Vai al contenuto


- - - - -

La vecchia scuola elettronica


  • Please log in to reply
2 replies to this topic

#1 Guest_Eugenetic Axe_*

Guest_Eugenetic Axe_*
  • Guests

Inviato 20 giugno 2006 - 11:41

Immagine inserita

Stavo ascoltando questo vecchio LP (1959) della vecchia scuola elettronica, pieno di effetti creati da oscillatori e nastri magnetici e mi chiedevo, a parte le solite notissime opere di Stockausen, Nono & Co., qulche disco 'minore' di questa  scuola musicale, ancora legata allo sperimentalismo colto e alle accademie.

Grassie anticipatamente.

#2 gigiriva

gigiriva

    ï͂͑̉͆ͧͮͩ̓ͧ̒͒̉̎̂̊͆͑͐̊̓̊̅ͭ͗̐̄̏̾̄͊

  • Members
  • StellettaStellettaStellettaStellettaStellettaStellettaStellettaStelletta
  • 17509 Messaggi:

Inviato 20 giugno 2006 - 11:57

Secondo me Badings e Raiijmakers non appartengono allo sperimentalismo colto accademico, ma a una specie di pionerismo elettronico con un occhio al pop e ai film di fantascienza. Le analogie, nei suoni e in certe melodie, con lo space-age pop si possono trovare.

Consiglio questi dischi, tutti di artisti nordeuropei

-Popular Electronics - Early Dutch Electronic Music from Philips Research Laboratories 1956-1963 (4xCD Basta, 2004)
-Tom Dissevelt & Kid Baltan - Song of the Second Moon  (1957) contenuto per intero nel cofanetto di cui sopra
-Erkki Kurenniemi - Recordings 1963-1973
-Alcune cose di Arne Nordheim che si possono ascoltare in Electric (Rune Grammofon, 1998), e Dodeka (Rune Grammofon, 2003)
  • 0

#3 Guest_Eugenetic Axe_*

Guest_Eugenetic Axe_*
  • Guests

Inviato 20 giugno 2006 - 12:12

Le analogie, nei suoni e in certe melodie, con lo space-age pop si possono trovare.


Me ne sto accorgendo, sembra di stare nel bel mezzo della guerra tra i mondi!

PS Grazie per i consigli.




0 utente(i) stanno leggendo questa discussione

0 utenti, 0 ospiti, 0 utenti anonimi

IPB Skin By Virteq