Vai al contenuto


Foto
* * * * * 2 Voti

Il thriller all'italiana


  • Please log in to reply
60 replies to this topic

#61 Tom

Tom

  • Members
  • StellettaStellettaStellettaStellettaStellettaStellettaStellettaStelletta
  • 14127 Messaggi:

Inviato 27 ottobre 2020 - 16:46

4k12d7.gif

 

1979 Il filo e il labirinto
- Il sognatore, di Paolo Fondato
- Dietro la tenda scura, di Stefano Calanchi
- Sono già stato qui, di Nanni Fabbri
- L'armadio, di Biagio Proietti
 

Once Upon a Time in... RAI. In un certo senso il decennio thriller si concludeva con una delle ultime produzioni RAI in bianco e nero, "Il filo e il labirinto", miniserie antologica di quattro episodi sul paranormale, argomento allora molto in voga. Trasmessa a fine estate del '79, e' in effetti una serie che sprizza autunnalita' ad ogni fotogramma. La lezione di Argento & Co e' ben visibile (a cominciare dall'importanza dedicata al decor e all'arredamento), ma piu' che sulla suspense gli episodi puntavano su un'atmosfera angosciosamente malinconica, che per altro lascia ancora il segno, anche perche' le storie sono nerissime e senza speranza. Dagli anni 80 in poi diventera' inimmaginabile che la RAI produca roba nel segno di Kafka (Sono già stato qui) o del Bergman piu' nero (L'armadio). Lo stile e' quello degli sceneggiati anni 70, quindi attori di impostazione teatrale (tra cui qualche doppiatore storico), fotografia di classe, commenti musicali di alta scuola "library", un elegante grigiore borghese e un ritmo sonnambolico. Questi due ultimi elementi molti li trovano indigesti, io li trovo quasi poetici.

 

2.jpg

 

3.jpg

 

1.jpg


  • 4




0 utente(i) stanno leggendo questa discussione

0 utenti, 0 ospiti, 0 utenti anonimi

IPB Skin By Virteq