Vai al contenuto


Foto
* * * - - 10 Voti

Le migliori serie TV degli ultimi anni


  • Please log in to reply
6412 replies to this topic

#6401 Sandor

Sandor

    mainstream Star

  • Members
  • StellettaStellettaStellettaStellettaStelletta
  • 1912 Messaggi:

Inviato 10 August 2017 - 09:20 AM

I Coin annunciano la loro prima serie televisiva,su Netflix dal prossimo anno.

http://www.factmag.c...buster-scruggs/


  • 0

#6402 bosforo

bosforo

    无形

  • Members
  • StellettaStellettaStellettaStellettaStellettaStellettaStellettaStelletta
  • 16124 Messaggi:

Inviato 12 August 2017 - 20:18 PM

Flaked è una cagatina, dai
  • 0

#6403 cinemaniaco

cinemaniaco

    mainstream Star

  • Members
  • StellettaStellettaStellettaStellettaStelletta
  • 2278 Messaggi:

Inviato 13 August 2017 - 15:44 PM

MV5BMjQyNzYxOTMwN15BMl5BanBnXkFtZTgwMDU2

pilot davvero buono, non me lo aspettavo. a differenza di quasi tutti gli adattamenti king-iani - perlopiù su network commerciali o in film hollywoodiani - mantiene gli elementi più crudi in fatto di violenza e sesso, ed è molto affine allo spirito del libro. la caratterizzazione dei personaggi è fedele, in particolar modo scelta a dir poco ottima quella di brendan gleeson nei panni del protagonista. lo showrunner è un veterano della tv come david e. kelly e il regista della prima puntata è un altro nome noto come jack bender (sopranos, game of thrones, lost)

per chi non conoscesse il libro alla fonte, trattasi di una incursione più unica che rara di king nel thriller/detective story. il primo romanzo, appunto mr. mercedes, a mio giudizio è anche il migliore, i successivi li ho trovati più convenzionali e più "facili", con i tipici leitmotiv king-iani che tornano a fare capolino (insieme al soprannaturale). invece mr. mercedes resta davvero un unicum, anche nello stile. da notare come la trilogia del detective hodges sia credo l'opera più obamiana nel nostro, attraversata da quella speranza e da quell'ottimismo idealistico tipicamente americano di romanzo in romanzo (con il terzo fin troppo prono ad un politicamente corretto urticante ed una visione del mondo da candide liberal). concepita invece in questo particolare momento storico, la serie ha un mood molto più cupo, quasi da "revisionismo obamiano", indubbiamente certi temi visti con le suggestioni dell'oggi cambiano volto
  • 3

#6404 Duck

Duck

    Categnaccio

  • Members
  • StellettaStellettaStellettaStellettaStellettaStellettaStellettaStelletta
  • 15828 Messaggi:

Inviato 14 August 2017 - 21:14 PM

Comincio, con la consapevolezza di aver fatto una missione dell'arrivare in ritardo sulle serie tv, Big love.


  • 1

«Mister, possiamo lavorare sulle diagonali?», la richiesta di qualche giocatore. No, la risposta del tecnico. 

 

 


#6405 poo poo

poo poo

    Classic Rocker

  • Members
  • StellettaStellettaStellettaStellettaStellettaStelletta
  • 3148 Messaggi:

Inviato 17 August 2017 - 06:24 AM

Se anche voi non siete impazziti per BoJack Horseman mettete un dito più qui sotto.

 

Ne ho visto 15 episodi, sicuramente è carino, simpatico, molto ben fatto ma le sue possibilità comiche non vengono sfruttate appieno.

La genialata dell'antropomorfismo diventa presto puramente estetica con gag spesso sparute, messe in secondo piano e che servono solamente come raccordo tra le diverse scene. Le puntate dovrebbero esservi costruite attorno secondo me, come nell'episodio della foca Navy Seal. Tipo è possibile che il cane e il gatto non si siano ancora azzuffati?

 

Poi ok, come altre prodotti tipici della comicità at time of depression non deve far ridere ma solamente chuckle, ma il lato profondo della serie mi è venuto subito a noia, dato che la prognosi del malessere del protagonista è abbastanza immediata, quindi è tedioso vedere che ci girano attorno mentre ci girano attorno con sviluppi centellinati, ribadendo gli stessi comportamenti e senza nessun tipo di redenzione. Eclissare momenti topici della vita di BoJack non aiuta poi nell'empatia verso un personaggio già non molto accattivante di per sè.

 

Peccato, in alcuni momenti mi sono divertito molto, il mio personaggio preferito è Sarah Lynne altri invece li ho trovati a tratti molto pesanti (Todd su tutti).


  • -1

2017, poche poottanate


#6406 bosforo

bosforo

    无形

  • Members
  • StellettaStellettaStellettaStellettaStellettaStellettaStellettaStelletta
  • 16124 Messaggi:

Inviato 17 August 2017 - 12:10 PM

Se le gag fossero in primo piano sarebbe una stronzata di serie, dai
  • 2

#6407 Max Stirner

Max Stirner

    Scaruffiano

  • Members
  • StellettaStellettaStellettaStellettaStellettaStellettaStellettaStelletta
  • 12543 Messaggi:
  • LocationAci Trezza(CT)

Inviato 17 August 2017 - 13:52 PM

qualcuno ha visto the expanse?

ah ho visto glow e non mi ha detto molto...


  • 0
"Ho abituato i miei occhi al sangue." Georg Büchner


"Caedite eos! Novit enim Dominus qui sunt eius"

#6408 starmelt

starmelt

  • Members
  • StellettaStellettaStellettaStellettaStellettaStelletta
  • 4389 Messaggi:

Inviato 18 August 2017 - 08:19 AM

qualcuno ha visto the expanse?
ah ho visto glow e non mi ha detto molto...


ho visto la prima e ho scoperto poco fa che è già uscita la seconda. è guardabile, un minestrone sci-fi con un'ambientazione carina, una trama ok, effetti che variano da buono al ridicolo e troppi momenti non mi fido ma dobbiamo collaborare.

finita la serie mi era venuta voglia di leggere il libro da cui è tratta ma ho mollato l'idea appena ho scoperto che è una serie anche quella.


Blood Drive?

  • 1

#6409 cinemaniaco

cinemaniaco

    mainstream Star

  • Members
  • StellettaStellettaStellettaStellettaStelletta
  • 2278 Messaggi:

Inviato 19 August 2017 - 13:31 PM

MV5BZWNiMWNlZDktZTQwYy00NDU3LTg5MmMtNDQ2

io ho provato a buttarmi su slasher, serie horror canadese (qui già avevo iniziato a sentire puzza di bruciato) prodotta dal canale americano chiller ed arrivata in italia tramite netflix

da una serie che si intitola slasher non puoi che aspettarti la summa di tutti i cliché del genere. il problema è che è un prodotto persino più stupido dei film presi a modello. ho visto solo il pilot e non credo continuerò. davvero io sono uno di bocca buona, ho visto tutti i venerdì 13, i nightmare, gli halloween, ma questo slasher oltre ad essere parassitario replica malamente tutte le peggiori situazioni illogiche, forzate, stupide, paradossali tipiche dell'horror più burino e tirato via. insomma non siamo più negli anni 80 e neppure al cinema, è lecito aspettarsi uno sforzo maggiore. uno dice: almeno fatemi godere dal punto di vista della furia omicida. sciattissimi pure gli omicidi, fintissimi e con pochissime idee (l'assassino sega con il machete il braccio di una donna, ma si vede PALESEMENTE che il braccio è finto, si vede passare la luce attraverso! non so di che materiale fosse fatto, sta di fatto che una cosa così imbarazzante stento a ricordarmela)

manco come guilty pleasure funziona. se qualcuno però lo ha visto integralmente o è intenzionato a vederlo e riesce a convincermi a continuare, io sono qua, non aspetto che una parola di conforto ashd
  • 0

#6410 Lois

Lois

    - Dancing Queen -

  • Members
  • StellettaStellettaStellettaStellettaStellettaStelletta
  • 3843 Messaggi:
  • LocationSalento!

Inviato 19 August 2017 - 19:25 PM

Prossimo American Crime Story sull'omicidio di Versace.
Se l'avete già detto mi scuso, io l'ho scoperto poco fa
Nel cast Edgar Ramirez, Ricky Martin, Penelope Cruz (Versace, compagno, sorella)
Andrà in onda nel 2018

ew1472_14526126218.jpg?w=669
  • 0
ॐ मणि पद्मे हूँ

... perchè il voler bene non si compra, non si vende, non si impone con il coltello alla gola, nè si può evitare: il voler bene succede
(J. Amado - "Teresa Batista stanca di guerra")


This is my jam

... "Guys, I know Kung Fu" ...

#6411 simon

simon

    Enciclopedista

  • Members
  • StellettaStellettaStellettaStellettaStellettaStellettaStelletta
  • 9579 Messaggi:

Inviato 19 August 2017 - 22:56 PM

the walking dead senza ombra di dubbio, almeno per lo scrivente. siamo alla ottava stagione e sembra profilarsi una battaglia terrena di proporzioni anti cosmiche. ci sono stati momenti che i verbosi e i soloni della critica cibernetica hanno definito come filler, invece si è semplicemente fatto i conti con il tempo assiso nello spazio pervertito di una regia maculata di gore psichedelico.

 

the walking dead è troppo popolare per intellettuali o benpensanti di sinistra per tirarci giù un acrilico o un concimaio di proposizioni post moderne, chiassi e crassi balli neo filosofici: l'economia che va a farsi friggere, il comunismo non più tale ma comunarda anarchia post capitalista imbizzarita, etc. 

 

non ha grandi pretese artistiche è un cabaret gore a forte tinte drammaturgiche, ma riesce tutto sommato a condurre in porto la missione dell'intrattenimento assolutamente non scontato, come un feroce uragano e tempesta annessa nel miagolio dissacrato di questo fine agosto. personalmente amo il protagonista principale, fottutamente anti eroico e forse paranoide con polifemi di schizofrenia che avrebbero fatto faville nelle discoteche gay dell'ultimo Foucault, immiserito o elevato (dipende da te lettore mio) dalla disco losangelina più funk pervertita, tra popper e gaia innocenza miltoniana.

 

TP assolutamente non è una serie, o meglio è una teodicea, un primissimo piano sullo squarcio uterino spaziale di Fontana, e dunque è fuori catalogo, è liquido amniotico, mandala e nirvana senza nessun tipo di correttezza ed equilibrio socratico.

 

The Walking Dead invece ha una sceneggiatura talmente flessuosa, armonicamente flessuosa dal punto di vista economico, che potrebbero andare avanti fino alla prossima decade, ma sono tutti ampiamente sopra la quarantina e la vedo dura, nonostante filtri digitali, nuovi linguaggi sospesi nella ghiaccia del vuoto distopico e rintocchi ancora umanoidi. certo, la profilassi etica delle prime stagioni si è andata perdendo, adesso siamo veramente in una giungla anti etica o priva di pensiero che non sia l'azione diretta.

 

La tubercolosi di Caravaggio e il disagio post neurale di Kafka possono abitare TP, ma non abitano ovviamente TWD... ma non bisogna essere per forza e sempre, coraggiosamente unti dal linguaggio, dalla catalisi ergonomica della semiologia o dell'amore per il caso come necessità non logica.


  • 0

#6412 lazlotoz

lazlotoz

    Classic Rocker

  • Redattore OndaCinema
  • StellettaStellettaStellettaStellettaStellettaStelletta
  • 3129 Messaggi:

Inviato Ieri, 10:31 AM

 

 

 

 

Qualcuno ha visto lo spinoff di Top of the lake? Merita?

 

qual'e'?

oltre alla seconda stagione?

 

 

sì intendevo questa, l'ho vista come "totl: china girl" e credevo fosse uno spinoff.

Tu l'hai vista?

 

 

no, anzi devo ringraziare te per avermici portato l'attenzione. Comunque la guardero' sicuramente perche' la prima stagione mi e' piaciuta molto.

 

Vista la prima puntata. Da un lato l'amore per la Campion e il suo cinema trova l'ennesima conferma. È una delle migliori in circolazione a costruire certi dialoghi, certe atmosfere. Il tocco di umorismo che ha piazzato qui e là è ottimo.

 

Da capire bene, ma così a naso la coincidenza della figlia di Robin mi pare davvero esagerata. Vedremo come proseguirà.

 

 

Dopo la promozione del territorio neozelandese (e al suo lievissimo maschilismo), ora tocca all'Australia.  asd

 

Qualcuno continua.

Io non so bene, perché devo finirla e quella coincidenza di cui sopra continua a darmi problemi, e specie ora che son successe altre cose. Non so, dopo il morso (sto vago così non è da mettere in spoiler)... perché non si muovono?

Vabbè.

Per il resto mi pare eccellente. 

Oltre che inquietante a livelli rari per una serie. Comunque serie sconsigliata a chi ha problemi con la maternità.


  • 0

#6413 Giubbo

Giubbo

    Classic Rocker

  • Members
  • StellettaStellettaStellettaStellettaStellettaStelletta
  • 3570 Messaggi:

Inviato Oggi, 08:02 AM

p13884545_b_v8_ad.jpg

 

Bellina forte Glow.

Poco cagata qua e in generale, mi sembra. Peccato, perche' e' una commedia amara e asciutta, mirabilmente equilibrata nei toni e nei "messaggi". Molto piu' adulta e anti-retorica di quanto tema, trailer e poster mi facessero immaginare. Anche la ricostruzione dei soliti anni 80 e' molto meno paracula del preventivabile, se ne vede anche il lato squallido e reazionario.

Ecco, in questo caso sono d'accordo sulla superiorita' della tv sul cinema, una commedia cosi' amabile non la vedevo da secoli.

 

Alison Brie (che ho realizzato fosse lei a meta' della prima puntata :mellow:) spero si sia trasformata cosi' per interpretare il personaggio e non perche' stia davvero invecchiando cosi' male. Bravissima comunque.

 

grandissimo Tom, con questo post mi hai spinto a vedere una serie che, basandomi sul come viene presentata, non avrei mai guardato.

 

e invece l'ho vista in 2 giorni tutta d'un fiato (vabbè, sono 10 puntate da 30 minuti).

 

credevo fosse una sciocchezza mezza comica mezza "volemose bene" che strizzasse l'occhio in modo parodistico, caricaturale e soprattutto senza personalità agli anni '80 (come il sopravvalutatissimo Stranger Things).

 

e invece mi sono trovato una bellissima vicenda dolceamara (sono queste le "dramedy"?), piena di personaggi sinceramente borderline, tutti in modo diverso tra loro, con i pratogonisti Ruth ed il regista Sam che titaneggiano sia come attori che come approfondimento psicologico dei personaggi.

 

tutte le wrestlers, il regista, persino il produttore, hanno un'anima punk tenerissima, per nulla sfrontata, ma che fa capire il contesto rispetto al mondo di appartenenza: ossia, il mondo dell'America anni '80 appare veramente appena accennato, ma capiamo come "è" paradossalmente guardando per contrasto i nostri personaggi borderline che impariamo subito ad amare nella aleggiante vivacità, amicizia, incompatibilità, apparente cinismo, ma in realtà grande cuore. 


  • 1




0 utente(i) stanno leggendo questa discussione

0 utenti, 0 ospiti, 0 utenti anonimi

IPB Skin By Virteq