Vai al contenuto


Foto
- - - - -

Thin White Rope


  • Please log in to reply
36 replies to this topic

#1 Claudio

Claudio

    I am what I play

  • Administrators
  • 32717 Messaggi:
  • LocationRoma

Inviato 20 giugno 2011 - 07:47

L'attesa scheda è finalmente arrivata.

Immagine inserita

La leggenda dei folli Thin White Rope è destinata a crescere nel tempo, vista l'oscurità che da sempre avvolge la loro originale proposta. Unica per quei tempi e unica in assoluto, poiché priva di discepoli conclamati. Coraggiosa, perché capace di andare oltre quel movimento noto come Paisley Underground che, a metà degli Eighties, dominava l'area californiana e pareva essere l'unica via percorribile da chi sognava di raggiungere un minimo di successo pur facendo della buona, sana, musica psichedelica. Ma i Thin White Rope non furono mai interessati alle luci della ribalta e si distaccarono ben presto anche dalla mitigata acidità del Paisley per assumere contorni ben definiti e personali e, conseguentemente, condannandosi all'oblio. Troppo roco e luciferino il vibrato del leader Guy Kyser per assecondare i soffici sogni dei giovani collegiali americani, troppo selvaggi e sferraglianti gli incroci chitarristici dello stesso Kyser e del prode scudiero Roger Kunkel, troppo introspettive e destabilizzanti le liriche per garantirsi un ancorché fugace passaggio nelle più seguite trasmissioni radiofoniche.

La monografia completa
  • 2

#2 Diamond_Sea

Diamond_Sea

    Glooming in the wind

  • Members
  • StellettaStellettaStellettaStellettaStelletta
  • 2469 Messaggi:

Inviato 20 giugno 2011 - 08:11

Era ora! :ossequi:

Ne ho già parlato tantissimo, quindi mi limito a ribadire per l'ennesima volta la loro grandezza.

Edit.

La monografia è scritta benissimo ma non mi trovo d'accordo sulla valutazione dei dischi. Sono tutti belli ma Sack Full Of Silver il migliore proprio no. Secondo me il titolo di capolavoro della band se lo giocano Exploring The Axis e il più acido Moonhead.
  • 0

#3 gulliver

gulliver

    Classic Rocker

  • Banned
  • StellettaStellettaStellettaStellettaStellettaStelletta
  • 5070 Messaggi:

Inviato 20 giugno 2011 - 10:53

Sack Full Of Silver il migliore proprio no. Secondo me il titolo di capolavoro della band se lo giocano Exploring The Axis e il più acido Moonhead.



anche io preferisco moonhead. comunque il loro album assolutamente imperdibile per me e' il doppio the one that got away, uno dei migliori live della storia.
  • 0

#4 Diamond_Sea

Diamond_Sea

    Glooming in the wind

  • Members
  • StellettaStellettaStellettaStellettaStelletta
  • 2469 Messaggi:

Inviato 20 giugno 2011 - 11:59


Sack Full Of Silver il migliore proprio no. Secondo me il titolo di capolavoro della band se lo giocano Exploring The Axis e il più acido Moonhead.



comunque il loro album assolutamente imperdibile per me e' il doppio the one that got away, uno dei migliori live della storia.


Assolutamente. Dal vivo erano ancora più mostruosi.

Dinsey Girl in quel live è qualcosa di trascendetale.
  • 1

#5 Bara dei pupi

Bara dei pupi

    Moderatore del caso Filippo

  • Members
  • StellettaStellettaStellettaStellettaStellettaStellettaStellettaStellettaStelletta
  • 78412 Messaggi:

Inviato 20 giugno 2011 - 12:21

10 a tutto, anche alla mono
  • 1

 


#6 Plozzer

Plozzer

    Haddaway

  • Members
  • StellettaStellettaStellettaStellettaStellettaStelletta
  • 5384 Messaggi:

Inviato 20 giugno 2011 - 12:22

il loro album assolutamente imperdibile per me e' il doppio the one that got away


  • 0

Whatever you do, don't


#7 gulliver

gulliver

    Classic Rocker

  • Banned
  • StellettaStellettaStellettaStellettaStellettaStelletta
  • 5070 Messaggi:

Inviato 20 giugno 2011 - 15:50

Assolutamente. Dal vivo erano ancora più mostruosi.

Dinsey Girl in quel live è qualcosa di trascendetale.



fantastico, l autore della monografia lo paragona giustamente all'analogo passo d'addio dei Dream Syndicate, concerto per pochi intimi e senza fronzoli, lontano dall'autocelebrazione cercata col lanternino di un the last waltz, ma infinitamente piu' bello.
  • 0

#8 Limenitis

Limenitis

    sputasentenze

  • Members
  • StellettaStellettaStellettaStellettaStellettaStellettaStellettaStellettaStelletta
  • 25804 Messaggi:
  • LocationArcore (ex URSS)

Inviato 20 giugno 2011 - 15:56

Gruppo immenso, veramente fra i più grandi di sempre

top 3 album:

1. exploring the axis
2. sack full of silver
3. moonhead

ma tutta la loro produzione resta di altissimo livello... vado a leggermi la mono :OR:
  • 1

Stefano

 

 

Sono stato ad un loro concerto in prima fila, impiedi. Ubriaco fracico ed erano convinte fossi un fan sfegatato, mi dedicavano le canzoni mentre io per quasi due ore urlavo: troieee!

 


#9 R. Mutt

R. Mutt

    mainstream Star

  • Members
  • StellettaStellettaStellettaStellettaStelletta
  • 2666 Messaggi:

Inviato 20 giugno 2011 - 18:08

Cazzo, solo io penso che il loro album migliore, almeno limitandoci a quelli in studio, sia "In The Spanish Cave"? Il live non l'ho mai ascoltato, ma se lo si paragona a quello dei Dream Syndicate (che per me con Live At leeds degli Who è lo zenith dei dischi live) allora mi ci fiondo!

Edit: (non sto scherzando) ma si può dire cazzo? Spero di sì, almeno nel thread di una band coi controcoglioni.
  • 0

#10 Reynard

Reynard

    the scientifical truth which is much better

  • Members
  • StellettaStellettaStellettaStellettaStellettaStellettaStelletta
  • 9223 Messaggi:
  • LocationComo

Inviato 20 giugno 2011 - 18:13

Cazzo, solo io penso che il loro album migliore, almeno limitandoci a quelli in studio, sia "In The Spanish Cave"?

Ho solo questo e "Exploring The Axis", ma trovo anch'io "In The Spanish Cave" superiore all'esordio e praticamente perfetto.
  • 0
La firma perfetta dev'essere interessante, divertente, caustica, profonda, personale, di un personaggio famoso, di un personaggio che significa qualcosa per noi, riconoscibile, non scontata, condivisibile, politicamente corretta, controcorrente, ironica, mostrare fragilità, mostrare durezza, di Woody Allen, di chiunque tranne Woody Allen, corposa, agile, ambiziosa, esperienzata, fluente in inglese tedesco e spagnolo, dotata di attitudini imprenditoriali, orientata alla crescita professionale, militassolta, automunita, astenersi perditempo.

#11 Diamond_Sea

Diamond_Sea

    Glooming in the wind

  • Members
  • StellettaStellettaStellettaStellettaStelletta
  • 2469 Messaggi:

Inviato 20 giugno 2011 - 18:16

Cazzo, solo io penso che il loro album migliore, almeno limitandoci a quelli in studio, sia "In The Spanish Cave"?


Ci può stare, In The Spanish Cave vira verso sonorità più dure. Un'evoluzione già iniziata con Moonhead che si discosta dalle atmosferere western di Exlporing The Axis per abbracciare un wall of sound chitarristico più distorto e fuzzoso. Secondo me i Kyuss devono molto a questa fase dei TWR. La cosa incredibile è che nonostante avessero un stile riconoscibilissimo non hanno fatto un album uguale.
  • 0

#12 grivs

grivs

    ---o<-<

  • Members
  • StellettaStellettaStellettaStellettaStellettaStellettaStelletta
  • 7798 Messaggi:
  • Locationale, i'vorrei che tu e pierpinky e io

Inviato 20 giugno 2011 - 18:39

ai thin white rope mi aveva già indottrinato Lim <3

il recensore è nuovo? (scusate ma è un po' che non leggo il sito)


una piccola annotazione: non so se sia mai stata fatta o se sia il topic adatto
ma avete mai pensato di inserire un mini-indice prima delle monografie con dei collegamenti che portano alle varie sezione della mono (volendo pure dei collegamenti che portano dai titoli degli album alla parte della recensione dove se ne parla - questa è una scaruffata, lo so)... penso che il lavoro per farlo sia minimo, si sfrutterebbero un po' i vantaggi di una pagina internet

a mio parere migliorerebbe la fruizione del testo per quelli come me che hanno un malore all'impatto con un blocco di testo consistente (in alcuni casi i testi delle mono sono di dimensioni spropositate per la lettura su schermo) e agli altri non darebbe alcun fastidio
  • 0
[0:08] webnicola: allora facendo una media di 80 anni e cagando 300 gr al giorno (siamo italiani dai caghiamo di piu) cachiamo 8,7 tonnellate in una vita quindi [0:09] webnicola: possiamo teorizzare che nella propria vita fa un peso di merda [0:10] webnicola: circa 100 volte il proprio peso [0:10] webnicola: cmq sostanzialmente in un anno circa si caga il proprio peso quindi potresti farti un amico di merda e nel tiro alla fune si sarebbe pari

[webnicola]: io [mi aspettavo] che si dimettesse subito o che non si dimettesse. tipo "resisto è stata solo un colpo di testa dei miei uomini" e l'assalto alla camera sfasciata e qualche cranio rotto, gente che caga dentro la testa di cicchitto morto, cose così

oggi ho combattuto come un toro. ho il cuore sfiancato. sento che stanno crollando le mura DI QUESTA BABILONIA PRECRISTIANA! vinceremo! Cit. Ale

webnicola: non sto leggendo. mi state facendo venire la colite

gli butto lì un "rizoma" così mi si bagna


#13 PrebenElkjaer

PrebenElkjaer

    Classic Rocker

  • Members
  • StellettaStellettaStellettaStellettaStellettaStelletta
  • 3806 Messaggi:
  • LocationVerona

Inviato 20 giugno 2011 - 18:49

uno dei rari casi in cui dire "voglio tutta la discografia" non è una cazzata :)
Sull'album preferito vado a periodi e ormai manco ci faccio caso.
  • 0
Fat Moe: Noodles, cos'hai fatto in tutti questi anni?
Noodles: Sono andato a letto presto.

Tu sai citare i classici a memoria... ma non distingui il ramo da una foglia...

Fiero membro

Ci sono più dischi di merda che vita!

#14 Claudio

Claudio

    I am what I play

  • Administrators
  • 32717 Messaggi:
  • LocationRoma

Inviato 20 giugno 2011 - 19:23

il recensore è nuovo? (scusate ma è un po' che non leggo il sito)
una piccola annotazione: non so se sia mai stata fatta o se sia il topic adatto
ma avete mai pensato di inserire un mini-indice prima delle monografie con dei collegamenti che portano alle varie sezione della mono (volendo pure dei collegamenti che portano dai titoli degli album alla parte della recensione dove se ne parla - questa è una scaruffata, lo so)... penso che il lavoro per farlo sia minimo, si sfrutterebbero un po' i vantaggi di una pagina internet
a mio parere migliorerebbe la fruizione del testo per quelli come me che hanno un malore all'impatto con un blocco di testo consistente (in alcuni casi i testi delle mono sono di dimensioni spropositate per la lettura su schermo) e agli altri non darebbe alcun fastidio

L'autore della scheda aveva già firmato quella dei Built To Spill.
L'idea dei collegamenti interni in effetti è utile e chissà che non vada in porto, magari con dei link nella discografia (anche se c'è il problema che lì ci sono già i link alle recensioni singole, esterne alla scheda).
  • 0

#15 Plozzer

Plozzer

    Haddaway

  • Members
  • StellettaStellettaStellettaStellettaStellettaStelletta
  • 5384 Messaggi:

Inviato 21 giugno 2011 - 06:10

Il live non l'ho mai ascoltato, ma se lo si paragona a quello dei Dream Syndicate (che per me con Live At leeds degli Who è lo zenith dei dischi live) allora mi ci fiondo!



Secondo me è addirittura più bello del Live at Raji's, perché 1) ha una scaletta da spavento, due ore con tutto quello che avresti voluto sapere dai Thin White Rope e non hai mai osato immaginare 2) rappresenta al 100% chi lo suona, laddove il Dream Syndicate avevano cambiato formazione e, per certi versi, impostazione sonora, a quel punto della carriera 3) i suoni sono potenti e poco rifiniti, più diretti che sugli album in studio, e finalmente rendono giustizia a un gruppo con un impatto incredibile (l'unica cosa che rimprovero ai TWR, che pure adoro, è la 'leggerezza' della produzione di certi album rispetto al vigore delle chitarre dal vivo).
  • 0

Whatever you do, don't


#16 Waterfall

Waterfall

    Roadie

  • Members
  • StellettaStellettaStellettaStelletta
  • 552 Messaggi:

Inviato 21 giugno 2011 - 06:47

Scheda commovente complimenti all'autore, il live devo comprarlo assolutamente...in the spanish cave e' talmente bello da far sembrare brutto anche un album dei dream syndicate
  • 0

#17 Bara dei pupi

Bara dei pupi

    Moderatore del caso Filippo

  • Members
  • StellettaStellettaStellettaStellettaStellettaStellettaStellettaStellettaStelletta
  • 78412 Messaggi:

Inviato 21 giugno 2011 - 07:38

Scheda commovente complimenti all'autore, il live devo comprarlo assolutamente...in the spanish cave e' talmente bello da far sembrare brutto anche un album dei dream syndicate


ma basta paragonarli con quei gruppacci dai, sarà pure la stessa scena ma è se c'è un purosangue in mezzo a 10 ronzini non li si può paragonare
  • 0

 


#18 Dull Boy

Dull Boy

    Roadie

  • Members
  • StellettaStellettaStellettaStelletta
  • 800 Messaggi:

Inviato 23 giugno 2011 - 09:47


Il live non l'ho mai ascoltato, ma se lo si paragona a quello dei Dream Syndicate (che per me con Live At leeds degli Who è lo zenith dei dischi live) allora mi ci fiondo!



Secondo me è addirittura più bello del Live at Raji's, perché 1) ha una scaletta da spavento, due ore con tutto quello che avresti voluto sapere dai Thin White Rope e non hai mai osato immaginare 2) rappresenta al 100% chi lo suona, laddove il Dream Syndicate avevano cambiato formazione e, per certi versi, impostazione sonora, a quel punto della carriera 3) i suoni sono potenti e poco rifiniti, più diretti che sugli album in studio, e finalmente rendono giustizia a un gruppo con un impatto incredibile (l'unica cosa che rimprovero ai TWR, che pure adoro, è la 'leggerezza' della produzione di certi album rispetto al vigore delle chitarre dal vivo).


domanda a latere: il chitarrista solista è l'altro (Paul B. Cutler), non Steve Wynn, giusto?
  • 0

#19 Diamond_Sea

Diamond_Sea

    Glooming in the wind

  • Members
  • StellettaStellettaStellettaStellettaStelletta
  • 2469 Messaggi:

Inviato 23 giugno 2011 - 10:09



Il live non l'ho mai ascoltato, ma se lo si paragona a quello dei Dream Syndicate (che per me con Live At leeds degli Who è lo zenith dei dischi live) allora mi ci fiondo!



Secondo me è addirittura più bello del Live at Raji's, perché 1) ha una scaletta da spavento, due ore con tutto quello che avresti voluto sapere dai Thin White Rope e non hai mai osato immaginare 2) rappresenta al 100% chi lo suona, laddove il Dream Syndicate avevano cambiato formazione e, per certi versi, impostazione sonora, a quel punto della carriera 3) i suoni sono potenti e poco rifiniti, più diretti che sugli album in studio, e finalmente rendono giustizia a un gruppo con un impatto incredibile (l'unica cosa che rimprovero ai TWR, che pure adoro, è la 'leggerezza' della produzione di certi album rispetto al vigore delle chitarre dal vivo).


domanda a latere: il chitarrista solista è l'altro (Paul B. Cutler), non Steve Wynn, giusto?


La chitarra solista era Karl Precoda (grandissimo) fino a The Medicine Show. Dopo la sua dipartita dal gruppo fù sostituito con Cutler. Precoda era l'anima del suond Dream Syndicate, infatti dopo di lui non si sono più espressi ai livelli dei primi due capolavori.
Steve Wynn era voce e chitarra ritmica oltre che autore dei testi.
  • 0

#20 grivs

grivs

    ---o<-<

  • Members
  • StellettaStellettaStellettaStellettaStellettaStellettaStelletta
  • 7798 Messaggi:
  • Locationale, i'vorrei che tu e pierpinky e io

Inviato 23 giugno 2011 - 11:27

Scheda commovente complimenti all'autore, il live devo comprarlo assolutamente...


ma non si trova in rete? prima di comprarlo volevo sentirlo (sì, so cosa ne pensa il cuoco)
  • 0
[0:08] webnicola: allora facendo una media di 80 anni e cagando 300 gr al giorno (siamo italiani dai caghiamo di piu) cachiamo 8,7 tonnellate in una vita quindi [0:09] webnicola: possiamo teorizzare che nella propria vita fa un peso di merda [0:10] webnicola: circa 100 volte il proprio peso [0:10] webnicola: cmq sostanzialmente in un anno circa si caga il proprio peso quindi potresti farti un amico di merda e nel tiro alla fune si sarebbe pari

[webnicola]: io [mi aspettavo] che si dimettesse subito o che non si dimettesse. tipo "resisto è stata solo un colpo di testa dei miei uomini" e l'assalto alla camera sfasciata e qualche cranio rotto, gente che caga dentro la testa di cicchitto morto, cose così

oggi ho combattuto come un toro. ho il cuore sfiancato. sento che stanno crollando le mura DI QUESTA BABILONIA PRECRISTIANA! vinceremo! Cit. Ale

webnicola: non sto leggendo. mi state facendo venire la colite

gli butto lì un "rizoma" così mi si bagna





0 utente(i) stanno leggendo questa discussione

0 utenti, 0 ospiti, 0 utenti anonimi

IPB Skin By Virteq