Vai al contenuto


Foto
* * * * * 1 Voti

Dogtooth (Kynodontas)


  • Please log in to reply
18 replies to this topic

#1 verdoux

verdoux

    mainstream Star

  • Members
  • StellettaStellettaStellettaStellettaStelletta
  • 2771 Messaggi:

Inviato 03 febbraio 2010 - 09:58

Kynodontas

Un gran bel film, tosto, un vero pugno nello stomaco; degno vincitore di â??un certain regardâ? 2009, non ostante la concorrenza di un capolavoro come â??poliziotto, aggettivoâ? di  Corneliu Porumboiu; è lâ??opera prima prodotta e diretta dal giovane regista greco  Yorgos Lanthimos, che si discosta per contenuto e per stile dagli altri film greci recenti o meno recenti, che sono più o meno debitori del loro maestro Angelopoulos.
Trattasi di una black commedy quanto mai bizzarra e grottesca, cha fa ridere sì, ma solo fino ad un certo punto e che inquieta invece molto, nel profondo dellâ??animo, più per quanto sotteso che per quello lascia vedere sullo schermo.
Più che essere una metafora è un film che suggerisce metafore, tante metafore, così limpide ed evidenti che non obbligano lo spettatore a spremersi le meningi ed a distrarsi.
Ã? la storia di una famiglia, padre madre e tre figli adolescenti, due femmine ed un maschio, che da sempre vivono rinchiusi in una suntuosa villa con giardino, circondata da una staccionata invalicabile che non lascia vedere il mondo esterno, dalla quale può uscirne solo il padre, che fuori di casa si presenta come una persona normale, un agiato borghese titolare di una fabbrica di medie dimensioni; credo che sia il primo caso di una famiglia â?? stato in cui vigono le leggi volute dal padre, che ovviamente detiene tutti i poteri, batte moneta, dei non meglio identificati adesivi che si vincono ai giochi organizzati in famiglia, che non fa mancare nulla ai suoi, dalla istruzione, al divertimento, alle pratiche sportive, fino ad un controllato soddisfacimento dei bisogni sessuali, per i quali ricorre a Cristina, una guardia giurata di fiducia che è lâ??unico contatto del mondo esterno con la famiglia. Tutta lâ??informazione e la conoscenza relativa al mondo esterno è blindata e controllata e ne viene somministrata una realtà manipolata; tutto ciò che è scomodo viene distorto o censurato; si sa solo quello che il padre concede di sapere, nelle forme e nei modi da lui voluti, con la sua affabilità, col suo sorriso stampato e falso, (chissà perché mi ricorda qualcuno), che è solo una maschera che cela violenza e cattiveria. Non ci viene spiegato il perché di questa situazione né come sia nata, pare che sia così da sempre, che il mondo sia stato creato così; sarebbe riduttivo interpretare il film come satira sulla famiglia borghese, il film ha un respiro molto più ampio.
La vita si svolge con apparente normalità, pur nella goffaggine dei comportamenti e nella assurdità della situazione, dentro la placenta che secondo il padre dovrebbe proteggere i suoi cari dai batteri del male; ma poiché probabilmente ne siamo portatori fin dalla nascita, qualcosa di sgradito succede ugualmente; il tutto inizia dalla questione più delicata, la sessualità, che istiga in una delle figlie il desiderio di assaporare la conoscenza e produce la prima crepa; la repressione del padre è violenta e scomposta, ma inutile, ormai la voglia di conoscere si è insinuata e non può più essere repressa.
Lâ??intero film si svolge nella villa e nel parco annesso; dopo un inizio in cui ci si rende conto della situazione, ci si chiede come si potrà proseguire senza uscire da lì, ma una solida sceneggiatura consente lo sviluppo di una trama che procede per gags successive; non ci sono fasi di stanca o passaggi a vuoto, invenzioni sempre originali rinnovano lâ??interesse; lo stile scarno, la macchina da presa poco mobile, il grande schermo, il campo piatto e bidimensionale, la luminosità intensa conferiscono un senso di irrealtà e di straniamento; gli attori sono bravi, lâ??imitazione che una delle figlie fa di Rocky Balboa, visto in una videocassetta, è da antologia.

Non so se il film sarà distribuito in Italia ma merita di essere segnalato e se capita lâ??occasione consiglio di non lasciarselo sfuggire.

PS: Kynodontas significa dente canino e si trova sul web anche col titolo di Dogtooth.
  • 0

#2 ravintola

ravintola

    pesky skeleton

  • Members
  • StellettaStellettaStellettaStellettaStellettaStelletta
  • 3865 Messaggi:
  • LocationFirelink Shrine

Inviato 29 maggio 2010 - 13:21

mi e' piaciuto moltissimo.
Dopo il disorientamento iniziale (avevo scelto di non leggere nulla a riguardo) non ho potuto fare a meno di lasciarmi risucchiare dal vortice di pazzia di questo film. Pieno di inventiva, non molla mai il colpo.
Prove attoriali perfette da parte di tutto il cast.
Stupendi i colori, le luci, le inquadrature fisse.
Diverse le scene cult, dall'imitazione di Rocky Balboa menzionata da verdoux, a quella della danza fuori tempo durante la festa (la mia preferita in assoluto), alla caduta degli aereoplani. Anche certi dialoghi tipo "diro' a papa' che mi hai fatto leccare la tua tastiera" o "mamma ho trovato 2 zombie in giardino vuoi che li porto su?" o "vostra madre e' incinta di due gemelli e un cane" (che una donna possa partorire un cane sia visto come un fatto assolutamente normale dai 3 figli la dice lunga su che razza di insegnamento vige in quella casa). A proposito, il cane poi non e' mai arrivato a casa dopo il quinto stadio di addestramento, e la madre ha deciso di "non essere piu' incinta", ma sarei stato curioso di vedere come avrebbero inscenato l'arrivo di due nuovi fratelli e in che modo avrebbero usato il cane.
Un piccolo sistema totalitario casalingo. Inquietante, incredibile. Una sorpresa.
  • 0

¯\_(ツ)_/¯


#3 R I E N

R I E N

    El reaccionario auténtico

  • Members
  • StellettaStellettaStellettaStellettaStelletta
  • 2463 Messaggi:

Inviato 30 giugno 2010 - 14:18

Film molto interessante. Mi è piaciuta la regia assolutamente distaccata, che presenta gli eventi senza giudizio alcuno, ma semplicemente presentando dei fatti.
Ho letto un po' di recensioni su internet ed in una di queste si parlava di Kynodontas come di un film politico più che un film drammatico, ed in effetti come non riconoscere le istituzioni che tentano con il controllo dei media di condurre il popolo verso un bene fittizio e senza basi, riuscendo solo a produrre una società degenerata a cui sono costretti a far fronte, generando così un circolo vizioso.
  • 0
0scillations • RateYourMusic • aNobii • YouTube

#4 Stephen

Stephen

    Gatto disidratato

  • Members
  • StellettaStellettaStellettaStellettaStelletta
  • 2666 Messaggi:
  • LocationMêlée Island

Inviato 12 luglio 2010 - 22:31

"Film malattia". Guardarlo mi ha provocato malessere fisico.
L'esordiente Lanthimos si rifà al cinema lontano e distaccato di Haneke e di un certo Gus van Sant, ma registra un passo avanti non indifferente nella "freddezza d'esecuzione". Kynodontas è una pugnalata alle spalle, o meglio: tre colpi, diretti sui denti, sferrati con un peso da ginnastica.
Non so se si tratta di mera provocazione o di vero capolavoro, ma di sicuro da oggi in poi chiunque dovrà farci i conti.
Cito il dialogo, verso la mezz'ora, tra il padre ed il proprietario del canile, a mio parere vero fulcro della pellicola, ma non ancora citato - mi sembra.
Per ora, ragionando in termini di voti, dico 8+, ma un 8+ che tende a salire, fino ad un 9 ed oltre.

Ciao ;)
  • 0

a naso gogol scrive di pinocchio ma collodi et amo non si va da nessuna parte


... attenti a come parlate, il domeratore vi conta anche i peli del culo.


#5 William Blake

William Blake

    Titolista ufficiale

  • Redattore OndaCinema
  • StellettaStellettaStellettaStellettaStellettaStellettaStellettaStelletta
  • 14762 Messaggi:

Inviato 06 gennaio 2011 - 12:31

recensito su ondacinema: http://www.ondacinem...nsione/dogtooth
  • 0
Ho un aspetto tremendo, e non bado a vestirmi bene o a essere attraente, perché non voglio che mi capiti di piacere a qualcuno. Minimizzo le mie qualità e metto in risalto i miei difetti. Eppure c'è lo stesso qualcuno a cui interesso: ne faccio tesoro e mi chiedo: "Che cosa avrò sbagliato?"

#6 sokurov

sokurov

    Bambino Adattato +

  • Redattore OndaCinema
  • StellettaStellettaStellettaStellettaStellettaStellettaStelletta
  • 9052 Messaggi:

Inviato 19 gennaio 2011 - 12:46

Il Big Bang della sintassi, della semantica, del comportamento interpersonale. Le sensazioni di malessere e stordimento non possono essere aggirate in questo film primordiale e metaforico, esempio concreto di alienazione, incomunicabilità e indirizzata con prepotenza alla vita sociale, capace di plasmare (come il gel regalato da Christina alla figlia maggiore) emozioni/gesti/azioni. L'unica speranza sembra essere il cinema, primo (ed unico) metodo per poter interagire con il mondo. Finale putrido e vivamente crudo. In sintesi, una pellicola terribilmente attuale.
Voto: 7,5
  • 0
All work and no play make Jack a dull boy All work and no play make Jack a dull boy All work and no play make Jack a dull boy All work and no play make Jack a dull boy All work and no play make Jack a dull boy All work and no play make Jack a dull boy All work and no play make Jack a dull boy All work and no play make Jack a dull boy All work and no play make Jack a dull boy All work and no play make Jack a dull boy All work and no play make Jack a dull boy All work and no play make Jack a dull boy All work and no play make Jack a dull boy All work and no play make Jack a dull boy All work and no play make Jack a dull boy All work and no play make Jack a dull boy All work and no play make Jack a dull boy All work and no play make Jack a dull boy All work and no play make Jack a dull boy All work and no play make Jack a dull boy All work and no play make Jack a dull boy All work and no play make Jack a dull boy All work and no play make Jack a dull boy All work and no play make Jack a dull boy All work and no play make Jack a dull boy All work and no play make Jack a dull boy All work and no play make Jack a dull boy All work and no play make Jack a dull boy All work and no play make Jack a dull boy

#7 xone89

xone89

    mainstream Star

  • Members
  • StellettaStellettaStellettaStellettaStelletta
  • 1109 Messaggi:

Inviato 31 gennaio 2011 - 11:04

Film stupendo, da tempo non vedevo qualcosa di così originale e inquietante, un vero e proprio horror sui generis che colpisce corpo e mente, stupisce in effetti che un opera così " razionalmente malata" e intransigente sia stato nominato agli oscar...
  • 0

#8 Çorkan

Çorkan

    Utente onicofago con ghiri in culo

  • Members
  • StellettaStellettaStellettaStellettaStellettaStellettaStelletta
  • 7752 Messaggi:
  • LocationBorgo San Lorenzo, Firenze

Inviato 01 febbraio 2011 - 16:22

Visto ieri sera. Veramente incredibile. Anche a me, come diceva Dedalus, alcune scene hanno provocato malessere (e svariati accidenti al regista).
Da sottolineare il lavoro maniacale sul linguaggio e sui dialoghi. Non c'è una parola che non s'incastri come la tessera d'un mosaico.
Voto: 8,5
  • 0
"La legge non dovrebbe imitare la natura, dovrebbe correggerla"

Dekalog 5

#9 nicholas_angel

nicholas_angel

    mainstream Star

  • Members
  • StellettaStellettaStellettaStellettaStelletta
  • 1616 Messaggi:

Inviato 22 febbraio 2011 - 15:02

Ho postato il mio intervento qui anche se sul film ci sarebbero da scrivere pagine e pagine, vedi il discorso sull'insegnamento/lavaggio del cervello da parte dei genitori che meriterebbe un discorso a sé -Zombie is a yellow flower-

http://www.filmforli...film.php?id=790
  • 0
Immagine inserita

#10 BlackiceLORDofSILENCE

BlackiceLORDofSILENCE

    Classic Rocker

  • Members
  • StellettaStellettaStellettaStellettaStellettaStelletta
  • 3036 Messaggi:

Inviato 04 marzo 2011 - 15:18

Mi è piaciuto abbastanza...
nel senso che l'idea è geniale ma mi sembra un po' spinta troppo..
Non spinta verso l'assurdo o verso l'eccesso, ma semplicemente verso la ripetizione, la serialità.
Forse è colpa del low-budget, forse di una regia molto (volutamente) statica e documentaristica ma, le idee, una meglio dell'altra, sembravano cedere sotto il peso della noia e del sonno.
Sicuramente me lo sono goduto, ma altrettanto sicuramente non allo stesso modo di un Niente da Nascondere o di un Funny Games.
  • 0
<a href="http://rateyourmusic...ofSILENCE"><img border=0 src="http://rateyourmusic...DofSILENCE.png" width=250 height=72></a>

http://rateyourmusic...ceLORDofSILENCE
http://www.anobii.com/people/moro/
http://www.lastfm.it...r/BlackiceLORD/

la mamma dei sottogeneri del metal è sempre incinta

Che poi Hitler è un personaggio così black metal... esteticamente impossibile non restarne colpiti. Stalin è più death-grindcore. Mussolini garage-punk, Mao invece è doom.


#11 neuro

neuro

    king (beyond the wall)

  • Redattore OndaCinema
  • StellettaStellettaStellettaStellettaStellettaStelletta
  • 3462 Messaggi:
  • Locationhttp://www.ondacinema.it/staff/scheda/alberto_mazzoni.html

Inviato 04 aprile 2012 - 21:42

gioiellino

se ricordo bene Schopenauer dice che se fossimo cherubini con le ali attaccate alla testa non saremmo in grado di conoscere il mondo perchè il mondo si conosce attraverso il corpo

quello che permette a The Eldest di conoscere è il corpo, quello di Christina, il proprio, quello ferito del fratello

ma come suggerito dalla bella recensione anche quello visto al cinema: il corpo martoriato di Rocky, quello delle vittime de Lo Squalo, quello che danza di Flashdance,

geniale la trovata del lessico, quella dell'aereo, quella del leccare, la mosca cieca - bellissime le luci spietate

anch'io a visione ultimata però stavo parecchio male e adesso a un pò di ore di distanza ci ripenso con inquietudine

domande che rivolgo a voi: ma dal film si capisce che caz è successo all'altro fratello? e la questione dei gemelli era vera o parte di una delle complesse bugie?
  • 0
apri apri, apri tutto!

#12 marz

marz

    in un romanticismo hegeliano

  • Members
  • StellettaStellettaStellettaStellettaStellettaStellettaStelletta
  • 6844 Messaggi:

Inviato 04 aprile 2012 - 21:51

il fratello forse non è mai esistito ed è un espediente che hanno creato i genitori per dire "visto che succede se si va fuori prima che caschi il dente canino..."

anche quella dei gemelli penso sia una complessa bugia. Ma parlare di bugia in quel film è quantomeno fuorviante perchè il film si regge tutto sull'assurdo, un grottesco quasi clinico oserei dire. Con quella fotografia dai colori bianchi e accecanti che mostra tutto. Ma quel "tutto" è distorto, cambiato e spiazzante

Film molto bello ma vero quanta inquietudine. Ricordo soprattutto che m'innamorai perdutamente della fotografia e ad oggi lo ritengo uno dei film con la più bella fotografia che abbia mai visto. Dovrei rivederlo però.
  • 0
Everybody needs a bosom for a pillow

#13 paloz

paloz

    Poo-tee-weet?

  • Redattore OndaRock
  • StellettaStellettaStellettaStellettaStellettaStellettaStellettaStellettaStelletta
  • 22580 Messaggi:

Inviato 04 aprile 2012 - 21:57

Scopro solo ora dell'esistenza di questo film, grazie a tutti per avermi incuriosito morbosamente. asd
  • 0

I have spoken softly, gone my ways softly, all my days, as behoves one who has nothing to say, nowhere to go, and so nothing to gain by being seen or heard.

 

(Samuel Beckett, â€œMalone Dies”)


#14 debaser

debaser

    utente stocazzo

  • Members
  • StellettaStellettaStellettaStellettaStellettaStellettaStellettaStellettaStelletta
  • 21798 Messaggi:

Inviato 04 aprile 2012 - 21:58

se vuoi te lo passo anche senza andare a bologna (vabè che per pasqua andrai giù)
  • 0

Codeste ambiguità, ridondanze e deficienze ricordano quelle che il dottor Franz Kuhn attribuisce a un'enciclopedia cinese che s'intitola Emporio celeste di conoscimenti benevoli. Nelle sue remote pagine è scritto che gli animali si dividono in (a) appartenenti all'Imperatore, (b) imbalsamati, c) ammaestrati, (d) lattonzoli, (e) sirene, (f) favolosi, (g) cani randagi, (h) inclusi in questa classificazione, (i) che s'agitano come pazzi, (j) innumerevoli, (k) disegnati con un pennello finissimo di pelo di cammello, (l) eccetera, (m) che hanno rotto il vaso, (n) che da lontano sembrano mosche.
 
non si dice, non si scrive solamente si favoleggia


#15 William Blake

William Blake

    Titolista ufficiale

  • Redattore OndaCinema
  • StellettaStellettaStellettaStellettaStellettaStellettaStellettaStelletta
  • 14762 Messaggi:

Inviato 06 aprile 2012 - 11:23



domande che rivolgo a voi: ma dal film si capisce che caz è successo all'altro fratello? e la questione dei gemelli era vera o parte di una delle complesse bugie?


il fratello non esisteva, dai. era una favola, come tutto il resto ;)
  • 0
Ho un aspetto tremendo, e non bado a vestirmi bene o a essere attraente, perché non voglio che mi capiti di piacere a qualcuno. Minimizzo le mie qualità e metto in risalto i miei difetti. Eppure c'è lo stesso qualcuno a cui interesso: ne faccio tesoro e mi chiedo: "Che cosa avrò sbagliato?"

#16 paloz

paloz

    Poo-tee-weet?

  • Redattore OndaRock
  • StellettaStellettaStellettaStellettaStellettaStellettaStellettaStellettaStelletta
  • 22580 Messaggi:

Inviato 06 aprile 2012 - 14:47

se vuoi te lo passo anche senza andare a bologna (vabè che per pasqua andrai giù)

Eheheh infatti già provveduto, sennò approfittavo. :)
  • 0

I have spoken softly, gone my ways softly, all my days, as behoves one who has nothing to say, nowhere to go, and so nothing to gain by being seen or heard.

 

(Samuel Beckett, â€œMalone Dies”)


#17 paloz

paloz

    Poo-tee-weet?

  • Redattore OndaRock
  • StellettaStellettaStellettaStellettaStellettaStellettaStellettaStellettaStelletta
  • 22580 Messaggi:

Inviato 17 aprile 2012 - 22:41

"Bello", uno di quei film tosti come piace a me. asd
Mi piacciono più che altro le messe in scena algide, sia come scelte registiche che come recitazione. L'orrore del film viene così rappresentato al meglio, lascia un forte senso di disagio attaccato alla pelle. Tuttavia comprendo quelli che invece lo hanno odiato.
  • 0

I have spoken softly, gone my ways softly, all my days, as behoves one who has nothing to say, nowhere to go, and so nothing to gain by being seen or heard.

 

(Samuel Beckett, â€œMalone Dies”)


#18 Fitzcarraldo

Fitzcarraldo

    Conquistatore delle cose inutili

  • Members
  • StellettaStellettaStellettaStellettaStellettaStelletta
  • 4144 Messaggi:

Inviato 18 aprile 2012 - 00:49

Sì, un film eccezionale che ti prende per le palle e ti shakera per bene, molto bella la recensione del nostro Blake che mi ha aperto le porte a questo regista straordinario e ingiustamente sconosciuto in Italia... quantomeno Ondacinema ha provato a rendergli omaggio nello speciale sui registi emergenti! Validissimi anche "Kinetta" e soprattutto "Alpeis" con cui porta alle estreme conseguenze ogni discorso che aveva intrapreso nei film precedenti.

C'è un bel circolo di artisti che in Grecia sta lavorando benissimo e per questo a chi è rimasto ben impressionato da Lanthimos consiglio anche la Tsangari di "Attenberg", stesso direttore della fotografia di "Dogtooth", Lanthimos presente come attore con la bellissima Ariane Labed protagonista. http://www.youtube.c...h?v=2582qyfXOSs
Molto più leggero, ma da tenere di buon occhio anche il lavoro di Tsitos, carina la sua "Akadimia Platonos" http://www.youtube.c...h?v=GUe1tGO6m88
  • 0

I'm too old for this shit


#19 pooneil

pooneil

    Classic Rocker

  • Members
  • StellettaStellettaStellettaStellettaStellettaStelletta
  • 4447 Messaggi:

Inviato 13 febbraio 2018 - 17:18

L'anno scorso Mary Tsoni, una delle due sorelle, si è suicidata:

 

https://movieplayer....dogtooth_50626/


  • 0




0 utente(i) stanno leggendo questa discussione

0 utenti, 0 ospiti, 0 utenti anonimi

IPB Skin By Virteq