parte anch'io di commissioni di gara e redatto bandi asd
rispetto a quello detto da Sig. preciserei però che se un interessato ha dei dubbi riguardo al bando può chiedere chiarimenti e gli viene data sempre risposta, in modo preciso, perché si è obbligati, i "chiarimenti" sono poi resi pubblici in quanto possono essere utili anche ad altri potenziali partecipanti e non si deve avvantaggiare nessuno
per il resto il diritto amministrativo non è materia semplice come non è facile scrivere un bando in cui prevedere tutto e misurare/quantificare tutti i prodotti e i servizi, in modo poi di poterli ottenere, senza farsi fregare, da chi vincerà il bando

il pacco delle gare è che vengono fatte, spesso e volentieri, in modo già "customizzato", di modo che i requisiti siano "perfetti" per l'azienda X, casualmente azienda amica di politici o ammanicata per altre vie. Basta solo variare in modo adeguato alcuni requisiti di base tipo "tot fatturato negli ultimi cinque anni" piuttosto che "esperienza pluriennale nella fornitura di.." ... insomma ci sono 1000 varianti su cui giocare, basta solo assegnare un alto punteggio ad un requisito che ha solo l'azienda X per guidare in porto un'agile assegnazione che faccia felici (i soliti).
  • 0

#86 dUST

dUST

    dolente o nolente

  • Members
  • StellettaStellettaStellettaStellettaStellettaStellettaStellettaStellettaStelletta
  • 27962 Messaggi:
  • LocationKagoshima

Inviato 05 agosto 2011 - 08:24

ho fatto parte anch'io di commissioni di gara e redatto bandi asd
rispetto a quello detto da Sig. preciserei però che se un interessato ha dei dubbi riguardo al bando può chiedere chiarimenti e gli viene data sempre risposta, in modo preciso, perché si è obbligati, i "chiarimenti" sono poi resi pubblici in quanto possono essere utili anche ad altri potenziali partecipanti e non si deve avvantaggiare nessuno
per il resto il diritto amministrativo non è materia semplice come non è facile scrivere un bando in cui prevedere tutto e misurare/quantificare tutti i prodotti e i servizi, in modo poi di poterli ottenere, senza farsi fregare, da chi vincerà il bando

il pacco delle gare è che vengono fatte, spesso e volentieri, in modo già "customizzato", di modo che i requisiti siano "perfetti" per l'azienda X, casualmente azienda amica di politici o ammanicata per altre vie. Basta solo variare in modo adeguato alcuni requisiti di base tipo "tot fatturato negli ultimi cinque anni" piuttosto che "esperienza pluriennale nella fornitura di.." ... insomma ci sono 1000 varianti su cui giocare, basta solo assegnare un alto punteggio ad un requisito che ha solo l'azienda X per guidare in porto un'agile assegnazione che faccia felici (i soliti).


Ma tanto le imprese ti fregano comunque, perchè si accordano tra di loro formando una specie di cartello, stavolta vinci tu, un'altra vinco io eccetera. Una enorme, colossale, farsesca presa per il culo ai danni dei cittadini, e si parla di centinaia, se non migliaia, di milioni di euro

E più le leggi diventano complicate e dettagliate, più si andrà peggio,la soluzione è esattamente dall'altra parte, meno leggi e più responsabilità alle persone, nel bene e nel male
  • 0

 mi ricorda un po' Moro.

 

 

 

 

Con trepidazione vivo solo le partite dell'Inter.

 

 

 

Io non rispondo a fondo perchè non voglio farmi bannare, però una cosa voglio dirla: voi grillini siete il punto più basso mai raggiunto dal genere umano. Di stupidi ne abbiamo avuti, non siete i primi. Di criminali anche. Voi siete la più bassa sintesi tra violenza e stupidità. Dovete semplicemente cessare di esistere, come partito (e qui non ci si metterà molto) e come topi di fogna (e qui sarà un po' più lunga, ma cristo se la pagherete cara).

 

 


#87 sheikyerbouti

sheikyerbouti

    anti-intellettuale, coerente, obiettivo, ironico, arguto, spacca

  • Members
  • StellettaStellettaStellettaStellettaStellettaStellettaStellettaStelletta
  • 15807 Messaggi:
  • Locationmilano

Inviato 05 agosto 2011 - 08:33


ho fatto parte anch'io di commissioni di gara e redatto bandi asd
rispetto a quello detto da Sig. preciserei però che se un interessato ha dei dubbi riguardo al bando può chiedere chiarimenti e gli viene data sempre risposta, in modo preciso, perché si è obbligati, i "chiarimenti" sono poi resi pubblici in quanto possono essere utili anche ad altri potenziali partecipanti e non si deve avvantaggiare nessuno
per il resto il diritto amministrativo non è materia semplice come non è facile scrivere un bando in cui prevedere tutto e misurare/quantificare tutti i prodotti e i servizi, in modo poi di poterli ottenere, senza farsi fregare, da chi vincerà il bando

il pacco delle gare è che vengono fatte, spesso e volentieri, in modo già "customizzato", di modo che i requisiti siano "perfetti" per l'azienda X, casualmente azienda amica di politici o ammanicata per altre vie. Basta solo variare in modo adeguato alcuni requisiti di base tipo "tot fatturato negli ultimi cinque anni" piuttosto che "esperienza pluriennale nella fornitura di.." ... insomma ci sono 1000 varianti su cui giocare, basta solo assegnare un alto punteggio ad un requisito che ha solo l'azienda X per guidare in porto un'agile assegnazione che faccia felici (i soliti).


Ma tanto le imprese ti fregano comunque, perchè si accordano tra di loro formando una specie di cartello, stavolta vinci tu, un'altra vinco io eccetera. Una enorme, colossale, farsesca presa per il culo ai danni dei cittadini, e si parla di centinaia, se non migliaia, di milioni di euro

E più le leggi diventano complicate e dettagliate, più si andrà peggio,la soluzione è esattamente dall'altra parte, meno leggi e più responsabilità alle persone, nel bene e nel male

a questo punto devi svelare quale è la tua idea/progetto per una gestione sana delle gare d'appalto...

ciao.
  • 0

#88 Norman Bombardini

Norman Bombardini

    Enciclopedista

  • Members
  • StellettaStellettaStellettaStellettaStellettaStellettaStelletta
  • 7173 Messaggi:

Inviato 05 agosto 2011 - 08:33

si e no Destouches, così come scrivi sembrerebbe che gli amministratori pubblici siano esclusi da questo giochetto, cosa inverosimile visto sono sono sempre loro a guidare le danze. Poi dipende dall'oggetto della gara, da quanto è grande il segmento dei potenziali partecipanti, certe volte possono essere davvero tanti
  • 0

#89 dUST

dUST

    dolente o nolente

  • Members
  • StellettaStellettaStellettaStellettaStellettaStellettaStellettaStellettaStelletta
  • 27962 Messaggi:
  • LocationKagoshima

Inviato 05 agosto 2011 - 09:20

a questo punto devi svelare quale è la tua idea/progetto per una gestione sana delle gare d'appalto...

ciao.


Be' sceicco, sarebbe parecchio lungo e parecchio tecnico, oltre che parecchio OT
I concetti di base sarebbero

Eliminare gli appalti al ribasso
Puntare quasi tutto sugli appalti concorso, dove le imprese propongono il progetto (o il servizio, a seconda) cosa che quindi garantisce risparmio e qualità (viene eliminato il ricorso al contenzioso, e quindi anni di cause civili, consulenze, spese legali eccetera); garantire maggior punteggio per le imprese che propongano innovazione, risparmio energetico, tempi certi e qualità finale del prodotto
Proibire il ricorso al subappalto nelle regioni ad alto tasso di infiltrazione criminale (e con preventiva indicazione dei fornitori, così si spezzano le gambe alle forniture-ombra che mascherano tangenti e pizzo alla mafia)
De-regulare il più possibile, ed eliminare quasi del tutto la parte pre-appalto (quella di cui parlava Sig) lasciando alle imprese l'onere e il rischio di presentare un progetto per una gara che, se vinta, gli potrebbe essere revocata ex post se non ci sono i requisiti amministrativi e tecnici
Semplificare il più possibile tutti gl iter approvativi (conferenze dei servizi, valutazioni di impatto ambientale, pareri delle sopraintendenze, approvazioni degli enti locali) creando una struttura pubblico-privata che riunisca tutti i processi in uno solo e che consenta risparmi di tempo e di denaro (spesso i progetti ci mettono 10 anni ad essere approvati e dopo 10 anni il territorio è cambiato e bisogna rifare tutto daccapo o fare varianti in opera che costano un monte)
Dare più potere ai RUP (Responsabili del procedimento) sia in fase esecutiva che in fase di aggiudicazione, in modo da rendere trasparente la catena decisionale che oggi è estremamente frammentata (tutti colpevoli, nessun colpevole) affidandogli totalmente la responsabilità nella scelta del contraente di cui dovrà rispondere se poi le cose vanno male
Eliminare le tabelle del provveditorato delle Opere Pubbliche, i cui prezzi non sono aggiornati e non sono completi

Eccetera eccetera poi nel dettaglio potrei entrare ma non si finisce più
Ma questo sistema manderebbe in frantumi tutti i meccanismi collusivi di cui parlava Ruben, quei ponti tra aministrazione imprese e criminalità che dragano risorse pubbliche destinandole nelle mani dei soliti pochi noti ed amen.
  • 1

 mi ricorda un po' Moro.

 

 

 

 

Con trepidazione vivo solo le partite dell'Inter.

 

 

 

Io non rispondo a fondo perchè non voglio farmi bannare, però una cosa voglio dirla: voi grillini siete il punto più basso mai raggiunto dal genere umano. Di stupidi ne abbiamo avuti, non siete i primi. Di criminali anche. Voi siete la più bassa sintesi tra violenza e stupidità. Dovete semplicemente cessare di esistere, come partito (e qui non ci si metterà molto) e come topi di fogna (e qui sarà un po' più lunga, ma cristo se la pagherete cara).

 

 


#90 Bara dei pupi

Bara dei pupi

    Dungeon Synth nei giorni pari e Vaporwave in quelli dispari

  • Members
  • StellettaStellettaStellettaStellettaStellettaStellettaStellettaStellettaStelletta
  • 83932 Messaggi:

Inviato 05 agosto 2011 - 09:30

///



forza dest, candidati e ti voteremo

+ MILF
- APPALTI RUBATI

già con questi 2 punti forti su cui sei specializzato, prenderai tanti voti
  • 1
Tanti amici mi chiamano e mi dicono peppe ma tu non ti lamenti mai a stare in quarantena forzata
Amici miei vi rammento che zio peppuzzo nazionale come mi chiama fraternamente Claudio ferri in arte bassino. Che mi sono fatto quasi 7 anni al 41 bis sotterrato isolato dal mondo altro che quarantena. Qua per me e hotel a 5 stelle. Pertanto non scendete e spero che conte vada quanto prima un decreto che chi viene preso in strada va in quarantena forzata. Alla fine dobbiamo salvaguardare noi e milioni di italiani. Pensate se venivate chiamati per andare in guerra. Buona serata peppuzzo vi vuole bene
Tanto bene.

#91 joseph K.

joseph K.

    Tout est pardonné

  • Members
  • StellettaStellettaStellettaStellettaStellettaStellettaStelletta
  • 7477 Messaggi:

Inviato 05 agosto 2011 - 09:43

Il circolo vizioso è: liberalizziamo. Ok, benissimo, sottraiamo al controllo autoreferenziale della politica, delle sue clientele, dei suoi giretti di interessi (vedasi caso Penati ad es.) una fetta rilevante dell'economia che tra l'altro ora funziona (male) in perdita (e tanta perdita). Che senso ha tenere ancora in mano statale le Ferrovie? Le stesse Ferrovie che poi boicottano gli operatori virtuosi come Arenaways che davano un servizio migliore e più completo (es. ti lavavano i vestiti, ti facevano la spesa mentre tu viaggiavi ecc.). Poi liberalizziamo e o succede come nelle telecomunicazioni dove la rete resta di Telecom che bene o male continua a fare da monopolista permettendosi di farti aspettare un mese per un cambio di Adsl. Oppure si hanno i cartelli più o meno occulti (avete visto veri cambi di tariffazione/offerta?) Liberalizziamo e diamo tutto in mano al nostro capitalismo straccione, fatto di P3-P4, circoli chiusi che funzionavano fino a quando l'economia si basava sulla lira svalutata o sui mercati chiusi.

Il nostro sviluppo è avvenuto grazie a 3 fattori: i soldi Usa e la necessità geopolitica di avere un paese solido ai confini del blocco occidentale, il culo che si sono fatti i nostri nonni/padri che lavoravano fino agli anni Settanta con orari folli pure la mattina di Natale. E imprenditori con i contromaroni che conoscevano il loro mestiere e non erano dei meri spacciatori di valuta. Le nostre aziende avevano i Borghi, gli Olivetti, ora abbiamo i Colaninno e i Ligresti.

Al governo sta un tizio che si permette di dire durante la conferenza stampa più delicata del suo ventennio politico che lui potentemente investirebbe nelle SUE aziende. La manovra del governo inizierà ad avere i suoi frutti a legislatura chiusa mentre la pupù ci sommerge ora.
La nostra economia è retta da un tributarista che chiama "rapporto tra privati" un subaffitto in nero. Il discorso del leghista Reguzzoni è stato tutto una serie di Basta (basta sprechi, basta mantenere immigrati ecc.) che al di là della risibile retorica pareva fosse fatto da un marziano e non da uno che è al potere da 3 anni...

Se sto casino economico significa comunque governo del presidente di un anno che faccia le riforme e gli interventi che nessun governo politico farebbe mai (perché voglio vedere quale governo politico prende misure come quelle greche per capirsi a un anno e mezzo dalle elezioni), benissimo così. Che poi a guidarlo ci siano persone veramente coraggiose e capaci è un altro paio di maniche e non so quanto si possa riuscire a crederci. Ortodosso cita Draghi. Benissimo: ci provi lui, forse il punto schifoso in cui siamo arrivati farà fare un passo indietro a tutti questi ominicchi che stanno alla Camera, quelli che fanno una settimana di vacanza in più oltre al mese già previsto per andare in pellegrinaggio. Quanto meno magari il passo indietro lo faranno per pura e semplice strategia, per far fare il ruolo del cattivo decisionista impopolare ad un altro. Forse la vera speranza è questa: che il passo indietro di Silvio e co. venga fatto per ragioni puramente strategiche ed elettorali.
  • 1

Ora l'inverno del nostro scontento è reso estate gloriosa da questo sole di York, e tutte le nuvole che incombevano minacciose sulla nostra casa sono sepolte nel petto profondo dell'oceano.


#92 joseph K.

joseph K.

    Tout est pardonné

  • Members
  • StellettaStellettaStellettaStellettaStellettaStellettaStelletta
  • 7477 Messaggi:

Inviato 05 agosto 2011 - 12:04

DAgospia:

Si sa, i mercati sono per definizione efficienti e alla loro efficienza noi tutti tentiamo di uniformarci da anni. Ieri, ottima prova: "Ore 17.05, l'indice di Milano va in tilt. Pioggia di vendite, da Fiat a Intesa Sanpaolo perdite fino al 10%. Tredici titoli su quaranta sospesi per eccesso di ribasso. Guasti anche al circuito Euronext" (Corriere, p. 3). "Il giallo di Piazza Affari. "Hacker? No, un guasto" (Messaggero, p. 1).
Ma dopo l'ennesimo casino del sistema di Borsa italiana, qualcuno ha per caso detto a Raffaele Jerusalmi, altro bel nome da angelo sterminatore, che invece di farsi intervistare da Raffaella Polato (Corriere, p. 2) spiegandoci il senso della vita, forse dovrebbe andare a lavorare senza distrarsi.
Intanto, su tutti i giornali arriva la consueta raffica di consigli per gli acquisti, spacciati per manuali di autodifesa dalla crisi. Dove mettere i soldi? Negli immobili del padrone, in azioni degli azionisti, in polizze dell'editore e altre facezie così, nella patria della sinfonia di interessi. Invece a noi una volta un banchiere ci disse: "Quando al mercato la gente inizia a parlare di spread, vendi tutto e compra una mucca da latte".
  • 0

Ora l'inverno del nostro scontento è reso estate gloriosa da questo sole di York, e tutte le nuvole che incombevano minacciose sulla nostra casa sono sepolte nel petto profondo dell'oceano.


#93 sheikyerbouti

sheikyerbouti

    anti-intellettuale, coerente, obiettivo, ironico, arguto, spacca

  • Members
  • StellettaStellettaStellettaStellettaStellettaStellettaStellettaStelletta
  • 15807 Messaggi:
  • Locationmilano

Inviato 05 agosto 2011 - 12:42


a questo punto devi svelare quale è la tua idea/progetto per una gestione sana delle gare d'appalto...

ciao.


Be' sceicco, sarebbe parecchio lungo e parecchio tecnico, oltre che parecchio OT
I concetti di base sarebbero

Eliminare gli appalti al ribasso
Puntare quasi tutto sugli appalti concorso, dove le imprese propongono il progetto (o il servizio, a seconda) cosa che quindi garantisce risparmio e qualità (viene eliminato il ricorso al contenzioso, e quindi anni di cause civili, consulenze, spese legali eccetera); garantire maggior punteggio per le imprese che propongano innovazione, risparmio energetico, tempi certi e qualità finale del prodotto
Proibire il ricorso al subappalto nelle regioni ad alto tasso di infiltrazione criminale (e con preventiva indicazione dei fornitori, così si spezzano le gambe alle forniture-ombra che mascherano tangenti e pizzo alla mafia)
De-regulare il più possibile, ed eliminare quasi del tutto la parte pre-appalto (quella di cui parlava Sig) lasciando alle imprese l'onere e il rischio di presentare un progetto per una gara che, se vinta, gli potrebbe essere revocata ex post se non ci sono i requisiti amministrativi e tecnici
Semplificare il più possibile tutti gl iter approvativi (conferenze dei servizi, valutazioni di impatto ambientale, pareri delle sopraintendenze, approvazioni degli enti locali) creando una struttura pubblico-privata che riunisca tutti i processi in uno solo e che consenta risparmi di tempo e di denaro (spesso i progetti ci mettono 10 anni ad essere approvati e dopo 10 anni il territorio è cambiato e bisogna rifare tutto daccapo o fare varianti in opera che costano un monte)
Dare più potere ai RUP (Responsabili del procedimento) sia in fase esecutiva che in fase di aggiudicazione, in modo da rendere trasparente la catena decisionale che oggi è estremamente frammentata (tutti colpevoli, nessun colpevole) affidandogli totalmente la responsabilità nella scelta del contraente di cui dovrà rispondere se poi le cose vanno male
Eliminare le tabelle del provveditorato delle Opere Pubbliche, i cui prezzi non sono aggiornati e non sono completi

Eccetera eccetera poi nel dettaglio potrei entrare ma non si finisce più
Ma questo sistema manderebbe in frantumi tutti i meccanismi collusivi di cui parlava Ruben, quei ponti tra aministrazione imprese e criminalità che dragano risorse pubbliche destinandole nelle mani dei soliti pochi noti ed amen.

quello grassettato mi pare un punto fondamentale e di buonsenso e come tale non verrà mai preso in considerazione dal legislatore... ;)

come scriveva qualcuno prima, più sono complicate le procedure e più c'è la possibilità di fare porcherie, quindi regole chiare e "semplici" possiamo anche scordarci di vederle in italia.

ciao.
  • 0

#94 ucca

ucca

    CRM

  • Members
  • StellettaStellettaStellettaStellettaStellettaStellettaStellettaStelletta
  • 16889 Messaggi:
  • LocationRome

Inviato 05 agosto 2011 - 13:13

Il nostro sviluppo è avvenuto grazie a 3 fattori: i soldi Usa e la necessità geopolitica di avere un paese solido ai confini del blocco occidentale, il culo che si sono fatti i nostri nonni/padri che lavoravano fino agli anni Settanta con orari folli pure la mattina di Natale. E imprenditori con i contromaroni che conoscevano il loro mestiere e non erano dei meri spacciatori di valuta. Le nostre aziende avevano i Borghi, gli Olivetti, ora abbiamo i Colaninno e i Ligresti.


quoto si, mi sembra questo il punto fondamentale. Il nostro paese da il meglio di sè quando è governato da qualcun altro.
l'unico modo di fare qualche riforma non è cambiare la legge elettorale ma sospendere la democrazia per evitare che le varie lobbies blocchino tutto. La cosa divertente è che comincio a sentire da destra che da sinistra se tuttosommato non sarebbe meglio uscire dall'Euro. A destra perchè si rimpiange la fabbrichetta che esportava beni a basso valore aggiunto grazie alla svalutazione della lira, a sinistra perchè si rivuole cominciare a spendere e spandere a debito. Il problema è anche che un paese di anziani, ragiona come esattamente come ragionava quand'era giovane.
  • 0

https://www.facebook...sychomusicband/

 

Mettere su un gruppo psichedelico a 40 anni.


#95 Ortodosso

Ortodosso

    baby even the losers

  • Administrators
  • 9268 Messaggi:
  • LocationPortola Valley, CA

Inviato 05 agosto 2011 - 13:59

per quanto riguarda la cina (così come quei paesi dell'area sudamericana che si sono sottratti all'effetto argentina) si parla però di un paese che pur avendo aperto la propria economia al mercato globale, mantiene un rigido controllo sulla pianificazione e la proprietà statale di tutti i beni strategici. ora, mi rendo conto che noi viviamo in un contesto geopolitico dove realizzare un sistema del genere vorrebbe dire rompere totalmente un sistema di alleanze commerciali, militari e politiche consolidato in vari decenni e che potrebbe portare anche a conseguenze ben peggiori, però mi ritrovo a guardare con molto scetticismo la ricetta delle liberalizzazioni, un po' per formazione politica personale, un po' perchè vendere i beni di stato quando sei con l'acqua alla gola significa svendere. si potrebbe tappare qualche falla nell'immediato, ma non resteremmo immuni da future ripercussioni, perderemmo totalmente la capacità di pianificazione e la sovranità.
è ovvio che le distanze di pensiero politico restano incolmabili, però mi piacerebbe sentire delle tue motivazioni sul perchè le liberalizzazioni ci tirerebbero fuori dalla merda senza conseguenze spiacevoli.
scusa se sembra un'interrogazione eh :)


Liberalizzazioni è diverso da privatizzazioni eh, questo per dire non che io sia contrario alle privatizzazioni (non sono neanche favorevole, sono favorevole a gestire decentemente le aziende indipendentemente se pubbliche o private), ma per dire che prima ancora di andarsi a infognare nei discorsi politici ci sono centinaia di azioni a costo zero pronte da fare:

- Farmacisti
- Notai
- Tassisti
- Avvocati
- Ogni tipo di albo o licenza
- Banche
- Appalti
- Valutazione dell'insegnamento e degli insegnanti e dei dirigenti scolastici (dal licenziamento in tronco alla chiusura della scuola ai raddoppi di stipendio a livello individuale)
- Istruzione superiore e stage, e internship ovunque, dal liceo, campi di lavoro estivi, a lavorare subito (il vero gap nei confronti di USA e UK sono i miliardi di estati/uomo passati a fare un cazzo, c'è gente che a 18 anni ha molta più esperienza lavorativa di me a 29).
- Valutazione dei giudici e dei medici
- Assunzione, di insegnanti, giudici e medici
- Province fuori dai coglioni
- Federalismo fiscale e non vero
- Bicameralità perfetta nel cesso insieme a 50% del numero di parlamentari
- Qualsiasi azienda con la parola 'Italia' nel nome con le mani fuori dalle tasche di Pantalone

Tutte ste cose (su molte delle quali mi son speso fin troppo negli ultimi 10 anni di forum) hanno due caratteristiche:

- Vanno fatte fare da tecnici onesti (gente alla Ciampi o Draghi), con vera esperienza internazionale, e non da ciarlatani che non sanno di cosa parlano
- Vanno fatte tutte insieme o quantomeno nel minor tempo possibile, per evitare l'effetto "perchè noi sì e tutti gli altri continuano a magnare" --la famosa teoria del big bang.

È l'unica speranza, e naturalmente le possibilità che venga anche solo pensata è al di sotto dello zero, mentre quella che qualche costituzionalista semidisoccupato di sto cazzo venga qui a spiegarmi che nella PA si deve assumere per concorso e che l'Italia deve rimanere una repubblica bicamerale perfetta non la quotano neanche a bwin.
  • 7

Battibecco dovete domandare a Sarri, che è un razzista; e gli uomini come lui non possono stare nel mondo del calcio.


#96 aaron1980

aaron1980

    Groupie

  • Members
  • StellettaStellettaStelletta
  • 121 Messaggi:

Inviato 05 agosto 2011 - 15:56


martedì il mio referente bancario mi vuole fare tutto un disocrso su possibili investimenti (solo il pensiero mi fa sbadigliare), domani compro il sole 24 ore con il bel -5% in prima pagina, glielo mostro e vediamo fino a che punto riesce ad essere fantasioso :cool:


il signor B. oggi ha detto che se avesse dei soldi messi da parte li investirebbe -guardacaso!- nelle sue aziende, che sono solidissime. pensaci asd


berlusconi è incredibile
prima ha citato il padre dicendo che la borsa è un orologio rotto e poi dice che le sue aziende sono le uniche sulle quali investire in borsa
wow
  • 0

#97 juL fu Sig.M.

juL fu Sig.M.

    Utente paraolimpionico

  • Members
  • StellettaStellettaStellettaStellettaStellettaStellettaStelletta
  • 8878 Messaggi:

Inviato 05 agosto 2011 - 16:15

Liberalizzazioni è diverso da privatizzazioni eh, questo per dire non che io sia contrario alle privatizzazioni (non sono neanche favorevole, sono favorevole a gestire decentemente le aziende indipendentemente se pubbliche o private), ma per dire che prima ancora di andarsi a infognare nei discorsi politici ci sono centinaia di azioni a costo zero pronte da fare:
- Farmacisti
- Notai
- Tassisti
- Avvocati
- Ogni tipo di albo o licenza
- Banche
- Appalti
- Valutazione dell'insegnamento e degli insegnanti e dei dirigenti scolastici (dal licenziamento in tronco alla chiusura della scuola ai raddoppi di stipendio a livello individuale)
- Istruzione superiore e stage, e internship ovunque, dal liceo, campi di lavoro estivi, a lavorare subito (il vero gap nei confronti di USA e UK sono i miliardi di estati/uomo passati a fare un cazzo, c'è gente che a 18 anni ha molta più esperienza lavorativa di me a 29).
- Valutazione dei giudici e dei medici
- Assunzione, di insegnanti, giudici e medici
- Province fuori dai coglioni
- Federalismo fiscale e non vero
- Bicameralità perfetta nel cesso insieme a 50% del numero di parlamentari
- Qualsiasi azienda con la parola 'Italia' nel nome con le mani fuori dalle tasche di Pantalone
+
LOTTA ALL'EVASIONE


  • 0

#98 ucca

ucca

    CRM

  • Members
  • StellettaStellettaStellettaStellettaStellettaStellettaStellettaStelletta
  • 16889 Messaggi:
  • LocationRome

Inviato 05 agosto 2011 - 16:22



Liberalizzazioni è diverso da privatizzazioni eh, questo per dire non che io sia contrario alle privatizzazioni (non sono neanche favorevole, sono favorevole a gestire decentemente le aziende indipendentemente se pubbliche o private), ma per dire che prima ancora di andarsi a infognare nei discorsi politici ci sono centinaia di azioni a costo zero pronte da fare:

- Farmacisti
- Notai
- Tassisti
- Avvocati
- Ogni tipo di albo o licenza
- Banche
- Appalti
- Valutazione dell'insegnamento e degli insegnanti e dei dirigenti scolastici (dal licenziamento in tronco alla chiusura della scuola ai raddoppi di stipendio a livello individuale)
- Istruzione superiore e stage, e internship ovunque, dal liceo, campi di lavoro estivi, a lavorare subito (il vero gap nei confronti di USA e UK sono i miliardi di estati/uomo passati a fare un cazzo, c'è gente che a 18 anni ha molta più esperienza lavorativa di me a 29).
- Valutazione dei giudici e dei medici
- Assunzione, di insegnanti, giudici e medici
- Province fuori dai coglioni
- Federalismo fiscale e non vero
- Bicameralità perfetta nel cesso insieme a 50% del numero di parlamentari
- Qualsiasi azienda con la parola 'Italia' nel nome con le mani fuori dalle tasche di Pantalone

Tutte ste cose (su molte delle quali mi son speso fin troppo negli ultimi 10 anni di forum) hanno due caratteristiche:

- Vanno fatte fare da tecnici onesti (gente alla Ciampi o Draghi), con vera esperienza internazionale, e non da ciarlatani che non sanno di cosa parlano
- Vanno fatte tutte insieme o quantomeno nel minor tempo possibile, per evitare l'effetto "perchè noi sì e tutti gli altri continuano a magnare" --la famosa teoria del big bang.

È l'unica speranza, e naturalmente le possibilità che venga anche solo pensata è al di sotto dello zero, mentre quella che qualche costituzionalista semidisoccupato di sto cazzo venga qui a spiegarmi che nella PA si deve assumere per concorso e che l'Italia deve rimanere una repubblica bicamerale perfetta non la quotano neanche a bwin.


tutto condivisibile il problema però è politico, chi le vota queste riforme? Quanti commercialisti, avvocati, magistrati, notai (l'ultimo ce l'ha portato il pd a posto di Fassino) abbiamo in parlamento?
  • 0

https://www.facebook...sychomusicband/

 

Mettere su un gruppo psichedelico a 40 anni.


#99 Max Stirner

Max Stirner

    Scaruffiano

  • Members
  • StellettaStellettaStellettaStellettaStellettaStellettaStellettaStelletta
  • 14038 Messaggi:
  • LocationAci Trezza(CT)

Inviato 05 agosto 2011 - 16:49

io credo alcune cose
1 il cdx liberale italiano(quello che vota) sono 17 anni che crede nella rivoluzione liberale mai iniziata di berlusconi e non ha mai pensato ad una successione credibile
2 la sx(intendo quelli che stan a sinistra del pd) ha appoggiato per anni prodi, draghi e tutta sta gente che ora viene criticata(anche giustamente)
3 non credo che l'italia per come è messa ora(ma anche 10 anni fa) possa uscire dall'euro nè tantomeno dall'unione europea, al massimo non ci si doveva entrare all'inizio(e probabilmente sarebbe stata una mossa azzardata) ma ora proprio non possiamo uscire
  • 0
"Ho abituato i miei occhi al sangue." Georg Büchner


"Caedite eos! Novit enim Dominus qui sunt eius"

#100 Number 6

Number 6

    Scaruffiano

  • Redattore OndaRock
  • StellettaStellettaStellettaStellettaStellettaStellettaStellettaStelletta
  • 12107 Messaggi:

Inviato 05 agosto 2011 - 17:12

L'Italia è un paese dove se vai in banca a chiedere come investire, al 90% la risposta è in polizze della stessa banca a cui lo stai chiedendo. Dove vogliamo andare?
Siamo un paese morto, ucciso da vent'anni di conflitto di interessi portato come "bene per il paese" o alla meno come "cosa che agli italiani non interessa". Conflitto che ha rincoglionito totlamente persino lo stesso protagonista, che non parla più neanche bene e biascica (Tranquillanti? Dentiera?), stando associato a un compare, garante della coalizione, che ha avuto un ictus e quando parla ormai ci vogliono i sottotitoli che i TG si ostinano a non mettere.
I fondamentali sono buoni, certo. O almeno migliori di quello che "il mercato" lascerebe intendere. C'è tanta gente che si fa il culo dalla mattina alla sera, Itailani brava gente. Però il governo attuale premia le rendite (vedi l'assurda "cedolare secca" con la scusa di far emergere le locazioni a nero, azni pardòn i "rapporti tra privati cittadini"), cioè esattamente il contrario di quelo che si dovrebbe fare persino in situazione normale, figurarsi in una di crisi emergenziale come questa.
Togliendosi di mezzo questo governo, che è la prima cosa che ci vorrebbe, immediatamente il giorno dopo ci vuole:
1 - la patrimoniale sui redditi alti, oltre i centomila l'anno. Anch'essa a scaglioni ad aliquote crescenti magari. Anche la "tobin tax" giò che ci siamo.
2 - L'esercizio della delega fiscale, con riforma delle aliquote ma per la serie abbassare la prima riportandola al 20%, accorpare le ultime due al 42%. Inoltre oltre un certo reddito, nessuna detrazione fiscale. Riduazione drastica degli adempimenti, concentrazione dei medesimi in pochissime scadenze certe e sicure (basta con questa minchiata del 770 entro il 31/05 che non serve a un cavolo di nulla e poi tutti gli anni lo rimandano a luglio o come quest'anno ancora più in là), certezza e rapidità nella fonitura da parte degli enti preposti di tutti i vari software: studi di settore, modelli dichiarativi e relative istruzioni, circolari PRIMA delle scadenze cazzo, non il giorno prima! O persino DOPO.) Rapidità nei rimborsi. Un nuovo rapporto tra fisco e cittadino.
3 - Anticipare l'innalzamento dell'età pensionabile ai prossimi tre-quattro anni, altro che 2050. Abolizione totale ed immediata delle pensioni di anzianità. Questa è la parte impopolare della faccenda. Si lasci pure i sindacati andare in piazza. Hanno rotto i maroni questi che vogliono andare in pensione a cinquant'anni e stare in pensione 40 anni o più a spese nostre. Voi privilegiati e noi inculati, è ora di dire basta.
4 - Riforma immediata del mercato del lavoro ma non nel solito senso di B., alterando lo statuto dei lavoratori (incredibile che ritiri fuori ORA questa panzana che già ci ha sbattuto il muso, ha bloccato l'Italia due anni e non ha ottenuto un cazzo), bensi nel senso di ridurre drasticamente le duecentocinquantamila forme di contratto di lavoro ripartito, in affitto, a progetto, ad minchiam, che ci sono. Basta con queste s-t-r-o-n-z-a-t-e che uno non sa più nemmeno da chi prende lo stipendio sempre più misero e chi deve ringraziare se dopo sei mesi a farsi il culo sente: "Tante grazie, alla prossima. Avanti un'altro!"
5 - Liberalizzazioni ma non questa minchiata di togliere l'esame di Stato, che è previsto in Costituzione, o aprire a tutti i coglioni senza titolo ogni professione. C'è una marea di strada da fare ancora su farmacie, Notai, taxi (che blocchino il traffico, manganellate in testa e cazzi loro se si rompono la chiorba), tante attività regolamentate che potrebbero benissimo essere liberalizzate (che senso ha la regolamentazione per fare la concessionaria di pubblicità?). Orari liberi per tutti i negozi, abolizione di qualsiasi vincolo di orario di apertura per TUTTE le attività e specialmente quelle alimentari.
6- Togliere soldi a opere stupide che devono essere chiuse (tipo il tunnel TAV sotto Firenze, un'idea demenziale di per se) e riversare tutto su incentivi a R&S. L'investimento in R&S dovrebbe crescere almeno al 3% del PIL in tre anni e ancora sarebbe ridicolo ma magari è la crescita tendenziale che fa anche effetto nell'immediato, più che il valore assoluto.
7 - Abolizione delle provincie.
8 - Riforma elettorale con cancellazione del "porcellum" e ritorno ai collegi uninominali con preferenza. Riforma Costituzionale del parlamento con riduzione del numero dei parlamentari e abolizione del bicameralismo perfetto.
9 - Quasi dimenticavo. Avviare colloqui internazionali ai massimi liveli per porre le agenzie di rating fuori legge. Hanno veramente rotto i coglioni.
Così si torna ai coflitti di interesse e si chiude il cerchio.

Me ne verrà in mente sicuramente qualcun'altra di cose che sarebbero da fare subito.
  • 0
I'm not a number! I'm a free man!




0 utente(i) stanno leggendo questa discussione

0 utenti, 0 ospiti, 0 utenti anonimi

IPB Skin By Virteq