Vai al contenuto


Foto
* * * * - 4 Voti

Eai: lo stato dell'arte


  • Please log in to reply
434 replies to this topic

#61 bar shoma

bar shoma

  • Members
  • StellettaStellettaStellettaStelletta
  • 874 Messaggi:

Inviato 10 giugno 2013 - 10:54

Scusa Auslo, però non mi sgridare :°°°

Gli estratti di Mouri/Olive son proprio belli.
Qualcuno ha il disco?
  • 0

#62 starmelt

starmelt

  • Members
  • StellettaStellettaStellettaStellettaStellettaStelletta
  • 4517 Messaggi:

Inviato 10 giugno 2013 - 11:09

ekkehard ehlers / joseph suchy / franz hautzinger ‎– soundchambers [x]


Spettacolare questo.

Qui c'è un thread vecchio simile. Ci sono anche un paio di suggerimenti.
  • 0

#63 reese

reese

    moriremo

  • Members
  • StellettaStellettaStellettaStellettaStellettaStelletta
  • 5669 Messaggi:

Inviato 10 giugno 2013 - 16:19

un po' di ascolti di album segnalati in quest'ultima pagina

taku sugimoto - opposite
e' il lato che mi piace meno dell'EAI, cioe' quello superambientoso a' la ambarchi, che non amo molto - quando ho voglia di rarefazione estrema vado direttamente di ambient, l'incrocio con l'impro di questo tipo non mi sembra facile: serve l'ispirazione perfetta e sublime per uscirne bene, soprattutto quando la ricerca sui timbri sonori e' in secondo piano.

keith rowe - john tilbury - duos for doris
grande sintonia tra suoni organici ed elettronici, dopo mezz'ora la mia mente quasi non faceva piu' distinzione, bello.

MIMEO & john tilbury - the hands of caravaggio
piu' o meno come sopra, forse mi e' piaciuto un po' meno.

Asio Otus - Cross Cultural Observations of Sounds Induced by Religious Practices in Human Hearing Range
uau, anche questo lo chiamate eai? qualunque roba sia, e' pazzesco e non e' male sentire per una volta un tentativo riuscito di incastrare musica religiosa/primitiva in formati simili.

Keith Rowe - A Dimension of Perfectly Ordinary Reality
instant classic, anche qui le contaminazioni etniche mi hanno lasciato contento e sazio.
  • 3

#64 paloz

paloz

    Poo-tee-weet?

  • Redattore OndaRock
  • StellettaStellettaStellettaStellettaStellettaStellettaStellettaStellettaStelletta
  • 22956 Messaggi:

Inviato 10 giugno 2013 - 20:44

taku sugimoto - opposite
e' il lato che mi piace meno dell'EAI,


Chiedo conferma ai luminari: questo con la EAI propriamente detta non c'entra granché, no?
  • 0

I have spoken softly, gone my ways softly, all my days, as behoves one who has nothing to say, nowhere to go, and so nothing to gain by being seen or heard.

 

(Samuel Beckett, Malone Dies)


#65 auslöschung

auslöschung

    internal bio-reverb

  • Moderators
  • 3098 Messaggi:

Inviato 10 giugno 2013 - 21:06

si. penso però - assunto che dovrebbe deciderlo slothrop, in quanto op - che il thread potrebbe tranquillamente trattare di tutte quelle esperienze di improvvisazione radicale - più o meno elettro. un po' per questioni gerarchice di famiglia e filiazione, un po' perché i due mondi sono ampiamente comunicanti e permeabili (osmotici?) e un po' perché, tutto compreso, io ho più volte nominato bailey e se mi venisse voglia di scrivere, chessò... di manuel mota, probabilmente verrei a farlo quì.

Immagine inserita
  • 0

#66 paloz

paloz

    Poo-tee-weet?

  • Redattore OndaRock
  • StellettaStellettaStellettaStellettaStellettaStellettaStellettaStellettaStelletta
  • 22956 Messaggi:

Inviato 10 giugno 2013 - 21:28

Sono d'accordo, era solo per fare le pulci al post di reese, un'occasione che penso non mi ricapiterà mai più.
  • 0

I have spoken softly, gone my ways softly, all my days, as behoves one who has nothing to say, nowhere to go, and so nothing to gain by being seen or heard.

 

(Samuel Beckett, Malone Dies)


#67 slothrop

slothrop

    Enciclopedista

  • Redattore OndaRock
  • StellettaStellettaStellettaStellettaStellettaStellettaStelletta
  • 7338 Messaggi:

Inviato 11 giugno 2013 - 07:17


taku sugimoto - opposite
e' il lato che mi piace meno dell'EAI,


Chiedo conferma ai luminari: questo con la EAI propriamente detta non c'entra granché, no?


è difficile parlare di "propriamente" in questi settori, però in effetti "opposite" lo definirei un disco onkyo e non un disco di eai. La natura improvvisativa dei dischi in solo è, tra l'altro, sempre per lo meno "sospetta", specie quando sono così quieti. Tra l'altro Sugimoto dopo quei dischi lì ha intrapresa una strada di totale asciugamento del vibrato edel sentimentalismo, strada che l'ha portato a produrre una musica fatta di segnali morse intramezzati a lunghi minuti di silenzio. Un delirio, insomma, ma di fatto ha battezzato una nuova via, radicale, all'onkyo iper-riduzionista. Gli esempi migliori (molto meglio del sugimoto delirante) del solismo in quel senso sono i dischi in solo di yumiko tanaka e di masahiko okura.
  • 0

#68 reese

reese

    moriremo

  • Members
  • StellettaStellettaStellettaStellettaStellettaStelletta
  • 5669 Messaggi:

Inviato 13 giugno 2013 - 13:08

ecco, lunedi' c'e' John Tilbury al Cafe OTO e me lo perdo.

dei marginal consort cosa mi dite? sentito cose sparse e mi paiono validi - li vedro' a settembre nel loro concerto annuale, ma devo ancora ascoltarli per bene.

[m]http://www.youtube.com/watch?v=VM5zUuIAE8M&feature=player_embedded[/m]
  • 1

#69 slothrop

slothrop

    Enciclopedista

  • Redattore OndaRock
  • StellettaStellettaStellettaStellettaStellettaStellettaStelletta
  • 7338 Messaggi:

Inviato 13 giugno 2013 - 13:38

beh, io i Marginal li andrei a sentire, anche se mi pare non ci sia più Chie Mukai, di "buoni" sovrebbero essere rimasti Kazuo Imai e il pianista Tada. Loro sono un gruppo storico in realtà. Come Marginal Consort nascono negli anni '90 e mi pare abbiano solo due pubblicazioni all'attivo, una su Psf e un'altra enorme, tipo un quadruplo. Si tratta in realtà di una versione lievemente ridotta di quello che afine anni '70 furono gli East Bionic Symphonia, gruppo di allievi di Takehisa Kosugi, con un disco che secondo me supera in bellezza anche quelli dei Taj Mahal Travellers del maestro. Tutti i più importanti passarono anche nella formazione dei Marginal Consort. Uno di loro era il compianto Yasushi Ozawa, storico bassista dei Fushitsusha, uno dei migliori bassisti underground giapponesi di sempre.
  • 0

#70 paloz

paloz

    Poo-tee-weet?

  • Redattore OndaRock
  • StellettaStellettaStellettaStellettaStellettaStellettaStellettaStellettaStelletta
  • 22956 Messaggi:

Inviato 20 giugno 2013 - 21:24


ekkehard ehlers / joseph suchy / franz hautzinger ‎– soundchambers [x]


Spettacolare questo.

Qui c'è un thread vecchio simile. Ci sono anche un paio di suggerimenti.


Stando a RYM questo disco è capace di mettere d'accordo frankie (3,5 "quasi un capolavoro"), gigiriva (5) e gozer (5!). Qualcuno riesce a intuire come ciò sia possibile? Io no.
  • 0

I have spoken softly, gone my ways softly, all my days, as behoves one who has nothing to say, nowhere to go, and so nothing to gain by being seen or heard.

 

(Samuel Beckett, Malone Dies)


#71 Moontesquieu

Moontesquieu

    webmaster

  • Members
  • StellettaStellettaStellettaStellettaStellettaStelletta
  • 4472 Messaggi:
  • LocationLondra

Inviato 20 giugno 2013 - 21:42



ekkehard ehlers / joseph suchy / franz hautzinger ‎– soundchambers [x]


Spettacolare questo.

Qui c'è un thread vecchio simile. Ci sono anche un paio di suggerimenti.


Stando a RYM questo disco è capace di mettere d'accordo frankie (3,5 "quasi un capolavoro"), gigiriva (5) e gozer (5!). Qualcuno riesce a intuire come ciò sia possibile? Io no.


Probabilmente è un bel disco, vedo che anche starmelt gli assegna 4 stelline. Ora lo wishlisto.
  • 0

#72 slothrop

slothrop

    Enciclopedista

  • Redattore OndaRock
  • StellettaStellettaStellettaStellettaStellettaStellettaStelletta
  • 7338 Messaggi:

Inviato 21 giugno 2013 - 06:43

il link è a un vecchio thread pieno di nomi, non riesco a capire di che disco parlate
  • 0

#73 starmelt

starmelt

  • Members
  • StellettaStellettaStellettaStellettaStellettaStelletta
  • 4517 Messaggi:

Inviato 21 giugno 2013 - 07:23

Di ekkehard ehlers / joseph suchy / franz hautzinger ‎– soundchambers.


Bello ma non così bello anche Plays di Ehlers da solo. Profondo inchino per
[m]http://www.youtube.com/watch?v=srUXxnl9QVA[/m]

perché i Beatles restano i Beatles anche nell'avanguardia.
  • 0

#74 slothrop

slothrop

    Enciclopedista

  • Redattore OndaRock
  • StellettaStellettaStellettaStellettaStellettaStellettaStelletta
  • 7338 Messaggi:

Inviato 21 giugno 2013 - 10:07

ah, questo mi manca
  • 0

#75 slothrop

slothrop

    Enciclopedista

  • Redattore OndaRock
  • StellettaStellettaStellettaStellettaStellettaStellettaStelletta
  • 7338 Messaggi:

Inviato 21 giugno 2013 - 10:49

Questo pezzo di Ehlers è molto orchestrato, non è quindi una musica che io definirei "minimalista". Nulla di male sulle orchestrazioni, figuriamoci, ma secondo me in questo thread parliamo prevalentemente d'altro, e credo che il ricorso o meno alle orchestrazioni sia uno dei grandi dualismi delle musiche avant, specie di ambito ambient-minimalista. Tra i pochi autori di un certo "successo" che non ricorrono a nulla che si possa definire "orchestrazione" ci sono Kevin Drumm e Basinski, anche se devo ammettere che l'effetto dei Dsiintegration Loops alla lunga ha qualcosa di dolciastro e romanticoide. Per intenderci, per me si può parlare di orchestrazione o di arrangiamento, nel senso che intendo, persino nei lavori ambient di Leyland Kirby e in quelli di Tim Hecker. Siamo al limite, ovviamente, ma non è la "pura emulsione sonora" di cose come i dischi di Kevin Drumm e di Rafael Toral (e in un certo senso anche di Alan Licht, che è cmq una roba diversa), ed è pure una cosa piuttosto lontana dagli standard Erstwhile, che alla fine produce cose più ruvide.

Da questo punto di vista, non mi stupisce che il ricorso all'orchestrazione in un disco avant possa piacere sia a goz che a frankie. Però voglio ascoltare l'album in trio che dite, perchè uno come Franz Hautzinger normalmente è uno che concede ben poco agli arrangiamenti e alla bellezza in senso canonico, sono curioso.
  • 0

#76 starmelt

starmelt

  • Members
  • StellettaStellettaStellettaStellettaStellettaStelletta
  • 4517 Messaggi:

Inviato 21 giugno 2013 - 11:11

No d'accordissimo che non c'entra, è che ho una fissazione per questo pezzo (un semplice loop di cinque-sei secondi di Good Night dal disco bianco).
  • 0

#77 paloz

paloz

    Poo-tee-weet?

  • Redattore OndaRock
  • StellettaStellettaStellettaStellettaStellettaStellettaStellettaStellettaStelletta
  • 22956 Messaggi:

Inviato 21 giugno 2013 - 14:07

(un semplice loop di cinque-sei secondi di Good Night dal disco bianco).


Che è uno dei pezzi più wubbosi di sempre. :wub:
  • 0

I have spoken softly, gone my ways softly, all my days, as behoves one who has nothing to say, nowhere to go, and so nothing to gain by being seen or heard.

 

(Samuel Beckett, Malone Dies)


#78 mongodrone

mongodrone

    post-feudatario

  • Members
  • StellettaStellettaStellettaStellettaStellettaStellettaStelletta
  • 9845 Messaggi:

Inviato 22 giugno 2013 - 08:47


ekkehard ehlers / joseph suchy / franz hautzinger ‎– soundchambers [x]


Stando a RYM questo disco è capace di mettere d'accordo frankie (3,5 "quasi un capolavoro"), gigiriva (5) e gozer (5!). Qualcuno riesce a intuire come ciò sia possibile? Io no.


prima e ultima traccia (cioè quelle che incidono più sul voto asd) non sembrano male, nei 20 minuti tra l'una e l'altra invece :zzz:

3,5 ma con possibilità di salire a 4 ascoltandolo in cuffia in autobus ashd
  • 0

#79 starmelt

starmelt

  • Members
  • StellettaStellettaStellettaStellettaStellettaStelletta
  • 4517 Messaggi:

Inviato 22 giugno 2013 - 10:33

Dai 20 minuti in un disco avant-EAI equivalgono alla combo strofa+ritornello ripetuta una volta di troppo, che vuoi che sia. ashd
  • 0

#80 auslöschung

auslöschung

    internal bio-reverb

  • Moderators
  • 3098 Messaggi:

Inviato 12 agosto 2013 - 12:41

una bellissima iniziativa da parte di another timbre di eclissi autoriale.

-

http://www.youtube.com/watch?v=e0v9yDHLXFQ

christoph schiller - variations

http://www.youtube.com/watch?v=D6jbwTruyEk

anders dahl & skogen - rows


due cose belle, sempre another timbre, dopo coluccino - di cui si era già discusso - e la beuger
  • 0




0 utente(i) stanno leggendo questa discussione

0 utenti, 0 ospiti, 0 utenti anonimi

IPB Skin By Virteq